Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
l'importanza del Pre-Fono - Page 2
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    l'importanza del Pre-Fono

    Share

    RockOnlyRare
    Rockzebo Expert

    Numero di messaggi : 5707
    Data d'iscrizione : 2012-05-18

    Re: l'importanza del Pre-Fono

    Post  RockOnlyRare on Sun May 19, 2013 12:48 am

    alanford wrote:
    ma e' questo il tuo pre?
    http://app.audiogon.com/listings/solid-state-very-rare-bgw-model-203-stereo-preamplifier-awesome-build-and-sound-quality-made-in-t-2012-12-26-preamplifiers-94925-corte-madera-ca
    in effetti lo stadio phono non pare niente male (vedi s/n 88 db...)
    forse vale la pena fargli una bella revisione dei condensatori e parti meccaniche
    potrebbe trattarsi solo di un falso contatto

    La marca è quella, il mio però era il 202 (credo il 203 fosse il modello successivo), è quasi identico al mio a parte che nel mio c'erano potenziometri invece delle manopole per toni e volume, separati per canale (per cui non esisteva il balance).
    La sezione e disposizione dei tasti è identica al mio.
    Il 202 aveva poi una matrice a 4 tasti per selezionare ingressi ed uscite, ad esempio lo stereo era ingresso RIGHT su uscita RIGHT e LEFT su LEFT, il mono era ingresso R su uscita R+L ed ingresso L su uscita R+L. il reverse R su L e L su R e così via. In teoria erano possibili 16 differenti combinazioni ingresso uscita, anche se alcuna non avevano senso (es nessun uscita selezionata oppure un canale di uscita completamente vuoto).

    La particolarità di questi apparecchi, costruiti e testati uno per uno al 100% in usa, era che derivavano dai componenti professionali usati per amplificazioni di cinema sale incisione teatri discoteche etc.
    I componenti erano di derivazione militare, quindi di grande affidabilità e robustezza.
    Era l'amplificazione di riferimento scelta dagli importatori della Dahlquist, cassa eccellente ma terribilmente difficile da pilotare con soli 88db di efficienza ed una resistenza che scendeva anche sotto i 2 OHM. Ci volevano circa 200W per canale ed una grande robustezza del finale.

    Il BGW era l'ideale con 240W per canale ed una solidità proverbiale, non a caso a parte qualche revisione per i contatti rumorosi e poco altro, sono arrivati intatti 35 anni dopo ed in grado ancora di emozionare insieme alle Dahlquist.

    Ho trovato qualcosa

    Manuale http://somemanuals.com/BGW,201,IJEBAJB.PDF
    Schema http://www.hifiengine.com/library/bgw/202.shtml
    Immagine http://www.worthpoint.com/worthopedia/bgw-systems-model-202-preamp-stereo-17681033
    Il mio è quello che nella foto è grigio a parte che il mio è nero, (sotto c'è un costosto equalizzatore famosissimo all'epoca)



    alanford
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1240
    Data d'iscrizione : 2012-06-03
    Località : monza

    Re: l'importanza del Pre-Fono

    Post  alanford on Sun May 19, 2013 1:11 am

    RockOnlyRare wrote:

    La marca è quella, il mio però era il 202 (credo il 203 fosse il modello successivo), è quasi identico al mio a parte che nel mio c'erano potenziometri invece delle manopole per toni e volume, separati per canale (per cui non esisteva il balance).
    La sezione e disposizione dei tasti è identica al mio.
    Il 202 aveva poi una matrice a 4 tasti per selezionare ingressi ed uscite, ad esempio lo stereo era ingresso RIGHT su uscita RIGHT e LEFT su LEFT, il mono era ingresso R su uscita R+L ed ingresso L su uscita R+L. il reverse R su L e L su R e così via. In teoria erano possibili 16 differenti combinazioni ingresso uscita, anche se alcuna non avevano senso (es nessun uscita selezionata oppure un canale di uscita completamente vuoto).

