Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
Diffusori bookself per impianto REGA - Page 2
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    Diffusori bookself per impianto REGA

    Share

    montanari
    Moderatore mercatino

    Numero di messaggi : 5858
    Data d'iscrizione : 2011-04-06

    Re: Diffusori bookself per impianto REGA

    Post  montanari on Sun Feb 19, 2012 12:24 am

    Testini Ugo wrote:

    Adesso che ho avuto tempo di fare le dovute prove, ho attaccato alle pareti le Opera, come erano alcuni anni fa in un altra mia abitazione, e le miei ricordi erano esatti, nessun rimbombo, sempre rapportando il diffusore all'ampli utilizzato, alla sua potenza ed a i cavi utilizzati, forse ad evitare questo fastidioso fenomeno è la tipologia della parete di fondo o, come dicevo, l'ottima base da me autocostruita che li isolano dallo scaffale, comunque nessuna controindicazione, sempre nettamente meglio di molti altri suoi contender dal reflex anteriore e definiti, non solo diffusori da stand, ma bookshelf, come l'ubicazione di chi ha indetto questo post richiederebbe.

    ugo mi dice gentilmente che tipo di parete o accorgimento hai dovuto adottare, io li ho messi su dei semplici stand (nordstone) e davvero così vicine alle pareti rimbombano, sarà anche la stanza piccola
    mi sembrano diffusori che necessitino di un pò di aria dietro e davanti (non propriamente nearfield, nonostante le loro caratteristiche)
    per ora ho un pò ovviato con dei pannelli in lana di roccia ad alta densità applicati ai tricorner ma nulla di eclatante
    ti chiedo questo perchè se riuscissi ad avvicinarle di più al muro posteriore mi tornerebbe di parecchio comodo
    l'amplificatore è valvolare da 35 W, il resto dell'impianto lo vedi nelle foto dei nostri impianti senza veli
    ciao grazie, daniele

    Cascata
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 19
    Data d'iscrizione : 2012-02-12

    Re: Diffusori bookself per impianto REGA

    Post  Cascata on Mon Feb 20, 2012 12:29 pm

    Ragazzi, in attesa di andare ad ascoltare le Opera, ho collegato il mio ampli REGA Brio R + CD Apollo R ad un paio ti TANOY SENSIS DC2 (che ho venduto ma che devono ancora venire a ritirare). Beh, vi diro', l'accoppiata non e' per niente felice: i bassi sono decisamente troppo in evidenza e il tutto e' molto sensibilie alla qualita' del cd audio.
    Ascoltando infatti il mio cd di Bocelli, in particolare le canzoni che ben conosco, la fruizione non e' stata ottimale come nel precedente impianto. A tratti ho avuto modo di ascoltare, in brani di altri cd, tipo colonne sonore dei films, o ancora con i Queen, con i Police (peggio che mai) e con la splendida Amy Stewart (cd Lady to Ladies), veramente delle differenti prestazioni soniche. Lo voci, come Bocelli o Amy Stewart, sono molto buone ma la gamma bassa esagerata rischia, in piu' di un'incisione, di mettere la voce in secondo piano e confonderla se la registrazione non e' fatta a dovere. Sicuramente questi diffusori non sono ok per questa catena di elettroniche ed il loro posizionamento non e' perfetto, ero' il risultato mi lascia moolto perplesso Sleep
    E' vero che sino ad ora l'impianto ha suonato al massimo 6 ore e, generalmente a volume decisamente contenuto, pero' vi assicuro che il risultato mi ha preoccupato. Ho capito che probabilmente le B&W ben si sposano con questa amplificazione (memore anche dell'ascolto con le 685) pero', ho capito anche, che non posso ascoltare solo le Opera Prima tanto piu' che, il negoziante gentilissimo che le ha in sala d'ascolto, mi ha confessato che al momento non ha altre alternative da sottopormi qualora andassi li per provarle con le mie elettroniche; vi capite che, se non fossi soddisfatto dopo che mi hanno approntato la sala d'ascolto, sarebbe brutto andarsene senza acquistare nulla (anche se pure per me spostarmi da casa ed andare in culonia non e' certo una passeggiata). Cosi', sto maturando l'idea di ascoltare piu' diffusori in un unico punto vendita acnhe se non trovero' le Opera.
    Voi che ne dite?

