Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
L'arte dell'interfacciamento...
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    L'arte dell'interfacciamento...

    Share

    andrea@n
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 697
    Data d'iscrizione : 2012-12-28
    Località : Reggio Emilia

    L'arte dell'interfacciamento...

    Post  andrea@n on Mon Feb 16, 2015 1:11 pm

    È quasi sempre valido il "detto" che dice che come regola generale, il carico visto dal fonorivelatore deve essere di almeno 10 volte quello interno?
    Sono sempre più convinto che molti audiofili interfacciano testine e prefono "ad minchiam"( tipo me)...

    carloc
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 12013
    Data d'iscrizione : 2011-07-27
    Località : Busto Arsizio - Sabaudia (Scooterista)

    Re: L'arte dell'interfacciamento...

    Post  carloc on Mon Feb 16, 2015 3:04 pm

    Si di te ne eravamo sicuri......... affraid


    _________________
    Rem tene verba sequentur

    alanford
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1248
    Data d'iscrizione : 2012-06-03
    Località : monza

    Re: L'arte dell'interfacciamento...

    Post  alanford on Mon Feb 16, 2015 4:56 pm

    andrea@n wrote:È quasi sempre valido il "detto" che dice che come regola generale,  il carico visto dal fonorivelatore deve essere di almeno 10 volte quello interno?
    Sono sempre più convinto che molti audiofili interfacciano testine e prefono "ad minchiam"( tipo me)...

    toglierei almeno e lo sostituirei con un piu' o meno

    il problema e' che non sempre e' dato a sapere l'impedenza interna della testina soprattutto nel vintage

    andrea@n
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 697
    Data d'iscrizione : 2012-12-28
    Località : Reggio Emilia

    Re: L'arte dell'interfacciamento...

    Post  andrea@n on Mon Feb 16, 2015 6:58 pm

    alanford wrote:

    toglierei almeno e lo sostituirei con un piu' o meno  

    il problema e' che non sempre e' dato a sapere l'impedenza interna della testina soprattutto nel vintage
    Vero,es: la Denon 103 ,per la,suddetta regola dovrebbe "vedere " un carico,di 470 ohm...invece vedo che molti la "tagliano" a 100ohm.....praticamente la "soffocano"....

    andrea@n
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 697
    Data d'iscrizione : 2012-12-28
    Località : Reggio Emilia

    Re: L'arte dell'interfacciamento...

    Post  andrea@n on Mon Feb 16, 2015 6:58 pm

    carloc wrote:Si di te ne eravamo sicuri......... affraid

    Massimo
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 31502
    Data d'iscrizione : 2010-06-21
    Età : 61
    Località : Portici (NA)

    Re: L'arte dell'interfacciamento...

    Post  Massimo on Mon Feb 16, 2015 7:29 pm

    Caratteristiche tecniche della DL 103, dateci uno sguardo.


    _________________
    Quando il dito indica la luna, l'imbecille guarda il dito

    andrea@n
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 697
    Data d'iscrizione : 2012-12-28
    Località : Reggio Emilia

    Re: L'arte dell'interfacciamento...

    Post  andrea@n on Mon Feb 16, 2015 7:40 pm

    Massimo wrote:Caratteristiche tecniche della DL 103, dateci uno sguardo.

    Infatti vorrei capire se bastano i 100 ohm con un pre attivo ,oppure i 470 ohm con un trafo con un rapporto 1:10....

    Massimo
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 31502
    Data d'iscrizione : 2010-06-21
    Età : 61
    Località : Portici (NA)

    Re: L'arte dell'interfacciamento...

    Post  Massimo on Mon Feb 16, 2015 7:47 pm

    Sono due suoni diversi la 103 tutti dicono va meglio con i trafo, che hanno un impedenza intorno ai 40 ohm, difatti il denon per la 103 è da 40 ohm, il guadagno con lo step -up a trafo mi sembra intorno ai 20 dB.
    Io preferisco quello attivo, ma è una mia preferenza personale.


    _________________
    Quando il dito indica la luna, l'imbecille guarda il dito

    andrea@n
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 697
    Data d'iscrizione : 2012-12-28
    Località : Reggio Emilia

    Re: L'arte dell'interfacciamento...

    Post  andrea@n on Mon Feb 16, 2015 7:49 pm

    Massimo wrote:Sono due suoni diversi la 103 tutti dicono va meglio con i trafo, che hanno un impedenza intorno ai 40 ohm, difatti il denon per la 103 è da 40 ohm, il guadagno con lo step -up a trafo mi sembra intorno ai 20 dB.
    Io preferisco quello attivo, ma è una mia preferenza personale.
    Comunque devi avere un pre attivo molto silenzioso,e con parecchi db....

