Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
ambiente e ascolto
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    ambiente e ascolto

    Share

    aircooled
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 32292
    Data d'iscrizione : 2008-12-20
    Località : AIRTECHLANDIA

    ambiente e ascolto

    Post  aircooled on Mon Jan 05, 2009 5:22 pm

    l'ambiente in cui si ascolta è determinante per la resa dell'impianto, esso riesce a far danni su tutto lo spettro audio, all'interno dello stesso, il ruolo della parete posteriore è purtroppo sempre più spesso ignorato, eppure la parete posteriore partecipa attivamente alla corretta riproduzione della scena
    considerando queste cose, quale importanza sul suono secondo voi ha l'ambiente di ascolto?
    da 1 a 100 personalmente direi 99 affraid
    e voi?


    _________________

     
    il meglio va solo con il meglio e non è un caso

    la calunnia disdegna i mediocri e si afferra ai grandi
     

    non discutere mai con un idiota, ti trascina al suo livello e poi ti batte con l'esperienza - ricorda chi sa fa chi non sa insegna
     
    Showroom AIRTECH via XX Settembre 12 San Giuliano Terme PI cell 3393521936 fisso 050818821 dalle 16.00 alle 19.00 dal martedi al sabato
    mail bertini63@virgilio.it

    Il delfino di Air
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 3640
    Data d'iscrizione : 2008-12-21

    Re: ambiente e ascolto

    Post  Il delfino di Air on Mon Jan 05, 2009 7:43 pm

    secondo me è molto importante però purtroppo la mia esperienza non mi permette di esprimere un voto!

    Entity
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 111
    Data d'iscrizione : 2008-12-26

    Re: ambiente e ascolto

    Post  Entity on Tue Jan 06, 2009 9:04 am

    aircooled wrote:l'ambiente in cui si ascolta è determinante per la resa dell'impianto, esso riesce a far danni su tutto lo spettro audio, all'interno dello stesso, il ruolo della parete posteriore è purtroppo sempre più spesso ignorato, eppure la parete posteriore partecipa attivamente alla corretta riproduzione della scena
    considerando queste cose, quale importanza sul suono secondo voi ha l'ambiente di ascolto?
    da 1 a 100 personalmente direi 99 affraid
    e voi?

    Quotato in pieno..........anzi oserei dire il 100% Un errato ambiente d'ascolto vanifica qualsiasi impianto e spesso è molto più utile e conveniente intervenire sull'ambiente stesso piuttosto che nella sostituzione dei componenti della catena...


    Last edited by Entity on Tue Jan 06, 2009 11:36 am; edited 1 time in total

    piroGallo
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 6716
    Data d'iscrizione : 2008-12-23
    Località : tra Monferrato e Langa

    Re: ambiente e ascolto

    Post  piroGallo on Tue Jan 06, 2009 10:56 am

    aircooled wrote:l'ambiente in cui si ascolta è determinante per la resa dell'impianto, esso riesce a far danni su tutto lo spettro audio, all'interno dello stesso, il ruolo della parete posteriore è purtroppo sempre più spesso ignorato, eppure la parete posteriore partecipa attivamente alla corretta riproduzione della scena
    considerando queste cose, quale importanza sul suono secondo voi ha l'ambiente di ascolto?
    da 1 a 100 personalmente direi 99 affraid
    e voi?

    Consideriamo gli sforzi, anche economici, che vengono normalmente fatti per la sostituzione di apparecchi al fine di migliorare la qualità del suono percepito e di quanto, mediamente, tale suono migliora effettivamente.

    Ora consideriamo di quanto può migliorare la situazione all'ascolto con interventi riservati all'ambiente.

    Il rapporto è tale che l'indicatore da te proposto va oltre il 100.

    Se poi consideriamo il rapporto prezzo/prestazioni di un intervento di correzione attiva fatto con strumenti informatici correnti (non quindi soluzioni preconfezionate ed impacchettate che spingono il prodotto verso la zona degli apparecchi cosiddetti hi-end) tale indicatore sfiora quota 1000.

    affraid

    Gianni

    bobgitto
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1017
    Data d'iscrizione : 2008-12-22
    Età : 52
    Località : Grosseto

