Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
Sulla mancata riconoscenza di parenti ed amici
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    Sulla mancata riconoscenza di parenti ed amici

    Share

    pevaril
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1096
    Data d'iscrizione : 2013-03-20
    Località : South Italy

    Sulla mancata riconoscenza di parenti ed amici

    Post  pevaril on Tue Jul 16, 2013 11:15 am

    Buongiorno a tutti
    Il mio non vuole essere una sorta di sondaggio, ma mi piacerebbe conoscere pareri ed esperienze sull'argomento in titolo.
    Personalmente sono per natura estremamente disponibile ed "usabile" nei confronti altrui: se mi viene chiesto un favore mi faccio in quattro e spesso vado anche oltre quanto mi è stato richiesto. Purtroppo molti, una grossa percentuale, non possiedono quella delicatezza, quel buon senso e forse anche la giusta educazione che dovrebbe suggerire di non approfittare oltre. In sostanza si arriva al punto che il favore iniziale si tramuta quasi in pretesa, come se fosse naturale questa evoluzione che io giudico anomala. E questo già non mi sta bene. Ma ciò che maggiormente mi lascia amareggiato è appunto la mancata gratitudine nei miei riguardi, che basterebbe dimostrare anche con un semplice grazie! Invece nulla!
    Nonostante questo, io sono stato e continuerò ad essere sempre ampiamente riconoscente verso coloro i quali hanno fatto qualcosa per me , che sia stato un aiuto concreto o un supporto morale.
    Vorrei capire da cosa è dettato questo atteggiamento che io non reputo propriamente corretto.
    Leggerò con piacere i vs commenti. Grazie.


    _________________
    Hey Ho Let's Go

    piroGallo
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 6716
    Data d'iscrizione : 2008-12-23
    Località : tra Monferrato e Langa

    Re: Sulla mancata riconoscenza di parenti ed amici

    Post  piroGallo on Tue Jul 16, 2013 11:40 am

    Dipende in generale dalla natura umana ed in particolare dai costumi attuali.
    E comunque non sono situazioni generalizzabili; dipendono molto dal contesto in cui ci si trova.
    E comunque aspettarsi riconoscenza è molto rischioso (di potenziali delusioni). Secondo me la migliore ricompensa è la consapevolezza di aver fatto un poco di bene.


    _________________
    Gianni

     

    "L'uomo che non ha la musica nel cuore ed è insensibile ai melodiosi accordi
    è adatto a tradimenti, inganni e rapine; i moti del suo animo sono spenti come la notte,
    e i suoi appetiti sono tenebrosi come l'Erebo: non fidarti di lui."
    (William Shakespeare, Il mercante di Venezia)

    "Meno muggiti e più ruggiti"
    (Autocitazione)

    Fausto
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 5904
    Data d'iscrizione : 2010-10-09
    Età : 51
    Località : LAND OF HOPE AND DREAMS

    Re: Sulla mancata riconoscenza di parenti ed amici

    Post  Fausto on Tue Jul 16, 2013 12:06 pm

    Difficile poter trattare in poche righe un argomento così ampio per contenuti ed esperienze.
    Le variabili in gioco, se così possiamo definirle, sono tantissime.
    Il fattore umano è poi il "fulcro" ed ogni soggetto è diverso da un altro.
    Per me l'importante è essere a posto con la propria conoscenza, sempre ed in ogni caso.
    Posso aggiungere che i miei AMICI ( scritto in maiuscolo ) si contano sulle dita di una mano e, per quanto riguarda i parenti, sono come gli stivali: più sono stretti e più fanno male!
    Questo è, in ESTREMA sintesi, il mio pensiero!
    Ciao.
    sunny sunny sunny 

    pevaril
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1096
    Data d'iscrizione : 2013-03-20
    Località : South Italy

    Re: Sulla mancata riconoscenza di parenti ed amici

    Post  pevaril on Tue Jul 16, 2013 12:08 pm

    piroGallo wrote:Dipende in generale dalla natura umana ed in particolare dai costumi attuali.
    E comunque non sono situazioni generalizzabili; dipendono molto dal contesto in cui ci si trova.
    E comunque aspettarsi riconoscenza è molto rischioso (di potenziali delusioni). Secondo me la migliore ricompensa è la consapevolezza di aver fatto un poco di bene.

