Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
Symphonic Line, artigianato tedesco
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    Symphonic Line, artigianato tedesco

    Share

    supermario7
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 23
    Data d'iscrizione : 2012-10-30

    Symphonic Line, artigianato tedesco

    Post  supermario7 on Fri Dec 28, 2012 9:02 pm

    Salve,
    ho letto ottime cose su questi amplificatori.

    Dovrei ascoltarne uno a breve , se va bene nel mio impianto.

    Le vostre impressioni di ascolto?

    Saluto.
    M.

    Geronimo
    Self-Awareness
    Self-Awareness

    Numero di messaggi : 16086
    Data d'iscrizione : 2009-03-09

    Re: Symphonic Line, artigianato tedesco

    Post  Geronimo on Sat Dec 29, 2012 9:19 am

    Non li conosco direttamente ma parlano bene del KRAFTWERK (e, visto il nome, sono sicuro che vada una bomba )

    http://www.symphonic-line.com/integrated_amplifier_klangquelle_kraftquelle_kraftwerk.html




    Ho un buon ricordo dei diffusori RG-5 ascoltati molti anni fa

    http://www.symphonic-line.com/productline_loudspeaker_details.html



    Mica male la bestia in classe A

    http://www.symphonic-line.com/poweramplifier_mono_kraft250_kraft300.html


    _________________
    "Se cerchi il rilassamento mentale prova la meditazione sul respiro"(CLICCA QUI)

    "Sono il ponte fra quello che non sono mai stato e quello che non sarò mai"

    "Il mio impianto AUDIO ANALOGUE-AIRTECH-ADVENT"(CLICCA QUI)

    supermario7
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 23
    Data d'iscrizione : 2012-10-30

    Re: Symphonic Line, artigianato tedesco

    Post  supermario7 on Sat Dec 29, 2012 11:57 am

    Spettacolare,
    grande qualità costruttiva.

    Rolling Eyes


    Saluti.

    Nik
    The first

    Numero di messaggi : 286
    Data d'iscrizione : 2010-07-28
    Età : 55
    Località : Montalto Dora (TO) Italia

    Re: Symphonic Line, artigianato tedesco

    Post  Nik on Sun Dec 30, 2012 6:48 pm

    Non ho trovao finora un integrato che suoni meglio e che sia costruito meglio...
    In realtà il Kraftwerk MKII è un pre/finale travestito da integrato, con due alimentazioni separate, ciascuna contenente due grossi toroidali..., ma al di là di tutto questo ... suona come nessun altro !!!

    PS:
    Da considerare che l' uscita posteriore per cuffia lo trasforma in eccellente ampli cuffia dedicato !!!


    othello
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 29
    Data d'iscrizione : 2012-12-06
    Età : 40
    Località : Palermo

    Re: Symphonic Line, artigianato tedesco

    Post  othello on Mon Dec 31, 2012 1:19 am

    Sono ottime macchine, suono sostenuto in tutta la gamma....forse poco musicale ma assolutamente di livello.

    Nik
    The first

    Numero di messaggi : 286
    Data d'iscrizione : 2010-07-28
    Età : 55
    Località : Montalto Dora (TO) Italia

    Re: Symphonic Line, artigianato tedesco

    Post  Nik on Mon Dec 31, 2012 1:45 am

    Poco musicale ???
    Musica allo stato puro, naturalmente con degna sorgente e degni diffusori, mai sentito niente di simile. Fra qualche giorno proverò anche lettore CD Belcanto ...

    pepe57
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 4687
    Data d'iscrizione : 2009-06-11
    Età : 59
    Località : Milano

    Re: Symphonic Line, artigianato tedesco

    Post  pepe57 on Mon Dec 31, 2012 11:24 am

    Io ebbi modo di ascoltare il loro giradischi da Gianni anni fa (il marchio era distribuito dai fratelli Sopegno di Cuneo se ben ricordo) che magari vorrà parlarcene..
    Esteticamente un po' impegnativo per il mio gusto.


