Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
capriccio continuo auralea un prezzo umano per un suono di alto livello
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    capriccio continuo auralea un prezzo umano per un suono di alto livello

    Share

    primo ventura
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 10
    Data d'iscrizione : 2010-03-14
    Età : 63
    Località : napoli

    capriccio continuo auralea un prezzo umano per un suono di alto livello

    Post  primo ventura on Fri Jun 07, 2013 3:39 pm

    scrivo le mie impressioni su questi diffusori cho ho recentemente acquistato perchè in un precedente post avevo chiesto a tutti gli iscritti del forum consigli e pareri su diffusori che avessero un prezzo umano ma, possibilmente, un suono "disumano" da abbinare ad un pre e finale lector. Molti i consigli e i pareri ricevuti, che ringrazio di cuore, ma in particolare sento di ringraziare l'amico testini per la conoscenza, la competenza e la passione cui ho attinto a piene mani.
    Auralea 309 un diffusore dal rapporto prezzo qualità davvero incredibile. l'estetica è quanto di più soggettivo possa esistere, tuttavia confermo che è molto ben rifinito, ottima la laccatura, accattivante la forma arcuata: se fosse nero o ancor meglio bianco sarebbe eccezionale ma tant'è! in arredi moderni si inserisce molto bene. Il palcoscenico che ricrea è ampio, con strumenti correttamente distribuiti nello spazio e chiaramente identificabili. la gamma alta non è stridula, la media è favolosa la bassa è presente senza essere invadente, i bassi si avvertono puliti e asciutti, un suono mai freddo e analitico ma caldo e suadente pur mantenedo sempre trasparenza e definizione degli strumenti . C'è di meglio, certo c'è sempre di meglio a questo mondo ma al prezzo di questo diffusore credo sia difficile trovare di meglio. C'è ancora una cosa che mi preme sottolineare, la facilità di collocamento in ambiente domestico! non posseggo adeguate conoscenze tecniche in campo elettronico ed audio, per cui non saprei dire se le caratteristiche che io ho rilevato di questi diffusori siano la diretta conseguenza o meno di precise scelte progettuali, ma essendo io un audiofilo e non un tecnico il problema non me lo pongo mi basta ascoltare buona musica in modo "appagante", magari il buon testini, forte della sua competenza tecnica, potrebbe esprimersi su questo aspetto.
    aspetto ulteriori contributi da partre di tutti a queste mie riflessioni!
    grazie

    gbs73
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 94
    Data d'iscrizione : 2012-03-20
    Località : inverigo (co)

    Re: capriccio continuo auralea un prezzo umano per un suono di alto livello

    Post  gbs73 on Fri Jun 07, 2013 5:03 pm

    Qualche mese fa ho letto una bella recensione e mi aveva incuriosito.
    Mai ascoltati ma alla vista sono davvero belli.
    Cosa avevi prima?


    Complimenti per l'acquisto


    _________________
    Spoiler:

    MediaStation PC:AsRock - Vision X 420D - Win10
    Alimentatore PC:HDPLEX Linear Power Supply + PANGEA AC-14 SE MKII
    DRC:Dirac Live
    DAC:Benchmark DAC2 HGC + Portento Power Link
    PreAmplificatore:McIntosh C220 + Portento Power Link
    Amplificatore:McIntosh MC252 + Kemp Hi Power Plus
    Diffusori:ProAc Responce D20R + Portento Speaker Link + Portento Jumper
    Cavi Segnale:Portento Musica Bilanciato + Vertere Acoustics D-Fi V2 USB
    Distributore:Portento Powercond + PANGEA AC-9 MKII


    primo ventura
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 10
    Data d'iscrizione : 2010-03-14
    Età : 63
    Località : napoli

    Re: capriccio continuo auralea un prezzo umano per un suono di alto livello

    Post  primo ventura on Fri Jun 07, 2013 6:10 pm

    le audio epilog issa, secondo me nella sua classe di prezzo un gran bel diffusore

    criMan
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1195
    Data d'iscrizione : 2011-11-25
    Età : 43
    Località : Velletri (Roma)

