Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
ho perso il lavoro - Page 2
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    ho perso il lavoro

    Share

    Mr. wlg
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 3832
    Data d'iscrizione : 2010-03-10

    Re: ho perso il lavoro

    Post  Mr. wlg on Thu Feb 02, 2012 5:53 pm

    Ciao Salvatore

    so che non risolve il Tuo problema ma hai tutta la mia solidarietà

    Mi dispiace molto ma, hai la fortuna di essere molto giovane, vedrai che tra poco troverai sicuramente qualche impiego.

    Un abbraccio
    Silvio

    ispanico
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1077
    Data d'iscrizione : 2011-08-18
    Età : 54
    Località : Padova

    Re: ho perso il lavoro

    Post  ispanico on Thu Feb 02, 2012 6:42 pm



    La tua fortuna (nella sfiga) è proprio la carta d'identità.

    Cricetone
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 6589
    Data d'iscrizione : 2008-12-22
    Località : catanzaro

    Re: ho perso il lavoro

    Post  Cricetone on Thu Feb 02, 2012 8:56 pm

    io non mi abbatto,ma certo un pò di tristezza in sottofondo mi rimane,perchè ci sono rimasro veramente male,e questo non mi fa concentrare su nulla,inq uesti giorni non mi intrigherebbe neanche avere davanti miss universo! Sleep Vabbè almeno in questi giorni sto lavorando al nuovo sito di hifi shock! sunny


    _________________
     38.000+ foto dei circuiti interni di elettroniche e diffusori hifi, av e professionali.

    Cricetone
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 6589
    Data d'iscrizione : 2008-12-22
    Località : catanzaro

    Re: ho perso il lavoro

    Post  Cricetone on Thu Feb 02, 2012 9:01 pm

    ispanico wrote: La tua fortuna (nella sfiga) è proprio la carta d'identità.
    non l'ho capita!

    ispanico
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1077
    Data d'iscrizione : 2011-08-18
    Età : 54
    Località : Padova

    Re: ho perso il lavoro

    Post  ispanico on Fri Feb 03, 2012 12:00 am

    Salvatore....hai solo 25 anni per tua fortuna, vedrai che qualcos'altro spunta fuori, io che invece ne ho il doppio e sono nella tua stessa situazione voglio vedere quante possibilità mi restano.

    Camelia
    CG Artist

    Numero di messaggi : 1247
    Data d'iscrizione : 2008-12-24
    Età : 16
    Località : From Hell

    Re: ho perso il lavoro

    Post  Camelia on Fri Feb 03, 2012 12:58 am

    ispanico wrote: Salvatore....hai solo 25 anni per tua fortuna, vedrai che qualcos'altro spunta fuori, io che invece ne ho il doppio e sono nella tua stessa situazione voglio vedere quante possibilità mi restano.
    E sì, che se si va a guardare bene, l'impressione è quella che, nel mondo del lavoro, se hai superato i 30 sei da... ospizio!

    P.S.: voleva essere una battuta per sdrammatizzare ma in realtà fa venire i lacrimoni.


    _________________
    Camelia @}->---

    «I'm Still There with You...»  
    ... Never seen Someone Crazy?!? --->

    Camelia
    CG Artist

    Numero di messaggi : 1247
    Data d'iscrizione : 2008-12-24
    Età : 16
    Località : From Hell

    Re: ho perso il lavoro

    Post  Camelia on Fri Feb 03, 2012 1:37 am

    Salv.Scarfone wrote:io non mi abbatto,ma certo un pò di tristezza in sottofondo mi rimane,perchè ci sono rimasro veramente male,e questo non mi fa concentrare su nulla,inq uesti giorni non mi intrigherebbe neanche avere davanti miss universo! Sleep Vabbè almeno in questi giorni sto lavorando al nuovo sito di hifi shock! sunny
    Mi dispiace quello che è successo.
    Quello che ti posso dire e che l'unica cosa che potresti tentare è: trovare una tipografia e chiedere di vedere come si lavora e magari fare qualche lavoretto per loro per ripagare quello che ti "insegnano" ed eventualmente provare con la libera professione. Non so il tuo livello (ma a differenza di me hai studiato Grafica se non erro) poi potresti metterti un sito tuo.
    Cmq calcola che per la Grafica di qualunque tipo si finisce a dover andare all'Estero.
    __________________________

