Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
Yamamoto A-011
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    Yamamoto A-011

    Share

    phaeton
    Moderatore suonologo
    Moderatore suonologo

    Numero di messaggi : 5695
    Data d'iscrizione : 2010-08-27

    Yamamoto A-011

    Post  phaeton on Tue Aug 11, 2015 9:01 pm

    posto qui perche' la discussione e' il seguito della precedente, ovvero su un ampli a tubi (triodi) in configurazione SE che vada a pilotare una cuffia di impedenza nell'intorno dei 32ohm (ergo utilizzando direttamente le uscite casse, con 8 ohm si avrebbero 1/4 dei watt a 8 ohm)

    siccome l'altra discussione ha preso una piega piu' "generalista", vorrei in questa essere piu' specifico.

    chi usa uno Yamamoto A-011 , magari con uscita 16 ohm e con una cuffia e ce ne parla un po'??

    che differenze (sostanziali) ci sono tra lo A-08S e lo A-011??




    _________________
    Knowledge is based on Experience, Everything else is just Information

    biscottino
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 7695
    Data d'iscrizione : 2010-04-23
    Età : 45
    Località : Gragnano (Napoli)

    Re: Yamamoto A-011

    Post  biscottino on Tue Aug 11, 2015 9:28 pm

    Io ho posseduto l'A08 col suo pre ca04, per avere l'uscita cuffia utilizzavo i trafo MHz.
    All'epoca in casa c'erano cuffie diverse da quelle di adesso.
    Ricordo che con la k1000, si faceva un pò fatica e si era al limite, mentre con la Grado hp2is, riferimento dell'epoca prima di mettere le mani sulla 009, il risultato era/è stato il migliore mai ascoltato con la Hp.
    Nessun ampli, neanche il 2a3 MHz, ha eguagliato quelle prestazioni, forse raggiunte anche per merito del pre.
    Il suono era veloce, dinamico, un medio denso e dotato di grande respiro, e una gamma bassa presente, definita, profonda ma scolpita.
    Ritengo le 45 superiori alle 2a3, almeno per i confronti fatti, la 45 è più reattiva è cattiva della 2a3, io utilizzavo Emission Labs e Sylvania, le prime più adatte alla classica perchè precise e dotate di headstage più ampio, le seconde perfette per il jazz ed altri generi.
    Per far capire meglio, l'effetto sui diffusori era che con le Emission suonava tutto più dietro, le Sylvania spostavano tutto più avanti e con maggior presenza, in cuffia la sensazione era simile.
    Unico neo, un leggero hum di fondo che con alcune incisioni di solo piano, tanto per fare un esempio, dava un pò fastidio.
    Ricordo che all'epoca feci parecchie prove con le raddrizzatrici, per me il top erano le Telefunken rgn1064 versione mesh e con bulbo a lampadina.


    _________________
    Enjoy your head!  

    phaeton
    Moderatore suonologo
    Moderatore suonologo

    Numero di messaggi : 5695
    Data d'iscrizione : 2010-08-27

    Re: Yamamoto A-011

    Post  phaeton on Tue Aug 11, 2015 9:39 pm

    interessante, grazie.

    io lo userei in una configurazione differente, cioe' collegamento diretto al dac (con controllo di volume nel caso A-08S) e uscita a 16 ohm connessa direttamente alle cuffie (quindi avrei circa 1/2 della potenza sulla cuffia, direi perfetto per la HEK con le 2A3, forse un filo tirato con le 45).

    a detta del costruttore il A-011 ha risolto il problema dell'hum, ed e' stato progettato attorno alle Emission Lab (che se non erro sono delle repliche piu' o meno fedeli delle RCA).