    Re: capriccio continuo auralea un prezzo umano per un suono di alto livello

    Post  criMan on Sat Jun 08, 2013 1:07 pm

    Ottimo acquisto ,
    fanno parte di quel gruppo di diffusori che si ricordano che a casa non tutti possono mettere i diffusori a 80cm 1m dalle
    pareti posteriori e laterali.
    Il prezzo da pagare e' quello di un basso in alcuni casi puo' sembrare magro o asciutto. Secondo me e' solo una questione
    di abitudine , il basso corretto sencondo le mie esperienza nel mio ambiente e' quello lineare senza enfatizzazini.
    Le Focal Diablo per esempio lavorano anche a 30 cm dalla parete posteriore e non danno noie.
    Le Focal 1027Be se correttamente interfacciate anche loro hanno un basso appena arretrato rispetto alle voci che pero'
    permette di inserire i diffusori in ambiente senza troppi patemi. Nella stessa direzione Audiovector.
    Anche per queste ultime stesse considerazioni di Focal Diablo per il basso.
    Certo si perde in impatto ma si guadagna in tutto il resto.

    Io mi chiedo perche' ancora oggi nel 2013 ci siano diffusori da inserire cosi' ostici, perche' non specificarlo ?
    Troppo facile ?

    Ci sono tanti diffusori in vendita e non faccio nomi , che in ambienti domestici veramente diventano incubi per i proprietari.

    io la penso cosi'.


    _________________
    Il mio impiantino hifi: ampli Harman/Kardon 990 - diffusori Indiana Line Diva 655 - sorgenti Pioneer BDP 170 , PS3

    Testini Ugo
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 2592
    Data d'iscrizione : 2011-03-17
    Età : 37
    Località : Mestre-Venezia

    Re: capriccio continuo auralea un prezzo umano per un suono di alto livello

    Post  Testini Ugo on Sat Jun 08, 2013 1:57 pm

    criMan wrote:Ottimo acquisto ,
    fanno parte di quel gruppo di diffusori che si ricordano che a casa non tutti possono mettere i diffusori a 80cm 1m dalle
    pareti posteriori e laterali.
    Il prezzo da pagare e' quello di un basso in alcuni casi puo' sembrare magro o asciutto. Secondo me e' solo una questione
    di abitudine , il basso corretto sencondo le mie esperienza nel mio ambiente e' quello lineare senza enfatizzazini.
    Le Focal Diablo per esempio lavorano anche a 30 cm dalla parete posteriore e non danno noie.
    Le Focal 1027Be se correttamente interfacciate anche loro hanno un basso appena arretrato rispetto alle voci che pero'
    permette di inserire i diffusori in ambiente senza troppi patemi. Nella stessa direzione Audiovector.
    Anche per queste ultime stesse considerazioni di Focal Diablo per il basso.
    Certo si perde in impatto ma si guadagna in tutto il resto.

    Io mi chiedo perche' ancora oggi nel 2013 ci siano diffusori da inserire cosi' ostici, perche' non specificarlo ?
    Troppo facile ?

    Ci sono tanti diffusori in vendita e non faccio nomi , che in ambienti domestici veramente diventano incubi per i proprietari.

    io la penso cosi'.

    Comunque il basso delle Capriccio rispetto a quello delle Diablo è almeno 4 volte superiore e di maggior impatto a parità di distanza dalla parete di fondo, con molto più fascino e suadenza. Ricco di controllo ma per questo non vuol dire senza estensione o persistenza, quindi per NULLA ASCIUTTO! Il tutto ulteriormente implementato di dieci volte sulle Audiovector SI3 Avangarde; se si chiede che basso avessero a tutti quelli che le hanno sentite suonare l'ultima volta a Monaco, in un ambiente discontinuo, grande e con le pareti di fondo molto vicine, confermerebbero un basso di grande impatto, estensione e descrittività, un basso quasi fisico, senza comunque, come detto, perdere in controllo e senza creare risonanze. Ripeto, per questi diffucori, basso controllato NON VUOL DIRE BASSO ASCIUTTO O DI POCO IMPATTO.


