Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
Il pilotaggio delle cuffie magnetoplanari - Page 3
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    Il pilotaggio delle cuffie magnetoplanari

    Share

    phaeton
    Moderatore suonologo
    Moderatore suonologo

    Numero di messaggi : 5695
    Data d'iscrizione : 2010-08-27

    Re: Il pilotaggio delle cuffie magnetoplanari

    Post  phaeton on Tue Oct 13, 2015 4:48 pm

    tutte le cuffie (cosi' come tutti i diffusori) sono intrinsecamente bilanciati.... basta separare le masse dei due altoparlanti. a volte per farlo e' necessario un completo ricablaggio, altre volte basta cambiare il connettore da jack a xlr (te ne accorgi se dentro al cavo ci sono 3 fili o 4).... ma se non sei sicuro, lascia perdere sunny sunny sunny

    oDo
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1886
    Data d'iscrizione : 2014-09-23
    Località : Milano

    Re: Il pilotaggio delle cuffie magnetoplanari

    Post  oDo on Tue Oct 13, 2015 5:03 pm

    phaeton wrote:tutte le cuffie (cosi' come tutti i diffusori) sono intrinsecamente bilanciati.... basta separare le masse dei due altoparlanti. a volte per farlo e' necessario un completo ricablaggio, altre volte basta cambiare il connettore da jack a xlr (te ne accorgi se dentro al cavo ci sono 3 fili o 4).... ma se non sei sicuro, lascia perdere sunny sunny sunny


    si, a giudicare dalla foto posatata direi che arrivano 3 fili (destro, sinistro, massa comune) quindi andrebbe aperta e ricablata
    ...boh, magari mi informo sul costo...oppure ne compro una più bella e con le masse separate!

    di sicuro da solo non faccio nulla...vista la mia capacità di saldare, ad andar bene farei solo danni  

    n.enrico
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 268
    Data d'iscrizione : 2015-07-15
    Località : Firenze

    Re: Il pilotaggio delle cuffie magnetoplanari

    Post  n.enrico on Tue Oct 13, 2015 7:26 pm

    phaeton wrote:non si rischia nulla, nei limiti della capacita' della cuffia ovviamente (in altri temrini, quando accendi assicuraati che il volume del pre sia a zero e poi aumenta piano sunny sunny ).
    il cavo e' da costruire, ma e' molto semplice (io uso un normale XLR 4 poli femmina e forcelle)

    il vantaggio con gli ampli per casse e' che tipicamente questi sono in classe AB, e come noto lo switch tra A e B e' dato dalla corrente erogata. ergo sul carico tipico della cuffia anche uno scrauso AB diventa un classe A fino ad insospettabili livelli di potenza sunny sunny
    Grazie Phateon.
    Mannaggia, se avessi l'ampli con le doppie morsettiere di uscita (per 2 coppie di diffusori) mi verrebbero già in mente dei pensieracci  Solo che non mi ci vedo a scollegare ogni volta i diffusori per collegare le cuffie

    Altrimenti avrei giusto giusto un t-amp (6w su 8 ohm) che mi avanza... Rolling Eyes


    _________________
    Multilettore cd/sacd/blu ray: Marantz UD7006 - Lettore CD: Audio Analogue Fortissimo by Airtech - Ampli: Naim Superuniti - Diffusori: Tandberg Studio Monitor.

    phaeton
    Moderatore suonologo
    Moderatore suonologo

    Numero di messaggi : 5695
    Data d'iscrizione : 2010-08-27

    Re: Il pilotaggio delle cuffie magnetoplanari

    Post  phaeton on Tue Oct 13, 2015 8:10 pm

    umh... ecco, con i classe D starei attento, alcuni hanno problemi (risonanze e instabilita') con carichi troppo alti.... pero' provare non costa nulla (a parte il cavetto sunny )


    _________________
    Knowledge is based on Experience, Everything else is just Information

    daniele86
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 269
    Data d'iscrizione : 2012-05-28
    Località : Mantova

