Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
L'hi-end e' ancora un mito degli audiofili?
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    L'hi-end e' ancora un mito degli audiofili?

    Share

    Poll

    Secondo voi quando si entra nell'hi-end?

    [ 5 ]
    25% [25%] 
    [ 7 ]
    35% [35%] 
    [ 0 ]
    0% [0%] 
    [ 2 ]
    10% [10%] 
    [ 0 ]
    0% [0%] 
    [ 0 ]
    0% [0%] 
    [ 0 ]
    0% [0%] 
    [ 6 ]
    30% [30%] 

    Total Votes: 20

    Luca58
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8295
    Data d'iscrizione : 2009-07-15
    Località : Baracchina bianca

    L'hi-end e' ancora un mito degli audiofili?

    Post  Luca58 on Wed Oct 30, 2013 9:45 am

    Mi sono messo in un bel problema perche' non so quale risposta scegliere...

    Visto che si puo' dare solo una risposta e dato per scontato che c'e' un po' di verita' in ognuna delle risposte, dopo attenta riflessione e memore del mio primo impiantino (Merrill+ET2+BPS+AI500+LS3/5a+BCD) voto 2).  


    _________________
    Keep your ears honest: Listen to live, unamplified music every week.

    spiritolibero66
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 366
    Data d'iscrizione : 2011-11-25
    Età : 50
    Località : Civitavecchia

    Re: L'hi-end e' ancora un mito degli audiofili?

    Post  spiritolibero66 on Wed Oct 30, 2013 10:12 am

    2
    Assolutamente 2

    bluocram
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 544
    Data d'iscrizione : 2011-06-08
    Età : 57
    Località : Roma

    Re: L'hi-end e' ancora un mito degli audiofili?

    Post  bluocram on Wed Oct 30, 2013 11:06 am

    secondo me la più saggia è la 2

    Ciao.

    mc 73
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 6705
    Data d'iscrizione : 2012-12-10
    Località : friuli udine e dintorni

    Re: L'hi-end e' ancora un mito degli audiofili?

    Post  mc 73 on Wed Oct 30, 2013 11:06 am

    votato 2


    _________________
    sorgente:Cyrus CD xt signature+ Primare DAC30(by aurion audio )
    amplificatori: MegaHertz Otl a due valvole finali/Marrano custom
    cuffie: Sennheiser hd 800 AIR/ hd 565 ovation/Fostex th-900mk2 AIR/Hifiman he400i
    saluti sunny Michele

    albertosi
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 992
    Data d'iscrizione : 2012-11-18
    Località : Firenze

    Re: L'hi-end e' ancora un mito degli audiofili?

    Post  albertosi on Wed Oct 30, 2013 11:06 am

    Mi astengo!  Non ho ancora capito che differenza ci sia fra hi-fi e hi-end. Filologica? Filosofica? Maketinglogica?

    Se si volesse avvalorare l'idea che l'hi-end ( s'arriva lì e poi basta, in fiorentino ) è quello stato in cui l'hi-fi non può arrivare e implica la massima sofisticazione dell'impianto, ha da essere per forza costoso.. e in ambiente adeguato.

    Mah... Bhò..


    _________________
    Io restai a chiedermi se l'imbecille ero io, che la vita la pigliavo tutta come un gioco, o se invece era lui che la pigliava come una condanna ai lavori forzati; o se lo eravamo tutti e due. (Il Perozzi, pensando al figlio)

    Luca58
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8295
    Data d'iscrizione : 2009-07-15
    Località : Baracchina bianca

    Re: L'hi-end e' ancora un mito degli audiofili?

    Post  Luca58 on Wed Oct 30, 2013 12:41 pm

    Vabbe', ora tutti 2) non esageriamo...    Il mio era anche un tributo di affetto perche' se e' vero che alcuni componenti riescono a farti scordare i propri limiti durante l'ascolto, i limiti ci sono ed alla lunga vengono necessariamente fuori. Laughing


    _________________
    Keep your ears honest: Listen to live, unamplified music every week.

    albertosi
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 992
    Data d'iscrizione : 2012-11-18
    Località : Firenze

    Re: L'hi-end e' ancora un mito degli audiofili?

    Post  albertosi on Wed Oct 30, 2013 12:46 pm

    La 2 è MY-end.. Laughing
    Quindi voto 4.