    Re: ambiente e ascolto

    Post  bobgitto on Tue Jan 06, 2009 12:44 pm

    Ho sentito l'impianto Audiogamma al TAV.
    Sulla carta avrei rapito le elettroniche Classè, ma all'ascolto non mi sono emozionato, neanche con i miei cd.
    Poi un giorno ho sentito le 800d in un ambiente curato con RPG.
    Tutta un'altra storia, senza nulla togliere alle elettroniche usate.
    Non solo, a conferma dell'effetto del trattamento acustico, Matley mi ha fatto spostare di circa mezzo metro, davanti alla porta al centro della parete retrostante. Fine della magia.
    Bravo Matley!
    Personalmente ritengo importante il trattamento ambientale, ma oggi le case sono sempre più minuscole e per quanto possa sembrare strano è meglio avere una stanza piccola ma dedicata che un ambiente condiviso per l'uso quotidiano della famiglia.
    Se riusciamo ad inventare un trattamento acustico esteticamente invisibile...diventiamo ricchi.

    petrus
    Senny Lover
    Senny Lover

    Numero di messaggi : 3718
    Data d'iscrizione : 2008-12-21

    Re: ambiente e ascolto

    Post  petrus on Tue Jan 06, 2009 3:11 pm

    bobgitto wrote:
    Non solo, a conferma dell'effetto del trattamento acustico, Matley mi ha fatto spostare di circa mezzo metro, davanti alla porta al centro della parete retrostante. Fine della magia.

    Conferma che i trattamenti che utilizziamo sono discreti ma inefficienti, un trattamento perfetto non ha assolutamente la caratteristica da te indicata, quasi come conferma della bontà del trattamento, di delocalizzare la scena spostandosi dal punto di scolto centrale, anche nel mio succede lo stesso, proprio perchè non disponendo di un ambiente dedicato non riesco a mettere in atto un trattamento adeguato.

    Ospite
    Guest

    Re: ambiente e ascolto

    Post  Ospite on Tue Jan 06, 2009 4:17 pm

    Si potrebbe partire dagli antipodi Air.….. Per esempio: Siamo sicuri che non ci siano differenze già tra una sala quadrata…una rettangolare….una con lati irregolari…ecc???
    Meglio alta più di 3 metri (come la mia) o bassa? E se c’è il controsoffitto di carton gesso, questo può migliorare o peggiorare il riverbero?
    Al di la delle forme ogni stanza ha una sua risonanza propria e singolare Inoltre, se l’energia di alcune frequenze aumenta deve necessariamente diminuire in qualche altro punto (un po come nella legge di compensazione). Le frequenze risonanti prendono energia alle frequenze che risonanti non sono e quindi acuiscono i problemi già esistenti.
    Cambiando la forma della stanza, spostando muri e pareti, le risonanze non scompaiono. Semplicemente si distribuiscono in altro modo. Quindi non c’è pianta di nessuna stanza che può impedire il sorgere di modi di risonanza. Una convinzione diffusa è quella secondo la quale una sala è migliore se ha pareti non parallele.
    Si tende inoltre a pensare che se una stanza avesse delle dimensioni “ideali” dove con questo termine si stabilisce, un rapporto definito tra le pareti il suono sarebbe ottimale.
    Si è cercato dunque di stabilire queste misure perfette di una sala… provando tra i vari rapporti dimensionali attraverso i quali le risonanze potessero essere meglio distribuite lungo tutto spettro audio. Si è pensato che siccome le risonanze esistono,si dovrà fare in modo che non farle stare molto vicine, e che dunque non possano sommare la loro energia nelle stesse aree di frequenze. La ricerca empirica sviluppatasi attorno ai migliori rapporti dimensionali ci hanno portato alla conclusione che una sala con forme perfettamente uguali, possa essere la più sconsigliata. Dove le risonanze sono uguali in lunghezza in larghezza, ed in altezza, le risonanze saranno di energia tripla.La stanza di forma rettangolare, sembra sia la migliore, quella a forma di L viene sconsigliata.


    Qualsiasi sia la stanza…..avrà comunque 2 tipi di problematiche :
    1-Risonanze
    2-Riflessioni.

