Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
Ampli EstroArmonico OTL Signature
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    Ampli EstroArmonico OTL Signature

    Share

    stec74
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 184
    Data d'iscrizione : 2014-08-29
    Età : 42
    Località : Bologna

    Ampli EstroArmonico OTL Signature

    Post  stec74 on Wed Sep 09, 2015 9:29 pm

    E' passato ormai un anno da quando iniziai a cercare un buon amplificatore per la mia HD800.
    Come ben sapete, un po' perché le varie combinazioni vanno ascoltate (ed è sempre difficile) e un po' perché ero rimasto incantato dal precedente modello
    (vedi qui: http://www.ilgazeboaudiofilo.com/t23716-estro-armonico-otl-sennheiser-hd800 ), la mia scelta è infine caduta sull' Ampli OTL di Estro Armonico.

    Erano i miei primi passi nel mondo dell'Audio con la “A” maiuscola e sono rimasto letteralmente folgorato da quello che ho ascoltato nelle settimane in cui la loro unità di prova mi è stata spedita in valutazione. Tanto da commissionare un nuovo Ampli a Lorenzo Betti e Massimiliano Fraboni e formare un piccolo gruppo d'acquisto per supportarne lo sviluppo.

    L'obbiettivo era creare un oggetto sonicamente simile all'originale, conservando tutto quello che c'era di buono, ossia timbrica, dinamica, trasparenza, velocità, limandone i difetti e migliorandone la versatilità.
    Unica richiesta formale, migliorare un po' il punch per la cuffia con cui andava abbinato, la Sennheiser HD800, cosa che nel modello da me ascoltato era un po' carente.

    E' passato un anno e il nuovo Ampli è qui accanto a me, con le lampadine che scandano come fornetti, in attesa di premere play sul lettore CD.
    Vediamo cos'è cambiato rispetto all'oggetto originale provato un anno fa...



    CARATTERISTICHE TECNICHE DICHIARATE:

    POTENZA: 3.5W su 600 ohm / 1.75W su 300 ohm
    GUADAGNO: 15 db
    RAPPORTO S/N: superiore a 90 db
    RISPOSTA IN FREQUENZA: 5-100.000 Hz
    SENSIBILITA IN: 150 mV
    DIMENSIONI ALIM: 22 L x 30 P x 13 A , 11Kg
    DIMENSIONI AMPLI: 32 L x 30 P x 5.5 A , 4.6Kg
    VALVOLE: pre 2x 6H23 (o ECC88) , finali 2x 5998 , raddrizzatrice 1x 5U4/5931 (GE / Sylvania / Svetlana)

    PREZZO DI LISTINO: 1800E




    COSTRUZIONE:
    Si tratta di un prodotto professionale, progettato in casa ed assemblato artigianalmente a mano.
    Questo è più che evidente nonostante l'aspetto generale molto curato.
    Tuttavia non si tratta di un difetto, bensì di una precisa caratteristica, segno distintivo di ogni elettronica prodotta da questa azienda.
    Ogni aspetto è curato personalmente dal progettista e questo offre una sicurezza qualitativa impareggiabile rispetto ad un qualsiasi progetto meccanizzato.
    Il resto sono solo finezze estetiche.
    Una visita al laboratorio stesso sembra un vero e proprio viggio nel tempo.
    A quando avevamo il tempo anche di pensare e soffermarci un attimo sulle cose, piuttosto che “fare” e basta...



    Partiamo dagli chassis.
    Tecnicamente parlando abbiamo un telaio (progetto originale) in acciaio Inox amagnetico AISI 316 di spessore 20/10 3mm per la testa, con fianchetti in legno massello di 3cm, fondo forato in griglia di alluminio 2mm e 3 piedini. Il collegamento con l'alimentazione avviene tramite un cavo da 1.5mt con connettore powercon.



    Per l'alimentazione è stato impiegato il telaio del Nordlys, altro progetto EA, interamente in alluminio 5mm, 4 piedini e connessioni di alimentazione powercon.

    La prima cosa che salta all'occhio, sono le dimensioni! E qui le foto non rendono giustizia.
    Sia la testa che l'unità di alimentazione sono più del doppio dell'impiantino che ho provato in precedenza. L'alimentatore in paticolare è mastodontico!
    Insomma, 11Kg si sentono e si vedono tutti!  Rolling Eyes
    La potenza è misurabile in 350VA e il peso è notevole, ma tutto considerato ci sta tutto e assume ancor più senso la separazione in due unità distinte.


    Componentistica.
    Non sono un elettronico e non sono in grado di giudicare la qualità del singolo componente, così come non sono in grado di comprendere le logiche progettuali dietro gli abbinamenti tra la suddetta componentistica, ma posso dirvi come è stata scelta!



    Il progetto è molto simile all'originale pertanto, all'inizio, si era parlato semplicemente di migliorare  la qualità dei componenti mantenendo invariato il progetto.
    Stavamo comunque già ragionando in un'ottica di qualità, considerando componenti militari e industriali di alta qualità, benchè abbordabili a livelli di costi finali.

    Man mano che il progetto prendeva forma e venivano effettuati i primi test, Lorenzo ha iniziato ad appassionarsi molto e a rendersi conto che era possibile, con alcuni accorgimenti, semplificare ulteriormente e creare qualcosa di significativamente migliore.

    Da quel momento in avanti si è aperto un lungo periodo di sperimentazioni progettuali e ricerca del componente migliore fino ad una selezione che ha coinvolto persino lo stock personale di Lorenzo stesso, accuratamente selezionato negli anni.

    Il cablaggio, inutile dirlo, è stato realizzato interamente in aria, con cavo 60/40 Rame/Argento solid core.
    Questo cavo viene normalmente utilizzato nel cablaggio areonautico, aerospaziale e navale e rappresenta lo standard in EA.





    Trasformatore ed induttanza sono stati realizzati a mano su specifica, utilizzando lamierini a grani orientati in ferro-silicio al 4%.
    Infine sono stati immersi in bagno d'olio (doppio passaggio), e il trasformatore è stato "catramato" con quello che, a occhio, mi sembra vernice antirombo e montato nel blocco di alimentazione su piedini gommati. Il tutto a netto beneficio delle vibrazioni ;)



    Una precisazione: quando parlo di componentistica militare, non parlo di componenti consumer realizzati su specifiche militari ed acquistabili liberamente.
    Parlo di reali componenti militari, smontati uno ad uno da strumentazioni USA e URSS dismesse ed acquistate in stock direttamente sul posto! Ho lavorato come radarista sulle navi militari per tre anni... stiamo parlando di qualcosa di completamente diverso e realizzato con un unico scopo: funzionare sempre con quelle specifiche, resistere a tutto e non rompersi mai (nelle intenzioni del costruttore, almeno). Non è elettronica di consumo e cambia un tot, credetemi!

    Idem per la componentistica industriale utilizzata.
    Anche qui lo standard è altissimo e si parla di componentistica presa da vecchie apparecchiature scientifiche. Altre cose, inevitabilmente, sono prodotti consumer, ma sempre e comunque di un certo tipo (es, potenziometro alps black beauty e condensatori Mundorf/Jensen).

    Ecco cosa c'è dentro (e fuori) le due scatolette:

    N.4 Ingressi RCA NEUTRIK (GERMANY YARBO in Rodio / custom in Argento su richiesta)
    N.2 Uscite RCA NEUTRIK (GERMANY YARBO in Rodio / custom in Argento su richiesta)
    N.1 Commutatore ingressi FEME con contatti in oro
    N.2 Uscite Cuffia con contatti in argento (Neutrik NJ3FP6C-BAG)
    - Circuitazione PRE-AMPLI, con commutatore e led frontale
    - Connettore di Alimentazione in standard Powercon 20A (con cavo fornito in dotazione) / IEC su richiesta
    N.1 Potenziometro ALPS RK40 Black Beauty logaritmico
    N.2 Condensatori di Uscita Mundorf Supreme Silver/Oil / Jensen con Armature in Rame – 1uF
    N.2 Condensatori elettrolitici switching
    N.2 Valvole finali 5998
    N.2 Valvole pre 6H23 (sostituibili con ECC88)
    N.1 Valvola rettificatrice 5U4 (GE / Sylvania / Svetlana)
    N.1 Manopola Volume in Acciaio Inox, analoga del Nordlys
    - Unità separata di alimentazione da 350VA, con lamierini a grani orientati in ferro-silicio al 4% e avvolgimenti fatti a mano
    - Resistenze kiwame/allen bradley
    - Resistenze catodiche blindate a norme militari DALE (25W/1% di tolleranza)
    - Cablaggio in aria con filo Rame/Argento 60/40 rivestito Teflon
    - Telaio AMPLI in acciaio Inox amagnetico AISI 316 di spessore 20/10 con placca superiore con logo, 3 piedini removibili e fianchetti in legno
    - Telaio ALIMENTAZIONE Nordlys in alluminio alto spessore con placca in acciaio Inox, interruttore principale e led


    SETUP
    Il setup utilizzato nelle prove è il medesimo delle precedenti, con alcune piccole differenze:

    Sonorità utilizzate:
    I miei generi preferiti spaziano dal Rock al Jazz, Blues, senza disdegnare contaminazioni elettroniche e sperimentazioni.
    I CD/SACD utilizzati in questa prova sono i medesimi della recensione del precedente modello, più alcuni file in alta risoluzione, ossia:
    Pink Floid (The Wall / Dark Side of the Moon, CD rimasterizzazione del 2011 di James Guthrie), BB King (Live at the Apollo, CD Incisioni Verve), Dire Straits (Brothers in Arms, SACD), Doug Macleod (There's a Time, HDCD), The Ultimate Chesky Demostration Disk HD Tracks ( http://chesky.com/album/ultimate-demonstration-disc-ud95 ).