    _________________
    Chi si accontenta gode
    Presidente Onorario fondatore di: ... CNR@ Club Naso Rosso@ ... CLM@ Club Lampredotto Marimesso@ ...   CVG@ Club Viva la Gnocca@ ...
    QFLG@

    Paintball Milano

    Nik
    The first

    Numero di messaggi : 286
    Data d'iscrizione : 2010-07-28
    Età : 55
    Località : Montalto Dora (TO) Italia

    Re: Symphonic Line, artigianato tedesco

    Post  Nik on Mon Dec 31, 2012 2:17 pm

    E come suonava il giradischi? Rolf Gemein mi ha assicurato che il lettore CD Belcanto suona come il suo giradischi TOP !!! Vedremo, vi dirò a breve ...

    supermario7
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 23
    Data d'iscrizione : 2012-10-30

    Re: Symphonic Line, artigianato tedesco

    Post  supermario7 on Mon Dec 31, 2012 3:21 pm

    Nik wrote:E come suonava il giradischi? Rolf Gemein mi ha assicurato che il lettore CD Belcanto suona come il suo giradischi TOP !!! Vedremo, vi dirò a breve ...

    Salve Nick,
    quali sono gli altri componenti del tuo impianto?

    Mi sto organizzando per avere a casa mia il finale RG7 MK 4
    da ascoltare nel mio impianto. L'idea è quella di metterlo
    a confronto con altri ampli di pari livello e valutare il suono dei "contendenti".

    Saluti.
    M.

    Nik
    The first

    Numero di messaggi : 286
    Data d'iscrizione : 2010-07-28
    Età : 55
    Località : Montalto Dora (TO) Italia

    Re: Symphonic Line, artigianato tedesco

    Post  Nik on Mon Dec 31, 2012 3:49 pm

    LINN Sondek CD 12
    Symphonic line kraftwerk mkII
    Raidho C1.1 (con stand)
    Faber cables (TOP)
    Finite element master reference (tavolino)
    Grado HP2is (cuffia)

    In arrivo lettore CD Symphonic line Belcanto (da confrontare con LINN).

    supermario7
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 23
    Data d'iscrizione : 2012-10-30

    Re: Symphonic Line, artigianato tedesco

    Post  supermario7 on Mon Dec 31, 2012 4:53 pm

    Nik wrote:LINN Sondek CD 12
    Symphonic line kraftwerk mkII
    Raidho C1.1 (con stand)
    Faber cables (TOP)
    Finite element master reference (tavolino)
    Grado HP2is (cuffia)

    In arrivo lettore CD Symphonic line Belcanto (da confrontare con LINN).

    Complimenti.
    Non conosco i diffusori Raidho.

    Ho anche io i cavi Faber Xsolution e Level 3 di alimentazione.Eccellenti .

    Ho cambiato tutto o quasi il mio impianto.
    Mi arrivano le nuove USHER BE 10 Diamond.
    Cerco un ampli a SS che si abbini nel miglior modo possibile con le USHER.
    Ho un pre a valvole che usa le 6H30. Risultaun suono NON valvolare, forse un po' troppo asciutto per i miei gusti. Sto provando proprio ora alcune valvole NOS e le Supertubes 6H30-DR Reflektor.
    Però è dura!

    Questi pre moderni che usano le 6H30 danno un suono un po' duretto,
    "asciutto".
    Poi, sapendo che le USHER sono anche estremamente trasparenti,
    pur mantenendo un suono completo ,
    devo stare attento a scegliere l'ampli giusto.

    Cerco un suono: "corposo", DEnso e fluido, con armoniche belle presenti,
    dove gli strumenti a corda facciano sentire il suono della cassa, del legno,
    più che il pizzico della corda che su molti impianti hi-end spesso prevale.

    .....

    Nik
    The first

    Numero di messaggi : 286
    Data d'iscrizione : 2010-07-28
    Età : 55
    Località : Montalto Dora (TO) Italia

    Re: Symphonic Line, artigianato tedesco

    Post  Nik on Mon Dec 31, 2012 5:37 pm

    Tra tutti gli integrati che ho avuto forse quello che fa al caso tuo potrebbe essere il Pass INT-150.
    Le Raidho sono quanto più si possa desiderare in assoluto per un due vie, ho avuto di tutto, ma queste piccole sono una spanna sopra tutto il resto...

    Saluti
    Buon anno !!!

    supermario7
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 23
    Data d'iscrizione : 2012-10-30

    Re: Symphonic Line, artigianato tedesco

    Post  supermario7 on Mon Dec 31, 2012 6:49 pm

    Nik,
    il Pass , pur essendo un ottimo ampli,
    non mi convince,
    e in abbinamento con le nuove USHER, non lo vedo bene.

