Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
Dalla Grecia il semplice suono originale
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    Dalla Grecia il semplice suono originale

    Share
    avatar
    pepe57
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 4814
    Data d'iscrizione : 2009-06-11
    Età : 59
    Località : Milano

    Dalla Grecia il semplice suono originale

    Post  pepe57 on Tue Jan 21, 2014 2:00 pm

    Non molto tempo fa durante una discussione on line relativa ai sistemi monovia ho conosciuto "virtualmente" questo appassionato emiliano proprietario delle trombe PNOE della Arcadian Audio basata ad Atene.
    Queste casse montano un altoparlante tedesco AER MD 3B largabanda con efficienza dichiarata di 100dB/Watt/mt a 16 Ohm ed una risposta in frequenza particolarmente lineare ed avendo anche io un paio di case monovia sono sempre interessato all' ascolto di nuovi altoparlanti, magari compatibili nelle mie casse.
    Naturalmente, dopo un po', con la mia solita faccia tosta ho "strappato" un invito a casa sua per potere ascoltare bene questi diffusori che avevo già ascoltato in precedenza nell' ambito di una manifestazione a Milano.
    Così, dopo qualche settimana, eccomi in macchina in compagnia di un appassionato che vive vicino a me sulla strada per l' Emilia.
    Viaggio sotto la pioggia fine e con poco traffico durante il quale si chiacchiera del più e del meno facendo si che le quasi 3 ore impiegate trascorrano velocemente.
    All' arrivo veniamo accolti molto gentilmente ed il padrone di casa ci introduce nella sua curatissima stanza da musica. Fin dal primo colpo d' occhio è evidente la grande cura e passione che hanno guidato le scelte del possessore di questo sistema.
    La stanza, di regolare forma rettangolare e che vedete nella successiva foto, è rettangolare e pur se senza evidenti trattamenti acustici (cosa che personalmente prediligo) decisamente ben suonante.





    Per prima cosa, una vasta ed ordinatissima collezione di supporti (CD ed LP) ben disposta sulle pareti in scaffalature molto eleganti.





    Al centro, di fronte a noi, due tavolini in legno porta elettroniche sui quali sono sistemati il giradischi, il lettore CD, il pre ed il finale.





    Le due Pnoe, naturalmente, attirano subito l' occhio, sia per le dimensioni piuttosto importanti che per il design molto pulito e particolare, alleggerito dal colore bianco.





    Approfittando della gentilezza del nostro anfitrione chiedo di iniziare gli ascolti con alcuni LP che ho portato con me (ed anche alcuni CD).
    Mi siedo in pole position sul comodo divano e si da fuoco alle polveri.
    Iniziamo subito con il brano Ain't no sunshine dal disco Plan b3. Questa interpretazione del un noto brano è a parer mio una delle più belle che conosca. Il sax accompagnato da Hammond, chitarra e percussioni offre un sound "esatto" ed al contempo struggente di cui la registrazione completamente analogica del 2007 ha saputo cogliere ogni sfumatura viene riprodotto con una concretezza "materica" ed una facilità della escursione dinamica e tonale che non può che emozionare.
    L' inizio del brano Opening Montage dall' Lp "one from the heart" con T. Waits e C. Gayle è caratterizzato da una moneta che, al centro e in basso della scena, cade sul pavimento e ruota con una sonorità argentina prima di fermarsi. Le voci dei due grandi artistici si accompagnano con grande naturalezza e l' entrata del basso mi appare leggermente più "arrotondata" di come la vorrei.
    Il successivo brano "blues for HG" dall' LP As You Like It di F. Gulda (e il seguente: I only have eys for you) sono una vera delizia per la coerenza geometricamente perfetta con cui il trio pianoforte, contrabbasso e batteria si esprime portandoti lì, davanti all' evento.
    Intanto ci raggiunge Sandrino, amico del nostro ospite che ha pure collaborato con lui nella messa a punto e posizionamento fine di diffusori.
    L' ultimo LP che ho portato "Musikalische Exequien" di Schutz (P. Herreweghe/la chapelle Royale/Harmonia Mundi) è uno di quei momenti musicali che personalmente adoro. Il rincorrersi delle voci sul tappeto strumentale è quanto di più bello, per me, possa esistere e di malavoglia devo distaccarmi dall' ascolto (abbiamo ancora alcuni miei CD e dischi portati dal mio amico che vorremmo poter ascoltare).
    Comunque, da qui in avanti, una idea abbastanza definita di come "vivere" questo impianto credo di essermela già fatta. Un impianto fatto per ascoltare a lungo, con effetto live molto spinto, forse un pelo smussato in gamma alta ed arrotondato in basso (cosa che credo poter imputare essenzialmente allo SME V).
    Dopo l' ascolto di alcuni altri LP (sia portati dal mio amico che di proprietà del padrone di casa), avendo avuto in passato lo SME V, mi viene il dubbio che il metodo utilizzato per "caricare" il peso della testina sia stato un po' troppo dal lato "dinamico/molla" e poco da quello statico/contrappeso. Siccome so quanto questo possa influire  su questa leggera "rotondità" in gamma alta ed "arrotondamento" in gamma mediobassa (ed in particolar modo in un sistema monovia che a mio parere è molto sensibile ad ogni più piccolo intervento, chiedo e mi viene risposto che in effetti il peso è stato dato utilizzando esclusivamente la molla.
    Date le caratteristiche della testina osservo che mi parrebbe possibile ottenere un risultato più "preciso" utilizzando un mix fra carico a molla e contrappeso.