     Mi consentirai di dire che si tratta di natura umana e costumi alquanto deprecabili, almeno dal mio punto di vista.
    Vorrei che mi chiarissi meglio il concetto di contesto, credo di non avere afferrato bene.



    Certo, personalmente ho ricevuto soltanto delusioni, ma ritengo che la normalità sia diversa.


    _________________
    Hey Ho Let's Go

    pevaril
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1096
    Data d'iscrizione : 2013-03-20
    Località : South Italy

    Re: Sulla mancata riconoscenza di parenti ed amici

    Post  pevaril on Tue Jul 16, 2013 12:10 pm

    Fausto wrote:Difficile poter trattare in poche righe un argomento così ampio per contenuti ed esperienze.
    Le variabili in gioco, se così possiamo definirle, sono tantissime.
    Il fattore umano è poi il "fulcro" ed ogni soggetto è diverso da un altro.
    Per me l'importante è essere a posto con la propria conoscenza, sempre ed in ogni caso.
    Posso aggiungere che i miei AMICI ( scritto in maiuscolo ) si contano sulle dita di una mano e, per quanto riguarda i parenti, sono come gli stivali: più sono stretti e più fanno male!
    Questo è, in ESTREMA sintesi, il mio pensiero!
    Ciao.
    sunny sunny sunny 

     Però Fausto, consentimi, se in qualche modo alimentiamo questa forma di malcostume, finiremo per vivere totalmente nella reciproca indifferenza.
    O ci siamo già??


    _________________
    Hey Ho Let's Go

    piroGallo
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 6716
    Data d'iscrizione : 2008-12-23
    Località : tra Monferrato e Langa

    Re: Sulla mancata riconoscenza di parenti ed amici

    Post  piroGallo on Tue Jul 16, 2013 2:53 pm



    Mi consentirai di dire che si tratta di natura umana e costumi alquanto deprecabili, almeno dal mio punto di vista.
    Perfettamente d'accordo.

    Vorrei che mi chiarissi meglio il concetto di contesto, credo di non avere afferrato bene.
    Parenti, amici, colleghi, comunita' varie, missioni, centri sociali ecc; ogni contesto con la propria particolarita'.


    _________________
    Gianni

     

    "L'uomo che non ha la musica nel cuore ed è insensibile ai melodiosi accordi
    è adatto a tradimenti, inganni e rapine; i moti del suo animo sono spenti come la notte,
    e i suoi appetiti sono tenebrosi come l'Erebo: non fidarti di lui."
    (William Shakespeare, Il mercante di Venezia)

    "Meno muggiti e più ruggiti"
    (Autocitazione)

    Fausto
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 5904
    Data d'iscrizione : 2010-10-09
    Età : 51
    Località : LAND OF HOPE AND DREAMS

    Re: Sulla mancata riconoscenza di parenti ed amici

    Post  Fausto on Tue Jul 16, 2013 3:28 pm

    pevaril wrote:

     Però Fausto, consentimi, se in qualche modo alimentiamo questa forma di malcostume, finiremo per vivere totalmente nella reciproca indifferenza.
    O ci siamo già??

    Non siamo già nella totale indifferenza ma siamo molto vicini all'esserlo.
    Il nostro istinto ci porta non tanto ad alimentare quanto a "prevenire" ....
    Il termine è forte e sono consapevole di scrivere l'eccesso.
    Ma così possiamo capirci ....
    sunny sunny sunny 

    PS: spero partecipino anche altri perché l'argomento è indubbiamente interessante.  

    pevaril
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1096
    Data d'iscrizione : 2013-03-20
    Località : South Italy

    Re: Sulla mancata riconoscenza di parenti ed amici

    Post  pevaril on Tue Jul 16, 2013 4:01 pm

    piroGallo wrote:
    Perfettamente d'accordo.