    Per la parte elettronica:

    - Lettore Universale Cambridge Audio BD751
    http://www.ultrahighendreview.com/cambridge-audio-azur-751bd-universal-blu-ray-player/

    - Lettore Universale Oppo 105
    http://www.tnt-audio.com/sorgenti/oppo_bdp105.html

    - Lettore digitale FiiO X5 (1°gen)
    http://www.head-fi.org/products/fiio-x5-high-res-portable-music-player/reviews

    - Amplificatore per Cuffia EstroArmonico OTL SIGNATURE
    http://www.estroarmonicoaudio.it/

    - Amplificatore portatile Fiio E12 DIY Limited
    http://www.head-fi.org/products/fiio-e12-diy-limited-edition-portable-amp-headphone-slim-amplifier

    - Cuffia Sennheiser HD800
    http://www.stereo-head.it/2013/07/cuffie-sennheiser-hd800-recensione/

    - Cuffia Sennheiser HD650
    http://www.tnt-audio.com/casse/headphones_test.html


    A completamento del tutto:

    - Cavi di segnale Furutech Monofilare in argento (autocostruiti - singolo monofilo 19AWG 0,9mm schermati con calza in rame e guaina PVC, connettori V&M)
    http://www.furutech.com/2013/01/29/1496/
    http://www.audioselection.it/product.php~idx~~~1924~~V+_+M+CS1032~.html

    - Cavi di segnale Mundorf (autocostruiti - 4 monofili d'argento + 1% oro 24AWG 0,5mm x cavo, intrecciati senza schermatura, connettori V&M)
    http://www.audioselection.it/product.php~idx~~~328~~MUNDORF+SGW+105~.html
    http://www.audioselection.it/product.php~idx~~~1924~~V+_+M+CS1032~.html

    - Cavi di segnale Mundorf (autocostruiti - 4 monofili d'argento + 1% oro 24AWG 0,5mm x cavo, intrecciati con doppia schermatura, connettori WBT Nextgen)
    http://www.audioselection.it/product.php~idx~~~328~~MUNDORF+SGW+105~.html
    http://www.wbtusa.com/pages/0110ags.html

    - Piedini per elettroniche disaccoppianti in ebano con sfera in zirconio V&M SYMBIO P1-33
    http://www.audioselection.it/product.php~idx~~~1742~~V_M+SYMBIO+P1_33~.html

    - Piedini per elettroniche disaccoppianti autocostruiti sul modello V&B
    (corpo in rovere, sfera in Nitruro di Silicio 9.5mm)
    http://www.rgpballs.com/it/prodotti/SFERE/SCELTA-RAPIDA/CERAMICA/sfere-in-nitruro-di-silicio-si3n4

    Bella sorpresa! Il setup migliore in assoluto è emerso essere abbastanza diverso dal precedente, vediamo perché:


    Sorgente.
    Se prima la sorgente migliore era il lettore Oppo, ora è il Cambridge.
    La piacevole sorpresa è che, oltre ad essere il mio lettore di casa, il Cambridge è anche di una generazione precedente rispetto all'Oppo. Il suono è semplicemente più naturale, non saprei come descrivere meglio la cosa. Accanto all'analicità del suono dell'Oppo si avverte una maggiore musicalità.
    Inoltre è stato molto più semplice interfacciare il Cambridge, questa volta.
    Con le prove precedenti, dopo aver collegato l'Oppo ed aver osservato come il suono migliorava rispetto ad una corretta regolazione del volume di uscita del segnale, abbiamo avuto l'impressione che il volume d'uscita fisso del Cambridge fosse troppo alto di fabbrica, rovinando così l'ascolto.
    La sensazione era quella di un suono più gonfio e meno controllato dell'Oppo.
    Ora questa sensazione è completamente sparita dimostrando quanto Cambridge abbia fatto bene con questo lettore!

    Cavi di segnale.
    Il cavo migliore è sempre e comunque il Mundorf autocostruito, qui nella sua versione con doppia schermatura e connettori WBT Nextgen. Rispetto al precedente cavo abbiamo notato una miglior focalizzazione degli strumenti ed una scena nettamente migliore, pertanto questo è il costro cavo di segnale di riferimento.

    Piedinatura.
    I piedini autocostruiti si sono rivelati migliori dei Symbio, non me l'aspettavo proprio!
    In questo setup i Symbio tendono ad asciugare molto, mentre quelli in rovere lasciano tutto inalterando migliorando semplicemente quello che c'è da migliorare... ottimo, a costo quasi zero sono un'affare, corro a costruirne altri !!! :)
    Si vede che l'altro alimentatore beneficiava di questo accorgimento, mentre qui non occorre o, anzi, è deleterio... punterei il dito sulla maggiore trasparenza ed escursione dinamica, i miei amici invece verso i connettori in rodio... tant'è...  sunny



    Anche sotto il lettore CD i nuovi piedini si comportano molto bene.
    Qui ho avuto la sensazione che l'impatto maggiore lo abbia il sistema di dissipazione delle vibrazioni dato delle sferette, più che il tipo di legno, però.

    Per i dettagli sull'autocostruzione di questi piedini e sui principi di funzionamento e scelta dei vari materiali, invito tutti a leggere qui e partecipare alla discussione:
    http://www.ilgazeboaudiofilo.com/t27371-piedini-a-sfere-oscillanti-diy

    Combinazioni valvole rettificatrici e condensatori.
    Parte delicatissima di questa prova e anche quella che ha rubato più tempo in fase di messa a punto finale.
    Come voi saprete certamente meglio di me (io l'ho imparato da poco), il suono di un valvolare di questo tipo è fortemente influenzato dalla resa di alcuni componenti, più che di altri.
    Lasciando perdere per un attimo le valvole Pre e Finali (che qui non andremo a toccare),il mio riferimento va ai condensatori sul segnale e alla valvola rettificatrice nell'alimentazione.

    La giusta combinazione per il “proprio” suono va ricercata, in questo ampli, nella giusta combinazione tra questi due componenti critici.

    Originariamente sono stati impiegati dei Mundorf Supreme Silver Oil e la valvola che, in teoria, garantiva la maggiore erogazione di corrente, la General Electric (si parla comunque, di scarti minimi rispetto alle altre).
    Sulla carta doveva essere la combinazione vincente, ma qualcosa nel suono non mi convinceva e ho voluto provare altre combinazioni.

    Ne ho discusso con Lorenzo Betti e Massimiliano Fraboni e alla fine abbiamo deciso per una giornata di prove a tutto campo direttamente nei loro laboratori.
    Sul tavolo avevamo tutto il necessario: il muletto originale (lo stesso oggetto della scorsa rece) e i due ampli, uno in versione Mundorf (circa 90 ore di rodaggio), l'altro in versione Jensen con armature in rame (circa 80 ore di rodaggio).
    Ecco cosa ne è emerso (voti da 1 a 5 stelle, prendendo come riferimenti della scala il setting iniziale e quello, per me, ottimale) :

    - Mundorf + GE :    *
     Proprio la combinazione che avevo provato all'inizio e che non mi convinceva!
     Troppo asciutta e sparata in alto per me, gli strumenti se la   cavano bene ma le voci perdono dolcezza;

    - Mundorf + Sylvania : **
     Migliora qualcosa sulla dolcezza generale, ma resta un po' troppo spinto sugli alti per i miei gusti;

    - Mundorf + Svetlana : ****
     Migliora ulteriormente, con maggiore dolcezza e corpo. Qui dipende dai gusti personali;

    - Jensen + GE : **
     Strana combinazione, quel che si guadagno con i condensatori lo si perde con la rettificatrice;

    - * Jensen + Sylvania : ****
     Buon abbinamento, nulla da rilevare se non che la scelta dipende dai gusti personali, a me è piaciuta;

    - * Jensen + Svetlana : *****
     Suono pieno e ricco di armoniche.
     Per i miei gusti personali è la combinazione perfetta con qualsiasi genere musicale,
     se la batte con la precedente e con l'abbinata Mundorf-Svetlana;

    Direi che la tabellina parla da sola e non dovreste avere dubbi su cosa mi sono portato a casa!  sunny
    Devo dire che sono rimasto impressionato dalle notevoli differenze che ho riscontrato in tutte queste prove! Ho passato tutto il giorno a scambiare teste, alimentazioni, valvole, condensatori...
    Alla fine della giornata ero completamente fritto, ma devo dire che ne è proprio valsa la pena!
    (Grazie Lorenzo e Massimiliano per la pazienza e la disponibilità!  Embarassed )


    ASCOLTO
    Il parametro più importante di tutti. Ma alla fine, come suona questo Ampli?
    Molto, molto, ma molto BENE ! Siamo rimasti tutti favorevolmente impressionati dai risultati che è  possibile ottenere da questo Ampli, nonché dalla sua versatilità.

