Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
l'importanza del Pre-Fono
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    l'importanza del Pre-Fono

    Share

    Gianfry007
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 122
    Data d'iscrizione : 2011-08-22
    Età : 60

    l'importanza del Pre-Fono

    Post  Gianfry007 on Thu May 16, 2013 3:46 pm

    vorrei chiedervi come la pensate a tale riguardo ? e quali sono state e ragioni della vostra scelta ?
    Io reputo che questo apparecchio incida sul suono analogico per almeno il 50%/55%.
    D'altronde e' lui che svolge il lavoro piu' delicato, non credete..!

    A voi la parola..



    RockOnlyRare
    Rockzebo Expert

    Numero di messaggi : 5707
    Data d'iscrizione : 2012-05-18
    Età : 62
    Località : Milano

    Re: l'importanza del Pre-Fono

    Post  RockOnlyRare on Thu May 16, 2013 5:18 pm

    Gianfry007 wrote:vorrei chiedervi come la pensate a tale riguardo ? e quali sono state e ragioni della vostra scelta ?
    Io reputo che questo apparecchio incida sul suono analogico per almeno il 50%/55%.
    D'altronde e' lui che svolge il lavoro piu' delicato, non credete..!

    A voi la parola..

    Proprio in questi gg mi si è posto il problema perchè il canale sx del vecchio ma ancora validissimo pre BGW ha iniziato a rifare i capricci dopo una prima revisione, per un purtroppo temo cronico problema di falsi contatti sul canale sx, per cui mi sono deciso ad interessarmi per l'acquisto di un pre phono che oltretutto permetterebbe l'utilizzo di testite MC a basso segnale che il mio pre non supportava ancora.

    Trascurando il caso banale di pre privo di pre-phono, per il resto dipende molto dal pre-phono integrato nell'pre dell'ampli, sia esso ampli integrato o su due telai.
    Oggi mi sa che gli ampli più curati volutamente siano privi di pre-phono per lasciare la scelta all'utente, oppure se c'è, che sia un entry level o poco più come soluzione temporanea in attesa di qualcosa di meglio.

    Nel caso del mio vecchio BGW (fine anni 70) lo stadio pre phono doveva essere davvero curato, anche perchè ai tempi il vinile era la sorgente per eccellenza ed i pre phono separati erano riservati ad impianti ultra esoterici.
    Tanto che ho preso in prova il Dino e la primissima sorprendente impressione (da rivedere ampiamente con calma) è di un netto guadagno in dinamica ma a scapito di una pulizia minore del suono rispetto all'ingresso dell'ampli.
    In "soldoni" se vuoi un reale miglioramento dal pre dell'mio ampli, preparati a sganciare di più !!!!!!

    Secondo me al primo posto in assoluto c'è la testina, poi sarei incerto tra braccio e pre-phono, per ultimi il piatto ed i cavi di segnale, ovviamente parlando sempre di componenti 100% hi-fi e dai costi umani.
    Scappo che vado a proseguire il test :)

    Fausto
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 5904
    Data d'iscrizione : 2010-10-09
    Età : 51
    Località : LAND OF HOPE AND DREAMS

    Re: l'importanza del Pre-Fono

    Post  Fausto on Thu May 16, 2013 5:40 pm

    Gianfry007 wrote:vorrei chiedervi come la pensate a tale riguardo ? e quali sono state e ragioni della vostra scelta ?
    Io reputo che questo apparecchio incida sul suono analogico per almeno il 50%/55%.
    D'altronde e' lui che svolge il lavoro piu' delicato, non credete..!

    A voi la parola..



    Attribuisco al pre phono una grande importanza proprio per l'incidenza che ha sul suono analogico che, nel giusto abbinamento alla testina ed al braccio, può raggiungere anche il 65% / 75%.
    Il resto è per il giradischi ( qualità - trazione - alimentazione - ecc. ecc. ) e corretta taratura.
    La mia scelta?
    Sto' valutando qualche modello proprio perché è il pezzo che in questo momento mi manca!
    sunny sunny sunny

    alanford
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1246
    Data d'iscrizione : 2012-06-03
    Località : monza