    _________________
    Io restai a chiedermi se l'imbecille ero io, che la vita la pigliavo tutta come un gioco, o se invece era lui che la pigliava come una condanna ai lavori forzati; o se lo eravamo tutti e due. (Il Perozzi, pensando al figlio)

    nellosound
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 636
    Data d'iscrizione : 2012-12-24
    Età : 46
    Località : Pisa

    Re: L'hi-end e' ancora un mito degli audiofili?

    Post  nellosound on Wed Oct 30, 2013 1:17 pm

    Impossibile pargonare qualsiasi riproduzione con il live, per cui per me l'hi end non esiste. Detta di questa mia convinzione, avrei sinceramente preferito votare 2...


    _________________
    Diffusori: Audes Blues
    Amplificatore: Audio Analogue Maestro 70 Rev2
    Pre Phono: Audio Analogue Aria Rev. 2
    Piatto: Thorens td160 - Shure M97xe
    Lettore cd: Audio Analogue Fortissimo by Airtech
    Cavi: Air Tech Alfa

    Luca58
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8295
    Data d'iscrizione : 2009-07-15
    Località : Baracchina bianca

    Re: L'hi-end e' ancora un mito degli audiofili?

    Post  Luca58 on Wed Oct 30, 2013 1:25 pm

    albertosi wrote:La 2 è MY-end
    Vero  , anche se secondo me non e' possibile uscire dalla my-end perche' ci si entra ogni volta che si ascolta qualcosa con i propri orecchi ottenendo una impressione personale, cosa che, tra l'altro, cambia con l'aumento dell'esperienza.

    La domanda del sondaggio e' appunto per capire cosa ciascuno di noi intenda per hi-end, visto che per definizione dovrebbe includere componenti di altissima qualita' (e quindi costosi) ben interfacciati elettricamente tra loro e meccanicamente con l'ambiente, soluzioni anche personali di messa a punto senza compromessi e un ambiente di ascolto neutro, anche se spesso sono rimasto indifferente di fronte alla resa di impianti che certamente rientravano in questa definizione. Ho incluso risposte che in teoria sarebbero fuori dal contesto proprio per queste esperienze.


    Last edited by Luca58 on Wed Oct 30, 2013 1:33 pm; edited 1 time in total


    _________________
    Keep your ears honest: Listen to live, unamplified music every week.

    spiritolibero66
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 366
    Data d'iscrizione : 2011-11-25
    Età : 50
    Località : Civitavecchia

    Re: L'hi-end e' ancora un mito degli audiofili?

    Post  spiritolibero66 on Wed Oct 30, 2013 1:32 pm

    Però scusate...a questo punto dobbiamo definire una cosa...
    Si deve considerare Hi-End un impianto che riproduce musica ESATTAMENTE come è l'incisione (per capirci...) oppure che CI PIACE per come suona (effetto "live", dinamica, ricostruzione o quel che più ci aggrada...)??????
    P.S. Non dimentichiamo che un audiofilo è "per definizione" un insoddisfatto! :-)

    Luca58
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8295
    Data d'iscrizione : 2009-07-15
    Località : Baracchina bianca

    Re: L'hi-end e' ancora un mito degli audiofili?

    Post  Luca58 on Wed Oct 30, 2013 1:45 pm

    spiritolibero66 wrote:Però scusate...a questo punto dobbiamo definire una cosa...
    Si deve considerare Hi-End un impianto che riproduce musica ESATTAMENTE come è l'incisione (per capirci...) oppure che CI PIACE per come suona (effetto "live", dinamica, ricostruzione o quel che più ci aggrada...)??????
    P.S. Non dimentichiamo che un audiofilo è "per definizione" un insoddisfatto! :-)
    Bella domanda...  

    In teoria l'impianto dovrebbe riprodurre meglio possibile quello che e' inciso nel supporto. Punto. Il problema e' che in realta' quello che e' inciso nel supporto non lo conosciamo perche' da un lato non corrisponde al live per i limiti tecnici e le scelte durante la registrazione/incisione, dall'altro la riproduzione che possiamo ascoltare per verifica cambia da un impianto all'altro.

    Va considerato corretto un impianto solo perche' riproduce il contenuto del supporto in modo piacevole per l'orecchio umano o bisogna affidarci al giudizio della rilevazione strumentale?  


    _________________
    Keep your ears honest: Listen to live, unamplified music every week.

    spiritolibero66
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 366
    Data d'iscrizione : 2011-11-25
    Età : 50
    Località : Civitavecchia

    Re: L'hi-end e' ancora un mito degli audiofili?