    _________________
    Knowledge is based on Experience, Everything else is just Information

    bluenote
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 255
    Data d'iscrizione : 2010-10-10
    Località : Castellammare di Stabia (NA)

    Re: Yamamoto A-011

    Post  bluenote on Tue Aug 11, 2015 10:04 pm

    phaeton wrote:interessante, grazie.

    io lo userei in una configurazione differente, cioe' collegamento diretto al dac (con controllo di volume nel caso A-08S) e uscita a 16 ohm connessa direttamente alle cuffie (quindi avrei circa 1/2 della potenza sulla cuffia, direi perfetto per la HEK con le 2A3, forse un filo tirato con le 45).

    a detta del costruttore il A-011 ha risolto il problema dell'hum, ed e' stato progettato attorno alle Emission Lab (che se non erro sono delle repliche piu' o meno fedeli delle RCA).

    Ciao,
    se hai un dac con controllo di volume puoi anche provare con la HEK questo tipo di collegamento:
    http://www.head-fi.org/g/i/1427878/a/998438/bricasti-m1-dac-impressions/sort/display_order/
    Con il dac Bricasti M1 la qualità ottenuta sembra sia notevole.

    Per quanto riguarda l'Emission Labs posso assicurarti che il suono è molto diverso dalle RCA.

    Per lo hum bisogna invece verificare i valori in uscita sui morsetti dell'amplificatore.
    Io ho lo Yamamoto A-010, quello con le mitiche Western Electric VT52 e ho misurato i valori in uscita che raggiungono il picco massimo di 0.9 millivolt su un canale, secondo le indicazioni di fabbrica sulla disposizione delle valvole finali e di 1.6 invertendole.
    A detta di Lamberti di Megahertz sono valori un po' troppo alti per non sentire lo hum, però non ho ancora avuto modo di verificare con una cuffia adatta.



    _________________
    Ciao
    Maurizio

    biscottino
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 7695
    Data d'iscrizione : 2010-04-23
    Età : 45
    Località : Gragnano (Napoli)

    Re: Yamamoto A-011

    Post  biscottino on Tue Aug 11, 2015 10:07 pm

    Direi una connessione perfetta, l'a11 dovrebbe essere un integrato a tutti gli effetti.
    Personalmente, reputo Yamamoto uno dei brand più interessanti nella realizzazione di ampli a valvole, sono oggetti magnifici nella realizzazione e raffinatissimi nel suono.
    Mike, come mai questa scelta, che condivido appieno, non hai pensato anche al Viva con le 2a3?
    Per le Emission, ti consiglio di puntare alla mesh, ha un suono leggermente più arioso rispetto alla versione con placca no mesh.


    _________________
    Enjoy your head!  

    phaeton
    Moderatore suonologo
    Moderatore suonologo

    Numero di messaggi : 5695
    Data d'iscrizione : 2010-08-27

    Re: Yamamoto A-011

    Post  phaeton on Tue Aug 11, 2015 10:17 pm

    bluenote wrote:

    Ciao,
    se hai un dac con controllo di volume puoi anche provare con la HEK questo tipo di collegamento:
    http://www.head-fi.org/g/i/1427878/a/998438/bricasti-m1-dac-impressions/sort/display_order/
    Con il dac Bricasti M1 la qualità ottenuta sembra sia notevole.

    Per quanto riguarda l'Emission Labs posso assicurarti che il suono è molto diverso dalle RCA.

    Per lo hum bisogna invece verificare i valori in uscita sui morsetti dell'amplificatore.
    Io ho lo Yamamoto A-010, quello con le mitiche Western Electric VT52 e ho misurato i valori in uscita che raggiungono il picco massimo di 0.9 millivolt su un canale, secondo le indicazioni di fabbrica sulla disposizione delle valvole finali e di 1.6 invertendole.
    A detta di Lamberti di Megahertz sono valori un po' troppo alti per non sentire lo hum, però non ho ancora avuto modo di verificare con una cuffia adatta.


    mmhhhhh..... la HEK IMHO ha bisogno di almeno 1W su 32ohm.... difficile trovare un dac con uno stadio di uscita in grado di erogare questa potenza, ma verifichero' se il Vega puo' reggere.