    Testini Ugo
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 2592
    Data d'iscrizione : 2011-03-17
    Età : 37
    Località : Mestre-Venezia

    Re: Diffusori bookself per impianto REGA

    Post  Testini Ugo on Mon Feb 20, 2012 3:45 pm

    Seconda me, soprattutto in un momento di crisi come questo, i negozi sono li proprio per far prove e far ascoltare i prodotti ai possibili acquirenti; non ha senso negarsi la possibilità di ascoltare le Opera perché poi devi uscire dal negozio a mani vuote per poi entrarne in un altro ad ascoltare dei contender, se mai, se ritorni poi convinto ad acquistare le Opera non farai altro che confermare la bontà di questi diffusori al loro rivenditore arrichendolo d'esperienza e di termini di paragone! Non devi quindi sentirti in imbarazzo, memorizza bene l'esperienza con le Opera e vai da altri rivenditori, e poi è un problema suo se in casa non ha alternative valide da stand, quindi dove aspettarsi comportamenti simili dai suoi possibili acquirenti.


    _________________
    Per primo credo al mio orecchio sugli accordi iniziali di:"You And Your Friend" da "On Every Street" 1991 Dire Straits e molto dopo ai grafici, alle publicità, ai mostri sacri dell'audio...Tutto Qui. Firmato il Guretto Deragliante. Ogni mio post, pensiero o parola è solo opera mia, in regime di SM (IMHO). Collaboratore Consound http://www.consound.it/

    Testini Ugo
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 2592
    Data d'iscrizione : 2011-03-17
    Età : 37
    Località : Mestre-Venezia

    Re: Diffusori bookself per impianto REGA

    Post  Testini Ugo on Mon Feb 20, 2012 3:57 pm

    A risposta poi sui miei accorgimenti sul posizionamento della Opera a scaffale: sono a circa 12 cm dalla parete, tra questa e le casse c'è un pannello Astri che inizia all'altezza della parte superiore della membrana del woofer, quindi comprende tutto il raggio d'azione del tw, cavi Xindak potenza bewiring, quindi economici e molto controllati ed asciutti; sotto una fetta di marmo alta 2,5 cm grande esattamente come la base d'appoggio dei diffusori e queste sono sospese su 3 punte ciascune di Audioselection a sua volta appoggianti su piattelli in graffite di Audiocostruzioni. In fine sopra le casse ci sono due risuonatori "Beak" di Totem, detto tutto ciò fate le vostre dovute considerazioni, comunque credo poi che i problemi di "rimbombo-rifrazione" menzionati siano proprio riconducibili all'amplificazione a tubi utilizzata, che si ricalca molta della produzione di Unison Research, casa madre dei diffusori Opera, e quindi scelta in teoria d'elezione, solo che per natura dona fascino ma anche questi fenomeni ambientali; per questo sarà ideale lo stato solido asciutto e veloce di Rega, in possesso all'autore di questo post.


    _________________
    Per primo credo al mio orecchio sugli accordi iniziali di:"You And Your Friend" da "On Every Street" 1991 Dire Straits e molto dopo ai grafici, alle publicità, ai mostri sacri dell'audio...Tutto Qui. Firmato il Guretto Deragliante. Ogni mio post, pensiero o parola è solo opera mia, in regime di SM (IMHO). Collaboratore Consound http://www.consound.it/

    montanari
    Moderatore mercatino

    Numero di messaggi : 5858
    Data d'iscrizione : 2011-04-06
    Età : 37
    Località : Morciano di R. - vespista