    _________________
    Per primo credo al mio orecchio sugli accordi iniziali di:"You And Your Friend" da "On Every Street" 1991 Dire Straits e molto dopo ai grafici, alle publicità, ai mostri sacri dell'audio...Tutto Qui. Firmato il Guretto Deragliante. Ogni mio post, pensiero o parola è solo opera mia, in regime di SM (IMHO). Collaboratore Consound http://www.consound.it/

    Testini Ugo
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 2592
    Data d'iscrizione : 2011-03-17
    Età : 37
    Località : Mestre-Venezia

    Re: capriccio continuo auralea un prezzo umano per un suono di alto livello

    Post  Testini Ugo on Sat Jun 08, 2013 2:00 pm

    primo ventura wrote:le audio epilog issa, secondo me nella sua classe di prezzo un gran bel diffusore

    Audio Epilog in effetti è un gran, gran bel marchio, iper sotto valutato in Italia, poco reclamizzato e poco distribuito. Il loro diffusore top da stand, ad esempio, lo si può ritenere un riferimento ad un prezzo più che onesto; anche per questo con il qui presente Dott. Primo Ventura mi sono sentito di consigliare le Capriccio, perchè un audiofilo che osa con Epilog, pur cambiando idea sonica, può ben apprezzare le caratteristiche delle Auralea.


    _________________
    Per primo credo al mio orecchio sugli accordi iniziali di:"You And Your Friend" da "On Every Street" 1991 Dire Straits e molto dopo ai grafici, alle publicità, ai mostri sacri dell'audio...Tutto Qui. Firmato il Guretto Deragliante. Ogni mio post, pensiero o parola è solo opera mia, in regime di SM (IMHO). Collaboratore Consound http://www.consound.it/

    Testini Ugo
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 2592
    Data d'iscrizione : 2011-03-17
    Età : 37
    Località : Mestre-Venezia

    Re: capriccio continuo auralea un prezzo umano per un suono di alto livello

    Post  Testini Ugo on Sat Jun 08, 2013 2:09 pm

    primo ventura wrote:scrivo le mie impressioni su questi diffusori cho ho recentemente acquistato perchè in un precedente post avevo chiesto a tutti gli iscritti del forum consigli e pareri su diffusori che avessero un prezzo umano ma, possibilmente, un suono "disumano" da abbinare ad un pre e finale lector. Molti i consigli e i pareri ricevuti, che ringrazio di cuore, ma in particolare sento di ringraziare l'amico testini per la conoscenza, la competenza e la passione cui ho attinto a piene mani.
    Auralea 309 un diffusore dal rapporto prezzo qualità davvero incredibile. l'estetica è quanto di più soggettivo possa esistere, tuttavia confermo che è molto ben rifinito, ottima la laccatura, accattivante la forma arcuata: se fosse nero o ancor meglio bianco sarebbe eccezionale ma tant'è! in arredi moderni si inserisce molto bene. Il palcoscenico che ricrea è ampio, con strumenti correttamente distribuiti nello spazio e chiaramente identificabili. la gamma alta non è stridula, la media è favolosa la bassa è presente senza essere invadente, i bassi si avvertono puliti e asciutti, un suono mai freddo e analitico ma caldo e suadente pur mantenedo sempre trasparenza e definizione degli strumenti . C'è di meglio, certo c'è sempre di meglio a questo mondo ma al prezzo di questo diffusore credo sia difficile trovare di meglio. C'è ancora una cosa che mi preme sottolineare, la facilità di collocamento in ambiente domestico! non posseggo adeguate conoscenze tecniche in campo elettronico ed audio, per cui non saprei dire se le caratteristiche che io ho rilevato di questi diffusori siano la diretta conseguenza o meno di precise scelte progettuali, ma essendo io un audiofilo e non un tecnico il problema non me lo pongo mi basta ascoltare buona musica in modo "appagante", magari il buon testini, forte della sua competenza tecnica, potrebbe esprimersi su questo aspetto.
    aspetto ulteriori contributi da partre di tutti a queste mie riflessioni!
    grazie