    L' ascolto dei successivi CD (fra cui il solito e già utilizzato in altri "giri di ascolti" Michel Jonasz  "La fabuleuse historia de Mr. Swing") mi da parziale conferma di questa idea in quanto la definizione negli strumenti che sono particolarmente insistenti su queste frequenze mi appare perfino migliore (dura per un analogista come me dire una cosa del genere) di quanto ascoltato prima in LP.





    A questo punto ci viene offerto un caffè e noi ben volentieri accettiamo, si chiacchiera del più e del meno e il padrone di casa decide di fare la prova e settare il peso della testina utilizzando per metà la molla e metà il contrappeso.
    All' ascolto mi pare (e credo anche agli altri presenti) che l' Lp ha preso un altro piglio grazie ad un piccolo ma importante miglioramento proprio nella precisione e nella capacità di "definire" ancor meglio gli strumenti singoli (come le voci) nella massa strumentale (nel coro).
    Una prova di cambio del cavo phono era anche intervenuta durante gli ascolti (indipendentemente da quella del tipo di impostazione del peso) ma un ritorno al cavo precedentemente montato ci è parso auspicabile in quanto, io credo a tutti i presenti, ci è parso più andare nella direzione di un suono coerente e definito.
    Quello che mi meraviglierà maggiormente (in fondo, alcune delle caratteristiche che sto ascoltando sono comuni a quelle che mi offrono anche i monovia che ho a casa) sarà il momento in cui il padrone di casa ci farà sentire una parte di "Night in Tunisia" a volume ben più elevato di quello cui sono abituato io. Anche durante questi momenti non si avverte alcun senso di difficoltà o compressione da parte dell' impianto e l' ascolto prosegue fluido, coinvolgente a tratti impegnativo ma mai affaticante.
    Come dice l' amico venuto con me:" c'è tutto quello che si può desiderare".
    Nessun limite quindi? Come sempre, a mio parere, c'è il rovescio della medaglia per cui a fronte di tanta naturale dinamica e coerenza timbrica l' estensione tonale non mi pare raggiungere la prima e l' ultima ottava e l' SPL, pur se buono, non è quello che potrebbe offrire un sistema multivia di alta o media efficienza ma multi amplificato attivamente con finali iper potenti a SS. Se uno desiderasse queste cose come elementi irrinunciabili, allora dovrebbe scegliere altro, ma valutando i desiderata espressi qui di seguito del proprietario delle PNOE, direi che l' impianto che ha, lo rispecchia molto bene.