    La particolarità di questi apparecchi, costruiti e testati uno per uno al 100% in usa, era che derivavano dai componenti professionali usati per amplificazioni di cinema sale incisione teatri discoteche etc.
    I componenti erano di derivazione militare, quindi di grande affidabilità e robustezza.
    Era l'amplificazione di riferimento scelta dagli importatori della Dahlquist, cassa eccellente ma terribilmente difficile da pilotare con soli 88db di efficienza ed una resistenza che scendeva anche sotto i 2 OHM. Ci volevano circa 200W per canale ed una grande robustezza del finale.

    Il BGW era l'ideale con 240W per canale ed una solidità proverbiale, non a caso a parte qualche revisione per i contatti rumorosi e poco altro, sono arrivati intatti 35 anni dopo ed in grado ancora di emozionare insieme alle Dahlquist.

    Ho trovato qualcosa

    Manuale http://somemanuals.com/BGW,201,IJEBAJB.PDF
    Schema http://www.hifiengine.com/library/bgw/202.shtml
    Immagine http://www.worthpoint.com/worthopedia/bgw-systems-model-202-preamp-stereo-17681033
    Il mio è quello che nella foto è grigio a parte che il mio è nero, (sotto c'è un costosto equalizzatore famosissimo all'epoca)



    beh, il 203 mi pare piu' performante
    comunque per ampli di piu' di 30 anni, la sostituzione dei condensatori e' quasi d'obbligo

    Massimo
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 31484
    Data d'iscrizione : 2010-06-21
    Età : 61
    Località : Portici (NA)

    Re: l'importanza del Pre-Fono

    Post  Massimo on Sun May 19, 2013 5:43 pm

    RockOnlyRare wrote:
    Per il momento ho sospeso tutto, il bel canto è troppo costoso e non è adatto al mio impianto mentre il Dino garantisce un miglioramento minimo. A questo punto voglio provare prima a cercare di riparare il pre phono. Se come credo il problema è nei pulsanti del selettore phono, ho avuto un'idea: sostituirli con quelli che inseriscono i filtri su alti e bassi, che sono identici e non ho mai usato.
    Per il momento potresti provare spruzzando dello spry nei pulsanti, non è detto che sia per forza loro la colpa del cattivo funzionamento del pre-phono. sunny


    _________________
    Quando il dito indica la luna, l'imbecille guarda il dito

    Gianfry007
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 122
    Data d'iscrizione : 2011-08-22
    Età : 60

    Re: l'importanza del Pre-Fono

    Post  Gianfry007 on Sun May 19, 2013 6:53 pm

    ancas77 wrote:I soldi per il pre phono (per esperienza personale) sono l'unico vero investimento che rimane nell'impianto analogico ossia una volta preso quello che è più in cline alle nostre possibilità e gusti è per tutta la vita (fermo restando l'ipotesi di diventar più ricchi e prenderne uno più performante cheers ). Dunque personalmente pesa almeno il 60%.
    Sono passato da un nad a lehamn cube se a parità di testina, giradischi. elettroniche e acustica posso garantirvi che mi è cambiato tutto (non differenze minime percezioni ecc). Ora soddisfattissimo
    Piccola precisazione la mia parte analogica ha superato di gran lunga quella digitale affraid



    Concordo con te tutto quello che hai detto, ma vallo a far capire alle persone...
    Prima di cambiare giradischi-bracci-testine bisognerebbe fermarsi un'attimo, ragionare sul proprio trittico analogico e poi individuare un pre-fono di grande musicalita', fatto questo lo si prova prima nella propria catena, e poi si decide con calma, che sia a valvole o a stato solido poco importa, quello che importa e' quanto lui riesce ad emozionare, condivido il fatto che sia l'unico vero investimento da fare in un impianto analogico.


    ciao

    "La musica trova le sue fondamenta nei bassi, la musica vive e vegeta in un ambiente che si adagia sui bassi profondi".


    mc 73
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 6679
    Data d'iscrizione : 2012-12-10
    Località : friuli udine e dintorni

