Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
Keith Richards: «La droga del giorno d'oggi è di pessima qualità! Ecco perché non la prendo più. E io me ne intendo» - Page 3
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    Keith Richards: «La droga del giorno d'oggi è di pessima qualità! Ecco perché non la prendo più. E io me ne intendo»

    Share

    Geronimo
    Self-Awareness
    Self-Awareness

    Numero di messaggi : 16086
    Data d'iscrizione : 2009-03-09

    Re: Keith Richards: «La droga del giorno d'oggi è di pessima qualità! Ecco perché non la prendo più. E io me ne intendo»

    Post  Geronimo on Wed Jan 29, 2014 7:38 pm

    enzo66 wrote:Certamente: comunque, per ottenere i risultati di crescita individuale elencati da Huxley, non penso che siano sufficienti sostanze psicotrope ma ritengo che sia fondamentale una certa predisposizione a vivere tutte le esperienze della vita con un certo spirito d'introspezione, di analisi e di ricerca.
    In sintesi, penso che occorra una certa predisposizione ad aprire, in un modo o nell'altro, le porte della percezione.


    Boni i Cavoletti di Bruxelles     

    LisergicoR
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 163
    Data d'iscrizione : 2012-09-12

    Re: Keith Richards: «La droga del giorno d'oggi è di pessima qualità! Ecco perché non la prendo più. E io me ne intendo»

    Post  LisergicoR on Wed Jan 29, 2014 7:48 pm

    enzo66 wrote:Certamente: comunque, per ottenere i risultati di crescita individuale elencati da Huxley, non penso che siano sufficienti sostanze psicotrope ma ritengo che sia fondamentale una certa predisposizione a vivere tutte le esperienze della vita con un certo spirito d'introspezione, di analisi e di ricerca.
    In sintesi, penso che occorra una certa predisposizione ad aprire, in un modo o nell'altro, le porte della percezione.

    Beh, assumere certe sostanze così, a semplice scopo ricreativo credo sia più controproducente che altro! In tal caso meglio fermarsi al classico spinello ogni tanto e farsi quattro risate con gli amici...  Laughing 

    V'è poi da verificare con estrema attenzione che non vi siano precedenti di malattie mentali in famiglia, schizofrenia in primis.


    _________________

    enzo66
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 980
    Data d'iscrizione : 2013-09-09
    Età : 50
    Località : Savona

    Re: Keith Richards: «La droga del giorno d'oggi è di pessima qualità! Ecco perché non la prendo più. E io me ne intendo»

    Post  enzo66 on Wed Jan 29, 2014 7:50 pm

    Geronimo wrote:Boni i Cavoletti di Bruxelles     

    Pensa che, considerato che è una pianta in via d'estinzione, con ogni logica e mente aperta, hanno vietato la coltivazione "in cattività" della lophophora williamsii, tra l'altro, non è accertato che, alle nostre latitudini, la piantina sintetizzi la mescalina.
    Per fortuna che, nonostante tutto, almeno all'estero, c'è chi cerca di salvarla dall'estinzione.


    _________________
    sunny Ciao, Enzo sunny

    "Se le porte della percezione fossero sgombrate, ogni cosa apparirebbe com'è: infinita"   [William Blake]

    .......   "E scusate se è poco"  ............    [Enzo66]

    enzo66
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 980
    Data d'iscrizione : 2013-09-09
    Età : 50
    Località : Savona

    Re: Keith Richards: «La droga del giorno d'oggi è di pessima qualità! Ecco perché non la prendo più. E io me ne intendo»

    Post  enzo66 on Wed Jan 29, 2014 7:56 pm

    LisergicoR wrote:V'è poi da verificare con estrema attenzione che non vi siano precedenti di malattie mentali in famiglia, schizofrenia in primis.
    Ciò che accadde al povero Syd Barret...


    _________________
    sunny Ciao, Enzo sunny

    "Se le porte della percezione fossero sgombrate, ogni cosa apparirebbe com'è: infinita"   [William Blake]

    .......   "E scusate se è poco"  ............    [Enzo66]

    gciraso
    Moderatore strizzacervelli

    Numero di messaggi : 3606
    Data d'iscrizione : 2013-06-06
    Età : 61
    Località : Padova

    Re: Keith Richards: «La droga del giorno d'oggi è di pessima qualità! Ecco perché non la prendo più. E io me ne intendo»

    Post  gciraso on Wed Jan 29, 2014 8:25 pm

    LisergicoR wrote:....

    V'è poi da verificare con estrema attenzione che non vi siano precedenti di malattie mentali in famiglia, schizofrenia in primis.