    D: Qual'è la prima cosa che ricerchi in un impianto?
    R: La fluidità del suono e la ricchezza armonica

    D: Quale è per te il parametro più importante perché un impianto sia fedele?
    R: Non un singolo parametro, ma quella magia che crea suggestione ed emozione all'ascolto, come accade dal vivo

    D: Quello meno importante?
    R: La ricerca dell'iperdettaglio fine a se stesso

    D: Quale sarà il pezzo che intendi cambiare per primo?
    R: Ora non penso di cambiare, vorrei implementare il sistema analogico con un'altra testina da montare su un braccio Jelco, che già possiedo

    D: Qual' è la cosa che per prima suggeriresti a chi si avvicina per la prima volta al mondo dell' hifi?
    R: Poter ascoltare la musica con qualche sistema ben settato e provare quello che provai io tanti anni fa, innamorandomi di questo bellissimo hobby.

    D: Quali sono per genere i dischi che suggeriresti?
    R: Esecuzioni di piano solo (Chopin, Mozart e Beethoven per la classica o jazz fruibile) e trio jazz (i migliori standards)

    D: Quando ti rechi ad un concerto in che posizione tendi a stare (davanti, dietro, di lato?)
    R: Se posso, cerco di stare in posizione centrale non oltre la metà sala; con concerti solisti, mi sono disposto dietro a pochissimi metri dall'esecutore.

    Sono trascorse quasi 5 ore e sebbene a malincuore dobbiamo riprendere la strada verso casa portando con noi il bel ricordo di un pomeriggio ad ascoltare musica presso un altro grande appassionato.

    L' impianto è così composto:
    Giradischi Michell Odyssey 2004
    Braccio SME V con testina Lyra Delos
    Pre phono Grandinote Celio mk2
    Lettore cd/sacd Esoteric X01 LE
    Pre Grandinote Proemio
    Ampli KR Audio Kronzilla SX
    Diffusori Arcadian Audio Pnoe
    Cavi Faber's Cables, Shunyata Anaconda e PS Audio
    Ciabatta Faber's Cables
    Trattamento d'ambiente Stein Acoustic Harmonizer
    Tavolini Yamamoto in massello di ciliegio




    Last edited by pepe57 on Fri Jan 27, 2017 10:36 pm; edited 2 times in total


    _________________
    Chi si accontenta gode
    Presidente Onorario fondatore di: ... CNR@ Club Naso Rosso@ ... CLM@ Club Lampredotto Marimesso@ ...   CVG@ Club Viva la Gnocca@ ...
    QFLG@

    Paintball Milano
    avatar
    pluto
    Moderatore - discobolo

    Numero di messaggi : 23039
    Data d'iscrizione : 2010-10-05
    Età : 59
    Località : Genova

    Re: Dalla Grecia il semplice suono originale

    Post  pluto on Tue Jan 21, 2014 5:55 pm

    Sempre in giro x lavoro sei eh?    
    Ottimo reportage come sempre Pietro.
    Casse che mi incuriosiscono molto
    avatar
    luigi61
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 16
    Data d'iscrizione : 2014-01-19
    Località : Cento FE

    Re: Dalla Grecia il semplice suono originale

    Post  luigi61 on Tue Jan 21, 2014 7:23 pm

    Desidero ringraziare Pietro per la precisa ed esaustiva disamina del nostro pomeriggio di ascolti.
    Ho ricevuto ottimi consigli ed informazioni, da cui ho tratto spunto per migliorare ancora l'ascolto dei miei amati vinili.
    Ma incontri con persone come Pietro non arricchiscono solo tecnicamente, ma anche e sopratutto umanamente.
    Ad una prossima occasione  sunny 
    Luigi
    avatar
    gciraso
    Moderatore strizzacervelli

    Numero di messaggi : 3688
    Data d'iscrizione : 2013-06-06
    Età : 62
    Località : Padova

    Re: Dalla Grecia il semplice suono originale

    Post  gciraso on Tue Jan 21, 2014 9:12 pm

    Bella recenzione come sempre, da vero appasionato e cultore della materia  sunny 


    _________________
    Giovanni

    E leggetelo 'sto regolamento!!!

    ze inutile ragionar coi mussi, te perdi tempo e te infastidissi la bestia
    avatar
    pepe57
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 4814
    Data d'iscrizione : 2009-06-11
    Età : 59
    Località : Milano

    Re: Dalla Grecia il semplice suono originale

    Post  pepe57 on Tue Jan 21, 2014 10:09 pm

    pluto wrote:Sempre in giro x lavoro sei eh?    
    Ottimo reportage come sempre Pietro.
    Casse che mi incuriosiscono molto

