Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
Domanda audiofila
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    Domanda audiofila

    Share

    zanzara
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 180
    Data d'iscrizione : 2008-12-20

    Domanda audiofila

    Post  zanzara on Mon Jan 05, 2009 5:32 pm

    Non è che l'anello + debole di qualsiasi catena audio sia il supporto su cui è registrata la musica? se cosi fosse, non è che gli impianti Hi-end sono sproporzionati per i limiti offerti dal software in circolazione ?
    A me è capitato di ascoltare 2 registrazioni dello stesso brano, una eccellente, e l'altra scadente, il salto di qualità tra la buona e la stessa meno buona è superiore a qualunque upgrade delle elettroniche, dei cavi , dei diffusori, dei complementi, ecc.
    che ne pensate?

    Ospite
    Guest

    Re: Domanda audiofila

    Post  Ospite on Mon Jan 05, 2009 5:44 pm

    pippolorosso wrote:Non è che l'anello + debole di qualsiasi catena audio sia il supporto su cui è registrata la musica? se cosi fosse, non è che gli impianti Hi-end sono sproporzionati per i limiti offerti dal software in circolazione ?
    A me è capitato di ascoltare 2 registrazioni dello stesso brano, una eccellente, e l'altra scadente, il salto di qualità tra la buona e la stessa meno buona è superiore a qualunque upgrade delle elettroniche, dei cavi , dei diffusori, dei complementi, ecc.
    che ne pensate?

    Penso che hai ragione....se la pasta è scotta, anche il miglior condimento non la renderà gradevole.

    erik rutan
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 782
    Data d'iscrizione : 2008-12-23
    Età : 44
    Località : roma ( motociclista )

    Re: Domanda audiofila

    Post  erik rutan on Mon Jan 05, 2009 5:49 pm

    ciao nonnopippolorosso !! io sono d'acccordo con quanto dici troppo spesso mi è capitato di ascoltare diverse ciofeche sia in cd che in vinile registrate con i piedi vanificando tutto ciò che sta a monte . Ma d'altronde il 90% dei fruitori della musica come è stato detto e ridetto la ascolta con le cuffiette da 10 euri via Mp3 o col compattone quindi .... Certo cosa gli costerebbe curare in pò più la qualità visto che sborsiamo non meno di 15 euro a cd ( con tutti i suoi limiti ) quando ci dice bene bah!! A volte mi domando già il cd ha delle pecche di suo, ma quanto potenziale sfruttiamo visto certe registrazioni pessime ? Parlo di musica commerciale ovviamente senza far riferimento ad etichette audiofile vedi Chesky, telarc, RR, etc... lì il discorso è diverso

    saluti

    zanzara
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 180
    Data d'iscrizione : 2008-12-20

    Re: Domanda audiofila

    Post  zanzara on Mon Jan 05, 2009 6:02 pm

    Ciao nipote, allora con grandi impianti solo superbe registrazioni? Peccato che a livello artistico poi le etichette esoteriche non siano un granche

    petrus
    Senny Lover
    Senny Lover

    Numero di messaggi : 3717
    Data d'iscrizione : 2008-12-21

    Re: Domanda audiofila

    Post  petrus on Tue Jan 06, 2009 1:28 pm

    pippolorosso wrote:Non è che l'anello + debole di qualsiasi catena audio sia il supporto su cui è registrata la musica? se cosi fosse, non è che gli impianti Hi-end sono sproporzionati per i limiti offerti dal software in circolazione ?
    A me è capitato di ascoltare 2 registrazioni dello stesso brano, una eccellente, e l'altra scadente, il salto di qualità tra la buona e la stessa meno buona è superiore a qualunque upgrade delle elettroniche, dei cavi , dei diffusori, dei complementi, ecc.
    che ne pensate?

    Un tempo anche io ero convinto sostenitore di questa tesi, oggi non più. Trascurando ovviamente il commerciale più banale e parlando del supporto a me più congeniale ho avuto modo di ricredermi per rendermi conto che nelle registrazioni, siano esse RCA DECCA DG o PHILIPS sono contenute una quantità tale di informazioni che i comuni impianti non sono assolutamente in grado di estrapolare e qualora ne fossero in grado, pur rimanendo una netta differenza tra un buon lavoro di ripresa e uno mediocre, ma anche quì il discorso si dovrebbe spostare più sulla tecnica usata che non sulla imperizia dei tecnici, i dischi tutti rivelano suoni di una bellezza inaudita e finalmente in grado di far aprrezzare la musica in essi contenuta.
    Lorenzo

      Current date/time is Sun Dec 04, 2016 11:08 am