    Re: Diffusori bookself per impianto REGA

    Post  montanari on Tue Feb 21, 2012 12:17 pm

    allora Ugo, mi fan piacere questi confronti
    ho studiato un pò di acoustica, i pannelli astri che citi sono dei diffusori anche confrontandomi con professionisti del settore in genere vanno piazzati alle spalle del punto d'ascolto e non tra i diffusori..
    per asciugare le basse frequenze-rimbombi e riverberi- bisogna utilizzare delle bass traps da mettere negli angoli o tricorner, dove si generano appunti gli echi
    di solito in lana di roccia, più questa è densa più riesci a prevenire le basse frequenze e i rimbombi
    es: ho fatto un doppio strato da 90kg/mq 5+5cm +una piccola camera d'aria riesco ad arrivare a 20hz , se era meno densa asciugavo un pò le basse ma il problema del rimbombo rimaneva..
    cmq se tu ti trovi bene così, bon per te
    dimmi: i totem beak funzionano? qual'è la loro funzione?
    ho un ampli a valvole come descritto e in usufrutto un unico della unisonresearch tutto mosfets-prima serie- ebbene, con quest'ultimo il suono e senz'altro più chiuso e cupo, quindi penso anche e sopratutto dipenda dalla tipologia di valvole e preamplificatrici utilizzate, oltre che dal progetto dell'amplificatore caso per caso
    mi fan piacere questi confronti
    ciao, Daniele


    _________________
    le spese grosse le facevo per i vinili o se non sono in flac godi solo la metà

    Testini Ugo
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 2592
    Data d'iscrizione : 2011-03-17
    Età : 37
    Località : Mestre-Venezia

    Re: Diffusori bookself per impianto REGA

    Post  Testini Ugo on Tue Feb 21, 2012 2:14 pm

    montanari wrote:allora Ugo, mi fan piacere questi confronti
    ho studiato un pò di acoustica, i pannelli astri che citi sono dei diffusori anche confrontandomi con professionisti del settore in genere vanno piazzati alle spalle del punto d'ascolto e non tra i diffusori..
    per asciugare le basse frequenze-rimbombi e riverberi- bisogna utilizzare delle bass traps da mettere negli angoli o tricorner, dove si generano appunti gli echi
    di solito in lana di roccia, più questa è densa più riesci a prevenire le basse frequenze e i rimbombi
    es: ho fatto un doppio strato da 90kg/mq 5+5cm +una piccola camera d'aria riesco ad arrivare a 20hz , se era meno densa asciugavo un pò le basse ma il problema del rimbombo rimaneva..
    cmq se tu ti trovi bene così, bon per te
    dimmi: i totem beak funzionano? qual'è la loro funzione?
    ho un ampli a valvole come descritto e in usufrutto un unico della unisonresearch tutto mosfets-prima serie- ebbene, con quest'ultimo il suono e senz'altro più chiuso e cupo, quindi penso anche e sopratutto dipenda dalla tipologia di valvole e preamplificatrici utilizzate, oltre che dal progetto dell'amplificatore caso per caso
    mi fan piacere questi confronti
    ciao, Daniele

    Comunque i pannelli sono i nuovi Astri, non quelli con i "cubetti di polistirolo", hanno diverse sigle a seconda delle funzioni e comunque, come dici tu ho anche tube traps agli angoli, ma sono discretamente distanti e non credo siano così rilevanti, i benefici, secondo me, li ho avuti con i pannellini. I Beak alzano molto la scena sonora, allungandola ed evitandoi che "sbatta" subito sulla parete di fondo, vanno davvero bene con tutti quei diffusori che non hanno un cabinè pesantissimo in particolare con quelli da stand e con i due vie. Per quanto riguarda l'amplificazione è chiaro che tra tubi e tubi c'è diffrenza e che anche le amplificazioni ss di Unison sono c omunque calde e chiuse perchè è un pò quello in family sound, tant'è che ti dicevo che le ho collegate ad ampli ss, comunque non costosissimi, ma dall'impostazione più asciutta-analitica-veloce anche se non super wattati, come per l'appunto i Rega, e la resa è stata davvero ottima anche se vicine alle pareti ed in scaffale.