    got it per le EML/RCA (un mio vecchio pusher tedesco, quello che mi ha fornito le TFK per l'Aesthetix, ha lo A-011 cone delle RCA "vere")

    per l'A-011 Yamamoto dichiara 1mV, che a naso mi pare un ottimo valore


    _________________
    Knowledge is based on Experience, Everything else is just Information

    phaeton
    Moderatore suonologo
    Moderatore suonologo

    Numero di messaggi : 5695
    Data d'iscrizione : 2010-08-27

    Re: Yamamoto A-011

    Post  phaeton on Tue Aug 11, 2015 10:24 pm

    biscottino wrote:Direi una connessione perfetta, l'a11 dovrebbe essere un integrato a tutti gli effetti.
    Personalmente, reputo Yamamoto uno dei brand più interessanti nella realizzazione di ampli a valvole, sono oggetti magnifici nella realizzazione e raffinatissimi nel suono.
    Mike, come mai questa scelta, che condivido appieno, non hai pensato anche al Viva con le 2a3?
    Per le Emission, ti consiglio di puntare alla mesh, ha un suono leggermente più arioso rispetto alla versione con placca no mesh.

    eh Sal, ma io ci avevo pensato in realta' (anche spinto dagli ottimi feedback del cagnaccio sull'Egoista) pero' nel sito tra i prodotti ho solo visto ampli ocn le 845, che onestamente mi paiono decisamente sovradimensionate per la HEK.... e' in lavorazione un 2A3??

    per le 2A3, yes sono proprio i tubi consigliati da Mr Yamamoto in persona: "Mr. Shigeki Yamamoto officially recommends the use of the Emission Labs 2A3 mesh tubes for this amplifier." sunny sunny




    _________________
    Knowledge is based on Experience, Everything else is just Information

    bluenote
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 255
    Data d'iscrizione : 2010-10-10
    Località : Castellammare di Stabia (NA)

    Re: Yamamoto A-011

    Post  bluenote on Tue Aug 11, 2015 10:26 pm

    phaeton wrote:
    mmhhhhh..... la HEK IMHO ha bisogno di almeno 1W su 32ohm.... difficile trovare un dac con uno stadio di uscita in grado di erogare questa potenza, ma verifichero' se il Vega puo' reggere.

    got it per le EML/RCA (un mio vecchio pusher tedesco, quello che mi ha fornito le TFK per l'Aesthetix, ha lo A-011 cone delle RCA "vere")

    per l'A-011 Yamamoto dichiara 1mV, che a naso mi pare un ottimo valore

    Il Bricasti sull'uscita bilanciata ha circa 14volt che corrispondono a 2 watt, più che sufficienti per la HEK.

    Nel post 131 di questo thread viene spiegato come deve essere fatto il cavo.
    http://www.head-fi.org/t/636975/bricasti-m1-dac-impressions/120

    Lamberti sostiene che già con 0.5 millivolt si è al limite per un ascolto in cuffia.


    _________________
    Ciao
    Maurizio

    phaeton
    Moderatore suonologo
    Moderatore suonologo

    Numero di messaggi : 5695
    Data d'iscrizione : 2010-08-27

    Re: Yamamoto A-011

    Post  phaeton on Tue Aug 11, 2015 10:36 pm

    bluenote wrote:

    Il Bricasti sull'uscita bilanciata ha circa 14volt che corrispondono a 2 watt, più che sufficienti per la HEK.

    Nel post 131 di questo thread viene spiegato come deve essere fatto il cavo.
    http://www.head-fi.org/t/636975/bricasti-m1-dac-impressions/120

    Lamberti sostiene che già con 0.5 millivolt si è al limite per un ascolto in cuffia.

    14V su che carico?? e' questo il punto, purtroppo.... tipicamente gli stadi di uscita delle sorgenti non sono progettati per pilotare carichi da 32ohm...
    BTW, qui : http://www.bricasti.com/images/stereophile_review.pdf ci sono le misure dell'M1, sul carico standard da 600ohm l'M1 ha 4.3V sulle XLR..... non credo sinceramente possa pilotare in modo adeguato la HEK, ma ovviamente posso sbagliare.......

    cavolo, 0.5mV e' veramente un valore molto basso per un ampli direct heated......... mmmhhhhhhhhhh............


