Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
L'impianto del BACHIANO
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    L'impianto del BACHIANO

    Share

    IL BACHIANO
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 223
    Data d'iscrizione : 2011-12-18
    Località : Sondrio

    L'impianto del BACHIANO

    Post  IL BACHIANO on Mon Oct 29, 2012 11:40 pm

    Non sto a descrivervi le modifiche che mi hanno portato dal primo impianto degli anni '70 (il classico trio con Thorens - Marantz e AR) a quello odierno.
    Dico solo che ho attraversato più o meno tutte le varie configurazioni e marche (Harman Kardon, Counterpoint, Beard, Audio Research, Conrad johnson, Swiss Phisics, Valvolari da 2 W, Diffusori tipo ESB 7/06, Vandersteen, Sequel, Quad, TDL...). Tutta roba usata, naturalmente.
    Quest'anno, dopo che gli ultimi diffusori (Area 3 limited) hanno dato forfait, ho deciso di semplificarmi la vita: Un giradischi, un SACD player, un integrato e un paio di diffusori che nei desideri dovevano essere le Magneplanar 1.7, ma che, date le circostanze, ho ripiegato momentaneamente su un modello autocostruito.
    Per curiosità inizio con una situazione del 1987: Gyrodec / Braccio Morch / Pre e finali Harman Kardon / CDplayer Pioneer PD-91 Reference / Cassetteplayer Pioneer CT-939 Reference / Diffusori ESB 7/06



    L'impianto prima degli ultimi cambiamenti: qui si vedono i diffusori Area 3 (trasmissionline con altoparlante coassiale Roiene) il solito Gyrodec, che da 1986 è in pianta stabile, pre Swiss Physics, Finale AR V70, Finalino di Pellas, CDplayer Shanling.



    Sorgente analogica: qui un dettaglio del Mitchell con anche il braccio autocostruito su idea di un amico (canna in legno da 13", una vera bomba!)

    ]

    Sorgente digitale: SACD Player Onix



    Qui come è ora. Non ho una ambiente apposito e quindi il soggiorno a seconda dei casi si modifica.
    Qui per l'ascolto: diffusori in avanti e tele coperta. I dipolo lavorano anche all'indietro e ho visto che il tutto migliora se si eliminano le superfici riflettenti.



    Finiti gli ascolti i diffusori tornano negli angoli. C'è da dire anche che mia moglie è - oltre a molto altro - appassionata come me di musica e quindi accetta di buon grado qualche compromesso nell'arredamento.


    I mobiletti sono autocostruiti, tutti con punte a pavimento e sui ripiani. A girni ci sarà un ripiano in serpentino per i BMC: nonostante le 3 traverse rinforzate di legno, i suoi 40 kg, le stanno incurvando. Il serpentino è dello stesso tipo di quello usato come piedestallo per i diffusori.
    Questi ultimi sono usciti da un progettino concordato con Alberto Bellino ( http://www.audiojam2.com/)
    e devo dire che per il momento sono più che soddisfacenti. Inizialmente volevo seguire il progettino delle Dypole apparso su COSTRUIRE HIFI. Doveva essere una cosa ultraeconomica 200 euro in tutto) in attesa delle Maggies, poi, non trovando tutti i componenti ho contattato il progettista che mi ha proposto un upgrade. Il crossover l'ha realizzato lui, mentre il resto l'ho fatto io (bello sfrozo, direte: incollare due assi e avvitare 4 altoparlanti!). Comunque alla fine è risultato un diffusore molto al di sopra delle aspettative che mi sa, visti i chiari di luna di questi tempi, terrò per un bel po'. In effetti mi sembra buono su tutti i paramentri, merito anche del BMC che li pilota magnificamente.
    Ecco il retro



    L'ultimo arrivato, indispensabile visto che il BMC ha solo ingressi ad alto livello (2 bilanciati e 3 no), è il pre Phono CEC



    Naturalmente non ho resistito all'ida di dare un'occhiata all'interno



    Tutti i cavi, dall'alimentazione ai delicati bilanciati del phono sono custom, realizzati da un amico...