    Parenti, amici, colleghi, comunita' varie, missioni, centri sociali ecc; ogni contesto con la propria particolarita'.

     Non so se nuovamente ho inteso male, ma sono del parere che riconoscenza e rispetto per il prossimo siano gli stessi ovunque, a prescindere dal contesto o meglio in qualunque contesto.
    Io sono sempre grato a chiunque faccia qualcosa di "utile" nei miei confronti, partendo dalla più misera banalità. Gli altri, no, e ripeto nuovamente, ciò che all'inizio viene concesso come favore, assume poi il ruolo di pretesa. E questa proprio non la capisco.


    _________________
    Hey Ho Let's Go

    pevaril
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1096
    Data d'iscrizione : 2013-03-20
    Località : South Italy

    Re: Sulla mancata riconoscenza di parenti ed amici

    Post  pevaril on Tue Jul 16, 2013 4:08 pm

    Fausto wrote:

    Non siamo già nella totale indifferenza ma siamo molto vicini all'esserlo.
    Il nostro istinto ci porta non tanto ad alimentare quanto a "prevenire" ....
    Il termine è forte e sono consapevole di scrivere l'eccesso.
    Ma così possiamo capirci ....
    sunny sunny sunny 

    PS: spero partecipino anche altri perché l'argomento è indubbiamente interessante.  

     Io spero, mi auguro che l'istinto ci porti a prevenire o correggere certi comportamenti. E questo in linea teorica. In pratica, vedo che la realtà è completamente differente. D'altronde, non voglio dimostrare scetticismo, credo che se l'argomento fosse sentito ( al pari di certe stupidate molto seguite in altri thread) avremmo avuto qualche risposta in più.
    Già, forse dimentico che siamo al 16 di Luglio e molti sono in vacanza.


    _________________
    Hey Ho Let's Go

    Cricetone
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 6589
    Data d'iscrizione : 2008-12-22
    Località : catanzaro

    Re: Sulla mancata riconoscenza di parenti ed amici

    Post  Cricetone on Tue Jul 16, 2013 4:20 pm

    Mai fare favori a parenti ed amici che in genere se venissero fatti da estranei comportebbero un esborso economico,perchè poi pretendono la stessa cosa ogni 5 minuti,e se non gli dici sempre si dicono pure che sei stronzo

    brizzo
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1133
    Data d'iscrizione : 2011-02-13
    Età : 56
    Località : Mestre/Venezia

    Re: Sulla mancata riconoscenza di parenti ed amici

    Post  brizzo on Tue Jul 16, 2013 9:39 pm

    Dalle mie parti si usa il detto "parenti serpenti"       

    Camelia
    CG Artist

    Numero di messaggi : 1247
    Data d'iscrizione : 2008-12-24
    Età : 16
    Località : From Hell

    Re: Sulla mancata riconoscenza di parenti ed amici

    Post  Camelia on Fri Jul 19, 2013 12:36 am


    brizzo wrote:Dalle mie parti si usa il detto "parenti serpenti"       
    Vogliamo aggiugerci: "Fratelli Coltelli"?!?!? Laughing


    Last edited by Camelia on Fri Jul 19, 2013 12:45 am; edited 1 time in total


    _________________
    Camelia @}->---

    «I'm Still There with You...»  
    ... Never seen Someone Crazy?!? --->

    Camelia
    CG Artist

    Numero di messaggi : 1247
    Data d'iscrizione : 2008-12-24
    Età : 16
    Località : From Hell

    Re: Sulla mancata riconoscenza di parenti ed amici

    Post  Camelia on Fri Jul 19, 2013 12:45 am

    Caro Pevaril, riassumo (amaramente) in due parole il concetto:

    Mancanza di Rispetto verso il Prossimo!