    Re: l'importanza del Pre-Fono

    Post  mc 73 on Sun May 19, 2013 7:00 pm

    Gianfry007 wrote:



    Concordo con te tutto quello che hai detto, ma vallo a far capire alle persone...
    Prima di cambiare giradischi-bracci-testine bisognerebbe fermarsi un'attimo, ragionare sul proprio trittico analogico e poi individuare un pre-fono di grande musicalita', fatto questo lo si prova prima nella propria catena, e poi si decide con calma, che sia a valvole o a stato solido poco importa, quello che importa e' quanto lui riesce ad emozionare, condivido il fatto che sia l'unico vero investimento da fare in un impianto analogico.


    ciao

    "La musica trova le sue fondamenta nei bassi, la musica vive e vegeta in un ambiente che si adagia sui bassi profondi".

    ogni componente della catena analogica è importante ,il pre phono non lo è + di un gira o una testina

    Massimo
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 31484
    Data d'iscrizione : 2010-06-21
    Età : 61
    Località : Portici (NA)

    Re: l'importanza del Pre-Fono

    Post  Massimo on Sun May 19, 2013 7:06 pm

    L' analogico e come un mosaico tutte le tessere hanno importanza, bisogna solo imparare ad inserirle nello spazio giusto. sunny


    _________________
    Quando il dito indica la luna, l'imbecille guarda il dito

    mc 73
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 6679
    Data d'iscrizione : 2012-12-10
    Località : friuli udine e dintorni

    Re: l'importanza del Pre-Fono

    Post  mc 73 on Sun May 19, 2013 7:23 pm

    Massimo wrote:L' analogico e come un mosaico tutte le tessere hanno importanza, bisogna solo imparare ad inserirle nello spazio giusto. sunny

    un pre phono di qualità superiore agli altri componenti della catena analogica ,fa uscire fuori tutti i limiti di gira e testina .
    mentre un sistema gira/testina di ottimo livello sarebbe mortificato da un phono mediocre o non adatto.
    la catena analogica a mio parere va scelta con criterio stando attenti ad ogni interfacciamento,senza trascurare nessun componente sunny

    Gianfry007
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 122
    Data d'iscrizione : 2011-08-22
    Età : 60

    Re: l'importanza del Pre-Fono

    Post  Gianfry007 on Mon May 20, 2013 6:27 pm

    mc 73 wrote:ogni componente della catena analogica è importante ,il pre phono non lo è + di un gira o una testina



    Assolutamente NO!
    Il pre-fono e' ben piu' importante, se ti riesce prova ad ascoltare un tuo vinile preferito con un pre-fono di grande musicalita', e poi riascoltalo con un pre-fono di livello mediocre e poi ne riparliamo...
    Le differenze sono abissali.




    mc 73
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 6679
    Data d'iscrizione : 2012-12-10
    Località : friuli udine e dintorni

    Re: l'importanza del Pre-Fono

    Post  mc 73 on Mon May 20, 2013 6:30 pm

    Gianfry007 wrote:



    Assolutamente NO!
    Il pre-fono e' ben piu' importante, se ti riesce prova ad ascoltare un tuo vinile preferito con un pre-fono di grande musicalita', e poi riascoltalo con un pre-fono di livello mediocre e poi ne riparliamo...
    Le differenze sono abissali.



    stesso discorso vale con gira e testina

    Gianfry007
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 122
    Data d'iscrizione : 2011-08-22
    Età : 60

    Re: l'importanza del Pre-Fono

    Post  Gianfry007 on Mon May 20, 2013 6:55 pm

    mc 73 wrote:stesso discorso vale con gira e testina



    Le differenze non sono cos'i abissali come per il pre-fono, ti dico questo perche' ho provato a farle.
    Il pre-fono incide sul risultato finale piu' del 60%


    mc 73
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 6679
    Data d'iscrizione : 2012-12-10
    Località : friuli udine e dintorni

    Re: l'importanza del Pre-Fono

    Post  mc 73 on Mon May 20, 2013 7:00 pm

    Gianfry007 wrote:



    Le differenze non sono cos'i abissali come per il pre-fono, ti dico questo perche' ho provato a farle.
    Il pre-fono incide sul risultato finale piu' del 60%


    abbiamo opinioni ed esperienze diverse sunny

    Massimo
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 31484
    Data d'iscrizione : 2010-06-21
    Età : 61
    Località : Portici (NA)

    Re: l'importanza del Pre-Fono

    Post  Massimo on Mon May 20, 2013 7:41 pm

    Gianfry007 wrote:
    mc 73 wrote:stesso discorso vale con gira e testina



    Le differenze non sono cos'i abissali come per il pre-fono, ti dico questo perche' ho provato a farle.
    Il pre-fono incide sul risultato finale piu' del 60%


    Usa una testina economica con un pre-phono da 1000 euro, poi prova una testina da 1000 ero con un pre economico poi mi dici.
    L'analogico è un alchimia di perfetta interazione tra i vari componenti. Laughing Laughing


    _________________
    Quando il dito indica la luna, l'imbecille guarda il dito

    mc 73
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 6679
    Data d'iscrizione : 2012-12-10
    Località : friuli udine e dintorni

    Re: l'importanza del Pre-Fono

    Post  mc 73 on Mon May 20, 2013 7:44 pm

    Massimo wrote:

    Usa una testina economica con un pre-phono da 1000 euro, poi prova una testina da 1000 ero con un pre economico poi mi dici.
    L'analogico è un alchimia di perfetta interazione tra i vari componenti. Laughing Laughing


    Fausto
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 5904
    Data d'iscrizione : 2010-10-09
    Età : 51
    Località : LAND OF HOPE AND DREAMS

    Re: l'importanza del Pre-Fono

    Post  Fausto on Mon May 20, 2013 9:31 pm

    Massimo wrote:

    Usa una testina economica con un pre-phono da 1000 euro, poi prova una testina da 1000 ero con un pre economico poi mi dici.
    L'analogico è un alchimia di perfetta interazione tra i vari componenti. Laughing Laughing

    Mi permetto di far notare che il concetto di Massimo è valido non solo per l'analogico ....
    È valido in generale!
    sunny

    montanari
    Moderatore mercatino

    Numero di messaggi : 5861
    Data d'iscrizione : 2011-04-06
    Età : 37
    Località : Morciano di R. - vespista

    Re: l'importanza del Pre-Fono

    Post  montanari on Mon May 20, 2013 11:10 pm

    per i cavi NO


    _________________
    le spese grosse le facevo per i vinili o se non sono in flac godi solo la metà

    pepe57
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 4685
    Data d'iscrizione : 2009-06-11
    Età : 59
    Località : Milano

    Re: l'importanza del Pre-Fono

    Post  pepe57 on Mon May 20, 2013 11:38 pm

    Tutto l' impianto, a mio avviso, si deve fondare sull' equilibrio e la buona coesistenza fra i componenti.
    All' interno di questo, io trovo che il componente che maggiormente influenza il risultato sonoro finale, parlando di sorgente analogica, è decisamente la testina.
    sunny


    _________________
    Chi si accontenta gode
    Presidente Onorario fondatore di: ... CNR@ Club Naso Rosso@ ... CLM@ Club Lampredotto Marimesso@ ...   CVG@ Club Viva la Gnocca@ ...
    QFLG@

    Paintball Milano

    RockOnlyRare
    Rockzebo Expert

    Numero di messaggi : 5707
    Data d'iscrizione : 2012-05-18
    Età : 62
    Località : Milano

    Re: l'importanza del Pre-Fono

    Post  RockOnlyRare on Tue May 21, 2013 9:46 pm

    Posso portare la mia esperienza personale, testina MM Ortophon MM black, come MM una delle migliori sul mercato, braccio e giradischi Project R9 Acryl, tre differenti prove:

    1) ingresso phono del pre BGW 202, s/n 88 db con alcuni problemi di falsi contatto su canale sx, ma quando funziona il suono è ok
    2) Trichord Dino senza superalimantatore,
    3) Pre Phono Bel Canto

    Insomma 3 apparecchi di derivazione totalmente differente, un buon pre phono integrato di un pre comunque di fine anni 70, un ottimo pre di fascia media di ottimo rapporto qualità prezzo ed un pre phono decisamente costoso (intorno ai 2000€).

