Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
Soluzione ingegneristica
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    Soluzione ingegneristica

    Share

    Ospite
    Guest

    Soluzione ingegneristica

    Post  Ospite on Tue Sep 15, 2009 7:06 pm

    Se progettando un ampli integrato, si dovesse impiegare una circuitazione innovativa...... del tipo: Una totale assenza di qualsivoglia retroazione negativa,adottata in modo tale che viene posta in essere una soluzione che permette di compensare le NON linearità intrinseche dei dispositivi attivi, anziche attuare la solita...soluzione attuata da tutti, di correggere con le controreazioni (o retroazione negativa).Quest'ultima porta ad una caratterizzazione del suono NON naturale, ed in più determina una compressione della musica riprodotta.
    Con questo fine....quello cioè di ridurre ai minimi termini le manipolazioni del segnale musicale, tale circuito posto nell'ampli in oggetto, viene sviluppato su 2 stadi di amplificazione. Il primo, senza retroazione, con la sola finalità di amplificare in tensione. Il secondo, con un buffer di 6 mosfet la quale crea l'amplificazione in corrente.

    Tutto questo secondo voi, è possibile? e se si....che beneficio può apportare?

    aircooled
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 32292
    Data d'iscrizione : 2008-12-20
    Località : AIRTECHLANDIA

    Re: Soluzione ingegneristica

    Post  aircooled on Tue Sep 15, 2009 7:13 pm

    troverai sempre qualcuno che ti dice che quel sistema di controreazione non è altro che... appunto controreazione con unaltro nome


    _________________

     
    il meglio va solo con il meglio e non è un caso

    la calunnia disdegna i mediocri e si afferra ai grandi
     

    non discutere mai con un idiota, ti trascina al suo livello e poi ti batte con l'esperienza - ricorda chi sa fa chi non sa insegna
     
    Showroom AIRTECH via XX Settembre 12 San Giuliano Terme PI cell 3393521936 fisso 050818821 dalle 16.00 alle 19.00 dal martedi al sabato
    mail bertini63@virgilio.it

    Ospite
    Guest

    Re: Soluzione ingegneristica

    Post  Ospite on Tue Sep 15, 2009 7:27 pm

    aircooled wrote:troverai sempre qualcuno che ti dice che quel sistema di controreazione non è altro che... appunto controreazione con unaltro nome

    a prescindere dal fantomatico personaggio "dissacratore"....se questo fosse attuabile, TU che ne pensi?

    aircooled
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 32292
    Data d'iscrizione : 2008-12-20
    Località : AIRTECHLANDIA

    Re: Soluzione ingegneristica

    Post  aircooled on Tue Sep 15, 2009 7:30 pm

    che devo dire, le leggi della fisica dicono cose diverse, per adesso mi attengo a quelle, poi se qualcuno riesce... bene potremmo mandare in pensione i proff e avviarci tutti verso la nuova frontiera


    _________________

     
    il meglio va solo con il meglio e non è un caso

    la calunnia disdegna i mediocri e si afferra ai grandi
     

    non discutere mai con un idiota, ti trascina al suo livello e poi ti batte con l'esperienza - ricorda chi sa fa chi non sa insegna
     
    Showroom AIRTECH via XX Settembre 12 San Giuliano Terme PI cell 3393521936 fisso 050818821 dalle 16.00 alle 19.00 dal martedi al sabato
    mail bertini63@virgilio.it

    Ospite
    Guest

    Re: Soluzione ingegneristica

    Post  Ospite on Tue Sep 15, 2009 7:32 pm

    stai troppo "abbottonato"..... Suspect Suspect

    ...Dimenticavo....Aggiungi questi, allo stesso oggetto: condensatori Kendeil, 4 da 6800 microfarad per canale, per l’alimentazione dei finali, condensatori sul segnale Arcotronics MKP. Trasformatore Talema separato per i servizi.Uno avvolto custom per tutto quanto il resto.

    aircooled
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 32292
    Data d'iscrizione : 2008-12-20
    Località : AIRTECHLANDIA

