Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
Una Storia di ordinaria follia Bancaria (Unicredit)....
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    Una Storia di ordinaria follia Bancaria (Unicredit)....

    Share

    sirjoe61
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 219
    Data d'iscrizione : 2011-08-08
    Età : 55
    Località : Rivoli (TO)

    Una Storia di ordinaria follia Bancaria (Unicredit)....

    Post  sirjoe61 on Mon Mar 12, 2012 10:00 pm

    ...ragazzi voglio raccontarvi questa storia per due motivi: 1) perchè ha dell'inverosimile e 2) perchè ho bisogno di una mano per aiutare un amico che è in difficoltà...ma iniziamo con ordine...
    ...un mio carissimo amico originario del Niger vive a Milano da qualche anno dove lavora in qualità di meccanico...qualche mese fà decide di inviare a casa in Niger dei risparmi che ha faticosamente messo via (non una grandissima cifra ma potete immaginare cosa rappresentino per lui...decide di inviare la cifra tramite bonifico bancario e di non usare le classiche modalità di money transfer...
    ...quindi si reca in banca, una filiale dell'Unicredit di Milano, ed effettua il bonifico il 15 Dicembre 2011 (tenete a mente la data in quanto è importante)...il beneficiario è la sorella dell'amico che vive ancora in Niger...qualche giorno dopo gli comunicano che mancavano delle informazioni...informazioni che lui prontamente fornisce...
    ...dopo un pò di giorni il mio amico riceve comunicazione dalla sorella che i soldi non sono arrivati...ritorna in banca e da lì inizia il calvario...Unicredit non sà dove siano finiti questi soldi...la banca ha utilizzato come corrispondente la ParisBas che a sua volta avrà usato un altro corrispondente che a sua volta...
    ...praticamente sono passati 4 mesi e non riusciamo a farci dire dalla banca dove siano terminati questi soldi...tempo addietro la filiale dell'Unicredit ha chiesto al mio amico di contattare la banca destinataria in Niger per informarsi se la banca sapesse dove erano bloccati i soldi (...no comment!!!)...naturalmente la banca del Niger ha risposto al mio amico che sarebbero stati ben lieti di avviare indagini se solo avessero saputo da quale corrispondente sarebbero dovuti arrivare i soldi...naturalmente nessuno sà (compreso Unicredit) chi è questo intermediario finale che dovrebbe comunicare la transazione...i dipendenti della filiale fanno melina rimpallando la responsabilità ad un fantomatico ufficio di Bologna che si starebbe occupando del caso (ho assistito personalmente ad un colloquio con il responsabile della filiale e sono intervenuto anche io per cercare di sensibilizzare il personale al caso ma nisbà...)...
    ...cosa è possibile fare per fare smuovere questa banca di...(censura)
    ...c'è qualcuno che può darmi qualche suggerimento per aiutare una bravissima persona che ha avuto l'unico torto di fidarsi del sistema bancario italiano...
    ...ringrazio anticipatamente chi vorrà darmi qualche suggerimento...


    _________________
    Saluti

    Sergio


    _______________________________________________________________________________________
    Hey Hey my my, rock'n'roll can never die. It's better to burn out than it is to rust...
    (Neil Young & Crazy Horse - Rust never sleeps - MY MY, HEY HEY (OUT OF THE BLUE) 1979)

    fabiovob
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 7461
    Data d'iscrizione : 2009-10-01

    Re: Una Storia di ordinaria follia Bancaria (Unicredit)....

    Post  fabiovob on Mon Mar 12, 2012 10:13 pm

    Ci vuole un avvocato, e comunque contro le banche ci puoi fare ben poco, pensa, sono pure più potenti dei magistrati.

    flavio@sanders
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 373
    Data d'iscrizione : 2011-07-20

    Re: Una Storia di ordinaria follia Bancaria (Unicredit)....