    Re: Il pilotaggio delle cuffie magnetoplanari

    Post  daniele86 on Tue Oct 13, 2015 8:18 pm

    phaeton wrote:


    il punto cruciale delle orto e' la sensibilita', non c'e' molto altro da dire. se ho una cuffia da 100dB e una da 90dB, per avere la stessa dinamica e impatto (e controllo aggiungo) in basso occorre nel secondo caso una potenza 10 volte piu' alta. questo in termini assoluti e' gia' difficile, ma se poi consideriamo i temrini relativi, ovvero la base di partenza, occorrono ampli cuffie in grado di erogare 10W invece che 1W, che per la tipologia di ampli e' una enormita'. e la HE6 ha 83dB...... ecco perche' le orto vanno benissimo con ampli x diffusori. occhio che ho parlato di dinamica e impatto, una orto e' in grado di raggiungere un ottimo RMS anche con ampli asfittici, ma poi non hai ne dinamica ne impatto, e sbagliando si da la colpa alla cuffia.

    ovviamente una volta capito il discorso potenza, il discorso corrente va da se. essendo quasi puramente resistiva il conto e' facile.

    per il problema del controllo in basso, il discorso sarebbe veramente troppo lungo. diciamo solo che potenza e controllo in basso sono due cose teoricamente slegate. la prima decide la dinamica e l'impatto, la seconda e' decisa dal fattore di smorzamento, ovvero in pratica quanto l'ampli riesce a controllare e smorzare le le oscillazioni spurie della membrana.
    basta pensare che un ampli con la stessa identica potenza, con la stessa identica topologia e stessi identici componenti, puo' avere una bassa (addirittura negativa) o alta resistenza di uscita a seconda del GNFB applicato.
    .....

    Credo che il problema delle orto è, oltre alla sensibilità, anche l'impedenza (resistenza in questo caso). Avere una bassa sensibilità necessita uno swing di tensione elevato, che unito alla bassa impedenza comporta una più alta richiesta di corrente. Per questo motivo tali cuffie hanno bisogno di amplificatori performanti sia a livello di tensione sia di corrente erogata. E qui sta la difficoltà di un corretto pilotaggio delle orto.. Sbaglio?

    Mi stavo chiedendo come è possibile avere una resistenza di uscita negativa..una V(I) decrescente? A livello teorico considerando il primo quadrante, una retta che rappresenta la tensione in funzione della corrente con coefficiente negativo rappresenta una resistenza negativa. Ma a livello pratico in un amplificatore come può avvenire?


    _________________
    Udoo+Volumio ->  γ3  -> β22 Balanced -> he500

    phaeton
    Moderatore suonologo
    Moderatore suonologo

    Numero di messaggi : 5695
    Data d'iscrizione : 2010-08-27

    Re: Il pilotaggio delle cuffie magnetoplanari

    Post  phaeton on Tue Oct 13, 2015 10:39 pm

    si, corretto il ragionamento sullo swing di tensione e corrente, quello che volevo evidenziare era che la tabellina di HF e' fuorviante perche' il modulo dell'impedenza di una bobina mobile e' tutt'altro che costante, e quindi non si puo' paragonare la resistenza di una orto alla impedenza a 1kHz di una bobina mobile....

    per la resistenza negativa, in realta' e' facile, basta che pensi a come si modifica la Rout(f) al variare del GNFB, o se preferisci a come si spostano i poli/zeri della funzione di trasferimento sul piano complesso al variare della frequenza in funzione della GNFB. con alti tassi di GNFB puoi avere che in alta frequenza al diminuire della tensione hai un aumento di corrente, ovvero in altri termini dV/dI e' negativo, cioe' Rout negativa. e' ovviamente artificosa, e' "generata" dalla reazione negativa tensione-corrente in-out, ma esiste ed e' misurabile.


    _________________
    Knowledge is based on Experience, Everything else is just Information

    lizard
    Pop Music Expert

    Numero di messaggi : 6362
    Data d'iscrizione : 2009-11-06
    Località : Augusta Taurinorum

    Re: Il pilotaggio delle cuffie magnetoplanari

    Post  lizard on Wed Oct 14, 2015 9:47 am

    daniele86 wrote:
    Credo che il problema delle orto è, oltre alla sensibilità, anche l'impedenza (resistenza in questo caso). Avere una bassa sensibilità necessita uno swing di tensione elevato, che unito alla bassa impedenza comporta una più alta richiesta di corrente. Per questo motivo tali cuffie hanno bisogno di amplificatori performanti sia a livello di tensione sia di corrente erogata. E qui sta la difficoltà di un corretto pilotaggio delle orto..
    ma no..
    si pilotano col melafonino !!

    montanari
    Moderatore mercatino

    Numero di messaggi : 5858
    Data d'iscrizione : 2011-04-06
    Età : 37
    Località : Morciano di R. - vespista