    _________________
    Knowledge is based on Experience, Everything else is just Information

    mariovalvola
    Moderatore In-tubato

    Numero di messaggi : 1079
    Data d'iscrizione : 2014-12-19
    Località : Brescia

    Re: Yamamoto A-011

    Post  mariovalvola on Tue Aug 11, 2015 10:52 pm

    bluenote wrote:Lamberti sostiene che già con 0.5 millivolt si è al limite per un ascolto in cuffia

    Ha perfettamente ragione. La percepibilità è funzione anche della composizione spettrale del rumore.
    Scusate se sembro monocorde ma per darvi un'idea, mediamente con i regolatori citati nell'altra discussione, ottieni 0,1 mV e un modesto autocostruttore, come il sottoscritto, in una versione ora superata del suo ampli cuffie con due DHT per canale, (driver e finale) ha ottenuto un rumore in uscita su ben 300 Ohm pari a 0,015mV (letto da HP34401A).
    Una 45 NOS, ha molto da dire come qualità percepita. Peccato che la distorsione armonica a 1W, senza cancellazione o feedback, non si possa considerare trascurabile (non è una critica). A volte, proprio per questo motivo, il suono prodotto viene particolarmente apprezzato

    biscottino
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 7695
    Data d'iscrizione : 2010-04-23
    Età : 45
    Località : Gragnano (Napoli)

    Re: Yamamoto A-011

    Post  biscottino on Wed Aug 12, 2015 5:28 am

    Mario, quello che dici è assolutamente giusto, anzi, aggiungo, all'epoca visto l'interesse che manifestai per ottenere dal 45 Yammi una uscita cuffia, lo contattai alla sua mail privata spiegandogli la questione.
    Ovviamente non era per niente d'accordo nel ricavare l'uscita cuffia dal suo ampli e mi disse, molto candidamente, che lui un ampli cuffia già lo produceva! sunny
    Egli, sempre nella mail, affermò che lui questi ampli li progettava per casse ad altissima efficienza e che non era possibile amplificarci le cuffie...anche se poi messo sulla hp2, Wow, il risultato era notevolissimo.
    Certo è che, il rumore di fondo, dopo un pò diveniva insostenibile, ed in cuffia non sentivo che quello!
    Non so, ma un bel nero infrastrumentale, fa percepire meglio i dettagli, senza bisogno di alzare neanche tanto il volume.


    _________________
    Enjoy your head!  

    biscottino
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 7695
    Data d'iscrizione : 2010-04-23
    Età : 45
    Località : Gragnano (Napoli)

    Re: Yamamoto A-011

    Post  biscottino on Wed Aug 12, 2015 5:39 am

    Mike, ma un giro al Canjam A Londra non riesci a farlo, vedo nomi molto interessanti....


    _________________
    Enjoy your head!  

    phaeton
    Moderatore suonologo
    Moderatore suonologo

    Numero di messaggi : 5695
    Data d'iscrizione : 2010-08-27

    Re: Yamamoto A-011

    Post  phaeton on Wed Aug 12, 2015 9:46 am

    magari.... in quel periodo saro' in Ungheria, e da li la sett dopo direttamente a Mosca, renewal del visto permettendo.......


    _________________
    Knowledge is based on Experience, Everything else is just Information

    phaeton
    Moderatore suonologo
    Moderatore suonologo

    Numero di messaggi : 5695
    Data d'iscrizione : 2010-08-27

    Re: Yamamoto A-011

    Post  phaeton on Wed Aug 12, 2015 10:11 am

    mariovalvola wrote:

    Ha perfettamente ragione. La percepibilità è funzione anche della composizione spettrale del rumore.
    Scusate se sembro monocorde ma per darvi un'idea, mediamente con i regolatori citati nell'altra discussione, ottieni 0,1 mV e un modesto autocostruttore, come il sottoscritto, in una versione ora superata del suo ampli cuffie con due DHT per canale, (driver e finale) ha ottenuto un rumore in uscita su ben 300 Ohm pari a 0,015mV (letto da HP34401A).
    Una 45 NOS, ha molto da dire come qualità percepita. Peccato che la distorsione armonica a 1W, senza cancellazione o feedback, non si possa considerare trascurabile (non è  una critica). A volte, proprio per questo motivo, il suono prodotto viene particolarmente apprezzato


    al di la della giusta considerazione sulla distribuzione spettrale, il dubbio che viene e' relativo ad una cosa che diceva sempre il mio prof di elettronica analogica: non esiste tanto o poco in assoluto, e' sempre un concetto relativo.

