Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
Trasparenza del suono
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    Trasparenza del suono

    Share

    SystemHD
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 21
    Data d'iscrizione : 2013-05-17

    Trasparenza del suono

    Post  SystemHD on Thu Jul 04, 2013 11:43 pm

    Ciao a tutti,  

    Vorrei postare le seguenti righe che ho letto in un sito:  


    "in caso di ascolto domestico è solitamente impossibile cogliere molti dei dettagli e delle sfumature che invece si percepiscono dal vivo. Ciò è dovuto al fatto che una buona parte delle informazioni contenute nell'evento originale vanno perse: una piccola parte va perduta in fase di produzione del disco, una quantità invece molto più consistente durante il processo di riproduzione. La perdita di informazioni che si verifica durante la riproduzione è da imputarsi sia alla scarsa risoluzione degli impianti, sia alle scadenti caratteristiche acustiche dei locali domestici, sia alla presenza di un elevato rumore di fondo. Quest'ultimo condiziona, ovviamente, il livello minimo udibile, dato che il nostro orecchio non può interpretare correttamente suoni il cui livello non sia sensibilmente superiore a quello del rumore di fondo. Per quanto riguarda gli impianti di riproduzione, il limite principale è rappresentato proprio dai trasduttori elettroacustici. In primo luogo, altoparlanti di bassa qualità non sono in grado di riprodurre accuratamente il segnale musicale: a causa della loro lentezza gli altoparlanti tendono piuttosto ad immagazzinare e rilasciare l'energia secondo costanti di tempo molto maggiori di quelle richieste dal segnale musicale. Ciò in pratica comporta che tutti i transitori dotati di fronte di salita sufficientemente ripido e di ampiezza non particolarmente elevata non vengono riprodotti dall’altoparlante. La situazione è in realtà ben peggiore, poichè è necessario considerare anche gli effetti introdotti della cassa acustica e dal crossover, il cui contributo al peggioramento della trasparenza è in genere notevolmente superiore a quello dell'altoparlante stesso. Tutto ciò si traduce nella perdita delle informazioni associate ai segnali di basso livello, con una sostanziale riduzione della sensazione di trasparenza. In secondo luogo, è necessario tenere conto delle non-linearità presenti nel processo di trasferimento dell'energia acustica: forse non molti sono a conoscenza del fatto che solo fino ad un certo valore di pressione - stimabile in circa 100dB - vi è proporzionalità diretta tra la velocità di vibrazione delle particelle del mezzo elastico di trasrnissione (l’aria) e l’intensità acustica (che è la pressione per unità di superficie). In termini più semplici, si può dire che l'aria, cioè il mezzo entro il quale avviene la trasmissione di energia acustica, è lineare solo per segnali di intensità limitata. Dato che la pressione è data dall’intensità per la superficie di emissione, se ne conclude che è meglio avere poca intensità e grande superficie radiante piuttosto che grande intensità con piccole superfici radianti (in quest’ultimo caso si superano i limiti di linearità dell’aria). Ora, la sostanziale differenza che si verifica da questo punto di vista tra ascolto dal vivo e ascolto di una riproduzione è che nel primo caso la densità di energia acustica è, a parità di potenza sonora irradiata, molto più bassa rispetto all’ascolto domestico, poichè la superficie emissiva è molto più estesa. Ad esempio, se si considera un'orchestra che irradia una potenza sonora di 10 W (acustici, corrispondenti a circa 120 dB), si avrà una intensità nei pressi della sorgente dell'ordine di qualche centesimo di watt per metro quadrato; se la stessa potenza sonora venisse erogata da un altoparlante con superficie emissiva pari a 0.013 m2 (un mid-woofer da 6", cioè 16 cm.) l'intensità acustica sarebbe invece di circa 750 W/m2, cioè circa 10000 (!) volte superiore, con conseguente non-linearità dovuta al superamento dei valori massimi consentiti. Per evitare ciò è opportuno cercare di avere la superficie radiante più ampia possibile in modo da minimizzare l'intensità acustica a parità di pressione generata. D'altra parte, un'ampia superficie emissiva favorisce anche l'ottenimento di un elevato rendimento di trasduzione e di una buona impedenza acustica; ciò si traduce in un buon interfacciamento sia con l'amplificatore sia con l’ambiente. Quando ciò non accade, buona parte dell'energia inviata dall'amplificatore ai trasduttori viene riflessa verso l'amplificatore stesso e non convertita in onde di pressione, con conseguente perdita di trasparenza dovuta alle riflessioni presenti sulla linea di collegamento. Si considerino, a titolo di esempio, le caratteristiche comuni a tutti i sistemi planari, noti per la loro spazialità e trasparenza: le membrane vibranti sono molto estese, consentendo una bassa densità di energia a parità di pressione ed un'ottima impedenza acustica; sono inoltre leggere e, di norma, non prevedono casse acustiche e crossover. Questo consente di ottenere una notevolissima trasparenza, nonostante il rendimento di questi sistemi sia sempre molto basso; la spazialità è chiaramente dovuta al tipo di emissione, che prevede anche una radiazione posteriore."