    _________________
    Per primo credo al mio orecchio sugli accordi iniziali di:"You And Your Friend" da "On Every Street" 1991 Dire Straits e molto dopo ai grafici, alle publicità, ai mostri sacri dell'audio...Tutto Qui. Firmato il Guretto Deragliante. Ogni mio post, pensiero o parola è solo opera mia, in regime di SM (IMHO). Collaboratore Consound http://www.consound.it/

    Cascata
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 19
    Data d'iscrizione : 2012-02-12

    Re: Diffusori bookself per impianto REGA

    Post  Cascata on Fri Feb 24, 2012 10:57 pm

    Scusate le mie continue domande ma nell'usato, fra i seguenti diffusori, cosa scegliereste in assoluto (senza considerare il prezzo e sempre in relazione alle mie elettroniche)?:

    proac studio 100
    sonus faber concerto 1' serie
    xavian evo 270

    Ultima considerazione: per il terzo e' un problema il fatto che sia una cassa chiusa?

    Grazie ancora.


    montanari
    Moderatore mercatino

    Numero di messaggi : 5858
    Data d'iscrizione : 2011-04-06
    Età : 37
    Località : Morciano di R. - vespista

    Re: Diffusori bookself per impianto REGA

    Post  montanari on Fri Feb 24, 2012 11:29 pm

    ma le sei poi andate a sentire le opera?

    delle ultime che citi ho ascoltao solo sonus faber concerto-molto simili alle opera prima, secondo me, forse un pò più chiuse

    cmq per metterle su scaffale ti potrebbero bastare anche le opera mezza, che trovi in superofferta perchè ormai un modello vecchio
    ha il reflex posteriore ma èpiccolo non è poi così fastidioso..
    le prima son di un altro livello, poi quello devi vedere te

    un altro modello molto valido e sempre simile sono le sonus faber minima, quasi un investimento
    però scusa se mi ripeto, su scaffale secondo me sono sprecate, per quel posizionamento bastano le mezza o perfette le royd che già ti ho detto
    magari sotto metterei delle punte..

    di dove sei?


    _________________
    le spese grosse le facevo per i vinili o se non sono in flac godi solo la metà

    Cascata
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 19
    Data d'iscrizione : 2012-02-12

    Re: Diffusori bookself per impianto REGA

    Post  Cascata on Fri Feb 24, 2012 11:46 pm

    Sono di Roma e sto influenzatissimo erg percio'.... niente ascolti per il momento se ne parlera' almeno fra 10 gg!
    Cmq, siccome io cerco di continuo e, nell'usato si trovano cose interessantissime anche in ottimo stato, ritenevo opportuno chiedere ancora sunny
    Poi, un amico, mi ha parlato molto bene di queso modello Sonus e delle Proac che, nei modelli un po' su di costo, sembrerebbe molto valida.
    Quindi, visto che sto uno schifo, sondo ancora Laughing

    montanari
    Moderatore mercatino

    Numero di messaggi : 5858
    Data d'iscrizione : 2011-04-06
    Età : 37
    Località : Morciano di R. - vespista

    Re: Diffusori bookself per impianto REGA

    Post  montanari on Fri Feb 24, 2012 11:56 pm

    sei di roma, perfetto: quando stai meglio prendi il tuo bel amplificatorino e vai da dimensione hi fi a sentire le royd, appoggiate su scaffale, a 10 cm dalla parete
    http://www.dimensionehifi.com/usato.html
    quando torni a casa, posta qualche impressione - sui medi sopratutto-ma messe così escono anche i bassi

    non comprarle, non subito!