    Infatti, è un po' lento in basso,
    e un po' limitato come ariosità .

    Inoltre, pur avendo dei bei medi e medio bassi,
    ha la parte alta-altissima non di prima classe.

    vedo meglio:

    1) Symphonic Line
    2) ASR Emitter Exclusive 1
    3) MBL

    Per i finali, voglio abbinare comunque un pre a valvole,
    non con le 6H30 !

    Saluti.
    M.

    Nik
    The first

    Numero di messaggi : 286
    Data d'iscrizione : 2010-07-28
    Età : 55
    Località : Montalto Dora (TO) Italia

    Re: Symphonic Line, artigianato tedesco

    Post  Nik on Mon Dec 31, 2012 7:07 pm

    Molto bello anche il GamuT ... Ma tra tutti il Symphonic line eccelle !!!

    pepe57
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 4687
    Data d'iscrizione : 2009-06-11
    Età : 59
    Località : Milano

    Re: Symphonic Line, artigianato tedesco

    Post  pepe57 on Mon Dec 31, 2012 8:08 pm

    Nik wrote:E come suonava il giradischi? Rolf Gemein mi ha assicurato che il lettore CD Belcanto suona come il suo giradischi TOP !!! Vedremo, vi dirò a breve ...
    Beh, non ricordo con esattezza che braccio montasse, invece mi pare che quasi di sicuro come testina era montata una Transfiguration.
    Preferirei che del suono ne parlasse il proprietario anche perché parlare di un piatto è sempre difficile in quanto troppe sono le variabili.
    Per quello che posso dire io, con quell' insieme base/braccio/testina, mi è sempre parso che avesse guadagnato un po' in energia su certe specifiche gamme e che la sua presenza fosse un po' avvertibile all'ascolto.
    Per cui gli preferivo un altro mix analogico di cui disponeva in casa (e con questo, non voglio imputare nulla alla base, ma all' insieme).
    Invece sulla tenuta dei toni non mi pare di ricordare nulla di che, ragion per cui immagino di non aver recepito, a mio gusto, carenze particolari.


    _________________
    Chi si accontenta gode
    Presidente Onorario fondatore di: ... CNR@ Club Naso Rosso@ ... CLM@ Club Lampredotto Marimesso@ ...   CVG@ Club Viva la Gnocca@ ...
    QFLG@

    Paintball Milano

    Gambadilegno
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 194
    Data d'iscrizione : 2012-05-13
    Età : 48
    Località : Mogliano Veneto

    Re: Symphonic Line, artigianato tedesco

    Post  Gambadilegno on Thu Jan 03, 2013 1:55 am

    Io mi permetto di parlare di Symphonic Line inquanto conosco molto bene tutti i loro prodotti, che da molto tempo seguo tanto che qualche tempo mi sono regalato un integrato Kraftwerk Mk 2. Integrato che poi ho rientrato da uno dei miei fornitori e negozianti di fiducia in cambio di altro materiale, quasta volta analogico, e da quel momento giace da lui invenduto, ormai da molti mesi, non ostante le sue condizioni praticamente perfette ed i continui ribassi di prezzo praticati. L'integrato in questione rispecchia a pieno l'intero suono del marchio ed anzi ne è vessillo, è una macchina magnifica per costruzione, realmente come è stato detto un pre e finali messi assieme in un unico schassi, con alimentatori esterni dotati di un magnifico e completo cablaggio prorpietario ad oc. Il tutto per un suono che è la quinta essenza dell'energia, della corrente, del contrasto in gamma alta, della velocità del transiente, tanto da mettere in crisi i diffusori più effeicenti, raccomandando quindi la connessione di diffusori dall'ottima tenuta in potenza se non meglio risaputamente ostici nel pilotaggio, vedi B&W; il tutto però con una GRANDE nota negativa e stonata, quella classe, che non è prorpio del livello che ci si aspetta. Il timbro è decisamente meno audiophile da quello che si potrebbe auspicare per una realizzazione artigianale così, sempre, ben inteso, restando nella più pura scuola tedesca, senza quindi richiedere addolcimenti tipici di altri paesi, vedi gli USA. Io credo che ad oggi gli sia preferibile MBL. Per tanto per chi sostiene che le amplificazione SyL sono raffinate, non per costruzione ma per suono, credo sia un pò fuori strada. Ed aggiungo che è da evitare caldamente la rifinitura cromata, preferendogli quella semplicemente silver oggi disponibile sull'intera gamma, inquanto quella cromo si ossida assai facilmente richiedendo una pulizia ad oc.

