Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
Differenza stili testina
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    Differenza stili testina

    Share

    andrea@n
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 697
    Data d'iscrizione : 2012-12-28
    Località : Reggio Emilia

    Differenza stili testina

    Post  andrea@n on Tue Oct 28, 2014 6:04 pm

    Che differenze ci tra una testina che ha lo stilo "ellittico " e " nude elliptical "?
    Grazie

    carloc
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 11987
    Data d'iscrizione : 2011-07-27
    Località : Busto Arsizio - Sabaudia (Scooterista)

    Re: Differenza stili testina

    Post  carloc on Tue Oct 28, 2014 7:55 pm

    Il nude elliptical è un elliptical senza vestiti.......


    _________________
    Rem tene verba sequentur

    pluto
    Moderatore - discobolo

    Numero di messaggi : 21504
    Data d'iscrizione : 2010-10-05
    Età : 58
    Località : Genova

    Re: Differenza stili testina

    Post  pluto on Wed Oct 29, 2014 10:08 am

    Mi sa che state barando e non sapete una fava .... affraid

    L'elittica pura è incastonata in un "case" o incollata e poi incastonata o incollata al cantilever

    Quella nuda non ha il case o contenitore. (diciamo un incastro o un'incollatura in meno) diretta sul cantilever

    Certo che ve ne fate di domande strane eh...

    pluto
    Moderatore - discobolo

    Numero di messaggi : 21504
    Data d'iscrizione : 2010-10-05
    Età : 58
    Località : Genova

    Re: Differenza stili testina

    Post  pluto on Wed Oct 29, 2014 11:34 am

    http://www.micrographia.com/projec/projapps/viny/viny0300.htm

    Massimo
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 31476
    Data d'iscrizione : 2010-06-21
    Età : 61
    Località : Portici (NA)

    Re: Differenza stili testina

    Post  Massimo on Wed Oct 29, 2014 11:40 am

    Sei stato molto chiaro Gian sunny


    _________________
    Quando il dito indica la luna, l'imbecille guarda il dito

    pepe57
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 4684
    Data d'iscrizione : 2009-06-11
    Età : 59
    Località : Milano

    Re: Differenza stili testina

    Post  pepe57 on Wed Oct 29, 2014 11:47 am

    Quando, per risparmiare, si producevano stili "compositi" formati da un supporto cilindrico/tronco di cono di vario materiale + la vera e propria puntina (di solito incollata) di qualsiasi taglio essa fosse, si chiamavano queste puntine "BONDED" (appunto nel senso di "legate").
    Di solito era usato solo su testine MM o MI (con la sola eccezione credo di alcune vecchie Pioneer MC).
    Chi invece produceva la puntina in un pezzo unico e monolitico (quindi formato da una unica parte che partiva con forma cilindrica e terminava con la "punta") ci teneva a precisare che la sua era "nude" in quanto poteva essere un elemento di prestigio. Di solito queste puntine erano di dimensione più piccola.
    Con il passare del tempo, siccome man mano divenne standardizzata la produzione delle puntine (che poi le producono in 4 ditte in croce) tutte divennero "nude"  per cui quando si legge VDH, Microline, line Contact, Shibata, ellittica o superellittica etc etc è sempre sottinteso che sia NUDE.
    Se prendiamo ad esempio i vecchi cataloghi BENZ riportavano per i modelli vari la scritta NUDE. Tutti i modelli usciti poi, anche di livello superiore, ad esempio le varie LP, non la riportano più.
    Al momento credo che non ci siano più testine attualmente prodotte (incluse le MM economiche) che non adoperino la puntina in diamante monolitico (quindi NUDE).
    Embarassed Embarassed


    Last edited by pepe57 on Wed Oct 29, 2014 12:02 pm; edited 1 time in total


    _________________
    Chi si accontenta gode
    Presidente Onorario fondatore di: ... CNR@ Club Naso Rosso@ ... CLM@ Club Lampredotto Marimesso@ ...   CVG@ Club Viva la Gnocca@ ...
    QFLG@

    Paintball Milano

    pluto
    Moderatore - discobolo

    Numero di messaggi : 21504
    Data d'iscrizione : 2010-10-05
    Età : 58
    Località : Genova

    Re: Differenza stili testina

    Post  pluto on Wed Oct 29, 2014 11:58 am

    La Bibbia

    https://ortofon.com/images/stories/stylus/Everything%20you%20need%20to%20know%20about%20cartridges_Stylus%20type.pdf

    pepe57
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 4684
    Data d'iscrizione : 2009-06-11
    Età : 59
    Località : Milano

