Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
I paradossi della musica riprodotta.
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    I paradossi della musica riprodotta.

    Share

    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13
    Età : 60
    Località : genova

    I paradossi della musica riprodotta.

    Post  iano on Tue Aug 04, 2015 11:54 am

    Oggi sappiamo che pretendere di usare un senso in modo esclusivo,come ad esempio l'udito,in modo cioè separato dagli altri sensi,nell'ambito della riproduzione di una realtà,come ad esempio un concerto, è una semplificazione forte,foriera di paradossi percettivi.
    La situazione si aggrava se diamo retta a Jannacci,secondo il quale il vizio sta già alla fonte,dato che gli strumenti musicali sono una banda di omosessuali,in quanto cercano di produrre suoni non esistenti in natura. Laughing

    aircooled
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 32292
    Data d'iscrizione : 2008-12-20
    Località : AIRTECHLANDIA

    Re: I paradossi della musica riprodotta.

    Post  aircooled on Tue Aug 04, 2015 1:56 pm

    Maremmamaiala che botta di calore


    _________________

     
    il meglio va solo con il meglio e non è un caso

    la calunnia disdegna i mediocri e si afferra ai grandi
     

    non discutere mai con un idiota, ti trascina al suo livello e poi ti batte con l'esperienza - ricorda chi sa fa chi non sa insegna
     
    Showroom AIRTECH via XX Settembre 12 San Giuliano Terme PI cell 3393521936 fisso 050818821 dalle 16.00 alle 19.00 dal martedi al sabato
    mail bertini63@virgilio.it

    petrus
    Senny Lover
    Senny Lover

    Numero di messaggi : 3717
    Data d'iscrizione : 2008-12-21

    Re: I paradossi della musica riprodotta.

    Post  petrus on Tue Aug 04, 2015 2:46 pm

    iano wrote:Oggi sappiamo che pretendere di usare un senso in modo esclusivo,come ad esempio l'udito,in modo cioè separato dagli altri sensi,nell'ambito della riproduzione di una realtà,come ad esempio un concerto, è una semplificazione forte,foriera di paradossi percettivi.
    La situazione si aggrava se diamo retta a Jannacci,secondo il quale il vizio sta già alla fonte,dato che gli strumenti musicali sono una banda di omosessuali,in quanto cercano di produrre suoni non esistenti in natura. Laughing

    Se è vero quello che scrivi e non ho, ne voglia, ne tempo per verificare, devo riconsiderare il mio modo di ricordare il Sig. Jannacci

    Lorenzo

    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13
    Età : 60
    Località : genova

    Re: I paradossi della musica riprodotta.

    Post  iano on Tue Aug 04, 2015 3:05 pm

    petrus wrote:
    Se è vero quello che scrivi e non ho, ne voglia, ne tempo per verificare, devo riconsiderare il mio modo di ricordare il Sig. Jannacci

    Lorenzo
    Dovevi solo ridere alla battuta di Jannacci ,rielaborata da me per l'occasione.

    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13
    Età : 60
    Località : genova

    Re: I paradossi della musica riprodotta.

    Post  iano on Tue Aug 04, 2015 3:07 pm

    aircooled wrote:Maremmamaiala che botta di calore
    Ci stai più vicino tu alla Maremma di me
    Io sto al momento in un magazzino con clima giusto a puntino Laughing

    petrus
    Senny Lover
    Senny Lover

    Numero di messaggi : 3717
    Data d'iscrizione : 2008-12-21

    Re: I paradossi della musica riprodotta.

    Post  petrus on Tue Aug 04, 2015 3:10 pm

    iano wrote:
    petrus wrote:
    Se è vero quello che scrivi e non ho, ne voglia, ne tempo per verificare, devo riconsiderare il mio modo di ricordare il Sig. Jannacci

    Lorenzo
    Dovevi solo ridere alla battuta di Jannacci   ,rielaborata da me per l'occasione.