    E sempre su Synfonic Line mi permetto di raccontare un aneddoto riguardante la sua importazione:
    io al tempo acquistai l'integrato dall'importatore che se non erro era sito in provicia di Torino, lo stesso di MBL, persone squisite e molto disponibile, pienamente in linea con l'assistenza diretta della stessa SyL, la quale dispone al suo interno anche di un tecnico che più o meno parla italiano, semplificando la risoluzione dei problemi o le pratiche di up grade, provare per credere. Al che rimasi stupito che per un periodo l'importazione diretta ed uffuciale per l'Italia venne sospeso, almeno da parte dell'ultima azzienda sopra descritta che se ne occupava, dato anche il blasone del marchio in gioco; in questo lasso di tempo decisi di cambiare amplificazione e presi in considerazione il Gamut 150 integrato, al che contattai il suo importatore proponendogli in rientro il SyL e mi venne rifiutata la permuta non per legittime ragioni commerciali ma perchè consideravano una pessima macchina il Kraftwerk ed in generale la produzione SyL, adducendo, e cito parole testuali, che "sono macchine sonicamente ricche di grana, una grana grossa, che non ci piacciono, che non ci interessa trattare". Al che un pò svilito per come mi fu descritto il mio acquisto, anche se per un infinitesimale parte condividevo quanto da loro detto, come sopra descritto e lo dico per onestà intellettuale, e comunque quindi non in maniera così macroscopica come loro la esponevano. In fine lasciai perdere il Gamut.
    Se non che a strettissimo giro di posta mi vedo dietro la copertina di una grossa rivista di settore italiana la loro publicità ove sbandieravano come fantastica la loro nuova importazione del marchio tedesco Synfonic L., definendolo "artigianato tedesco del Mister Rolf, alter ego tedesco di Sudgen" ed ecc. ecc. Al che resto allibito, alla faccia della coerenza ed alla prima occasione, quella dell'acquisto da loro di altro materiale, che tengo a dire finalizzata quindi mi considero a tutt'oggi loro cliente, evidenzio quanto da loro detto in passato riguardo SyL, in contraddizone con la nuova importazione e mi viene argomentato che è perchè i prodotti SyL. da loro importati sono fatti ad oc per il mercato italiano, per le richieste soniche del mercato italiano, su loro specifiche, il tutto ben diverso da quanto prodotto fin ora da Rolf! Quindi, mi permetto di dire, parimento i più bassi prodotti cinesi che calibrano i loro prodotti in base ai gusti del paese di destinazione al fine solo di vendere senza mantenere una coerenza del marchio, di progetto e il loro fisiologico sviluppo, affinamento, miglioramento, vessillo quest'ultimo proprio della produzione artigianale di SyL, incarnata proprio dal suo prorpietario Mr Rolf! Che infatti difficilmente introduce nuovi ed ecclatanti prodotti ma preferisce un lento sviluppo dell'esistente, al fine di creare anche una continuità anche per il valore dell'usato dei suoi prodotti; e prorpio per questo mi chiedo se in futuro si dovessero rientrare degli ampli SyL, la domanda sarà se sono degli ampli per il merctao tedesco o per quello francese, italiano e così via, parimenti le Malboro..... Quindi non mi restò che glissare e parlare d'altro.

    Ecco poi ci chiediamo per perchè della crisi dell'HIFI in Italia.