    Re: Il pilotaggio delle cuffie magnetoplanari

    Post  montanari on Wed Oct 14, 2015 10:07 am

    phaeton wrote:

    il vantaggio con gli ampli per casse e' che tipicamente questi sono in classe AB, e come noto lo switch tra A e B e' dato dalla corrente erogata. ergo sul carico tipico della cuffia anche uno scrauso AB diventa un classe A fino ad insospettabili livelli di potenza sunny sunny

    Se un amplificatore lavora in classe A esempio i primi 20w diciamo (a pelle mi viene da pensare siano quasi sempre meno)
    E mettiamo sia completamente lineare(impossibile)
    20W su 8ohm
    40w su 4ohm
    10w su 16
    5 su 32
    2.5 su 64
    1.25 su 120
    Circa
    Siamo quasi al limite, ed è molto probabile lavori in classe AB
    per me molto meglio in classe A e bon
    Il mio sogno(dei poveri) : kelvin labs the integrated


    _________________
    le spese grosse le facevo per i vinili o se non sono in flac godi solo la metà

    phaeton
    Moderatore suonologo
    Moderatore suonologo

    Numero di messaggi : 5695
    Data d'iscrizione : 2010-08-27

    Re: Il pilotaggio delle cuffie magnetoplanari

    Post  phaeton on Wed Oct 14, 2015 11:08 am

    montanari wrote:

    Se un amplificatore lavora in classe A esempio i primi 20w diciamo (a pelle mi viene da pensare siano quasi sempre meno)
    E mettiamo sia completamente lineare(impossibile)
    20W su 8ohm
    40w su 4ohm
    10w su 16
    5 su 32
    2.5 su 64
    1.25 su 120
    Circa
    Siamo quasi al limite, ed è molto probabile lavori in classe AB
    per me molto meglio in classe A e bon
    Il mio sogno(dei poveri) : kelvin labs the integrated


    ehhhh.... non e' proprio cosi'

    il comportamento di un ampli in classe A e' sempre stata la mia doamnda preferita quando facevo l'assistente, e il 90% dei studentelli o non rispondeva (meglio, vuol dire che ci stava ragionando) oppure rispondeva come te

    un ampli AB resta in A finche la corrente erogata e' minore delal polarizzazione. ergo quello che definisce il comportamento e' la corrente, non la tensione (come implicitamente hai supposto nel tuo schemino)

    prendiamo un esempio concreto. il mio Pass X150.5 eroga su 8ohm circa 1W in classe A SE, circa 15W in classe A PP, circa 150W in classe B. lasciamo perdere il discorso SE/PP e consideriamo solo A PP, ergo circa 1.4A di polarizzazione "RMS" (lo so che e' sbagliato, ma mi serve per i conti sulla potenza RMS, per i puristi c'e' un fattore sqr2 di mezzo).
    quindi la potenza erogata in classe A e':
    8ohm, 15W
    16ohm, 30W
    32ohm, 37.5W

    come come???? la potenza aumenta all'aumentare del carico???? mi sta prendendo in giro prof?? (e qui scattava direttamente il "torni alla prossima sessione")
    no, la potenza massima correttamente diminuisce all'aumentare del carico perche' l'ampli sta lavorando in saturazione di tensione, e' la percentuale di potenza che l'ampli puo' erogare in classe A che sta aumentando sunny sunny sunny
    domandina: perche' a 32ohm e' 37W e non 60W??

    btw, nel mio caso specifico la potenza in A SE e':
    8ohm, 1W
    16ohm, 2W
    32ohm, 4W
    64ohm, 8W

    e infatti la HE6 suona molto benecol Pass


    _________________
    Knowledge is based on Experience, Everything else is just Information

    montanari
    Moderatore mercatino

    Numero di messaggi : 5858
    Data d'iscrizione : 2011-04-06
    Età : 37
    Località : Morciano di R. - vespista

    Re: Il pilotaggio delle cuffie magnetoplanari

    Post  montanari on Wed Oct 14, 2015 11:54 am

    bocciato
    non lo so
    ho letto la spiegazione 3 volte non l ho capita!
    non torno manco alla prossima sessione!
    grazie


    _________________
    le spese grosse le facevo per i vinili o se non sono in flac godi solo la metà

    montanari
    Moderatore mercatino

    Numero di messaggi : 5858
    Data d'iscrizione : 2011-04-06
    Età : 37
    Località : Morciano di R. - vespista

    Re: Il pilotaggio delle cuffie magnetoplanari

    Post  montanari on Wed Oct 14, 2015 11:56 am

    perchè con l aumentare della impedenza si dissipa più calore e quindi vengono erogati meno watt
    cioeè essendo meno efficiente.. non lo so!