    Re: Differenza stili testina

    Post  pepe57 on Wed Oct 29, 2014 12:21 pm

    pluto wrote:La Bibbia

    https://ortofon.com/images/stories/stylus/Everything%20you%20need%20to%20know%20about%20cartridges_Stylus%20type.pdf

    Quello lo definirei un vecchio documento "pubblicità occulta" Embarassed Embarassed .
    Se leggi la frase:"Many less inexpensive Hi-Fi cartridges use a so-called “tipped” diamond, where the diamond tip is mounted on a metal shank. However, such a shank may increase the stylus tip mass and thus impair the cartridge’s transient reproduction, in comparison with a cartridge that uses a nude, untipped
    diamond. "
    Parla di molte poco costose (MM) ed adduce un problema di maggior massa (infatti le "nude" come ho scritto sopra sono più piccole) a questa tipologia (anche se è proprio un argomento direi solo pubblicitario. Infatti le MM hanno si problemi di maggior massa da muovere ma sicuramente dovuto a quella del magnete e non tanto a quella dello stilo composito o meno che è davvero di massa irrisoria).
    Prsonalmente, oggi trovo che il "molte" sia anappropriato. Infatti se tu vai a cercare quante "tipped diamond" (o meglio ancora "bonded") esistano attualmente,  vedrai che sono pochissime, tutte datate, MM e quasi nessuna (io ricordo solo tre o quattro esemplari di Pioneer prodotte ai tempi e non più oggi) MC.
    Embarassed  Embarassed


    _________________
    Chi si accontenta gode
    Presidente Onorario fondatore di: ... CNR@ Club Naso Rosso@ ... CLM@ Club Lampredotto Marimesso@ ...   CVG@ Club Viva la Gnocca@ ...
    QFLG@

    Paintball Milano

    andrea@n
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 697
    Data d'iscrizione : 2012-12-28
    Località : Reggio Emilia

    Re: Differenza stili testina

    Post  andrea@n on Wed Oct 29, 2014 12:51 pm

    pluto wrote:Mi sa che state barando e non sapete una fava .... affraid

    L'elittica pura è incastonata in un "case" o incollata e poi incastonata o incollata al cantilever

    Quella nuda non ha il case o contenitore. (diciamo un incastro o un'incollatura in meno) diretta sul cantilever

    Certo che ve ne fate di domande strane eh...
    La,mia curiosità e' nata perché ho visto che tra una Ortofon 2M Red ed una Blue è proprio nei due stili differenti,quindi mi chiedevo quale miglioria potrebbe portare una Blue.

    pluto
    Moderatore - discobolo

    Numero di messaggi : 21504
    Data d'iscrizione : 2010-10-05
    Età : 58
    Località : Genova

    Re: Differenza stili testina

    Post  pluto on Wed Oct 29, 2014 12:59 pm

    Lo immaginavo

    Ma se vai sul sito Ortofon delle MM, la casa stessa fa capire le differenze etc. Chi meglio di loro x soddisfare le curiosità..su una cosa così tecnica

    andrea@n
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 697
    Data d'iscrizione : 2012-12-28
    Località : Reggio Emilia

    Re: Differenza stili testina

    Post  andrea@n on Wed Oct 29, 2014 1:03 pm

    pluto wrote:Lo immaginavo

    Ma se vai sul sito Ortofon delle MM, la casa stessa fa capire le differenze etc. Chi meglio di loro x soddisfare le curiosità..su una cosa così tecnica
    Ho guardato ma non trovo niente ... Embarassed

    pepe57
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 4684
    Data d'iscrizione : 2009-06-11
    Età : 59
    Località : Milano

    Re: Differenza stili testina

    Post  pepe57 on Wed Oct 29, 2014 1:35 pm

    andrea@n wrote:
    Ho guardato ma non trovo niente ... Embarassed

    Come scritto da Ortofon sul link che ha postato Pluto, la Nude è una puntina di massa infeririore.
    A mio avviso, come già scritto, questa minor massa fra una nude ed una "tipped/bonded" specie in una testina MM (ove la massa del magnete è nmila volte più importante di questa potenziale differenza) è del tutto ininfluente.
    Embarassed Embarassed


    _________________
    Chi si accontenta gode
    Presidente Onorario fondatore di: ... CNR@ Club Naso Rosso@ ... CLM@ Club Lampredotto Marimesso@ ...   CVG@ Club Viva la Gnocca@ ...
    QFLG@