    La Svetlana si è rivelata una valvola FAVOLOSA, che posso definire con una sola parola: MUSICALE !
    Passando da GE → Sylvania → Svetlana ho notato un miglioramente proprio in questo.
    Con la GE sembra di avere a che fare con uno stato solido, nell'eccezione fredda ed affilata del termine. Progressivamente, con le altre due, questa situazione migliora sensibilmente e le armoniche cominciano a tornare alla grande!

    I Mundorf mi hanno lasciato un po' perplesso invece, ho fatto molta fatica a capire cosa stavo realmente ascoltando e perchè...
    Nel senso che mi aspettavo un suono molto diverso. Restano iper-analitici come da miglior stato solido moderno, forse anche più dei Jensen, ma anche molto più brillanti di quanto mi aspettassi!
    In abbinata con la GE, infatti, non li ascolti per più di 15min senza affaticamento.
    Gli strumenti sono perfetti, mentre le voci ti affettano le orecchie come rasoi... Quando ho ascoltato per la prima volta questa combinazione non sapevo davvero cosa pensare di quel velo un po' metallico che sembrava aleggiare su tutto. Analicità, trasparenza mostruosa, dettaglio, velocità da stato solido di razza... c'era tutto, ma mancava l'emozione d'ascolto che il precedente modello mi aveva dato!
    Per sincerarci del risultato, le prove sono state effettuate sia con le elettroniche elencate in questa recensione che con un Lector CDP 7 TL Tube.
    Purtroppo nemmeno una sorgente valvolare e notoriamente dolce e ben suonante come questa è stata d'aiuto e questo parametro non è variato di una virgola.

    Il cambio della rettificatrice verso la Svetlana ha cambiato tutto, un passaggio dal giorno alla notte, e come per magia tutto è tornato a suonare alla grande!

    Allora perché preferire i Jensen ai Mundorf?
    Probabilmente è solo questione di gusti personali.
    Ascoltandoli uno accanto all'altro, con gli stessi brani di riferimento mi sono reso conto di preferire un tipo di suono meno analitico e più avvolgente, vellutato.
    Inoltre, i Jensen hanno reso la HD800 più tollerante sulle sibilanti rispetto ai Mundorf.
    Non meno trasparente, attenzione a non confondersi!
    Siamo a livelli di riferimento assoluto su questo parametro!

    Ci sono registrazioni di classica (CD) in cui si sente in lontananza un motorino passare fuori dalla sala e in There's a Time di Doug Macleod (HDCD) si sentono gli scricchiolii della sedia e un (singolo) grillo frinire per alcuni attimi ad intervalli diversi durante un paio di brani (il che mi fa pensare ad una registrazione all'aperto, di sera). In altre si sentono i respiri degli strumentisti negli strumenti a fiato e la pressione dei tasti su sax e tromba, in alcune persino sul pianoforte... impressionante!
    Così come la dinamica, vicina ai limiti teorici, riportando un commento di Lorenzo Betti, si sente tutta!

    Le cattive registrazioni, invece, restano ugualmente pessime... ma tanto chi le vuole ascoltare? ;)

    Comunque, alla fine suonano tutti e due alla grande ed è solo una questione di gusti personali!
    La definizione finale che posso dare è che con i Mundorf l'ago della bilancia fa propendere più verso un'impressione da stato solido, mentre i Jensen riportano il tutto nel reame dei valvolari, entrambi di gran razza!

    Particolarmente illuminante, per me, sono state le tracce in HD del Demo Chesky.
    Per chi non ha mai avuto modo di ascoltarle, tutte le registrazioni presenti sono accompagnate da una voce guida che ci dice dove, come e quando sono state incise, perché sono state proposte, che cosa si vuole evidenziare con ogni pezzo (dinamica, transienti, fuoco, etc) e cosa deve (dovrebbe!) uscire dalle cuffie.
    Devo dire che mi sono molto divertito ad ascoltare questo Demo! Oltre ai pezzi proposti, tutti magnifici, non ho fatto nessuna fatica ad individuare immediatamente la caratteristica che ogni pezzo metteva in evidenza, segno evidente della buona qualità dell'intera catena d'ascolto!
    Tutti gli strumenti erano al loro posto, ben focalizzati e distinti.
    I piani mi sono sembrati corretti, così come la spazialità tridimesionale del palcoscenico.
    In uno dei pezzi, ad esempio, la voce-guida ci dice che sul palcoscenico c'è un solo sassofonista a 3 metri dal microfono e ci dà tutti i riferimenti spaziali riguardo le pareti di fondo e laterali, le dimensioni dello studio, etc... Ed è meraviglioso rendersi conto senza alcuno sforzo che il sax è proprio li, alla stessa distanza indicata, sia da te che dal microfono!
    E che riesci tranquillamente a distinguere le note dalla pressione dei tasti e dal respiro dello strumentista...
    Stesse identiche sensazioni per tutti gli altri brani... secondo me il miglior esempio che si possa fare
    per parlare della correttezza della presentazione delle informazioni da parte di questo Ampli!


    Confronto con il precedente OTL EA. ( http://www.ilgazeboaudiofilo.com/t23716-estro-armonico-otl-sennheiser-hd800 )
    Dietro il modello che mi sono portato a casa c'è una targhetta realizzata appositamente, con la firma serigrafata del progettista. PUNTO, non dovrebbe servire aggiungere altro.
    Quando ne parla, Lorenzo cambia completamente tono di voce e si sentono tutta la passione e il piacere che hanno portato alla realizzazione di questo prodotto. Secondo lui e Massimiliano, questo è l'ampli cuffia più trasparente e ben suonante che sia mai uscito dai loro laboratori.

    Io ho una sola definizione: a wire with gain !
    O, comunque, la cosa in assoluto più vicina a tale definizione che mi sia capitato di ascoltare!

    Il confronto con il precedente modello, semplicemente, non esiste.
    Pensavo che fosse un oggetto fantastico (e lo è !!!) e che di meglio non si potesse fare più di tanto, ma mi sbagliavo alla grandissima perché, in confronto, suona come una radiolina!
    Ed è assolutamente incredibile per me! Avevo afferrato che andasse meglio, ma mai mi sarei aspettato una differenza così abissale!


    Confronto tra HD800 e HD650.
    La scelta di avere due connettori cuffia si è rivelata assolutamente vincente!
    La comodità di non dover staccare continuamente una cuffia per metterne un'altra, mettere in pausa e poi tornare indietro al punto esatto del brano che stavi ascoltando... davvero, non ha prezzo!!!
    Gli ascolti in simultanea fatti così sono stati eccezionali da questo punto di vista, inoltre abbiamo potuto verificare come l'Ampli non abbia fatto una piega, pilotando perfettamente e senza alcuno sforzo due HD800 a qualsiasi volume.

    Nonostante ciò, questo è stato un confronto molto molto difficile.
    Se prima le differenze erano evidenti, ora sono diventate molto sottili davvero!
    Si evince subito la superiorità della HD800, ma la 650 non è più la cuffia che era prima di questo Ampli, adesso Suona (con la “S” maiuscola) davvero come si deve!
    E questa è stata una grossa sorpresa, perché questo Ampli è stato cucito intorno alle HD800 (cuffia che è stata in laboratorio per tutto il tempo necessario), quindi...
    Ora è molto più aperta, luminosa e prestante in basso.
    Sempre su Doug McLoud, la 650 si faceva addirittura preferire per alcuni brani per via dell'impostazione più “old-style” ed adatta al genere musicale, rispetto alla sorella maggiore.

    E la HD800? Ha tirato fuori i muscoli e un basso mostruoso che non credevamo nemmeno lontanamente potesse avere! Davvero, ancora non sapete che basso può avere questa cuffia se pilotata a dovere! Potente, profondissimo, ma fermo e controllato, mai invadente.
    Gli alti e gli altissimi ci sono tutti, dolci e mai affilati o taglienti.
    Le sibilanti sono presenti solo se presenti nelle registrazioni (e, se queste sono di buon livello, non saranno mai fastidiose! :) )
    La gamma media è davvero notevole, una chicca... vi dico solo che le voci sono REALI, VIVE.
    Con entrambe le cuffie, sia quelle femminili che maschili sono da farvi venire la pelle d'oca!

    Se le HD800 sono finalmente davvero in grado di esprimersi a dovere, forse il vero miracolo è la resa con le HD650, per certi versi molto molto vicina alla sorella maggiore.
    Sto seriamente pensando di comprarmene un paio...