    _________________
    Spendo poco, ascolto tanto.

    Nik
    The first

    Numero di messaggi : 286
    Data d'iscrizione : 2010-07-28
    Età : 55
    Località : Montalto Dora (TO) Italia

    Re: Symphonic Line, artigianato tedesco

    Post  Nik on Thu Jan 03, 2013 9:57 am

    Beh, non so se il mio Kraftwerk sia stato fatto pensando ad un suono "italiano" che poi non saprei neanche come definire, visto che proprio noi italiani abbiamo gusti così diversi... sta di fatto che suona da me, col mio setup, e per le mie orecchie e gusti come NESSUN ALTRO INTEGRATO avuto. Vedo che hai il Pass INT-150, l'ho avuto e venduto proprio per il GamuT 150 che è partito anche lui da casa mia dopo aver letteralmente sfigurato davanti al Symphonic Line, però i gusti sono gusti...
    Lodevolissima anche l'uscita cuffia del Kraftwerk che pilota egregiamente la mia Grado HP2is, sinceramente credo di aver finito di comprare amplificatori, grazie proprio a questo marchio di cui si parla poco, poco molto male e poco molto bene e, in genere quando i giudizi sono così contrastanti è perchè o la macchina si è inserita bene o per nulla, da me si è inserita come nessun' altra...
    Circa la "grana", l'unica mi pare quella necessaria per comprarlo.... $$$

    Adesso tocca al Belcanto CD player vediamo se mi darà le identiche soddisfazioni...

    PS:
    Adesso il marchio è importato in Italia da altro importatore rispetto a quello da te conosciuto, con quest'ultimo mi trovo molto bene... l'altro non lo ho mai conosciuto di persona.

    Saluti
    Nik


    supermario7
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 23
    Data d'iscrizione : 2012-10-30

    Re: Symphonic Line, artigianato tedesco

    Post  supermario7 on Thu Jan 03, 2013 12:51 pm

    Salve ,
    che dire......
    il mondo è bello perchè è vario.


    Il mio intento è quello di organizzare un ascolto nel mio impianto con un RG7 MK4.

    In alternativa, vedo se riesco a trovare un Symphonic Line in un negozio di Bologna
    per un ascolto.

    P.S. Chi distribuisce oggi il marchio in questione ?

    Saluti.
    M.

    Nik
    The first

    Numero di messaggi : 286
    Data d'iscrizione : 2010-07-28
    Età : 55
    Località : Montalto Dora (TO) Italia

    Re: Symphonic Line, artigianato tedesco

    Post  Nik on Thu Jan 03, 2013 12:54 pm

    Distributore ufficiale: Il tempio esoterico (Catania).
    Tu dove stai? Una visitina da ste parti? (Provincia Torino)

    Saluti
    Nik

    supermario7
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 23
    Data d'iscrizione : 2012-10-30

    Re: Symphonic Line, artigianato tedesco

    Post  supermario7 on Thu Jan 03, 2013 1:07 pm

    Nik wrote:Distributore ufficiale: Il tempio esoterico (Catania).
    Tu dove stai? Una visitina da ste parti? (Provincia Torino)

    Saluti
    Nik


    Salve Nik,
    sono di Cesenatico, (Forlì )

    Quindi siamo distanti.

    Sono in contatto col distributore per riuscire ad ascoltare un ampli Vitus
    presso di me.

    Saluti.
    M.

    Gambadilegno
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 194
    Data d'iscrizione : 2012-05-13
    Età : 48
    Località : Mogliano Veneto

    Re: Symphonic Line, artigianato tedesco

    Post  Gambadilegno on Thu Jan 03, 2013 1:28 pm

    Nik wrote:Beh, non so se il mio Kraftwerk sia stato fatto pensando ad un suono "italiano" che poi non saprei neanche come definire, visto che proprio noi italiani abbiamo gusti così diversi... sta di fatto che suona da me, col mio setup, e per le mie orecchie e gusti come NESSUN ALTRO INTEGRATO avuto. Vedo che hai il Pass INT-150, l'ho avuto e venduto proprio per il GamuT 150 che è partito anche lui da casa mia dopo aver letteralmente sfigurato davanti al Symphonic Line, però i gusti sono gusti...
    Lodevolissima anche l'uscita cuffia del Kraftwerk che pilota egregiamente la mia Grado HP2is, sinceramente credo di aver finito di comprare amplificatori, grazie proprio a questo marchio di cui si parla poco, poco molto male e poco molto bene e, in genere quando i giudizi sono così contrastanti è perchè o la macchina si è inserita bene o per nulla, da me si è inserita come nessun' altra...
    Circa la "grana", l'unica mi pare quella necessaria per comprarlo.... $$$

    Adesso tocca al Belcanto CD player vediamo se mi darà le identiche soddisfazioni...

    PS:
    Adesso il marchio è importato in Italia da altro importatore rispetto a quello da te conosciuto, con quest'ultimo mi trovo molto bene... l'altro non lo ho mai conosciuto di persona.

