Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
testine vintage di qualita' passate nell'oblio - Page 2
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    testine vintage di qualita' passate nell'oblio

    Share

    spassk522
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 24
    Data d'iscrizione : 2012-01-28

    Re: testine vintage di qualita' passate nell'oblio

    Post  spassk522 on Sun Oct 05, 2014 3:52 pm

    Mah, posseggo una discreta collezione di testine vintage, per l'esattezza una Cello, due Ortofon MC30, una SL15E, una Supex 900, una Yamaha mc1 ed una Sony XL44 e nessuna, dico nessuna da segni di indurimento delle sospensioni.Di testine in tanti anni ne ho rotta qualcuna che ancora mi dispiace, nessuna è ancora arrivata a fine carriera di morte naturale. D'altra parte sulla durata dei diamanti si va dalle 500 ore indicate dalla Sony alle 10.000 indicate dalla Mijabi, io incomincio a pensare che la seconda sia l'ipotesi corretta, d'altra parte basta pensare a quanti audiofili giapponesi sono orgogliosi e soddisfatti possessori delle SPU d'antan.
    Per mia opinione, e non solo mia, la 103 è un ottima testina economica, ma sempre economica è, c'è in giro tanto di meglio, poi uno se vuole si può anche accontentare.

    pluto
    Moderatore - discobolo

    Numero di messaggi : 21514
    Data d'iscrizione : 2010-10-05
    Età : 58
    Località : Genova

    Re: testine vintage di qualita' passate nell'oblio

    Post  pluto on Mon Oct 06, 2014 3:27 pm

    La 103 è ottima ma forse il tracciamento non è proprio il suo forte. E infatti legge a 2,5 grammi, richiede bracci pesanti etc
    Va caricata in maniera adeguata etc
    Ma resta un campione nel rapporto Q/P anche se il rapporto si riduce tenendo presente le peculiarità di cui sopra.

    Sulle testine vintage, suggerirei di evitare posizioni estreme. Non bisogna ne evitarne l'acquisto ne acquistarle tutte e sempre a scatola chiusa. Vanno sempre controllate da un esperto x evitare sorprese in agguato

    Poi ognuno fa ciò che crede ovviamente

    Quando presi la Supex Ruby, il diamantino era in condizioni eccellenti ma la sospensione aveva bisogno di una controllata da Mastro Torlai. Ma un pezzo come questo merita qualche attenzione particolare

    alanford
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1240
    Data d'iscrizione : 2012-06-03
    Località : monza

    Re: testine vintage di qualita' passate nell'oblio

    Post  alanford on Thu Oct 09, 2014 3:16 pm

    recentemente ho acquistato un'altra ottima testina vintage
    si tratta della dynavector karat 17 DS (S sta per Super, da non confondere con il modello D od i successivi D2, d3.....)
    testina davvero interessante, con cantilever in diamante ed estremamente corto (1.7 mm!!) con un'estesissima risposta in frequenza
    all'ascolto si e' rivelata assai neutra, precisa, trasparente
    dovendo cercare a tutti i costi un difettuccio, a prima vista sembra meno corposa (oppure meno "sporca"?) nelle frequenze piu' basse




    pepe57
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 4684
    Data d'iscrizione : 2009-06-11
    Età : 59
    Località : Milano

    Re: testine vintage di qualita' passate nell'oblio

    Post  pepe57 on Thu Oct 09, 2014 3:37 pm

    pluto wrote:1) l'inarrivabile Supex Ruby sopra tutte, poi la 3300D, 2200 e la 1000

    Ma già la serie 900 regala ottime emozioni. Tra le varie versioni ho sempre preferito quella a bassa uscita. Quella ad alta uscita l'ho tenuta per un po' e poi devo averla data via con qualche cambio di giradischi

    2) sicuramente oggi ci sono pezzi di ricambio ottimi (o talvolta superiori se preferisci).  Il problema è che snaturano o modificano completamente il suono originario.  Il che può anche essere in meglio in certi casi.