    Beh alla fine il risultato, con tutti e tre i pre phono, è stato molto simile, tanto che si faceva fatica a riconoscere un prodotto da un altro.
    Per i miei gusti personali, metterei il Dino leggerissimamente davanto al pre integrato, mi ha un po' deluso il Bel Canto evidentemente studiato per connessioni con MC di ben altra categoria della MM, in particolare gli alti erano troppo squillanti rispetto ai medi ed ai bassi.

    Insomma se non fosse per i problemi di falso contatto, il mio personale parere è che con una MM sia pure ottima il pre phono integrato nel pre è sufficiente, considerato che l'investimento richiesto non darebbe un vantaggio tale da giustificare la spesa, anche perchè per un acquisto ragionato servirebbe il dino, il suo alimentatore, il cavo dal pre phono al preampli ed il cavo di alimentazione tra alimentatore phono e corrente. Si va quindi ben oltre i 1000€ totali.

    Per questo tenterò di riparare il pre prima di ogni altro passo, se possibile rimandando la spesa del pre phono a quando sostituiro per usura la testina con una MC + relativo pre phono.

    alanford
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1240
    Data d'iscrizione : 2012-06-03
    Località : monza

    Re: l'importanza del Pre-Fono

    Post  alanford on Wed May 22, 2013 4:33 pm

    RockOnlyRare wrote:Posso portare la mia esperienza personale, testina MM Ortophon MM black, come MM una delle migliori sul mercato, braccio e giradischi Project R9 Acryl, tre differenti prove:

    1) ingresso phono del pre BGW 202, s/n 88 db con alcuni problemi di falsi contatto su canale sx, ma quando funziona il suono è ok
    2) Trichord Dino senza superalimantatore,
    3) Pre Phono Bel Canto

    Insomma 3 apparecchi di derivazione totalmente differente, un buon pre phono integrato di un pre comunque di fine anni 70, un ottimo pre di fascia media di ottimo rapporto qualità prezzo ed un pre phono decisamente costoso (intorno ai 2000€).

    Beh alla fine il risultato, con tutti e tre i pre phono, è stato molto simile, tanto che si faceva fatica a riconoscere un prodotto da un altro.
    Per i miei gusti personali, metterei il Dino leggerissimamente davanto al pre integrato, mi ha un po' deluso il Bel Canto evidentemente studiato per connessioni con MC di ben altra categoria della MM, in particolare gli alti erano troppo squillanti rispetto ai medi ed ai bassi.

    Insomma se non fosse per i problemi di falso contatto, il mio personale parere è che con una MM sia pure ottima il pre phono integrato nel pre è sufficiente, considerato che l'investimento richiesto non darebbe un vantaggio tale da giustificare la spesa, anche perchè per un acquisto ragionato servirebbe il dino, il suo alimentatore, il cavo dal pre phono al preampli ed il cavo di alimentazione tra alimentatore phono e corrente. Si va quindi ben oltre i 1000€ totali.

    Per questo tenterò di riparare il pre prima di ogni altro passo, se possibile rimandando la spesa del pre phono a quando sostituiro per usura la testina con una MC + relativo pre phono.

    la mia esperienza e' solo con testine MC dove, a parer mio, il phono assume un rilievo determinante
    dire che conta piu' la testina od il phono e' a parer mio un discorso fuorviante
    cio' che maggiormente influisce e' la maggiore o minore sinergia tra il phono e la testina
    mi spiego meglio con un esempio: accoppiereste una fidelity research fr1 con un phono audioresearch ph7 da molti considerato tra i migliori phono in circolazione? santa

    RockOnlyRare
    Rockzebo Expert

    Numero di messaggi : 5707
    Data d'iscrizione : 2012-05-18
    Età : 62
    Località : Milano