    Paintball Milano

    RockOnlyRare
    Rockzebo Expert

    Numero di messaggi : 5698
    Data d'iscrizione : 2012-05-18
    Età : 62
    Località : Milano

    Re: Differenza stili testina

    Post  RockOnlyRare on Wed Oct 29, 2014 3:11 pm

    Ai tempi mi ricordo che la testina elittica fosse considerata un pregio perchè garantiva una maggiore superficie di appoggio rispetto a quella conica.
    E la maggior parte delle testine che si trattavano erano "nude" (a dire il vero non sapevo che ce ne fossero di altro tipo se non molto economiche).

    Grazie per le interessanti spiegazioni.


    pepe57
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 4684
    Data d'iscrizione : 2009-06-11
    Età : 59
    Località : Milano

    Re: Differenza stili testina

    Post  pepe57 on Wed Oct 29, 2014 11:50 pm

    RockOnlyRare wrote:Ai tempi mi ricordo che la testina elittica fosse considerata un pregio perchè garantiva una maggiore superficie di appoggio rispetto a quella conica.
    E la maggior parte delle testine che si trattavano erano "nude" (a dire il vero non sapevo che ce ne fossero di altro tipo se non molto economiche).

    Grazie per le interessanti spiegazioni.

    Esatto.

    I tagli si dividono, grossomodo in due categorie: Quelli con contato a "punto" e quelli con contatto a linea.

    Quelli con contatto a punto si dividono essenzialmente fra conici/sferici ed ellittici (che poi possono anche essere iperellittici, dipende dal raggio di "curvatura".
    Più il raggio è ridotto e meglio la puntina riuscirà a tracciare le alte frequenze.
    D'altra parte il raggio ridotto ridurrà la superficie di contatto fra puntina e solco (anche sea parità di raggio l' ellittica presenterà sempre una superficie di contatto maggiore di una conica/sferica che in teoria è infinitesimalmente piccolo......Però va tenuto conto che la deformazione del vinile crea nella realtà una aumento della piccola area tonda di contatto).
    Per cui una iperellittica avrà si miglior curvatura (rispetto ad una ellittica normale) e capacità teorica quindi di leggere meglio le alte frequenze, però la superficie di contatto ridotta tenderà a peggiorarne la capacità di tracciamento.

    Se invece si parla di tagli con contatto a linea si avranno tagli molto più "verticali" tipo Shibata, VDH o Microlinear ed avremo una superficie di contatto molto maggiore (circa il doppio per un taglio Shibata e il triplo per un Microlinear) con una curvatura simile ed anche molto più ridotta (e la superficie di contatto al posto di essere un cerchietto/ovale diventerà simile ad uno stretto "rettangolo" disposto verticalment).
    Ad esempio con un raggio di 2.5um un microlinear presenta superficie di contatto >115um2 mentre una iperellittica con raggio di 5um avrà una superficie di contatto < di 40um.
    Questi tagli quindi sono in grado di avere un tracciamento molto migliorato con estensioni in gamma alta irrealizzabili per le precedenti (basti pensare che il taglio Shibata era stato creato per la lettura dei dischi quadrifonoci che prevedevano frequenze > di 40 KHertz in un mondo ove i 20KHertz erano stati un sogno).
    Embarassed Embarassed

    Spero che non ti sia addormentato!
    Embarassed Embarassed Embarassed



    _________________
    Chi si accontenta gode
    Presidente Onorario fondatore di: ... CNR@ Club Naso Rosso@ ... CLM@ Club Lampredotto Marimesso@ ...   CVG@ Club Viva la Gnocca@ ...
    QFLG@

    Paintball Milano

    RockOnlyRare
    Rockzebo Expert

    Numero di messaggi : 5698
    Data d'iscrizione : 2012-05-18
    Età : 62
    Località : Milano

    Re: Differenza stili testina

    Post  RockOnlyRare on Thu Oct 30, 2014 10:13 am

    pepe57 wrote:

    Esatto.

    I tagli si dividono, grossomodo in due categorie: Quelli con contato a "punto" e quelli con contatto a linea.