    ancora devi andare ad ascoltare le opera-prima e/o mezza, le concertino etc etc
    mi raccomando: posiziona sempre come a casa, in una stanza simile a quella che hai a casa

    poi scegli, con cognizione di causa e l'orecchio un pò più allenato
    nel frattempo goditi la musica! anche in cuffia se vuoi!

    miao


    _________________
    le spese grosse le facevo per i vinili o se non sono in flac godi solo la metà

    Cascata
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 19
    Data d'iscrizione : 2012-02-12

    Re: Diffusori bookself per impianto REGA

    Post  Cascata on Mon Mar 05, 2012 9:55 pm

    Allora, ho ascoltato le Opera Prima da Stereomuch, certo hanno storto un po' la faccia quando ho ricordato loro che non avrei acquistato ma solo valutato cmq, dopo un po' di esitazione, mi hanno condotto alla sala d'ascolto e mi hanno montato le Opera Prima. Tralasciando il lato estetico che non discuto neanche (sono decisamente belle), il lato audio non mi ha esaltato per nulla: non male il tweeter, ma non eccezionale, appena sufficiente il woofer. Ora, sicuramente su di un mobile si irrobustirebbe la gamma bassa, tuttavia quello che mi ha perplesso e' stata la mancanza di alcune informazioni sonore, invece riprodotte sulle mie Tannoy Sensys DC2 (sempre pilotate dalle elettroniche Rega.Per esempio in "Who wnts to live for ever" dei Queen, alcune rullate di batteria o alcuni colpi di martelletto (credo) erano ridicoli, snaturati. Nel brano "Innuendo", sempre dei Queen", le cose sono andate meglio ma, come sempre, ho percepito chiaramente alcune informazioni sonore come.. quasi mancanti o male espresse, mentre ero abituato a sentirle. Non fraintendetemi,non pretendo la profondita' di o l'impatto di diffusori di ben altro litraggio, ma, cacchio la presenza si! Cmq le ho ascoltate circa 20 min - al max - con i brani che ritenevo maggiormente utili al mio scopo conoscitivo, tra i quali "Every breath You take" dei Police, qualcosa di Amy Stweart e Bocelli. L'ampli ed il cd, in generale, si devono ancora rodare bene, ma oramai, cominciano ad essere maturi e, cmq, li ho fatti scaldare per piu di 2 ore ad u 1/4 del volume prima di portarli al negozio. Aggiungo che come cavi di potenza c'erano dei Van de Hul (si scrive cosi'?) di 4mm quadrati di sezione (se non erro) e come segnale c'era il mio cavo decisamente vecchioto Monster cable, pagato circa L. 70000 nel 1996, cavi di alimentazione, decisamente esagerati, del negoziante. Parlando con quest'ultimo, sono stato consigliato ad acquistare altri cavi di segnale, cavi di potenza (circa 25 euro / mt) ed una ciabatta eletrica per il filtraggio della corrente(e mi ha detto che avrebbe cercato lui la fase ???), cosi', a sua detta, il suono sarebbe decollato in qualita'. Io credo a queste migliorie fino ad un certo punto e non in questo caso, anche perche', gia' c'erano degli accorgimenti importanti nel setup della sala d'ascolto come tende, cavi di alimentazione esagerati ecc... Ho chiesto allora cosa pensasse delle Proac e me ne ha parlato un gran bene ma mi ha detto che, se interessato, dovrei andare oltre le Studio 100, ovvero verso le Respose D (one o two), altrimenti, melio le Opera come rapporto qualita'/ prezzo.
    Che dire, ho deciso di alzare un po' il target di spesa (ma questa volta non potro' davvero andare oltre) a 1300-1400 euro anche per diffusori da scaffale usati. Semmai, in un secondo momento, pensero' ad acquistare dei supporti da utilizzare per quando vorro' godermi la musica anche con un posizionamento in ambiente migliore pe poi riporli quando non servono. Ragazza, colpite duro, non preoccupatevi, dite quelo che pensate e tirate soprattutto fuori qualche bel modello anche usato ma che suoni bene: a me piacevano le ESB serie 7000 a 4 vie degli anni '90, e mo l'ho detto!!!! cheers cheers cheers
    Ultima cosa: ho scoperto che il sistema Rega e' abbastanza rivelatore, quindi se la registrazione non e' molto buona, non perdona molto, soprattutto con le voci e le percussioni. Tra l'altro, ho notato che il sistema tende un po'a rinforzare la gamma bassa ed a portare avanti le voci... se non sbaglio.
    Grazie a tutti.