    LE RISONANZE: In un ambiente chiuso l’energia della risonanza, in parte è assorbita dalle pareti ma in parte fuoriesce. Prima di andarsene però….resta per un periodo sufficiente a rendere problematica la riproduzione musicale. Questa residua energia poi, si distribuisce anche in modo affatto equilibrato, un po su tutte le frequenze ed in particolare su quelle aree che formano poi le risonanze tipiche degli ambienti chiusi. Questo tipo di fenomeno resta altamente deleterio per l’equilibrio tonale, mentre in termini di articolazione si viene a creare ciò che ci piace chiamare il rimbombo…(o eco alle volte). In una sala di riproduzione i diffusori dovrebbero trovare posto lontano dagli angoli delle pareti. Da qui sicuramente vanno a stimolare in maniera minore non tutte le risonanze della sala, ma sicuramente alcune. Se inoltre queste saranno ben spaziate, potrà dipendere anche dal posizionamento delle casse. Per di più le sale con muri non paralleli.
    Non hanno (come si pensava) alcuna azione risolutiva sull’acustica. Anzi…essendo asimmetrica, potrà creare problema di stereofonia. Qualsiasi sala quindi ha delle sue risonanze. La disposizione dei diffusori diventa quindi importante. Non conta la dimensione della sala a mio avviso…ma la possibilità di poter posizionare le casse in modo consono e non “obbligato”. Parlando quindi di misure…quella migliore in una stanza risulta essere quella dove poter svariare di molto, inerentemente alla possibilità del libero posizionamento dei diffusori, con la conseguente ricerca della miglior distribuzione dell’energia delle risonanze citata ad inizio articolo. Individuando queste sarà anche più facile poter predisporre le “trappole acustiche” dei normali accorgimenti. Le trappole modificano la forma delle risonanze in una sale. Ridonano articolazione alle frequenze risonanti ed una buona energia alle frequenze che non sono risonanti.