    La cosa peggiore di tutto quello che accade e la demotivazione o disincentivo per i giovani (ma anche per i non più tanto giovani) a continuare a darsi da fare.
    È orribile l'inerzia in cui ci spingono; ammazzano tutta la voglia di fare, creare, combattere per raggiungere. Troppo spesso ci si trova di fronte a un muro di gomma che non si può, per ovvi motivi, buttare giù.
    Io sono sempre stata una delle persone più entusiaste nel darmi da fare per gli altri ed è finito che troppo spesso sono stata messa sotto. Io continuo, ora lo faccio per me, con i miei disegni che però non saranno mai un lavoro ma almenonon mi sento "usata".
    Cmq sono convita che se avessi, adesso, più possibilità, mi butterei a capofitto, subito nuovamente (ora salute permettendo).

    E poi parliamoci chiaro, togliendo lavoro, togliendo guadagno, non fanno altro che togliere la Dignità alla Persona.
    La gente onesta se la passa veramente male di questi tempi. Monti quando dice che gli Italiani debbono sottostare alle ristrettezze, che è un Periodo difficile, non si rende conto che ci sono persone che non potevano vivere prima e che adesso non ce la possono fare.
    Le Persone che soffrono, sopportano stenti, sono quelle che non si lamentano. Che riflettesse su questo Monti e tutto il Governo.
    Se solo riuscissero ad aprire gli occhi, a guardare quello che è la Realtà; ma credo sia chiedere troppo a persone che pensano che quasi tutti siano come loro in Italia e solo gli immigrati stranieri stiano in condizioni di disagio.

    Permettetemi una riflessione per tutti:

    «Eppure, se solo si arrivasse ad ascoltare con il cuore, si potrebbe udire quanto atroce è l'Urlo che si leva dal "Silenzio"».

    Sembra un comizio ma non lo è; sono riflessioni che putroppo quelli che dovrebbero fare NON fanno.

    Un rigraziamento a quelli che mi hanno letta e uno a Salvatore per avermi dato lo spunto di scrivere alcune cose che "sentivo".

    P.S.: scusa Salvatore tu parli di Design (disegno mobili e accessori) quindi intendi fare un corso di 3DS Max????


    _________________
    Camelia @}->---

    «I'm Still There with You...»  
    ... Never seen Someone Crazy?!? --->

    fabiovob
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 7461
    Data d'iscrizione : 2009-10-01

    Re: ho perso il lavoro

    Post  fabiovob on Fri Feb 03, 2012 7:13 am

    In Italia dobbiamo cambiare mentalità nell'ambito del lavoro.
    Spesso, sottolineo spesso, e non sempre, i lavoratori assunti a tempo indeterminato subiscono un processo di auto disincentivazione in ambito lavorativo.
    Questo cosa significa? Che col tempo il lavoratore, una volta soddisfatte le necessità primarie, non ha più alcuno stimolo finalizzato al mantenimento del proprio lavoro, in pratica va al lavoro per effettuare il minimo possibile ed attendere lo stipendio a fine mese.

    Attualmente questo modo di pensare, decisamente assistenzialistico, non è più applicabile.
    La competitività cui sono state sempre sottoposte le imprese, ed attualmente ancora di più, impone scelte e strategie imprenditoriali sempre diverse, che si devono necessariamente basare su persone motivate, e pronte ad adeguarsi di volta in volta alle necessità del mercato.
    Invece, come già dicevo, accade che il lavoratore faccia da zavorra rispetto a queste strategie, ed invece di aiutare l'azienda la danneggia.

    L'imprenditore è stretto tra la morsa delle tasse, che sono sempre crescenti, i costi di produzione sempre maggiori, basta ricordare il costo dei carburanti, ed il costo del lavoratore che è attualmente ancora aumentato.
    I guadagni decisamente in questo sistema si assottigliano, se poi pensiamo anche ad una riduzione generale dei volumi di affari, la situazione si complica notevolmente.