    Di Domenica mi diverto!
     Embarassed Embarassed 


    _________________
    Chi si accontenta gode
    Presidente Onorario fondatore di: ... CNR@ Club Naso Rosso@ ... CLM@ Club Lampredotto Marimesso@ ...   CVG@ Club Viva la Gnocca@ ...
    QFLG@

    Paintball Milano
    avatar
    pepe57
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 4814
    Data d'iscrizione : 2009-06-11
    Età : 59
    Località : Milano

    Re: Dalla Grecia il semplice suono originale

    Post  pepe57 on Tue Jan 21, 2014 10:13 pm

    luigi61 wrote:Desidero ringraziare Pietro per la precisa ed esaustiva disamina del nostro pomeriggio di ascolti.
    Ho ricevuto ottimi consigli ed informazioni, da cui ho tratto spunto per migliorare ancora l'ascolto dei miei amati vinili.
    Ma incontri con persone come Pietro non arricchiscono solo tecnicamente, ma anche e sopratutto umanamente.
    Ad una prossima occasione  sunny 
    Luigi

    E' stato un vero piacere conoscerti di persona.
    Ora ti attendo da me.
    Speriamo di rifare presto.
    Magari con anche Pluto presente.
     Embarassed Embarassed Embarassed 


    _________________
    Chi si accontenta gode
    Presidente Onorario fondatore di: ... CNR@ Club Naso Rosso@ ... CLM@ Club Lampredotto Marimesso@ ...   CVG@ Club Viva la Gnocca@ ...
    QFLG@

    Paintball Milano
    avatar
    pepe57
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 4814
    Data d'iscrizione : 2009-06-11
    Età : 59
    Località : Milano

    Re: Dalla Grecia il semplice suono originale

    Post  pepe57 on Tue Jan 21, 2014 10:14 pm

    gciraso wrote:Bella recenzione come sempre, da vero appasionato e cultore della materia  sunny 

    Grazie!
     Embarassed Embarassed Embarassed 


    _________________
    Chi si accontenta gode
    Presidente Onorario fondatore di: ... CNR@ Club Naso Rosso@ ... CLM@ Club Lampredotto Marimesso@ ...   CVG@ Club Viva la Gnocca@ ...
    QFLG@

    Paintball Milano
    avatar
    seajimny
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 354
    Data d'iscrizione : 2012-05-29

    Re: Dalla Grecia il semplice suono originale

    Post  seajimny on Sun Jan 26, 2014 6:01 pm

    Ciao Luigi complimenti sinceri per la scelta dell' alta efficienza e soprattutto chapeau per la CD teca che é la carta d'identitá della passione per la musica.

    A pezzi (per ovvi motivi che conosci) sto ricablando l'alimentazione -pre e finali mono- con gli AC 12 PS Audio che ho intravisto nelle foto. Sono incredibili alle prime impressioni. Mi diescrivi cosa hai trovato in più a seguito di questa scelta. Per un semplice riscontro!

    Ciao e complimenti di nuovo.
    avatar
    luigi61
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 16
    Data d'iscrizione : 2014-01-19
    Località : Cento FE

    Re: Dalla Grecia il semplice suono originale

    Post  luigi61 on Sun Jan 26, 2014 7:28 pm

    seajimny wrote:Ciao Luigi complimenti sinceri per la scelta dell' alta efficienza e soprattutto chapeau per la CD teca che é la carta d'identitá della passione per la musica.

    A pezzi (per ovvi motivi che conosci) sto ricablando l'alimentazione -pre e finali mono- con gli AC 12 PS Audio che ho intravisto nelle foto. Sono incredibili alle prime impressioni. Mi diescrivi cosa hai trovato in più a seguito di questa scelta. Per un semplice riscontro!