    ovvero, 1mV di residuo di ripple puo' essere tantissimo per un paio di cuffie da 110db/mW e assolutamente irrilevante per un paio di cuffie da 90db......

    ad esempio, le LCDX arrivano a 90db con 70mV, quindi un ripple da 1mv puo' essere fastidioso essendo a -37db, mentre le HEK arrivano a 90db con 290mV, quindi lo stesso ripple da 1mV sta a -49db, sempre un valore abbastanza alto ma molto piu' ragionevole e soprattutto probabilmente non fastidioso (41db di SPL....)

    c'e' poi da considerare che il ripple non varia con il volume....

    insomma, la considerazione e' corretta ma va contestualizzata alla particolare cuffia.



    _________________
    Knowledge is based on Experience, Everything else is just Information

    mariovalvola
    Moderatore In-tubato

    Numero di messaggi : 1079
    Data d'iscrizione : 2014-12-19
    Località : Brescia

    Re: Yamamoto A-011

    Post  mariovalvola on Thu Aug 13, 2015 10:25 am

    D'accordo. Ma:
    Se alzi il carico da 8 a 32 Ohm, probabilmente il rumore risulterà superiore rispetto a quello dichiarato a 8 ohm (che dipende comunque dalle condizioni della tua rete luce e dai tubi impiegati).
    Mi sfugge come hai calcolato la tensione pari a 290 mV per arrivare a 90 dB a 1 mW su 32 Ohm. Sarà il caldo.

    phaeton
    Moderatore suonologo
    Moderatore suonologo

    Numero di messaggi : 5695
    Data d'iscrizione : 2010-08-27

    Re: Yamamoto A-011

    Post  phaeton on Thu Aug 13, 2015 5:08 pm

    non ho calcolato nulla, sono le misure di innerfidelity.
    dove avrei scritto che 290mV sono 90db a 32ohm con 1mW??


    _________________
    Knowledge is based on Experience, Everything else is just Information

    mariovalvola
    Moderatore In-tubato

    Numero di messaggi : 1079
    Data d'iscrizione : 2014-12-19
    Località : Brescia

    Re: Yamamoto A-011

    Post  mariovalvola on Thu Aug 13, 2015 6:24 pm

    phaeton wrote:mentre le HEK arrivano a 90db con 290mV

    Ora, stando a quanto dichiarato dal costruttore per arrivare a 90 dB basterebbe 1 mW e la cuffia si presenta con un carico resistivo intorno ai 32 Ohm. Se le cose stanno così, 290 mV mi sembrano tanti. se, poi, l'efficienza dichiarata risulta "ottimistica", il discorso cambia

    phaeton
    Moderatore suonologo
    Moderatore suonologo

    Numero di messaggi : 5695
    Data d'iscrizione : 2010-08-27

    Re: Yamamoto A-011

    Post  phaeton on Thu Aug 13, 2015 7:08 pm

    la sensibilita' dichiarata delle HiFiman (e di moltissime altre cuffie) e' sempre ottimistica.
    btw hifiman per la HEK dichiara la sensibilita', non l'efficienza.
    in ogni caso conviene sempre riferirsi a misure della stessa fonte (innerfidelity nel caso).