    Re: Soluzione ingegneristica

    Post  aircooled on Tue Sep 15, 2009 9:02 pm

    a parte che non sono un ing elettronico poi dai informazioni .... non so è come chiedere cosa penso dell'inferno dopo che mi hai raccontato del giretto fatto da Dante
    allora diciamo che non amo i mosfet
    poi aggiungi i condenza con capacità che di solito stanno su un buon pre
    mi piazzi un trasf da stampato di produzione indiana
    mi parli di condenzatori sul segnale (spero sia un errore)
    trasf caston.. di che potenza?
    poi mi metti una foto dove vedo condenza ceramici, resistori all'1% standar, faston sui ponti
    rele in uscita che a giudicare dalle dimenziuoni stonno attorno agli 8amper se va bene
    connettori sull'uscita casse dei più economici in commercio
    idem per quelli di entrata, anche se li può avere un senso
    connettori sul trasf
    adesso mi fermo perche mi so rotto
    insomma se io fossi un ing avrei fatto cose diverse, ammenoche non volessi fare un qualcosa di economico? medio economico? buono ma con un occhio al risparmio? certo non un oggetto top
    ti basta?


    _________________

     
    il meglio va solo con il meglio e non è un caso

    la calunnia disdegna i mediocri e si afferra ai grandi
     

    non discutere mai con un idiota, ti trascina al suo livello e poi ti batte con l'esperienza - ricorda chi sa fa chi non sa insegna
     
    Showroom AIRTECH via XX Settembre 12 San Giuliano Terme PI cell 3393521936 fisso 050818821 dalle 16.00 alle 19.00 dal martedi al sabato
    mail bertini63@virgilio.it

    Ospite
    Guest

    Re: Soluzione ingegneristica

    Post  Ospite on Tue Sep 15, 2009 10:18 pm

    PAvel me pare che hai postato roba non NOVA
    S'è già visto e sentito

    Ospite
    Guest

    Re: Soluzione ingegneristica

    Post  Ospite on Tue Sep 15, 2009 10:42 pm

    e pure se è...USATO....sempre quello è!
    Chiedevo (e meno male che sei arrivato).....un oggetto così come secondo voi ad occhio e croce, suonerebbe....
    Ci sono le premesse per un bell'oggettino..............................o no?


    Last edited by pavel on Tue Sep 15, 2009 10:47 pm; edited 1 time in total

    Ospite
    Guest

    Re: Soluzione ingegneristica

    Post  Ospite on Tue Sep 15, 2009 10:45 pm

    aircooled wrote:a parte che non sono un ing elettronico poi dai informazioni .... non so è come chiedere cosa penso dell'inferno dopo che mi hai raccontato del giretto fatto da Dante
    allora diciamo che non amo i mosfet
    poi aggiungi i condenza con capacità che di solito stanno su un buon pre
    mi piazzi un trasf da stampato di produzione indiana
    mi parli di condenzatori sul segnale (spero sia un errore)
    trasf caston.. di che potenza?
    poi mi metti una foto dove vedo condenza ceramici, resistori all'1% standar, faston sui ponti
    rele in uscita che a giudicare dalle dimenziuoni stonno attorno agli 8amper se va bene
    connettori sull'uscita casse dei più economici in commercio
    idem per quelli di entrata, anche se li può avere un senso
    connettori sul trasf
    adesso mi fermo perche mi so rotto
    insomma se io fossi un ing avrei fatto cose diverse, ammenoche non volessi fare un qualcosa di economico? medio economico? buono ma con un occhio al risparmio? certo non un oggetto top
    ti basta?

    Senza condensa ceramici.....trasf.indiano invece che cinese....connettori economici....non ti piacciono i mosfet.......
    Tutto Ok. Anche la tua ultima considerazione: Ampli economico....

    krell2
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1594
    Data d'iscrizione : 2009-06-17
    Età : 66

    Re: Soluzione ingegneristica

    Post  krell2 on Wed Sep 16, 2009 12:01 am

    ho comprato il nova usato...
    con le magneplanar 1.6 non andava..
    i 150 w dichiarati..ma..
    rivenduto dopo una settimana..


    _________________
    http://salaantonio.altervista.org/

    aircooled
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 32292
    Data d'iscrizione : 2008-12-20
    Località : AIRTECHLANDIA

    Re: Soluzione ingegneristica

    Post  aircooled on Wed Sep 16, 2009 12:37 am

    Senza condensa ceramici.....trasf.indiano invece che cinese....connettori economici....non ti piacciono i mosfet.......
    Tutto Ok. Anche la tua ultima considerazione: Ampli economico....
    che cosera un test? o volevi semplicemente farmi dire brutte cose


    _________________

     
    il meglio va solo con il meglio e non è un caso

    la calunnia disdegna i mediocri e si afferra ai grandi
     

    non discutere mai con un idiota, ti trascina al suo livello e poi ti batte con l'esperienza - ricorda chi sa fa chi non sa insegna
     