    A questo punto sarei curioso di ascoltare qualche altra cuffia, HiFi-Man, Audeze...
    Se tanto mi da tanto questo Ampli può pilotare bene qualsiasi cosa... :)


    DOPO UN PAIO DI MESI...
    * NOTA IMPORTANTE:   al termine di un abbondante rodaggio, a distanza di un paio di mesi circa dai primi ascolti, ho effettuato una nuova serie di prove sostituendo la Svetlana con la Sylvania. Questo perchè il suono dei condensatori è cambiato nel tempo ed ho voluto verificare se le sensazioni iniziali fossero ancora veritiere.

    Ed ecco la grande sorpresa!
    La situazione si è completamente ribaltata a favore della Sylvania, nettamente superiore alla Svetlana a rodaggio ultimato!
    Pensavo di aver trovato la combinazione perfetta, ma mi sbagliavo di grosso, c'era molto ma molto di più !!!
    Ariosa, definita, con un basso altrettanto profondo ma molto più fermo, alti ed altissimi cristallini e mai affilati, anzi, se possibile ancora più rifiniti e addolciti rispetto a prima!
    Ripeto, tanta tanta aria tra gli strumenti e un palcoscenico immenso!
    In confronto la Svetlana ora suona chiusa e "gonfia"!
    Resta una bella valvola, ma il confronto non regge proprio... direi 6 a 10 su una scala di dieci punti, fate voi i vostri conti...
    Evidentemente l'esuberanza e la spinta della Svetlana andavano in qualche modo a compensare delle mancanze di cui non mi ero assolutamente accorto inizialmente.
    Che volete farci, l'esperienza è una cosa che si costruisce con il tempo... segno tutto e poi un giorno me la rigiocherò anche io...  

    Mi permetto, a questo punto, di mettere mano alla tabella sopra e cambiare come segue :

    - Jensen + Svetlana : ****
    Suono pieno e ricco di armoniche.
    E' un'ottima combinazione, con molta spinta soprattutto in basso e compatibile con qualsiasi genere musicale.
    Consiglierei, però, di ascoltarla bene a unità completamente rodata in quanto il suono potrebbe sembrare un po' chiuso e "gonfio",
    soprattutto se paragonato a quello di valvole più "educate" come la Sylvania;

    - Jensen + Sylvania (5U4 standard) : *****
    A rodaggio completato si rivela essere l'abbinamento perfetto!
    Tantissima aria tra gli strumenti, un palcoscenico immenso, bassi profondi e controllatissimi, alti ed altissimi cristallini e mai affilati.
    Una valvola che contribuisce ad un suono molto molto rilassante e, soprattutto, equilibratissimo, esaltando le migliori qualità della HD800
    ma smorzandone qualsiasi difetto ed asprezza;

    Un altro step nel miglioramento del suono di questo ampli l'ho recentemente raggiunto con una splendida rettificatrice Sylvania 5931 Gold della Valvo.
    Un oggetto splendido, in pratica la versione militarizzata della 5U4.

    Rispetto alla precedente Sylvania il balzo è stato notevole!
    Soprattutto per quanto riguarda controllo e compostezza su tutte le frequenze e avvertibile in particolar modo su bassi, alti ed estremi banda.
    Se dovessi usare una sola parola per descriverla la definirei granitica .
    Al confronto, la pur ottima combinazione precedente (con la quale avrei potuto convivere per altri 10 anni, intendiamoci!) appare più "isterica" e meno precisa, perdendo terreno in praticamente tutti i parametri, ove più, ove meno...

    - Jensen + Sylvania (5931 Valvo) : *****(**)
    Per questa combinazione ho dovuto aggiungere non una, ma ben due stelline extra!
    Massima neutralità, controllo e compostezza su tutte le frequenze, soprattutto verso gli estremi banda.
    Suono molto meno "spinto" rispetto alla 5U4 Standard, molto più naturale e piacevole nell'ascolto.
    Al momento non ce n'è per nessuno, questa è LA Rettificatrice per questo Ampli!




    TUBE ROLLING E TIMBRICA
    Vorrei aggiungere una nota su questo argomento.
    Rettificatrice a parte, su questa macchina non è possibile intervenire sulle 5998, ma è possibile sostituire le 6h23 con delle ECC88.
    Mi spiegava Lorenzo che, mentre è solitamente sempre possibile sostituire le ECC88 con le 6h23, non è sempre possibile il contrario.
    Questo dipende dalla quantità di corrente applicata a queste valvole prevista dal progettista e le 6h23 hanno tolleranze molto più alte.

    Nel modello in questione le 6h23 sono sfruttate per un 60% circa, mentre le ECC88 lo sarebbero per un buon 80%, quindi è ancora possibile giocarci un po'  sunny

    Una piccola nota anche sulla timbrica allora...
    Sicuramente molti su questo forum già lo sapranno, ma per me è stata una novità e voglio provare a riportare quel che mi è stato spiegato l'altro giorno: il suono può venire fortemente influenzato anche dalla polarizzazione del driver!
    In soldoni significa che variando la quantità di corrente che viene fornita, in questo caso, alle 6h23 (qui occorre variare il valore della resistenza) si varia anche la timbrica dell'Ampli.
    Non è un intervento che intendo attuare in nessun modo (bisognerebbe anche sapere COSA si sta facendo prima di intervenire in tal senso), ma ne ho parlato perchè rientra nelle flessibilità di quest'Ampli, come credo di tutti gli ampli a valvole in generale, e mi pareva un ulteriore argomento di discussione Embarassed


    CONCLUSIONI
    Come ho già detto, dietro l'Ampli, nascosta quasi con modestia, c'è una targhetta con la firma serigrafata del progettista.



    Trasparenza, trasparenza (non è una ripetizione), dinamica, velocità, focalizzazione degli strumenti, controllo, estremi di banda, ariosità, potenza, componentistica pregiata e ricercata... ce n'è voluto di tempo, ma qui c'è davvero tutto quello che desideravo e molto molto di più!
    Sono soddisfatto, molto soddisfatto, non saprei cos'altro chiedere!
    Perdonate il mio entusiasmo, ma è il mio “giocattolo nuovo” e mi sento davvero come un bambino che ha appena scartato un regalo che chiedeva da un sacco di tempo! :)

    Tornando con i piedi per terra, ho notato che con un po' di rodaggio in più è migliorato, aprendosi ancora un po'... forse ci vorrà ancora qualche ora prima che possa esprimersi al massimo, ma direi che ormai si tratta di dettagli.

    Come ho già detto, siamo tutti rimasti colpiti dalla versatilità di questo Ampli.
    E non parlo solo delle mere possibilità operative, ma anche notevoli differenze ottenibili al variare dei componenti appena citati: condensatori sul segnale e valvola rettificatrice.
    Questo fattore dona a questo Ampli, a mio avviso, una notevole capacità di adattamento all'interno della propria catena audio ed è una cosa non da poco!
    La doppia uscita cuffia, dopo averla provata, non è una cosa a cui rinuncerei mai più, mentre i 4 ingressi e le due uscite mi offrono davvero tutti i collegamenti di cui ho bisogno.

    La sezione Pre è quel qualcosa in più che desideravo e che mi sarà molto comodo quando sostituirò il mio amplificatore attuale con un finale o con un integrato dotato di switching interno.

    Il doppio telaio è un must assoluto.
    I benefici della separazione tra le sezioni di alimentazione e amplificazione sono impareggiabili e non andrebbero sottovalutati rispetto al resto perché, oltre a diminuire peso e ingombri dell'Ampli che andremo poi a posizionare sul nostro mobile, offre un enorme vantaggio sul controllo delle vibrazioni, a beneficio dell'intera catena.

    Critiche, invece, non ne ho.
    In effetti non saprei cosa dire, un po' perché mi manca il confronto con altri oggetti della stessa classe (non esiste l'elettronica definitiva!), un po' perché l'intero mio gruppo d'ascolto non ha avvertito deficit di sorta in nessuna prova affrontata. Ero con gli stessi due amici che mi hanno aiutato a capire come e cosa ascoltare quando ho proposto la recensione dell'altro Ampli tempo fa e nemmeno loro hanno critiche da fare, soprattutto in relazione al costo.
    Ora, non sta certo a me dire se la sua reale classe di appartenenza sia o meno quella dei 1500E (con gruppo d'acquisto, 1800E di listino) pagati per averlo, come ho già detto non sono riuscito a fare altri confronti... ma per chi ha posseduto o ascoltato un precedente ampli cuffia di EA dico solo che, pur restando splendidi oggetti, non esiste confronto!

    Dietro c'è quasi un anno di lavoro per il progettista e di attesa per noi, ma tempo e lavoro sono stati ampiamente ripagati dal risultato!