    Non c'è altro da aggiungere per me.


    _________________
    Camelia @}->---

    «I'm Still There with You...»  
    ... Never seen Someone Crazy?!? --->

    pevaril
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1096
    Data d'iscrizione : 2013-03-20
    Località : South Italy

    Re: Sulla mancata riconoscenza di parenti ed amici

    Post  pevaril on Fri Jul 19, 2013 1:01 pm

    Camelia wrote:Caro Pevaril, riassumo (amaramente) in due parole il concetto:

    Mancanza di Rispetto verso il Prossimo!

    Non c'è altro da aggiungere per me.

     Infatti è ciò che ho voluto intendere.
    Personalmente mi sono sempre sdebitato verso chi mi ha concesso un favore, in fondo basta poco e dipende dai contesti ma anche un semplice caffè è sufficiente a ricambiare la cortesia ricevuta.
    Ma, ribadisco, molti si sentono in diritto di non dirti nemmeno grazie.


    _________________
    Hey Ho Let's Go

    RockOnlyRare
    Rockzebo Expert

    Numero di messaggi : 5707
    Data d'iscrizione : 2012-05-18
    Età : 62
    Località : Milano

    Re: Sulla mancata riconoscenza di parenti ed amici

    Post  RockOnlyRare on Fri Jul 19, 2013 5:20 pm

    Forse chi si sorprende di tutto questo è perché è giovane e si fida ancora del prossimo, specie se parente o amico.

    Eppure non a caso c'è un proverbio che dice più o meno "dai parenti e dagli amici mi saldi iddio che dai nemici mi salvo io"

    Eppure nonostante innumerevoli episodi, l'essere umano continua a fidarsi e ci ricasca immancabilmente, tanto più quanto è onesto ed ha come valori amicizia, etica etc etc.

    Va considerato, sia in amicizia che amore, che esiste una categoria pericolosissima di persone che io definisco del tipo BIANCO O NERO.

    Sono persone difficilissimi da individuare, che se entri nelle loro grazie, ti danno tutto, ti fanno sentire importante, ti danno affetto amore fiducia.
    A loro affidi il cuore, condividi gli interessi, confidi i segreti più nascosti, convinto che su di loro potrai contare vita natural durante.
    Il guaio è che queste persone passano con altrettanta facilità dalla totale amicizia alla totale avversione, spesso senza alcun motivo, solo perché si stufano o trovano un altro a cui fare lo stesso giochetto.

    Se accade in amore, ok, è un dramma, ti senti perduto e non sai perchè, ma il disastro è se capita con amici che magari sono pure soci:
    ti tradiscono, raccontano agli altri i tuoi segreti, ti mettono in cattiva luce nel lavoro, ti fregano l'azienda etc etc la lista di danno è infinita ed assolutamente imprevedibile finché non ci caschi.

    Poi ci sono gli altri, gli amici che prendono e non danno mai, gli aridi, gli avari, gli egoisti, quello che è tutto dovuto e niente concesso.
    Infine i parenti, buoni e bravi a patto di non doverti trovare a spartire un bene o peggio un eredità.
    E se poi l'eredità è da dividere tra due fratelli, uno decisamente più ricco del secondo, è matematico che sarà sempre e comunque quello ricco che farà di tutto per fregare quello che ha meno disponibilità economica.

    Vi faccio un ultimo esempio che è fin troppo palese.

    Prendiamo proprio i più grandi appassionati di questo forum e dell'hi-fi.
    Quale è il loro interesse, se non primario, comunque essenziale ? semplice, far parte del forum, ascoltare musica, andare a mostre confrontarsi con gli altri e via dicendo ?

    Prendiamo casanova . Il suo interesse ? Sedurre le femmine

    Ed il ricco ? far soldi solo far soldi sempre far soldi in qualunque modo, lecito illecito, arrivando se serve a rovinare il prossimo, alla corruzione se non all'omicidio e perchè no la strage (vedi morti per inquinamento).

