Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
carico MM su testine MC
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    carico MM su testine MC

    Share

    alanford
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1240
    Data d'iscrizione : 2012-06-03
    Località : monza

    carico MM su testine MC

    Post  alanford on Thu Jan 02, 2014 10:13 pm

    miei cari
    ho un phono accuphase eccezionalmente regolabile che sto usando nella parte MM abbinato ad un trafo
    il phono prevede nell'uso MM la possibilita' di variare il carico da o (off) sino a 400 pf
    secondo voi ha senso variare il carico usando una testina MC?
    ho appena iniziato a far prove quindi per il momento non dico nulla e lascio parlare a voi   

    Edmond
    Sordologo

    Numero di messaggi : 8706
    Data d'iscrizione : 2010-04-17
    Località : Brescia

    Re: carico MM su testine MC

    Post  Edmond on Thu Jan 02, 2014 11:56 pm

    La variazione in pF NON E' una variazione di carico, ma una variazione di capacità.............. Le MM sono influenzate dalla capacità complessiva cavi/ingresso phono. Le MC, invece, sono sostanzialmente indifferenti alla capacità, ma richiedono l'adattamento del carico (espresso in Ohm e multipli)...  sunny 


    _________________
    Giorgio
         
     

    Non fateci caso... sono sordo!!! E pure GURU!!! affraid

    pepe57
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 4684
    Data d'iscrizione : 2009-06-11
    Età : 59
    Località : Milano

    Re: carico MM su testine MC

    Post  pepe57 on Fri Jan 03, 2014 2:52 am

    Il variare della capacità influenza il suono ove a monte ci sia un oggetto con una impedenza d' uscita, elevata.
    Di solito la capacità influenza quindi solo il suono delle testine MM (anche attraverso il cavo braccio usato) che di solito
    hanno impedenza di uscir molto più alta delle MM e questo fenomeno è tanto più presente quanto più elevata è
    l' impedenza d' uscita.
    Per la stessa ragione i trasformatori MC sono influenzati dalla capacità del cavo collegato in uscita.
     Embarassed  Rolling Eyes  Embarassed 


    _________________
    Chi si accontenta gode
    Presidente Onorario fondatore di: ... CNR@ Club Naso Rosso@ ... CLM@ Club Lampredotto Marimesso@ ...   CVG@ Club Viva la Gnocca@ ...
    QFLG@

    Paintball Milano

    alanford
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1240
    Data d'iscrizione : 2012-06-03
    Località : monza

    Re: carico MM su testine MC

    Post  alanford on Fri Jan 03, 2014 11:09 pm

    ringrazio coloro che sono intervenuti  
    @edmond ad un primo ascolto non noto differenze variando la capacita' usando la testina MC
    devo aggiungere che con la configurazione MC+trafo+phono MM variando il carico (ohm) non noto differenze di rilievo neppure in questo caso (selettore 10/30/100ohm)
    @pepe  puoi spiegarmi meglio il discorso della capacita' del cavo collegato in uscita? Ti riferisci al cavo che collega il trafo al preamplificatore? A tal riguardo ho collegato un nordost red dawn, come lo vedi?

    Edmond
    Sordologo

    Numero di messaggi : 8706
    Data d'iscrizione : 2010-04-17
    Località : Brescia

    Re: carico MM su testine MC

    Post  Edmond on Fri Jan 03, 2014 11:26 pm

    Alan, riguardo al primo quesito ti abbiamo detto che con le MC è inutile variare la capacità................ E' importante solo che il cavo dai trafi allo stadio phono sia corto e a bassa capacità...   
    Riguardo al secondo quesito, il carico che puoi variare è quello previsto dal trafo, se lo permette, o quello che metti in parallelo in uscita dal trasformatore...........
    Intendo dire che se usi l'ingresso MM dell'Accuphase e modifichi il selettore del carico sull'Accuphase, questo funziona solo con l'ingresso MC...