    Re: l'importanza del Pre-Fono

    Post  alanford on Thu May 16, 2013 6:03 pm

    a parer mio cio' che conta di piu' e' la sinergia tra il phono e la testina
    ottimi pre phono poco sinergici con le caratteristiche elettriche della testina hanno offerto prestazioni deludenti mentre gli stessi phono con altre testine decisamente piu' sinergiche hanno offerto ottime prestazioni
    il mio suggerimento e' di guardare attentamente le caratteristiche eletriche della testina e di conseguenza scegliere il phono privilegiando i pre "costruiti" per quella testina (normalmente i pre della stessa marca della testina)
    se hai piu' testine prendi un phono multiregolabile

    the Crimson King
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 2184
    Data d'iscrizione : 2013-01-16
    Località : un po' qui, un po' là, un po' altrove

    Re: l'importanza del Pre-Fono

    Post  the Crimson King on Fri May 17, 2013 12:22 am

    alanford wrote:a parer mio cio' che conta di piu' e' la sinergia tra il phono e la testina


    http://it.wikipedia.org/wiki/Olismo

    è questo che un po' mi scoccia dell'audiofilia... oltre alla questione insindacabile dei gusti personali, non basta reperire componenti di qualità, bisogna anche trovare e provare gli abbinamenti giusti!


    _________________
    "Coi capelli sciolti al vento io dirigo il tempo, il mio tempo...
    là... negli spazi dove Morte non ha domini, dove l'Amore varca i confini..."



    "Confusion" will be my epitaph...

    RockOnlyRare
    Rockzebo Expert

    Numero di messaggi : 5707
    Data d'iscrizione : 2012-05-18
    Età : 62
    Località : Milano

    Re: l'importanza del Pre-Fono

    Post  RockOnlyRare on Fri May 17, 2013 11:19 am

    alanford wrote:a parer mio cio' che conta di piu' e' la sinergia tra il phono e la testina
    ottimi pre phono poco sinergici con le caratteristiche elettriche della testina hanno offerto prestazioni deludenti mentre gli stessi phono con altre testine decisamente piu' sinergiche hanno offerto ottime prestazioni
    il mio suggerimento e' di guardare attentamente le caratteristiche eletriche della testina e di conseguenza scegliere il phono privilegiando i pre "costruiti" per quella testina (normalmente i pre della stessa marca della testina)
    se hai piu' testine prendi un phono multiregolabile

    Il tuo discorso non fa una grinza, ma il "guaio" è che la testina è un componente che non è "stabile", quando è usurata si cambia, a maggior ragione con l'acquisto di un pre phono, come si dice l'appetito viene mangiando.
    Anche perchè le testine una volta avevano la puntina intercambiabile, oggi va cambiato il tutto (con un aggravio di spesa indecente ma tant'è)

    Nel mio caso, prenderò un pre phono per 2 emotivi: 1) il pre phono del mio preampli ha problemi di contatti, 2) voglio passare ad una MC che l'attuale preampi non supporta.

    Il consiglio è prendere un pre phono il più possibile neutro ed ovviamente con multiregolazioni (ma quasi tutto hanno questa capacità).

    Gianfry007
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 122
    Data d'iscrizione : 2011-08-22
    Età : 60

    Re: l'importanza del Pre-Fono

    Post  Gianfry007 on Fri May 17, 2013 11:40 am

    Se dovessi fare un mia classifica personale direi che il posto d'onore spetta senza alcun dubbio all'articolazione del braccio, se questa non e' stata progettata piu' che bene si vanifica tutto.
    Al secondo posto ci metto il pre-fono.
    Al terzo la testina.
    Al quarto il giradischi ed ai cavi.

    In questi anni mi e' successo di ascoltare testine di alto bordo che non si esprimevano come dovevano, e sapete perche', erano montate su dei bracci non consoni alla loro interfacciabilita, il pre-fono comunque si dica e' fra gli apparecchi piu' sensibili al suono finale, se non lo si sceglie con grande dovizia di sinergia il resto dell'impianto rimane relegato su un suono mediocre.

    Diversamente ho ascoltato testine di fascia medio-bassa (sulla fascia da 300 ai 700€) suonare magnificamente bene, e sapete perche'.., perche' avevano un pre-fono molto performante. Questa cosa la dice lunga sul risultato finale che si puo' ottenere da una sinergia pressoche' perfetta.
    La fortuna poi gioca un ruolo importante nelle varie scelte che ogni appassionato fa.
    Non credete...!!


    ciao

    "La musica trova le sue fondamenta nei bassi, la musica vive e vegeta in un ambiente che si adagia sui bassi profondi".