    L'uomo di stato ? Potere potere intrigo compromessi e via dicendo.

    In "soldoni"... il politico farà sempre il politico, il dittatore penserà solo al potere, il ricco i soldi, l'onesto darà valore ad affetti hobbies passioni, l'artista a coltivare la sua arte.
    Chiaro che poi ci sono pure i miscugli, es l'artista che pensa pure ai soldi, ma alla fine la sostanza è che a comandare sono sempre gli stessi esseri umani che hanno il dominio come ragione di vita, sia che siano vissuti nella preistoria che se nasceranno tra un milione di anni ammesso che l'uomo non si sia prima estinto (cosa che si meriterebbe ampiamente visti i danni che sta facendo al pianeta in cui vive).

    E che la passione porta spesso all'esagerazione proprio come una malattia degerenativa, il capo di stato a fare il colpo di stato o elimiare tutti gli avversari per paura di perdere il potere, l'atleta a doparsi per diventare o restare il num.1, il collezionista d'arte a rubare il quadro capolavoro per averlo solo lui, l'audiofilo a desiderare impianti sempre più costosi ed esclusivi ed avere una collezione sempre più sterminata di album che spesso poi è già tanto se ascolta più di una volta.

    bye


    pevaril
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1096
    Data d'iscrizione : 2013-03-20
    Località : South Italy

    Re: Sulla mancata riconoscenza di parenti ed amici

    Post  pevaril on Fri Jul 19, 2013 5:29 pm

    RockOnlyRare wrote:Forse chi si sorprende di tutto questo è perché è giovane e si fida ancora del prossimo, specie se parente o amico.



     Nel mio caso no, non è così, considerato che ho abbondantemente superato la cinquantina.
    Poi, per tutto il resto,  non posso che provare disprezzo per chi non conosce le regole basilari del buon vivere.


    _________________
    Hey Ho Let's Go

    Massimo
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 31502
    Data d'iscrizione : 2010-06-21
    Età : 61
    Località : Portici (NA)

    Re: Sulla mancata riconoscenza di parenti ed amici

    Post  Massimo on Fri Jul 19, 2013 5:32 pm

    RockOnlyRare wrote:....................
    .......................................................
    .........................
    l'audiofilo a desiderare impianti sempre più costosi ed esclusivi ed avere una collezione sempre più sterminata di album che spesso poi è già tanto se ascolta più di una volta.

    bye
    Per una piccola parte di audiofili può anche essere, ma non per tutti. sunny 


    _________________
    Quando il dito indica la luna, l'imbecille guarda il dito

    RockOnlyRare
    Rockzebo Expert

    Numero di messaggi : 5707
    Data d'iscrizione : 2012-05-18
    Età : 62
    Località : Milano

    Re: Sulla mancata riconoscenza di parenti ed amici

    Post  RockOnlyRare on Fri Jul 19, 2013 5:47 pm

    pevaril wrote:

     Nel mio caso no, non è così, considerato che ho abbondantemente superato la cinquantina.
    Poi, per tutto il resto,  non posso che provare disprezzo per chi non conosce le regole basilari del buon vivere.

    Non credo si tratti del rispetto delle regole basilari ma del menefreghismo e dell'egoismo, talvolta pure della pigrizia, anche ringraziare è faticoso.
    Magari fosse solo maleducazione.


    pevaril
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1096
    Data d'iscrizione : 2013-03-20
    Località : South Italy

    Re: Sulla mancata riconoscenza di parenti ed amici

    Post  pevaril on Fri Jul 19, 2013 5:54 pm

    RockOnlyRare wrote:

    Non credo si tratti del rispetto delle regole basilari ma del menefreghismo e dell'egoismo, talvolta pure della pigrizia, anche ringraziare è faticoso.
    Magari fosse solo maleducazione.