    _________________
    Giorgio
         
     

    Non fateci caso... sono sordo!!! E pure GURU!!! affraid

    decdec
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 232
    Data d'iscrizione : 2010-05-16
    Età : 56
    Località : Portici

    Re: carico MM su testine MC

    Post  decdec on Sat Jan 04, 2014 12:23 am

    Credo ci sia un misunderstanding...se, usando una testina MC col trafo, entro nell'ingresso MM del pre e questo ha il carico capacitivo regolabile (pF), la variazione esiste ed e' udibile come la sostituzione del cavo tra trafo e pre con un altro piu' capacitivo.
    Riscontrato in pratica anche col mio set-up attuale.

    pepe57
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 4684
    Data d'iscrizione : 2009-06-11
    Età : 59
    Località : Milano

    Re: carico MM su testine MC

    Post  pepe57 on Sat Jan 04, 2014 3:14 am

    decdec wrote:Credo ci sia un misunderstanding...se, usando una testina MC col trafo, entro nell'ingresso MM del pre e questo ha il carico capacitivo regolabile (pF), la variazione esiste ed e' udibile come la sostituzione del cavo tra trafo e pre con un altro piu' capacitivo.
    Riscontrato in pratica anche col mio set-up attuale.

    Si. questo perché, per quanto ne so io, l' impeenza a monte + la capacità a valle creano un filtro passa basso del 2^ ordine (12dB/Ottava) e avresti uno spostamento del picco di risonanza cadente ad una frequenza dentro la banda audio(questo per altro fenomeno), frequenza che si abbasserebbe sempre più via via che la capacità si alza (dando per scontato che l' impedenza dell' uscita del trafo sia alta, seguito da un crollo della risposta in frequenza successiva..
    Ad  esempio il relativo calo di frequenza, immediatamente successivo al picco, se volessimo misurare a che frequenza ricade:
    sappiamo che equivarrebbe a  1 / (2*pi*R*C).
    Supponiamo un cavo lungo 1.5 metri (da 250 pF/metro) ed una capacità settanta su 450 pF data una impedenza interna di 16000 ohm.

    Avremmo alla frequenza di 1/ 6.28 * 16000 * 825*10^-12  = 1/0,000082896 = 12.063 Hertz
    una attenuazione (preceduta da un picco di risonanza) di 3 dB (con successivo crollo).
    E questo sarebbe ben udibile.
    Se invece la nostra capacità fosse settanta su 100 pF.
    avremmo una attenuazione di 3 db alla frequenza di:
    1/6.28*16000*475*10^-12 = 1/0,000047728 = 20952 Hertz
    per cui avremmo un picco di risonanza nel campo delle frequenze altissime udibili ma una attenuazione
    in banda inudibile.
    Se volessimo "spostare" anche il picco in banda inudibile, dovremmo, ipotizzando di non poter accorciare il cavo,
    di leare ogni capacità in ingresso ed ottenere l' attenuazione a -3dB alla frequenza di:
    1/6.28*16000*375*10^-12 = 1/0,00003768 = 26539 Hertz.....
     Rolling Eyes  Embarassed  Rolling Eyes


    _________________
    Chi si accontenta gode
    Presidente Onorario fondatore di: ... CNR@ Club Naso Rosso@ ... CLM@ Club Lampredotto Marimesso@ ...   CVG@ Club Viva la Gnocca@ ...
    QFLG@

    Paintball Milano

    Edmond
    Sordologo

    Numero di messaggi : 8706
    Data d'iscrizione : 2010-04-17
    Località : Brescia

    Re: carico MM su testine MC

    Post  Edmond on Sat Jan 04, 2014 9:31 am

    Professore.....................     


    _________________
    Giorgio
         
     

    Non fateci caso... sono sordo!!! E pure GURU!!! affraid

    decdec
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 232
    Data d'iscrizione : 2010-05-16
    Età : 56
    Località : Portici

    Re: carico MM su testine MC

    Post  decdec on Sat Jan 04, 2014 9:43 am

    Tutto torna. sunny 
    Grande Pietro, come sempre. applausi 

    Edmond
    Sordologo

    Numero di messaggi : 8706
    Data d'iscrizione : 2010-04-17
    Località : Brescia

    Re: carico MM su testine MC

    Post  Edmond on Sat Jan 04, 2014 9:46 am

    Quello che vogliamo dire, Alan, è questo:
    Se con il tuo Luxman usassi una testina MM in connessione diretta, dovresti regolare al meglio la capacità sul pre-phono, per ottimizzare l'interfacciamento (modificando i valori in pF), DIMENTICANDOTI del settaggio del carico (in Ohm).
    Se con il tuo Luxman usassi una testina MC in connessione diretta, dovresti regolare al meglio il carico sul pre-phono, per ottimizzare l'interfacciamento (modificando i valori in Ohm), DIMENTICANDOTI del settaggio della capacità (in pF).