    Fausto
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 5904
    Data d'iscrizione : 2010-10-09
    Età : 51
    Località : LAND OF HOPE AND DREAMS

    Re: l'importanza del Pre-Fono

    Post  Fausto on Fri May 17, 2013 12:08 pm

    the Crimson King wrote:

    è questo che un po' mi scoccia dell'audiofilia... oltre alla questione insindacabile dei gusti personali, non basta reperire componenti di qualità, bisogna anche trovare e provare gli abbinamenti giusti!

    è questo il bello!
    cercare, trovare ed .... abbinare! cheers cheers cheers

    mc 73
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 6695
    Data d'iscrizione : 2012-12-10
    Località : friuli udine e dintorni

    Re: l'importanza del Pre-Fono

    Post  mc 73 on Fri May 17, 2013 12:24 pm

    Fausto wrote:

    è questo il bello!
    cercare, trovare ed .... abbinare! cheers cheers cheers

    è il bello ma anche il brutto dell'analogico cosa che può portare ad un abbandono ( x incaz....ra )del amato/odiato disco nero

    RockOnlyRare
    Rockzebo Expert

    Numero di messaggi : 5707
    Data d'iscrizione : 2012-05-18
    Età : 62
    Località : Milano

    Re: l'importanza del Pre-Fono

    Post  RockOnlyRare on Fri May 17, 2013 12:35 pm

    Gianfry007 wrote:Se dovessi fare un mia classifica personale direi che il posto d'onore spetta senza alcun dubbio all'articolazione del braccio, se questa non e' stata progettata piu' che bene si vanifica tutto.
    Al secondo posto ci metto il pre-fono.
    Al terzo la testina.
    Al quarto il giradischi ed ai cavi.

    In questi anni mi e' successo di ascoltare testine di alto bordo che non si esprimevano come dovevano, e sapete perche', erano montate su dei bracci non consoni alla loro interfacciabilita, il pre-fono comunque si dica e' fra gli apparecchi piu' sensibili al suono finale, se non lo si sceglie con grande dovizia di sinergia il resto dell'impianto rimane relegato su un suono mediocre.

    Diversamente ho ascoltato testine di fascia medio-bassa (sulla fascia da 300 ai 700€) suonare magnificamente bene, e sapete perche'.., perche' avevano un pre-fono molto performante. Questa cosa la dice lunga sul risultato finale che si puo' ottenere da una sinergia pressoche' perfetta.
    La fortuna poi gioca un ruolo importante nelle varie scelte che ogni appassionato fa.
    Non credete...!!


    ciao

    "La musica trova le sue fondamenta nei bassi, la musica vive e vegeta in un ambiente che si adagia sui bassi profondi".



    Non posso non invidiarti visto che ritieni "medio bassa" una testina da 300-700€.
    Anche in merito al braccio, c'è da fare un distinguo.

    I piatti vanno da poche centinaia di Euro ad addirittura i 150.000€ del modello a piattaforma petrolifera che ho visto di persona da Audiograffitti (in esposizione).

    Parlando sempre di acquisti oculati, quando si comincia a prendere un piatto il cui costo supera e abbondantemente i 1000€ senza testina, si parla già di un ottimo prodotto in cui difficilmente il braccio è scadente.
    Stesso discorso si può fare per festine il cui costo sia intorno ai 500€.

    Insomma un bel piatto testina tra i 2 ed i 3000€ per me è già un signore acquisto (sempre ovviamente parlando di soldi ben spesi ed accoppiamento ottimale), ed in grado di dare grandissime soddisfazione a chi lo possiede.
    Se poi questo è un prodotto medio-basso...... per me è medio-alto se non alto.
    Dopo si va sull'esoterico con prodotti meravigliosi se non da favola ma non più per i comuni mortali !!!

    Cosa ne pensate ?




    RockOnlyRare
    Rockzebo Expert

    Numero di messaggi : 5707
    Data d'iscrizione : 2012-05-18
    Età : 62
    Località : Milano

    Re: l'importanza del Pre-Fono

    Post  RockOnlyRare on Fri May 17, 2013 12:38 pm

    mc 73 wrote:

    è il bello ma anche il brutto dell'analogico cosa che può portare ad un abbandono ( x incaz....ra )del amato/odiato disco nero

    Analogico ? Ma perché nel digitale è tutto facile ?
    Accoppiamento Meccanica CD + DAC oppure lettore integrato, lettori dedicati di musica liquida, per non parlare dei SACD, dei DVD Audio adesso dei BD audio, domani chi sa ....
    Dimenticavo i sistemi multicanale , DTS etc etc..