    _________________
    Knowledge is based on Experience, Everything else is just Information

    mariovalvola
    Moderatore In-tubato

    Numero di messaggi : 1079
    Data d'iscrizione : 2014-12-19
    Località : Brescia

    Re: Yamamoto A-011

    Post  mariovalvola on Thu Aug 13, 2015 7:57 pm

    Scusami. Hai ragione. i due parametri sono concettualmente diversi anche se correlati.
    Comunque se le misure stanno nei termini che dici, la differenza tra il dichiarato e il reale risulta piuttosto importante. Bisognerebbe capire se esistono procedure standardizzate di misura.
    Tornando al rumore, essendo in condizioni di silenzio relativamente migliori (rispetto all'ascolto normale  con i diffusori), il rumore lo percepisci con maggiore facilità. Per spiegarmi meglio. Mi era capitato di ascoltare con diffusori dalla sensibilità bassa ( 86 dB/W/m circa) un ampli con le 45 che presentava un livello di rumore simile. Questo "hum" era comunque percepibile.
    Che poi ci siano altri rumori in una registrazione, (il soffio dei microfoni e dei nastri, i rumori ambientali, ecc), ci sta.
    Però meno rumoreggia un ampli per cuffie meglio è. I  veri problemi dei DHT sono altri (la rumorosità derivante dall'accensione dei filamenti, la risolvi):  sono solo più microfonici, non gradiscono, a volte i "pecora chassis" (cit. Nardi), richiedono un'alimentazione più complessa.

    bluenote
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 255
    Data d'iscrizione : 2010-10-10
    Località : Castellammare di Stabia (NA)

    Re: Yamamoto A-011

    Post  bluenote on Fri Aug 14, 2015 1:03 pm

    Grazie a Salvatore "Biscottino", stamattina sono riuscito a provare il finale Yamamoto A010 collegandolo direttamente, tramite i morsetti di uscita, ad una Audeze LCD-X.
    Purtroppo il risultato è stato deludente. Lo hum è molto evidente e quando c'è la musica, come ad esempio nei pianissimo, si avverte. Peccato, perché invece anche con diffusori ad alta efficienza quali i miei (104db), lo hum è quasi inavvertibile.


    _________________
    Ciao
    Maurizio

    phaeton
    Moderatore suonologo
    Moderatore suonologo

    Numero di messaggi : 5695
    Data d'iscrizione : 2010-08-27

    Re: Yamamoto A-011

    Post  phaeton on Fri Aug 14, 2015 4:07 pm

    al di la di tutti i ragionamenti tecnici, era proprio questo quello che stavo aspettando... ovvero una prova pratica, tnks applausi sunny

    anche considerando che l'A-010 e' piu' rumoroso dell'A-011 (vedi prova di stereophile) e che la LCDX e' dannatamente piu' sensibile della HEK (circa +12dbV), la prova fatta e' quantomeno preoccupante..........

    peccato, l'A-011 mi piaceva proprio e mi aveva quasi convinto........... la ricerca continua................


    _________________
    Knowledge is based on Experience, Everything else is just Information

    biscottino
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 7695
    Data d'iscrizione : 2010-04-23
    Età : 45
    Località : Gragnano (Napoli)

    Re: Yamamoto A-011

    Post  biscottino on Fri Aug 14, 2015 4:13 pm

    Appena posso, magari proviamo una hd565.


    _________________
    Enjoy your head!  

    bluenote
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 255
    Data d'iscrizione : 2010-10-10
    Località : Castellammare di Stabia (NA)

    Re: Yamamoto A-011

    Post  bluenote on Fri Aug 14, 2015 4:44 pm

    phaeton wrote:al di la di tutti i ragionamenti tecnici, era proprio questo quello che stavo aspettando... ovvero una prova pratica, tnks applausi sunny

    anche considerando che l'A-010 e' piu' rumoroso dell'A-011 (vedi prova di stereophile) e che la LCDX e' dannatamente piu' sensibile della HEK (circa +12dbV), la prova fatta e' quantomeno preoccupante..........

    peccato, l'A-011 mi piaceva proprio e mi aveva quasi convinto........... la ricerca continua................

    Mi sto sempre più convincendo che ogni amplificatore debba fare quello per cui è stato progettato.
    Avendo avuto anche lo Yamamoto A08s, posso dire che lo hum era minore in questo rispetto all'A010 ... anche se la VT52 è qualcosa di unico, anche rispetto alla 45.