    Ridici tu perchè a me non viene però se mi dici che l'hau rielaborata tu forse per Jannacci c'è speranza

    Lorenzo

    lizard
    Pop Music Expert

    Numero di messaggi : 6362
    Data d'iscrizione : 2009-11-06
    Località : Augusta Taurinorum

    Re: I paradossi della musica riprodotta.

    Post  lizard on Tue Aug 04, 2015 3:15 pm

    iano wrote:Oggi sappiamo che pretendere di usare un senso in modo esclusivo,come ad esempio l'udito,in modo cioè separato dagli altri sensi,nell'ambito della riproduzione di una realtà,come ad esempio un concerto, è una semplificazione forte,foriera di paradossi percettivi.
    La situazione si aggrava se diamo retta a Jannacci,secondo il quale il vizio sta già alla fonte,dato che gli strumenti musicali sono una banda di omosessuali,in quanto cercano di produrre suoni non esistenti in natura. Laughing
    ..che servono pero' in certi momenti ad estraniarci dalla natura stessa,trasportandoci in paradisi idilliaci riposti nei meandri della mente

    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13
    Età : 60
    Località : genova

    Re: I paradossi della musica riprodotta.

    Post  iano on Tue Aug 04, 2015 4:22 pm

    lizard wrote:
    ..che servono pero' in certi momenti ad estraniarci dalla natura stessa,trasportandoci in paradisi idilliaci riposti nei meandri della mente
    In un certo senso
    Ma anche a svelare il funzionamento del sistema percettivo.
    Da quello che ne sappiamo oggi,chi apprezza l'home teather,come se suonasse hi end,anche con sistema audio non eccelso,ci sente benissimo,detto provocatoriamente.
    Detto meglio,il suo sistema percettivo funziona bene,e occhi e orecchie collaborano a meraviglia.
    le immagini,al pari del suono,sono riprodotte,ma sufficienti comunque a dare le informazioni visive che intervengono anche a formare la sensazione uditiva,e viceversa.
    In altri termini non c'è sensazione uditiva,visiva olfattiva tattile,che non derivi dall'elaborazione dei dati che provengono da tutti i sensi,quando efficienti e funzionanti,ovviamente.
    Se uno dei sensi viene escluso dal gioco,dobbiamo aspettarci che la sensazione,di qualsiasi tipo sia, muti.
    Nella musica riprodotta ,a mio parere succede anche peggio di così.
    Il senso della vista non viene escluso,ed è quindi libero di raccogliere dati incoerenti con quelli raccolti dall'orecchio.
    Istintivamente non a caso ogni audiofilo chiude gli occhi quando vuole valutare bene il suono riprodotto.
    In questo modo il sistema viene reso però parzialmente "sordo",nella misura in cui,come detto,la vista interviene nel comporre la sensazione uditiva.
    La notizia,forse buona,è che il senso dell'udito,quando gli viene a mancare l'aiuto degli occhi,drizza letteralmente le orecchie.
    Una differenza sostanziale fra vista e udito,contrariamente a quanto fino si credeva,non è nella maggior potenza nell'uomo della prima rispetto al secondo,ma nel diverso grado di coscienza.
    In altre parole,ci basta vedere per credere,perchè il senso della vista lavora sempre in chiaro.
    Su ciò che sentiamo manteniamo sempre un grado di incertezza in quanto il processo avviene sempre perlopiù "sottopelle".
    Una buona pratica di ascolto però tende a portare questi processi più in chiaro.
    Infatti,secondo me,chi nega sia possibile ascoltare questo e quello,ha di solito poca esperienza di ascolto,unita alla presunzione di possedere tutta l'esperienza che occorre.

    petrus
    Senny Lover
    Senny Lover

    Numero di messaggi : 3717
    Data d'iscrizione : 2008-12-21

    Re: I paradossi della musica riprodotta.

    Post  petrus on Tue Aug 04, 2015 4:58 pm

    iano wrote:
    .............
    Su ciò che sentiamo manteniamo sempre un grado di incertezza in quanto il processo avviene sempre perlopiù "sottopelle".
    Una buona pratica di ascolto però tende a portare questi processi più in chiaro.
    Infatti,secondo me,chi nega sia possibile ascoltare questo e quello,ha di solito poca esperienza di ascolto,unita alla presunzione di possedere tutta l'esperienza che occorre.