    Re: l'importanza del Pre-Fono

    Post  RockOnlyRare on Wed May 22, 2013 4:52 pm

    alanford wrote:

    la mia esperienza e' solo con testine MC dove, a parer mio, il phono assume un rilievo determinante
    dire che conta piu' la testina od il phono e' a parer mio un discorso fuorviante
    cio' che maggiormente influisce e' la maggiore o minore sinergia tra il phono e la testina
    mi spiego meglio con un esempio: accoppiereste una fidelity research fr1 con un phono audioresearch ph7 da molti considerato tra i migliori phono in circolazione? santa

    Quello dell'accoppiamento tra componenti è uno dei "drammi" peggiori dell'Hi-Fi, troppe volte si è assistito ad impianti spesso costosissimi, con compomenti di per se eccellenti ma che messi insieme ed in un ambiente non adatto, rendono 10 se non 100 volte meno il loro valore.
    L'impianto è come una squadra di calcio, 11 campioni non fanno una squadra vincente.

    Secondo me la questione in questo caso non è tanto sull'accoppiamento phono-testina che tutti noi sappiamo essere fondamentale ed è banale dire che debba essere equilibrato, anche se è tutt'altro che banale riuscire ad ottenerlo a livello pratico.

    Girando il problema, partendo da un impianto di livello medio-alto con testina MC che si accoppi bene ad un pre-phono adeguato, la domanda potrebbe essere se, per ottenere un miglioramento tangibile, su quale dei due componenti è consigliabile investire, pur mantenendo sempre un equilibrio logico, perchè è certo che se passo da una testina da 1000€ ad una da 10.000, certamente dovrò cambiare anche il pre-phono e viceversa.

    Nel mio caso, che ho un'ottima MM praticamente nuova, ma per motivi hardware non posso ancora montare una MC, devo dire che i due pre-phono provati non hanno motivato l'acquisto in termini di miglioramento del suono, ma solo come risoluzione del problema di falso contatto nell'ingresso phono del mio pre. "Cara la soluzione però "!!!!
    Pertanto preferirei cercare di andare avanti così fino ad un acquisto combinato MC + pre phono quando cambierò testina.
    Ciao.


    RockOnlyRare
    Rockzebo Expert

    Numero di messaggi : 5707
    Data d'iscrizione : 2012-05-18
    Età : 62
    Località : Milano

    Re: l'importanza del Pre-Fono

    Post  RockOnlyRare on Wed May 22, 2013 4:58 pm

    Massimo wrote:

    Usa una testina economica con un pre-phono da 1000 euro, poi prova una testina da 1000 ero con un pre economico poi mi dici.
    L'analogico è un alchimia di perfetta interazione tra i vari componenti. Laughing Laughing

    Beh ma questo è scontato. Per inciso, il problema va esteso alla sorgente, inutile avere un hi-fi da favola se ci senti dei Bootlegs in vinile registrati con un baracchino mono anni 60, o i cd delle riviste in edicola.

    Il mio impianto poi è davvero impietoso, essendo molto neutro, evidenzia nel bene e nel male la qualità della registrazione, al punto da rendere quasi inascoltabili se non come sottofondo certe incisioni scadenti anche se ufficiali.

    Massimo
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 31484
    Data d'iscrizione : 2010-06-21
    Età : 61
    Località : Portici (NA)

    Re: l'importanza del Pre-Fono

    Post  Massimo on Wed May 22, 2013 7:01 pm

    Gianfry007 wrote:
    mc 73 wrote:ogni componente della catena analogica è importante ,il pre phono non lo è + di un gira o una testina



    Assolutamente NO!
    Il pre-fono e' ben piu' importante, se ti riesce prova ad ascoltare un tuo vinile preferito con un pre-fono di grande musicalita', e poi riascoltalo con un pre-fono di livello mediocre e poi ne riparliamo...
    Le differenze sono abissali.



    Ho semplicemente risposto alla tua domanda ci vuole il giusto equilibrio tra gira-braccio-testina e pre-phono.