    Massimo
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 31502
    Data d'iscrizione : 2010-06-21
    Età : 61
    Località : Portici (NA)

    Re: L'arte dell'interfacciamento...

    Post  Massimo on Mon Feb 16, 2015 7:56 pm

    La  vera difficoltà è trovare il giusto rapporto di guadagno dello step-up rispetto all'uscita della testina ed il guadagno del pre-phono MM, devi riuscire a trovare il guadagno massimo  che ti permette di mettere in risalto le caratteristiche della MC senza portare a saturazione il pre-hono MM.
    Sul mio impianto ho anche dovuto tener conto del guadagno del pre di linea, forse non tutti saranno d'accordo, ma poiché è quasi un passivo, il guadagno è di soli 10 dB, ne ho dovuto tener conto.


    _________________
    Quando il dito indica la luna, l'imbecille guarda il dito

    carloc
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 12013
    Data d'iscrizione : 2011-07-27
    Località : Busto Arsizio - Sabaudia (Scooterista)

    Re: L'arte dell'interfacciamento...

    Post  carloc on Mon Feb 16, 2015 8:25 pm

    Ci vuole pre attivo che arrivi sui 70dB di guadagno.
    Sentirai che musica.....;)


    _________________
    Rem tene verba sequentur

    Massimo
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 31502
    Data d'iscrizione : 2010-06-21
    Età : 61
    Località : Portici (NA)

    Re: L'arte dell'interfacciamento...

    Post  Massimo on Mon Feb 16, 2015 8:46 pm



    _________________
    Quando il dito indica la luna, l'imbecille guarda il dito

    alanford
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1248
    Data d'iscrizione : 2012-06-03
    Località : monza

    Re: L'arte dell'interfacciamento...

    Post  alanford on Tue Feb 17, 2015 4:38 pm

    Massimo wrote:La  vera difficoltà è trovare il giusto rapporto di guadagno dello step-up rispetto all'uscita della testina ed il guadagno del pre-phono MM, devi riuscire a trovare il guadagno massimo  che ti permette di mettere in risalto le caratteristiche della MC senza portare a saturazione il pre-hono MM.
    Sul mio impianto ho anche dovuto tener conto del guadagno del pre di linea, forse non tutti saranno d'accordo, ma poiché è quasi un passivo, il guadagno è di soli 10 dB, ne ho dovuto tener conto.



    in effetti e' un errore considerare il guadagno del fono senza tener conto del guadagno dello stadio linea

    alanford
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1248
    Data d'iscrizione : 2012-06-03
    Località : monza

    Re: L'arte dell'interfacciamento...

    Post  alanford on Tue Feb 17, 2015 4:42 pm

    ma una tolleranza del +/-20% nell'impedenza interna della testina mi pare un valore elevato, questo potrebbe giustificare la notevole differenza di giudizi che si raccoglie su questa testina

    zulele
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 290
    Data d'iscrizione : 2014-07-08

    Re: L'arte dell'interfacciamento...

    Post  zulele on Tue Feb 17, 2015 6:15 pm

    più che ad minchiam direi a orecchio (e anche sulla base di ragionamenti diversi).
    esempio Stan Klyne ha un'idea molto diversa sulla questione, non perchè non riconosca la validità generale della regoletta, ma perchè ritiene che questa dipenda dalle caratteristiche del prephono che avrebbero influenza sulla resa della testina, in termini di capacità o meno di smorzare delle risonanze. coi suoi prephono Klyne suggerisce valori spesso molto più alti di quelli che si otterrebbero dalla regoletta standard, fino anche a 47kohm per una MC (ovviamente con ciò lui intende -più o meno apertamente- che i suoi prephono sono migliori di molti altri che 'costringono' a settaggi comunque non ottimali... ;) ).
    so che non è il solo, fra gli addetti ai lavori, a pensarla così, ma ora non ricordo altri esempi che pure ho incontrato.
    non chiedetemi un parere tecnico sulla cosa, perchè non so darlo, mi limito a riportare (in una sintesi estremamente rozza) ciò che ho letto, per maggiori dettagli vedere il manuale di un suo prephono Embarassed

    ma senza andare lontano, il manuale d'uso della mia Lyra Delos, che ha impedenza interna di 6.3ohm, raccomanda di settare l'impedenza del prephono a (se ben ricordo) 300-400 ohm + un valore dipendente dalla capacità dei cavi di segnale dal braccio al phono stage stesso. in pratica molto più delle 10 volte 'classiche' (NB: il sito Lyra consiglia settaggi da circa 100 ohm a circa 800 ohm da definire 'a orecchio').
    guarda caso, a orecchio io sul mio Klyne sono arrivato a 500ohm come valore 'giusto' (per me, ovviamente), ma anche a 1000 non mi andava male, forse meglio che a 100, per dire.