    In qualunque caso l'aspetto fenomenologico non può intaccare quello noumenico, perchè quest'ultimo ha le sue radici nella dialettica diametralmente opposta al nihilismo più aberrante.
    La struttura originaria è l’essenza del fondamento. In questo senso è la struttura anapodittica del sapere e cioè lo strutturarsi della principialità, o dell’immediatezza.

    Ciò comporta che l’essenza del fondamento non sia un che di semplice, ma una complessità, o l’unità del molteplice.
    La manifestazione della Struttura Originaria non è quindi la manifestazione di un processo di analisi, bensì è immanente a questo processo; è possibile parlare quindi di una compresenza di analisi e sintesi.

    Capisci cosa intendo no ?

    affraid affraid affraid affraid affraid affraid

    Lorenzo

    lizard
    Pop Music Expert

    Numero di messaggi : 6362
    Data d'iscrizione : 2009-11-06
    Località : Augusta Taurinorum

    Re: I paradossi della musica riprodotta.

    Post  lizard on Tue Aug 04, 2015 4:59 pm

    petrus wrote: è possibile parlare quindi di una compresenza di analisi e sintesi.
    a cui si contrappone una antitesi

    pink noise
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 442
    Data d'iscrizione : 2015-06-11
    Località : Toscana

    Re: I paradossi della musica riprodotta.

    Post  pink noise on Tue Aug 04, 2015 5:29 pm

    lizard wrote:
    a cui si contrappone una antitesi
    Ma anche no.......

    aircooled
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 32292
    Data d'iscrizione : 2008-12-20
    Località : AIRTECHLANDIA

    Re: I paradossi della musica riprodotta.

    Post  aircooled on Tue Aug 04, 2015 5:37 pm

    Petrus rimane il mio idolo preferito


    _________________

     
    il meglio va solo con il meglio e non è un caso

    la calunnia disdegna i mediocri e si afferra ai grandi
     

    non discutere mai con un idiota, ti trascina al suo livello e poi ti batte con l'esperienza - ricorda chi sa fa chi non sa insegna
     
    Showroom AIRTECH via XX Settembre 12 San Giuliano Terme PI cell 3393521936 fisso 050818821 dalle 16.00 alle 19.00 dal martedi al sabato
    mail bertini63@virgilio.it

    Geronimo
    Self-Awareness
    Self-Awareness

    Numero di messaggi : 16086
    Data d'iscrizione : 2009-03-09

    Re: I paradossi della musica riprodotta.

    Post  Geronimo on Tue Aug 04, 2015 6:20 pm

    petrus wrote:
    iano wrote:
    .............
    Su ciò che sentiamo manteniamo sempre un grado di incertezza in quanto il processo avviene sempre perlopiù "sottopelle".
    Una buona pratica di ascolto però tende a portare questi processi più in chiaro.
    Infatti,secondo me,chi nega sia possibile ascoltare questo e quello,ha di solito poca esperienza di ascolto,unita alla presunzione di possedere tutta l'esperienza che occorre.


    In qualunque caso l'aspetto fenomenologico non può intaccare quello noumenico, perchè quest'ultimo ha le sue radici nella dialettica diametralmente opposta al nihilismo più aberrante.
    La struttura originaria è l’essenza del fondamento. In questo senso è la struttura anapodittica del sapere e cioè lo strutturarsi della principialità, o dell’immediatezza.

    Ciò comporta che l’essenza del fondamento non sia un che di semplice, ma una complessità, o l’unità del molteplice.
    La manifestazione della Struttura Originaria non è quindi la manifestazione di un processo di analisi, bensì è immanente a questo processo; è possibile parlare quindi di una compresenza di analisi e sintesi.

