Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
controlli bassi e alti - Page 3
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    controlli bassi e alti

    Share

    Poll

    Usate i toni del vostro amplificatore

    [ 2 ]
    25% [25%] 
    [ 4 ]
    50% [50%] 
    [ 2 ]
    25% [25%] 

    Total Votes: 8

    Nicola_83
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 2486
    Data d'iscrizione : 2010-05-30

    Re: controlli bassi e alti

    Post  Nicola_83 on Mon Aug 12, 2013 12:23 pm

    a me mi dissero che quei tasti in più erano inutili ai fine della resa sonica...poi non so!

    ledzep
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 850
    Data d'iscrizione : 2013-06-28
    Età : 53
    Località : ex citta' dell'auto

    Re: controlli bassi e alti

    Post  ledzep on Mon Aug 12, 2013 1:35 pm

    visto che la discussione e' bella infuocata ho messo un sondaggio
    avanti votate son curioso Laughing


    _________________

    blues 66
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 326
    Data d'iscrizione : 2011-12-29

    Re: controlli bassi e alti

    Post  blues 66 on Mon Aug 12, 2013 2:49 pm

    iano wrote:
    Temo tu mi abbia preso per un grande esperto,e che io ti abbia parecchio fuorviato.
    In effetti se le maggiori differenze le senti coi cavi di potenza, questo è proprio quello che la teoria prevede.
    Però devo confermare che le maggiori differenze coi cavi che sperimento io le sento coi cavi di segnale.
    Io giustifico questo mio sentire col fatto che i cavi di segnale vengono per primi.
    Però i risultati che io ottengono dipendono fortemente dai miei modi di operare non proprio ortodossi.
    Il cambio del primo cavo di segnale ,quello fra sorgente e pre,vale per me come un controllo di tono ai fini degli effetti ottenuti.
    Il cambio del cavo di potenza dà risultati meno scontati invece,perchè i cavi che vengono prima,quelli di segnale,continuano a comandare loro.
    Di fatto per capire se un progetto di cavo và bene,mi limito a provarlo fra sorgente e pre.
    Se decido che và bene uso lo stesso progetto per il cavo di potenza,facendolo solo di sezione maggiorata,o non vengo mai deluso dal risultato in questi casi.
    Non solo non uso i controlli di tono,ma recentemente sono riuscito finalmente a fare a meno del pre attivo.
    Sembrava impossibile riuscirci,ma dopo anni e anni di prove sembra la cosa sia andata a buon fine.
    Adesso ascolto con molta maggior soddisfazione.
    Sicuramente sarebbe stato molto più facile dare la colpa delle mie insoddisfazioni all'ambiente o ai tecnici del suono,e adottare una soluzione radicale alla Tom Gefrusti.
    Ma in effetti una soluzione alla Tom ha senso quando sei certo che per il resto l'impianto è a posto.E quando mai avremo questa certezza?
    Adesso sono sicuro che l'impianto è a posto perchè metto il volume del pre passivo a fondo scala con qualsiasi genere e qualsiasi disco.
    Non sò se l'impianto così sia più fedele.Non potrei dare alcuna prova in tal senso in effetti.
    Sò che così me lo godo molto di più.
    Siccome poi i cavi vanno bene con qualsiasi impianto,e se non sono le mie solo scarraffonaggini,allora ne deduco che davvero ne sappiamo ancora poco sui cavi.
    Sui controlli di tono invece,da quello che deduco da questa discussione,è che vanno bene  col rock,e non è poco.
    Servisse solo ad ascoltare al meglio i Led Zeppelin e basta.
    Roberto Lucchesi afferma di aver tenuto un tal modello di JBL sol per ascoltare i Pink Floyd,e non si tratta erto di uno sprovveduto,anzi....
    In effetti i controlli di tono se funzionassero davvero,se correggessero veramente l'ambiente,dovrebbero andare bene con tutto.
    Se invece funzionano solo con un genere allora la spiegazione deve essere un' altra.