    Noi ascoltiamo quasi esclusivamente classica, dal gregoriano a Stravinsky, con una predilezione per Bach, il barocco e la musica antica in generale. Questa è la parte più preziosa del tutto (l'impianto - ogni tanto bisogna che me lo ricordi - è solo il mezzo): circa 2000 LP (che si vedono in una precedente foto) e quasi 4000 CD.


    Last edited by IL BACHIANO on Tue Oct 30, 2012 8:33 am; edited 1 time in total


    _________________
    Mi sono accorto ancora una volta di come con Bach non si abbia mai finito, come diventi sempre più profondo ogni volta che lo si ascolta
    Robert Schumann

    Massimo
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 31502
    Data d'iscrizione : 2010-06-21
    Età : 61
    Località : Portici (NA)

    Re: L'impianto del BACHIANO

    Post  Massimo on Mon Oct 29, 2012 11:56 pm

    ciao, finalmente vediamo il tuo impianto, complimenti dal Classico trio degli anni '70 ad oggi. applausi applausi

    Come non complimentarmi per gli ogetti autocostruiti, braccio e casse dipolo e come non invidiare per la tua numerosa collezione di CD e vinili. Rolling Eyes Rolling Eyes


    _________________
    Quando il dito indica la luna, l'imbecille guarda il dito

    pluto
    Moderatore - discobolo

    Numero di messaggi : 21547
    Data d'iscrizione : 2010-10-05
    Età : 58
    Località : Genova

    Re: L'impianto del BACHIANO

    Post  pluto on Tue Oct 30, 2012 1:31 pm

    Bellissimo impianto Giacomo!

    Si direbbe che sui cavi tu ti sia fidato abbastanza dei consigli di qualche fesso....

    Mi dispiace solo che tu abbia eliminato il tuo braccio. Per me era un capolavoro. Il giorno che avrai voglia di farmene uno...

    IL BACHIANO
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 223
    Data d'iscrizione : 2011-12-18
    Località : Sondrio

    Re: L'impianto del BACHIANO

    Post  IL BACHIANO on Tue Oct 30, 2012 3:15 pm

    pluto wrote:Bellissimo impianto Giacomo!
    Si direbbe che sui cavi tu ti sia fidato abbastanza dei consigli di qualche fesso....
    Mi dispiace solo che tu abbia eliminato il tuo braccio. Per me era un capolavoro. Il giorno che avrai voglia di farmene uno...

    Grazie per l'apprezzamento.
    Per il braccio, il fatto è che l'ultimo completo ho "dovuto" cederlo a un amico.
    Non ho ancora avuto il tempo per terminarne uno per me.
    Comunque ho molte parti già pronte e non mi ci vorrebbe tantissimo per terminarne uno.
    Sei il primo della lista (e così io resterò ancora senza)
    Intanto potresti provare un clamp che ho realizzato (sempre su idea dell'amico che ha ideato il braccio)
    Qui mi è rimasto quello più piccolo (altezza cilindri 30 mm.



    Di quello standard (altezza 45 mm )non mi è rimasto nemmeno un esemplare (ma non ci vuol molto a costruirne uno).


    La particolarità del progetto risiede nel fatto che ogni cilindro ha un peso diverso. La disposizine dei diversi pesi è importante e ciò determina un miglioramento nettamente riscontrabile all'ascolto


    _________________
    Mi sono accorto ancora una volta di come con Bach non si abbia mai finito, come diventi sempre più profondo ogni volta che lo si ascolta
    Robert Schumann

    IL BACHIANO
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 223
    Data d'iscrizione : 2011-12-18
    Località : Sondrio

    Re: L'impianto del BACHIANO

    Post  IL BACHIANO on Tue Oct 30, 2012 3:19 pm

    Massimo wrote:ciao, finalmente vediamo il tuo impianto, complimenti dal Classico trio degli anni '70 ad oggi. applausi applausi
    Come non complimentarmi per gli ogetti autocostruiti, braccio e casse dipolo e come non invidiare per la tua numerosa collezione di CD e vinili. Rolling Eyes Rolling Eyes