    Quelli con contatto a punto si dividono essenzialmente fra conici/sferici ed ellittici (che poi possono anche essere iperellittici, dipende dal raggio di "curvatura".
    Più il raggio è ridotto e meglio la puntina riuscirà a tracciare le alte frequenze.
    D'altra parte il raggio ridotto ridurrà la superficie di contatto fra puntina e solco (anche sea parità di raggio l' ellittica presenterà sempre una superficie di contatto maggiore di una conica/sferica che in teoria è infinitesimalmente piccolo......Però va tenuto conto che la deformazione del vinile crea nella realtà una aumento della piccola area tonda di contatto).
    Per cui una iperellittica avrà si miglior curvatura (rispetto ad una ellittica normale) e capacità teorica quindi di leggere meglio le alte frequenze, però la superficie di contatto ridotta tenderà a peggiorarne la capacità di tracciamento.

    Se invece si parla di tagli con contatto a linea si avranno tagli molto più "verticali" tipo Shibata, VDH o Microlinear ed avremo una superficie di contatto molto maggiore (circa il doppio per un taglio Shibata e il triplo per un Microlinear) con una curvatura simile ed anche molto più ridotta (e la superficie di contatto al posto di essere un cerchietto/ovale diventerà simile ad uno stretto "rettangolo" disposto verticalment).
    Ad esempio con un raggio di 2.5um un microlinear presenta superficie di contatto >115um2 mentre una iperellittica con raggio di 5um avrà una superficie di contatto < di 40um.
    Questi tagli quindi sono in grado di avere un tracciamento molto migliorato con estensioni in gamma alta irrealizzabili per le precedenti (basti pensare che il taglio Shibata era stato creato per la lettura dei dischi quadrifonoci che prevedevano frequenze > di 40 KHertz in un mondo ove i 20KHertz erano stati un sogno).
    Embarassed  Embarassed

    Spero che non ti sia addormentato!
    Embarassed  Embarassed  Embarassed


    Scherzi è stato interessantissimo anche se alla fine mi sono un po' perso....

    Sarebbe a questo punto interessante, alla luce di queste spiegazioni tecniche, anche una tua conclusione personale su quale sia attualmente la soluzione che garantisce in via teorica il miglior risultato.

    Quello che mi stupisce, è di capire se il progresso tecnico compiuto in questi ultimi decenni, rispetto sempre agli anni d'oro del hi-fi (inizio 70-primi 80) si è tradotto in testine di qualità migliore di una volta. A parte il discorso MC, peraltro iniziato già negli anni 80, da una serie di forum su argomenti analoghi sulle testine vintage, è emerso che secondo molti forumisti le migliori testine MM di quegli anni (l'esempio era la Shure v 15 IV) valessero in proporzione più di testine MM di ultima generazione anche costose (anche in questo caso l'esempio era la Ortophon 2M Black).

    Ecco qui non mi ci raccapezzo....


    pepe57
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 4684
    Data d'iscrizione : 2009-06-11
    Età : 59
    Località : Milano