    _________________
    le spese grosse le facevo per i vinili o se non sono in flac godi solo la metà

    phaeton
    Moderatore suonologo
    Moderatore suonologo

    Numero di messaggi : 5695
    Data d'iscrizione : 2010-08-27

    Re: Il pilotaggio delle cuffie magnetoplanari

    Post  phaeton on Wed Oct 14, 2015 12:05 pm

    facciamola semplice, se ti fidi.
    supponi di avere un ampli in classe AB con un certo numero di W in classe A su 8ohm, diciamo 1W, e un certo numero di W in classe B (cioe' la pot max) sempre su 8 ohm, diciamo 100W.
    la potenza max dell'ampli dimezza al raddoppiare del carico, come giustamente hai evidenziato piu' sopra.
    la PERCENTUALE di tale potenza erogata in classe A invece raddoppia al raddoppiare del carico, finhe' ovviamente non si raggiunge la pot max.
    ovvero:
    8ohm, 1W, 100W
    16ohm, 2W, 50W
    32ohm, 4W, 25W
    64ohm, 8W, 12.5W
    128ohm, 6W, 6W
    etc

    OVVIAMENTE (e ribadisco OVVIAMENTE) il discorso e' completamente diverso se si parla di un classe A puro (SE o PP).


    _________________
    Knowledge is based on Experience, Everything else is just Information

    n.enrico
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 268
    Data d'iscrizione : 2015-07-15
    Località : Firenze

    Re: Il pilotaggio delle cuffie magnetoplanari

    Post  n.enrico on Wed Oct 14, 2015 12:20 pm

    Discussione interessantissima anche se non ci sto capendo nulla

    Appena arriverà la nuova cuffia verificherò come funziona l'uscita cuffia dell'ampli e, se non si dimostrasse all'altezza, prima di acquistare un ampli dedicato, proverò di sicuro a collegarla ai morsetti dei diffusori.


    _________________
    Multilettore cd/sacd/blu ray: Marantz UD7006 - Lettore CD: Audio Analogue Fortissimo by Airtech - Ampli: Naim Superuniti - Diffusori: Tandberg Studio Monitor.

    montanari
    Moderatore mercatino

    Numero di messaggi : 5858
    Data d'iscrizione : 2011-04-06
    Età : 37
    Località : Morciano di R. - vespista

    Re: Il pilotaggio delle cuffie magnetoplanari

    Post  montanari on Wed Oct 14, 2015 12:25 pm

    forse ho capito
    più lo spingi più i W che lavorano sono in classe A


    _________________
    le spese grosse le facevo per i vinili o se non sono in flac godi solo la metà

    phaeton
    Moderatore suonologo
    Moderatore suonologo

    Numero di messaggi : 5695
    Data d'iscrizione : 2010-08-27

    Re: Il pilotaggio delle cuffie magnetoplanari

    Post  phaeton on Wed Oct 14, 2015 12:56 pm

    promosso... diciamo un 18 pelo pelo affraid affraid


    _________________
    Knowledge is based on Experience, Everything else is just Information

    Ivanhoe
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1494
    Data d'iscrizione : 2012-10-30
    Località : ad Est

    Re: Il pilotaggio delle cuffie magnetoplanari

    Post  Ivanhoe on Wed Oct 14, 2015 7:04 pm

    Tutto chiaro.. santa

    Mi diverto più a sperimentare, così mi sono preso un Xcan V8p per provare come suona lo stesso circuito del V2 implementato per uscire a 2ohm invece che a 40ohm. Premessa: il dac incorporato è il peggio dac che abbia mai ascoltato, neanche i cinesi da 10 dollari! Poi, acceso da 30 minuti, pochi per le valvole? sì che palle, devo aspettare altri 30 minuti perchè inizi a suonare un pò.

    Quindi con la k340 ora il coefficiente di smorzamento è più di 200!
    Sintetico, con le 400i suona ed ha un suono completamente diverso dal V2, ma non mi piace affatto, suona meglio attaccata al tablet della Tesco.

    Con la k340, mi aspettavo suonasse male e invece è super! Headstage, neutrale, anche raffinato e molto più dolce, direi "valvolare". Considerato che ha le sue valvole originali ci sono discreti margini di cambiamento. Rispetto al V2 il basso meno incisivo, la manopola va fino ad ore 2, ma  il basso guadagna di  controllo neutralità.