    Oppure un disturbo dell'umore, o un disturbo bipolare, ecc.


    _________________
    Giovanni

    E leggetelo 'sto regolamento!!!

    ze inutile ragionar coi mussi, te perdi tempo e te infastidissi la bestia

    Geronimo
    Self-Awareness
    Self-Awareness

    Numero di messaggi : 16086
    Data d'iscrizione : 2009-03-09

    Re: Keith Richards: «La droga del giorno d'oggi è di pessima qualità! Ecco perché non la prendo più. E io me ne intendo»

    Post  Geronimo on Wed Jan 29, 2014 8:31 pm

    Se qualcuno tenesse proprio a farsi un "viaggio", esiste la "vasca di deprivazione sensoriale": ci si rincoglionisce meno e senza rischiare la vita intossicandosi di veleni  


    http://it.wikipedia.org/wiki/Vasca_di_deprivazione_sensoriale


    Io glisso ft     


    _________________
    "Se cerchi il rilassamento mentale prova la meditazione sul respiro"(CLICCA QUI)

    "Sono il ponte fra quello che non sono mai stato e quello che non sarò mai"

    "Il mio impianto AUDIO ANALOGUE-AIRTECH-ADVENT"(CLICCA QUI)

    lizard
    Pop Music Expert

    Numero di messaggi : 6362
    Data d'iscrizione : 2009-11-06
    Località : Augusta Taurinorum

    Re: Keith Richards: «La droga del giorno d'oggi è di pessima qualità! Ecco perché non la prendo più. E io me ne intendo»

    Post  lizard on Wed Jan 29, 2014 8:35 pm

    enzo66 wrote:
    Magari, essere caduti da piccoli in mezzo ai peyote.


    In questo forum il Peyote si ascolta soltanto!!
      

    LisergicoR
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 163
    Data d'iscrizione : 2012-09-12

    Re: Keith Richards: «La droga del giorno d'oggi è di pessima qualità! Ecco perché non la prendo più. E io me ne intendo»

    Post  LisergicoR on Wed Jan 29, 2014 8:43 pm

    Geronimo wrote:Se qualcuno tenesse proprio a farsi un "viaggio", esiste la "vasca di deprivazione sensoriale": ci si rincoglionisce meno e senza rischiare la vita intossicandosi di veleni  


    http://it.wikipedia.org/wiki/Vasca_di_deprivazione_sensoriale


    Io glisso ft     
      
    Vi fu poi uno studioso, di cui ora non ricordo il nome, che usò in associazione a tale metodo la ketamina(sì, proprio il così detto anestetico "gentile", che viene solitamente somministrato ai bambini, data la quasi totale assenza di effetti collaterali! Laughing ), creando in tal modo l'esperienza di dissociazione DEFINITIVA!!  

    Il bello della ketamina poi, è che il dosaggio necessario ad ottenere il così detto stato dissociativo è addirittura inferiore al dosaggio standard solitamente somministrato a scopo medico!!!       


    _________________

    gciraso
    Moderatore strizzacervelli

    Numero di messaggi : 3606
    Data d'iscrizione : 2013-06-06
    Età : 61
    Località : Padova

    Re: Keith Richards: «La droga del giorno d'oggi è di pessima qualità! Ecco perché non la prendo più. E io me ne intendo»

    Post  gciraso on Wed Jan 29, 2014 8:53 pm

    John Cunningham Lilly, psicoanalista e neurofisiologo americano.

    La ketamina a dosi inferiori a quelle anestesiologiche determina in genere allucinazioni uditive e visive, con occasionali esperienze di cd pre-morte, che poi sarebbe la sensazione di vedere dal di fuori il proprio corpo. Io ho avuto un paziente che ha presentato un evento del genere, e ne era assai spaventato. E poi ci sono le complicanze neurologiche, talora anche gravi.


    _________________
    Giovanni

    E leggetelo 'sto regolamento!!!

    ze inutile ragionar coi mussi, te perdi tempo e te infastidissi la bestia

    LisergicoR
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 163
    Data d'iscrizione : 2012-09-12

    Re: Keith Richards: «La droga del giorno d'oggi è di pessima qualità! Ecco perché non la prendo più. E io me ne intendo»

    Post  LisergicoR on Wed Jan 29, 2014 9:07 pm

    gciraso wrote:John Cunningham Lilly, psicoanalista e neurofisiologo americano.
    Bella lì! Proprio a lui mi riferivo.  Laughing 

    A quanto pare ci scrisse pure un paio di libri:

    Wikipedia wrote:In the early 1960s, Lilly was introduced to psychedelic drugs such as LSD and (later) ketamine and began a series of experiments in which he ingested a psychedelic drug either in an isolation tank or in the company of dolphins. These events are described in his books Programming and Metaprogramming in the Human Biocomputer: Theory and Experiments and The Center of the Cyclone, both published in 1972.