    Usando tu una configurazione ibrida, ovvero una testina MC con trasformatore di step-up collegti all'ingresso MM dell'Accuphase, devi assicurarti, innanzitutto, che l'ingresso scelto sia quallo MM (facile da capire, altrimenti satureresti tutto), devi scegliere un cavo di connessione fra trasformatore di step-up e pre-phono il più corto possibile e con bassa capacità, proprio per limitare i problemi di cui parlava bene Pietro, e provare a regolare la capacità d'ingresso del pre-phono, se percepisci delle anomalie nel suono. In questo caso la modifica delle impedenze di carico presente sul pre-phono non dovrebbe influenzare l'ingresso MM, con impedenza d'ingresso fissa a 47 kOhm.

    Per quanto riguarda l'adattamento del carico della testina dovresti, in via generale, montare un connettore ad Y in uscita al trasformatore ed inserire idonee resistenze in parallelo per far vedere alla testina un carico equivalente pari a 10 volte la propria impedenza interna.

    La capacità del nostro orecchio di percepire differenze dipende, ovviamente, dalla capacità di risoluzione del nostro impianto.

    Spero sia chiaro...  sunny 


    _________________
    Giorgio
         
     

    Non fateci caso... sono sordo!!! E pure GURU!!! affraid

    Massimo
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 31479
    Data d'iscrizione : 2010-06-21
    Età : 61
    Località : Portici (NA)

    Re: carico MM su testine MC

    Post  Massimo on Sat Jan 04, 2014 9:52 am

    pepe57 wrote:
    decdec wrote:Credo ci sia un misunderstanding...se, usando una testina MC col trafo, entro nell'ingresso MM del pre e questo ha il carico capacitivo regolabile (pF), la variazione esiste ed e' udibile come la sostituzione del cavo tra trafo e pre con un altro piu' capacitivo.
    Riscontrato in pratica anche col mio set-up attuale.

    Si. questo perché, per quanto ne so io, l' impeenza a monte + la capacità a valle creano un filtro passa basso del 2^ ordine (12dB/Ottava) e avresti uno spostamento del picco di risonanza cadente ad una frequenza dentro la banda audio(questo per altro fenomeno), frequenza che si abbasserebbe sempre più via via che la capacità si alza (dando per scontato che l' impedenza dell' uscita del trafo sia alta, seguito da un crollo della risposta in frequenza successiva..
    Ad  esempio il relativo calo di frequenza, immediatamente successivo al picco, se volessimo misurare a che frequenza ricade:
    sappiamo che equivarrebbe a  1 / (2*pi*R*C).
    Supponiamo un cavo lungo 1.5 metri (da 250 pF/metro) ed una capacità settanta su 450 pF data una impedenza interna di 16000 ohm.

    Avremmo alla frequenza di 1/ 6.28 * 16000 * 825*10^-12  = 1/0,000082896 = 12.063 Hertz
    una attenuazione (preceduta da un picco di risonanza) di 3 dB (con successivo crollo).
    E questo sarebbe ben udibile.
    Se invece la nostra capacità fosse settanta su 100 pF.
    avremmo una attenuazione di 3 db alla frequenza di:
    1/6.28*16000*475*10^-12 = 1/0,000047728 = 20952 Hertz
    per cui avremmo un picco di risonanza nel campo delle frequenze altissime udibili ma una attenuazione
    in banda inudibile.
    Se volessimo "spostare" anche il picco in banda inudibile, dovremmo, ipotizzando di non poter accorciare il cavo,
    di leare ogni capacità in ingresso ed ottenere l' attenuazione a -3dB alla frequenza di:
    1/6.28*16000*375*10^-12 = 1/0,00003768 = 26539 Hertz.....
     Rolling Eyes  Embarassed  Rolling Eyes
         


    _________________
    Quando il dito indica la luna, l'imbecille guarda il dito

      Current date/time is Sat Dec 03, 2016 10:47 am