    Post  spiritolibero66 on Wed Oct 30, 2013 2:21 pm

    La "faccenda" si complica.
    Definiamo l'orecchio umano...l'orecchio mio oppure l'orecchio tuo?
    Oppure l'orecchio suo?
    sunny 

    enzo66
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 980
    Data d'iscrizione : 2013-09-09
    Età : 50
    Località : Savona

    Re: L'hi-end e' ancora un mito degli audiofili?

    Post  enzo66 on Wed Oct 30, 2013 2:24 pm

    La prima volta che sentii parlare di "hi end" era nella prima metà degli anni '80.
    Da liceale squattrinato (molto squattrinato) mi passava le riviste (Suono, Stereoplay, Audioreview ed altre) un mio compagno di classe al quale, a sua volta, le passava, dopo averle lette, un suo vicino di casa.
    Rimanevo letteralmente basito da questi componenti hi end (non hi fi) che talvolta erano recensiti e dai loro costi allucinanti (tipo 10 - 20 milioni per un amplificatore). Mi colpivano, tanto per fare un esempio, le amplificazioni Mark Levinson per come erano realizzate e per i risultati che davano alle misure e per le descrizioni che ne facevano i recensori.
    Sì perché, per definizione, un componente hi end dovrebbe essere un qualcosa di progettato e costruito secondo certi criteri che lo rendono un prodotto esclusivo, sopra gli standard abituali di qualità, realizzato applicando soluzioni e know-how particolari e componentistiche accuratamente selezionate e, ciò, al fine primo ed ultimo di ottenere prestazioni sopra le righe, ovvero, prestazioni hi end. Ciò è quello che dovrebbe essere un prodotto definibile hi end e tutto ciò, ovviamente, dovrebbe avere costi elevati, elevatissimi.
    In realtà, però, si può incappare in delle sole: in macchine costose e definite hi end ma realizzate più per stupire ed acchiappare allocchi (magari colorando il suono in modo sensibile) che non per suonare in modo realistico, in macchine talvolta rumorose od in macchine talvolta noiose che poco o nulla hanno a che spartire neppure con la più umana hi-fi.
    Un'altra tendenza è quella di creare miti su prodotti ordinari e venduti a prezzi ordinari ma definiti hi end da qualcuno che ci vede degli "ammazzagiganti".
    In sintesi, con il passere degli anni, il significato del termine "hi end" si è entropizzato, disciolto e squagliato sia a causa degli usi indiscriminati dovuti a luoghi comuni ed a certe strategie di marketing sia perché, a molti di noi, fa piacere definire ciò che si possiede non solo hi fi ma, perché no, hi end.
    Tra poco, forse, saranno da coniare nuovi termini ad esempio:
    - hi fi per definire il t amp da 7 + 7 W che pilota dei monovia di cartone (sospensione compresa) a dipolo;
    - hi end per i prodotti hi fi entry level magari con qualche sintoamplificatore multicanale di plastica in mezzo;
    - khi end (pronuncia chilo hai end) per i prodotti di discreta hi fi non più entry, magari con qualche sintoamplificatore multicanale non di plastica in mezzo;
    - Mhi end (pronuncia mega hai end) per i prodotti di ottima hi fi;
    - Ghi end (pronuncia giga hai end) per quei prodotti che costano come tre reni nuovi ma sono delle sole per orecchie;
    - Thi end (pronuncia tera hai end) per la vera hi end: costruita senza compromessi; quella che fa venire i brividi lungo la schiena per quanto costa ma che ti dimentichi del prezzo per i brividi di piacere che hai quando la senti suonare.

    Dimenticavo: riguardo il voto per ora mi astengo in quanto voterei una opzione che si avvicinasse alla definizione di "tera hi end"


    _________________
    sunny Ciao, Enzo sunny

    "Se le porte della percezione fossero sgombrate, ogni cosa apparirebbe com'è: infinita"   [William Blake]

    .......   "E scusate se è poco"  ............    [Enzo66]

    Luca58
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8295
    Data d'iscrizione : 2009-07-15
    Località : Baracchina bianca

    Re: L'hi-end e' ancora un mito degli audiofili?

