Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
Diffusori Vienna "entry level"
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    Diffusori Vienna "entry level"

    Share

    alfalfa
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 47
    Data d'iscrizione : 2012-05-14
    Località : Padova

    Diffusori Vienna "entry level"

    Post  alfalfa on Wed Aug 20, 2014 12:35 am

    Stavo pensando di cambiare le mie Proac Response DTwo per passare a dei diffusori da pavimento.
    In rete si leggono pareri entusiastici rigaurdo l'accoppiata Vienna - Sugden, pensavo perciò al modello piccolo cioè le Bach Grand.
    Tuttavia, il mio ambiente è piccolo (4x4 metri), con disposizione obbligata dell'impianto e non particolarmente assorbente...mi conviene forse lasciare perdere le Bach e al limite puntare ad altri diffusori da stand (tipo le Haydn)?

    Geronimo
    Self-Awareness
    Self-Awareness

    Numero di messaggi : 16083
    Data d'iscrizione : 2009-03-09

    Re: Diffusori Vienna "entry level"

    Post  Geronimo on Wed Aug 20, 2014 9:45 am



    _________________
    "Se cerchi il rilassamento mentale prova la meditazione sul respiro"(CLICCA QUI)

    "Sono il ponte fra quello che non sono mai stato e quello che non sarò mai"

    "Il mio impianto AUDIO ANALOGUE-AIRTECH-ADVENT"(CLICCA QUI)

    Luca58
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8295
    Data d'iscrizione : 2009-07-15
    Località : Baracchina bianca

    Re: Diffusori Vienna "entry level"

    Post  Luca58 on Wed Aug 20, 2014 11:33 am

    Le Haydn sono eccellenti, dei pregi delle Mozart SE si e' detto ormai tutto. Io sceglierei tra queste due a seconda dell'uso che devi farne, anche se secondo me le M SE vanno bene anche in ambienti piccoli.



    _________________
    Keep your ears honest: Listen to live, unamplified music every week.

    alfalfa
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 47
    Data d'iscrizione : 2012-05-14
    Località : Padova

    Re: Diffusori Vienna "entry level"

    Post  alfalfa on Wed Aug 20, 2014 12:12 pm

    Grazie Geronimo, quella discussione mi era sfuggita. Poco incoraggiante il giudizio di Air, mi piacerebbe capirne il motivo.
    Le Mozart stanno a più di 3000, non posso prenderle in considerazione.
    Secondo voi passare dalle mie Proac alle Haydn cosa perdo/guadagno in termini di prestazioni?

    Luca58
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8295
    Data d'iscrizione : 2009-07-15
    Località : Baracchina bianca

    Re: Diffusori Vienna "entry level"

    Post  Luca58 on Wed Aug 20, 2014 3:16 pm

    Mi spiace, ma delle ProAc conosco solo le D15.


    _________________
    Keep your ears honest: Listen to live, unamplified music every week.

    nerodavola
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 561
    Data d'iscrizione : 2010-05-12
    Località : Milano

    Re: Diffusori Vienna "entry level"

    Post  nerodavola on Wed Aug 20, 2014 6:35 pm

    I tuoi diffusori sono ottimi !
    Il gioco vale la candela unicamente passando alle Mozart (relativamente a Vienna Acoustics), mentre rimamendo in casa Proac su diffusori da pavimento credo avresti problemi di gestione ambientale ancora piu' rilevanti.
    Non considero la serie Studio (inclusa la, giustamente, osannata 140 mk2) perche' a mio parere non cosi' raffinata rispetto alla linea Response che gia' conosci, e Vienna.

    Potresti cercare delle Mozart "non" SE, usate: risparmi parecchio, acquisti un diffusore di grande livello (te lo garantisco), che e' pure meno esigente in termini di posizionamento rispetto alla SE.

    ciao!


    _________________
    Mauro

    Sorgente: Nova NCD1 (dac 2.0)  - Finale: Norma 8.7B  - Diffusori: Vienna Acoustics Mozart Grand   //   Sorgente: AA Crescendo  - Ampli cuffia: Little Dot MK III  - Cuffia: Grado SR60i

    mc 73
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 6712
    Data d'iscrizione : 2012-12-10
    Località : friuli udine e dintorni

    Re: Diffusori Vienna "entry level"

    Post  mc 73 on Wed Aug 20, 2014 7:36 pm

    nerodavola wrote:I tuoi diffusori sono ottimi !
    Il gioco vale la candela unicamente passando alle Mozart (relativamente a Vienna Acoustics), mentre rimamendo in casa Proac su diffusori da pavimento credo avresti problemi di gestione ambientale ancora piu' rilevanti.
    Non considero la serie Studio (inclusa la, giustamente, osannata 140 mk2) perche' a mio parere non cosi' raffinata rispetto alla linea Response che gia' conosci, e Vienna.

