Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
Addio Roberto Freak Antoni,
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    Addio Roberto Freak Antoni,

    Share

    albertosi
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 992
    Data d'iscrizione : 2012-11-18
    Località : Firenze

    Addio Roberto Freak Antoni,

    Post  albertosi on Wed Feb 12, 2014 2:06 pm



    _________________
    Io restai a chiedermi se l'imbecille ero io, che la vita la pigliavo tutta come un gioco, o se invece era lui che la pigliava come una condanna ai lavori forzati; o se lo eravamo tutti e due. (Il Perozzi, pensando al figlio)

    lizard
    Pop Music Expert

    Numero di messaggi : 6358
    Data d'iscrizione : 2009-11-06
    Località : Augusta Taurinorum

    Re: Addio Roberto Freak Antoni,

    Post  lizard on Wed Feb 12, 2014 4:31 pm

     

    marinaio53
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 183
    Data d'iscrizione : 2013-10-30
    Età : 63
    Località : Firenze

    Re: Addio Roberto Freak Antoni,

    Post  marinaio53 on Wed Feb 12, 2014 5:01 pm

    «Gli Skiantos muoiono incendiari». In una delle ultime interviste che ha rilasciato a Rolling Stone, (Roberto) Freak Antoni si è scritto la lapide.E del resto da uno che già nel 1977 aveva capito che in Italia tanto valeva buttarla in vacca, nella speranza di dare una manata alle coscienze, non ci si poteva aspettare niente di meno. È morto questa mattina, Freak, vinto da un tumore all'intestino che da oltre cinque anni gli scandiva il ritmo delle giornate tra chemio e radioterapia. Vinto nella carne, ma conoscendolo (e io la fortuna di averlo conosciuto l'ho avuta tutta), minimamente toccato nel cuore e nella testa. Perché lui, che aveva iniziato a farsi di eroina negli anni '70 ed era sopravvissuto
    ad altri geniacci come Andrea Pazienza, la testa l'aveva sempre tenuta saldissima al suo posto: fatto, strafatto, o lucido, Freak Antoni era uno che ragionava. Sempre. E lo faceva mettendo le parole sulla musica e usandole come strumento di critica, feroce e caustica, al sistema di un paese da cui ammetteva non si potesse pretendere troppo, essendo fatto a forma di stivale. Non sono in tanti a morire sapendo di avere avuto ragione.
    Freak Antoni io l'ho conosciuto 10 anni fa, per caso, in uno studio di registrazione dove, assieme ai suoi Skiantos, stava lavorando ad un album. Arrivava con l'occhio un po' fisso e la pupilla inequivocabile, si sedeva su un divanetto e cercava le parole giuste tra rima e senso. E le trovava, sempre. Quindi si alzava, si metteva le cuffie e le cantava, per sentire come stavano sulla melodia, che quella era già chiusa. Aveva lo stomaco prominente di chi aveva sciorinato giornate da tossico che allunga la "botta" con l'alcol. Ma era la sua dimensione e riusciva a starci bene dentro. Rideva con una bocca sghemba e con gli occhi sempre, costantemente, cerchiati del nero del vizio. Era così, è sempre stato così e, alla fine, seppure io non lo abbia visto, sono certa che fosse ancora così. Senza più droga e vino «perché almeno il tumore mi ha fatto smettere di drogarmi», diceva poco tempo fa.
    Il 9 gennaio scorso l'ultimo intervento per tentare di arginare la malattia che si era ripresentata, inequivocabile a invitarlo a chiudere in fretta gli ultimi progetti. Che dal 2012 aveva lasciato gli Skiantos per dedicarsi a un progetto da solista. Perché, malato o no, strafatto o no, Freak Antoni poteva vivere solo su un palcoscenico, magari a braghe calate facendo vedere il suo lato B a tutto il pubblico e costringendo chi era con lui su quel palco a fare lo stesso. Anche se quel qualcuno era una sorta di figlioccio molto simile a Zeus, almeno quanto lui era simile a Crono: che Elio (quello delle Storie Tese) non era certo uno da calarsi i pantaloni per sbeffeggiare il pubblico, troppo serio e e milanese. Forse per questo più amato e pure pagato. Freak Antoni e gli Skiantos venivano tutti dalla città del Dams (dove Freak si era anche laureato nel '77) e della goliardia: la differenza (a favore di chi non è tema di questo ricordo) era evidente.
    Diciotto album, di cui due live e tre raccolte, dopo il primo "Inascoltable", Roberto Freak Antoni ha chiuso la sua discografia. Da qualche parte qualcuno ha scritto che il prossimo 16 aprile avrebbe compiuto 60 anni. Il primo a non credere di poter arrivare tanto lontano nel tempo, sulle proprie gambe, sarebbe stato proprio lui. «Con tutto quel che ho fatto nella mia vita – mi disse 10 anni fa stravaccato dentro una t-shirt gialla spiegazzata – mi sembra un mezzo miracolo essere arrivato a compiere 50 anni, cara la mia sbarbina».
    di Deborah Dirani - Il Sole 24 Ore