     Scusami, ma menefreghismo non equivale a maleducazione o mancanza di rispetto??
    No perchè se così non fosse, allora significa che io non capito niente della vita, fino ad ora.


    _________________
    Hey Ho Let's Go

    RockOnlyRare
    Rockzebo Expert

    Numero di messaggi : 5707
    Data d'iscrizione : 2012-05-18
    Età : 62
    Località : Milano

    Re: Sulla mancata riconoscenza di parenti ed amici

    Post  RockOnlyRare on Fri Jul 19, 2013 6:06 pm

    Massimo wrote:
    Per una piccola parte di audiofili  può anche essere, ma non per  tutti. sunny 

    Speriamolo davvero  

    Comunque io mi riferivo come negli altri casi ad un aspetto degenerativo della passione che porta a forme maniacali, non è che tutti i collezionisti di quadri arrivano a commissionare furti di capolavori, ma è capitato spesso ed a persone dotate di patrimoni che definire ingenti è pure riduttivo.

    Discorso album originali, io nel mio "piccolo" ho superato il 3500.
    Almeno una volta li ho ascoltati tutti, ma ce ne sono parecchi che probabilmente non ho ascoltato due volte e certamente non ho MAI ascoltato in modo diciamo "audiofilo" seduto in poltrona ascoltando solo la musica e non facendo altro.
    Inutile precisare che la percentuale è tanto maggiore quanto più ci si avvicina agli ultimi anni, in cui al cd si associa troppo spesso l'ascolto in sottofondo, in auto, in cuffia mentre si fa altro o si lavora (in informatica capita spesso di doversi isolare in maxi "open spaces" con 100 e passa persone che spesso parlano o peggio discutono.
    E ci sono quello si parecchi film musicali che ho visto solo parzialmente qualche canzone qua e la ma non tutto il concerto intero. Il tempo è sempre tiranno.

    Sull'impianto vado molto "controcorrente" visto che mi "innamorai" nel 1977-78 delle casse Dahlquist dq 10 con gli stessi amplificatori BGW che usava la casa americana per le prove delle casse, li acquistai un anno dopo lavorando in un negozio hi-fi mettendo tutto da parte, e da allora non li ho mai cambiati nè ho la minima idea di farlo almeno finchè non si dovessero rompere irrimediabilmente. Ed insieme a costoro ci sono pure un bobine teac del 73 con abbinato DBX, un Akai a cassette del 77 ed un Videoregistratore Superbeta Sony del 85 ANCORA PERFETTAMENTE FUNZIONANTE (il che non vuol dire che non abbia bd, dvd, hd-recorder etc etc).

    Accanto alla sezione d'epoca, quella modernissim ,dal 2012 in poi, testimone della ritrovata passione per l'hi-fi, (purtroppo generata anche dal bisogno di distrarmi da un grave lutto), giradischi Project, (il vecchio Dual tirò le cuoia un paio di anni fa), mobile hi-fi, meccanica CD + DAC Acoustic Qualiti (AQUA), BD-DVD Sony 4k, Tv 3d, PS3 etc etc


    RockOnlyRare
    Rockzebo Expert

    Numero di messaggi : 5707
    Data d'iscrizione : 2012-05-18
    Età : 62
    Località : Milano

    Re: Sulla mancata riconoscenza di parenti ed amici

    Post  RockOnlyRare on Fri Jul 19, 2013 6:17 pm

    pevaril wrote:

     Scusami, ma menefreghismo non equivale a maleducazione o mancanza di rispetto??
    No perchè se così non fosse, allora significa che io non capito niente della vita, fino ad ora.

    Sì, i termini sono tutto sommato sinonimi, ma per me il menefreghismo è più simile all'egoismo che alla maleducazione vera e propria.
    Anzi secondo me è molto più grave, uno può essere maleducato ma non per questo non rispettare gli altri.