    marietto1950
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 314
    Data d'iscrizione : 2012-03-04
    Età : 66
    Località : Serenissima

    Re: Diffusori bookself per impianto REGA

    Post  marietto1950 on Tue Mar 06, 2012 2:12 pm

    Cascata wrote:Allora, ho ascoltato le Opera Prima da Stereomuch, certo hanno storto un po' la faccia quando ho ricordato loro che non avrei acquistato ma solo valutato cmq, dopo un po' di esitazione, mi hanno condotto alla sala d'ascolto e mi hanno montato le Opera Prima. Tralasciando il lato estetico che non discuto neanche (sono decisamente belle), il lato audio non mi ha esaltato per nulla: non male il tweeter, ma non eccezionale, appena sufficiente il woofer. Ora, sicuramente su di un mobile si irrobustirebbe la gamma bassa, tuttavia quello che mi ha perplesso e' stata la mancanza di alcune informazioni sonore, invece riprodotte sulle mie Tannoy Sensys DC2 (sempre pilotate dalle elettroniche Rega.Per esempio in "Who wnts to live for ever" dei Queen, alcune rullate di batteria o alcuni colpi di martelletto (credo) erano ridicoli, snaturati. Nel brano "Innuendo", sempre dei Queen", le cose sono andate meglio ma, come sempre, ho percepito chiaramente alcune informazioni sonore come.. quasi mancanti o male espresse, mentre ero abituato a sentirle. Non fraintendetemi,non pretendo la profondita' di o l'impatto di diffusori di ben altro litraggio, ma, cacchio la presenza si! Cmq le ho ascoltate circa 20 min - al max - con i brani che ritenevo maggiormente utili al mio scopo conoscitivo, tra i quali "Every breath You take" dei Police, qualcosa di Amy Stweart e Bocelli. L'ampli ed il cd, in generale, si devono ancora rodare bene, ma oramai, cominciano ad essere maturi e, cmq, li ho fatti scaldare per piu di 2 ore ad u 1/4 del volume prima di portarli al negozio. Aggiungo che come cavi di potenza c'erano dei Van de Hul (si scrive cosi'?) di 4mm quadrati di sezione (se non erro) e come segnale c'era il mio cavo decisamente vecchioto Monster cable, pagato circa L. 70000 nel 1996, cavi di alimentazione, decisamente esagerati, del negoziante. Parlando con quest'ultimo, sono stato consigliato ad acquistare altri cavi di segnale, cavi di potenza (circa 25 euro / mt) ed una ciabatta eletrica per il filtraggio della corrente(e mi ha detto che avrebbe cercato lui la fase ???), cosi', a sua detta, il suono sarebbe decollato in qualita'. Io credo a queste migliorie fino ad un certo punto e non in questo caso, anche perche', gia' c'erano degli accorgimenti importanti nel setup della sala d'ascolto come tende, cavi di alimentazione esagerati ecc... Ho chiesto allora cosa pensasse delle Proac e me ne ha parlato un gran bene ma mi ha detto che, se interessato, dovrei andare oltre le Studio 100, ovvero verso le Respose D (one o two), altrimenti, melio le Opera come rapporto qualita'/ prezzo.
    Che dire, ho deciso di alzare un po' il target di spesa (ma questa volta non potro' davvero andare oltre) a 1300-1400 euro anche per diffusori da scaffale usati. Semmai, in un secondo momento, pensero' ad acquistare dei supporti da utilizzare per quando vorro' godermi la musica anche con un posizionamento in ambiente migliore pe poi riporli quando non servono. Ragazza, colpite duro, non preoccupatevi, dite quelo che pensate e tirate soprattutto fuori qualche bel modello anche usato ma che suoni bene: a me piacevano le ESB serie 7000 a 4 vie degli anni '90, e mo l'ho detto!!!! cheers cheers cheers
    Ultima cosa: ho scoperto che il sistema Rega e' abbastanza rivelatore, quindi se la registrazione non e' molto buona, non perdona molto, soprattutto con le voci e le percussioni. Tra l'altro, ho notato che il sistema tende un po'a rinforzare la gamma bassa ed a portare avanti le voci... se non sbaglio.
    Grazie a tutti.