    Post  Luca58 on Wed Oct 30, 2013 5:09 pm

     

    Io sono invece cresciuto immerso nell'hi-end "vero" a partire da 12 anni, perche' da quell'eta' non ho mai smesso di suonare uno strumento musicale e il primo impianto audio l'ho acquistato a 34 anni.  

    Comunque il termine hi-end andrebbe sempre riferito alla prestazione, che non sempre e' proporzionata al livello delle elettroniche perche', ammesso che funzionino a livello delle specifiche tecniche, vanno ben combinate. Il tutto va poi "tuiccato" e questo ha un effetto decisivo in senso positivo che, per mia esperienza, in genere segue la semplificazione dei concetti, il minimalismo e una lotta senza quartiere sia alle vibrazioni che alle interazioni con l'ambiente.


    _________________
    Keep your ears honest: Listen to live, unamplified music every week.

    Floyder
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 805
    Data d'iscrizione : 2012-03-10
    Età : 54
    Località : Gargano Apulia

    Re: L'hi-end e' ancora un mito degli audiofili?

    Post  Floyder on Thu Oct 31, 2013 9:56 pm

    Votato 8, senza dubbio ... imho.


    _________________
    Antonio

    CD SACD Pioneer PD50 / Meccanica Cambridge CXC - Dac Ampli Pioneer U-05 / Sennheiser HD 650 Balanced - Grado Spirit Labs ... by Floyder sunny

    Fiio X5 - Spirit Labs M3 / Sony mdr 1r

    gciraso
    Moderatore strizzacervelli

    Numero di messaggi : 3610
    Data d'iscrizione : 2013-06-06
    Età : 61
    Località : Padova

    Re: L'hi-end e' ancora un mito degli audiofili?

    Post  gciraso on Thu Oct 31, 2013 10:15 pm

    enzo66 wrote:
    Dimenticavo: riguardo il voto per ora mi astengo in quanto voterei una opzione che si avvicinasse alla definizione di "tera hi end"
    Ammazza quante pippe affraid affraid affraid 

    Luca58
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8295
    Data d'iscrizione : 2009-07-15
    Località : Baracchina bianca

    Re: L'hi-end e' ancora un mito degli audiofili?

    Post  Luca58 on Fri Nov 01, 2013 7:07 pm

    Thedeaf wrote:Io avrei votato la 2 se l'autore del sondaggio non l'avesse conclusa come l'ha conclusa rendondo la risposta per me solo in parte condivisibile, mi riferisco alla frase "perchè alcuni impiantini......"
    Se l'impianto è in grado di trasmetterti l'emozione di un live, quali sarebbero i limiti ?
    perchè, o questi ci sono e l'effetto non si ottiene o questi non ci sono e quindi parliamo di hi-end sunny
    altrimenti è vero la 1 che l'hi-end è solo nella tua testa, non percepisci i limiti e credi di essere al top  

    Kevin
    L'esempio che ti faccio e', ancora, quello delle LS3/5a. Questi mini-diffusori hanno una riproduzione che, nel caso siano ben abbinati e posizionati, ha qualcosa di magico nonostante la loro resa in frequenza effettiva vada da circa 60 a circa 16.000 Hz. Uno dei segreti e' che la bassa discesa in frequenza e' ben bilanciata dalla "limitata" risposta in alto.

    Ebbene, e' opinione comune che, se - ripeto - ben abbinate e posizionate, queste piccole casse riescano a coinvolgerti cosi' tanto che ti fanno scordare il ridotto litraggio e la "limitata" risposta in frequenza. Soprattutto con le valvole e con un analogico di qualita', ti sembra anche che scendano agli inferi. Io mi resi conto davvero di questo limite solo quando acquistai un vpr e non sentii il passo del Tirannosauro in Jurassic Park.

    La frase che viene normalmente usata e' "Sei cosi' preso a sentire quello che c'e' che non ti rendi conto o non ti importa di quello che non c'e' ".

    In pratica  ti fanno collegare all'emozione dell'evento musicale, mentre altri impianti top che ho sentito (ovviamente non tutti) mi hanno lasciato indifferente perche' c'era tutto ma non aveva niente a che vedere con l'evento musicale.

    Ho finito la risposta 2) con l'aggiunta sugli impiantini perche' in genere chi ritiene che solo con tutti i parametri audiofili top si possa avere una resa simil-live ha la risposta 4).