    Ciao e complimenti di nuovo.
    Grazie seajimny per i complimenti: come vedi ho praticamente esaurito lo spazio disponibile per i cd (circa 4000) e dovrò implementare i portacd!
    Passando ai cavi, trovo che i PS Audio AC12 siano energici ma equilibrati, adatti ad alimentare correttamente il finale o la ciabatta. Inoltre sono ottimamente costruiti e con grande "abbondanza" di materiale.
    Per le sorgenti ed il pre uso i Faber's Cable (XXSolution ed SXSolution) che ritengo più performanti in termini di contenuto armonico, informazione ed ampiezza della scena.
    Cordiali saluti,
    Luigi
    avatar
    JUSTINO
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 963
    Data d'iscrizione : 2010-01-05
    Località : TORINO

    Re: Dalla Grecia il semplice suono originale

    Post  JUSTINO on Sun Jan 26, 2014 8:33 pm

    I complimenti sono scontati... applausi applausi applausi 
    Abbiamo visto quella sala più e più volte su una nota rivista...e sempre con delle catene grandiose...complimenti davvero.
    avatar
    mimmo
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 36
    Data d'iscrizione : 2014-01-06
    Età : 60
    Località : Manduria

    Re: Dalla Grecia il semplice suono originale

    Post  mimmo on Sat Apr 05, 2014 1:06 pm

    pepe57 wrote:Non molto tempo fa durante una discussione on line relativa ai sistemi monovia ho conosciuto "virtualmente" questo appassionato emiliano proprietario delle trombe PNOE della Arcadian Audio basata ad Atene.
    Queste casse montano un altoparlante tedesco AER MD 3B largabanda con efficienza dichiarata di 100dB/Watt/mt a 16 Ohm ed una risposta in frequenza particolarmente lineare ed avendo anche io un paio di case monovia sono sempre interessato all' ascolto di nuovi altoparlanti, magari compatibili nelle mie casse.
    Naturalmente, dopo un po', con la mia solita faccia tosta ho "strappato" un invito a casa sua per potere ascoltare bene questi diffusori che avevo già ascoltato in precedenza nell' ambito di una manifestazione a Milano.
    Così, dopo qualche settimana, eccomi in macchina in compagnia di un appassionato che vive vicino a me sulla strada per l' Emilia.
    Viaggio sotto la pioggia fine e con poco traffico durante il quale si chiacchiera del più e del meno facendo si che le quasi 3 ore impiegate trascorrano velocemente.
    All' arrivo veniamo accolti molto gentilmente ed il padrone di casa ci introduce nella sua curatissima stanza da musica. Fin dal primo colpo d' occhio è evidente la grande cura e passione che hanno guidato le scelte del possessore di questo sistema.
    La stanza, di regolare forma rettangolare e che vedete nella successiva foto, è rettangolare e pur se senza evidenti trattamenti acustici (cosa che personalmente prediligo) decisamente ben suonante.





    passione profonda, complimenti applausi  applausi  applausi  applausi  applausi  sunny 


    Per prima cosa, una vasta ed ordinatissima collezione di supporti (CD ed LP) ben disposta sulle pareti in scaffalature molto eleganti.





    Al centro, di fronte a noi, due tavolini in legno porta elettroniche sui quali sono sistemati il giradischi, il lettore CD, il pre ed il finale.





    Le due Pnoe, naturalmente, attirano subito l' occhio, sia per le dimensioni piuttosto importanti che per il design molto pulito e particolare, alleggerito dal colore bianco.