    Che storie ragazzi, ha pure nuotato assieme ai delfini sotto l'effetto dell'LSD! Chi non lo vorrebbe un "nonno" così?!    


    _________________

    pepe57
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 4684
    Data d'iscrizione : 2009-06-11
    Età : 59
    Località : Milano

    Re: Keith Richards: «La droga del giorno d'oggi è di pessima qualità! Ecco perché non la prendo più. E io me ne intendo»

    Post  pepe57 on Wed Jan 29, 2014 11:53 pm

    Il mio, al tempo della II guerra mondiale, ha nuotato in coque gelate in Russia per salvarsi la pelle e c'è riuscito (proprio perché era sotto l' effetto di nulla salvo quello della paura e della voglia di portare a casa la ghirba...).
    Quello che nuota fra delfini sotto l' effetto dell' LSD te lo lascio tutto!
        


    _________________
    Chi si accontenta gode
    Presidente Onorario fondatore di: ... CNR@ Club Naso Rosso@ ... CLM@ Club Lampredotto Marimesso@ ...   CVG@ Club Viva la Gnocca@ ...
    QFLG@

    Paintball Milano

    LisergicoR
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 163
    Data d'iscrizione : 2012-09-12

    Re: Keith Richards: «La droga del giorno d'oggi è di pessima qualità! Ecco perché non la prendo più. E io me ne intendo»

    Post  LisergicoR on Thu Jan 30, 2014 8:55 am

    pepe57 wrote:Il mio, al tempo della II guerra mondiale, ha nuotato in coque gelate in Russia per salvarsi la pelle e c'è riuscito (proprio perché era sotto l' effetto di nulla salvo quello della paura e della voglia di portare a casa la ghirba...).
    Quello che nuota fra delfini sotto l' effetto dell' LSD te lo lascio tutto!
        
    Molto interessante. Il mio vero nonno invece si salvò in quanto partigiano e fu ben felice in seguito, di prender parte alla "festa" di piazzale Loreto!     



    _________________

    pluto
    Moderatore - discobolo

    Numero di messaggi : 21527
    Data d'iscrizione : 2010-10-05
    Età : 58
    Località : Genova

    Re: Keith Richards: «La droga del giorno d'oggi è di pessima qualità! Ecco perché non la prendo più. E io me ne intendo»

    Post  pluto on Thu Jan 30, 2014 9:45 am

    E' da 5 pag che ho una domanda in testa. Vabbé la sparo

    Ma godersi la vita lontano dalle droghe e usando l'alcool con moderazione no eh?

    Questa esaltazione borderline della falsa esaltazione chimica mi lascia alquanto perplesso. Si vede che non avete mai visto morire qualche amico coetaneo o compagno di liceo che si è perso inesorabilmente x strada. Forse ripensereste un momento all'approccio del problema
    Posso assicurare che non è un bel vedere

    LisergicoR
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 163
    Data d'iscrizione : 2012-09-12

    Re: Keith Richards: «La droga del giorno d'oggi è di pessima qualità! Ecco perché non la prendo più. E io me ne intendo»

    Post  LisergicoR on Thu Jan 30, 2014 10:06 am

    pluto wrote:E' da 5 pag che ho una domanda in testa. Vabbé la sparo

    Ma godersi la vita lontano dalle droghe e usando l'alcool con moderazione no eh?

    Questa esaltazione borderline  della falsa esaltazione chimica mi lascia alquanto perplesso. Si vede che non avete mai visto morire qualche amico coetaneo o compagno di liceo che si è perso inesorabilmente x strada. Forse ripensereste un momento all'approccio del problema
    Posso assicurare che non è un bel vedere
    Se rileggessi il topic con maggiore attenzione, noteresti senz'altro come io sia il primo a sconsigliare la banale assunzione ricreativa di determinate sostanze! Oltretutto, robaccia sintetica come l'MDMA(o ecstasy) non la toccherei nemmeno con un remo da barca!  Laughing 

    Quanto invece all'alchol, mi pare d'aver già specificato che, a parte centellinare saltuariamente il vino della nostra vigna di famiglia, sono pressoché astemio.  sunny 

    Se poi il tuo era un discorso più generico, non rivolto solo al sottoscritto, allora chiedo venia e potrei essere, almeno in parte, anche d'accordo con te!   