    Insomma non è un problema di Watt, non credo che la He400i consumi più della k340, dipende proprio da come si interfacciano le macchine: una cuffia un ampli?



    PS suona meglio dopo due ore di riscaldamento, per questo non mi piacciono le valvole


    Last edited by forestitalia on Wed Oct 14, 2015 7:33 pm; edited 1 time in total


    _________________
    If Music be the food of Love, play on

    carloc
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 11990
    Data d'iscrizione : 2011-07-27
    Località : Busto Arsizio - Sabaudia (Scooterista)

    Re: Il pilotaggio delle cuffie magnetoplanari

    Post  carloc on Wed Oct 14, 2015 7:09 pm

    Guarda che le valvole dopo 10 minuti sono al massimo.
    Sono i circuiti a SS e quelli digitali che richiedono di essere in temperatura da tempo per suonare al meglio.


    _________________
    Rem tene verba sequentur

    biscottino
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 7702
    Data d'iscrizione : 2010-04-23
    Età : 45
    Località : Gragnano (Napoli)

    Re: Il pilotaggio delle cuffie magnetoplanari

    Post  biscottino on Wed Oct 14, 2015 7:16 pm

    carloc wrote:Guarda che le valvole dopo 10 minuti sono al massimo.
    Sono i circuiti a SS e quelli digitali che richiedono di essere in temperatura da tempo per suonare al meglio.

    Vero, il Bryston suonava bene se lo lasciavo acceso dalla mattina.... Laughing


    _________________
    Enjoy your head!  

    Ivanhoe
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1494
    Data d'iscrizione : 2012-10-30
    Località : ad Est

    Re: Il pilotaggio delle cuffie magnetoplanari

    Post  Ivanhoe on Wed Oct 14, 2015 7:32 pm

    carloc wrote:Guarda che le valvole dopo 10 minuti sono al massimo.
    Sono i circuiti a SS e quelli digitali che richiedono di essere in temperatura da tempo per suonare al meglio.

    Ho avuto ss e non ci mettevano così tanto, forse questo che è ibrido è peggio?


    _________________
    If Music be the food of Love, play on

    mc 73
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 6674
    Data d'iscrizione : 2012-12-10
    Località : friuli udine e dintorni

    Re: Il pilotaggio delle cuffie magnetoplanari

    Post  mc 73 on Wed Oct 14, 2015 7:39 pm

    forestitalia wrote:

    Ho avuto ss e non ci mettevano così tanto, forse questo che è ibrido è peggio?

    se la sezione finale è in classe a ci mette parecchio a rendere al massimo.


    _________________
    sorgente:Cyrus CD xt signature+ Primare DAC30(by aurion audio )
    amplificatori: MegaHertz Otl a due valvole finali/Marrano custom
    cuffie: Sennheiser hd 800 AIR/ hd 565 ovation/Fostex th-900mk2 AIR/Hifiman he400i
    saluti sunny Michele

    Ivanhoe
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1494
    Data d'iscrizione : 2012-10-30
    Località : ad Est

    Re: Il pilotaggio delle cuffie magnetoplanari

    Post  Ivanhoe on Wed Oct 14, 2015 7:56 pm

    mc 73 wrote:

    se la sezione finale è in classe a ci mette parecchio a rendere al massimo.

    Class A dual mono, in realtà non si scalda tanto, l'esterno rimane appena tiepido, forse per questo all'inizio ci impiega tanto ad andare in esercizio.


    _________________
    If Music be the food of Love, play on

    mc 73
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 6674
    Data d'iscrizione : 2012-12-10
    Località : friuli udine e dintorni

    Re: Il pilotaggio delle cuffie magnetoplanari

    Post  mc 73 on Wed Oct 14, 2015 8:04 pm

    forestitalia wrote:

    Class A dual mono, in realtà non si scalda tanto, l'esterno rimane appena tiepido, forse per questo all'inizio ci impiega tanto ad andare in esercizio.
    guarda io ho dei finali mono della stessa marca,
    x rendere a sufficienza devono essere accesi da almeno una mezz'ora...
    ma il massimo lo danno dopo un paio d'ore di funzionamento,quando sono caldissimi.