    Approfittando della gentilezza del nostro anfitrione chiedo di iniziare gli ascolti con alcuni LP che ho portato con me (ed anche alcuni CD).
    Mi siedo in pole position sul comodo divano e si da fuoco alle polveri.
    Iniziamo subito con il brano Ain't no sunshine dal disco Plan b3. Questa interpretazione del un noto brano è a parer mio una delle più belle che conosca. Il sax accompagnato da Hammond, chitarra e percussioni offre un sound redatto ed al contempo struggente di cui la registrazione completamente analogica del 2007 ha saputo cogliere ogni sfumatura viene riprodotto con una concretezza "materica" ed una facilità della escursione dinamica e tonale che non può che emozionare.
    L' inizio del brano Opening Montage dall' Lp "one from the heart" con T. Waits e C. Gayle è caratterizzato da una moneta che, al centro e in basso della scena, cade sul pavimento e ruota con una sonorità argentina prima di fermarsi. Le voci dei due grandi artistici si accompagnano con grande naturalezza e l' entrata del basso mi appare leggermente più "arrotondata" di come la vorrei.
    Il successivo brano "blues for HG" dall' LP As You Like It di F. Gulda (e il seguente: I only have eys for you) sono una vera delizia per la coerenza geometricamente perfetta con cui il trio pianoforte, contrabbasso e batteria si esprime portandoti lì, davanti all' evento.
    Intanto ci raggiunge Sandrino, amico del nostro ospite che ha pure collaborato con lui nella messa a punto e posizionamento fine di diffusori.
    L' ultimo LP che ho portato "Musikalische Exequien" di Schutz (P. Herreweghe/la chapelle Royale/Harmonia Mundi) è uno di quei momenti musicali che personalmente adoro. Il rincorrersi delle voci sul tappeto strumentale è quanto di più bello, per me, possa esistere e di malavoglia devo distaccarmi dall' ascolto (abbiamo ancora alcuni miei CD e dischi portati dal mio amico che vorremmo poter ascoltare).
    Comunque, da qui in avanti, una idea abbastanza definita di come "vivere" questo impianto credo di essermela già fatta. Un impianto fatto per ascoltare a lungo, con effetto live molto spinto, forse un pelo smussato in gamma alta ed arrotondato in basso (cosa che credo poter imputare essenzialmente allo SME V).
    Dopo l' ascolto di alcuni altri LP (sia portati dal mio amico che di proprietà del padrone di casa), avendo avuto in passato lo SME V, mi viene il dubbio che il metodo utilizzato per "caricare" il peso della testina sia stato un po' troppo dal lato "dinamico/molla" e poco da quello statico/contrappeso. Siccome so quanto questo possa influire  su questa leggera "rotondità" in gamma alta ed "arrotondamento" in gamma mediobassa (ed in particolar modo in un sistema monovia che a mio parere è molto sensibile ad ogni più piccolo intervento, chiedo e mi viene risposto che in effetti il peso è stato dato utilizzando esclusivamente la molla.
    Date le caratteristiche della testina osservo che mi parrebbe possibile ottenere un risultato più "preciso" utilizzando un mix fra carico a molla e contrappeso.
    L' ascolto dei successivi CD (fra cui il solito e già utilizzato in altri "giri di ascolti" Michel Jonasz  "La fabuleuse historia de Mr. Swing") mi da
    parziale conferma di questa idea in quanto la definizione negli strumenti che sono particolarmente insistenti su queste frequenze mi appare perfino migliore (dura per un analogista come me dire una cosa del genere) di quanto ascoltato prima in LP.





    A questo punto ci viene offerto un caffè e noi ben volentieri accettiamo, si chiacchiera del più e del meno e il padrone di casa decide di fare la prova e settare il peso della testina utilizzando per metà la molla e metà il contrappeso.
    All' ascolto mi pare (e credo anche agli altri presenti) che l' Lp ha preso un altro piglio grazie ad un piccolo ma importante miglioramento proprio nella definizione e nella capacità di "definire" ancor meglio gli strumenti singoli (come le voci) nella massa strumentale (nel coro).
    Una prova di cambio del cavo phono era anche intervenuta durante gli ascolti (indipendentemente da quella del tipo di impostazione del peso) ma un ritorno al cavo precedentemente montato ci è parso auspicabile in quanto, io credo a tutti i presenti, ci è parso più andare nella direzione di un suono coerente e definito.
    Quello che mi meraviglierà maggiormente (in fondo, alcune delle caratteristiche che sto ascoltando sono comuni a quelle che mi offrono anche i monovia che ho a casa) sarà il momento in cui il padrone di casa ci farà sentire una parte di "Night in Tunisia" a volume ben più
    elevato di quello cui sono abituato io. Anche durante questi momenti non si avverte alcun senso di difficoltà o compressione da parte dell' impianto e l' ascolto prosegue fluido, coinvolgente a tratti impegnativo ma mai affaticante.
    Come dice l' amico venuto con me:" c'è tutto quello che si può desiderare".
    Nessun limite quindi? Come sempre, a mio parere, c'è il rovescio della medaglia per cui a fronte di tanta naturale dinamica e coerenza timbrica l' estensione tonale non mi pare raggiungere la prima e l' ultima ottava e l' SPL, pur se buono, non è quello che potrebbe offrire un sistema multivia di alta o media efficienza ma multi amplificato attivamente con finali iper potenti a SS. Se uno desiderasse queste cose come elementi irrinunciabili, allora dovrebbe scegliere altro, ma valutando i desiderata espressi qui di seguito del proprietario delle PNOE, direi che l' impianto che ha, lo rispecchia molto bene.