    Sappiate comunque che, perlomeno da questo punto di vista, sono altresì un "vegetariano" convinto!  sunny 



    _________________

    pluto
    Moderatore - discobolo

    Numero di messaggi : 21527
    Data d'iscrizione : 2010-10-05
    Età : 58
    Località : Genova

    Re: Keith Richards: «La droga del giorno d'oggi è di pessima qualità! Ecco perché non la prendo più. E io me ne intendo»

    Post  pluto on Thu Jan 30, 2014 10:27 am

    Prova tu a leggere con maggiore attenzione quello che scrivo io e quello che scrivi tu

    Capiresti meglio. E capiresti che dalle tue parole non si evince x niente quello che hai appena detto adesso. E la cosa non riguarda tanto una mia interpretazione, visto che in Amministrazione una decina di noi hanno capito o non hanno capito la stessa cosa

    Certo che comunque il mio è un discorso generale. Personalmente non mi importa nulla di quello che una persona vuole fare della propria vita. Basta che non venga qua a esaltarcela come modello da seguire. Specie se il buon senso (bacchettone magari, ma sempre buon senso) ci dice che è sbagliata

    E le beffe , se non ti spiace falle a tua sorella
    Sono il 1° a sfottere gli amici e a essere sfottuto da loro. Ma quando vedo un'esaltazione sbagliata, specie dopo un richiamo bonario e generale , mi irrigidisco sempre.

    LisergicoR
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 163
    Data d'iscrizione : 2012-09-12

    Re: Keith Richards: «La droga del giorno d'oggi è di pessima qualità! Ecco perché non la prendo più. E io me ne intendo»

    Post  LisergicoR on Thu Jan 30, 2014 11:00 am

    pluto wrote:E le beffe , se non ti spiace falle a tua sorella
    Sono il 1° a sfottere gli amici e a essere sfottuto da loro. Ma quando vedo un'esaltazione sbagliata, specie dopo un richiamo bonario e generale , mi irrigidisco sempre.
    Nessuna beffa da parte mia, tu hai posto una domanda ed io ho risposto limitandomi ad esporre quello che è il mio sincero punto di vista sulla questione. Se poi una discussione scherzosa nata da una citazione di K.Richards dev'essere vista per forza come pura e semplice esaltazione, allora mi spiace ma non è certo un mio problema!

    Diversamente il pregiudizio, quello vero, si evince benissimo dalle tue parole, non molto dissimili dalla classica definizione di "tossicodipendente" che quotidianamente i media ci propinano! La mia non vuol certo essere un'accusa personale nei tuoi confronti, ci mancherebbe, semplicemente ritengo che i tempi siano ormai maturi perché la gente inizi a pensare con la propria testa.

    Prendi ad esempio la tua frase "godersi la vita lontano dalle droghe ed usando l'alcol con moderazione". In questo senso il lavaggio del cervello da parte dei media e dello stato funziona benissimo, essendo l'alchol stesso una droga capace di dare dipendenza e con effetti collaterali ed una mortalità persino superiore rispetto a quella di molte sostanze "proibite"! Perché allora non usare ogni droga con moderazione?

    Individui quali Stanley Kubrik e Steve Jobs erano abituali consumatori di acido ad esempio, eppure non mi pare proprio siano mai finiti in miseria, ne tantomeno ridotti a vegetali per questo!

    Mi spiace piuttosto che tu abbia preso la mia risposta come un attacco personale, in quanto ti ho risposto proprio come farei con un fratello o un amico, piuttosto che come un semplice estraneo, limitandosi ad annuire e dando del lei! Non so poi quanti anni abbia tu ma io ne ho sulla ventina e non sono mai stato un tipo particolarmente formale!


    _________________

    JUSTINO
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 931
    Data d'iscrizione : 2010-01-05
    Località : TORINO

    Re: Keith Richards: «La droga del giorno d'oggi è di pessima qualità! Ecco perché non la prendo più. E io me ne intendo»

    Post  JUSTINO on Thu Jan 30, 2014 11:32 am

    pluto wrote:Prova tu a leggere con maggiore attenzione quello che scrivo io e quello che scrivi tu

    Capiresti meglio. E capiresti che dalle tue parole non si evince x niente quello che hai appena detto adesso.
    Lisergico mi dispiace ma anche io ho avuto la stessa sensazione di Pluto...
    Posso dirti che tu non stai facendo altro che manifestare il classico approccio che si ha a queste cose quando si ha la tua età?Senza voler offenderti eh? 

    pluto
    Moderatore - discobolo

    Numero di messaggi : 21527
    Data d'iscrizione : 2010-10-05
    Età : 58
    Località : Genova

    Re: Keith Richards: «La droga del giorno d'oggi è di pessima qualità! Ecco perché non la prendo più. E io me ne intendo»

    Post  pluto on Thu Jan 30, 2014 11:50 am

    Infatti.