    Capisci cosa intendo no ?

    affraid affraid affraid affraid affraid affraid

    Lorenzo

    Anima di Hegel pussa via , esci dal corpo di Petrus! affraid


    _________________
    "Se cerchi il rilassamento mentale prova la meditazione sul respiro"(CLICCA QUI)

    "Sono il ponte fra quello che non sono mai stato e quello che non sarò mai"

    "Il mio impianto AUDIO ANALOGUE-AIRTECH-ADVENT"(CLICCA QUI)

    pluto
    Moderatore - discobolo

    Numero di messaggi : 21514
    Data d'iscrizione : 2010-10-05
    Età : 58
    Località : Genova

    Re: I paradossi della musica riprodotta.

    Post  pluto on Tue Aug 04, 2015 6:48 pm

    La prossima volta che vado in Pinacoteca, quasi quasi chiedo di palpeggiare il quadro e di sniffarlo pure. Così non cado nel paradosso



    Alzate i condizionatori e soprattutto fate una bella revisione prima della stagione Laughing Laughing

    mr.bean
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1246
    Data d'iscrizione : 2009-12-08
    Età : 52
    Località : tra la piadina e il nord - est

    Re: I paradossi della musica riprodotta.

    Post  mr.bean on Tue Aug 04, 2015 6:51 pm

    Passavo di quà...ho letto, e mi sono chiesto..ma questi che stanno dicendo... affraid affraid affraid affraid poi ho pensato...mi faccio una birra sperando che mi dia una mano... sunny sunny sunny sunny


    _________________
    Ogni persona è quello che le circostanze gli permettono di essere ....
                                                                           

    pluto
    Moderatore - discobolo

    Numero di messaggi : 21514
    Data d'iscrizione : 2010-10-05
    Età : 58
    Località : Genova

    Re: I paradossi della musica riprodotta.

    Post  pluto on Tue Aug 04, 2015 6:54 pm

    mr.bean wrote:Passavo di quà...ho letto, e mi sono chiesto..ma questi che stanno dicendo... affraid affraid affraid affraid   poi ho pensato...mi faccio una birra sperando che mi dia una mano... sunny sunny sunny sunny

    Suggerirei magari un cocktail un po' più forte, hai detto mai... magari riesci pure a capire dove si voleva andare a parare

    Giordy60
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8671
    Data d'iscrizione : 2011-02-13
    Età : 56
    Località : prov.Cremona

    Re: I paradossi della musica riprodotta.

    Post  Giordy60 on Tue Aug 04, 2015 6:56 pm

    ueh ! io non ho capito un cass !


    _________________
    la mente è come un paracadute, funziona solo se si apre ( cit. di Albert Einstein )
    Spoiler:

    io ascolto così : Mac-mini + HQPlayer in ramdisk, o WaveLab 7 o izotope RX4 =>cavo di rete =>TP-link mc110cs =>cavo monomodale =>TP-link  mc110cs =>cavo di rete =>Mini PC-Fitlet-b, con WS2012R2, NAD in ramdisk =>interfaccia USB =>nuprime DAC-10 =>monitor attivi Klein+Hummel o410 + sub Neumann Kh o810


    mr.bean
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1246
    Data d'iscrizione : 2009-12-08
    Età : 52
    Località : tra la piadina e il nord - est

    Re: I paradossi della musica riprodotta.

    Post  mr.bean on Tue Aug 04, 2015 6:58 pm



    Mi piace questo forum..tutti pazziarelli,, s'invecchia bene...ogni tanto vado in quello vicino. Ad ogni intervento mi sembra una riunione condominiale..... affraid affraid affraid


    _________________
    Ogni persona è quello che le circostanze gli permettono di essere ....
                                                                           

    mr.bean
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1246
    Data d'iscrizione : 2009-12-08
    Età : 52
    Località : tra la piadina e il nord - est

    Re: I paradossi della musica riprodotta.

    Post  mr.bean on Tue Aug 04, 2015 7:02 pm

    Non mi dite che non riesco a capire perchè uso cose strane...sennò m'incazzo... affraid affraid affraid affraid




    _________________
    Ogni persona è quello che le circostanze gli permettono di essere ....
                                                                           

    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13
    Età : 60
    Località : genova

    Re: I paradossi della musica riprodotta.