    In futuro, vista l'esperienza positiva con i cavi di segnale, voglio provare a sostituire almeno una coppia di connetori YARBO in rodio con dei WBT Nextgen in argento e vedere cosa cambia.
    Certamente anche i Mundorf avrebbero beneficiato di un rodaggio molto più lungo e mi piacerebbe anche sperimentare più a fondo e provare i nuovi condensatori Supreme Evo, i Jensen con armature in argento (se la banca mi accetta il mutuo) o qualcos'altro di analogo... :)


    Last edited by stec74 on Thu Oct 01, 2015 12:27 pm; edited 13 times in total


    _________________
    "Ogni uomo e' in potere dei suoi fantasmi
    fino al rintoccar dell'ora in cui la sua umanita' si desta...
    "
    ( William Blake )

    shun0321
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 818
    Data d'iscrizione : 2012-06-18
    Età : 34
    Località : Novara

    Re: Ampli EstroArmonico OTL Signature

    Post  shun0321 on Thu Sep 10, 2015 1:56 am

    bellissima rece!
    un mio amico smadonnava per colpa di quegli otl, gli hanno fatto ritardare la costruzione del suo nordlyst .

    mc 73
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 6700
    Data d'iscrizione : 2012-12-10
    Località : friuli udine e dintorni

    Re: Ampli EstroArmonico OTL Signature

    Post  mc 73 on Thu Sep 10, 2015 8:27 am

    Ottima recensione.
    se ti è possibile prova il tuo impianto cuffie con una sorgente più performante a mio avviso quest'ultima è l'elemento piú importante di tutta la catena.
    l'hd 800 merita anche un cavo piú adeguato.
    saluti


    _________________
    sorgente:Cyrus CD xt signature+ Primare DAC30(by aurion audio )
    amplificatori: MegaHertz Otl a due valvole finali/Marrano custom
    cuffie: Sennheiser hd 800 AIR/ hd 565 ovation/Fostex th-900mk2 AIR/Hifiman he400i
    saluti sunny Michele

    carloc
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 12010
    Data d'iscrizione : 2011-07-27
    Località : Busto Arsizio - Sabaudia (Scooterista)

    Re: Ampli EstroArmonico OTL Signature

    Post  carloc on Thu Sep 10, 2015 9:57 am

    Molto bello!

    Complimenti.


    _________________
    Rem tene verba sequentur

    stec74
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 184
    Data d'iscrizione : 2014-08-29
    Età : 42
    Località : Bologna

    Re: Ampli EstroArmonico OTL Signature

    Post  stec74 on Thu Sep 10, 2015 10:33 am

    shun0321 wrote:bellissima rece!
    un mio amico smadonnava per colpa di quegli otl, gli hanno fatto ritardare la costruzione del suo nordlyst .

    Maddai, davvero? il mondo è davvero piccolo!
    Ormai dovrebbe già averlo il suo nordlys, immagino che vada bene! :)


    _________________
    "Ogni uomo e' in potere dei suoi fantasmi
    fino al rintoccar dell'ora in cui la sua umanita' si desta...
    "
    ( William Blake )

    stec74
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 184
    Data d'iscrizione : 2014-08-29
    Età : 42
    Località : Bologna

    Re: Ampli EstroArmonico OTL Signature

    Post  stec74 on Thu Sep 10, 2015 10:52 am

    mc 73 wrote:Ottima recensione.
    se ti è possibile prova il tuo impianto cuffie con una sorgente più performante a mio avviso quest'ultima è l'elemento piú importante di tutta la catena.
    l'hd 800 merita anche un cavo piú adeguato.
    saluti

    Grazie, ci sarebbe ancora tanto da dire in effetti...
    Sulla sorgente hai assolutamente ragione, ma ti posso dire questo... provandolo con un Lector CDP 7 TL Tube il risultato è rimasto invariato (ora modifico la rece e lo specifico), utilizzando i condensatori Mundorf in abbinamento con la rettificatrice GE, perlomeno sul parametro che cercavamo di correggere, ossia la brillantezza ed iper-analicità della presentazione del messaggio sonoro.

    Ci siamo concentrati su questo e il resto non l'abbiamo per nulla considerato, però questo mi ha fatto capire che ci sono altri parametri altrettanto importanti da considerare: condensatori e rettificatrice.
    Se questi non sono "a posto" di loro, allora tutto il resto viene meno, ecco perchè ho dedicato un paragrafo esclusivamente a questa analisi.

    In seguito il Lector non è più stato disponibile per un confronto e quindi non l'ho nemmeno inserito in recensione... magari più avanti...
    Il cavo della HD800 lo sto valutando proprio in questo periodo, ma devo fare i conti anche con il budget attualmente a disposizione.


    Last edited by stec74 on Thu Sep 10, 2015 5:04 pm; edited 1 time in total


    _________________
    "Ogni uomo e' in potere dei suoi fantasmi
    fino al rintoccar dell'ora in cui la sua umanita' si desta...
    "
    ( William Blake )

    mc 73
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 6700
    Data d'iscrizione : 2012-12-10
    Località : friuli udine e dintorni

    Re: Ampli EstroArmonico OTL Signature

    Post  mc 73 on Thu Sep 10, 2015 11:20 am

    con la sorgente giusta sono sicuro che il tuo impianto farà un ulteriore balzo in avanti verso la qualità.


    _________________
    sorgente:Cyrus CD xt signature+ Primare DAC30(by aurion audio )
    amplificatori: MegaHertz Otl a due valvole finali/Marrano custom
    cuffie: Sennheiser hd 800 AIR/ hd 565 ovation/Fostex th-900mk2 AIR/Hifiman he400i
    saluti sunny Michele

    stec74
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 184
    Data d'iscrizione : 2014-08-29
    Età : 42
    Località : Bologna

    Re: Ampli EstroArmonico OTL Signature

    Post  stec74 on Thu Sep 10, 2015 1:24 pm

    Ragazzi, ho scritto un post dedicato all'autocostruzione dei piedini oscillanti descrivendo principi di funzionamento e considerazioni sui materiali:
    http://www.ilgazeboaudiofilo.com/t27371-piedini-a-sfere-oscillanti-diy

    Ci sono un bel po' di info tecniche sulle vibrazioni e le risonanze di legni e materiali, secondo me l'argomento merita!
    Inoltre funzionano davvero molto bene, la spesa è irrisoria e il tempo per costruirli è davvero minimo... mi sembrava giusto condividere! sunny


    _________________
    "Ogni uomo e' in potere dei suoi fantasmi
    fino al rintoccar dell'ora in cui la sua umanita' si desta...
    "
    ( William Blake )

    Mr.Alexis
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 756
    Data d'iscrizione : 2012-11-28
    Località : Modena

    Re: Ampli EstroArmonico OTL Signature

    Post  Mr.Alexis on Thu Sep 10, 2015 4:10 pm

    Recensione degna di una rivista specializzata,complimenti.....ma soprattutto complimenti per il tuo nuovo ampli,gran bell'oggetto....posso immaginare come ti possa sentire.....peccato solo per la cuffia Laughing .....scherzo ovviamente.....ma come mai ci è voluto un anno per la realizzazione?!Buoni ascolti!


    _________________
    "Ognuno è vittima ed assassino....Francesco de Gregori" Alex

    stec74
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 184
    Data d'iscrizione : 2014-08-29
    Età : 42
    Località : Bologna

    Re: Ampli EstroArmonico OTL Signature

    Post  stec74 on Thu Sep 10, 2015 4:40 pm

    Mr.Alexis wrote:Recensione degna di una rivista specializzata,complimenti.....ma soprattutto complimenti per il tuo nuovo ampli,gran bell'oggetto....posso immaginare come ti possa sentire.....peccato solo per la cuffia Laughing .....scherzo ovviamente.....ma come mai ci è voluto un anno per la realizzazione?!Buoni ascolti!

    Ehh grazie, magari fossi degno di una rivista!  Embarassed
    Ci provo perchè mi piace, ma più che le mie impressioni generali... mi mancano le basi tecniche per molte delle cose che vengono descritte sulle riviste specializzate!
    Comunque...

    C'è voluto un sacco di tempo per molti motivi... uno su tutti, ricercare la componentistica adatta!
    Se hai letto tutto avrai capito che non è proprio materiale che si trova dietro l'angolo e, per un'azienda, assume molto più senso procurarsi le componenti giuste in discrete quantità così da poter replicare l'elettronica in più copie!
    Va da se che se del componente che avevi scelto ne hai solo un pezzo, gli altri potrebbero dover essere cambiati di conseguenza...
    Poi il progetto è stato rivisto inizialmente più volte prima di arrivare alle specifiche definitive.

    Alcune scelte sono state davvero vincenti, ad esempio, come ingressi/uscite, la doppia uscita cuffie e la sezione pre, cose non presenti nel progetto originale.
    Altre, invece, sono state cassate (ti ricordi che nel vecchio thread parlavo dello strumentino da pannello, ad esempio?).
    Un po' perchè noi non abbiamo capito subito cosa volevamo di preciso, un po' perchè poi Lorenzo ci si è appassionato molto e ha migliorato il progetto iniziale innalzando di pari passo anche la qualità dei componenti, magari anche di alcuni che aveva già selezionato in precedenza.
    Il cabinet per l'alimentatore, ad esempio, doveva essere un altro.
    Solo all'ultimo è stato upgradato, quando in EA hanno deciso che questo telaio offriva migliori garanzie sia sul piano delle vibrazioni che su quello della schermatura.

    Poi la messa a punto.
    Il prototipo è una cosa, l'oggetto definitivo un'altra.
    Il banco di misura è una cosa, l'orecchio un'altra!