    _________________
    Keep your ears honest: Listen to live, unamplified music every week.

    ermes pecchinini
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 115
    Data d'iscrizione : 2012-04-14
    Località : Inverigo

    Re: L'hi-end e' ancora un mito degli audiofili?

    Post  ermes pecchinini on Sat Nov 02, 2013 12:14 pm

    Bah, dico la mia in merito al Hi End, consapevole del fatto che attirerò gli strali di mezzo forum. A mio avviso è solo una categoria merceologica.
    Sono un musicista professionista da oltre 20 anni, convivo con la musica quotidianamente da oltre 30. Ho ascoltato a più riprese il cosiddetto Hi End grazie a qualche ascolto prestato, ad un paio di amici che di mestiere vendono Hi Fi e ad una grande frequentazione con molti negozi Hi End, principalmente giapponesi, dove sono spesso per lavoro. La cosa che, senza mezzi termini, mi ha spesso impressionato è stata la mediocrità di questi apparecchi. Era sempre come se tali macchine dismettessero gli umili panni della macchina per la riproduzione sonora per vestire i panni (per me troppo arroganti) della macchina che la musica se la ricrea e se la risuona, allontanandosi così dalla meta. Impressionante, giusto per esemplificare e spiegarmi meglio, la resa della basse, pari ad una scossa 5°grado della Mercalli, o l'iperdettaglio che consentiva di assaporare l'alito della soprano, o la resa spaziale che trasformava Quartetto Italiano nella Boston Sinf Orchestra etc. Parlai tempo fa di queste mie impressioni con un amico più esperto di me il quale non solo mi diede ragione ma mi spinse a riflettere meglio su tali prodotti. Il suo ragionamento (che oggi condivido a pieno) era all'incirca questo: Immagina di costruire un'elettronica da 40 000 euro, il primo problema che ti poni è : ma chi se la compra?
    Occorre identificare un target di clientela che abbia grosso modo le seguenti caratteristiche:
    essere molto danarosa (il che esclude tutti i musicisti professionisti ed i tecnici audio che conosca ovvero le orecchie più fini e le menti più scentifiche anche se magari non proprio gli spiriti più sensibili)
    essere molto più interessata alla macchina che non alla musica (eh si, perchè con un quarto di quella cifra mi prendo un abbonamento per 5 anni ai Berliner, incluso di viaggi e simpatico aperitivo in Alexander Platz, smettendo così di farmi delle pippe sul Hi Fi ed andando direttamente ai concerti.
    Ecco, l'Hi End è la risposta merceologica che riscuote la più alta probabilità di incontrare la richiesta di questo tipi clienti. Le caratteristiche salienti dell'Hi End sono:
    grande attenzione all'estetica dell'apparecchio (diffusori ricoperti con radiche costosissime, appoggiati su stand deingn, elettroniche con Vu meter più grandi del cruscotto di una automobile etc)
    nomi altisonanti (Spettro di qui, tifone di la, grifone così, citazione in latino di là etc)
    listino prezzi che soddisfi principalmente l'esigenza della clientela di sentirsi "speciale" di possedere la LIMITED EDITION, come dicono gli inglesi.
    Per il mio lavoro mi trovo spesso confrontato all'audio professionale e sono evidenti le caratteristiche di quest'ultimo: nessuna concessione all'estetica (tutto solo funzionale), nomi che sono sigle ad uso di servizio, costi i più contenuti possibili. Alcuni di questi prodotti sono arrivati anche al grande pubblico, è il caso ad esempio delle casse L 3/5. Usate da sempre dai tecnici della BBC, aspetto spartano, neutre e poco costose.
    Oggi come oggi, questa categoria dell'hi fi è l'unica che mi interessi ma è anche l'unica che mi sembra avere un senso "sano" : ovvero essere solo e soltanto strumenti per ascoltare la musica.
    Questo il mio punto di vista.
    er

    gciraso
    Moderatore strizzacervelli

    Numero di messaggi : 3610
    Data d'iscrizione : 2013-06-06
    Età : 61
    Località : Padova

    Re: L'hi-end e' ancora un mito degli audiofili?