    Post  flavio@sanders on Tue Mar 13, 2012 5:46 am

    Io chiamerei una associazione consumatori.
    C'è ad esempio un numero di "pronto intervento" del Codacons (a pagamento 76 centesimi/minuto) che è il seguente:
    892007


    _________________
    http://www.diraclive.eu http://www.sanderssoundsystems.eu

    bigstone
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 215
    Data d'iscrizione : 2011-11-21
    Età : 41

    Re: Una Storia di ordinaria follia Bancaria (Unicredit)....

    Post  bigstone on Tue Mar 13, 2012 6:45 am

    Quoto entrambi gli interventi, aggiungerei la carta "striscia" se gli avvocati non possono farci niente una cattiva pubblicità invece è deleteria per definizione

    matte
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1386
    Data d'iscrizione : 2010-02-02
    Età : 40
    Località : Pisa

    Re: Una Storia di ordinaria follia Bancaria (Unicredit)....

    Post  matte on Tue Mar 13, 2012 8:37 am

    In che mani siamo ........quoto anche io i suggerimenti ma prima di procedere lo farei presente alla banca anche con toni........ non si sa mai che saltino fuori all'improvviso Neutral Neutral


    _________________

    pluto
    Moderatore - discobolo

    Numero di messaggi : 21547
    Data d'iscrizione : 2010-10-05
    Età : 58
    Località : Genova

    Re: Una Storia di ordinaria follia Bancaria (Unicredit)....

    Post  pluto on Tue Mar 13, 2012 9:38 am

    Io invece sono un pò più pratico di banche

    1) Purtroppo mi sembra di capire che il tuo amico non sia neanche conosciuto dalla banca italiana dove ha fatto il trasferimento e questo non aiuta. Forse se fosse accompagnato da qualcuno noto (te x esempio) avrebbe più speranze

    2) la risposta della banca italiana è inaccettabile.

    Intanto devono fornire su richiesta copia esatta del messaggio swift che hanno utilizzato x questo pagamento. Da questo messaggio, se vuoi me lo puoi mandare in PM ti posso dire, ma anche un lettore attento lo può capire, a che banca i fondi sono stati mandati, quando come e con che data di valuta

    Tieni presente che le banche operano in questo modo

    - se il pagamento era in USD, la banca italiana avrà trasmesso alla sua corrispondente di New York, l'ordine di pagamento addebitando il conto in USD che hanno con loro. E quindi i fondi potrebbero essere ancora in America. Causa disfunzione Banca Americana ma non solo
    - x un buon cliente, la banca invia anche un messaggio swift diretto alla banca del beneficiario. Ma non credo sia questo il caso. Io lo chiedo sempre x i miei trasferimenti
    - infine se l'amico ha pagato c/o una filiale piccola, il pagamento viene passato e fatto eseguire dall'ufficio estero della sede. DOpo 4 mesi escluderei il casino all'interno della stessa banca tra filiale e sede

    La banca è tenuta ad inviare un "Tracer" x rintracciare il pagamento non andato a buon fine e ovviamente lo invia allo stesso indirizzo a cui ha inviato il 1° swift

    ****

    Riepilogando

    - sapere la divisa aiuta ad intuire dove possono essere i fondi
    - ottenere copia del messaggio swift di partenza e studiarlo attentamente. Se la banca rifiuta o non è in grado di fornire la copia, allora i soldi sono ancora li o perlomeno la banca è direttamente responsabile immediatamente
    - chiedere se è stato inviato un Tracer dopo i primi solleciti ed ottenere copia del tracer e delle eventuali risposte ottenute
    - con educazione minacciare velatamente un'azione legale, ma inizialmente andateci blandi. DIte solo che la responsabilità è della banca e devono rispondere completamente

    Ho un forte sospetto:

    - che il pagamento sia in dollari
    - che la banca Americana abbia bloccato il successivo accredito alla banca Nigeriana in quanto considerano il Niger come paese a rischio (tipo uno stato canaglia). X i trasferimenti in Siria succede questo in questo momento ( ma esistono anche molti altri paesi). Se le cose stanno così è un discreto casino ed occorre una diversa strategia. Ma almeno avreste individuato la posizione dei fondi

    In bocca al lupo e facci sapere

    Giordy60
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8671
    Data d'iscrizione : 2011-02-13
    Età : 56
    Località : prov.Cremona

    Re: Una Storia di ordinaria follia Bancaria (Unicredit)....