    Anche io gli ho parlato come avrei parlato a mio figlio.
    I ventenni pensano che gli anziani siano sempre scemi, pensano che che niente li possa battere, sia che si tratti di droga , alcool, pioggia o chissà cosa.
    C'è una sorta di invincibilità
    Poi quando uno vede morire un amico con cui ha diviso qualche classe a scuola o una decina d'anni nella stessa squadra, capisce che la realtà è un pochino diversa


    Lisergico fa un favore a te stesso
    cerca di parlare di cose che conosci bene e soprattutto rileggi sempre bene quello che scrivi. Tutti abbiamo capito che pensi una cosa e ne scrivi un'altra. Segno che ancora non riesci ad esprimere chiaramente i tuoi pensieri.
    Ti ho già visto dare 2 risposte molto sgarbate nella sezione cuffie. Facciamo in modo che non si ripeta e di finirla li
    Una persona intelligente sa quando è il momento di alzare il piede e di avere rispetto x gli altri

    Con questo chiudo e ti invito a fare altrettanto. Cerca di rimanere sulla goliardia e su Keith Richards

    LisergicoR
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 163
    Data d'iscrizione : 2012-09-12

    Re: Keith Richards: «La droga del giorno d'oggi è di pessima qualità! Ecco perché non la prendo più. E io me ne intendo»

    Post  LisergicoR on Thu Jan 30, 2014 12:12 pm

    JUSTINO wrote:
    Lisergico mi dispiace ma anche io ho avuto la stessa sensazione di Pluto...
    Posso dirti che tu non stai facendo altro che manifestare il classico approccio che si ha a queste cose quando si ha la tua età?Senza voler offenderti eh? 
    Nessuna offesa, ci mancherebbe! Del resto ciò che scrivo altro non sono che personali opinioni, fondate sulla mia, seppur breve, esperienza di vita. Pertanto chiunque è liberissimo di criticarle, ancor meglio se adducendo solide argomentazioni in merito!   


    _________________

    LisergicoR
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 163
    Data d'iscrizione : 2012-09-12

    Re: Keith Richards: «La droga del giorno d'oggi è di pessima qualità! Ecco perché non la prendo più. E io me ne intendo»

    Post  LisergicoR on Thu Jan 30, 2014 12:28 pm

    Aggiungo inoltre che questo topic è stato per me, davvero un'interessante esperimento sociologico: davvero curioso come appena qualcuno s'azzardi a dire un qualcosa che va contro la comune morale o comunque un qualcosa di anche vagamente provocatorio in merito ad un argomento come quello ivi trattato, tra le principali motivazioni d'eventuali obbiezioni non manchi mai il così detto "rapporto di minoranza"!

    Detto ciò chiudo qui l'OT, invitandovi alla lettura di questo interessante articolo in merito:

    http://www.nerdmag.it/2013/06/30/il-rapporto-di-minoranza/


    EDIT: Ho visto solo ora il messaggio di pluto, massimo rispetto per il lutto altrui da parte mia. Anzi, un giorno mi piacerebbe proprio conoscerci meglio, anche di persona magari, così da avere modo d'ascoltare le tue esperienze in merito!   


    _________________

    pepe57
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 4684
    Data d'iscrizione : 2009-06-11
    Età : 59
    Località : Milano

    Re: Keith Richards: «La droga del giorno d'oggi è di pessima qualità! Ecco perché non la prendo più. E io me ne intendo»

    Post  pepe57 on Thu Jan 30, 2014 5:04 pm

    LisergicoR wrote:
    Molto interessante. Il mio vero nonno invece si salvò in quanto partigiano e fu ben felice in seguito, di prender parte alla "festa" di piazzale Loreto!     