    Ho solo capito ora come si "quota" bene ed a cosa serve (maledetto computer!), comunque venendo a noi; io le ho avute le Opera Audio P. e non mi sembravano così male, anzi, al loro prezzo ho avuto difficoltà a trovare di meglio da quando ho reiniziato con l'audio. Chiaro non sono quanto di meglio, però detto da uno che può permettersi solo casse da stand come me, ti assicuro che sono stati circa mille Euro ben spesi.


    _________________
    Prima sento, poi compro.

    Catena in divenire........

    Cascata
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 19
    Data d'iscrizione : 2012-02-12

    Re: Diffusori bookself per impianto REGA

    Post  Cascata on Fri Mar 09, 2012 5:45 pm

    Ti ringrazio! No non sono affatto male come diffusori, soprattutto dopo aver meditato nuovamente gli aspetti positivi della prova d'ascolto e comparandola con altri diff., pero', neanche mi hanno esaltato come per molti sembra sia stato dopo una sessione d'ascolto.
    Una domanda aperta: ragazzi, scusate, ma e' una sensazione mia o prima che esprimessi le mie impressioni - poco entusiastiche - sulle Opera Prima, mi davate consigli partecipando attivamente alla discussione?
    Nessun suggerimento sulla base di quanto detto? Ne' per Proac, ne' per Xavian o altro usato ?

    montanari
    Moderatore mercatino

    Numero di messaggi : 5858
    Data d'iscrizione : 2011-04-06
    Età : 37
    Località : Morciano di R. - vespista

    Re: Diffusori bookself per impianto REGA

    Post  montanari on Fri Mar 09, 2012 5:54 pm

    una volta mi han detto:
    "rileggi tutti i post che i suggerimenti te li abbiam dati"
    era vero ma io avevo già deciso e cercavo conferme..


    _________________
    le spese grosse le facevo per i vinili o se non sono in flac godi solo la metà

    Cascata
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 19
    Data d'iscrizione : 2012-02-12

    Re: Diffusori bookself per impianto REGA

    Post  Cascata on Mon Mar 19, 2012 6:48 pm

    Come le vedete un paio di Aliante One Zeta con mio ampli e cd, vale la pena una sessione d'ascolto (senza considerare troppo il posizionament in ambiente, magari poi prenderò degli stand..)?
    La mia catena sarà insufficiente ? Considerate che, cmq, non potrò mai alzare troppo il volume in un condominio e, in ogni caso, la stanza non lo permetterebbe, però vorrei che uscisse un buon suono, dinamico, equilibrato, trasparente e godibile.

    GRAZIE.

    montanari
    Moderatore mercatino

    Numero di messaggi : 5858
    Data d'iscrizione : 2011-04-06
    Età : 37
    Località : Morciano di R. - vespista

    Re: Diffusori bookself per impianto REGA

    Post  montanari on Mon Mar 19, 2012 7:32 pm

    il mio modesto suggerimento è di goderti la musica e farti meno pippe!
    miaooo

    piuttosto con che ascolti ora?