    Saluti
    Nik


    Forse non mi sono fatto comprendere abbastanza. Anch'io ritengo il SyL. K una macchina eccelsa, forse il miglior integrato sul mercato qualora si posseggano diffusori "tradizionali", io che utilizzo ad oggi diffusori con tw di Heil abbastanza efficenti, non risultava l'accoppiata ideale per questo ho compiuto il percorso inverso al tuo virando sul PASS. Però nella valutazione sonica complessiva del K, pur rimanendo su tutti i parametri magnifico, non eccelle in raffinatezza della gamma alta, la quale per contro risulta scolpitissima, iper-contrastata e graniti, forse naturale contropartita per ottenere cotanta definizione, pur mantenendo una suadenza generale insospettabile, segno evidente che se i progetti sono ben fatti non risentono della famosa egola della "coperta corta". Va poi detto, che come tu evidenziavi, che il suo prezzo di listino è oggettivamente elevato ma in linea con l'acquisto di un buon pre e finale, evitandoti però l'imbarazzo di scelte ed abbinamenti difficile, se non altro per i cavi di segnale da porre tra i due componenti; e comunque una cifra con la quale si può raggiungere la pace audiofila per lungo tempo, quindi tutto sommato, nemmeno tanti soldi !?!.. Hai poi fatto bene ad elogiare il suo pre-cuffia perchè davvero ottimo e rilancio con la bontà, da me testata, del suo pre-phono opzionale, davvero una scheda sonicamente ottima.
    In conclusione, è vero che il mondo è bello perchè vario, ma su oggtti così validi ci sono sempre tanti, tantissimi punti di convergenza.
    Per quanto riguarda l'importatore attuale, io come detto sono loro cliente e anch'io mi ci trovo bene, dico solo che se in linea generale si mantenesse una coerenza di fondo sia prima di trattare un dato prodotto, che dopo quando lo si vende, sarebbe meglio, evitando di generare spesso disorientamento nelle scelte dell'audiofilo, in questo caso abbastanza esigente e possibile "buon cliente" visti i prezzi di SyL e la destinazione di fascia di mercato. Sarebbe bastato argomentare il riufiuto di un eventuale rientro con una motivazione commerciale, non sonica, puntualmente smentita dall'effettiva ottima resa dei prodotti in oggetto, tanto poi da divenirne importatore italiano. Per di più adducendone in seconda battuta, post loro distribuzione, una giustificazione progettuale anomala, almeno per il suddetto marchio e qui ti rispondo sul fatto che il K suona bene così come tutti gli altri in giro per l'Europa inquanto uguale agli altri, perchè non ci sono SyL made fo Italy, garantendo così una eventuale futura rivendibilità del prodotto omogenea anche in altri paesi, grazie anche all'odierno Internet. Spesso si fà più bella figura con una risposta commercialemnte sincera, del tipo non ce la sentiamo di rientrare coi tempi che corrono un altro integrato da 6000 e passa Euri, che con mille giustificazioni semi-tecniche. Tutto qui.


    _________________
    Spendo poco, ascolto tanto.

    Nik
    The first

    Numero di messaggi : 286
    Data d'iscrizione : 2010-07-28
    Età : 55
    Località : Montalto Dora (TO) Italia

    Re: Symphonic Line, artigianato tedesco

    Post  Nik on Thu Jan 03, 2013 1:36 pm

    Pienamente d'accordo.
    Io do per scontato che il parere tecnico di chi vende va sempre preso con le pinze...
    non lo chiedo mai, ordino un apparecchio quando sono convinto di prenderlo, i pareri li chiedo ad altri ... e poi ascolto solo il parere delle mie orecchie ...