    Insomma se scegliere il giradischi ideale è un casino quello digitale è un miraggio :)

    mc 73
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 6695
    Data d'iscrizione : 2012-12-10
    Località : friuli udine e dintorni

    Re: l'importanza del Pre-Fono

    Post  mc 73 on Fri May 17, 2013 12:57 pm

    a mio parere con le sorgenti digitali tutti questi problemi non ci sono ,si prova le macchine che interessano nel proprio impianto e poi si passa alla scelta di quella + adatta x gusti ed interfacciamento.

    RockOnlyRare
    Rockzebo Expert

    Numero di messaggi : 5707
    Data d'iscrizione : 2012-05-18
    Età : 62
    Località : Milano

    Re: l'importanza del Pre-Fono

    Post  RockOnlyRare on Fri May 17, 2013 1:03 pm

    mc 73 wrote:a mio parere con le sorgenti digitali tutti questi problemi non ci sono ,si prova le macchine che interessano nel proprio impianto e poi si passa alla scelta di quella + adatta x gusti ed interfacciamento.

    Beh almeno con il pre phono e proprio quello che sto facendo in questi gg. Certo provare una testina ed un piatto è ben più difficile, conviene prima scegliere il piatto e poi fidarti anche di cosa suggeriscono gli esperti della ditta che costruisce piatto prima e braccio poi.


    mc 73
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 6695
    Data d'iscrizione : 2012-12-10
    Località : friuli udine e dintorni

    Re: l'importanza del Pre-Fono

    Post  mc 73 on Fri May 17, 2013 1:18 pm

    RockOnlyRare wrote:

    Beh almeno con il pre phono e proprio quello che sto facendo in questi gg. Certo provare una testina ed un piatto è ben più difficile, conviene prima scegliere il piatto e poi fidarti anche di cosa suggeriscono gli esperti della ditta che costruisce piatto prima e braccio poi.

    provare un componente come un pre phono e sceglierlo in base a budget e interfacciamento sulla catena analogica di casa propria non è un operazione rischiosa ( se non piace si prova altro )scegliere gira testine al buio ( come spesso accade )è sicuramente altra cosa,e fidarsi dei consigli del costruttore è altra cosa ancora ( sicuramente vorrà dare dei consigli a suo interesse )e potrebbe portare ad acquisti sbagliati.

    ancas77
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 292
    Data d'iscrizione : 2012-01-04

    Re: l'importanza del Pre-Fono

    Post  ancas77 on Fri May 17, 2013 1:19 pm

    I soldi per il pre phono (per esperienza personale) sono l'unico vero investimento che rimane nell'impianto analogico ossia una volta preso quello che è più in cline alle nostre possibilità e gusti è per tutta la vita (fermo restando l'ipotesi di diventar più ricchi e prenderne uno più performante cheers ). Dunque personalmente pesa almeno il 60%.
    Sono passato da un nad a lehamn cube se a parità di testina, giradischi. elettroniche e acustica posso garantirvi che mi è cambiato tutto (non differenze minime percezioni ecc). Ora soddisfattissimo
    Piccola precisazione la mia parte analogica ha superato di gran lunga quella digitale affraid


    _________________
    Sorgente Analogica: Technics sl 1210 mk II ricablato vdh MCS150M, presa rca audioquest e totalmente revisionato
    Fonorilevatore: Ortfon VMS 30 mk II
    Sorgente digitale: Cocktail audio x10
    Amplificatore Ibrido: Xindak 6200
    Stadio Pre Phono:Lehmann audio black cube se
    Diffusori: audes 106
    Cavo di segnale sorgente analogica: vdh 502 hybrid terminato vdh, air tech entry strong
    Cavo di segnale sorgente digitale: autocostruito
    Cavo di alimentazione: autocostruito su progetto tnt tts  (cavo BALDASSARRI)
    Cavo di potenza: Aircom Plus 50 ohm terminato a banane
    Cuffia: grado sr80i

    Fausto
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 5904
    Data d'iscrizione : 2010-10-09
    Età : 51
    Località : LAND OF HOPE AND DREAMS

    Re: l'importanza del Pre-Fono

    Post  Fausto on Fri May 17, 2013 1:22 pm

    RockOnlyRare wrote:

    Analogico ? Ma perché nel digitale è tutto facile ?
    Accoppiamento Meccanica CD + DAC oppure lettore integrato, lettori dedicati di musica liquida, per non parlare dei SACD, dei DVD Audio adesso dei BD audio, domani chi sa ....
    Dimenticavo i sistemi multicanale , DTS etc etc..