    Post  iano on Tue Aug 04, 2015 7:23 pm

    pluto wrote:La prossima volta che vado in Pinacoteca, quasi quasi chiedo di palpeggiare il quadro e di sniffarlo pure. Così non cado nel paradosso

     

    Io mi limito solo a riportare,più o meno malamente, le risultanze di ricerche scientifiche.
    Tu hai fatto una ottima sintesi di quello che volevo dire.
    L'invito è a cercare di dare il nostro contributo di audiofili.
    Di ridiscutere nei nuovi termini proposti dalla ricerca le tante stranezze sensitive di cui sul forum si discute sempre piacevolmente.
    L' esempio della sorprendente qualità audio di un suono riprodotto,quando corredato da relativo video,dovrebbe essere ormai esperienza di tutti.
    Gli scienziati hanno trovato la spiegazione a ciò.
    Nessuna suggestione quindi,ma normale routine per il sistema percettivo.
    Na rivoluzione......

    pluto
    Moderatore - discobolo

    Numero di messaggi : 21514
    Data d'iscrizione : 2010-10-05
    Età : 58
    Località : Genova

    Re: I paradossi della musica riprodotta.

    Post  pluto on Tue Aug 04, 2015 7:32 pm

    iano wrote:
    pluto wrote:La prossima volta che vado in Pinacoteca, quasi quasi chiedo di palpeggiare il quadro e di sniffarlo pure. Così non cado nel paradosso

     
    Hai fatto una ottima sintesi di quello che volevo dire.
    Ma non lo dico io.Sono le risultanze di ricerche scientifiche.
    L'invito è a cercare di dare il nostro contributo di audiofili.
    Di ridiscutere nei nuovi termini proposti dalla ricerca le tante stranezze sensitive di cui sul forum si discute sempre piacevolmente.
    L' esempio della sorprendente qualità audio di un suono riprodotto,quando corredato da relativo video,dovrebbe essere ormai esperienza di tutti.
    Gli scienziati hanno trovato la spiegazione a ciò.
    Nessuna suggestione quindi,ma normale routine per il sistema percettivo.

    Veramente io sostengo il contrario Jano

    Tu hai generalizzato x tutto ed io con una battuta dico che è sbagliato.

    Un profumo si odora non si guarda ne si tocca, idem x il quadro

    il discorso può essere valido solo x i concerti live. Se consideriamo che la gran parte della musica è registrata in studio, mirata ritagliata etc non vedo come la vista possa portare qualcosa di nuovo nella maggior parte dei casi

    Veniamo ai concerti live. Esistono concerti e concerti. Normalmente più effetti pirotecnici ci sono e meno valida è la musica. E questo i tuoi amici scienziati fanno finta di dimenticarlo. Troppo spesso si nascondono le magagne con effetti luci, balletti fumogeni etc.
    Ma non c'era bisogno di scomodare la scienza. I francesi con i loro spettacoli son e lumiere lo sapevano da decenni.

    In un concerto la vista aiuta a completare l'informazione totale. Punto

    Ma la musica resta la musica. Se ha lacune, magagne, mediocrità, esse restano tali. Concordo che vedere su un grande schermo un bel concerto mentre si ascolta con un bell'impianto può essere molto appagante.

    Mi piacciono meno i ghirigori 5+1, 6x8 etc etc. Mi basta un grande schermo in HD e un eccellente impianto stereo. ma questo è un problema mio personale.

    pluto
    Moderatore - discobolo

    Numero di messaggi : 21514
    Data d'iscrizione : 2010-10-05
    Età : 58
    Località : Genova

    Re: I paradossi della musica riprodotta.

    Post  pluto on Tue Aug 04, 2015 7:45 pm

    Vorrei aggiungere che poi non sempre l'associazione di altri sensi migliora l'informazione, anzi molte volte ci portano completamente fuori strada.

