Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
Dischi a 78 giri
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    Dischi a 78 giri

    Share

    pepe57
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 4684
    Data d'iscrizione : 2009-06-11
    Età : 59
    Località : Milano

    Dischi a 78 giri

    Post  pepe57 on Sat Nov 02, 2013 5:52 pm

    Prendendo spunto da a altra discussione, provo ad aprire un argomento, quasi da "vintage" relativo alla storia di questo formato nato ai tempi delle testine meccaniche e proseguito nei momenti di massima innovazione analogica (a mio parere):
    La velocità dei "vecchi" 78 giri, in realtà non era neppure unificata e poteva variare da etichetta ad etichetta fra i 65 e gli 80 giri ed erano incisi solo su una facciata.
    Poi verso il 24/25 si unificò a 78.26 giri.
    In quei momenti tutti i dischi a 78 giri venivano incisi su gommalacca e non erano equalizzati, per cui all' ascolto fatto oggi in modo tradizionale sono pesantemente penalizzati (restano cupi se collegati ad un pre fono).
    La tecnica stereo era già pronta prima della seconda guerra mondiale e messa a punto proprio sulla gommalacca che però, data la fragilità non poteva venire utilizzata su larga scala (già i mono, dopo un solo passaggio avevano il solco pieno di detriti prodotti che facevano rumore..).
    In compenso si scoprì un trattamento che migliorava (tutto è relativo), la resistenza della superficie per cui si iniziarono ad incidere i dischi su entrambe le facciate e a produrne di diametri diversi (e non più solo da 16 ").
    A mio parere, è anche utile ricordare come le prime registrazioni fossero intese per letture esclusivamente meccaniche (il "chiodo" del grammofono) e via via si passò ad una registrazione (pur mono) elettrica e dopo l' avvento del vinile come materiale, le registrazioni divennero elettriche e previste per un fonorilevatore elettrico.
    Il solco restò solco fino a fine anni 40 quando si usava la gommalacca, poi arrivò nel 48 il vinile e con lui nacque la possibilità di incidere in miocrosolco. Questa possibilità venne quindi applicata sia ai nuovi formati (45 e 33 giri e poi anche al 16) ed anche e prima al vecchio 78 che venne stampato ancora per una decina di anni in Europa e quasi venti in sudamerica e poi venne abbandonato in quanto il costo del materiale per minuto inciso era troppo elevato (però nessuno pensava suonasse peggio, un po' come un bobine a 2 o 4 tracce).
    Questi dischi, avevano estensioni tonali esattamente comparabili agli altri 2, logicamente con maggiori potenzialità in fase di incisione nella precisione e di riproduzione come facilità di lettura in quanto a parità di frequenza si aveva una lunghezza maggiore di stampa nel solco per cui maggior facilità di lettura anche nei passaggi più dinamici (che erano stati fissati a livelli di saturazione dinamica a + 5 dB rispetto al 45 giri (a sua volta + 4 dB rispetto al 33 giri) a parità di formato.
    L' arrivò del vinile, con le nuove possibilità tecniche che si potevano sfruttare, non decretò l' immediata fine del mono (proprio come aveva fatto per il 78 giri), ci vollero infatti alcuni anni e poi lo stereo iniziò a diffondersi (la prima registrazione stereo di musica non classica fu il concerto di H. Belafonte alla Carnegie Hall (1959).
    Sempre: a mio avviso e per quanto ne sappia io.
    sunny sunny sunny 


    _________________
    Chi si accontenta gode
    Presidente Onorario fondatore di: ... CNR@ Club Naso Rosso@ ... CLM@ Club Lampredotto Marimesso@ ...   CVG@ Club Viva la Gnocca@ ...
    QFLG@

    Paintball Milano

    andrea@n
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 697
    Data d'iscrizione : 2012-12-28
    Località : Reggio Emilia