    _________________
    Quando il dito indica la luna, l'imbecille guarda il dito

    Fausto
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 5904
    Data d'iscrizione : 2010-10-09
    Età : 51
    Località : LAND OF HOPE AND DREAMS

    Re: l'importanza del Pre-Fono

    Post  Fausto on Wed May 22, 2013 8:43 pm

    montanari wrote:per i cavi NO

    Scusa il ritardo ma leggo solo ora ....
    Non ho capito: il concetto non sarebbe valido per i cavi?
    Perché?
    Grazie.
    sunny sunny sunny

    pepe57
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 4685
    Data d'iscrizione : 2009-06-11
    Età : 59
    Località : Milano

    Re: l'importanza del Pre-Fono

    Post  pepe57 on Wed May 22, 2013 9:08 pm

    Gianfry007 wrote:



    Assolutamente NO!
    Il pre-fono e' ben piu' importante, se ti riesce prova ad ascoltare un tuo vinile preferito con un pre-fono di grande musicalita', e poi riascoltalo con un pre-fono di livello mediocre e poi ne riparliamo...
    Le differenze sono abissali.




    Premesso che deve tutto essere equilibrato e che il braccio dovrà mettere la testina nella condizione ottimale di lettura (se no le differenze si smussano), per me invece il pre fono è quello che insieme alla base sono i meno "udibili" all' ascolto.Premesso anche di immaginare un impianto, fuori dal front end, del tutto neutro e rivelatore....

    Ti vorrei fare un esempio e considerazione personale:
    una Koetsu Coralstone con il suo trasformatore ed un pre fono a valvole tipo Kondo oppure senza trasformatore ed un pre fono MC a SS tipo FM Acoustics suoneranno in modo leggermente differente ma ben ricollegabile fra loro, uno sarà un suono lievemente più caldo e fascinoso, l' altro leggermente più preciso.
    Invece se tu hai
    Un unico pre fono (MC FM Acoustics o altro di pari livello, Boulder etc, o a valvole tipo Zanden/Kondo/ANUK etc + trafo dedicato) e due testine come la Koetsu Coralstone o la ZYX Diamond ed otterrai (usando l' identico pre fono) 2 suoni completamente differenti, sarà come avere 2 impianti del tutto diversi.
    Con uno ascolterai senza fatica particolare di settaggio un suono caldo, fascinoso, ritmato ed ottimo sulle voci ma in difficoltà sulle grandi orchestre, a suo agio con il jazz e poco con il rock.
    Con l' altra avrai un impianto che ti richiederà un mare di attenzione nel settaggio, ma che poi sarà sempre in grado di leggere qualsiasi passaggio con una quantità di particolari che, se hai ascoltato quell' LP sempre con la prima, mai avresti creduto fossero presenti nel solco.
    Però avrai meno coinvolgimento emozionale (se, ad esempio, sei una persona che deve "sentire" il ritmo prima del dettaglio, dato dalla semplificazione del suono... un gruppo afro-cubano, a molti fa battere + facilmente il piede dei Wiener) rispetto alla Coral.
    In ogni caso, per me, ascolterai due impianti differenti.
    Proprio come se tu avessi cambiato le casse.


    _________________
    Chi si accontenta gode
    Presidente Onorario fondatore di: ... CNR@ Club Naso Rosso@ ... CLM@ Club Lampredotto Marimesso@ ...   CVG@ Club Viva la Gnocca@ ...
    QFLG@

    Paintball Milano

    mc 73
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 6679
    Data d'iscrizione : 2012-12-10
    Località : friuli udine e dintorni

    Re: l'importanza del Pre-Fono

    Post  mc 73 on Wed May 22, 2013 9:57 pm

    pepe57 la testina determina + di ogni componente della catena analogica la timbrica e il carattere del suono ( trovo molto azzeccato il paragone con il cambio dei diffusori )recentemente ho sostituito la testina nel mio impianto ( sono passato da una mm economica ad una mc piuttosto cara )e il cambiamento del suono è stato radicale.