    tutta 'sta pappardella per ribadire che, come qualcuno ha già detto, probabilmente la regoletta deve essere 'enunciata' come ALMENO 10 volte.... ma magari di più, anche molto di più a volte.
    (potevo limitarmi a queste ultime due righe )


    _________________
    Naim CDX2+XP5XS - analogico: Pro-ject RPM9.1x con Pro-ject 9cc + Lyra Delos - prephono Klyne 6PE - pre ARC LS25/II - finale ARC 100.2 - diffusori B&W804s - cavetteria: AQ King Cobra, Kimber 4TC e altri cavi vari...

    zulele
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 290
    Data d'iscrizione : 2014-07-08

    Re: L'arte dell'interfacciamento...

    Post  zulele on Tue Feb 17, 2015 6:20 pm

    Massimo wrote:La  vera difficoltà è trovare il giusto rapporto di guadagno dello step-up rispetto all'uscita della testina ed il guadagno del pre-phono MM, devi riuscire a trovare il guadagno massimo  che ti permette di mettere in risalto le caratteristiche della MC senza portare a saturazione il pre-hono MM.
    Sul mio impianto ho anche dovuto tener conto del guadagno del pre di linea, forse non tutti saranno d'accordo, ma poiché è quasi un passivo, il guadagno è di soli 10 dB, ne ho dovuto tener conto.

    ecco, questi sono aspetti che mi sfuggono (perchè sugli altri, invece... affraid ). stavo proprio pensando di aprire un thread in merito.

    o è meglio parlarne qui ?

    in sostanza, vorrei capire tre cose:
    - come faccio a calolcare qual è il guadagno massimo che mi consente di non saturare il prephono ?
    - come faccio a calcolare la massima uscita (in mV) di un prephono date le caratteristiche della testina e il guadagno impostato sul prephono stesso, per confrontarlo con la massima tensione che può ricevere in ingresso il prelinea senza saturare ?
    - assumendo che non ci siano saturazioni, come regola generale (se esiste) sulla resa sonora è meglio impostare un guadagno relativamente basso e poi 'aprire' il potenziometro del pre linea, o al contrario un guadagno relativamente alto del prephono e poi tenere il potenziometro del pre linea sulle 'tacche basse' ??

    la domanda vale anche con sorgenti digitali, in generale: il mio pre linea può essere regolato su 3 valori a scelta (mi pare siano 6 - 12 - 18 db, ora non ricordo): posto di restare comunque in un range di valori che non diano saturazione, è meglio stare su un valore basso e far lavorare il potenziometro o il contrario ?


    Last edited by zulele on Tue Feb 17, 2015 6:31 pm; edited 1 time in total


    _________________
    Naim CDX2+XP5XS - analogico: Pro-ject RPM9.1x con Pro-ject 9cc + Lyra Delos - prephono Klyne 6PE - pre ARC LS25/II - finale ARC 100.2 - diffusori B&W804s - cavetteria: AQ King Cobra, Kimber 4TC e altri cavi vari...

    Massimo
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 31502
    Data d'iscrizione : 2010-06-21
    Età : 61
    Località : Portici (NA)

    Re: L'arte dell'interfacciamento...

    Post  Massimo on Tue Feb 17, 2015 6:31 pm

    Col massimo rispetto per tutti, il mondo è bello perché vario. sunny


    _________________
    Quando il dito indica la luna, l'imbecille guarda il dito

    zulele
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 290
    Data d'iscrizione : 2014-07-08

    Re: L'arte dell'interfacciamento...

    Post  zulele on Tue Feb 17, 2015 6:32 pm

    Massimo wrote:Col massimo rispetto per tutti, il mondo è bello perché vario. sunny

    colgo un leggerissimo tono ironico


    _________________
    Naim CDX2+XP5XS - analogico: Pro-ject RPM9.1x con Pro-ject 9cc + Lyra Delos - prephono Klyne 6PE - pre ARC LS25/II - finale ARC 100.2 - diffusori B&W804s - cavetteria: AQ King Cobra, Kimber 4TC e altri cavi vari...

    Massimo
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 31502
    Data d'iscrizione : 2010-06-21
    Età : 61
    Località : Portici (NA)

    Re: L'arte dell'interfacciamento...