    Showroom AIRTECH via XX Settembre 12 San Giuliano Terme PI cell 3393521936 fisso 050818821 dalle 16.00 alle 19.00 dal martedi al sabato
    mail bertini63@virgilio.it

    Ospite
    Guest

    Re: Soluzione ingegneristica

    Post  Ospite on Wed Sep 16, 2009 6:31 am

    Nessuna delle 2 cose Air......... Volevo solo sapere che idea ti eri fatto (non avendolo ascoltato) di un oggetto così... Con quelle premesse teoriche, e quelle poche nozioni tecniche che avevo scritto...

    Ospite
    Guest

    Re: Soluzione ingegneristica

    Post  Ospite on Wed Sep 16, 2009 6:35 am

    krell2 wrote:ho comprato il nova usato...
    con le magneplanar 1.6 non andava..
    i 150 w dichiarati..ma..
    rivenduto dopo una settimana..


    Ma, al di la dei 150 watt dichiarati.....musicalmente come ti è sembrato? C'è chi scrive che non abbia poi molto dettaglio, e che non sia proprio veloce. Seppur gli venga riconosciuta una certa dolcezza. Tu che idea ti sei fatto?

    krell2
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1594
    Data d'iscrizione : 2009-06-17
    Età : 66

    Re: Soluzione ingegneristica

    Post  krell2 on Wed Sep 16, 2009 9:19 am

    pavel wrote:
    krell2 wrote:ho comprato il nova usato...
    con le magneplanar 1.6 non andava..
    i 150 w dichiarati..ma..
    rivenduto dopo una settimana..


    Ma, al di la dei 150 watt dichiarati.....musicalmente come ti è sembrato? C'è chi scrive che non abbia poi molto dettaglio, e che non sia proprio veloce. Seppur gli venga riconosciuta una certa dolcezza. Tu che idea ti sei fatto?

    In quella settimana che l'ho provato,l'ho paragonato al revo 50 di Norma
    la grana è molto fine del Nova,ma il revo sfoderava una controllo e una energia nel medio basso sconosciuta al Nova.
    le voci avevano più spessore con il Norma.
    insomma un buon prodotto il Nova,anche per il prezzo,ma con le maggie...no..
    può darsi che con altri diffusori vada molto meglio.
    ho ancora in mente,il giorno che feci suonare le maggie con il maestro....


    _________________
    http://salaantonio.altervista.org/

    METAL-meccanico
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 280
    Data d'iscrizione : 2009-01-05
    Età : 43
    Località : Pisa

    Re: Soluzione ingegneristica

    Post  METAL-meccanico on Wed Sep 16, 2009 2:48 pm

    Salve,
    il progettista della Nova, tale Giovanni Arigò (mi sembra si chiami così), anni fa scrisse un paio di articoli su Costruire HiFi (numeri 20 e 41) nei quali descriveva il funzionamento sia dello stadio di tensione (sostanzialmente un "monostadio" formato da un fet con un carico attivo molto particolare, per di più cascode) che dello stadio di potenza a mosfet (una sorta di classe A dinamica, in cui lo stadio di corrente era flottante rispetto ai rail di alimentazione); credo che sul loro sito ci siano informazioni al riguardo; da parte mia ricordo che provai a lavorare su questo stadio di tensione ma senza cavare un ragno dal buco (cosa che di per se non ha molto significato).

    Marco

    P.S. Magari i suoi attuali prodotti sono un evoluzione di questi schemi (di principio), chissà...

    Ospite
    Guest

    Re: Soluzione ingegneristica

    Post  Ospite on Wed Sep 16, 2009 4:04 pm

    METAL-meccanico wrote:Salve,
    il progettista della Nova, tale Giovanni Arigò (mi sembra si chiami così), anni fa scrisse un paio di articoli su Costruire HiFi (numeri 20 e 41) nei quali descriveva il funzionamento sia dello stadio di tensione (sostanzialmente un "monostadio" formato da un fet con un carico attivo molto particolare, per di più cascode) che dello stadio di potenza a mosfet (una sorta di classe A dinamica, in cui lo stadio di corrente era flottante rispetto ai rail di alimentazione); credo che sul loro sito ci siano informazioni al riguardo; da parte mia ricordo che provai a lavorare su questo stadio di tensione ma senza cavare un ragno dal buco (cosa che di per se non ha molto significato).