    Ciao,Sebastiano.
    CIAO iano è per questo che ti seguo , perchè sei un rozzo   !!
    scherzo ovviamente , no ti seguo perchè hai e mi dai delle nozioni basilari che in altri non ho trovato , con questo non voglio offender nessun Cavaio ...Embarassed  diciamo che ho avuto più risposte date da Tè , che con altri ...forse credo , si possa dire è stato il destino !! santa 
    quindi usi geometrie , che rimangon in famiglia a quanto ho  capito   LOL !
    Benissimo - ( ci-ho in mente un progettino che è simile al tuo discorso cavi segnale , 22/24 awg cavi potenza 11/13 awg ) ti diro a tempo debito REMEMBER !

    purtroppo ho un integrato , e Pre + Finale non li ho.
    però ho sentito belle differenze con questi !! parlo a livello di di ascolto , avere un buon PRE che ti dia un Guadagno , aria attorno agli strumenti , che ti separa gli esecutori ecc ecc ... ed un finale potente equilibrato al punto giusto ...Bhèè devo ingoiare il rospo amaro !!
    sulle supposizioni dei controlli di tono , posso solo dirti e dire che , io li uso ad orecchio , giro le manovelle alti e bassi di 1 /2 tacchette , e stop oltre alla famigerata levetta 3 Khz e non saprei dire, a quanto ho tagliato determinate frequenze visto che un analizzatore di ambiente non lo ho .  

    MA DIMMI sEBASTIANO uN EQUALIZZATORE PARAMETRICO ?? non potrebbe abdare meglio ? di un DAC ??

    Suspect !!

    ciao

    blues 66
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 326
    Data d'iscrizione : 2011-12-29

    Re: controlli bassi e alti

    Post  blues 66 on Mon Aug 12, 2013 3:00 pm

    il Carletto wrote:Essendo sia fotografo che audiofilo, trovo che l'esempio di Photoshop sia poco calzante.
    In fotografia si usa il fotoritocco con vari software, di cui Photoshop è solo il più famoso, per esprimere il punto di vista dell'autore dello scatto, la sua interpretazione della scena o del paesaggio, non necessariamente (anzi quasi mai) la REALTA'. Chi mi dice che uno scatto ha, per esempio, dei colori non identici al vero, probabilmente non sa nulla di fotografia. Altrimenti dovremmo considerare FALSE anche tutte le foto in bianco e nero fatte nel corso dei decenni.
    Nella fase di registrazione musicale, il tecnico del suono, in accordo con l'autore e/o esecutore, opera un ritocco della registrazione stessa. Difatti tutti i banchi mixer sono provvisti di controlli di tono e negli studi vengono regolarmente usati equalizzatori.
    In hi-fi siamo dall'altra parte della barricata, siamo fruitori del prodotto musica e dovremmo, a mio parere, cercare di rispettare quello che gli autori propongono, anche a livello timbrico.
    Un conto è cercare di correggere le eventuali problematiche ambientali con interventi sull'ambiente stesso, per far si che l'impianto esprima al massimo la fedeltà di cui è capace, un altro è stravolgere il messaggio sonoro per avvicinarlo ai nostri gusti.
    Legittimo, s'intende, ma con poca attinenza al significato della parola hi-fi.
    Carletto , bhè ti quoto , in effetti se ci son i controlli di tono dietro al vetro e al banco mixer , non vedo il problema di usarli con parsimonia anche a casa Mia
    Mmmhh Vabbèèè !

    in effetti cioò che dici è giusto hai colpito nel segno , con una foto scattata dà una lente e scattata dà un 'altra ( macchine diverse ) credo che cambia , quindi l'ascolto di musica se viene ascoltato con un impianto ee.. con un 'altro credo cambi !
    poi se chi manipola la foto per un giornale perche la vuole con più colore , oppure meno , è la stessa cosa di un 'ascoltatore che vuole sentire con più bassi o meno alti

     




    Il delfino di Air
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 3640
    Data d'iscrizione : 2008-12-21

    Re: controlli bassi e alti

    Post  Il delfino di Air on Mon Aug 12, 2013 7:00 pm

    votato no mai......secondo me però non si può mettere sullo stesso piano l'utilizzo dei controlli di tono con il dirac o simili  