    Il risultato, però, lo definirei un oggetto maturo, ampiamente fuori dalla fase prototipale che sembrava all'inizio, quasi un anno fa!
    Si è un bell'oggetto, il mio nuovo giocattolino! sunny

    E' esente da difetti? Ovviamente no! Come tutte le cose è un giusto compromesso tra costi ed esigenze.
    Ad esempio ci potevano essere le serigrafie per indicare il numero degli ingressi, i piedini potevano essere più "importanti" (ma io li ho chiesti così proprio perchè fossero facili da sostituire) e i miei amici suggerivano un fondo molto più spesso (quello che c'è è comunque più che funzionale imho, tanto che la testa non risente minimamente dalle vibrazioni), non ha le uscite bilanciate (ma per questo bisognava ricorrere ad un'uscita a trasformatori)...

    Si può sempre migliorare, ma il suo equilibrio generale e, soprattutto, il suono che produce... davvero non offre il fianco a critiche particolari.
    Personalmente, sono molto più che soddisfatto e mi piacerebbe molto confrontarlo con altre cosette in giro per capire la sua reale classe di appartenenza! Rolling Eyes


    _________________
    "Ogni uomo e' in potere dei suoi fantasmi
    fino al rintoccar dell'ora in cui la sua umanita' si desta...
    "
    ( William Blake )

    stec74
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 184
    Data d'iscrizione : 2014-08-29
    Età : 42
    Località : Bologna

    Re: Ampli EstroArmonico OTL Signature

    Post  stec74 on Mon Sep 14, 2015 11:30 am

    TUBE ROLLING E TIMBRICA

    Vorrei aggiungere una nota su questo argomento.
    Su questa macchina non è possibile intervenire sulle 5998, ma è possibile sostituire le 6h23 con delle ECC88.
    Mi spiegava Lorenzo che, mentre è solitamente sempre possibile sostituire le ECC88 con le 6h23, non è sempre possibile il contrario.
    Questo dipende dalla quantità di corrente applicata a queste valvole prevista dal progettista e le 6h23 hanno tolleranze molto più alte.

    Nel modello in questione le 6h23 sono sfruttate per un 60% circa, mentre le ECC88 lo sarebbero per un buon 80%, quindi è ancora possibile giocarci un po' sunny
    Prossimamente uno degli amici con cui ho effettuato le varie sessiosi di test mi porterà delle splendide Mullard Rolling Eyes appena appena rodate da sostituire a quelle di serie...
    Non è detto che suonino meglio, in questa specifica configurazione, ma è una possibilità che vale la pena verificare!

    Una piccola nota anche sulla timbrica allora...
    Sicuramente molti su questo forum già lo sapranno, ma per me è stata una novità e voglio provare a riportare quel che mi è stato spiegato l'altro giorno: il suono può venire fortemente influenzato anche dalla polarizzazione del driver!
    In soldoni significa che variando la quantità di corrente che viene fornita, in questo caso, alle 6h23 (qui occorre variare il valore della resistenza) si varia anche la timbrica dell'Ampli.
    Non è un intervento che intendo attuare in nessun modo (e bisognerebbe anche sapere COSA si sta facendo prima di intervenire in tal senso), ma ne ho parlato perchè rientra nelle flessibilità di quest'Ampli, come credo di tutti gli ampli a valvole in generale, e mi pareva un ulteriore argomento di discussione Embarassed


    _________________
    "Ogni uomo e' in potere dei suoi fantasmi
    fino al rintoccar dell'ora in cui la sua umanita' si desta...
    "
    ( William Blake )

    LuigiPE
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 27
    Data d'iscrizione : 2014-09-11
    Età : 50
    Località : Pescara

    Re: Ampli EstroArmonico OTL Signature

    Post  LuigiPE on Tue Sep 22, 2015 4:54 pm

    Complienti Stefano.
    Mi hai fatto venire la voglia di ascoltarlo...

    stec74
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 184
    Data d'iscrizione : 2014-08-29
    Età : 42
    Località : Bologna

    Re: Ampli EstroArmonico OTL Signature

    Post  stec74 on Thu Sep 24, 2015 3:20 pm

    Ragazzi, c'è una grossa novità!
    Il rodaggio è bello che terminato da un tot ormai e il suono complessivo ne ha giovato parecchio.
    Ma con il tempo mi sono anche un po' assuefatto a certe sensazioni ed ho cominciato a notare alcuni particolari che prima mi erano completamente sfuggiti... fai per il rodaggio un po' incompleto, fai perchè questa rettificatrice ha un suono molto caldo e avvolgente... insomma, mi è venuta la curiosità di tornare indietro e rifare tutti gli ascolti anche con l'altra valvola, la Sylvania, che pur mi era piaciuta ma che avevo deciso di chiudere in un cassetto...

    Ed ecco la grande sorpresa!
    La situazione si è completamente ribaltata a favore della Sylvania, nettamente superiore alla Svetlana a rodaggio ultimato!
    Pensavo di aver trovato la combinazione perfetta, ma mi sbagliavo di grosso, c'era molto ma molto di più !!!
    Ariosa, definita, con un basso altrettanto profondo ma molto più fermo, alti ed altissimi cristallini e mai affilati, anzi, se possibile ancora più rifiniti e addolciti rispetto a prima!
    Ripeto, tanta tanta aria tra gli strumenti e un palcoscenico immenso!
    In confronto la Svetlana ora suona chiusa e "gonfia"!
    Resta una bella valvola, ma il confronto non regge proprio... direi 6 a 10 su una scala di dieci punti, fate voi i vostri conti...
    Evidentemente l'esuberanza e la spinta della Svetlana andavano in qualche modo a compensare delle mancanze di cui non mi ero assolutamente accorto inizialmente.
    Che volete farci, l'esperienza è una cosa che si costruisce con il tempo... segno tutto e poi un giorno me la rigiocherò anche io...  

    Mi permetto, a questo punto, di mettere mano alla tabella e cambiare come segue :

    - Jensen + Svetlana : ****
    Suono pieno e ricco di armoniche.
    E' un'ottima combinazione, con molta spinta soprattutto in basso e compatibile con qualsiasi genere musicale.
    Consiglierei, però, di ascoltarla bene a unità completamente rodata in quanto il suono potrebbe sembrare un po' chiuso e "gonfio",
    soprattutto se paragonato a quello di valvole più "educate" come la Sylvania;

    - Jensen + Sylvania : *****
    A rodaggio completato si rivela essere l'abbinamento perfetto!
    Tantissima aria tra gli strumenti, un palcoscenico immenso, bassi profondi e controllatissimi, alti ed altissimi cristallini e mai affilati.
    Una valvola che contribuisce ad un suono molto molto rilassante e, soprattutto, equilibratissimo, esaltando le migliori qualità della HD800
    ma smorzandone qualsiasi difetto ed asprezza;


    NB. già che c'ero ho aggiornato anche le foto dell'interno dell'alimentatore con quelle definitive :)


    _________________
    "Ogni uomo e' in potere dei suoi fantasmi
    fino al rintoccar dell'ora in cui la sua umanita' si desta...
    "
    ( William Blake )

    Mr.Alexis
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 756
    Data d'iscrizione : 2012-11-28
    Località : Modena

    Re: Ampli EstroArmonico OTL Signature

    Post  Mr.Alexis on Thu Sep 24, 2015 5:50 pm

    Una domanda,forse mi sarà sfuggito ma l'ampli è dotato di trasformatori di interstadio?!Mi sa di no.....

    La Svetlana è una NOS,giusto?


    _________________
    "Ognuno è vittima ed assassino....Francesco de Gregori" Alex

    stec74
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 184
    Data d'iscrizione : 2014-08-29
    Età : 42
    Località : Bologna

    Re: Ampli EstroArmonico OTL Signature

    Post  stec74 on Thu Sep 24, 2015 7:35 pm

    Mr.Alexis wrote:Una domanda,forse mi sarà sfuggito ma l'ampli è dotato di trasformatori di interstadio?!Mi sa di no.....

    La Svetlana è una NOS,giusto?

    Essendo un otl NON ha trasformatori di interstadio.
    Entrambe le rettificatrici e anche tutte le altre balcone utilizzate sono NOS sunny


    _________________
    "Ogni uomo e' in potere dei suoi fantasmi
    fino al rintoccar dell'ora in cui la sua umanita' si desta...
    "
    ( William Blake )

    Mr.Alexis
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 756
    Data d'iscrizione : 2012-11-28
    Località : Modena

    Re: Ampli EstroArmonico OTL Signature

    Post  Mr.Alexis on Thu Sep 24, 2015 11:38 pm

    Ho fatto una domanda stupida dettata solo dalla distrazione,so bene che essendo un OTL non ha trasformatori d'interstadio.....che vergogna Embarassed


    _________________
    "Ognuno è vittima ed assassino....Francesco de Gregori" Alex

    mariovalvola
    Moderatore In-tubato

    Numero di messaggi : 1090
    Data d'iscrizione : 2014-12-19
    Località : Brescia

    Re: Ampli EstroArmonico OTL Signature

    Post  mariovalvola on Fri Sep 25, 2015 6:37 am

    stec74 wrote:Essendo un otl NON ha trasformatori di interstadio.