    Ti ringrazio. Un complimento detto da te vale il doppio!
    ciao
    giacomo


    _________________
    Mi sono accorto ancora una volta di come con Bach non si abbia mai finito, come diventi sempre più profondo ogni volta che lo si ascolta
    Robert Schumann

    pluto
    Moderatore - discobolo

    Numero di messaggi : 21547
    Data d'iscrizione : 2010-10-05
    Età : 58
    Località : Genova

    Re: L'impianto del BACHIANO

    Post  pluto on Tue Oct 30, 2012 3:28 pm

    Belli Giacomo
    Mi sembrano un pò sulla falsariga del Thorens che è uno dei più apprezzati

    X me l'altezza non è un problema ma

    a) Ho gia il clamp su tutti i giradischi tranne su quelli a trazione diretta

    b) x i trazione diretta avrei bisogno di un clamp con 2 requisiti essenziali:

    - deve pesare sui 500 gr (max 600). Se è meno non vanno bene. Sul Kenwood potrei mettere pure 1 kg ma credo che 500/600 sia il giusto compromesso
    - non deve essere a serraggio ma solo da appoggio gravitazionale. I guru dicono che sui gira DD quelli a vite o che bloccano con mezzo giro etc aumentano paradossalmente le vibrazioni del motore e quindi sono sconsigliati.

    Se i tuoi clamp soddisfano le mie 2 esigenze, allora lo provo volentieri oppure quando ne fai uno che possa andar bene...

    Ciao
    Gian

    Ps fai 2 bracci insieme così risolviamo il problema.
    PPS quando vieni a sentire le Stax e le Senny???

    Guido
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 747
    Data d'iscrizione : 2011-05-14
    Località : Milano

    Re: L'impianto del BACHIANO

    Post  Guido on Tue Oct 30, 2012 6:11 pm

    complimenti Giacomo
    veramente ottimo impianto dove si vede il tuo apporto personale.
    Non puo che suonare bene.
    Guido

    IL BACHIANO
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 223
    Data d'iscrizione : 2011-12-18
    Località : Sondrio

    Re: L'impianto del BACHIANO

    Post  IL BACHIANO on Tue Oct 30, 2012 7:56 pm

    Guido wrote:complimenti Giacomo
    veramente ottimo impianto dove si vede il tuo apporto personale.
    Non puo che suonare bene.
    Guido

    Grazie Guido, ma, come sai, il tuo rimane sempre per me un riferimento assoluto.
    Tuttavia devo dire che ora - tenendo conto delle mie possibilità - mi posso ritenere più che soddisfatto.
    Ora l'anello più debole penso siano i diffusori (l'idea di aver speso pochissimo per realizzarli mi condiziona un po' sulla loro qualità). Se il prossimo gratta-e-vinci sarà favorevole, farei un pensierino per un paio di elettrostatiche / isodinamiche.
    ciao
    Giacomo


    _________________
    Mi sono accorto ancora una volta di come con Bach non si abbia mai finito, come diventi sempre più profondo ogni volta che lo si ascolta
    Robert Schumann

    pepe57
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 4691
    Data d'iscrizione : 2009-06-11
    Età : 59
    Località : Milano

    Re: L'impianto del BACHIANO

    Post  pepe57 on Tue Oct 30, 2012 11:07 pm

    Complimenti!
    Per prima cosa per la collezione di LP/CD..
    Poi il pre Swiss per me resta uno dei pochi oggetti che a mio gusto restano fra i pochi duttili e ben suonanti.
    senza dimenticare il fatto che tu ti sai costruire le cose che servono per riprodurre la musica, per cui, come per Massimo, i complimenti vanno come minimo raddoppiati.
    sunny
    Pietro


    IL BACHIANO
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 223
    Data d'iscrizione : 2011-12-18
    Località : Sondrio