    Del lettore CD Belcanto sai dirmi qualcosa?
    Ciao
    Nik

    supermario7
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 23
    Data d'iscrizione : 2012-10-30

    Re: Symphonic Line, artigianato tedesco

    Post  supermario7 on Thu Jan 03, 2013 2:11 pm

    Gambadilegno wrote:

    Forse non mi sono fatto comprendere abbastanza. Anch'io ritengo il SyL. K una macchina eccelsa, forse il miglior integrato sul mercato qualora si posseggano diffusori "tradizionali", io che utilizzo ad oggi diffusori con tw di Heil abbastanza efficenti, non risultava l'accoppiata ideale per questo ho compiuto il percorso inverso al tuo virando sul PASS. Però nella valutazione sonica complessiva del K, pur rimanendo su tutti i parametri magnifico, non eccelle in raffinatezza della gamma alta, la quale per contro risulta scolpitissima, iper-contrastata e graniti, forse naturale contropartita per ottenere cotanta definizione, pur mantenendo una suadenza generale insospettabile, segno evidente che se i progetti sono ben fatti non risentono della famosa egola della "coperta corta". Va poi detto, che come tu evidenziavi, che il suo prezzo di listino è oggettivamente elevato ma in linea con l'acquisto di un buon pre e finale, evitandoti però l'imbarazzo di scelte ed abbinamenti difficile, se non altro per i cavi di segnale da porre tra i due componenti; e comunque una cifra con la quale si può raggiungere la pace audiofila per lungo tempo, quindi tutto sommato, nemmeno tanti soldi !?!.. Hai poi fatto bene ad elogiare il suo pre-cuffia perchè davvero ottimo e rilancio con la bontà, da me testata, del suo pre-phono opzionale, davvero una scheda sonicamente ottima.
    In conclusione, è vero che il mondo è bello perchè vario, ma su oggtti così validi ci sono sempre tanti, tantissimi punti di convergenza.
    Per quanto riguarda l'importatore attuale, io come detto sono loro cliente e anch'io mi ci trovo bene, dico solo che se in linea generale si mantenesse una coerenza di fondo sia prima di trattare un dato prodotto, che dopo quando lo si vende, sarebbe meglio, evitando di generare spesso disorientamento nelle scelte dell'audiofilo, in questo caso abbastanza esigente e possibile "buon cliente" visti i prezzi di SyL e la destinazione di fascia di mercato. Sarebbe bastato argomentare il riufiuto di un eventuale rientro con una motivazione commerciale, non sonica, puntualmente smentita dall'effettiva ottima resa dei prodotti in oggetto, tanto poi da divenirne importatore italiano. Per di più adducendone in seconda battuta, post loro distribuzione, una giustificazione progettuale anomala, almeno per il suddetto marchio e qui ti rispondo sul fatto che il K suona bene così come tutti gli altri in giro per l'Europa inquanto uguale agli altri, perchè non ci sono SyL made fo Italy, garantendo così una eventuale futura rivendibilità del prodotto omogenea anche in altri paesi, grazie anche all'odierno Internet. Spesso si fà più bella figura con una risposta commercialemnte sincera, del tipo non ce la sentiamo di rientrare coi tempi che corrono un altro integrato da 6000 e passa Euri, che con mille giustificazioni semi-tecniche. Tutto qui.


    Però nella valutazione sonica complessiva del K, pur rimanendo su tutti i parametri magnifico, non eccelle in raffinatezza della gamma alta, la quale per contro risulta scolpitissima, iper-contrastata e graniti, forse naturale contropartita per ottenere cotanta definizione, pur mantenendo una suadenza generale insospettabile,

    Puoi specificare meglio ?

    Un saluto.
    M.

    Nik
    The first

    Numero di messaggi : 286
    Data d'iscrizione : 2010-07-28
    Età : 55
    Località : Montalto Dora (TO) Italia

    Re: Symphonic Line, artigianato tedesco

    Post  Nik on Thu Jan 03, 2013 2:17 pm

    In effetti è poco chiaro.

    Per me il K è magnifico su tutto lo spettro, con la eccellenza di un soundstage 3D impressionante ...

    pluto
    Moderatore - discobolo

    Numero di messaggi : 21547
    Data d'iscrizione : 2010-10-05
    Età : 58
    Località : Genova

    Re: Symphonic Line, artigianato tedesco

    Post  pluto on Thu Jan 03, 2013 3:10 pm

    Visto che lui ha i tweeters di Heil che comunque sono altoparlanti particolari, non potrebbe essere che questa differenza di opinioni dipenda da questo?

    Nik rispetto ad ampli cuffia specifici, come si pone il tuo ampli nel pilotaggio delle tue Grado? le ho appena ascoltate con un piccolo ampli Megahertz a valvole e mi sono piaciute parecchio

      Current date/time is Thu Dec 08, 2016 6:57 am