    Innanzi tutto premetto, come sempre, che le mie competenze tecniche sono molto limitate, ho semplicemente la fortuna di poter investire molto tempo ed a volte denaro per andare ad ascoltare tante, tante cose diverse; e la VOGLIA e capacità di inquadrare questo o quell'altro prodotto sempre all'interno del parametro costo-suono, liberandomi ormai da tempo dai problemi di rivendibilità o penetrazione nel mercato, a parte qualche eclatante caso, senza comunque mai trascurare i parametri di importazione ufficiale italiana, garanzia ed assistenza post vendita. Quindi non un tecnico, al massimo un Guretto sunny affraid sunny .
    Poi sulle Capriccio è stato detto veramente molto, quasi tutto, logico che sono due i fattori che emergono su tutti, la gamma alta grazie al tw di Heil con il suo perfetto interfacciamento con il particolare e performante woofer e soprattutto, come tu dicevi, la facilità di collocazione in ambiente che è semplicemente detta come il pilastro attorno cui ruota tutto il progetto di questo diffusore come è e sarà per tutti i diffusori del marchio. Interfacciabilità con gli ambienti domestici odierni e relative mogli occupanti sempre più ostici (comprese le mogli) che è divenuta ad oggi una caratteristica quasi imprescindibile, cosa questa che ancora molti marchi non hanno capito vedi B&W. Semplice, no?


    _________________
    Per primo credo al mio orecchio sugli accordi iniziali di:"You And Your Friend" da "On Every Street" 1991 Dire Straits e molto dopo ai grafici, alle publicità, ai mostri sacri dell'audio...Tutto Qui. Firmato il Guretto Deragliante. Ogni mio post, pensiero o parola è solo opera mia, in regime di SM (IMHO). Collaboratore Consound http://www.consound.it/

    criMan
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1195
    Data d'iscrizione : 2011-11-25
    Età : 43
    Località : Velletri (Roma)

    Re: capriccio continuo auralea un prezzo umano per un suono di alto livello

    Post  criMan on Sat Jun 08, 2013 5:31 pm

    Evidentemente la sala in qui ho ascoltato le Audiovector Si3 Arrete' non deponeva veramente a favore...

    Il basso era quello che ho descritto. Non certo di impatto e a tratti rimbombante come nella stessa sala faceva Vienna Baby Grand..

    Dove e' possibile ascoltare a Roma le Capriccio??


    _________________
    Il mio impiantino hifi: ampli Harman/Kardon 990 - diffusori Indiana Line Diva 655 - sorgenti Pioneer BDP 170 , PS3

    Testini Ugo
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 2592
    Data d'iscrizione : 2011-03-17
    Età : 37
    Località : Mestre-Venezia

    Re: capriccio continuo auralea un prezzo umano per un suono di alto livello

    Post  Testini Ugo on Sat Jun 08, 2013 11:03 pm

    criMan wrote:Evidentemente la sala in qui ho ascoltato le Audiovector Si3 Arrete' non deponeva veramente a favore...

    Il basso era quello che ho descritto. Non certo di impatto e a tratti rimbombante come nella stessa sala faceva Vienna Baby Grand..

    Dove e' possibile ascoltare a Roma le Capriccio??