    _________________
    le spese grosse le facevo per i vinili o se non sono in flac godi solo la metà

    Cascata
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 19
    Data d'iscrizione : 2012-02-12

    Re: Diffusori bookself per impianto REGA

    Post  Cascata on Mon Mar 19, 2012 10:43 pm

    Questo tuo intervento e' assolutamente fuori luogo - per la prima parte -, per il resto del messaggio non ascolto con un cavolo adesso, o meglio, a giorni si prendono le mie Tannoy Sensis DC-2 che col precedente impianto andavano bene ma, con questo, suonano male soprattutto con le voci (a volte graffianti e troppo in evidenza) ed i bassi, decisamente troppo gonfi, a prescindere dal posizionamento.
    Percio', sto cercando di affiancare diffusori che non mi deludano anche perche' li terro' chissa' per quanti anni.

    montanari
    Moderatore mercatino

    Numero di messaggi : 5858
    Data d'iscrizione : 2011-04-06
    Età : 37
    Località : Morciano di R. - vespista

    Re: Diffusori bookself per impianto REGA

    Post  montanari on Tue Mar 20, 2012 6:28 am

    per te:
    http://www.videohifimarket.com/auxpuces/topic.asp?ARCHIVE=&TOPIC_ID=123596
    e poi le metti su:
    http://www.videohifimarket.com/auxpuces/topic.asp?ARCHIVE=&TOPIC_ID=123769
    oppure se ti piacciono di più dei norstone che costano uguale

    poca spesa-tanta resa
    se non ti piacciono le rivendi e non ci perdi
    valle a sentire prima però-per quella cifra vale una gita fuori porta
    magari evitando spedizioni riesci pure a spuntare qualcosa sul prezzo


    _________________
    le spese grosse le facevo per i vinili o se non sono in flac godi solo la metà

    Cascata
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 19
    Data d'iscrizione : 2012-02-12

    Re: Diffusori bookself per impianto REGA

    Post  Cascata on Fri Mar 30, 2012 9:59 pm

    Acquistate delle Aliante One Zeta con con ogiva in rame in ottime condizioni, sono soddisfatto :woot: ... anche se il posizionamento abituale le castrera'.
    Tuttavia, piu' in la', acquistero' degli stand per poter posizionare queste casse come meritano (limiti della stanza permettendo) per quando vorro' godermi un buon ascolto, non come quando uno accende un po' di musica mentre si prepara prima di uscire per intenderci.
    Ho preso anche un paio di cavi Van Den Hul 102 MKIII Hybrid...... :D
    Nel tempo vedro' se il suono sara' abbastanza dolce o necessitera' di qualche correzione, ammesso che sia possibile.
    Una domanda: sotto i diffusori, che andranno come gia' detto su di un mobile alto circa 60-70cm, vorrei mettere dei piedini "Magic Dream", che ne dite? Se sono ok - anche se ovviamente i miracoli non esistono - quale versione dovrei prendere, visto che ce ne sono varie e non vorrei sprecare soldi?
    Grazie per i consigli.

    Cascata
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 19
    Data d'iscrizione : 2012-02-12

    Re: Diffusori bookself per impianto REGA

    Post  Cascata on Tue Apr 17, 2012 11:19 pm

    Aggiungo le ultime entry al mio impianto:
    - Piedini per diffusori: OEHLBACH Air Absorb (alti 16mm)
    - Cavi di segnale tra CD e Ampli: Van Den Hul 102 MKIII Hybrid
    - cavi di potenza: Atlas Hyper 2

    Avrei bisogno di sapere come comportarmi su un tema, ovvero la messa in fase dell'impianto e cmq quali accorgimenti servano per evitare un leggero ronzio che sento nei diffusori appena accendo l'ampli.
    Premetto che questo fenomeno, udibile se ci si avvicina, accade indipendentemente dagli ingressi collegati.

    Grazie sempre.

      Current date/time is Sun Dec 04, 2016 11:24 pm