    Il menefreghista magari è gentile nei modi ma è bastardo nella sostanza in altre parole è cosciente e consapevole di fregarsene degli altri, non lo fa perché è poco educato e sgarbato, ma perché se ne frega del prossimo, si sente superiore non solo o non soltanto nel modo esteriore ma per una sua precisa scelta in cui tutto gli è dovuto e nulla deve.

    Ma la cosa più devastante è che in caso di diatriba, in cuor suo è pure convinto di essere lui la vittima del sopruso e non l'artefice, per cui è capace pure di fare l'offeso e pensare che sia tu ad essere egoista e maleducato !


    Massimo
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 31502
    Data d'iscrizione : 2010-06-21
    Età : 61
    Località : Portici (NA)

    Re: Sulla mancata riconoscenza di parenti ed amici

    Post  Massimo on Fri Jul 19, 2013 6:54 pm

    Rock vedo che hai gli ultimi ritrovati in campo HI-FI, io non sono da meno, a parte qualche pezzo autocostruito. sunny sunny 


    _________________
    Quando il dito indica la luna, l'imbecille guarda il dito

    usvegliu
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 58
    Data d'iscrizione : 2012-12-19

    Re: Sulla mancata riconoscenza di parenti ed amici

    Post  usvegliu on Fri Jul 19, 2013 10:09 pm

    E' meschino chi si aspetta gratitudine per aver dato, tanto quanto è meschino colui che è ingrato.
    Dare e poi pretendere gratitudine è come pretendere di mettere in stato di obbligo ed inferiorità colui che riceve attraverso la sua riconoscenza.
    Deve essere grato un figlio per l'amore che riceve ?
    Devono aspettarsi gratitudine i genitori che adottano un figlio ?

    Deve essere grato lui



    per il nostro sms da 1 euro ?

    Un genitore che si aspetta gratitudine è come un despota che esige un popolo sottomesso.
    Un amico che teme l'ingratitudine non conosce la gioia e la felicità.
    L'amore, l'amicizia, la generosità sono sentimenti che nascono dalla libertà e dall'uguaglianza nessuno può e deve sentirsi migliore o superiore all'altro, nessuno è grato a se stesso e considerare gli altri come se stessi è l'essenza stessa del dare.


    Lilly.
    FOTOREPORTER

    Numero di messaggi : 4257
    Data d'iscrizione : 2012-10-30
    Località : Milan Italy

    Re: Sulla mancata riconoscenza di parenti ed amici

    Post  Lilly. on Fri Jul 19, 2013 10:17 pm

    usvegliu wrote:E' meschino chi si aspetta gratitudine per aver dato, tanto quanto è meschino colui che è ingrato.
    Dare e poi pretendere gratitudine è come pretendere di mettere in stato di obbligo ed inferiorità colui che riceve attraverso la sua riconoscenza.
    Deve essere grato un figlio per l'amore che riceve ?
    Devono aspettarsi gratitudine i genitori che adottano un figlio ?

    Deve essere grato lui



    per il nostro sms da 1 euro ?

    Un genitore che si aspetta gratitudine è come un despota che esige un popolo sottomesso.
    Un amico che teme l'ingratitudine non conosce la gioia e la felicità.
    L'amore, l'amicizia, la generosità sono sentimenti che nascono dalla libertà e dall'uguaglianza nessuno può e deve sentirsi migliore o superiore all'altro, nessuno è grato a se stesso e considerare gli altri come se stessi è l'essenza stessa del dare.


       


    _________________




    .....la musica è la stenografia delle emozioni.....


    pevaril
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1096
    Data d'iscrizione : 2013-03-20
    Località : South Italy

    Re: Sulla mancata riconoscenza di parenti ed amici

    Post  pevaril on Fri Jul 19, 2013 10:26 pm

    Ok, ho capito tutto. Ho impostato male il discorso dall'inizio.
    Da me si dice : Fai bene e dimentica, fai male e pentiti.

    Per me si può chiudere qui.


    _________________
    Hey Ho Let's Go

      Current date/time is Sat Dec 10, 2016 9:25 pm