    LE RIFLESSIONI :
    Queste possono essere di varie tipologie : Non tutte sono dannose.
    Cominciamo……..dalla fine: Il suono parte da un diffusore e giunge al nostro orecchio. Allo stesso tempo il suono va a riflettersi su di una parete comunque per giungere al nostro orecchio con un certo ritardo rispetto al primo genere di suono appena citato. Questo poi, se lo consideriamo riflesso da più pareti, giungerà con un ritardo più considerevole. Ampliando la sala…ed aumentando le pareti o la loro superficie, il ritardo sarà ancor più “ritardato”….Fino a divenire (ma questo è quasi un eccesso) una forma di eco. Di questi 4 fenomeni, 2 sono positivi e 2 sono negativi. .Il primo (il suono che giunge all’orecchio) . Il secondo (suono che giunge con leggero ritardo), sono positivi. Il terzo (suono con notevole ritardo) è spiacevole, così come il quarto (fenomeno eco). Le riflessioni cosidette” precoci” sono negative quelle invece situate fra queste appena dette e quelle che danno vita all’eco sono invece positive. I tuttologi in questo caso ci spiegano che le riflessioni che giungono al nostro orecchio con un ritardo al di sotto dei 20/25 millisecondi. (le prime) disturbano pesantemente la stereofonia del suono diretto. La stereofonia come detto altrove è mera illusione, o comunque non reale. Ricordate??? Le note uguali che giungono in tempi diversi al nostro cervello e che vengono elaborate come un terzo suono…bene. Il suono emesso da due diffusori che stanno uno da un lato e uno da un altro della nostra testa,viene elaborato dunque nello stesso modo. Se l’intensità di tale suono è lo stesso emesso dai diffusori allora quel suono sembrerà arrivare dal punto di mezzo delle 2 casse. Ma se uno dei due diffusori suona leggermente più forte,o meno intenso dell’altro, il fenomeno si ripete. E’ tutto qui…per modo di dire, il gioco della stereofonia. Possiamo però pensare che l’energia del suono riflesso che giunge all’ascoltatore con il “ritardo” prima citato dei 20/25 millisecondi rompe questi equilibri e e manda a monte il binomio stereofonia/diffusori. Tutte queste riflessioni sono deleterie. Ritardi maggiori di questo, creano invece delle positività per colui che ascolta, in quanto creano quel fenomeno che va sotto il nome di ambienza.(dove abbiamo una debita costruzione dello spazio ed un miglio equilibrio sull’equilibrio tonale).L’optimum, sarebbe trasmutare le riflessioni deleterie, facendole possibilmente non scomparire…ma farle ugualmente arrivare alle nostre orecchie con un ritardo maggiore. Tale da ricreare le condizioni appena citate.
    Ed è qui che intervengono i rimedi acustici ambientali. Oltre alle più ovvie soluzioni (divani,tappeti,tende,librerie…) queste in generale dovrebbero in buona sostanza soddisfare la richiesta dell’ambiente. Sommare dunque 2 azioni: 1-Assorbimento 2- Diffusione. Si dice (nei tecnicismi) che ad esempio i divani possono riducono l’intensità delle medie frequenze delle riflessioni precoci . Come riferitomi a conferma poco tempo fa nel corso di una velocissima seduta di ascolto con diffusori molto impegnativi e critici…….Aiiiiiirrrrrrrrrrrrr!!!!!!!!!!!!!!!!!! mi veniva fatta notare l’importanza basilare della simmetria dei diffusori rispetto all’ambiente e al punto di d’ascolto .Inoltre equidistanza tra i diffusori stessi, a ancora distanza….di questi dalle pareti laterali. Magari qui però non si parla di sale di ascolto allestite in normali appartamenti (dove il 90% di noi tiene il proprio impianto), ma vere e proprie sale di ascolto.
    Se infatti uno dei 2 diffusori è più vicino della’altro alla parete laterale ad esso, è evidente che il suono che in origine ha la stessa intensità arriverò invece in anticipo e con maggior intensità dal lato del diffusore più vicino alla parete. La “stereofonia” elaborata dal nostro cervello ci farà quindi pensare che il suono arriva prima dal lato sinistro che dal destro. Questo l’ho notato anche in modo diverso. All’esatto centro tra i due diffusori c’erano 3 poltroncine. Ovviamente solo la poltroncina di mezzo era posta nel centro esatto del punto di ascolto. Le altre 2 una a sinistra e l’altra a destra si discostavano seppur di poco (10/15 cm al massimo). Ebbene… Anche spostandosi di questi 15 centimetri, il suono giungeva evidentemente diverso. L’ unico altro posto in cui la percezione era simile all’ascolto eseguito nella poltroncina di mezzo….era esattamente fatto, stando in piedi dietro però…la poltroncina posta nel mezzo. Inoltre. Se a destra del diffusore posto a destra rispetto al punto di ascolto, c’era la parete laterale (muro) alla sinistra del diffusore di sinistra, la parete era formata da un’ampia finestra. Qui ho potuto notare la resa in termini di profondità dell’immagine sonora nonchè la restituzione delle basse frequenze in modo non idoneo. E non per un difetto del diffusore di sinistra ovviamente……L’ideale disposizione in una stanza dovrebbe essere almeno a livello empirico la eguaglianza delle posizioni e delle suppellettili poste a destra e sinistra dei 2 diffusori.
    Dietro il punto d’ascolto, l’ideale sarebbe invece una tenda, o una libreria ampia per tutta la lunghezza e l’altezza della parete e…..a spaccare il pelo nell’uovo, con i libri posti con egual criterio. Quindi sempre la stessa intensità cartacea…a destra e sinistra del punto di ascolto. Tale punto viene quantificato alla distanza minima di un metro e mezzo dalla parete dietro le nostre spalle.Alle spalle dei diffusori invece, più spazio si ha e meglio è. Per sommi capi quindi…La sala d’ascolto dovrebbe avere i due diffusori posti in egual distanza sia dalle pareti loro retrostanti, e sia dalle loro pareti laterali. Equidistanza che deve essere rigorosamente rispettata anche rispetto a colui che ascolta. Avrete capito dunque che prima di ricorrere ad altre valide soluzioni, le poche norme da rispettare sono queste. Si potrebbero racchiudere in 2 sole parole: EQUILIBRIO ed EQUIDISTANZA.

    aircooled
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 32292
    Data d'iscrizione : 2008-12-20
    Località : AIRTECHLANDIA

    Re: ambiente e ascolto

    Post  aircooled on Tue Jan 06, 2009 4:24 pm



    _________________

     
    il meglio va solo con il meglio e non è un caso

    la calunnia disdegna i mediocri e si afferra ai grandi
     

    non discutere mai con un idiota, ti trascina al suo livello e poi ti batte con l'esperienza - ricorda chi sa fa chi non sa insegna
     
    Showroom AIRTECH via XX Settembre 12 San Giuliano Terme PI cell 3393521936 fisso 050818821 dalle 16.00 alle 19.00 dal martedi al sabato
    mail bertini63@virgilio.it

    Ospite
    Guest

    Re: ambiente e ascolto

    Post  Ospite on Tue Jan 06, 2009 4:26 pm

    te sei addormentato................. Sleep

    aircooled
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 32292
    Data d'iscrizione : 2008-12-20
    Località : AIRTECHLANDIA