    Allora se un basso è sia rimbombante, come quello delle Vienna B., che asciutto e poco d'impatto come quello delle Diablo vuol dire che più che un'ambiente atto all'ascolto della musica era un'androne di un vecchio condominio rionale con annessa portinaia e geranei; magari il tutto alimentato dall'alimentazione più tubata e fosca possibile, soprattutto per far figurare così dei diffusori nati e riusciti per essere perfettamente interfacciabili con l'ambiente, anche quello più ostico, con annesse pareti di fondo e laterali molto vicine, condizione questa descritta come obbiettivo del costrutto in ogni dove, il quale persino mette come opzione un favoloso cross-over denominato ARA per ancora di più allinearsi con l'ambiente. Quindi io credo che quest'ascolto sia stato quanto mai falsato e che anche eventualmente l'importatore di un dato oggetto e marchio debba essere messo al corrente di come un suo rivenditore propone certi oggetti. Quindi detto ciò credo che dovresti proprio riascoltarle queste Audiovector, magari in altri lidi, se no pure se ti propongono delle Devore, marchio magnifico e che ne condivide l'importatore, ti sembra di aver ascoltato delle Indiana Line. Comunque le Capriccio sono praticamente finite fino a settembre per il mercato italiano, poi arriveranno nere laccate come colore di base e probabilmente il colore "maculato" Carbahio non che il bianco laccato e credo un'altra essenza di legno saranno proposte con un piccolo sovrapprezzo. Quindi quando arriveranno spero tu potrai sentirle anche, forse, dal nostro amico Gianni.


    _________________
    Per primo credo al mio orecchio sugli accordi iniziali di:"You And Your Friend" da "On Every Street" 1991 Dire Straits e molto dopo ai grafici, alle publicità, ai mostri sacri dell'audio...Tutto Qui. Firmato il Guretto Deragliante. Ogni mio post, pensiero o parola è solo opera mia, in regime di SM (IMHO). Collaboratore Consound http://www.consound.it/

    primo ventura
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 10
    Data d'iscrizione : 2010-03-14
    Età : 63
    Località : napoli

    Re: capriccio continuo auralea un prezzo umano per un suono di alto livello

    Post  primo ventura on Sun Jun 09, 2013 7:16 am

    criMan wrote:Evidentemente la sala in qui ho ascoltato le Audiovector Si3 Arrete' non deponeva veramente a favore...

    Il basso era quello che ho descritto. Non certo di impatto e a tratti rimbombante come nella stessa sala faceva Vienna Baby Grand..

    Dove e' possibile ascoltare a Roma le Capriccio??
    certo criMan, sarei lieto di ospitarti a casa per un ascolto delle capriccio, io le piloto con il pre zoe e finale vm200 lector cavi jib; se passi da napoli fammi sapere

    criMan
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1195
    Data d'iscrizione : 2011-11-25
    Età : 43
    Località : Velletri (Roma)

    Re: capriccio continuo auralea un prezzo umano per un suono di alto livello

    Post  criMan on Sun Jun 09, 2013 5:02 pm

    Grazie per l'invito Primoventura , se abitassi vicino verrei volentieri!

    Per Ugo ,

    sicuramente mi sono spiegato male l'importatore sapeva all'epoca dove le ho ascoltate una stanzona di 45mq rettangolare in cui nel perimetro dei muri c'erano svariate coppie di diffusori.
    Il basso delle AA era di notevole livello , teso e descrittivo.
    Tutto ok.
    Zero code , hum e rimbombi.
    Pero' mancava di impatto e immanenza stiamo sempre parlando di un diffusore che ora viene a listino 9000 euro quindi l'asticella delle "pretese" si alza.. ma secondo me era lo stanzone.

    Le Vienna Baby INVECE avevano maggiore impatto ma a tratti c'erano le solite piccole code e rimbombi.

    Ora mi sono spiegato meglio.

    Ampli un AudioAnalogue Maestro 200 o Classe A non ricordo.

    Secondo me l'ambiente non era il suo.

    Ti ringrazio per le battute sulle mie Indiana Line yaw

    Ci ho provato 4 amplificatori l'ultimo e' il mitico Harman Kardon 990 e' incredibile per creare un basso "grosso" hanno fatto un diffusore molto esigente in termini di posizionameto altro che...

    Pero' , divertenti.. per quello che costano .. circa 800 euri e sono pure belline..

    Domani o dopodomani sono da Gianni per vedere il seguito delle indiane Suspect


    _________________
    Il mio impiantino hifi: ampli Harman/Kardon 990 - diffusori Indiana Line Diva 655 - sorgenti Pioneer BDP 170 , PS3

      Current date/time is Sun Dec 04, 2016 1:12 pm