    Post  Massimo on Tue Feb 17, 2015 7:12 pm

    La cosa bella dell' analogico è che con piccole modifiche al guadagno, all' impedenza o ai punti d'intervento dell'equalizzazione RIAA, se ti è possibile, modelli il suono come piace a te. Laughing Laughing


    _________________
    Quando il dito indica la luna, l'imbecille guarda il dito

    zulele
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 290
    Data d'iscrizione : 2014-07-08

    Re: L'arte dell'interfacciamento...

    Post  zulele on Tue Feb 17, 2015 7:26 pm

    vero, però almeno in linea teorica (o almeno statistica, diciamo) si dovrebbe poter individuare una maggiore o minore correttezza.
    cioè: io posso anche decidere che mi piace un guadagno alto perchè pompa di bestia e trovo coinvolgente un po' di distorsione perchè sembra meno 'perfettina', o un suono etereo perchè al contrario fa tanto 'purezza'.
    ma in un caso simile non farei testo (perchè esiste comunque qualcosa di misurabile) e non faccio statistica, appunto, perchè sarei uno dei pochi a pensarla così.
    quindi se la maggioranza delle persone qui la pensa in un modo e un'esigua minoranza in un altro, non parto dal presupposto che la maggioranza abbia sempre e comunque ragione, ma quanto meno mi viene in mente che se i più sono arrivati a determinate conclusioni (sia a orecchio sia a valle di ragionamenti teorici) è plausibile che quelle conclusioni possano avere un certo fondamento, anche se devono comunque essere prese criticamente per quanto posso.
    ora, forse il discorso dell'"almeno 10 volte, in certi casi di più" che ho riportato è minoritario; ma non pretendo mica di avere ragione, infatti . è solo un mio piccolo, discutibile contributo Embarassed


    _________________
    Naim CDX2+XP5XS - analogico: Pro-ject RPM9.1x con Pro-ject 9cc + Lyra Delos - prephono Klyne 6PE - pre ARC LS25/II - finale ARC 100.2 - diffusori B&W804s - cavetteria: AQ King Cobra, Kimber 4TC e altri cavi vari...

    Massimo
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 31502
    Data d'iscrizione : 2010-06-21
    Età : 61
    Località : Portici (NA)

    Re: L'arte dell'interfacciamento...

    Post  Massimo on Tue Feb 17, 2015 7:33 pm

    ................................ il tuo contributo come quello degli altri è sempre utile e ben accetto, perché come dicevo il mondo è bello perché vario, si legge, poi ognuno decide di fare come preferisce. sunny


    _________________
    Quando il dito indica la luna, l'imbecille guarda il dito

    pepe57
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 4693
    Data d'iscrizione : 2009-06-11
    Età : 59
    Località : Milano

    Re: L'arte dell'interfacciamento...

    Post  pepe57 on Wed Feb 18, 2015 10:04 am

    A mio avviso il discorso di avere un carico che sia >/= di 10X potrebbe avere un positivo riscontro abbastanza accettabile nella media delle testine MC.
    Quando però si parla di testine che sono particolarmente basse di impedenza interna, oppure particolarmente alte, le cose possono cambiare e di parecchio.
    Questo fattore inoltre è generalmente amplificato in caso di impedenze interne molto basse con uscita non molto bassa (o anche molto alte con uscita non molto alta).
    Citare testine con impedenze interne < di 4 Ohm ed uscite > 0.25 mV è un esempio (semore senza scordare che diversi altri fattori poi incidono ancora sulla' abbinamento ottimale).
    Un grosso problema quando le tolleranze sono elevate è che fra i due canali ci può essere uno scompenso tale che richiederebbe due carichi e guadagni diversi
    per tornare all' equilibrio.
    Embarassed Embarassed


    _________________
    Chi si accontenta gode
    Presidente Onorario fondatore di: ... CNR@ Club Naso Rosso@ ... CLM@ Club Lampredotto Marimesso@ ...   CVG@ Club Viva la Gnocca@ ...
    QFLG@

    Paintball Milano

    andrea@n
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 697
    Data d'iscrizione : 2012-12-28
    Località : Reggio Emilia

    Re: L'arte dell'interfacciamento...

    Post  andrea@n on Wed Feb 18, 2015 12:44 pm

    ....il mio dubbio era particolarmente rivolto all'interfacciamento ottimale per la 103....

    Massimo
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 31502
    Data d'iscrizione : 2010-06-21
    Età : 61
    Località : Portici (NA)

    Re: L'arte dell'interfacciamento...

    Post  Massimo on Wed Feb 18, 2015 12:56 pm

    Se vuoi andare sul sicuro prenditi lo step-up a trafo della Denon, studiato appositamente per la 103.


    _________________
    Quando il dito indica la luna, l'imbecille guarda il dito

      Current date/time is Sat Dec 10, 2016 11:19 pm