    D: Qual'è la prima cosa che ricerchi in un impianto?
    R: La fluidità del suono e la ricchezza armonica

    D: Quale è per te il parametro più importante perché un impianto sia fedele?
    R:Non un singolo parametro, ma quella magia che crea suggestione ed emozione all'ascolto, come accade dal vivo

    D: Quello meno importante?
    R: La ricerca dell'iperdettaglio fine a se stesso

    D: Quale sarà il pezzo che intendi cambiare per primo?
    R: Ora non penso di cambiare, vorrei implementare il sistema analogico con un'altra testina da montare su un braccio Jelco, che già possiedo

    D: Qual' è la cosa che per prima suggeriresti a chi si avvicina per la prima volta al mondo dell' hifi?
    R: Poter ascoltare la musica con qualche sistema ben settato e provare quello che provai io tanti anni fa, innamorandomi di questo bellissimo hobby.

    D: Quali sono per genere i dischi che suggeriresti?
    R: Esecuzioni di piano solo (Chopin, Mozart e Beethoven per la classica o jazz fruibile) e trio jazz (i migliori standards)

    D: Quando ti rechi ad un concerto in che posizione tendi a stare (davanti, dietro, di lato?)
    R: Se posso, cerco di stare in posizione centrale non oltre la metà sala; con concerti solisti, mi sono disposto dietro a pochissimi metri dall'esecutore.

    Sono trascorse quasi 5 ore e sebbene a malincuore dobbiamo riprendere la strada verso casa portando con noi il bel ricordo di un pomeriggio ad ascoltare musica presso un altro grande appassionato.

    L' impianto è così composto:
    Giradischi Michell Odyssey 2004
    Braccio SME V con testina Lyra Delos
    Pre phono Grandinote Celio mk2
    Lettore cd/sacd Esoteric X01 LE
    Pre Grandinote Proemio
    Ampli KR Audio Kronzilla SX
    Diffusori Arcadian Audio Pnoe
    Cavi Faber's Cables, Shunyata Anaconda e PS Audio
    Ciabatta Faber's Cables
    Trattamento d'ambiente Stein Acoustic Harmonizer
    Tavolini Yamamoto in massello di ciliegio


    avatar
    sibry
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 294
    Data d'iscrizione : 2014-10-31
    Età : 58
    Località : Nel Veronese e dintorni

    Re: Dalla Grecia il semplice suono originale

    Post  sibry on Thu Nov 13, 2014 11:40 am

    cosa volete che risponda?
    visivamente.. impianto bellissimo, ben curato
    Ottima la sistemazione del Software lungo le varie pareti.
    Bellissime, le "casse"... io non potrò mai metterle, perchè oltre ai "dindin" necessario non avrei nemmeno lo spazio.
    Con molta ammirazione ma senza invidia (nel senso cattivo che si potrebbe attribuire a tale parola... ) dico
    bravi! BELLO DA VEDERE E ANCHE DA LEGGERE.
    COMPLIMENTI
    avatar
    typhoon56
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 208
    Data d'iscrizione : 2014-03-10

    Re: Dalla Grecia il semplice suono originale

    Post  typhoon56 on Fri Nov 21, 2014 7:34 pm

    Complimenti x la recensione e al padrone di casa di cui apprezzo il gusto e la passione x la musica e x come deve essere riprodotta in ambiente domestico. applausi applausi applausi sunny
    avatar
    sibry
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 294
    Data d'iscrizione : 2014-10-31
    Età : 58
    Località : Nel Veronese e dintorni

    Re: Dalla Grecia il semplice suono originale

    Post  sibry on Sat Nov 22, 2014 7:05 am

    typhoon56 wrote:Complimenti x la recensione e al padrone di casa di cui apprezzo il gusto e la passione x la musica e x come deve essere riprodotta in ambiente domestico. applausi applausi applausi sunny

    spazi e WAF permettendo, si intende.... Embarassed
    avatar
    pepe57
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 4814
    Data d'iscrizione : 2009-06-11
    Età : 59
    Località : Milano