    _________________
    Audio Analogue Crescendo CD
    Audio Analogue Crescendo Ampli
    Cabasse MT31 Tobago

    ledzep
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 850
    Data d'iscrizione : 2013-06-28
    Età : 53
    Località : ex citta' dell'auto

    Re: controlli bassi e alti

    Post  ledzep on Mon Aug 12, 2013 7:12 pm

    ho modificato il mio impianto in auto ma sono indeciso se usare o no i toni
    consigli ?
    affraid affraid affraid affraid affraid affraid affraid affraid affraid 


    _________________

    blues 66
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 326
    Data d'iscrizione : 2011-12-29

    Re: controlli bassi e alti

    Post  blues 66 on Mon Aug 12, 2013 10:13 pm

    Un plauso ad  Edmond sunny applausi applausi applausi  leggevo in un  thread simile , http://www.ilgazeboaudiofilo.com/t6955-controlli-di-tono-e-balancequali-danni-farebbero-al-suono

    S_T_R_A_Q_U_O_T_O    Laughing 


    2
    Edmond wrote:Se sono circuiti costruiti come Dio comanda, l'utilità è MOLTO superiore ai possibili degradi sulla qualità di suono....... Anche perchè ritengo che sia stupido fare i puristi sul suono e poi spendere cifre allucinanti su cavi e cazzate pseudo-esoteriche (tipo le varie pietruzze magiche che popolano questo mondo, piuttosto che vernici e lacche varie.....  tyu  tyu  tyu ), magari non spendendo nulla sulla sistemazione dell'ambiente..............            

    Viva il balance ed i controlli di tono (ben fatti)!!!!!!!!!!!!!  Laughing  Laughing  Laughing        cheers  cheers  cheers

    il Carletto
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 160
    Data d'iscrizione : 2012-03-03
    Età : 54
    Località : Firenze

    Re: controlli bassi e alti

    Post  il Carletto on Mon Aug 12, 2013 10:45 pm

    blues 66 wrote:Carletto , bhè ti quoto , in effetti se ci son i controlli di tono dietro al vetro e al banco mixer  , non vedo il problema di usarli con parsimonia anche a casa Mia
    Mmmhh Vabbèèè !

    in effetti cioò che dici è giusto hai colpito nel segno , con una foto scattata dà una lente  e scattata dà un 'altra ( macchine diverse ) credo che cambia , quindi l'ascolto di musica se viene ascoltato con un impianto ee.. con un 'altro credo cambi !
    poi se chi manipola la foto per un giornale perche la vuole con più colore , oppure meno , è la stessa cosa di un 'ascoltatore che vuole sentire  con più bassi o meno alti
     
    Se si usano i controlli di tono con parsimonia per ovviare almeno in parte ai problemi del proprio ambiente d'ascolto, posso anche essere d'accordo, nonostante io preferisca agire in altro modo (correzione ambientale). Ho cercato negli anni di assemblare, secondo le mie possibilità, un impianto quanto più neutro possibile; preferisco avere il minimo di circuitazione sul percorso di segnale.

    La metafora della fotografia è attinente ma a ruoli invertiti. Usare una fotocamera o una lente piuttosto che un'altra può essere importante per chi scatta ma è indifferente per chi guarda la foto, l'importante sarà il risultato, il famoso "messaggio" (ovviamente non sto parlando delle foto ricordo al ristorante di una comunione...).
    Nella musica può essere fondamentale per l'esecutore usare uno strumento invece di un altro, perchè esso potrà riprodurre meglio ciò che l'autore vuole esprimere.
    Se ascolto, vorrò sentire ciò che l'autore e il tecnico del suono hanno prodotto nel modo più fedele possibile, secondo i mezzi che ho a disposizione.
    Pompare i bassi e gli alti sarebbe come andare ad ammirare la Gioconda con degli occhiali con le lenti colorate, perchè a nostro giudizio i colori usati da Leonardo non vanno bene yaw

    blues 66
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 326
    Data d'iscrizione : 2011-12-29

    Re: controlli bassi e alti

    Post  blues 66 on Mon Aug 12, 2013 11:07 pm

    Embarassed hai dato un 'idea ben più precisa di ciò che volevo dire ...
    Buona musica sunny 

      Current date/time is Fri Dec 09, 2016 4:29 pm