    3) penso che vada studiato caso x caso a partire dal modello, dalle sue condizioni e dal costo della sistemazione.
    Ho spesso detto che mai pagherei alte cifre x una Kiseki minerale rotta x dover aggiungere poi pezzi Benz o Garrott o VDH. In quel caso preferirei comprarmi l'ultimo modello prodotto da VDH o Benz.
    Ovviamente dipende dal prezzo che si spunta. Le poche Kiseki sono normalmente da gioiellieri ma se se ne trovasse una rotta a qualche centinaio di euro, magari ci si può fare un pensierino anche dovendo fare le modifiche

    Lasciando stare le follie, e pensando ad una più comune Supex 901, il problema è che fare. E senza avere dati certi x me è  difficile giudicare.
    Se si trova rotta a 100/200 euro e la riparazione costa 250/300, può valere la pena.  Se costa da 500/600 euro x me no. Preferisco una Glider o qualcos'altro 100% nuovo

    Penso sia difficile suggerire un modus operandi valevole x ogni caso.  Va un po' studiata la situazione.

    E la cosa si complica ancor più x le testine oggetto del tuo 3D che non sono le Supex o le Kiseki o le Koetsu etc
    La top di Yamaha non è che fosse così nota all'epoca.  Oggi a trovarla si pagherebbe assai poco. Ma poi vale la pena? Non saprei.
    Idem x le Technics che ancora si trovano in Japan.

    Studierei un po' la cosa x benino
    Ma comunque sono solo mie considerazioni personali. Ognuno può pensare liberamente il contrario  sunny 


    Ma con Ruby intendi la 2200 R/3300 R? Peerché non mi ricordo un mdello Ruby. Se intendi quelle due, per me ancora migliore era la 2200D (Diamond) che aveva molte (forse troppe) cose in comune con la Kiseki Lapislazuli (a parte il corpo) come la 2200R le aveva con la Agath Ruby...
    Embarassed Embarassed


    _________________
    Chi si accontenta gode
    Presidente Onorario fondatore di: ... CNR@ Club Naso Rosso@ ... CLM@ Club Lampredotto Marimesso@ ...   CVG@ Club Viva la Gnocca@ ...
    QFLG@

    Paintball Milano

    spassk522
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 24
    Data d'iscrizione : 2012-01-28
    Età : 62
    Località : Ercolano

    Re: testine vintage di qualita' passate nell'oblio

    Post  spassk522 on Thu Oct 09, 2014 3:52 pm

    La Karat 17 D2 è stata per alcuni anni la mia testina e, se mi si consente il paragone, è il Glenn Gould delle testine, velocissima, dettagliata, estesa, però alla fine si ha voglia di prendere un po' di respiro. Anche a me piaceva però sul lungo periodo l'ho sempre trovata tendente al meccanico, una splendida riproduzione digitale per intenderci. Ora è nelle amorevoli mani di un amico

    alanford
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1240
    Data d'iscrizione : 2012-06-03
    Località : monza

    Re: testine vintage di qualita' passate nell'oblio

    Post  alanford on Thu Oct 09, 2014 4:12 pm

    spassk522 wrote:La Karat 17 D2 è stata per alcuni anni la mia testina e, se mi si consente il paragone, è il Glenn Gould delle testine, velocissima, dettagliata, estesa, però alla fine si ha voglia di prendere un po' di respiro. Anche a me piaceva però sul lungo periodo l'ho sempre trovata tendente al meccanico, una splendida riproduzione digitale per intenderci. Ora è nelle amorevoli mani di un amico

    mi ritrovo in parte con la tua valutazione

    d'accordo sulla velocita' ed estensione soprattutto in alto, IMHO ottimo con il jazz e con le voci

    meccanica? digitale? a me non pare

    sicuramente non la definirei una testina "calda" se questo e' il senso delle tue precedenti espressioni

    spassk522
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 24
    Data d'iscrizione : 2012-01-28
    Età : 62
    Località : Ercolano

    Re: testine vintage di qualita' passate nell'oblio

    Post  spassk522 on Thu Oct 09, 2014 6:39 pm

    E'sempre piuttosto difficile interpretare le parole e comprendersi, purtroppo questo tipo di comunicazione ha proprio questo come difetto.
    Per farti un esempio Io penso che Glenn Gould sia un grande pianista e penso anche che la Karat sia ottima testina.
    I suoi non piccoli pregi comportano però la perdita di qualcosa, un po di atmosfera, una certa asciuttezza generale, non che non scenda in basso o che sia men che corretta, però queste sono le sue caratteristiche ed alla fine preferisco altro. Per esempio l'Ortofon MC30 che non è che sia un mostro di calore ed è anche quella veloce ed estesa e però, ovviamente nel mio set up da un maggior senso di tranquillità senza quella leggera sensazione di essere sopra le righe che caratterizza la karat e che non sono mai riuscito a correggere

    alanford
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1240
    Data d'iscrizione : 2012-06-03
    Località : monza