    Ho sottolineato la parte che mi ha colpito del testo  

    gciraso
    Moderatore strizzacervelli

    Numero di messaggi : 3608
    Data d'iscrizione : 2013-06-06
    Età : 61
    Località : Padova

    Re: Trasparenza del suono

    Post  gciraso on Fri Jul 05, 2013 12:52 am

    Elogio dei diffusori elettrostatici sunny 

    SystemHD
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 21
    Data d'iscrizione : 2013-05-17

    Re: Trasparenza del suono

    Post  SystemHD on Fri Jul 05, 2013 8:58 pm

    Quindi non ha a che fare con i diffusori "normali"?

    gciraso
    Moderatore strizzacervelli

    Numero di messaggi : 3608
    Data d'iscrizione : 2013-06-06
    Età : 61
    Località : Padova

    Re: Trasparenza del suono

    Post  gciraso on Fri Jul 05, 2013 9:08 pm

    Neh, lui parla di diffusori planari, mi pare

    SystemHD
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 21
    Data d'iscrizione : 2013-05-17

    Re: Trasparenza del suono

    Post  SystemHD on Sat Jul 06, 2013 10:06 am

    Sì, parla di diffusori planari http://www.ultrasound-hifi.com/Us_wh_1/FR/Diffusori/multipole_it.html

    Che significa "neh"? No 

    gciraso
    Moderatore strizzacervelli

    Numero di messaggi : 3608
    Data d'iscrizione : 2013-06-06
    Età : 61
    Località : Padova

    Re: Trasparenza del suono

    Post  gciraso on Sat Jul 06, 2013 11:06 am

    SystemHD wrote:Sì, parla di diffusori planari  http://www.ultrasound-hifi.com/Us_wh_1/FR/Diffusori/multipole_it.html

    Che significa "neh"? No 

    Ho sbagliato, volevo scrivere "beh" Embarassed 

    pepe57
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 4691
    Data d'iscrizione : 2009-06-11
    Età : 59
    Località : Milano

    Re: Trasparenza del suono

    Post  pepe57 on Sat Jul 06, 2013 12:07 pm

    SystemHD wrote:Sì, parla di diffusori planari  http://www.ultrasound-hifi.com/Us_wh_1/FR/Diffusori/multipole_it.html

    Che significa "neh"? No 


    Ma nel sito di cui metti il link non si parla di planari.
    sunny 


    _________________
    Chi si accontenta gode
    Presidente Onorario fondatore di: ... CNR@ Club Naso Rosso@ ... CLM@ Club Lampredotto Marimesso@ ...   CVG@ Club Viva la Gnocca@ ...
    QFLG@

    Paintball Milano

    Pazzoperilpianoforte
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 5316
    Data d'iscrizione : 2009-01-12
    Età : 48
    Località : Firenze

    Re: Trasparenza del suono

    Post  Pazzoperilpianoforte on Sat Jul 06, 2013 2:02 pm

    mmmm.....

    Quando si confronta la pressione sonora espressa in sala da concerto e quella espressa in ambiente domestico dai sistemi di altoparlanti si dimentica sempre di pesare il risultato. Un'orchestra in una sala da concerto sonorizza un ambiente enormemente superiore a quello dell'ambiente domestico.... per cui non è auspicabile che la sorgente sonora in ambiente domestico presenti stessa superficie radiante e stessa pressione sonora di un'orchestra reale.... provate ad immaginare una orchestra reale stipata nella vostra saletta di 5x6 metri.... scoppierebbero a tutti i timpani, altro che livello di ascolto realistico....

    ...stesso discorso se mettessimo in un ambiente domestico gli stessi amplificatori e la stessa quantità di altoparlanti usati in un concerto dal vivo di musica rock....

    ...non saprei stabilire una legge matematica ovviamente, ma alla riduzione in percentuale del volume dell'ambiente da sonorizzare occorrerebbe considerare una riduzione proporzionale della superficie emittente il suono e della potenza dell'emissione sonora da essa prodotta.

    ...insomma discorso lungo e complesso....


    _________________
    Vito Buono
    __________
    Accuphase DP-500 + Stax SR-009 + Stax SRM 600 Limited
    oppure
    Graaf GM-50 rivalvolato Telefunken/Valvo Amburgo/EI KT90 + ProAc D 25
    ... e tantissima musica!

      Current date/time is Thu Dec 08, 2016 11:10 pm