Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
L' ascolto delle Aida a Calco
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    L' ascolto delle Aida a Calco

    Share

    pepe57
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 4691
    Data d'iscrizione : 2009-06-11
    Età : 59
    Località : Milano

    L' ascolto delle Aida a Calco

    Post  pepe57 on Sun Apr 21, 2013 1:37 pm

    Ascoltando le Aida, la prima impressione (già ascoltando un trio che si esibiva in quella sala dal vivo mi ero già fatto l' idea di una stanza troppo assorbente per la gamma alta e riverberante sulla bassa) è stata che l' abbinata MC Intosh/Aida soffrisse maggiormente di una diversa accoppiata (tutta made in Italy) sentita nello stesso ambiente 3 settimane fa. Meno dinamica e meno controllo della gamma bassa che a tratti "correva" anche quando non previsto. Dopo aver ascoltato un programma a mio parere piuttosto "facile" (l' unico brano davvero un po' impegnativo è stato la II rapsodia ungherese di List) ho chiesto una voce lirica e ci hanno fatto ascoltare l' inizio della Missa Criolla Carreras e la sensazione percepita durante il programma (di cui conoscevo solo alcuni brani) si è confermata. Dinamica piuttosto scarsa (forse un po' per la situazione della stanza ed un po' per l' amplificazione) equilibrio tonale un po' sbilanciato verso la gamma mediobassa/bassa, medi un po' ovattati ed acuti non molto ariosi. In diversi passaggi della rapsodia ad es, mi mancavano istantaneità e lucentezza e il risultato un po' lento e monocorde con il risultato di non ben "marcare" il ritmo. Come se non "venisse fuori" come mi aspettavo. Direi che il timbro non era del tutto corretto. Quasi tutto tendeva a rientrare quando il volume non era troppo elevato, proprio per questo credo che siano le stanze e le elettroniche ad essere le principali imputate.
    Comunque, l' immagine (per chi è sensibile a questo parametro, mi è sembrata quasi sempre molto ben distribuita e nei passaggi meno ostici offriva una estrema piacevolezza all' ascolto.
    Sia chiaro, tutte piccole cose in fondo, che se ascoltate su un sistema meno costoso non avrei vissuto con lo stesso spirito. Beninteso, sempre a mio parere e per quello che possano valere delle sensazioni così fugaci.


    _________________
    Chi si accontenta gode
    Presidente Onorario fondatore di: ... CNR@ Club Naso Rosso@ ... CLM@ Club Lampredotto Marimesso@ ...   CVG@ Club Viva la Gnocca@ ...
    QFLG@

    Paintball Milano

    pluto
    Moderatore - discobolo

    Numero di messaggi : 21547
    Data d'iscrizione : 2010-10-05
    Età : 58
    Località : Genova

    Re: L' ascolto delle Aida a Calco

    Post  pluto on Sun Apr 21, 2013 2:49 pm

    Impressioni che assomigliano molto alle mie, quando le ho ascoltate.. sunny

    pepe57
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 4691
    Data d'iscrizione : 2009-06-11
    Età : 59
    Località : Milano

    Re: L' ascolto delle Aida a Calco

    Post  pepe57 on Sun Apr 21, 2013 5:01 pm

    Ciao Gian, quando le hai ascoltate tu in che tipo di stanza erano?
    Come erano amplificate?


    _________________
    Chi si accontenta gode
    Presidente Onorario fondatore di: ... CNR@ Club Naso Rosso@ ... CLM@ Club Lampredotto Marimesso@ ...   CVG@ Club Viva la Gnocca@ ...
    QFLG@

    Paintball Milano

    pluto
    Moderatore - discobolo

    Numero di messaggi : 21547
    Data d'iscrizione : 2010-10-05
    Età : 58
    Località : Genova

    Re: L' ascolto delle Aida a Calco

    Post  pluto on Sun Apr 21, 2013 5:19 pm

    Mi pare avessero amplificazione AR

    Un paio d'anni fa ascoltai proprio con Alon Wolf di Magico il modello TOP a Milano, amplificato da una batteria di 6 Goldmund se la memoria non m'inganna e non ne ebbi sensazioni positive. Perlomeno non nel senso delle mie aspettative che erano altissime visto il costo iperbolico.