    Marco

    P.S. Magari i suoi attuali prodotti sono un evoluzione di questi schemi (di principio), chissà...

    entro fine anno uscirà un nuovo ampli, più potente. Credo 180watt.

    Ospite
    Guest

    Re: Soluzione ingegneristica

    Post  Ospite on Wed Sep 16, 2009 4:05 pm

    krell2 wrote:
    pavel wrote:
    krell2 wrote:ho comprato il nova usato...
    con le magneplanar 1.6 non andava..
    i 150 w dichiarati..ma..
    rivenduto dopo una settimana..


    Ma, al di la dei 150 watt dichiarati.....musicalmente come ti è sembrato? C'è chi scrive che non abbia poi molto dettaglio, e che non sia proprio veloce. Seppur gli venga riconosciuta una certa dolcezza. Tu che idea ti sei fatto?

    In quella settimana che l'ho provato,l'ho paragonato al revo 50 di Norma
    la grana è molto fine del Nova,ma il revo sfoderava una controllo e una energia nel medio basso sconosciuta al Nova.
    le voci avevano più spessore con il Norma.
    insomma un buon prodotto il Nova,anche per il prezzo,ma con le maggie...no..
    può darsi che con altri diffusori vada molto meglio.
    ho ancora in mente,il giorno che feci suonare le maggie con il maestro....

    Mi stai dicendo che tra il revo 50 e il norma avresti preferito il Norma?

    krell2
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1594
    Data d'iscrizione : 2009-06-17
    Età : 66

    Re: Soluzione ingegneristica

    Post  krell2 on Wed Sep 16, 2009 4:06 pm

    pavel wrote:
    METAL-meccanico wrote:Salve,
    il progettista della Nova, tale Giovanni Arigò (mi sembra si chiami così), anni fa scrisse un paio di articoli su Costruire HiFi (numeri 20 e 41) nei quali descriveva il funzionamento sia dello stadio di tensione (sostanzialmente un "monostadio" formato da un fet con un carico attivo molto particolare, per di più cascode) che dello stadio di potenza a mosfet (una sorta di classe A dinamica, in cui lo stadio di corrente era flottante rispetto ai rail di alimentazione); credo che sul loro sito ci siano informazioni al riguardo; da parte mia ricordo che provai a lavorare su questo stadio di tensione ma senza cavare un ragno dal buco (cosa che di per se non ha molto significato).

    Marco

    P.S. Magari i suoi attuali prodotti sono un evoluzione di questi schemi (di principio), chissà...

    entro fine anno uscirà un nuovo ampli, più potente. Credo 180watt.

    L'importante che abbia un suono materico..e non leggero..


    _________________
    http://salaantonio.altervista.org/

    krell2
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1594
    Data d'iscrizione : 2009-06-17
    Età : 66

    Re: Soluzione ingegneristica

    Post  krell2 on Wed Sep 16, 2009 4:13 pm

    pavel wrote:
    krell2 wrote:
    pavel wrote:
    krell2 wrote:ho comprato il nova usato...
    con le magneplanar 1.6 non andava..
    i 150 w dichiarati..ma..
    rivenduto dopo una settimana..


    Ma, al di la dei 150 watt dichiarati.....musicalmente come ti è sembrato? C'è chi scrive che non abbia poi molto dettaglio, e che non sia proprio veloce. Seppur gli venga riconosciuta una certa dolcezza. Tu che idea ti sei fatto?

    In quella settimana che l'ho provato,l'ho paragonato al revo 50 di Norma
    la grana è molto fine del Nova,ma il revo sfoderava una controllo e una energia nel medio basso sconosciuta al Nova.
    le voci avevano più spessore con il Norma.
    insomma un buon prodotto il Nova,anche per il prezzo,ma con le maggie...no..
    può darsi che con altri diffusori vada molto meglio.
    ho ancora in mente,il giorno che feci suonare le maggie con il maestro....

    Mi stai dicendo che tra il revo 50 e il norma avresti preferito il Norma?

    intendi tra il nova e il revo 50?
    il revo con le maggie andava molto bene,meglio del nova.si.


    _________________
    http://salaantonio.altervista.org/

    Ospite
    Guest

    Re: Soluzione ingegneristica

    Post  Ospite on Wed Sep 16, 2009 4:13 pm

    Quindi..............se ricordo bene quello che ha scritto Air, al cospetto del conciliabolo tra un ipotetico prodotto con pochi watt ma buoni, e un oggetto con "il doppio dei watt" ma non buoni...............dove a spuntarla è spesso e comunque il prodotto con tanti watt.....alle volte fa delle crepe..