    Potresti cercare delle Mozart "non" SE, usate: risparmi parecchio, acquisti un diffusore di grande livello (te lo garantisco), che e' pure meno esigente in termini di posizionamento rispetto alla SE.

    ciao!

       anche nel mio ambiente le proac d38 mi creavano problemi con le frequenze basse ...
    concordo ,i tuoi diffusori sono molto validi


    _________________
    sorgente:Cyrus CD xt signature+ Primare DAC30(by aurion audio )
    amplificatori: MegaHertz Otl a due valvole finali/Marrano custom
    cuffie: Sennheiser hd 800 AIR/ hd 565 ovation/Fostex th-900mk2 AIR/Hifiman he400i
    saluti sunny Michele

    garibaldi
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 47
    Data d'iscrizione : 2014-07-20

    Re: Diffusori Vienna "entry level"

    Post  garibaldi on Thu Aug 21, 2014 12:06 am

    E' un po' il problema di tutti i sistemi di altoparlanti inglesi, anche i nuovi nomi kudos, neat ecc hanno un basso *abbondante*

    Banano
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 10877
    Data d'iscrizione : 2008-12-22
    Età : 41
    Località : ...al mare....ma dall'altra parte!

    Re: Diffusori Vienna "entry level"

    Post  Banano on Thu Aug 21, 2014 12:34 am

    alfalfa wrote:Stavo pensando di cambiare le mie Proac Response DTwo per passare a dei diffusori da pavimento.
    In rete si leggono pareri entusiastici rigaurdo l'accoppiata Vienna - Sugden, pensavo perciò al modello piccolo cioè le Bach Grand.
    Tuttavia, il mio ambiente è piccolo (4x4 metri), con disposizione obbligata dell'impianto e non particolarmente assorbente...mi conviene forse lasciare perdere le Bach e al limite puntare ad altri diffusori da stand (tipo le Haydn)?
    ....sicuro? Le Proac sono ottime casse.... Non só se il salto sarà poi così evidente...   


    _________________
    Il mio Impianto
    http://www.ilgazeboaudiofilo.com/t14-l-impianto-di-bananetto?highlight=bananetto

    [i]In caso di bisogno leggere il REGOLAMENTO del forum.

    alfalfa
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 47
    Data d'iscrizione : 2012-05-14
    Località : Padova

    Re: Diffusori Vienna "entry level"

    Post  alfalfa on Thu Aug 21, 2014 2:26 pm

    Grazie a tutti.
    L'unico "difetto" che riconosco alle mie ProAc è che tendono ad evidenziare leggermente le basse frequenze, restituendo un suono virato verso il lato "caldo" dello spettro. Però la trovo una caratteristica tutto sommato accettabile (a volte piacevole), anche se forse il Sugden la fa risaltare particolarmente.
    In ogni caso l'idea di partenza era quella di aumentare l'estensione in basso e non credo che diffusori da stand (a prezzi ragionevoli) ce la possano fare più di tanto. Metterò da parte ancora qualche risparmio e vedrò cosa si potrà fare.

    Banano
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 10877
    Data d'iscrizione : 2008-12-22
    Età : 41
    Località : ...al mare....ma dall'altra parte!

    Re: Diffusori Vienna "entry level"

    Post  Banano on Thu Aug 21, 2014 11:49 pm

    Valuta bene, noi siamo quì!   


    _________________
    Il mio Impianto
    http://www.ilgazeboaudiofilo.com/t14-l-impianto-di-bananetto?highlight=bananetto

    [i]In caso di bisogno leggere il REGOLAMENTO del forum.

    Luca58
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8295
    Data d'iscrizione : 2009-07-15
    Località : Baracchina bianca

    Re: Diffusori Vienna "entry level"

    Post  Luca58 on Fri Aug 22, 2014 12:35 am

    Anche se le vecchie Mozart vanno bene, le nuove sono proprio un altro passo e io andrei di SE o lascerei perdere.