    OTL, ovvero, Output Transformer Less. Quindi, senza trasformatori d'uscita.
    In astratto, pertanto, ci potrebbe stare un trasformatore interstadio. Per certi versi, avrebbe anche un senso. Non se ne vedono in giro perché, di solito, un buon interstadio, costa di più di un  buon trasformatore d'uscita.  

    stec74
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 184
    Data d'iscrizione : 2014-08-29
    Età : 42
    Località : Bologna

    Re: Ampli EstroArmonico OTL Signature

    Post  stec74 on Thu Oct 01, 2015 12:02 pm

    Ieri ho segnato un altro step nel miglioramento del suono di questo ampli con una splendida rettificatrice Sylvania 5931 Gold della Valvo, nuova di trinca!
    Un oggetto splendido, in pratica la versione militarizzata della 5U4.

    NOTA: primo post aggiornato di conseguenza

    Rispetto alla precedente Sylvania il balzo è stato notevole!
    Soprattutto per quanto riguarda controllo e compostezza su tutte le frequenze e avvertibile in particolar modo su bassi, alti ed estremi banda.
    Se dovessi usare una sola parola per descriverla la definirei "granitica".
    Al confronto, la pur ottima combinazione precedente (con la quale avrei potuto convivere per altri 10 anni, intendiamoci!) appare più "isterica" e meno precisa, perdendo terreno in praticamente tutti i parametri, ove più, ove meno...

    Adesso, con calma, le facciamo anche un bel rodaggio e vediamo dove arriva:  sunny




    Domandina... dal momento che avrò certamente bisogno di una coppia di 5998 di scorta, avete idea se ne sono state prodotte anche da Valvo o Telefunken?
    Magari esiste anche una versione di 5931, sempre prodotta da Telefunken?


    _________________
    "Ogni uomo e' in potere dei suoi fantasmi
    fino al rintoccar dell'ora in cui la sua umanita' si desta...
    "
    ( William Blake )

    Lo Zio
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 369
    Data d'iscrizione : 2010-04-29

    Re: Ampli EstroArmonico OTL Signature

    Post  Lo Zio on Sat Nov 26, 2016 1:39 am

    Ascoltato oggi pomeriggio, a casa di Stefano (stec74).

    Una bomba. Credo, ai limiti della perfezione. Forse ci sarebbero pochi dettagli ancora migliorabili (un po' più di separazione strumentale: a molti so già che parrebbe troppa anche l' attuale), ma il senso di omogeneità, fluidità e coerenza è strabiliante. La dinamica è eccelsa, obiettivamente superiore all' Ado 2012 (che rimane un più che buon ampli) e ben superiore al Lake peolpe G100, che mette in luce i cosiddetti "difetti della HD 800" (in realtà non è vero! La cuffia è perfetta, sono gli amplificatori in affanno).

    Con l' OTL di Betti ho sentito finalmente i tromboni dilagare nello spazio sonoro, invece di rimanere rattrappiti nei recessi orchestrali (problema che aveva in parte l' Ado, ancora di più il Lake people, un prodotto simpatico e a suo modo ben concepito, ma troppo scheletrico e talora asmatico. L' ADO 2012 ha mascherato con ben altra grazia i suoi obiettivi problemi a soddisfare la dinamica tumultuante della HD800). I timpani suonano tellurici esattamente come nell' ascolto dal vivo, i piatti effervescenti e corruschi. L' OTL ha una timbrica più smagliante e luminescente sia dell' ADO che del Lake people! Quindi NON è vero che un OTL, grazie alla sua impedenza di uscita relativamente elevata, addomestica la timbrica della cuffia, copiandone il modulo di impedenza. Il colore strumentale è tutto (ovvero, in ogni frequenza)  più sgargiante con l' OTL e il peso degli strumenti (NON per via di un bilanciamento tonale centrato sul mediobasso, come spesso si confonde) è maggiore, con un corpo più robusto e  strutturato: questo vale sia per i tromboni e la grancassa che per la tromba e il violino (che suonano "più acuti" che nell' ADO 2012 e nel Lake people; più presenti, e PER QUESTO più realistici e aggraziati). I violini echeggiano più "zanzarosi" (per usare un' icastica espressione dell' indimenticato Ziobob86) in parte con l' ADO (che pure è più scuro di entrambi, mantenendo peraltro sempre una grande classe) e ancora di più con il Lake people. Con l' OTL di Betti si avverte  maggiormente la saturazione del suono da parte dell' aria che lo trasmette (sadicamente, mi sono chiesto se non si potrebbe fare ancora meglio).

    Il Lake non è più dinamico dell' ADO (probabilmente il contrario) e rispetto a lui è  meno raffinato (ma non è un cattivo prodotto: è la comparativa a metterlo in svantaggio), oltre a risultare più slavato nella restituzione dei colori (anche se l' ADO è più vellutato).
    Lo stage dell' OTL è molto superiore a entrambi (quello dell' ADO è il più conchiuso). L' aspetto più seducente è che a un certo punto non si capisce nemmeno dove inizi, non riuscendone a tracciare la linea di confine, e i suoni paiono davvero scorrere fuori dalla testa.

    La musica di riferimento è stata l' ouverture del Guglielmo Tell. Riccardo Muti; La Scala; registrazione dal vivo del 1988 (è stato ascoltato anche altro, perfino del blues).

    Poche parole e brevi  per ringraziare l' ospitalità squisita di stefano e la simpatia strabordante di tutti i convenuti.


    Last edited by Lo Zio on Sun Nov 27, 2016 2:08 am; edited 1 time in total

    carloc
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 12010
    Data d'iscrizione : 2011-07-27
    Località : Busto Arsizio - Sabaudia (Scooterista)

    Re: Ampli EstroArmonico OTL Signature

    Post  carloc on Sat Nov 26, 2016 8:42 am

    Hd800 ed ampli OTL......il modo migliore per ascoltarla...IMHO.


    _________________
    Rem tene verba sequentur

    stec74
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 184
    Data d'iscrizione : 2014-08-29
    Età : 42
    Località : Bologna

    Re: Ampli EstroArmonico OTL Signature

    Post  stec74 on Sat Nov 26, 2016 2:05 pm

    Lo Zio wrote:Ascoltato oggi pomeriggio, a casa di Stefano (stec74).

    Una bomba. Credo ai limiti della perfezione. Forse ci sarebbero pochi dettagli ancora migliorabili (un po' più di separazione strumentale: a molti so già che parrebbe troppa anche l' attuale), ma il senso di omogeneità, fluidità e coerenza è strabiliante. La dinamica è eccelsa, obiettivamente superiore all' Ado 2012 (che rimane un più che buon ampli) e ben superiore al Lake peolpe G100, che mette in luce i cosiddetti "difetti della HD 800" (in realtà non è vero! La cuffia è perfetta, sono gli amplificatori in affanno).
    [...]


    Grande Zio!
    Era tanto che non facevamo una giornata d'ascolto come si deve, mi sono proprio divertito!
    Devo dire che ero ragionevolmente sicuro della riuscita del mio OTL, ma "ogni scorfano è bello a mamma sua", si sa.

    Devo dire che sono rimasto piacevolmente colpito dall'ADO.
    Un oggettino davvero ben suonante e molto molto onesto!
    I suoi limiti, alla fine risiedono nella cuffia intorno al quale è stato progettato, con almeno una ventina d'anni sulle spalle
    (in questo momento non ricordo il modello, ma Lo Zio potrà sicuramente far luce in proposito).
    Ovviamente ha reso molto meglio con la HD-650 che non con la HD-800, nessuna sorpresa qui.

    Condivido parzialmente le opinioni di Guido (e di Domenico, altro amico presente alle prove) riguardo il Lake People che a me e agli altri due ragazzi è piaciuto di più rispetto all'ADO, ma penso sia soggettivo. Sarebbe bello vedere un'altra versione di questo ampli costruita per far suonare coffie più recenti.
    Vista la tipologia (amatoriale con pezzi di recupero, se non erro), lo vedrei bene se realizzato sulla base di cuffie molto accessibili a livello di costi, come le Philips Fidelio... mmm...





    Menzione d'onore al DOMA KT1 di Domaudio ( per i dettagli tecnici:   http://www.domaudio.com/filtro-di-rete-doma-kt-1/ ).
    Filtro di rete di grandissima classe che è stato in grado di restituirci una corrente di qualità senza impattare minimamente su dinamica o qualità del suono.
    Il palcoscenico si è allargato davvero molto, stendendosi in tutte e tre le dimensioni, dando una forte sensazione di maggiore spazialità e separazione degli strumenti.
    Il "nero" a me ha dato una sensazione davvero molto più intensa (e già prima era notevole), mentre il resto era esattamente al suo posto!