    Re: L'impianto del BACHIANO

    Post  IL BACHIANO on Wed Oct 31, 2012 11:15 am

    pepe57 wrote:Complimenti!
    Per prima cosa per la collezione di LP/CD..
    Poi il pre Swiss per me resta uno dei pochi oggetti che a mio gusto restano fra i pochi duttili e ben suonanti.
    senza dimenticare il fatto che tu ti sai costruire le cose che servono per riprodurre la musica, per cui, come per Massimo, i complimenti vanno come minimo raddoppiati.
    sunny
    Pietro

    Lo Swiss Physics era veramente eccezionale: purtroppo una volta è partito la stadio fono e non è stato facile trovare chi me lo riparasse.
    Alla fine un tecnico in pensione (tra l'altro che abitava vicino a casa mia) si è dimostrato un mago! Ha studiato tutto il circuito, l'ha ridisegnato e mi ha rifatto uno di quei moduli annegati che sembrava fosse impossibile riprodurre. Dopo anni si è guastato di nuovo e la primavera scorsa, attratto dal nuovo BMC C1, l'ho venduto a malincuore....
    Ho visto qualcosa delle tue meraviglie!!! Non oso immaginare la cosa si può sentire!
    Giacomo


    _________________
    Mi sono accorto ancora una volta di come con Bach non si abbia mai finito, come diventi sempre più profondo ogni volta che lo si ascolta
    Robert Schumann

    Guido
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 747
    Data d'iscrizione : 2011-05-14
    Località : Milano

    Re: L'impianto del BACHIANO

    Post  Guido on Wed Oct 31, 2012 1:12 pm

    IL BACHIANO wrote:

    Grazie Guido, ma, come sai, il tuo rimane sempre per me un riferimento assoluto.
    Tuttavia devo dire che ora - tenendo conto delle mie possibilità - mi posso ritenere più che soddisfatto.
    Ora l'anello più debole penso siano i diffusori (l'idea di aver speso pochissimo per realizzarli mi condiziona un po' sulla loro qualità). Se il prossimo gratta-e-vinci sarà favorevole, farei un pensierino per un paio di elettrostatiche / isodinamiche.
    ciao
    Giacomo
    Se fossi in te non mi porrei nessuna fretta nè dubbi.
    Sono certo che i tuoi diffusori autocostruiti sono ottimi e più che sufficienti per un ascolto come lo intendiamo noi.
    Poi c'è sempre di meglio.
    Guido

    pepe57
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 4691
    Data d'iscrizione : 2009-06-11
    Età : 59
    Località : Milano

    Re: L'impianto del BACHIANO

    Post  pepe57 on Thu Nov 01, 2012 2:25 pm

    IL BACHIANO wrote:

    Lo Swiss Physics era veramente eccezionale: purtroppo una volta è partito la stadio fono e non è stato facile trovare chi me lo riparasse.
    Alla fine un tecnico in pensione (tra l'altro che abitava vicino a casa mia) si è dimostrato un mago! Ha studiato tutto il circuito, l'ha ridisegnato e mi ha rifatto uno di quei moduli annegati che sembrava fosse impossibile riprodurre. Dopo anni si è guastato di nuovo e la primavera scorsa, attratto dal nuovo BMC C1, l'ho venduto a malincuore....
    Ho visto qualcosa delle tue meraviglie!!! Non oso immaginare la cosa si può sentire!
    Giacomo

    Si il 5 aveva qualche instabilità sul fono, anche Balconi sapeva rifare i moduli perfettamente.
    Belli i BMC.
    Grazie per i complimenti che fanno sempre piacere, comunque anche i miei impianti hanno pregi e limiti.
    Diciamo che negli anni ho tentato di fare scelte che portassero i limiti a riguardare parametri per me relativamente importanti.
    sunny
    Pietro

    cosm
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 739
    Data d'iscrizione : 2010-09-09
    Età : 40
    Località : Fano (PU)

    Re: L'impianto del BACHIANO

    Post  cosm on Mon Nov 05, 2012 4:21 pm

    Bellissimo impianto e bellissima collezione di dischi Rolling Eyes
    Complimenti applausi applausi applausi applausi