    Re: Differenza stili testina

    Post  pepe57 on Thu Oct 30, 2014 11:45 am

    Consideriamo che la prima MC è stata una Ortofon del 1948 e che solo successivamente sono nate, per motivi economici e pratici le MM.
    Queste ultime si sono evolute verso diverse varianti (Moving Iron, Moving Permalloy, Moving Flux, Riluttanza Variabile etc) ma restano accomunate da alcune caratteristiche richieste un po' da oggettive necessità tecniche e un po' dalla moda del momento che vede la loro nascita (ricordando che andavano a sostituire delle vecchie ceramiche pizoelettriche etc) basarsi su due fattori: una testina nuova, molto più leggera, economica e capace di leggere con pesi di lettura molto ridotti (rispetto alle precedenti).
    Quindi sul mercato la gara è facciamo la testina che legge con minor peso.
    Per ottenerlo la cedevolezza diventa sempre più alta.
    Il braccio di conseguenza dovrà essere sempre più leggero (se no la Frequenza di Risonanza andrebbe sottoterra).
    E' il periodo in cui nasce il (falso) mito delle testine MC che essendo a bassa cedevolezza hanno bisogno di bracci ad alta massa...
    In tal senso, direi che le MM, specie quelle di un certo periodo, come potrebbe per l' appunto essere, presa ad esempio, la Shure V15 IV che hai citato, con cedevolezza di 32 cu/dyne da nuova... ed un peso di circa 6,5 grammi, dovrebbero essere abbinate, per avere una FR attorno agli 8 Hertz a bracci di massa di 5/6 grammi. Chiaramente una situazione che constringe, oggi a cercare un po' con il lanternino (o rivolgersi a bracci di quei tempi nati proprio per questo tipo di testine) e che potrebbe facilmente portare ad abbinamenti con FR a 6 Hertz usando bracci di media massa. Naturalmente pensare di poterli mettere nella condizione di FR ideale (10 Hertz) è quasi utopia (a meno di usate bracci di massa attorno ad un grammo o due).
    Questo dal punto di vista meramente dei numeri. Diciamo che le attuali produzioni di MM, naturalmente si sono adeguate alla realtà dei bracci presenti sul mercato (d' altra parte l' idea che se la lettura è fatta ad 1 grammo al posto che a 1,5 consuma meno il solco è ormai cosa superata).
    Comunque, di sicuro, la maggior parte delle testine MM vintage (escludiamo ad esempio le Decca che era però una MI) hanno dalla loro, a mio parere, una capacità di tracciamento elevata (e questo è un pregio non indifferente a parer mio) che sarebbe ancora migliorable con un taglio di stilo tipo line contact (comunque ai tempi, rispetto alle MC tipo Denon in circolazione le Shure tracciavano decisamente molto, molto meglio).
    Una testina MM Ortofon, a parer mio, non può essere paragonata ad una Shure V15IV per tante ragioni.
    Non parlo di gusto personale che per me poi resta il parametro indiscutibile e sovrano.
    Bensì, al di la delle differenze tecniche esistenti fra i due oggetti, dell' estetica del suono che queste due case perseguono.
    L' europea più sul preciso affine al gusto nord europeo con teatri, generi musicali più intimistici ed ascoltatori più compassati. L' americana più caratterizzata e dinamica quindi adatta ad luoghi, musiche e persone e che vivono meglio situazioni più estroverse . Se dovessi ascoltare principalmente cose di un tipo rispetto all' altro, nel tentativo di ricreare l' atmosfera ed il coinvolgimento relativo, sceglierei l' una o l' altra senza mai pensare ad una vincitrie assoluta.
    Se oggi si osservano le testine MM attuali di un certo livello, ad esempio le Grado o le AT si nota che pur essendo di origine USA o Giapponesi, c'è una certa standardizzazione verso le sonorità più precise (sempre escluedendo Decca che viene da un popolo dove la tradizione regna). Questo probabilmente fa si che tutta una serie di fruitori, ricerchino delle sonorità un po' più "calde/evocative" ritrovandosi meglio in riedizioni di vecchi modelli (anche MC tipo la SPU) o nel vintage.
    A parer mio, è un po' come confrontare una moto ed un cavallo. Come si fa a dire quale è meglio? Entrambe sono mezzi di trasporto, ma le emozioni che da la prima non le da il secondo. E viceversa.
    E stavolta sono sicuro che durante la lettura sei caduto in catalessi!
    Rolling Eyes Rolling Eyes Rolling Eyes



    _________________
    Chi si accontenta gode
    Presidente Onorario fondatore di: ... CNR@ Club Naso Rosso@ ... CLM@ Club Lampredotto Marimesso@ ...   CVG@ Club Viva la Gnocca@ ...
    QFLG@

    Paintball Milano

    pluto
    Moderatore - discobolo

    Numero di messaggi : 21504
    Data d'iscrizione : 2010-10-05
    Età : 58
    Località : Genova

    Re: Differenza stili testina

    Post  pluto on Thu Oct 30, 2014 12:14 pm

    E comunque caro Pietro la Ortofon oggi nuova si compra a ca 500 euro (la 2M Black top di gamma che legge appunto a 1,5 gr); pesa assai più delle vecchie MM e quindi è pure meglio interfacciabile con i bracci moderni.

    Trovare oggi una V15 mint è impresa improba. Nella migliore delle ipotesi si deve poi prendere uno stilo Jilco non originale e sommando le 2 cose siamo sempre a 500 euro ca. in totale x un pezzo che non è più originale

    Io a questo punto mi prenderei la nuova Ortofon. Testina nuova, affidabile, moderna, usabile con il 90% dei bracci attuali...
    Mi sembra una soluzione easy x chi non vuole troppi mal di testa

    pepe57
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 4684
    Data d'iscrizione : 2009-06-11
    Età : 59
    Località : Milano

    Re: Differenza stili testina

    Post  pepe57 on Thu Oct 30, 2014 1:55 pm

    pluto wrote:E comunque caro Pietro la Ortofon oggi nuova si compra a ca 500 euro (la 2M Black top di gamma che legge appunto a 1,5 gr); pesa assai più delle vecchie MM e quindi è pure meglio interfacciabile con i bracci moderni.