    Lo dico, perchè io stesso, non sono molto convinto del fatto che un oggettino da 50watt qualitativamente valido, esca con le ossa rotte con il solito bestione da 100 o 150 watt, messi li un po alla rinfusa.....

    Se mi dici che il Norma 50 al cospetto del Nova 150 suonava dignitosamente bene, tanto da farsi piacere di più.....

    krell2
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1594
    Data d'iscrizione : 2009-06-17
    Età : 66

    Re: Soluzione ingegneristica

    Post  krell2 on Wed Sep 16, 2009 4:19 pm

    Il revo 50 me l'ho prestò il mio amico che fino a pochi mesi fà era rivenditore NORMA.
    adesso purtroppo ha chiuso il negozio
    propio perchè non ero convinto del suono del Nova,andai in negozio e mi portai a casa il revo 50
    i primi giorni di convivenza ero abbastanza soddisfatto del nova,ma passate le prime euforie...hai hai..
    sia il nova che il revo e ipa 100,montano gli stessi mosfet.


    _________________
    http://salaantonio.altervista.org/

    Ospite
    Guest

    Re: Soluzione ingegneristica

    Post  Ospite on Wed Sep 16, 2009 4:30 pm

    Io non ho ascoltato ne l'uno ne l'altro. Anzi.....conosco un po la filosofia Norma, essendo stato questo uno dei miei primi ampli. Ma parlo di tanti anni fa... Poi non li ho mai + sentiti, fino a due anni fa al Roma Hi End dove li sentii con le MBL e i cavi Cableless.... Ad essere sinceri non hanno creato in me questo entusiasmo. Dato comunque dal fatto che a me i diffusori MBL, non piacciono........ Ma sono convinto che un cinquantino, può farsi apprezzare più di un 150 watt, se ha classe e bontà. Se poi subentra il discorso di pilotaggio dei diffusori il discorso prende una piega diversa, ma in generale spesso ho avuto questa impressione.
    Al Roma hi end c'era un ampli AAVT da 30watt, elaborato da Calabrese che le dava di santa ragione a bestioni da 100 e passa watt....

    krell2
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1594
    Data d'iscrizione : 2009-06-17
    Età : 66

    Re: Soluzione ingegneristica

    Post  krell2 on Wed Sep 16, 2009 4:33 pm

    è propio questo il punto.
    il revo era molto piacevole ,ti invogliava ad alzare il volume...
    è infatti un paio di volte con le maggie si è spento.


    _________________
    http://salaantonio.altervista.org/

    aircooled
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 32292
    Data d'iscrizione : 2008-12-20
    Località : AIRTECHLANDIA

    Re: Soluzione ingegneristica

    Post  aircooled on Wed Sep 16, 2009 4:47 pm

    Quindi..............se ricordo bene quello che ha scritto Air, al cospetto del conciliabolo tra un ipotetico prodotto con pochi watt ma buoni, e un oggetto con "il doppio dei watt" ma non buoni...............dove a spuntarla è spesso e comunque il prodotto con tanti watt.....alle volte fa delle crepe..
    dunque
    tra un 50W e 150W
    se la qualità è simile il 150 si magna il 50 a colazione in virtù del dato potenza
    tra un 50W e un 150W
    se il dislivello qualitativo e tanto e è ha favore del 50W.. il 50 W se magna il muscoloso 150W a colazione in barba alla potenza


    _________________

     
    il meglio va solo con il meglio e non è un caso

    la calunnia disdegna i mediocri e si afferra ai grandi
     

    non discutere mai con un idiota, ti trascina al suo livello e poi ti batte con l'esperienza - ricorda chi sa fa chi non sa insegna
     
    Showroom AIRTECH via XX Settembre 12 San Giuliano Terme PI cell 3393521936 fisso 050818821 dalle 16.00 alle 19.00 dal martedi al sabato
    mail bertini63@virgilio.it

    Ospite
    Guest

    Re: Soluzione ingegneristica

    Post  Ospite on Wed Sep 16, 2009 4:53 pm

    ALLORA.....visto che siamo arrivati al nocciolo della questione..............................

    VORREI ASCOLTARE QUALCOSA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!STO ASPETTANDO E MI STO INCOMINCIANDO AD INNERVOSIRE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

      Current date/time is Tue Dec 06, 2016 1:45 am