    Sempre restando in casa Yamamoto c'è l'ampli dedicato per cuffia HA03.
    Se non lo vuoi prendere da JacMusic, c'è anche Playstereo che può procurarlo.
    http://www.playstereo.com/product_info.php?products_id=2424

    Non sottovaluterei affatto il bellissimo pentodo C3m Siemens utilizzato, valvola per qualche verso simile, penso, alla meravigliosa EL84, ma sicuramente "mariovalvola" saprà illustrarci a riguardo.
    Sapendo come lavora Mr. Shigeki Yamamoto, dubito che a quel prezzo ci possa essere qualcosa a valvole che vada molto meglio.
    C'è poi il classico triodino di Lamberti (2a3+6sn7) che potrebbe essere un'eccellente alternativa, anche se la fascia di prezzo è un po' più alta.
    Salendo c'è il Viva Egoista, ma lo voglio sempre sentire che suona meglio del 300b+2a3 di Megahertz, che costa, se non ricordo male, anche parecchio meno.
    Sinceramente io comincerei con lo Yamamoto o con un Megahertz Marrano.


    _________________
    Ciao
    Maurizio

    mariovalvola
    Moderatore In-tubato

    Numero di messaggi : 1079
    Data d'iscrizione : 2014-12-19
    Località : Brescia

    Re: Yamamoto A-011

    Post  mariovalvola on Fri Aug 14, 2015 5:56 pm

    Le realizzazioni di Yamamoto sono sempre molto particolari mantenendo un autentico insieme di inedito e di classico. Il pentodo usato come driver di un DHT è stato da molti fortemente osteggiato (anche da nomi italici altisonanti) risulta, a quanto pare, apprezzato comunque da molti. La soluzione si ispira agli albori dell'amplificazione asimmetrica. Non è un caso che la mitica Western Electric utilizzasse un pentodo come driver (we310A) per pilotare addirittura una 300B nel famoso WE91.
    Io non conoscevo l'ampli per cuffie che, come sempre, è bellissimo, ipnotico, opulento come solo la casa giapponese sa fare. L'idea di usare quel pentodo è ottima (io, non l'avrei usata come finale ma c'è sempre da imparare). Forse per un mostro come la HE1000 ci vorrebbe qualcosa di diverso ma non saprei. Sicuramente non hai grossi problemi di rumore.
    Le alternative percorribili sono davvero meravigliosamente infinite. Non esistono solo le "merdine" progettate tanti anni fa essenzialmente a scopo didattico. Se Biscottino sa insinuarsi nei processi mentali di Lamberti, gli suggerisca di usare i Coleman. Per email, posso inviare tutta la documentazione necessaria. Usare driver a riscaldamento diretto (esistono anche pentodi fatti così) potrebbe fare la differenza (se si temono i NOS ci sono sempre i driver EML)
    Lorenzo Betti conosce queste schedine che ripeto, aiutano ad ottenere rumori residui davvero ridotti.
    Se siete in amicizia o in relazione con questi artigiani, sollecitateli e siete a posto.
    Dato che la HE1000 intriga, comunque anche me, quest'autunno chiederò dei preventivi a Monolith magnetics (http://www.monolithmagnetics.com/) per dei trasformatori particolari con secondario eventualmente anche a 30 Ohm. Pensate a un DRD essenziale che potrebbe funzionare facilmente con tubi simili alla 2A3, e tubi più muscolosi come la 300B con pochissime modifiche.
    Un piccolo suggerimento: non trascurate queste NOS: le 6B4G, le 6A3 e le 6S4S ex U.R.S.S.

    carloc
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 11984
    Data d'iscrizione : 2011-07-27
    Località : Busto Arsizio - Sabaudia (Scooterista)

    Re: Yamamoto A-011

    Post  carloc on Fri Aug 14, 2015 6:05 pm

    La 6A3 mi intriga.........ha anche un'impedenza piuttosto bassa e quindi richiede un ferro piuttosto semplice.....


    _________________
    Rem tene verba sequentur

      Current date/time is Fri Dec 02, 2016 8:50 pm