    E' necessario a questo punto che al fine di aiutare i lavoratori, e le stesse imprese che li tengono sui libri paga si applichino delle scelte da parte dello stato che siano favorevoli all'imprenditoria.
    Ovvero, riduzione della pressione fiscale generale, e dei costi dei lavoratori,oggi su uno stipendio netto in busta paga di 1500 euro, l'azienda paga almeno altri 1200 euro di contributi allo stato.
    Questo riduce notevolmente la possibilità di poter aumentare gli strumenti di incentivazione economica da parte dell'azienda a favore dei lavoratori, inoltre dovrebbe essere permesso ai lavoratori dipendenti di poter detrarre almeno le spese relative ai costi di spostamento per il raggiungimento del posto di lavoro.

    A questo bisognerebbe permettere a tutti di detrarre buona parte dell'IVA sui costi dei beni e servizi acquistati.

    Questo tipo di impostazione ridurrebbe a valori minimi l'evasione fiscale, in quanto avverrebbe quello che si chiama il sistema di autocontrollo, ovvero tutto il sistema sarebbe incentivato a risparmiare, tutelando in maniera molto semplice le casse dello stato.
    Necessariamente dovrebbe affiancarsi una riduzione della pressione fiscale generale, bilanciata da una entrata praticamente a tappeto da parte di tutti i soggetti obbligati, e non solo a carico di quei pochi che normalmente ed onestamente pagano.

    In definitiva cosa accadrebbe, una spinta nuova all'economia con maggiore competitività delle imprese ed aumento del numero delle assunzioni, incentivazione dei lavoratori, sia a livello aziendale, che a livello fiscale, incremento delle entrate fiscali per lo stato.

    Questo sarebbe un serio rilancio dell'economia, che non si combatte con uno stato di polizia, dove si va a controllare col redditometro se ho i figli iscritti alla scuola privata.

    Ciò che invece credo avverrà, se aumenteranno ancora le tasse, sarà una maggiore evasione fiscale, una riduzione dei volumi di affari generali, e posti di lavoro sempre più a rischio anche a causa della riduzione dei consumi.


    Ma ancora una volta credo chi gli italiani non siano pronti ad azzardare tanto, e ad effettuare una svolta epocale che sarebbe una sfida per uscire da un sistema dove ormai respiriamo aria dosata giusto per tenerci in vita e non per correre i 100 metri.


    Salvatore come vedi non è colpa tua se non trovi lavoro, ma è colpa di un sistema antiquato, fuori mercato e non rispondente alle richieste della società attuale.

    Eppure è strano, la concorrenza straniera ci sta mettendo in ginocchio, e noi per combatterla cosa facciamo???
    Aumentiamo costi del lavoro, delle merci e tasse!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Avevamo proprio bisogno dei tecnocrati?


    Massimo
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 31502
    Data d'iscrizione : 2010-06-21
    Età : 61
    Località : Portici (NA)

    Re: ho perso il lavoro

    Post  Massimo on Fri Feb 03, 2012 10:32 pm

    Monti e company sono solo burattini mossi dal burattinaio.


    _________________
    Quando il dito indica la luna, l'imbecille guarda il dito

    ispanico
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1077
    Data d'iscrizione : 2011-08-18
    Età : 54
    Località : Padova

    Re: ho perso il lavoro

    Post  ispanico on Sat Feb 04, 2012 11:57 am

    Camelia wrote:
    E sì, che se si va a guardare bene, l'impressione è quella che, nel mondo del lavoro, se hai superato i 30 sei da... ospizio!

    P.S.: voleva essere una battuta per sdrammatizzare ma in realtà fa venire i lacrimoni.

    Purtroppo hai ragione Camelia, è come sentirsi emarginati t'assicuro. santa

    ispanico
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1077
    Data d'iscrizione : 2011-08-18
    Età : 54
    Località : Padova

    Re: ho perso il lavoro

    Post  ispanico on Sat Feb 04, 2012 12:00 pm

    Massimo wrote:Monti e company sono solo burattini mossi dal burattinaio.

    Ultimamente ho questa netta sensazione che cresce col passar dei giorni. Ma quanti burattini abbiamo in questo paese? Troppi !! Fosse per me

      Current date/time is Sun Dec 11, 2016 2:53 pm