    Re: ambiente e ascolto

    Post  aircooled on Tue Jan 06, 2009 4:27 pm

    no, sconvolto da cotanta disamina, non me lo aspettavo da te, uno svisceramento da paura, mi serve un pò di tempo per digerirlo e metabolizzare


    _________________

     
    il meglio va solo con il meglio e non è un caso

    la calunnia disdegna i mediocri e si afferra ai grandi
     

    non discutere mai con un idiota, ti trascina al suo livello e poi ti batte con l'esperienza - ricorda chi sa fa chi non sa insegna
     
    Showroom AIRTECH via XX Settembre 12 San Giuliano Terme PI cell 3393521936 fisso 050818821 dalle 16.00 alle 19.00 dal martedi al sabato
    mail bertini63@virgilio.it

    Ospite
    Guest

    Re: ambiente e ascolto

    Post  Ospite on Tue Jan 06, 2009 4:32 pm

    e quando sono serio......sono serio......quando cazzeggio, chiami l'Amministratore....

    Dragon
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8562
    Data d'iscrizione : 2008-12-23
    Età : 51
    Località : Pisa (Motociclista)

    Re: ambiente e ascolto

    Post  Dragon on Tue Jan 06, 2009 5:05 pm

    O Air!!! Ma allora un sei mai 'ontento!!!

    In effetti però Pavel,hai chiarito non poco le idee, ed a questo punto mi chiedo: esiste il modo di ottimizzare l'ascolto in qualsiasi ambiente,
    compatibilmente con quelle che sono le normali problematiche degli ambienti domestici?

    Non credete che non basti fare un disegno del proprio ambiente e mandarlo a questa o quella ditta, che ti mandarà il materiale da montare con tento di disegni, per ottimizzare acusticamente il nostro caro ambiente?

    Non credete che servirebbe un tecnico professionalmente ben preparato, per fare tutto ciò?
    Ed a questo punto chiedo: quanto costerebbe


    _________________
    Ai cavalli mettono i paraocchi...noi li abbiamo a corredo fin dalla nascita.

    aircooled
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 32292
    Data d'iscrizione : 2008-12-20
    Località : AIRTECHLANDIA

    Re: ambiente e ascolto

    Post  aircooled on Tue Jan 06, 2009 5:59 pm

    io sono abituato a stare con i piedi per terra e a non chiedere l'impossibile o quasi, la ditta che cerchi esiste, ma per i miracoli serve altro


    _________________

     
    il meglio va solo con il meglio e non è un caso

    la calunnia disdegna i mediocri e si afferra ai grandi
     

    non discutere mai con un idiota, ti trascina al suo livello e poi ti batte con l'esperienza - ricorda chi sa fa chi non sa insegna
     
    Showroom AIRTECH via XX Settembre 12 San Giuliano Terme PI cell 3393521936 fisso 050818821 dalle 16.00 alle 19.00 dal martedi al sabato
    mail bertini63@virgilio.it

    Dragon
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8562
    Data d'iscrizione : 2008-12-23
    Età : 51
    Località : Pisa (Motociclista)

    Re: ambiente e ascolto

    Post  Dragon on Tue Jan 06, 2009 10:09 pm

    Ecco, vedi? Dovremmo sapere cosa serve per fare miracoli


    _________________
    Ai cavalli mettono i paraocchi...noi li abbiamo a corredo fin dalla nascita.

    matley
    IL "pulcioso"
    IL

    Numero di messaggi : 17268
    Data d'iscrizione : 2008-12-21
    Età : 56
    Località : Colle Val D'Elsa

    Re: ambiente e ascolto

    Post  matley on Tue Jan 06, 2009 11:13 pm

    Dragon wrote:Ecco, vedi? Dovremmo sapere cosa serve per fare miracoli

    Un trattamento acustico a regola d'arte in una stanza dedicata.
    il che non è facile...
    però provarci.....


    _________________
     
     
    Non seguire una strada...."CREALA!



    "ma se i Cavi non ce-l'hai 'ndo vai..." ?



    Spoiler:
    https://i68.servimg.com/u/f68/13/38/17/01/pre_cj11.jpg

    matley
    IL "pulcioso"
    IL

    Numero di messaggi : 17268
    Data d'iscrizione : 2008-12-21
    Età : 56
    Località : Colle Val D'Elsa

    Re: ambiente e ascolto

    Post  matley on Tue Jan 06, 2009 11:23 pm

    petrus wrote:
    bobgitto wrote:
    Non solo, a conferma dell'effetto del trattamento acustico, Matley mi ha fatto spostare di circa mezzo metro, davanti alla porta al centro della parete retrostante. Fine della magia.