    Insomma se scegliere il giradischi ideale è un casino quello digitale è un miraggio :)

    Hai .... quasi ragione!
    Con il "nuovo" digitale ( liquida ) il vero problema è che ciò che ti metti a "settare" non si vede e non si tocca!
    Rimane sempre il dubbio se ciò che si è fatto è stato fatto nel modo corretto. IMHO
    Con sistemi diversi ( classica meccanica CDP + DAC ) è più facile e pratico in assoluto.
    Il multi canale è un mondo a se' molto particolare e probabilmente più dedicato alla visione di films dove il settaggio "preciso" è meno richiesto. IMHO.
    sunny

    Fausto
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 5904
    Data d'iscrizione : 2010-10-09
    Età : 51
    Località : LAND OF HOPE AND DREAMS

    Re: l'importanza del Pre-Fono

    Post  Fausto on Fri May 17, 2013 1:30 pm

    RockOnlyRare wrote:


    Insomma un bel piatto testina tra i 2 ed i 3000€ per me è già un signore acquisto (sempre ovviamente parlando di soldi ben spesi ed accoppiamento ottimale), ed in grado di dare grandissime soddisfazione a chi lo possiede.
    Se poi questo è un prodotto medio-basso...... per me è medio-alto se non alto.
    Dopo si va sull'esoterico con prodotti meravigliosi se non da favola ma non più per i comuni mortali !!!

    Cosa ne pensate ?




    Tra i duemila ed i tremila abbiamo già la possibilità di ascoltare con un buon set_up!
    sunny

    RockOnlyRare
    Rockzebo Expert

    Numero di messaggi : 5707
    Data d'iscrizione : 2012-05-18
    Età : 62
    Località : Milano

    Re: l'importanza del Pre-Fono

    Post  RockOnlyRare on Fri May 17, 2013 2:35 pm

    ancas77 wrote:I soldi per il pre phono (per esperienza personale) sono l'unico vero investimento che rimane nell'impianto analogico ossia una volta preso quello che è più in cline alle nostre possibilità e gusti è per tutta la vita (fermo restando l'ipotesi di diventar più ricchi e prenderne uno più performante cheers ). Dunque personalmente pesa almeno il 60%.
    Sono passato da un nad a lehamn cube se a parità di testina, giradischi. elettroniche e acustica posso garantirvi che mi è cambiato tutto (non differenze minime percezioni ecc). Ora soddisfattissimo
    Piccola precisazione la mia parte analogica ha superato di gran lunga quella digitale affraid

    Interessante, io sto provando il dino (con il top MM della Ortophon , 2m black mi pare) e la differenza tra il pre phono e l'ingresso phono dell'ampli (quando va perchè il problema è quello) è nell'ordine di dettagli appena percettibili.
    Stasera mi danno in prova il Bel Canto, altra categoria (ma anche altra fascia di prezzo, forse troppo per il mio budget dopo varie spese di ristrutturazione). Vediamo che differenza c'è, anche se una MM è un po' limitativa temo.

    Massimo
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 31492
    Data d'iscrizione : 2010-06-21
    Età : 61
    Località : Portici (NA)

    Re: l'importanza del Pre-Fono

    Post  Massimo on Fri May 17, 2013 5:49 pm

    Il pre-phono come già detto è uno dei principali componenti dell'analogico, molto spesso si preferisce prenderne uno MM poi usare uno step-up che secondo la testina usata può essere sia a trafo che elettronico.
    Questa potrebbe essere una soluzione, nel senso che cambiando tipo o marca di testina MC sostituisci solo lo stet-up. sunny
    Lo step-up puoi anche metterlo tra il gira e l'entrata MM dell'ampli, sempre che questa ti soddisfi.