    Re: Dischi a 78 giri

    Post  andrea@n on Fri Dec 06, 2013 9:45 am

    pepe57 wrote:Prendendo spunto da a altra discussione, provo ad aprire un argomento, quasi da "vintage" relativo alla storia di questo formato nato ai tempi delle testine meccaniche e proseguito nei momenti di massima innovazione analogica (a mio parere):
    La velocità dei "vecchi" 78 giri, in realtà non era neppure unificata e poteva variare da etichetta ad etichetta fra i 65 e gli 80 giri ed erano incisi solo su una facciata.
    Poi verso il 24/25 si unificò a 78.26 giri.
    In quei momenti tutti i dischi a 78 giri venivano incisi su gommalacca e non erano equalizzati, per cui all' ascolto fatto oggi in modo tradizionale sono pesantemente penalizzati (restano cupi se collegati ad un pre fono).
    La tecnica stereo era già pronta prima della seconda guerra mondiale e messa a punto proprio sulla gommalacca che però, data la fragilità non poteva venire utilizzata su larga scala (già i mono, dopo un solo passaggio avevano il solco pieno di detriti prodotti che facevano rumore..).
    In compenso si scoprì un trattamento che migliorava (tutto è relativo), la resistenza della superficie per cui si iniziarono ad incidere i dischi su entrambe le facciate e a produrne di diametri diversi (e non più solo da 16 ").
    A mio parere, è anche utile ricordare come le prime registrazioni fossero intese per letture esclusivamente meccaniche (il "chiodo" del grammofono) e via via si passò ad una registrazione (pur mono) elettrica e dopo l' avvento del vinile come materiale, le registrazioni divennero elettriche e previste per un fonorilevatore elettrico.
    Il solco restò solco fino a fine anni 40 quando si usava la gommalacca, poi arrivò nel 48 il vinile e con lui nacque la possibilità di incidere in miocrosolco. Questa possibilità venne quindi applicata sia ai nuovi formati (45 e 33 giri e poi anche al 16) ed anche e prima al vecchio 78 che venne stampato ancora per una decina di anni in Europa e quasi venti in sudamerica e poi venne abbandonato in quanto il costo del materiale per minuto inciso era troppo elevato (però nessuno pensava suonasse peggio, un po' come un bobine a 2 o 4 tracce).
    Questi dischi, avevano estensioni tonali esattamente comparabili agli altri 2, logicamente con maggiori potenzialità in fase di incisione nella precisione e  di riproduzione come facilità di lettura in quanto a parità di frequenza si aveva una lunghezza maggiore di stampa nel solco per cui maggior facilità di lettura anche nei passaggi più dinamici (che erano stati fissati a livelli di saturazione dinamica a + 5 dB rispetto al 45 giri (a sua volta + 4 dB rispetto al 33 giri) a parità di formato.
    L' arrivò del vinile, con le nuove possibilità tecniche che si potevano sfruttare, non decretò l' immediata fine del mono (proprio come aveva fatto per il 78 giri), ci vollero infatti alcuni anni e poi lo stereo iniziò a diffondersi (la prima registrazione stereo di musica non classica fu il concerto di H. Belafonte alla Carnegie Hall (1959).
    Sempre: a mio avviso e per quanto ne sappia io.
    sunny sunny sunny 
    argomento interessantissimo....
    io sarei tentato di provare l'ascolto dei 78 giri....
    ma quella "sensazione" di stare dentro una "friggitoria" non riesco proprio a sopportarla....

    Massimo
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 31484
    Data d'iscrizione : 2010-06-21
    Età : 61
    Località : Portici (NA)

    Re: Dischi a 78 giri

    Post  Massimo on Sun Dec 08, 2013 9:26 am

    I 78 giri li ascolto con una fono valigia a manovella, sarà una friggitoria, ma all'ascolto la mente vaga in immensi saloni da ballo con orchestra, effetto personalmente riscontrato solo se ascoltato meccanicamente. sunny 


    _________________
    Quando il dito indica la luna, l'imbecille guarda il dito

    pepe57
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 4684
    Data d'iscrizione : 2009-06-11
    Età : 59
    Località : Milano

    Re: Dischi a 78 giri

    Post  pepe57 on Sun Dec 08, 2013 12:27 pm

    Ricordarsi inoltre che siccome non veniva equalizzato in alcun mod, va ascoltato su un ingresso linea e non phono!
    sunny sunny 


    _________________
    Chi si accontenta gode
    Presidente Onorario fondatore di: ... CNR@ Club Naso Rosso@ ... CLM@ Club Lampredotto Marimesso@ ...   CVG@ Club Viva la Gnocca@ ...
    QFLG@

    Paintball Milano

    alanford
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1240
    Data d'iscrizione : 2012-06-03
    Località : monza

    Re: Dischi a 78 giri

    Post  alanford on Sun Dec 08, 2013 3:38 pm

    questi 3D dovrebbero essere tra quelli che contraddistinguono la qualita' di un forum analogico e pertanto sempre in cima a prescindere sunny 
    la cultura e' sempre cultura sunny 

    pepe57
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 4684
    Data d'iscrizione : 2009-06-11
    Età : 59
    Località : Milano

    Re: Dischi a 78 giri

    Post  pepe57 on Mon Dec 09, 2013 7:34 pm

    Avevo anche scordato....
    Sui primi in gommalacca, l' incisione avveniva esclusivamente nel senso Verticale,
    perciò l' ideale per l' ascolto (al fine di ridurre il rumore) sarebbe avere a disposizione un pre che possa "isolare"
    questo segnale (come ad esempio sul 222 FM Acoustics).
     sunny sunny 


    _________________
    Chi si accontenta gode
    Presidente Onorario fondatore di: ... CNR@ Club Naso Rosso@ ... CLM@ Club Lampredotto Marimesso@ ...   CVG@ Club Viva la Gnocca@ ...
    QFLG@

    Paintball Milano

      Current date/time is Tue Dec 06, 2016 3:48 am