    Mio papà mi ha raccontato molte volte dei partigiani del suo paese (che poi chiesero e diventarono "Cavalieri" per questi "meriti di ex partigiano") al 90% imboscati perché non volevano fare la guerra per fifa.
    Imboscato è come lui stesso si è definito ed ha definito i suoi amici/conoscenti ex imboscati/partigiani in una discussione con loro di tanti anni fa, io ragazzino presente,  in quanto NON voleva fare la richieste di cavalierato per simili "meriti di ex partigiano").
    I fascisti, per punizione, bruciarono la casa dove mio padre abitava (ed anche il titolare, mio nonno che in quel momento era in guerra, mia nonna e mia zia che erano li a lavorare) dopo aver "sequestrato", in pratica rubato, tutto quello che conteneva (logicamente a cominciare dai soldi).
    Ma a partire da mio nonno (che di sicuro non era ne di destra ne di sinistra come tutto il resto della famiglia) fino a mio padre, tutti loro reputavano la "festa" di Loreto una grave macchia ed uno dei momenti più bassi per l' Italia e per gli italiani.
    Me lo ripetevano molto spesso. Prima tutti ad inneggiare al duce e fare violenze "per il nome suo", poi nessuno era mai stato fascista e faceva faceva l' eroe contro lo sconfitto e violenza per punirlo, perché, diceva ne aveva subita.
    Anche se non erano gli stessi, e ne dubitavano parecchio, la violenza era sempre da escludere e condannare.


    _________________
    Chi si accontenta gode
    Presidente Onorario fondatore di: ... CNR@ Club Naso Rosso@ ... CLM@ Club Lampredotto Marimesso@ ...   CVG@ Club Viva la Gnocca@ ...
    QFLG@

    Paintball Milano

    nikko
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 548
    Data d'iscrizione : 2013-01-25
    Età : 44
    Località : Roma

    Re: Keith Richards: «La droga del giorno d'oggi è di pessima qualità! Ecco perché non la prendo più. E io me ne intendo»

    Post  nikko on Thu Jan 30, 2014 5:13 pm

    pepe57 wrote:
    Mio papà mi ha raccontato molte volte dei partigiani del suo paese (che poi chiesero e diventarono "Cavalieri" per questi "meriti di ex partigiano") al 90% imboscati perché non volevano fare la guerra per fifa.
    Imboscato è come lui stesso si è definito ed ha definito i suoi amici/conoscenti ex imboscati/partigiani in una discussione con loro di tanti anni fa, io ragazzino presente,  in quanto NON voleva fare la richieste di cavalierato per simili "meriti di ex partigiano").
    I fascisti, per punizione, bruciarono la casa dove mio padre abitava (ed anche il titolare, mio nonno che in quel momento era in guerra, mia nonna e mia zia che erano li a lavorare) dopo aver "sequestrato", in pratica rubato, tutto quello che conteneva (logicamente a cominciare dai soldi).
    Ma a partire da mio nonno (che di sicuro non era ne di destra ne di sinistra come tutto il resto della famiglia) fino a mio padre, tutti loro reputavano la "festa" di Loreto una grave macchia ed uno dei momenti più bassi per l' Italia e per gli italiani.
    Me lo ripetevano molto spesso. Prima tutti ad inneggiare al duce e fare violenze "per il nome suo", poi nessuno era mai stato fascista e faceva faceva l' eroe contro lo sconfitto e violenza per punirlo, perché, diceva ne aveva subita.
    Anche se non erano gli stessi, e ne dubitavano parecchio, la violenza era sempre da escludere e condannare.

    Come non quotarti in toto..... questo, come la germania è un paese dove fino al giorno prima erano tutti fascisti/nazisti ed il giorno dopo tutti partigiani/proalleati.... ma di esempi illustri che sono saltati da una parte all'altra con un tempismo che farebbe sfigurare qualunque sportivo professionista ne abbiamo ancora oggi... mi pare... o no?  Laughing 

    N.


    _________________
    Impianto con diffusori: sorgente: Apple mac mini; dac: Teac UD 501 B; amplificatore: AA Verdi Cento SE (rivalvolato con 6922 - E88CC Gold Pins Genalex); diffusori: Mission M52; mobile: solidsteel 5.4 silver.

    Impianto cuffie principale:  sorgente: Sony SCD XA 5400 ES; amplificatore: Teac HA 501B; cuffie: Beyerdynamic T1.

    Impianto cuffie portatile: sorgente Ibasso DX 90; cuffie: Sony XBA H3; Philips Fidelio X1.

    brizzo
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1125
    Data d'iscrizione : 2011-02-13
    Età : 56
    Località : Mestre/Venezia

    Re: Keith Richards: «La droga del giorno d'oggi è di pessima qualità! Ecco perché non la prendo più. E io me ne intendo»

    Post  brizzo on Thu Jan 30, 2014 5:42 pm

    lavoro da una vita in area critica in ospedale
    arrivano sempre più frequentemente ragazzi e ragazze (sempre più giovani   ) devastati da droghe e alcool...
    sono ragazzi normali che si devono super divertire perché divertire solo non basta più......
    non vi dico lo strazio dei famigliari......
    alcuni restano segnati in modo permanente....
    e si che la carica ce l'hanno dentro cioè la giovinezza...
    non scherziamo per favore