    Post  Giordy60 on Tue Mar 13, 2012 10:51 am

    non ho parole !
    ma credo che il consiglio di Gian sia il primo da attuare, in secondo luogo mi recherei negli studi di mediaset, come suggerito da bigstone.
    un in bocca al lupo per il tuo amico.

    lizard
    Pop Music Expert

    Numero di messaggi : 6370
    Data d'iscrizione : 2009-11-06
    Località : Augusta Taurinorum

    Re: Una Storia di ordinaria follia Bancaria (Unicredit)....

    Post  lizard on Tue Mar 13, 2012 10:59 am

    Giordy60 wrote: in secondo luogo mi recherei negli studi di mediaset
    loro sì che se ne intendono di furti legalizzati!
    Laughing

    Giordy60
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8671
    Data d'iscrizione : 2011-02-13
    Età : 56
    Località : prov.Cremona

    Re: Una Storia di ordinaria follia Bancaria (Unicredit)....

    Post  Giordy60 on Tue Mar 13, 2012 11:04 am

    lizard wrote:
    loro sì che se ne intendono di furti legalizzati!
    Laughing
    devi andare da chi ha più esperienza di te ! sunny

    ema49
    Musicofilo

    Numero di messaggi : 6951
    Data d'iscrizione : 2010-03-12
    Età : 67

    Re: Una Storia di ordinaria follia Bancaria (Unicredit)....

    Post  ema49 on Tue Mar 13, 2012 6:56 pm


    Esposto-denuncia alla Guardia di Finanza, con copia dello stesso inviata alla Banca. Pochi giorni e tutto si risolve. In via mooolto amichevole e informale..


    _________________


    "Chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola." Paolo Borsellino (19/1/40-19/7/92).

    sirjoe61
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 219
    Data d'iscrizione : 2011-08-08
    Età : 55
    Località : Rivoli (TO)

    Re: Una Storia di ordinaria follia Bancaria (Unicredit)....

    Post  sirjoe61 on Thu Mar 15, 2012 1:30 pm

    pluto wrote:Io invece sono un pò più pratico di banche

    1) Purtroppo mi sembra di capire che il tuo amico non sia neanche conosciuto dalla banca italiana dove ha fatto il trasferimento e questo non aiuta. Forse se fosse accompagnato da qualcuno noto (te x esempio) avrebbe più speranze

    2) la risposta della banca italiana è inaccettabile.

    Intanto devono fornire su richiesta copia esatta del messaggio swift che hanno utilizzato x questo pagamento. Da questo messaggio, se vuoi me lo puoi mandare in PM ti posso dire, ma anche un lettore attento lo può capire, a che banca i fondi sono stati mandati, quando come e con che data di valuta

    Tieni presente che le banche operano in questo modo

    - se il pagamento era in USD, la banca italiana avrà trasmesso alla sua corrispondente di New York, l'ordine di pagamento addebitando il conto in USD che hanno con loro. E quindi i fondi potrebbero essere ancora in America. Causa disfunzione Banca Americana ma non solo
    - x un buon cliente, la banca invia anche un messaggio swift diretto alla banca del beneficiario. Ma non credo sia questo il caso. Io lo chiedo sempre x i miei trasferimenti
    - infine se l'amico ha pagato c/o una filiale piccola, il pagamento viene passato e fatto eseguire dall'ufficio estero della sede. DOpo 4 mesi escluderei il casino all'interno della stessa banca tra filiale e sede

    La banca è tenuta ad inviare un "Tracer" x rintracciare il pagamento non andato a buon fine e ovviamente lo invia allo stesso indirizzo a cui ha inviato il 1° swift