    Trovare oggi una V15 mint è impresa improba. Nella migliore delle ipotesi si deve poi prendere uno stilo Jilco non originale e sommando le 2 cose siamo sempre a 500 euro ca. in totale x un pezzo che non è più originale

    Io a questo punto mi prenderei la nuova Ortofon. Testina nuova, affidabile, moderna, usabile con il 90% dei bracci attuali...
    Mi sembra una soluzione easy x chi non vuole troppi mal di testa

    Sulle mie personali preferenze in campo analogico fra oggetti vintage ed attuali, se il discorso si fa in generale sai bene come la penso!
    Per cui non avrei dubbi ed anche io andrei verso la Danimarca.
    Embarassed Embarassed
    Questo erché, per quanto riguarda oggetti meccanici, i nuovi strumenti a disposizione dell' operatore permettono di produrre oggetti inimmaginabili fino a qualche tempo fa.
    In generale, trovo il vintage affascinante e rappresentativo di momenti storici importanti con oggetti che hanno "segnato" un' epoca; ma gli oggetti attuali (salvo alcune rarissime eccezioni) hanno potuto superarli da tutti i punti di vista (sia concettuali che realizzativi) ed in particolar modo fanno ormai tutti parte di un momento diverso e quindi i singoli oggetti nascono per adattarsi a quelli loro contemporanei.
    Embarassed Embarassed
    Però, quando si parla di un caso specifico, preferisco non fissarmi su mie personali idee in quanto, malgrado tutto, resto convinto che il gusto personale e l' inserimento del singolo ogetto in un sistema, mirato all' appagamento di questo gusto, devono invece essere con cura vautati caso per caso.
    Embarassed Embarassed


    _________________
    Chi si accontenta gode
    Presidente Onorario fondatore di: ... CNR@ Club Naso Rosso@ ... CLM@ Club Lampredotto Marimesso@ ...   CVG@ Club Viva la Gnocca@ ...
    QFLG@

    Paintball Milano

    RockOnlyRare
    Rockzebo Expert

    Numero di messaggi : 5698
    Data d'iscrizione : 2012-05-18
    Età : 62
    Località : Milano

    Re: Differenza stili testina

    Post  RockOnlyRare on Thu Oct 30, 2014 2:42 pm

    pluto wrote:E comunque caro Pietro la Ortofon oggi nuova si compra a ca 500 euro (la 2M Black top di gamma che legge appunto a 1,5 gr); pesa assai più delle vecchie MM e quindi è pure meglio interfacciabile con i bracci moderni.

    Trovare oggi una V15 mint è impresa improba. Nella migliore delle ipotesi si deve poi prendere uno stilo Jilco non originale e sommando le 2 cose siamo sempre a 500 euro ca. in totale x un pezzo che non è più originale

    Io a questo punto mi prenderei la nuova Ortofon. Testina nuova, affidabile, moderna, usabile con il 90% dei bracci attuali...
    Mi sembra una soluzione easy x chi non vuole troppi mal di testa

    In effetti è quel che ho fatto io.... (per inciso la 2M black presa nel 2012 la pagai mi pare intorno a 600).

    Ma devo dire che se avessi saputo che era possibile sostituire lo stilo della mia Shure, certamente non avrei mai preso una Goldring, che poi ho sostituito praticamente nuova rimettendoci un bel 200€ quando mi sono preso il Pro-ject 9.1, anche perchè il suono della Gondring non mi piaceva paragonato alla Shure.

    A dire il vero presi prima una Dynavector MC ad alta uscita ma mi fu rovinata dopo neppure 10 gg (colpo di spazzolone preciso sul braccio mentre ero in ferie) così consigliato anche dal negoziante optammo per la 2M non fosse altro perchè era protetta molto meglio della Dyna che aveva una puntina super esposta al minimo urto. Il colmo della sfiga è che il coperchio protettivo che avevo già ordinato arrivò pochissimi gg dopo il fattaccio.....