    _________________
    saluti Eddie

    LisergicoR
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 163
    Data d'iscrizione : 2012-09-12

    Re: Keith Richards: «La droga del giorno d'oggi è di pessima qualità! Ecco perché non la prendo più. E io me ne intendo»

    Post  LisergicoR on Thu Jan 30, 2014 5:46 pm

    pepe57 wrote:
    Mio papà mi ha raccontato molte volte dei partigiani del suo paese (che poi chiesero e diventarono "Cavalieri" per questi "meriti di ex partigiano") al 90% imboscati perché non volevano fare la guerra per fifa.
    Imboscato è come lui stesso si è definito ed ha definito i suoi amici/conoscenti ex imboscati/partigiani in una discussione con loro di tanti anni fa, io ragazzino presente,  in quanto NON voleva fare la richieste di cavalierato per simili "meriti di ex partigiano").
    I fascisti, per punizione, bruciarono la casa dove mio padre abitava (ed anche il titolare, mio nonno che in quel momento era in guerra, mia nonna e mia zia che erano li a lavorare) dopo aver "sequestrato", in pratica rubato, tutto quello che conteneva (logicamente a cominciare dai soldi).
    Ma a partire da mio nonno (che di sicuro non era ne di destra ne di sinistra come tutto il resto della famiglia) fino a mio padre, tutti loro reputavano la "festa" di Loreto una grave macchia ed uno dei momenti più bassi per l' Italia e per gli italiani.
    Me lo ripetevano molto spesso. Prima tutti ad inneggiare al duce e fare violenze "per il nome suo", poi nessuno era mai stato fascista e faceva faceva l' eroe contro lo sconfitto e violenza per punirlo, perché, diceva ne aveva subita.
    Anche se non erano gli stessi, e ne dubitavano parecchio, la violenza era sempre da escludere e condannare.
    D'accordo, generalizziamo pure se vi può aiutare a sentirvi in pace con voi stessi!  

    Qui comunque non è questione ne di destra ne di sinistra, ne tanto meno di codardia(perlomeno nel caso di mio nonno). Si trattava piuttosto della decisione del tutto legittima e consapevole di voler disertare da una guerra non solo profondamente ingiusta ma anche totalmente inutile, in quanto a vantaggio esclusivo dalla Germania! Nazione che per di più aveva già un accordo di non belligeranza con la Russia di Stalin(meglio noto come patto di Molotov-Ribbentrop), poi deliberatamente infranto dai tedeschi a causa delle manie di grandezza del loro amato cancelliere!
    State pur tranquilli che anche lui, seppur in modo differente, la sua guerra l'ha combattuta eccome, rischiando talvolta la pellaccia almeno quanto un soldato al fronte!

    Quanto a Mussolini beh, piazzale Loreto non è niente in confronto alla perdita di vite umane ed alla sofferenza causati dalla sua decisione di allearsi e di conseguenza scendere in campo, assieme alla Germania nazista.

    Per come è fatto il popolo Italiano poi, se solo il Duce non avesse commesso quell'ultimo fatale sbaglio, sarebbe morto di vecchiaia molto probabilmente. Acclamato e riverito almeno quanto Franco!


    _________________

    nikko
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 548
    Data d'iscrizione : 2013-01-25
    Età : 44
    Località : Roma

    Re: Keith Richards: «La droga del giorno d'oggi è di pessima qualità! Ecco perché non la prendo più. E io me ne intendo»

    Post  nikko on Thu Jan 30, 2014 6:01 pm

    LisergicoR wrote:
    D'accordo, generalizziamo pure se vi può aiutare a sentirvi in pace con voi stessi!  

    Qui comunque non è questione ne di destra ne di sinistra, ne tanto meno di codardia(perlomeno nel caso di mio nonno). Si trattava piuttosto della decisione del tutto legittima e consapevole di voler disertare da una guerra non solo profondamente ingiusta ma anche totalmente inutile, in quanto a vantaggio esclusivo dalla Germania! Nazione che per di più aveva già un accordo di non belligeranza con la Russia di Stalin(meglio noto come patto di Molotov-Ribbentrop), poi deliberatamente infranto dai tedeschi a causa delle manie di grandezza del loro amato cancelliere!
    State pur tranquilli che anche lui, seppur in modo differente, la sua guerra l'ha combattuta eccome, rischiando talvolta la pellaccia almeno quanto un soldato al fronte!

    Quanto a Mussolini beh, piazzale Loreto non è niente in confronto alla perdita di vite umane ed alla sofferenza causati dalla sua decisione di allearsi e di conseguenza scendere in campo, assieme alla Germania nazista.