    ****

    Riepilogando

    - sapere la divisa aiuta ad intuire dove possono essere i fondi
    - ottenere copia del messaggio swift di partenza e studiarlo attentamente. Se la banca rifiuta o non è in grado di fornire la copia, allora i soldi sono ancora li o perlomeno la banca è direttamente responsabile immediatamente
    - chiedere se è stato inviato un Tracer dopo i primi solleciti ed ottenere copia del tracer e delle eventuali risposte ottenute
    - con educazione minacciare velatamente un'azione legale, ma inizialmente andateci blandi. DIte solo che la responsabilità è della banca e devono rispondere completamente

    Ho un forte sospetto:

    - che il pagamento sia in dollari
    - che la banca Americana abbia bloccato il successivo accredito alla banca Nigeriana in quanto considerano il Niger come paese a rischio (tipo uno stato canaglia). X i trasferimenti in Siria succede questo in questo momento ( ma esistono anche molti altri paesi). Se le cose stanno così è un discreto casino ed occorre una diversa strategia. Ma almeno avreste individuato la posizione dei fondi

    In bocca al lupo e facci sapere

    ...grazie a tutti per i consigli...a questo punto pensavo di scrivere una lettera, da inviare con raccomandata con ricevuta di ritorno, nella quale chiedo la restituzione dell'importo bonificato (il bonifico è stato fatto per 1.300 euri ed era in euro) più, come mi ha consigliato Pluto, copia del messaggio Swift (devo chiederlo in questo modo?)...è da tenere presente che il mio amico ha un conto corrente presso la filiale Unicredit; quindi è ben conosciuto...
    ...stavo pensando se non era il caso di fare pervenire la raccomandata a qualche giornale (Repubblica o Corriere o qualcosa di simile), a qualche associazione per la difesa dei consumatori (forse per questioni bancarie è meglio l'ADUSBEF?) e all'OMBUDSMAN...cosa ne pensate?

    ...Pluto, se non ti creo casino, avrei piacere di contattarti in privato (mi sembra di capire che hai idea di come funzioni la cosa) per approfondire un pò la questione...

    ...grazie ancora a tutti...


    _________________
    Saluti

    Sergio


    _______________________________________________________________________________________
    Hey Hey my my, rock'n'roll can never die. It's better to burn out than it is to rust...
    (Neil Young & Crazy Horse - Rust never sleeps - MY MY, HEY HEY (OUT OF THE BLUE) 1979)

    pluto
    Moderatore - discobolo

    Numero di messaggi : 21547
    Data d'iscrizione : 2010-10-05
    Età : 58
    Località : Genova

    Re: Una Storia di ordinaria follia Bancaria (Unicredit)....

    Post  pluto on Thu Mar 15, 2012 2:04 pm

    sirjoe61 wrote:

    ...grazie a tutti per i consigli...a questo punto pensavo di scrivere una lettera, da inviare con raccomandata con ricevuta di ritorno, nella quale chiedo la restituzione dell'importo bonificato (il bonifico è stato fatto per 1.300 euri ed era in euro) più, come mi ha consigliato Pluto, copia del messaggio Swift (devo chiederlo in questo modo?)...è da tenere presente che il mio amico ha un conto corrente presso la filiale Unicredit; quindi è ben conosciuto...
    ...stavo pensando se non era il caso di fare pervenire la raccomandata a qualche giornale (Repubblica o Corriere o qualcosa di simile), a qualche associazione per la difesa dei consumatori (forse per questioni bancarie è meglio l'ADUSBEF?) e all'OMBUDSMAN...cosa ne pensate?

    ...Pluto, se non ti creo casino, avrei piacere di contattarti in privato (mi sembra di capire che hai idea di come funzioni la cosa) per approfondire un pò la questione...

    ...grazie ancora a tutti...

    Chiamami pure adesso - ti invio il cell in PM (tanto lo hanno già quasi tutti )
    Poi devo partire verso le 4

    Ciao
    Gian

    pepe57
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 4687
    Data d'iscrizione : 2009-06-11
    Età : 59
    Località : Milano

    Re: Una Storia di ordinaria follia Bancaria (Unicredit)....