    Comunque a 900 € si trova la prima versione delle ML Aerius, che se amplificate bene possono essere un diffusore definitivo (anche se molti non saranno d'accordo  )


    Last edited by Luca58 on Sun Aug 31, 2014 10:43 am; edited 2 times in total


    _________________
    Keep your ears honest: Listen to live, unamplified music every week.

    r.spiga
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 84
    Data d'iscrizione : 2013-04-27
    Età : 41
    Località : centro italia

    Re: Diffusori Vienna "entry level"

    Post  r.spiga on Fri Aug 29, 2014 4:55 pm

    Ciao,

    qualche tempo fa avevo fatto una sessione di ascolto con le mia vecchie casse Monitor Audio RX1, delle Proac, mi pare le D2, le Vienna Haydn e le Mozart.

    Le RX1 (e per fortuna vista la diversa categoria) sono risultate quelle meno performanti, suono chiuso ed un po' legato...sia le D2 che le Haydn erano più definite, pulite, estese etc etc, è passato un po' di tempo e non ricordo il timbro delle 2, ma ti posso dire che per la mia esperienza la vera differenza l'ha fatta l'ascolto delle Mozart in quanto casse da pavimento. Passando dalle casse da stand e quelle da pavimento e tornando indietro mi sono reso conto che con le casse da pavimento non hai solo una maggiore estensione verso il basso per costruzione fisica, ma è tutta l'immagine che ne guadagna...quello che ho percepito è che con le casse da scaffale il suono rimane come confinato tra due piani orizzontali di fronte all'ascoltatore, mentre con quelle da pavimento il suono si estende e rende una scena più realistica.

    Questo almeno è quanto mi ricordo e quindi il mio consiglio è di cercare di andare su casse da pavimento, Proac o Vienna che siano.

    ciao

    alfalfa
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 47
    Data d'iscrizione : 2012-05-14
    Località : Padova

    Re: Diffusori Vienna "entry level"

    Post  alfalfa on Mon Sep 15, 2014 11:50 am

    Resuscito il 3d per raccontarvi il mio esperimento del week-end e relative osservazioni.
    Ho trasferito l'impianto dalla solita stanza (16mq) al soggiorno (9x5 metri) così da vedere come si comporta l'impianto in una sala meno "soffocata". Purtroppo l'arredamento del soggiorno è di tipo minimale-moderno (due ampie vetrate, tende leggere, nicchie in cartongesso con mensole in vetro, vasi, quadri...) dove le uniche cose assorbenti sono i divani ed i tappeti.
    Ad ogni modo, ho trovato la posizione ideale con i diffusori a 1.5 mt dal fondo, distanziati di poco più di 2 mt tra loro e direzionati verso il punto di ascolto (ma vedevo la parte interna).
    Due giorni di ascolti, osservazioni e considerazioni:
    a) il Sugden spinge! Anche se l'ambiente riflettente si satura in fretta causando rimbombi, di potenza ce n'era ancora. Io di 30w mi accontento.
    b) profondità della scena come non avevo mai sentito a casa mia. Cantante al centro, ma arretrato rispetto ai diffusori, strumenti dietro di lui con la batteria ad almeno un metro e mezzo.
    c) come detto, si percepiva la posizione degli stumenti, tuttavia erano ingigantiti. Credo che il poco assorbimento dell'ambiente incidesse molto.
    d) le Proac, nonostante il carico "facile" (i test dicono 6ohm minimi e 85db), mi sembra apprezzino l'essere pilotate con vigore. Infatti, quando sono "spinte" esprimono molti dettagli per me inusuali (soprattutto nel medio), creando una bella amalgama. Ciò non accade non appena abbasso il volume (ma non a livello di sottofondo). Alzando il volume (95 db di picco misurati al punto di ascolto) mi è venuta in mente l'imperssione avuta quando dal Sugden A21ai sono passato al 21SE: una maggiore grinta, una sensazione di essere in coppia e poter accelerare in qualsiasi momento.
    Non vorrei che, nonostante il carico, le Proac siano tutt'altro che facili da assecondare per il Sugden e siano l'anello debole della catena. Debole perché chiedono troppo s'intende...Possibile?
    Mi sta vendeo la tentazione di andare a provare qualche diffusore, anche dal costo inferiore alle Proac, dal carico simile, ma molto più efficiente. Che sia più facile da muovere? Riuscirei a senire anche a volumi più moderati quelle informazioni (microdinamica? transienti?) che invece sento solo se cambio stanza all'impianto e alzo il volume??
    Scusate, mi sono dilungato troppo.

      Current date/time is Sun Dec 11, 2016 12:48 pm