    Un banale esempio

    Prendi una stratosferica bottiglia di cristallo Baccarat, mettici dentro il distillato della zia che fa cagher, versalo in un bel Napoleon e vedrai che su 10, solo i veri intenditori capiranno l'inganno.

    Ma se nella bottiglia ci metti uno strepitoso Cognac Gran Reserve, quasi tutti diranno: fantastico

    E solo i veri intenditori apprezzeranno il sublime Cognac se mal trattato in una bottiglia banale e bicchiere non appropriato

    Ergo l'informazione deve sempre passare dal cervello e bisogna che questo funzioni bene. Più informazioni arrivano e più il discorso in teoria è facilitato. Ma quanti sono in grado di discernere, buttare alle ortiche tutte le false informazioni percepite da sensi secondari e focalizzare il fulcro della cosa? Pochini secondo me

    Della serie: siamo tutti un po' boccaloni. Una bella gnocca fa sempre vendere, un concerto di Madonna probabilmente può essere gradevole anche se la musica resta mediocre e lei come cantante è così così.

    Sta a noi non farci fuorviare

    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13
    Età : 60
    Località : genova

    Re: I paradossi della musica riprodotta.

    Post  iano on Tue Aug 04, 2015 8:22 pm

    pluto wrote:

    Ma la musica resta la musica. Se ha lacune, magagne, mediocrità, esse restano tali. Concordo che vedere su un grande schermo un bel concerto mentre si ascolta con un bell'impianto può essere molto appagante.

    Mi piacciono meno i ghirigori 5+1, 6x8 etc etc. Mi basta un grande schermo in HD e un eccellente impianto stereo. ma questo è un problema mio personale.
    Non c'è bisogno di un grande schermo e di sistemi XperY.
    Un vecchio televisorino con i suoi due altoparlantini basta.
    Ascolta un concerto,concentrati sull'assolo di vilino,e lasciati sorprendere dalla relativa qualità del suono.Cioè,non eccelsa in assoluto,ma superiore alle attese.
    Togli il video,e l'audio che rimane fà cagare.Mi piacerebbe sentire uno che facendo questa esperienza non ha provato la stessa sensazione.
    Altra cosa poi è postarla su un forum per essere presi per il culo da tutti.
    Ma adesso che c'è la scienza ufficiale,non amici miei,che confortano ciò che sentiamo,siamo liberi di sbottonarci su tutte ste cose strane che sentiamo,ma non sempre esterniamo.
    Con molta probabilità si potrà trovare per quelle sensazioni una buona spiegazione nel nuovo quadro delle conoscenze sul sistema percettivo.


    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13
    Età : 60
    Località : genova

    Re: I paradossi della musica riprodotta.

    Post  iano on Tue Aug 04, 2015 8:40 pm

    pluto wrote:

    Un banale esempio

    Prendi una stratosferica bottiglia di cristallo Baccarat, mettici dentro il distillato della zia che fa cagher, versalo in un bel Napoleon e vedrai che su 10, solo i veri intenditori capiranno l'inganno.

    Ma se nella bottiglia ci metti uno strepitoso Cognac Gran Reserve, quasi tutti diranno: fantastico

    E solo i veri intenditori apprezzeranno il sublime Cognac se mal trattato in una bottiglia banale e bicchiere non appropriato

    Ergo l'informazione deve sempre passare dal cervello e bisogna che questo funzioni bene. Più informazioni arrivano e più il discorso in teoria è facilitato. Ma quanti sono in grado di discernere, buttare alle ortiche tutte le false informazioni percepite da sensi secondari e focalizzare il fulcro della cosa? Pochini secondo me

    Della serie: siamo tutti un po' boccaloni. Una bella gnocca fa sempre vendere, un concerto di Madonna probabilmente può essere gradevole anche se la musica resta mediocre e lei come cantante è così così.