    Post  pepe57 on Thu Mar 15, 2012 4:50 pm

    Personalmente al posto dl tuo amico agirei così:
    mi farei inviare via fax/mail dalla banca della sorella, estratto conto e dichiarazione che comprovino che nulla è arrivato sul conto.
    Poi con l' ordine di pagamento fatto ad Unicredit e l'addebito sul cc che risulterà dal mio estratto conto.
    Vado a fare un esposto come suggerito qui in Italia agli organi competenti (procura e GF).
    A me non interessa dove si siano bloccati, a me interessa che mi sono stati sottratti e sono in una posizione di derubato.
    I responsabili sono chiaramente quelli di Unicredit (di fronte a me), che me li rendano con valuta originaria e poi provvedano loro a ritrovarseli, se non sono ladri ma solo incauti o sfortunati, la cosa a me non tange e non voglio neppure saperlo.
    sunny
    Pietro

    ema49
    Musicofilo

    Numero di messaggi : 6951
    Data d'iscrizione : 2010-03-12
    Età : 67

    Re: Una Storia di ordinaria follia Bancaria (Unicredit)....

    Post  ema49 on Thu Mar 15, 2012 5:59 pm

    pepe57 wrote:Personalmente al posto dl tuo amico agirei così:
    mi farei inviare via fax/mail dalla banca della sorella, estratto conto e dichiarazione che comprovino che nulla è arrivato sul conto.
    Poi con l' ordine di pagamento fatto ad Unicredit e l'addebito sul cc che risulterà dal mio estratto conto.
    Vado a fare un esposto come suggerito qui in Italia agli organi competenti (procura e GF).
    A me non interessa dove si siano bloccati, a me interessa che mi sono stati sottratti e sono in una posizione di derubato.
    I responsabili sono chiaramente quelli di Unicredit (di fronte a me), che me li rendano con valuta originaria e poi provvedano loro a ritrovarseli, se non sono ladri ma solo incauti o sfortunati, la cosa a me non tange e non voglio neppure saperlo.
    sunny
    Pietro


    Esatto! Peraltro è la via più breve. Chissà perché, ma la GdF ha effetti taumaturgici. Credo non sia necessario nemmeno l'estratto conto. Tre volte ho avuto bisogno del loro intervento ed in ogni caso hanno risolto i problemi solo con la loro presenza.


    _________________


    "Chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola." Paolo Borsellino (19/1/40-19/7/92).

    DigiDavidex
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 3627
    Data d'iscrizione : 2010-10-18
    Età : 22
    Località : Verso l'infinito ed oltre

    Re: Una Storia di ordinaria follia Bancaria (Unicredit)....

    Post  DigiDavidex on Thu Mar 15, 2012 6:39 pm



    _________________
    Il Saggio coltiva Linux, tanto Windows si pianta da solo...
    Denon PMA-720AE    Denon DCD-720AE    Pioneer TX-100ZL    Pioneer CS-595

    pluto
    Moderatore - discobolo

    Numero di messaggi : 21547
    Data d'iscrizione : 2010-10-05
    Età : 58
    Località : Genova

    Re: Una Storia di ordinaria follia Bancaria (Unicredit)....

    Post  pluto on Thu Mar 15, 2012 10:56 pm

    Esiste un'altra possibilità alla quale inizialmente non avevo pensato e che ho riferito a Sergio in privato. I soldi potrebbero essere anche arrivati a destinazione e la banca in Niger li trattiene senza accreditare il beneficiario. Purtroppo succede anche questo
    Ecco perchè (se fosse così) il beneficiario deve assolutamente avere una copia dello swift fatto dalla banca francese in Niger

    Meglio aspettare 2/3 gg e chiedere le cose giuste. Se poi Unicredit non collabora allora potete anche mandare l'esercito. Ma se i soldi sono in Niger, l'esercito serve a poco.

      Current date/time is Thu Dec 08, 2016 6:58 am