    Post  gciraso on Sat Nov 02, 2013 12:40 pm

    ermes pecchinini wrote:Bah, dico la mia in merito al Hi End, consapevole del fatto che attirerò gli strali di mezzo forum. ..... Per il mio lavoro mi trovo spesso confrontato all'audio professionale e sono evidenti le caratteristiche di quest'ultimo: nessuna concessione all'estetica (tutto solo funzionale), nomi che sono sigle ad uso di servizio, costi i più contenuti possibili. Alcuni di questi prodotti sono arrivati anche al grande pubblico, è il caso ad esempio delle casse L 3/5. Usate da sempre dai tecnici della BBC, aspetto spartano, neutre e poco costose.
    Oggi come oggi, questa categoria dell'hi fi è l'unica che mi interessi ma è anche l'unica che mi sembra avere un senso "sano" : ovvero essere solo e soltanto strumenti per ascoltare la musica.
    Questo il mio punto di vista.
    er
    Punto di vista ripettabilissimo e che condivido. Avendo la ventura di frequentare spesso Vienna un abbonamento all'Opera me lo sono fatto (compresa fruhstuck al Cafe Zentral), il che non mi impedisce di ascoltare sempre con grande piacere l'impianto che mi sono costruito negli anni. Ma è sempre la musica che per me è importante, l'impianto è un mezzo più o meno costoso, più o meno soddisfacente. Parere del tutto personale ed ampiamente criticabile sunny 

    aircooled
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 32292
    Data d'iscrizione : 2008-12-20
    Località : AIRTECHLANDIA

    Re: L'hi-end e' ancora un mito degli audiofili?

    Post  aircooled on Sat Nov 02, 2013 1:42 pm

    non ho trovato la risposta adeguata forse perchè l'HIEND è morta verso la meta degli anni 90  a parte qualche sporadico pezzo che nasce per puro caso


    _________________

     
    il meglio va solo con il meglio e non è un caso

    la calunnia disdegna i mediocri e si afferra ai grandi
     

    non discutere mai con un idiota, ti trascina al suo livello e poi ti batte con l'esperienza - ricorda chi sa fa chi non sa insegna
     
    Showroom AIRTECH via XX Settembre 12 San Giuliano Terme PI cell 3393521936 fisso 050818821 dalle 16.00 alle 19.00 dal martedi al sabato
    mail bertini63@virgilio.it

    pepe57
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 4693
    Data d'iscrizione : 2009-06-11
    Età : 59
    Località : Milano

    Re: L'hi-end e' ancora un mito degli audiofili?

    Post  pepe57 on Sat Nov 02, 2013 1:44 pm

    E' il termine High End in sé che non mi convince....
    cosa significa poi?
    sunny 


    _________________
    Chi si accontenta gode
    Presidente Onorario fondatore di: ... CNR@ Club Naso Rosso@ ... CLM@ Club Lampredotto Marimesso@ ...   CVG@ Club Viva la Gnocca@ ...
    QFLG@

    Paintball Milano

    aircooled
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 32292
    Data d'iscrizione : 2008-12-20
    Località : AIRTECHLANDIA

    Re: L'hi-end e' ancora un mito degli audiofili?