    Sta a noi non farci fuorviare
    Io parlo di sensi in generale,e questo esempio che fai capita a pennello.
    Descrivi bene l'esperienza,ma sbagli tutte le conclusioni,e le sbagli perchè applichi un quadro di consocenze sul sistema percettivo superato.Il mio è appunto un invito a prendere atto di queste nuove conoscenze,e poi a verificare come nel nuovo quadro meglio si spiegano certe esperienze,che non nel vecchio.
    Nonostante noi non ce ne rendiamo conto,i nostri sensi sono talmente potenti,e il nostro cervello talmente plastico,che possiamo diventare bravi degustatori di Cognac con poche lezioni.
    Puoi cioè educare/istruire il tuo cervello a modificare il tipo di elaborazione che normalmente fà,e gli scienziati hanno verificato che il cervello in questi casi si modifica ad una velocità sorprendente.
    Normalmente però i dati provenienti da tutti i sensi sono utili per interagire col mondo esterno a noi.
    Ma degustare cognac e ascoltare musica riprodotta non sono azioni propriamente legate alla nostra sopravvienza.
    Se però decidiamo che lo siano possiamo educare il cervello a comportarsi diversamente,modificandolo letteralmente.
    Il cervello di un assaggiatore di cognac è diverso da quello di un audiofilo, a causa delle operazioni specifiche e mirate che essi compiono quotidianamente.
    Queste modifiche si pensava prima attenessero solo ai tempi evolutivi,e in certi casi si particolari si ammetteva questa possibilità solo entro i primi sei mesi di vita.
    Oggi si è dimostrato che il cervello mantiene una buona plasticità per sempre.
    Buone notizie per i vecchietti come noi.Rallegrati ordunque,e non esagerare col cognac.

    petrus
    Senny Lover
    Senny Lover

    Numero di messaggi : 3717
    Data d'iscrizione : 2008-12-21

    Re: I paradossi della musica riprodotta.

    Post  petrus on Tue Aug 04, 2015 9:45 pm

    iano wrote:
    Io parlo di sensi in generale,e questo esempio che fai capita a pennello.
    Descrivi bene l'esperienza,ma sbagli tutte le conclusioni,e le sbagli perchè applichi un quadro di consocenze sul sistema percettivo superato.Il mio è appunto un invito a prendere atto di queste nuove conoscenze,e poi a verificare come nel nuovo quadro meglio si spiegano certe esperienze,che non nel vecchio.
    Nonostante noi non ce ne rendiamo conto,i nostri sensi sono talmente potenti,e il nostro cervello talmente plastico,che possiamo diventare bravi degustatori di Cognac con poche lezioni.
    Puoi cioè educare/istruire il tuo cervello a modificare il tipo di elaborazione che normalmente fà,e gli scienziati hanno verificato che il cervello in questi casi si modifica ad una velocità sorprendente.
    Normalmente però i dati provenienti da tutti i sensi sono utili per interagire col mondo esterno a noi.
    Ma degustare cognac e ascoltare musica riprodotta non sono azioni propriamente legate alla nostra sopravvienza.
    Se però decidiamo che lo siano possiamo educare il cervello a comportarsi diversamente,modificandolo letteralmente.
    Il cervello di un assaggiatore di cognac è diverso da quello di un audiofilo, a causa delle operazioni specifiche e mirate che essi compiono quotidianamente.
    Queste modifiche si pensava prima attenessero solo ai tempi evolutivi,e in certi casi si particolari si ammetteva questa possibilità solo entro i primi sei mesi di vita.
    Oggi si è dimostrato che il cervello mantiene una buona plasticità per sempre.
    Buone notizie per i vecchietti come noi.Rallegrati ordunque,e non esagerare col cognac.

    Scusa Iano ma come fosse antani il cervello tapioca e la musica insieme alle immagini sinestesia sinestale giusto ?
    però blinda la supercazzola prematurata una cosa di cognac diversa da audiofilo terapia tapioca, tapioca topaia, no perché fossero evolutivi anche per te o scribi con cofandina per esempio ?
    Solo per capire scusa bitumato o liscio ?

    Lorenzo

      Current date/time is Sun Dec 04, 2016 11:20 pm