    altra cosa fondamentale, la testina è il componente + a monte della catena " vinilica" e se x qualità o x sbagliato interfacciamento, non è in grado di raccogliere appieno le "informazioni"del disco ,queste saranno perse e a valle ci potremo mettere anche i migliori componenti ma non verranno + recuperate


    Last edited by mc 73 on Wed May 22, 2013 10:20 pm; edited 1 time in total

    montanari
    Moderatore mercatino

    Numero di messaggi : 5861
    Data d'iscrizione : 2011-04-06
    Età : 37
    Località : Morciano di R. - vespista

    Re: l'importanza del Pre-Fono

    Post  montanari on Wed May 22, 2013 10:07 pm

    Fausto wrote:

    Scusa il ritardo ma leggo solo ora ....
    Non ho capito: il concetto non sarebbe valido per i cavi?
    Perché?
    Grazie.
    sunny sunny sunny

    Usa un cavetto economico, rosso e nero per connettere un lettore cd e un ampli da 1000 euro, poi prova una cavo da 1000 per connettere due macchine economiche, poi mi dici!


    _________________
    le spese grosse le facevo per i vinili o se non sono in flac godi solo la metà

    RockOnlyRare
    Rockzebo Expert

    Numero di messaggi : 5707
    Data d'iscrizione : 2012-05-18
    Età : 62
    Località : Milano

    Re: l'importanza del Pre-Fono

    Post  RockOnlyRare on Thu May 23, 2013 9:35 am

    pepe57 wrote:

    Premesso che deve tutto essere equilibrato e che il braccio dovrà mettere la testina nella condizione ottimale di lettura (se no le differenze si smussano), per me invece il pre fono è quello che insieme alla base sono i meno "udibili" all' ascolto.Premesso anche di immaginare un impianto, fuori dal front end, del tutto neutro e rivelatore....

    Ti vorrei fare un esempio e considerazione personale:
    una Koetsu Coralstone con il suo trasformatore ed un pre fono a valvole tipo Kondo oppure senza trasformatore ed un pre fono MC a SS tipo FM Acoustics suoneranno in modo leggermente differente ma ben ricollegabile fra loro, uno sarà un suono lievemente più caldo e fascinoso, l' altro leggermente più preciso.
    Invece se tu hai
    Un unico pre fono (MC FM Acoustics o altro di pari livello, Boulder etc, o a valvole tipo Zanden/Kondo/ANUK etc + trafo dedicato) e due testine come la Koetsu Coralstone o la ZYX Diamond ed otterrai (usando l' identico pre fono) 2 suoni completamente differenti, sarà come avere 2 impianti del tutto diversi.
    Con uno ascolterai senza fatica particolare di settaggio un suono caldo, fascinoso, ritmato ed ottimo sulle voci ma in difficoltà sulle grandi orchestre, a suo agio con il jazz e poco con il rock.
    Con l' altra avrai un impianto che ti richiederà un mare di attenzione nel settaggio, ma che poi sarà sempre in grado di leggere qualsiasi passaggio con una quantità di particolari che, se hai ascoltato quell' LP sempre con la prima, mai avresti creduto fossero presenti nel solco.
    Però avrai meno coinvolgimento emozionale (se, ad esempio, sei una persona che deve "sentire" il ritmo prima del dettaglio, dato dalla semplificazione del suono... un gruppo afro-cubano, a molti fa battere + facilmente il piede dei Wiener) rispetto alla Coral.
    In ogni caso, per me, ascolterai due impianti differenti.
    Proprio come se tu avessi cambiato le casse.

    Innanzitutto ti invidio per la strepitosa competenza di tutti questi componenti, io sono rimasto fuori dal settore 30 anni e non mi raccapezzo più con tutte le sigle anche per problemi di età. Comunque sono daccordo con te al 100%.
    Non a caso ci sono molti piatti che hanno la possibilità di montare più bracci e testine differenti.

      Current date/time is Tue Dec 06, 2016 3:08 pm