    _________________
    Quando il dito indica la luna, l'imbecille guarda il dito

    Fausto
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 5904
    Data d'iscrizione : 2010-10-09
    Età : 51
    Località : LAND OF HOPE AND DREAMS

    Re: l'importanza del Pre-Fono

    Post  Fausto on Fri May 17, 2013 6:01 pm

    Massimo wrote:

    Lo step-up puoi anche metterlo tra il gira e l'entrata MM dell'ampli, sempre che questa ti soddisfi.


    Ed è quello che ho fatto io con il mio Rega collegato al Lector.
    sunny sunny sunny

    alanford
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1246
    Data d'iscrizione : 2012-06-03
    Località : monza

    Re: l'importanza del Pre-Fono

    Post  alanford on Sat May 18, 2013 5:22 pm

    RockOnlyRare wrote:

    Interessante, io sto provando il dino (con il top MM della Ortophon , 2m black mi pare) e la differenza tra il pre phono e l'ingresso phono dell'ampli (quando va perchè il problema è quello) è nell'ordine di dettagli appena percettibili.
    Stasera mi danno in prova il Bel Canto, altra categoria (ma anche altra fascia di prezzo, forse troppo per il mio budget dopo varie spese di ristrutturazione). Vediamo che differenza c'è, anche se una MM è un po' limitativa temo.

    se e' cosi' allora lascia perdere il dino
    non ha senso spendere soldi per avere un qualcosa che va piu' o meno allo stesso modo
    cerca qualcos'altro e nel frattempo metti i soldi da parte per qualcosa di piu' performante
    prima o poi l'occasione capita, soprattutto nell'usato
    cerca nei vari mercatini e vedi se ti e' possibile ascoltare il phono prima dell'acquisto


    RockOnlyRare
    Rockzebo Expert

    Numero di messaggi : 5707
    Data d'iscrizione : 2012-05-18
    Età : 62
    Località : Milano

    Re: l'importanza del Pre-Fono

    Post  RockOnlyRare on Sat May 18, 2013 11:34 pm

    alanford wrote:

    se e' cosi' allora lascia perdere il dino
    non ha senso spendere soldi per avere un qualcosa che va piu' o meno allo stesso modo
    cerca qualcos'altro e nel frattempo metti i soldi da parte per qualcosa di piu' performante
    prima o poi l'occasione capita, soprattutto nell'usato
    cerca nei vari mercatini e vedi se ti e' possibile ascoltare il phono prima dell'acquisto


    Per il momento ho sospeso tutto, il bel canto è troppo costoso e non è adatto al mio impianto mentre il Dino garantisce un miglioramento minimo. A questo punto voglio provare prima a cercare di riparare il pre phono. Se come credo il problema è nei pulsanti del selettore phono, ho avuto un'idea: sostituirli con quelli che inseriscono i filtri su alti e bassi, che sono identici e non ho mai usato.

    RockOnlyRare
    Rockzebo Expert

    Numero di messaggi : 5707
    Data d'iscrizione : 2012-05-18
    Età : 62
    Località : Milano

    Re: l'importanza del Pre-Fono

    Post  RockOnlyRare on Sat May 18, 2013 11:56 pm

    mc 73 wrote:
    provare un componente come un pre phono e sceglierlo in base a budget e interfacciamento sulla catena analogica di casa propria non è un operazione rischiosa ( se non piace si prova altro )scegliere gira testine al buio ( come spesso accade )è sicuramente altra cosa,e fidarsi dei consigli del costruttore è altra cosa ancora ( sicuramente vorrà dare dei consigli a suo interesse )e potrebbe portare ad acquisti sbagliati.

    Hai ragione da vendere, io ho tutto sommato la fortuna di avere un negoziante vicino a dove abito di cui mi fido, anche perchè gran parte dei consigli che mi da sono su prodotti che lui non ha in casa e che ordina su richiesta del cliente.