    Con tutte le proporzioni del caso (stiamo parlando di finezze, seppur di una certa qualità), è stato come salire di almeno una classe di qualità rispetto a ciò che gli Ampli in prova ci hanno fatto ascoltatare fino a quel momento, un miglioramento paragonabile alla sensazione che ho provato cambiando i cavi di segnale con quelli che poi abbiamo battezzato come i migliori del lotto nelle prove precedenti.
    Il che mi ha fatto capire che c'è sempre un certo margine di miglioramento, soprattutto sullo stadio di alimentazione di un oggetto che ormai consideravo definitivo. Molto bene! :)
    Chiariamoci, con un filtro ben fatto un miglioramento è lecito aspettarselo su qualsiasi prodotto, ma quest'oggetto ha apportato un miglioramento all'intera catena che non pensavo possibile!
    Per la serie quando pensi di essere ormai arrivato e poi ti accorgi che c'è sempre qualcosa in più da poter spremere! molto molto bene :)

    Ancora grazie a tutti i presenti e grazie Guido per i complimenti!
    In realtà la giornata è riuscita così bene per merito di tutti, io ero quasi li per caso... ;)


    _________________
    "Ogni uomo e' in potere dei suoi fantasmi
    fino al rintoccar dell'ora in cui la sua umanita' si desta...
    "
    ( William Blake )

    Edmond
    Sordologo

    Numero di messaggi : 8717
    Data d'iscrizione : 2010-04-17
    Località : Brescia

    Re: Ampli EstroArmonico OTL Signature

    Post  Edmond on Mon Nov 28, 2016 7:31 pm

    Ciao Zio, vedo che l’ampli ti è sicuramente piaciuto!  cheers Ma Lorenzo Betti è una certezza...  sunny

    Lo Zio wrote:Una bomba. Credo, ai limiti della perfezione. Forse ci sarebbero pochi dettagli ancora migliorabili (un po' più di separazione strumentale: a molti so già che parrebbe troppa anche l' attuale), ma il senso di omogeneità, fluidità e coerenza è strabiliante. La dinamica è eccelsa, obiettivamente superiore all' Ado 2012 (che rimane un più che buon ampli) e ben superiore al Lake peolpe G100, che mette in luce i cosiddetti "difetti della HD 800" (in realtà non è vero! La cuffia è perfetta, sono gli amplificatori in affanno).
    Credo che sia NETTAMENTE superiore all’ADO in termini di dinamica, trasparenza e erogazione in potenza… Seppure l’ADO sia amplificatore di grande musicalità complessiva. Non lo metto nemmeno a confronto con il Lake People, per rispetto di Lorenzo Betti…

    Lo Zio wrote:Con l' OTL di Betti ho sentito finalmente i tromboni dilagare nello spazio sonoro, invece di rimanere rattrappiti nei recessi orchestrali (problema che aveva in parte l' Ado, ancora di più il Lake people, un prodotto simpatico e a suo modo ben concepito, ma troppo scheletrico e talora asmatico.
    La HD800 ha nel suo DNA questa caratteristica, che, però, deve essere assecondata dal sistema di amplificazione.

    Lo Zio wrote:L' ADO 2012 ha mascherato con ben altra grazia i suoi obiettivi problemi a soddisfare la dinamica tumultuante della HD800). I timpani suonano tellurici esattamente come nell' ascolto dal vivo, i piatti effervescenti e corruschi. L' OTL ha una timbrica più smagliante e luminescente sia dell' ADO che del Lake people! Quindi NON è vero che un OTL, grazie alla sua impedenza di uscita relativamente elevata, addomestica la timbrica della cuffia, copiandone il modulo di impedenza.
    Chi dice questo??? Ho ascoltato molte cuffie con gli OTL e possiedo ancora degli OTL e debbo dire che il pilotaggio è sempre assolutamente trasparente, senza addolcimenti non richiesti. L’OTL rappresenta un pilotaggio assolutamente interessante per le cuffie ad alta impedenza, ma non l’unico. Il pregevolissimo amplificatori di Mariovalvola ne è la prova tangibile…

    Lo Zio wrote:Il colore strumentale è tutto (ovvero, in ogni frequenza)  più sgargiante con l' OTL e il peso degli strumenti (NON per via di un bilanciamento tonale centrato sul mediobasso, come spesso si confonde) è maggiore, con un corpo più robusto e  strutturato: questo vale sia per i tromboni e la grancassa che per la tromba e il violino (che suonano "più acuti" che nell' ADO 2012 e nel Lake people; più presenti, e PER QUESTO più realistici e aggraziati). I violini echeggiano più "zanzarosi" (per usare un' icastica espressione dell' indimenticato Ziobob86) in parte con l' ADO (che pure è più scuro di entrambi, mantenendo peraltro sempre una grande classe) e ancora di più con il Lake people. Con l' OTL di Betti si avverte  maggiormente la saturazione del suono da parte dell' aria che lo trasmette (sadicamente, mi sono chiesto se non si potrebbe fare ancora meglio).
    Ancora, non penso sia possibile chiedere ai due piccoletti una prestazione che non possono fornire…

    Lo Zio wrote:Il Lake non è più dinamico dell' ADO (probabilmente il contrario) e rispetto a lui è  meno raffinato (ma non è un cattivo prodotto: è la comparativa a metterlo in svantaggio), oltre a risultare più slavato nella restituzione dei colori (anche se l' ADO è più vellutato).
    Lo stage dell' OTL è molto superiore a entrambi (quello dell' ADO è il più conchiuso). L' aspetto più seducente è che a un certo punto non si capisce nemmeno dove inizi, non riuscendone a tracciare la linea di confine, e i suoni paiono davvero scorrere fuori dalla testa.
    L’ADO non ha mai avuto, fra le sue caratteristiche, quelle di una scena amplissima. Con le valvole e la HD800 la cosa cambia drasticamente, anche oltre i limiti del realismo da teatro…

    Lo Zio wrote:La musica di riferimento è stata l' ouverture del Guglielmo Tell. Riccardo Muti; La Scala; registrazione dal vivo del 1988 (è stato ascoltato anche altro, perfino del blues).
    Da non credere!!!!!!!!!!!!!!!!! Del blues!!!!!!!!!!  affraid  affraid  affraid

    Dopo tutto il tuo domandare in materia di OTL mi par strano che tu mi dica che questo è il primo che ascolti… Ma ti credo.
    Riguardo all’ascolto della HD800, ritengo che sia magica SOLO con la musica classica. Con altra musica, a meno di un jazz assolutamente “da camera” mostra i suoi limiti di equilibrio tonale e di esagerata ampiezza del palco, ovvero ciò che mi aveva fatto innamorare di questa cuffia…
    Non sono le presunte migliori registrazioni della classica a farla volare con questo genere (altrimenti le pessime incisioni della DG di Von Karajan cadrebbero inevitabilmente davanti alle moltissime superlative incisioni jazz presenti sul mercato).

    Recensione appassionata, Zio!!! applausi


    _________________
    Giorgio
         
     

    Non fateci caso... sono sordo!!! E pure GURU!!! affraid

    Edmond
    Sordologo

    Numero di messaggi : 8717
    Data d'iscrizione : 2010-04-17
    Località : Brescia

    Re: Ampli EstroArmonico OTL Signature

    Post  Edmond on Mon Nov 28, 2016 7:32 pm

    Appro, ma di chi è quel "bestione" di filtro di rete???


    _________________
    Giorgio
         
     

    Non fateci caso... sono sordo!!! E pure GURU!!! affraid

    stec74
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 184
    Data d'iscrizione : 2014-08-29
    Età : 42
    Località : Bologna

    Re: Ampli EstroArmonico OTL Signature

    Post  stec74 on Thu Dec 01, 2016 4:19 pm

    Edmond wrote:Appro, ma di chi è quel "bestione" di filtro di rete???

    Ciao Edmond,
    il "bestione" è una produzione Domaudio e contiene una serie di filtri in parallelo, escludibili su 2 livelli, con riconoscimento automatico della fase e altre fighetterie.
    I miei amici Fabio e Gino ne hanno comprato uno a testa e, dopo averlo ascoltato nei loro impianti, ho chiesto di provarlo anche nel mio.
    Assieme a loro è venuto anche Domenico, il costruttore, che è stato così gentile da unirsi alla giornata di ascolti.
    Se devo essere sincero ho scordato di fare una prova importante, ossia collegare separatamente CD e Ampli per verificare su cosa impattasse maggiormente ma, ti dico, avevamo solo voglia una bella giornata di ascolti in tutto relax! :)


    _________________
    "Ogni uomo e' in potere dei suoi fantasmi
    fino al rintoccar dell'ora in cui la sua umanita' si desta...
    "
    ( William Blake )

    Edmond
    Sordologo

    Numero di messaggi : 8717
    Data d'iscrizione : 2010-04-17
    Località : Brescia

    Re: Ampli EstroArmonico OTL Signature

    Post  Edmond on Thu Dec 01, 2016 6:55 pm

    Bel bestione. Complimenti per il tuo OTL! sunny


    _________________
    Giorgio
         
     

    Non fateci caso... sono sordo!!! E pure GURU!!! affraid

      Current date/time is Sat Dec 10, 2016 5:59 am