    Re: testine vintage di qualita' passate nell'oblio

    Post  alanford on Thu Oct 09, 2014 8:45 pm

    anch'io ho una ortofon HMC 30 (una MC 30 con un'uscita un po' piu' alta)
    al confronto noto che la ortofon ha un maggior corpo nel medio basso ma nel medio e medio alto la dyna si lascia preferire proprio per le sue doti di velocita' e trasparenza
    la voce di Billie Holidays acquista una maggior nettezza nella scansione, la base ritmica sembra essere piu' magra, asciutta (ecco qui ci troviamo!  sunny )
    Se dovessi ascoltare i led zeppelin o gli AC/DC forse la dyna non sarebbe la preferita (ma questa e' una prova che prima o poi faro' )

    pluto
    Moderatore - discobolo

    Numero di messaggi : 21514
    Data d'iscrizione : 2010-10-05
    Età : 58
    Località : Genova

    Re: testine vintage di qualita' passate nell'oblio

    Post  pluto on Fri Oct 10, 2014 9:33 am

    pepe57 wrote:

    Ma con Ruby intendi la 2200 R/3300 R? Peerché non mi ricordo un mdello Ruby. Se intendi quelle due, per me ancora migliore era la 2200D (Diamond) che aveva molte (forse troppe) cose in comune con la Kiseki Lapislazuli (a parte il corpo) come la 2200R le aveva con la Agath Ruby...
    Embarassed  Embarassed

    Mi hai fatto venire qualche dubbio.  In rete ho trovato questa foto della Supex SDX 3300 in vendita su Audiogon



    Ma la mia è completamente diversa ed ha il corpo tutto dorato, anche se la forma è simile, quindi apparentemente ne esistono almeno 2 tipi diversi. La mia è così (fotina presa in rete)



    Ho la sensazione che comunque potrebbero essere la stessa testina anche se la nera mi sembra più vecchia. La mia l'acquistai presi direttamente in Japan quando la Supex annunciò la chiusura

    Che siano versione D e R?  Ma sembrano chiamarsi entrambe SDX.  

    ****

    La Ruby x eccellenza era la 2200R .  Questa è a casa. Poi ti faccio la foto.  Ne fece la prova Audioreview in uno dei suoi primi numeri

    Bye

    pepe57
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 4684
    Data d'iscrizione : 2009-06-11
    Età : 59
    Località : Milano

    Re: testine vintage di qualita' passate nell'oblio

    Post  pepe57 on Fri Oct 10, 2014 4:07 pm

    pluto wrote:
    Mi hai fatto venire qualche dubbio.  In rete ho trovato questa foto della Supex SDX 3300 in vendita su Audiogon



    Ma la mia è completamente diversa ed ha il corpo tutto dorato, anche se la forma è simile, quindi apparentemente ne esistono almeno 2 tipi diversi. La mia è così (fotina presa in rete)



    Ho la sensazione che comunque potrebbero essere la stessa testina anche se la nera mi sembra più vecchia. La mia l'acquistai presi direttamente in Japan quando la Supex annunciò la chiusura

    Che siano versione D e R?  Ma sembrano chiamarsi entrambe SDX.  

    ****

    La Ruby x eccellenza era la 2200R .  Questa è a casa. Poi ti faccio la foto.  Ne fece la prova Audioreview in uno dei suoi primi numeri

    Bye

    La D sta per Diamond e si riconosce per il cantilever in diamante (come nella ruby è in rubino).
    Il corpo delle due 2200 (sia D che R) era nero.
    Embarassed Embarassed


    _________________
    Chi si accontenta gode
    Presidente Onorario fondatore di: ... CNR@ Club Naso Rosso@ ... CLM@ Club Lampredotto Marimesso@ ...   CVG@ Club Viva la Gnocca@ ...
    QFLG@

    Paintball Milano

    capitanharlock
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 259
    Data d'iscrizione : 2010-03-03

    Re: testine vintage di qualita' passate nell'oblio

    Post  capitanharlock on Fri Oct 10, 2014 4:46 pm

    alanford wrote:
    io ho acquistato numerose testine vintage, molte di queste fatte controllare e ti dico che NESSUNA ha avuto i problemi che dici tu
    e tutte suonano alla grande sunny  
    Sono sempre incuriosito e attratto dal vintage, vorrei però capire cosa si intende con "fatte controllare".