    _________________
    Massimiliano

    desmoraf68
    Sordogolo 3

    Numero di messaggi : 4540
    Data d'iscrizione : 2011-01-14
    Età : 48
    Località : Prov. Arezzo

    Re: L'impianto del BACHIANO

    Post  desmoraf68 on Mon Nov 05, 2012 5:12 pm

    Bellissimo impianto applausi


    _________________
    Raffaele

    Chi sa fare la musica la fa, chi la sa fare meno la insegna, chi la sa fare ancora meno la organizza, chi la sa fare così così la critica. (Luciano Pavarotti)

    Gli appassionati di musica sono assolutamente irragionevoli. Vogliono essere sempre perfettamente muti quando si dovrebbe desiderare di essere assolutamente sordi. (Oscar Wilde)

    Non posso immaginare la mia vita o quella di chiunque altro senza la musica: è come una luce nel buio che non si spegne mai. (Martin Scorsese)


    atnoi
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 118
    Data d'iscrizione : 2012-11-14
    Età : 60
    Località : napoli

    Re: L'impianto del BACHIANO

    Post  atnoi on Fri Nov 16, 2012 8:22 pm

    complimenti per l'impianto.

    ma per quell'avatar, il tuo nickname bachiano e la citazione con l'offerta musicale, arte della fuga, variazioni goldberg....sono rimasto senza parole perchè, pensa un po', sono le stesse cose che da anni metto sui miei pc come sfondo e password.

    come avrai capito, io pure ho una passione viscerale per il grande johannes sebastian bach, dunque: doppi complimenti (impianto e gusti musicali)

    ho visto un piano nelle foto. sai anche suonare qualcosa di SUO? in tal caso i complimenti diventano tripli.

    Mr. wlg
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 3832
    Data d'iscrizione : 2010-03-10
    Età : 50
    Località : Prov. Milano

    Re: L'impianto del BACHIANO

    Post  Mr. wlg on Sat Nov 17, 2012 10:30 am

    applausi complimenti anche da parte mia per tutto, favolosi i Clamp e ultra favoloso il braccio del gira Rolling Eyes Rolling Eyes Rolling Eyes


    _________________
    Silvio Wlg

    Dopo la passione c'è la follia....!!!!!!!!!!!!!

    IL BACHIANO
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 223
    Data d'iscrizione : 2011-12-18
    Località : Sondrio

    Re: L'impianto del BACHIANO

    Post  IL BACHIANO on Tue Nov 20, 2012 8:20 pm

    atnoi wrote:complimenti per l'impianto.
    ma per quell'avatar, il tuo nickname bachiano e la citazione con l'offerta musicale, arte della fuga, variazioni goldberg....sono rimasto senza parole perchè, pensa un po', sono le stesse cose che da anni metto sui miei pc come sfondo e password.
    come avrai capito, io pure ho una passione viscerale per il grande johannes sebastian bach, dunque: doppi complimenti (impianto e gusti musicali)
    ho visto un piano nelle foto. sai anche suonare qualcosa di SUO? in tal caso i complimenti diventano tripli.

    Ciao... scusa se rispondo solo ora, ma sono stato via alcuni giorni.
    Mi fa sempre piacere conoscere persone che condividono i miei interessi, sia per gli apparecchi e ancor più per la musica.
    Se vuoi possiamo sentirci in privato per scambiarci qualche opinione.
    Il "piano" è un virginale italiano in uso nel '600 che ho costruito diversi anni fa su progetto Zukerman.
    Purtroppo lo strimpallo: di Bach riesco a fare qualche facile preludio dal Clavicembalo ben Temperato e poco più.
    Se ti può interessare, nei mesi scorsi ho scritto diverse cose qui sul gazebo nella sezione l'angolo della musica Edizioni di classica su supporti vari.
    Di recente Pluto ha parlato di una mia realizzazione: un clamp per giradischi nella sezione Analogico
    saluti
    Giacomo


    _________________
    Mi sono accorto ancora una volta di come con Bach non si abbia mai finito, come diventi sempre più profondo ogni volta che lo si ascolta
    Robert Schumann

      Current date/time is Sat Dec 10, 2016 12:13 am