    RockOnlyRare
    Rockzebo Expert

    Numero di messaggi : 5698
    Data d'iscrizione : 2012-05-18
    Età : 62
    Località : Milano

    Re: Differenza stili testina

    Post  RockOnlyRare on Thu Oct 30, 2014 3:01 pm

    pepe57 wrote:Consideriamo che la prima MC è stata una Ortofon del 1948 e che solo successivamente sono nate, per motivi economici e pratici le MM.
    Queste ultime si sono evolute verso diverse varianti (Moving Iron, Moving Permalloy, Moving Flux, Riluttanza Variabile etc) ma restano accomunate da alcune caratteristiche richieste un po' da oggettive necessità tecniche e un po' dalla moda del momento che vede la loro nascita (ricordando che andavano a sostituire delle vecchie ceramiche pizoelettriche etc) basarsi su due fattori: una testina nuova, molto più leggera, economica e capace di leggere con pesi di lettura molto ridotti (rispetto alle precedenti).
    Quindi sul mercato la gara è facciamo la testina che legge con minor peso.
    Per ottenerlo la cedevolezza diventa sempre più alta.
    Il braccio di conseguenza dovrà essere sempre più leggero (se no la Frequenza di Risonanza andrebbe sottoterra).
    E' il periodo in cui nasce il (falso) mito delle testine MC che essendo a bassa cedevolezza hanno bisogno di bracci ad alta massa...
    In tal senso, direi che le MM, specie quelle di un certo periodo, come potrebbe per l' appunto essere, presa ad esempio, la Shure V15 IV che hai citato, con cedevolezza di 32 cu/dyne  da nuova... ed un peso di circa 6,5 grammi, dovrebbero essere abbinate, per avere una FR attorno agli 8 Hertz a bracci di massa di 5/6 grammi. Chiaramente una situazione che constringe, oggi a cercare un po' con il lanternino (o rivolgersi a bracci di quei tempi nati proprio per questo tipo di testine) e che potrebbe facilmente portare ad abbinamenti con FR a 6 Hertz usando bracci di media massa. Naturalmente pensare di poterli mettere nella condizione di FR ideale (10 Hertz) è quasi utopia (a meno di usate bracci di massa attorno ad un grammo o due).
    Questo dal punto di vista meramente dei numeri. Diciamo che le attuali produzioni di MM, naturalmente si sono adeguate alla realtà dei bracci presenti sul mercato (d' altra parte l' idea che se la lettura è fatta ad 1 grammo al posto che a 1,5 consuma meno il solco è ormai cosa superata).
    Comunque, di sicuro, la maggior parte delle testine MM vintage (escludiamo ad esempio le Decca che era però una MI) hanno dalla loro, a mio parere, una capacità di tracciamento elevata (e questo è un pregio non indifferente a parer mio) che sarebbe ancora migliorable con un taglio di stilo tipo line contact (comunque ai tempi, rispetto alle MC tipo Denon in circolazione le Shure tracciavano decisamente molto, molto meglio).
    Una testina MM Ortofon, a parer mio, non può essere paragonata ad una Shure V15IV per tante ragioni.
    Non parlo di gusto personale che per me poi resta il parametro indiscutibile e sovrano.
    Bensì, al di la delle differenze tecniche esistenti fra i due oggetti, dell' estetica del suono che queste due case perseguono.
    L' europea  più sul preciso affine al gusto nord europeo con teatri, generi musicali più intimistici  ed ascoltatori più compassati. L' americana più caratterizzata e dinamica quindi adatta ad luoghi, musiche e persone e che vivono meglio situazioni più estroverse . Se dovessi ascoltare principalmente cose di un tipo rispetto all' altro, nel tentativo di ricreare l' atmosfera ed il coinvolgimento relativo, sceglierei l' una o l' altra senza mai pensare ad una vincitrie assoluta.
    Se oggi si osservano le testine MM attuali di un certo livello, ad esempio le Grado o le AT si nota che pur essendo di origine USA o Giapponesi, c'è una certa standardizzazione verso le sonorità più precise (sempre escluedendo Decca che viene da un popolo dove la tradizione regna). Questo probabilmente fa si che tutta una serie di fruitori, ricerchino delle sonorità un po' più "calde/evocative" ritrovandosi meglio in riedizioni di vecchi modelli (anche MC tipo la SPU) o nel vintage.
    A parer mio, è un po' come confrontare una moto ed un cavallo. Come si fa a dire quale è meglio? Entrambe sono mezzi di trasporto, ma le emozioni che da la prima non le da il secondo. E viceversa.
    E stavolta sono sicuro che durante la lettura sei caduto in catalessi!
    Rolling Eyes  Rolling Eyes  Rolling Eyes


    No no, l'ho letto tutto anche se alcune info per me sono davvero astruse, sei troppo esperto per me

    Sul discorso meglio - peggio è evidente che conti in modo determinante il gusto personale, ci mancherebbe.
    Nella fattispecie io facevo un discorso diciamo di livello qualitativo in assoluto .......