    Post  aircooled on Sat Nov 02, 2013 1:46 pm

    ermes pecchinini wrote:Bah, dico la mia in merito al Hi End, consapevole del fatto che attirerò gli strali di mezzo forum. A mio avviso è solo una categoria merceologica.
    Sono un musicista professionista da oltre 20 anni, convivo con la musica quotidianamente da oltre 30. Ho ascoltato a più riprese il cosiddetto Hi End grazie a qualche ascolto prestato, ad un paio di amici che di mestiere vendono Hi Fi e ad una grande frequentazione con molti negozi Hi End, principalmente giapponesi, dove sono spesso per lavoro. La cosa che, senza mezzi termini, mi ha spesso impressionato è stata la mediocrità di questi apparecchi. Era sempre come se tali macchine dismettessero gli umili panni della macchina per la riproduzione sonora per vestire i panni (per me troppo arroganti) della macchina che la musica se la ricrea e se la risuona, allontanandosi così dalla meta. Impressionante, giusto per esemplificare e spiegarmi meglio,  la resa della basse, pari ad una scossa 5°grado della Mercalli, o l'iperdettaglio che consentiva di assaporare l'alito della soprano, o la resa spaziale che trasformava Quartetto Italiano nella Boston Sinf Orchestra etc. Parlai tempo fa di queste mie impressioni con un amico più esperto di me il quale non solo mi diede ragione ma mi spinse a riflettere meglio su tali prodotti. Il suo ragionamento (che oggi condivido a pieno) era all'incirca questo: Immagina di costruire un'elettronica da 40 000 euro, il primo problema che ti poni è : ma chi se la compra?
    Occorre identificare un target di clientela che abbia grosso modo le seguenti caratteristiche:
    essere molto danarosa (il che esclude tutti i musicisti professionisti ed i tecnici audio che conosca ovvero le orecchie più fini e le menti più scentifiche anche se magari non proprio gli spiriti più sensibili)
    essere molto più interessata alla macchina che non alla musica (eh si, perchè con un quarto di quella cifra mi prendo un abbonamento per 5 anni ai Berliner, incluso di viaggi e simpatico aperitivo in Alexander Platz, smettendo così di farmi delle pippe sul Hi Fi ed andando direttamente ai concerti.
    Ecco, l'Hi End è la risposta merceologica che riscuote la più alta probabilità di incontrare la richiesta di questo tipi clienti. Le caratteristiche salienti dell'Hi End sono:
    grande attenzione all'estetica dell'apparecchio (diffusori ricoperti con radiche costosissime, appoggiati su stand deingn, elettroniche con Vu meter più grandi del cruscotto di una automobile etc)
    nomi altisonanti (Spettro di qui, tifone di la, grifone così, citazione in latino di là etc)
    listino prezzi che soddisfi principalmente l'esigenza della clientela  di sentirsi "speciale" di possedere la LIMITED EDITION, come dicono gli inglesi.
    Per il mio lavoro mi trovo spesso confrontato all'audio professionale e sono evidenti le caratteristiche di quest'ultimo: nessuna concessione all'estetica (tutto solo funzionale), nomi che sono sigle ad uso di servizio, costi i più contenuti possibili. Alcuni di questi prodotti sono arrivati anche al grande pubblico, è il caso ad esempio delle casse L 3/5. Usate da sempre dai tecnici della BBC, aspetto spartano, neutre e poco costose.
    Oggi come oggi, questa categoria dell'hi fi è l'unica che mi interessi ma è anche l'unica che mi sembra avere un senso "sano" : ovvero essere solo e soltanto strumenti per ascoltare la musica.
    Questo il mio punto di vista.
    er
    santa allucinante un suonologo che si trova in accordo con quasi il 90% del pensiero di un musicofilo, è proprio vero che gli opposti si attirano  


    _________________

     
    il meglio va solo con il meglio e non è un caso

    la calunnia disdegna i mediocri e si afferra ai grandi
     

    non discutere mai con un idiota, ti trascina al suo livello e poi ti batte con l'esperienza - ricorda chi sa fa chi non sa insegna
     
    Showroom AIRTECH via XX Settembre 12 San Giuliano Terme PI cell 3393521936 fisso 050818821 dalle 16.00 alle 19.00 dal martedi al sabato
    mail bertini63@virgilio.it

    Geronimo
    Self-Awareness
    Self-Awareness

    Numero di messaggi : 16083
    Data d'iscrizione : 2009-03-09

    Re: L'hi-end e' ancora un mito degli audiofili?

    Post  Geronimo on Sat Nov 02, 2013 1:54 pm

    pepe57 wrote:E' il termine High End in sé che non mi convince....
    cosa significa poi?
    sunny 
    Non lo so, però è significativo che il Roma Hi-End organizzato da Stefano Zaini della The Sound of Valve, abbia cambiato dizione in Roma Hi-Fidelity  

    http://www.milano-roma-hi-fidelity-audio-show.it/Roma_2013_index.html


    _________________
    "Se cerchi il rilassamento mentale prova la meditazione sul respiro"(CLICCA QUI)

    "Sono il ponte fra quello che non sono mai stato e quello che non sarò mai"

    "Il mio impianto AUDIO ANALOGUE-AIRTECH-ADVENT"(CLICCA QUI)

    Floyder
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 805
    Data d'iscrizione : 2012-03-10
    Età : 54
    Località : Gargano Apulia

    Re: L'hi-end e' ancora un mito degli audiofili?