    Esprimo un modestissimo parere personale, ma credo che le migliori Sonus Faber siano altre e non necessariamente le più costose (Guarneri, Stradivari, Amati) che poi sono quelle che hanno anche avuto maggior successo

    Io credo che alla SF sia un pò successo quello che succede x i cantieri di yachts. Con la crescita dimensionale, il successo etc, il mercato e le economie di scala ti impongono ad un certo punto modelli che sono fuori dallo standard abituale della casa, e cioè sono molto più grandi, costosi, imponenti. Ma come spesso accade, questo va a snaturare quella che è la base del successo della casa

    pepe57
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 4691
    Data d'iscrizione : 2009-06-11
    Età : 59
    Località : Milano

    Re: L' ascolto delle Aida a Calco

    Post  pepe57 on Sun Apr 21, 2013 6:00 pm

    Io quelle che ho maggiormente apprezzato sono state le Extrema.
    Ci ho dovuto attaccare un po' di finali per trovare quello che sapeva pilotarle come si deve, ma quando ho trovato il giusto abbinamento me le sono davvero gustate.


    _________________
    Chi si accontenta gode
    Presidente Onorario fondatore di: ... CNR@ Club Naso Rosso@ ... CLM@ Club Lampredotto Marimesso@ ...   CVG@ Club Viva la Gnocca@ ...
    QFLG@

    Paintball Milano

    pluto
    Moderatore - discobolo

    Numero di messaggi : 21547
    Data d'iscrizione : 2010-10-05
    Età : 58
    Località : Genova

    Re: L' ascolto delle Aida a Calco

    Post  pluto on Sun Apr 21, 2013 6:10 pm

    Si bella cassa, ma li eravamo ancora agli albori...

    Cricetone
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 6589
    Data d'iscrizione : 2008-12-22
    Località : catanzaro

    Re: L' ascolto delle Aida a Calco

    Post  Cricetone on Sun Apr 21, 2013 7:56 pm

    beh se abbinano mcintosh alle aida era abbastanza prevedibile il risultato.Con gryphon come le avreste viste? sunny


    _________________
     38.000+ foto dei circuiti interni di elettroniche e diffusori hifi, av e professionali.

    pluto
    Moderatore - discobolo

    Numero di messaggi : 21547
    Data d'iscrizione : 2010-10-05
    Età : 58
    Località : Genova

    Re: L' ascolto delle Aida a Calco

    Post  pluto on Sun Apr 21, 2013 10:20 pm

    Se suonavano maluccio con 6 Goldmund da 300 kgeuri.......

    pepe57
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 4691
    Data d'iscrizione : 2009-06-11
    Età : 59
    Località : Milano

    Re: L' ascolto delle Aida a Calco

    Post  pepe57 on Mon Apr 22, 2013 10:54 am

    Peccato che fosse stato tardi, se no avrei rotto le scatole all' amico Paolo per chiedergli di andare a trovarlo e ascoltarmi ancora il full top AT (che è sempre un bell' ascoltare! sunny )


    _________________
    Chi si accontenta gode
    Presidente Onorario fondatore di: ... CNR@ Club Naso Rosso@ ... CLM@ Club Lampredotto Marimesso@ ...   CVG@ Club Viva la Gnocca@ ...
    QFLG@

    Paintball Milano

    Cricetone
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 6589
    Data d'iscrizione : 2008-12-22
    Località : catanzaro

    Re: L' ascolto delle Aida a Calco

    Post  Cricetone on Mon Apr 22, 2013 10:59 am

    Che marchio intendi per AT?Audio Tekne?

    pepe57
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 4691
    Data d'iscrizione : 2009-06-11
    Età : 59
    Località : Milano

    Re: L' ascolto delle Aida a Calco

    Post  pepe57 on Mon Apr 22, 2013 2:25 pm

    Cricetone wrote:Che marchio intendi per AT?Audio Tekne?
    Si. sunny


    _________________
    Chi si accontenta gode
    Presidente Onorario fondatore di: ... CNR@ Club Naso Rosso@ ... CLM@ Club Lampredotto Marimesso@ ...   CVG@ Club Viva la Gnocca@ ...
    QFLG@

    Paintball Milano

      Current date/time is Thu Dec 08, 2016 11:11 pm