    Ciao Roberto...fai buon viaggio.. applausi 


    _________________
    Valerio - Firenze  

    Sono una persona equilibrata, se dico una cosa intelligente rimedio subito facendo una cazzata.

    albertosi
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 992
    Data d'iscrizione : 2012-11-18
    Località : Firenze

    Re: Addio Roberto Freak Antoni,

    Post  albertosi on Wed Feb 12, 2014 5:20 pm

    Sulla "poetica" dei suoi Skiantos, "Freak" spiegava: "Nelle nostre canzoni abbiamo sempre mescolato due livelli, quello alto, escatologico, di impegno politico, e quello basso, scatologico, gergale... Ma la poesia ci insegna che non ci sono parole proibite, è solo la retorica che le divide in auliche o di basso livello. Ed è proprio la retorica, intesa come atteggiamento di supponenza ed ipocrisia, che rende volgari le cose".

     applausi applausi applausi


    _________________
    Io restai a chiedermi se l'imbecille ero io, che la vita la pigliavo tutta come un gioco, o se invece era lui che la pigliava come una condanna ai lavori forzati; o se lo eravamo tutti e due. (Il Perozzi, pensando al figlio)

    Banano
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 10871
    Data d'iscrizione : 2008-12-22
    Età : 41
    Località : ...al mare....ma dall'altra parte!

    Re: Addio Roberto Freak Antoni,

    Post  Banano on Wed Feb 12, 2014 6:51 pm

     ....  


    _________________
    Il mio Impianto
    http://www.ilgazeboaudiofilo.com/t14-l-impianto-di-bananetto?highlight=bananetto

    [i]In caso di bisogno leggere il REGOLAMENTO del forum.

    lizard
    Pop Music Expert

    Numero di messaggi : 6358
    Data d'iscrizione : 2009-11-06
    Località : Augusta Taurinorum

    Re: Addio Roberto Freak Antoni,

    Post  lizard on Thu Feb 13, 2014 2:22 pm

    io proporrei in memoria un chinotto come aperitivo a tutti coloro a cui piacciono ancora le sbarbine.

    albertosi
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 992
    Data d'iscrizione : 2012-11-18
    Località : Firenze

    Re: Addio Roberto Freak Antoni,

    Post  albertosi on Thu Feb 13, 2014 5:44 pm

    Il Kinotto.. è come un mantra, ti disseta e ti rinfranca, se lo bevi senza sosta alla tua vita avrai risposta!




    _________________
    Io restai a chiedermi se l'imbecille ero io, che la vita la pigliavo tutta come un gioco, o se invece era lui che la pigliava come una condanna ai lavori forzati; o se lo eravamo tutti e due. (Il Perozzi, pensando al figlio)

      Current date/time is Sat Dec 03, 2016 7:48 am