    Re: Dalla Grecia il semplice suono originale

    Post  pepe57 on Fri Jan 27, 2017 10:28 pm

    Ho rimesso le foto che erano scomparse
    Embarassed Embarassed Embarassed


    _________________
    Chi si accontenta gode
    Presidente Onorario fondatore di: ... CNR@ Club Naso Rosso@ ... CLM@ Club Lampredotto Marimesso@ ...   CVG@ Club Viva la Gnocca@ ...
    QFLG@

    Paintball Milano
    avatar
    Nimalone65
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 2073
    Data d'iscrizione : 2010-12-11
    Località : Roma

    Re: Dalla Grecia il semplice suono originale

    Post  Nimalone65 on Sat Apr 01, 2017 2:39 am

    Certo è strano ,,,,un preampli a stato solido , con i finali a valvole !

    sunny


    _________________
    Saluti,Enrico

    Platine Verdier + Ortofon 309D + Denon DL103 + Auditorium23 103 + Audio Note M1 Riaa + Kondo Kegon + Avantgarde Uno Nano + Cavi e Accessori Harmonix Combak.
    avatar
    magnaco
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 317
    Data d'iscrizione : 2011-09-12
    Età : 49
    Località : Bologna

    Re: Dalla Grecia il semplice suono originale

    Post  magnaco on Sat Apr 01, 2017 10:36 am

    Complimenti per l'impianto e per il racconto che è stato molto bello.
    avatar
    Banano
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 11100
    Data d'iscrizione : 2008-12-22
    Età : 41
    Località : ...al mare....ma dall'altra parte!

    Re: Dalla Grecia il semplice suono originale

    Post  Banano on Sat May 27, 2017 10:10 am

    .bel 3d, di notevoli contenuti! Stra interessante ma.......
    È da una settimana che ho in testa una domanda...
    Ci penso e ci ripenso...ma quei diffusori...ma come cavolo fanno a realizzarli?!... Che tecniche utilizzano? In cosa son fatti, hanno degli stampi... Oppure son ricavare dal pieno con cnc a 5assi... ....ma non riesco a capire...uffff....ci vorrebbe un "Com'è Fatto" per questi mostri! Laughing


    _________________
    Il mio Impianto
    http://www.ilgazeboaudiofilo.com/t14-l-impianto-di-bananetto?highlight=bananetto

    [i]In caso di bisogno leggere il REGOLAMENTO del forum.
    avatar
    pepe57
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 4814
    Data d'iscrizione : 2009-06-11
    Età : 59
    Località : Milano

    Re: Dalla Grecia il semplice suono originale

    Post  pepe57 on Mon Jun 05, 2017 10:56 pm

    La struttura dovrebbe essere fatta da due semi-stampi in fibra di vetro, incollati fra loro e ricoperti in gelcoat con una buona lavorazione che non lascia alcuna giuntura visibile.
    sunny sunny


    _________________
    Chi si accontenta gode
    Presidente Onorario fondatore di: ... CNR@ Club Naso Rosso@ ... CLM@ Club Lampredotto Marimesso@ ...   CVG@ Club Viva la Gnocca@ ...
    QFLG@

    Paintball Milano
    avatar
    luigi61
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 16
    Data d'iscrizione : 2014-01-19
    Località : Cento FE

    Re: Dalla Grecia il semplice suono originale

    Post  luigi61 Today at 5:09 pm

    pepe57 wrote:La struttura dovrebbe essere fatta da due semi-stampi in fibra di vetro, incollati fra loro e ricoperti in gelcoat con una buona lavorazione che non lascia alcuna giuntura visibile.
    sunny sunny
    Pietro è sempre molto preciso!
    I diffusori sono stati sviluppati dopo molti tentativi, lavorando anche con lamiere faticosamente calandrate.
    Poi, una volta definito lo sviluppo della tromba e lo stampo, la produzione avviene con la tecnica degli scafi delle barche in fiberglass e la finitura è gelcoat.
    La finitura è perfetta, io stesso non ho ancora identificato il punto di unione dei due semigusci. Solo smontando l'altoparlante o infilandosi all'interno della "bocca" si capisce bene come sono fatte.


    _________________
    Set-up Maggio 2017: https://www.flickr.com/gp/luigi_fava/sjU0Ki

      Current date/time is Wed Jun 28, 2017 9:21 pm