    Per come è fatto il popolo Italiano poi, se solo il Duce non avesse commesso quell'ultimo fatale sbaglio, sarebbe morto di vecchiaia molto probabilmente. Acclamato e riverito almeno quanto Franco!  

    Seguendo il tuo ragionamento a piazzale loreto insieme a mussolini ad essere appesi avrebbero dovuto essere in tanti o no? perchè qui sembra che un uomo solo riesca a trascinare un'intera nazione in guerra contro la sua volontà.... la realtà è ben diversa anche se ovviamente la storia la scrivono i vincitori e non certo i vinti... ma ti assicuro che nemmeno immagini ancora oggi la gente che dentro casa ha il faccione di mussolini appeso al muro o il busto sul comodino... questo detto da un mio amico che per vivere fa l'agente immobiliare ed entra tutti i giorni nelle case della gente per lavoro...

    per cui mi chiedo ma di che stiamo parlando? ammazzare uno fatto prigioniero ci rende migliori del criminale in questione? risolve qualcosa? è giustizia o vendetta? o forse esorcizza solo i nostri demoni interiori... perchè ribadisco nemmeno immagini quanti illustri personaggi che negli anni della repubblica si sono riempiti e si riempono ancora oggi la bocca di parole come democrazia e giustizia sono stati iscritti al partito fascista.... quindi nessuna generalizzazione solo una verità che per molti è scomoda e dura da digerire.... tutto li...

    sulle droghe mi vien solo da dire che chi ricerca nella chimica un "miglioramento" della propria condizione, fisica o psichica che sia, è solo una persona debole, con grandi lacune interiori, che non conosce minimamente il potenziale dell'essere umano e quanto poco questo sia sfruttato da tutti noi... per questo motivo il "drogato" (perché di questo banalmente e semplicemente si tratta) va solo compatito ed aiutato....  non certo idolatrato.

    N.


    _________________
    Impianto con diffusori: sorgente: Apple mac mini; dac: Teac UD 501 B; amplificatore: AA Verdi Cento SE (rivalvolato con 6922 - E88CC Gold Pins Genalex); diffusori: Mission M52; mobile: solidsteel 5.4 silver.

    Impianto cuffie principale:  sorgente: Sony SCD XA 5400 ES; amplificatore: Teac HA 501B; cuffie: Beyerdynamic T1.

    Impianto cuffie portatile: sorgente Ibasso DX 90; cuffie: Sony XBA H3; Philips Fidelio X1.

    albertosi
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 992
    Data d'iscrizione : 2012-11-18
    Località : Firenze

    Re: Keith Richards: «La droga del giorno d'oggi è di pessima qualità! Ecco perché non la prendo più. E io me ne intendo»

    Post  albertosi on Thu Jan 30, 2014 6:11 pm

    Lisergico guarda non so quanti anni hai ma effettivamente sembra che tu arda di energia giovane..
    Un conto è affrontare le cose sul piano prettamente esperienziale, un altro è rapportare queste esperienze alla realtà.
    Quindi ammesso che le esperienze che " ti portano in quelle zone del tuo cervello dove non sei mai stato" possano essere descritte e vissute in modo interessante, e non mi vengono altri aggettivi, non si può non vedere la realtà.
    Il quotidiano e la cronaca meno recente dicono che questa strada è lastricata di vittime. Vittime vere, ragazzi e ragazze che hanno rotto il loro equilibrio e modificato radicalmente la loro vita e le loro capacità. Felicità distrutte. Pochi in percentuale rispetto a tutti quelli che ne fanno uso??? Quanto basta direi io.
    Non si tratta di rapporti di minoranza che in questo caso mi pare una entusiastica amenità. Si tratta di avere l'esatta percezione del fatto che giocando col fuoco ci si può divertire ma pure bruciare.
    Il mio punto di vista non è affatto puritano ma è quello di uno che di amici ne ha visti sepolti più di uno, il punto di vista di uno che ha lavorato anche in psichiatria e di giovani in grave difficoltà ne ha visti diversi, il punto di vista di uno che lavora da diversi lustri in rianimazione e che di gente tritata ne ha vista parecchia.
    E per tutti questi motivi penso che si, sia giusto parlarne ma con grande, grande prudenza.


    PS: Ciao collega Eddie!!


    _________________
    Io restai a chiedermi se l'imbecille ero io, che la vita la pigliavo tutta come un gioco, o se invece era lui che la pigliava come una condanna ai lavori forzati; o se lo eravamo tutti e due. (Il Perozzi, pensando al figlio)

      Current date/time is Tue Dec 06, 2016 9:17 am