    Post  Floyder on Sat Nov 02, 2013 2:00 pm

    ermes pecchinini wrote:Bah, dico la mia in merito al Hi End, consapevole del fatto che attirerò gli strali di mezzo forum. A mio avviso è solo una categoria merceologica.
    Sono un musicista professionista da oltre 20 anni, convivo con la musica quotidianamente da oltre 30. Ho ascoltato a più riprese il cosiddetto Hi End grazie a qualche ascolto prestato, ad un paio di amici che di mestiere vendono Hi Fi e ad una grande frequentazione con molti negozi Hi End, principalmente giapponesi, dove sono spesso per lavoro. La cosa che, senza mezzi termini, mi ha spesso impressionato è stata la mediocrità di questi apparecchi. Era sempre come se tali macchine dismettessero gli umili panni della macchina per la riproduzione sonora per vestire i panni (per me troppo arroganti) della macchina che la musica se la ricrea e se la risuona, allontanandosi così dalla meta. Impressionante, giusto per esemplificare e spiegarmi meglio,  la resa della basse, pari ad una scossa 5°grado della Mercalli, o l'iperdettaglio che consentiva di assaporare l'alito della soprano, o la resa spaziale che trasformava Quartetto Italiano nella Boston Sinf Orchestra etc. Parlai tempo fa di queste mie impressioni con un amico più esperto di me il quale non solo mi diede ragione ma mi spinse a riflettere meglio su tali prodotti. Il suo ragionamento (che oggi condivido a pieno) era all'incirca questo: Immagina di costruire un'elettronica da 40 000 euro, il primo problema che ti poni è : ma chi se la compra?
    Occorre identificare un target di clientela che abbia grosso modo le seguenti caratteristiche:
    essere molto danarosa (il che esclude tutti i musicisti professionisti ed i tecnici audio che conosca ovvero le orecchie più fini e le menti più scentifiche anche se magari non proprio gli spiriti più sensibili)
    essere molto più interessata alla macchina che non alla musica (eh si, perchè con un quarto di quella cifra mi prendo un abbonamento per 5 anni ai Berliner, incluso di viaggi e simpatico aperitivo in Alexander Platz, smettendo così di farmi delle pippe sul Hi Fi ed andando direttamente ai concerti.
    Ecco, l'Hi End è la risposta merceologica che riscuote la più alta probabilità di incontrare la richiesta di questo tipi clienti. Le caratteristiche salienti dell'Hi End sono:
    grande attenzione all'estetica dell'apparecchio (diffusori ricoperti con radiche costosissime, appoggiati su stand deingn, elettroniche con Vu meter più grandi del cruscotto di una automobile etc)
    nomi altisonanti (Spettro di qui, tifone di la, grifone così, citazione in latino di là etc)
    listino prezzi che soddisfi principalmente l'esigenza della clientela  di sentirsi "speciale" di possedere la LIMITED EDITION, come dicono gli inglesi.
    Per il mio lavoro mi trovo spesso confrontato all'audio professionale e sono evidenti le caratteristiche di quest'ultimo: nessuna concessione all'estetica (tutto solo funzionale), nomi che sono sigle ad uso di servizio, costi i più contenuti possibili. Alcuni di questi prodotti sono arrivati anche al grande pubblico, è il caso ad esempio delle casse L 3/5. Usate da sempre dai tecnici della BBC, aspetto spartano, neutre e poco costose.
    Oggi come oggi, questa categoria dell'hi fi è l'unica che mi interessi ma è anche l'unica che mi sembra avere un senso "sano" : ovvero essere solo e soltanto strumenti per ascoltare la musica.
    Questo il mio punto di vista.
    er

    Dalle mie parti si dice, quando il gatto non arriva al lardo dice che puzza di rancido, e credo non sia ne il tuo e ne il mio caso, anche potendo non spenderei mai cifre veramente importanti per un impianto semplicemente perché ho il tuo stesso punto di vista, quando vado alle manifestazioni/fiere di hi fi ed ascolto mega impianti di svariate/troppe migliaia di euro che non mi dicono niente, dico tra me e me ........ forse sono sordo.


    _________________
    Antonio

    CD SACD Pioneer PD50 / Meccanica Cambridge CXC - Dac Ampli Pioneer U-05 / Sennheiser HD 650 Balanced - Grado Spirit Labs ... by Floyder sunny

    Fiio X5 - Spirit Labs M3 / Sony mdr 1r

    colombo riccardo
    Archivista Liquidatore

    Numero di messaggi : 3557
    Data d'iscrizione : 2010-05-27
    Età : 53

    Re: L'hi-end e' ancora un mito degli audiofili?

    Post  colombo riccardo on Sat Nov 02, 2013 8:32 pm

    si entra nell'hi-end quando si ascolta la registrazione come è stata fatta.

    ciao
    Riki

      Current date/time is Sat Dec 10, 2016 11:58 am