    Intendete che la testina è stara misurata strumentalmente per verificare che i suoi parametri (es risposta in frequenza, cedevolezza, separazione, capacità di tracking) siano rimasti quelli di quando era nuova?

    Perchè se così non è, l'opinione di ciascuno, foss'anche quella di Torlai, rimane quella che appunto è: un'opinione.

    pluto
    Moderatore - discobolo

    Numero di messaggi : 21514
    Data d'iscrizione : 2010-10-05
    Età : 58
    Località : Genova

    Re: testine vintage di qualita' passate nell'oblio

    Post  pluto on Fri Oct 10, 2014 7:05 pm

    Be Capitano, non sarei così categorico

    Lo stato di usura del diamantino si controlla tranquillamente, idem la sospensione ed il cantilever.
    Il mio pusher x esempio ha il computer della. Ortofon e ti da risposta in frequenza, separazione etc

    Non direi che siano pareri soggettivi e opinabili...

    Torlai se vuole ti fa una bella radiografia della situazione e non solo lui...

    capitanharlock
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 259
    Data d'iscrizione : 2010-03-03

    Re: testine vintage di qualita' passate nell'oblio

    Post  capitanharlock on Fri Oct 10, 2014 8:14 pm

    Il vintage va bene per passione, se poi ci piace anche il suono ancora meglio.

    Se il "controllo" comprende un set di misure, posto di saperle fare, allora se ne può discutere.

    Per componenti così delicati, soggetti a usura e costosi come le testine, io mi orienterei sempre però sul prodotto nuovo, in particolare se si tratta di somme rilevanti.


    pluto
    Moderatore - discobolo

    Numero di messaggi : 21514
    Data d'iscrizione : 2010-10-05
    Età : 58
    Località : Genova

    Re: testine vintage di qualita' passate nell'oblio

    Post  pluto on Fri Oct 10, 2014 9:03 pm

    Di base hai ragione ma è' difficile stabilire un modus operandi.

    Se capita una Koetsu jade a meno di 1000 euro o giù di li, che fai? Non ti studieresti la cosa?
    E poi un conto e' se la compri in rete da sconosciuti, un conto se te la propone un dealer conosciuto che ti permette l'ispezione etc.

    Le cose vanno un po' studiate insomma

    capitanharlock
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 259
    Data d'iscrizione : 2010-03-03

    Re: testine vintage di qualita' passate nell'oblio

    Post  capitanharlock on Fri Oct 10, 2014 9:32 pm

    Ma certamente, basta sapere che lo si fa per passione o perchè magari è la testina che sognavamo ma non ci siamo potuti permettere.
    Anche io ho acquistato una Technics 305MC nos, ma non mi illudo che vada come quando uscì di fabbrica.


    alanford
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1240
    Data d'iscrizione : 2012-06-03
    Località : monza

    Re: testine vintage di qualita' passate nell'oblio

    Post  alanford on Fri Oct 10, 2014 9:41 pm

    capitanharlock wrote:Ma certamente, basta sapere che lo si fa per passione o perchè magari è la testina che sognavamo ma non ci siamo potuti permettere.
    Anche io ho acquistato una Technics 305MC nos, ma non mi illudo che vada come quando uscì di fabbrica.


    magari va anche meglio in quanto gia' rodata

    comunque, a parte le battute, sicuramente la testina di un gira e' componente assai delicato rispetto chesso' ad un ampli, pero' a mio avviso e' piu' agevole verificare le condizioni di una testina che le prestazioni di un ampli, soprattutto se e' stato pasticciato

    bebo60
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 374
    Data d'iscrizione : 2009-09-08
    Età : 55
    Località : TV (motociclista R1200s)

    Re: testine vintage di qualita' passate nell'oblio

    Post  bebo60 on Thu Oct 23, 2014 6:34 pm

    Sono incappato in un vecchia testina MM .... l'Acutex 415str.
    Non aveva mai visto la luce del giorno! e dopo una 50ina di ore finalmente ha cominciato a fare sentire la sua voce.
    Testina economica si... ma solo nel prezzo! pensavo ad una delusione visto l'età e la sua fascia di prezzo e invece, senza nessuna pretesa di interfacciamento è risultata molto piacevole ed equilibrata.

    C'è qualcuno che la sta usando? giusto per avere qualche notizia in +!