    Conferma che i trattamenti che utilizziamo sono discreti ma inefficienti, un trattamento perfetto non ha assolutamente la caratteristica da te indicata, quasi come conferma della bontà del trattamento, di delocalizzare la scena spostandosi dal punto di scolto centrale, anche nel mio succede lo stesso, proprio perchè non disponendo di un ambiente dedicato non riesco a mettere in atto un trattamento adeguato.

    esatto PETRUS infatti bob.. quando è venuto ad ascoltare l'impianto l'ambiente non era trattato!
    Da appassionato di riproduzione musicale ho la fortuna di avere una stanza (anche se piccola) dedicata all'ascolto.
    E con l'arrivo dell'RPG forse riuscirò ad eliminare certe dèfaillance...speriamo bene..


    _________________
     
     
    Non seguire una strada...."CREALA!



    "ma se i Cavi non ce-l'hai 'ndo vai..." ?



    Spoiler:
    https://i68.servimg.com/u/f68/13/38/17/01/pre_cj11.jpg

    petrus
    Senny Lover
    Senny Lover

    Numero di messaggi : 3718
    Data d'iscrizione : 2008-12-21

    Re: ambiente e ascolto

    Post  petrus on Wed Jan 07, 2009 9:06 am

    matley wrote:
    petrus wrote:
    bobgitto wrote:
    Non solo, a conferma dell'effetto del trattamento acustico, Matley mi ha fatto spostare di circa mezzo metro, davanti alla porta al centro della parete retrostante. Fine della magia.

    Conferma che i trattamenti che utilizziamo sono discreti ma inefficienti, un trattamento perfetto non ha assolutamente la caratteristica da te indicata, quasi come conferma della bontà del trattamento, di delocalizzare la scena spostandosi dal punto di scolto centrale, anche nel mio succede lo stesso, proprio perchè non disponendo di un ambiente dedicato non riesco a mettere in atto un trattamento adeguato.

    esatto PETRUS infatti bob.. quando è venuto ad ascoltare l'impianto l'ambiente non era trattato!
    Da appassionato di riproduzione musicale ho la fortuna di avere una stanza (anche se piccola) dedicata all'ascolto.
    E con l'arrivo dell'RPG forse riuscirò ad eliminare certe dèfaillance...speriamo bene..

    Guarda che, per come intendo io il trattamento, piccola è meglio che grande o grandissima, anzi più è grande e peggio è

    scherzi a parte, comunemente si confonde il trattamento acustico per gli ambienti dove si fà musica da quello necessario ad ambienti dove si riproduce musica

    Lorenzo

    Geronimo
    Self-Awareness
    Self-Awareness

    Numero di messaggi : 16083
    Data d'iscrizione : 2009-03-09

    Re: ambiente e ascolto

    Post  Geronimo on Sun Jun 26, 2011 2:20 pm

    A impianto ultimato mi dedicherò a qualche intervento ambientale mirato sunny


    _________________
    "Se cerchi il rilassamento mentale prova la meditazione sul respiro"(CLICCA QUI)

    "Sono il ponte fra quello che non sono mai stato e quello che non sarò mai"

    "Il mio impianto AUDIO ANALOGUE-AIRTECH-ADVENT"(CLICCA QUI)

    Fausto
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 5904
    Data d'iscrizione : 2010-10-09
    Età : 51
    Località : LAND OF HOPE AND DREAMS

    Re: ambiente e ascolto

    Post  Fausto on Sun Jun 26, 2011 3:12 pm

    Io ritengo che, come detto, l'ambiente d'ascolto abbia un'importanza fondamentale.
    Il voto, con tutto il rispetto, è tuttavia relativamente importante e sarebbe 100 se non fosse tenuto in considerazione un fattore determinate e cioè se l'ascolto avviene in ambiente dedicato oppure in ambiente domestico.
    Mentre nel primo caso si possono effettuare interventi mirati e specifici, nel secondo caso tutto si complica e l'estetica e la convivenza delle "attrezzature" nell'insieme non possono stravolgere la "sala".
    Per questo motivo, in tale situazione, un 80/90 potrebbe già essere un ottimo risultato.
    Ciao.
    sunny


    aircooled
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 32292
    Data d'iscrizione : 2008-12-20
    Località : AIRTECHLANDIA