    In altre parole, tra due testine sostanzialmente equivalenti ed ottimizzate per il braccio in possesso, la scelta può essere (anzi deve) essere soggettiva.

    Ma se si paragonano ad esempio una testina "top" ad una "media", oppure una "media" ad una "entry level" è evidente che le differenze siano in assoluto evidenti, dando per scontato che si parli di livello qualitativo più che economico mero a se stesso (sappiamo bene che ci sono componenti magari costosissimi ma che suonano peggio di concorrenti che costano magari meno della metà...)

    Per cui in sostanza mi pare di capire che ritieni tutto sommato Shure e Ortophon di livello a grandi linee paragonabile.
    Se non avendo una testina ne dovessi comprare "per forza" una a scelta tra le due, penso che la scelta sia indiscutibile per la 2M.
    Ma se si avesse già una Shure in perfetto stato a cui si deve solo sostituire lo stilo, si farebbe comunque la scelta di passare alla 2M  ????

    Ecco su questo avrei ben più di un dubbio..... penso che con il senno di poi sostituirei lo stilo, metterei un po' di soldi da parte e passerei ad una testina qualitativamente di categoria superiore, magari una MC a cui abbinare un pre-phono, in modo da fare un sensibile passo avanti.
    Il rammarico è che fui mal consigliato quando mi dissero che era impossibile trovare uno stilo per la V15 IV (certamente originale era vero .... ma nessun accenno che si trovavano non originali..) e mi proposero come superiore la Goldring (costo poco meno di 400€ non ricordo il modello) che quella si che sono certo, mi piaceva decisamente meno della Shure !!!  (comunque tra le testine che ho avuto, la Dynavector MC alla alta uscita, per il poco che l'ho posseduta, era quella che mi piaceva di più, oltretutto con più margine di miglioramento in quanto collegata direttamenta al pre MM)

    Grazie di nuovo.....


    andrea@n
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 697
    Data d'iscrizione : 2012-12-28
    Località : Reggio Emilia

    Re: Differenza stili testina

    Post  andrea@n on Thu Oct 30, 2014 8:30 pm

    Chiedo ,anche se OT
    braccio massa 8,5 gr
    Testina peso 4,1 gr,cedevolezza 13,peso lettura 2 gr.
    Meglio zavorrare il braccio/shell? E se si con quanti grammi ?
    Grazie

    carloc
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 11987
    Data d'iscrizione : 2011-07-27
    Località : Busto Arsizio - Sabaudia (Scooterista)

    Re: Differenza stili testina

    Post  carloc on Thu Oct 30, 2014 8:36 pm

    Con quei dati hai una FR di 12/13 Hz.

    Dovresti zavorrare la testina con almeo 5/6 grammi per portarla a 10 Hz.

    Ciao, Carlo


    P.S.
    Qual'è la testina così leggera da pesare 4 gr?


    _________________
    Rem tene verba sequentur

    andrea@n
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 697
    Data d'iscrizione : 2012-12-28
    Località : Reggio Emilia

    Re: Differenza stili testina

    Post  andrea@n on Thu Oct 30, 2014 8:38 pm

    carloc wrote:Con quei dati hai una FR di 12/13 Hz.

    Dovresti zavorrare la testina con almeo 5/6 grammi per portarla a 10 Hz.

    Ciao, Carlo


    P.S.
    Qual'è la testina così leggera da pesare 4 gr?
    Ortofon MC 1 Turbo

    carloc
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 11987
    Data d'iscrizione : 2011-07-27
    Località : Busto Arsizio - Sabaudia (Scooterista)

    Re: Differenza stili testina

    Post  carloc on Thu Oct 30, 2014 8:40 pm

    Thanks


    _________________
    Rem tene verba sequentur

    andrea@n
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 697
    Data d'iscrizione : 2012-12-28
    Località : Reggio Emilia

    Re: Differenza stili testina

    Post  andrea@n on Thu Oct 30, 2014 8:43 pm

    carloc wrote:Con quei dati hai una FR di 12/13 Hz.

    Dovresti zavorrare la testina con almeo 5/6 grammi per portarla a 10 Hz.

    Ciao, Carlo


    P.S.
    Qual'è la testina così leggera da pesare 4 gr?

    Che differenze ci sono se la lascio a 12/13?

      Current date/time is Sat Dec 03, 2016 3:28 am