    Marcob
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 423
    Data d'iscrizione : 2010-03-19

    Re: testine vintage di qualita' passate nell'oblio

    Post  Marcob on Fri Oct 24, 2014 3:42 pm

    Salve a tutti,
    Qualcuno ha avuto esperienze dirette sulla Ortofon Rohmann !?
    a presto.
    Marco


    _________________
    SORGENTI ANALOGICHE : EMT 950 - AUDIOMECA J4
    AMPLIFICAZIONE : AUDIOLUCE PRE PHONO/LINEA 4T + AMPLI AUDIOLUCE S.S.
    DIFFUSORI : DEBATTISTI STUDIO MONITOR
    CABLAGGIO : YBA CRISTAL + YBA DIAMOND

    alanford
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1240
    Data d'iscrizione : 2012-06-03
    Località : monza

    Re: testine vintage di qualita' passate nell'oblio

    Post  alanford on Sat Oct 25, 2014 9:32 pm

    Marcob wrote:Salve a tutti,
    Qualcuno ha avuto esperienze dirette sulla Ortofon Rohmann !?
    a presto.
    Marco

    io sunny

    gran bella testina  

    ci stai facendo un pensierino?

    ma non e' certamente una delle testine che riguardano il 3D Embarassed

    Marcob
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 423
    Data d'iscrizione : 2010-03-19

    Re: testine vintage di qualita' passate nell'oblio

    Post  Marcob on Sun Oct 26, 2014 7:33 pm

    alanford wrote:

    io sunny

    gran bella testina  

    ci stai facendo un pensierino?

    ma non e' certamente una delle testine che riguardano il 3D Embarassed

    Embarassed Embarassed Embarassed
    perché ? non ci arrivo da solo !!!

    un saluto.
    Marco


    _________________
    SORGENTI ANALOGICHE : EMT 950 - AUDIOMECA J4
    AMPLIFICAZIONE : AUDIOLUCE PRE PHONO/LINEA 4T + AMPLI AUDIOLUCE S.S.
    DIFFUSORI : DEBATTISTI STUDIO MONITOR
    CABLAGGIO : YBA CRISTAL + YBA DIAMOND

    alanford
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1240
    Data d'iscrizione : 2012-06-03
    Località : monza

    Re: testine vintage di qualita' passate nell'oblio

    Post  alanford on Sun Oct 26, 2014 10:02 pm

    Marcob wrote:

    Embarassed Embarassed Embarassed
    perché ? non ci arrivo da solo !!!

    un saluto.
    Marco

    perche' la rohmann e' una delle testine piu' famose fatte da ortofon  
    perche' per la ragione di cui sopra non e' certamente passata nell'oblio

    il 3D faceva riferimento a quei marchi che in passato hanno prodotto/commercializzato testine di qualita' ma che oggi non ne producono piu' pertanto le loro buone / ottime testine sono passate nell'oblio e di conseguenza si riescono a trovare con un modesto esborso  economico Rolling Eyes

    comunque se ti va di parlare della rohmann non saro' certamente io a dirti di no sunny

    Marcob
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 423
    Data d'iscrizione : 2010-03-19

    Re: testine vintage di qualita' passate nell'oblio

    Post  Marcob on Mon Oct 27, 2014 8:16 am

    alanford wrote:

    perche' la rohmann e' una delle testine piu' famose fatte da ortofon  
    perche' per la ragione di cui sopra non e' certamente passata nell'oblio

    il 3D faceva riferimento a quei marchi che in passato hanno prodotto/commercializzato testine di qualita' ma che oggi non ne producono piu' pertanto le loro buone / ottime testine sono passate nell'oblio e di conseguenza si riescono a trovare con un modesto esborso  economico Rolling Eyes

    comunque se ti va di parlare della rohmann non saro' certamente io a dirti di no sunny

    sunny sunny sunny

    in effetti...come ben dici, rimane una delle testine più famose di Casa Ortofon !!!

    però non ho mai avuto l'occasione di ascoltarla  Razz

    a presto.