    E' vero che lui potrebbe spingere per un prodotto piuttosto che un altro in base al margine di guadagno, ma perlomeno si evita il rischio maggiore che è quello che il negoziante spinga il cliente ad acquistare i prodotti che ha in casa per "sbolognarli" prima possibile.
    Poi magari sono ottimi prodotti, ma specialmente davanti ad un cliente poco esperto le probabilità che gli rifilino il prodotto che nessuno vuole, modello fuori produzione, e che magari è stato usato due anni come demo in negozio, sono enormi.
    (Lo so per esperienza per essermi (da studente aiutavo in un negozio) preso una discreta lavata di testa dal mio principale perchè consigliai ad un cliente, mio amico, l'ultimissimo modello di una piastra invece del penultimo che era rimasto invenduto). :)

    alanford
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1246
    Data d'iscrizione : 2012-06-03
    Località : monza

    Re: l'importanza del Pre-Fono

    Post  alanford on Sun May 19, 2013 12:22 am

    RockOnlyRare wrote:

    Per il momento ho sospeso tutto, il bel canto è troppo costoso e non è adatto al mio impianto mentre il Dino garantisce un miglioramento minimo. A questo punto voglio provare prima a cercare di riparare il pre phono. Se come credo il problema è nei pulsanti del selettore phono, ho avuto un'idea: sostituirli con quelli che inseriscono i filtri su alti e bassi, che sono identici e non ho mai usato.
    ma e' questo il tuo pre?
    http://app.audiogon.com/listings/solid-state-very-rare-bgw-model-203-stereo-preamplifier-awesome-build-and-sound-quality-made-in-t-2012-12-26-preamplifiers-94925-corte-madera-ca
    in effetti lo stadio phono non pare niente male (vedi s/n 88 db...)
    forse vale la pena fargli una bella revisione dei condensatori e parti meccaniche
    potrebbe trattarsi solo di un falso contatto

    RockOnlyRare
    Rockzebo Expert

    Numero di messaggi : 5707
    Data d'iscrizione : 2012-05-18
    Età : 62
    Località : Milano

    Re: l'importanza del Pre-Fono

    Post  RockOnlyRare on Sun May 19, 2013 12:48 am

    alanford wrote:
    ma e' questo il tuo pre?
    http://app.audiogon.com/listings/solid-state-very-rare-bgw-model-203-stereo-preamplifier-awesome-build-and-sound-quality-made-in-t-2012-12-26-preamplifiers-94925-corte-madera-ca
    in effetti lo stadio phono non pare niente male (vedi s/n 88 db...)
    forse vale la pena fargli una bella revisione dei condensatori e parti meccaniche
    potrebbe trattarsi solo di un falso contatto

    La marca è quella, il mio però era il 202 (credo il 203 fosse il modello successivo), è quasi identico al mio a parte che nel mio c'erano potenziometri invece delle manopole per toni e volume, separati per canale (per cui non esisteva il balance).
    La sezione e disposizione dei tasti è identica al mio.
    Il 202 aveva poi una matrice a 4 tasti per selezionare ingressi ed uscite, ad esempio lo stereo era ingresso RIGHT su uscita RIGHT e LEFT su LEFT, il mono era ingresso R su uscita R+L ed ingresso L su uscita R+L. il reverse R su L e L su R e così via. In teoria erano possibili 16 differenti combinazioni ingresso uscita, anche se alcuna non avevano senso (es nessun uscita selezionata oppure un canale di uscita completamente vuoto).

    La particolarità di questi apparecchi, costruiti e testati uno per uno al 100% in usa, era che derivavano dai componenti professionali usati per amplificazioni di cinema sale incisione teatri discoteche etc.
    I componenti erano di derivazione militare, quindi di grande affidabilità e robustezza.
    Era l'amplificazione di riferimento scelta dagli importatori della Dahlquist, cassa eccellente ma terribilmente difficile da pilotare con soli 88db di efficienza ed una resistenza che scendeva anche sotto i 2 OHM. Ci volevano circa 200W per canale ed una grande robustezza del finale.

    Il BGW era l'ideale con 240W per canale ed una solidità proverbiale, non a caso a parte qualche revisione per i contatti rumorosi e poco altro, sono arrivati intatti 35 anni dopo ed in grado ancora di emozionare insieme alle Dahlquist.

    Ho trovato qualcosa

    Manuale http://somemanuals.com/BGW,201,IJEBAJB.PDF
    Schema http://www.hifiengine.com/library/bgw/202.shtml
    Immagine http://www.worthpoint.com/worthopedia/bgw-systems-model-202-preamp-stereo-17681033
    Il mio è quello che nella foto è grigio a parte che il mio è nero, (sotto c'è un costosto equalizzatore famosissimo all'epoca)



      Current date/time is Fri Dec 09, 2016 8:43 am