    Re: ambiente e ascolto

    Post  aircooled on Sun Jun 26, 2011 3:14 pm

    spostando fino al 98%


    _________________

     
    il meglio va solo con il meglio e non è un caso

    la calunnia disdegna i mediocri e si afferra ai grandi
     

    non discutere mai con un idiota, ti trascina al suo livello e poi ti batte con l'esperienza - ricorda chi sa fa chi non sa insegna
     
    Showroom AIRTECH via XX Settembre 12 San Giuliano Terme PI cell 3393521936 fisso 050818821 dalle 16.00 alle 19.00 dal martedi al sabato
    mail bertini63@virgilio.it

    Fausto
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 5904
    Data d'iscrizione : 2010-10-09
    Età : 51
    Località : LAND OF HOPE AND DREAMS

    Re: ambiente e ascolto

    Post  Fausto on Sun Jun 26, 2011 3:23 pm

    aircooled wrote: spostando fino al 98%

    OK!
    Vedo su riviste, soprattutto estere, bellissime "attrezzature" che aiutano ad arredare.
    Bisognerebbe capire come funzionano e, l'ideale, sarebbe progettare tutto dall'inizio.
    Questo credo sia impossibile.
    Comunque ottenere risultati attorno al 90/95 in una sala dove tutto gioca attorno all'impianto è una bella soddisfazione anche per gli occhi!
    sunny sunny sunny

    Luca58
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8295
    Data d'iscrizione : 2009-07-15
    Località : Baracchina bianca

    Re: ambiente e ascolto

    Post  Luca58 on Mon Jun 27, 2011 1:15 am

    Mi permettete di andare controcorrente? Tutti d'accordo che gusto c'e'?

    Secondo me, l'ambiente e' importantissimo come sappiamo tutti, ma non e' in grado di far suonare bene un impianto scadente; viceversa, un impianto che potenzialmente suonerebbe come si deve resta menomato da un ambiente acustico difficile ma e' ancora in grado di farti innamorare.

    Quindi, sempre secondo me:

    1) le potenzialita' di un impianto si sentono anche in una stanza scadente acusticamente;

    2) prima scegliete l'impianto e poi portate al massimo la stanza, se proprio non vi basta la resa.


    _________________
    Keep your ears honest: Listen to live, unamplified music every week.

    matley
    IL "pulcioso"
    IL

    Numero di messaggi : 17268
    Data d'iscrizione : 2008-12-21
    Età : 56
    Località : Colle Val D'Elsa

    Re: ambiente e ascolto

    Post  matley on Mon Jun 27, 2011 2:32 am

    Luca58 wrote:
    1) le potenzialita' di un impianto si sentono anche in una stanza scadente acusticamente;

    2) prima scegliete l'impianto e poi portate al massimo la stanza, se proprio non vi basta la resa.


    1) ...

    2) ...

    3 ... venite al tempio...LUGLIO promette bene.. Laughing Laughing Laughing


    _________________
     
     
    Non seguire una strada...."CREALA!



    "ma se i Cavi non ce-l'hai 'ndo vai..." ?



    Spoiler:
    https://i68.servimg.com/u/f68/13/38/17/01/pre_cj11.jpg

    Massimo
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 31502
    Data d'iscrizione : 2010-06-21
    Età : 61
    Località : Portici (NA)

    Re: ambiente e ascolto

    Post  Massimo on Mon Jun 27, 2011 8:59 am

    matley wrote:
    ... venite al tempio...LUGLIO promette bene.. Laughing Laughing Laughing
    In quasi 1000 al tempio siam troppi Laughing Laughing Laughing


    _________________
    Quando il dito indica la luna, l'imbecille guarda il dito

    matley
    IL "pulcioso"
    IL

    Numero di messaggi : 17268
    Data d'iscrizione : 2008-12-21
    Età : 56
    Località : Colle Val D'Elsa

    Re: ambiente e ascolto

    Post  matley on Mon Jun 27, 2011 2:42 pm

    che fate lo sbarco?... santa


    _________________
     
     
    Non seguire una strada...."CREALA!



    "ma se i Cavi non ce-l'hai 'ndo vai..." ?



    Spoiler:
    https://i68.servimg.com/u/f68/13/38/17/01/pre_cj11.jpg

      Current date/time is Sat Dec 10, 2016 7:29 pm