    Marco


    _________________
    SORGENTI ANALOGICHE : EMT 950 - AUDIOMECA J4
    AMPLIFICAZIONE : AUDIOLUCE PRE PHONO/LINEA 4T + AMPLI AUDIOLUCE S.S.
    DIFFUSORI : DEBATTISTI STUDIO MONITOR
    CABLAGGIO : YBA CRISTAL + YBA DIAMOND

    pluto
    Moderatore - discobolo

    Numero di messaggi : 21514
    Data d'iscrizione : 2010-10-05
    Età : 58
    Località : Genova

    Re: testine vintage di qualita' passate nell'oblio

    Post  pluto on Mon Oct 27, 2014 9:01 am

    Francamente mi sorprende che nessuno abbia mai considerato altre Ortofon, a mio avviso nettamente superiori e ormai non più in produzione (e quindi perfettamente in tema) e cioè quelle della serie
    2000/3000/5000 etc

    Testine di livello assoluto ma con un'uscita bassissima x le quali il trafo era d'obbligo e che hanno messo in ginocchio parecchi. Il Trafo Orto da me ronzava come una centrale Enel ma erano veramente eccellenti. Probabilmente abbandonate a causa della loro scarsa flessibilità che ne riduceva l'utilizzo

    Nessuno hai mai avuto esperienze in merito?


    pepe57
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 4684
    Data d'iscrizione : 2009-06-11
    Età : 59
    Località : Milano

    Re: testine vintage di qualita' passate nell'oblio

    Post  pepe57 on Mon Oct 27, 2014 9:45 am

    Testine molto interessanti. L' unica con un' uscita davvero bassa era la 2000 (la 3000 e la 5000 erano già più umane) prima versione.
    Con impedenza interna bassa ed una cedevolezza elevata, la prima 2000 richiedava bracci di massa bassa (4 o 5 grammi) e ne limitava parecchio l' uso.
    Le altre invece (inclusa la 2000 MKII) erano molto più facilmente gestibili grazie all' uscita più alta, come anche l' impedenza interna e la cedevolezza più bassa.
    Suonavano molto neutre, tendenti al limite un po' al "freddo" (ma era un bel "freddo") per cui l' abinamento con bracci/sistemi "caldi" era consigliabile.
    Il tracciamento della 2000 era molto buono, le altre richiedevano un po' più di attenzione nella messa a punto da questo punt di vista.
    Strano che il tuo trafo ronzasse, era vicino a fonti di disturbo?
    Embarassed  Embarassed  Embarassed


    _________________
    Chi si accontenta gode
    Presidente Onorario fondatore di: ... CNR@ Club Naso Rosso@ ... CLM@ Club Lampredotto Marimesso@ ...   CVG@ Club Viva la Gnocca@ ...
    QFLG@

    Paintball Milano

    pluto
    Moderatore - discobolo

    Numero di messaggi : 21514
    Data d'iscrizione : 2010-10-05
    Età : 58
    Località : Genova

    Re: testine vintage di qualita' passate nell'oblio

    Post  pluto on Mon Oct 27, 2014 10:17 am

    pepe57 wrote:Testine molto interessanti. L' unica con un' uscita davvero bassa era la 2000 (la 3000 e la 5000 erano già più umane) prima versione.
    Con impedenza interna bassa ed una cedevolezza elevata, la prima 2000 richiedava bracci di massa bassa (4 o 5 grammi) e ne limitava parecchio l' uso.
    Le altre invece (inclusa la 2000 MKII) erano molto più facilmente gestibili grazie all' uscita più alta, come anche l' impedenza interna e la cedevolezza più bassa.
    Suonavano molto neutre, tendenti al limite un po' al "freddo" (ma era un bel "freddo") per cui l' abinamento con bracci/sistemi "caldi" era consigliabile.
    Il tracciamento della 2000 era molto buono, le altre richiedevano un po' più di attenzione nella messa  a punto da questo punt di vista.
    Strano che il tuo trafo ronzasse, era vicino a fonti di disturbo?
    Embarassed  Embarassed  Embarassed

    Si, dovetti sudare 1000 camicie. Era proprio quello x la 2000. Non ho fatto esperienze con quelle superiori (molto quotate in UK) e mi fermai alla 2000 che come dici giustamente era la più critica del lotto

    spassk522
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 24
    Data d'iscrizione : 2012-01-28
    Età : 62
    Località : Ercolano

    Re: testine vintage di qualita' passate nell'oblio

    Post  spassk522 on Mon Oct 27, 2014 12:22 pm

    Se posso, fra le Ortofon io consiglierei anche l'MC 30, che quando uscì era "La testina" estremamente corretta e lineare, a mio parere ancora adesso un grande suono e ci aggiungo anche l SL15E che ha un aspetto economico, nera e di plastica, ma suona in maniera davvero magnifica, ottima per il rock, non a caso è attualmente montata sul PS8750, giradischi vintage su cui ci sarebbe parecchio da dire ( e non in male)

      Current date/time is Sun Dec 04, 2016 2:57 am