    _________________
    sorgente:Cyrus CD xt signature+ Primare DAC30(by aurion audio )
    amplificatori: MegaHertz Otl a due valvole finali/Marrano custom
    cuffie: Sennheiser hd 800 AIR/ hd 565 ovation/Fostex th-900mk2 AIR/Hifiman he400i
    saluti sunny Michele

    pgragnani2
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 311
    Data d'iscrizione : 2013-09-17

    Re: Il pilotaggio delle cuffie magnetoplanari

    Post  pgragnani2 on Wed Oct 14, 2015 9:22 pm

    Bella discussione applausi

    shun0321
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 818
    Data d'iscrizione : 2012-06-18
    Età : 34
    Località : Novara

    Re: Il pilotaggio delle cuffie magnetoplanari

    Post  shun0321 on Wed Oct 14, 2015 9:32 pm

    phaeton wrote:

    solo un commento sul thread di HF citato. come scritto dall'autore, e' uno studio puramente teorico, e si basa sulla "resistenza" nominale della cuffia. uso il termine resistenza e non impedenza perche' e' questo che l'autore ha ipotizzato. il problema e' che mentre per le orto la cosa puo' avere un senso perche' l'impedenza e' per l'appunto quasi puramente resistiva, per le classiche bobina mobile non e' affatto cosi', anzi.... , e assumere che l'impedenza a 1KHz sia rappresentativa di tutto lo spettro e' largamente fuorviante. ergo, quella lista dice molto poco, e quel che dice e' inutile nel caso bobina mobile, dove le correnti (soprattutto in basso e soprattutto in regime dinamico) sono largamente sottostimate.

    il punto cruciale delle orto e' la sensibilita', non c'e' molto altro da dire. se ho una cuffia da 100dB e una da 90dB, per avere la stessa dinamica e impatto (e controllo aggiungo) in basso occorre nel secondo caso una potenza 10 volte piu' alta. questo in termini assoluti e' gia' difficile, ma se poi consideriamo i temrini relativi, ovvero la base di partenza, occorrono ampli cuffie in grado di erogare 10W invece che 1W, che per la tipologia di ampli e' una enormita'. e la HE6 ha 83dB...... ecco perche' le orto vanno benissimo con ampli x diffusori. occhio che ho parlato di dinamica e impatto, una orto e' in grado di raggiungere un ottimo RMS anche con ampli asfittici, ma poi non hai ne dinamica ne impatto, e sbagliando si da la colpa alla cuffia.

    ovviamente una volta capito il discorso potenza, il discorso corrente va da se. essendo quasi puramente resistiva il conto e' facile.

    per il problema del controllo in basso, il discorso sarebbe veramente troppo lungo. diciamo solo che potenza e controllo in basso sono due cose teoricamente slegate. la prima decide la dinamica e l'impatto, la seconda e' decisa dal fattore di smorzamento, ovvero in pratica quanto l'ampli riesce a controllare e smorzare le le oscillazioni spurie della membrana.
    basta pensare che un ampli con la stessa identica potenza, con la stessa identica topologia e stessi identici componenti, puo' avere una bassa (addirittura negativa) o alta resistenza di uscita a seconda del GNFB applicato. la potenza entra in gioco solo nei picchi dinamici (vedi sopra) o quando decidiamo di diventare sordi e ci spariamo 90dB RMS nelle recchie  ergo possiamo avere un ampli da 1W con uno smorzamento altissimo (e andra' molto bene con alcune cuffie, tipicamente quelle che hanno bisogno di controllo in basso) e un ampli da 100W con smorzamento schifoso (e andra' bene con altre cuffie, tipicamente quelle un po' "asfittiche" in absso). e OVVIAMENTE viceversa, tanto per non generare misunderstanding.

    molto piu' complessa invece la situaizone per le bobina mobile, dove la resistenza di uscita determina anche la risposta in frequenza del sistema ampli-cuffia, poiche' ho un carico non resistivo.

    insomma, e' un gran casino, ed e' IMHO impossibile fare alcuna generalizzazione santa santa santa

    Quindi basterrebbe un ampli con che ha la stessa impedenza della cuffia ortodinamica?

    shun0321
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 818
    Data d'iscrizione : 2012-06-18
    Età : 34
    Località : Novara

    Re: Il pilotaggio delle cuffie magnetoplanari

    Post  shun0321 on Wed Oct 14, 2015 9:52 pm

    Cmq audionote sta facendo un nuovo ampli per cuffia in grado di buttare fuori 12W in classe A su 50ohm. Un push-pull di el84. Ovviamente il trafo esce da se con quella impedenza, quindi senza tesistenza in parallelo ai secondari.

    daniele86
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 269
    Data d'iscrizione : 2012-05-28
    Località : Mantova

    Re: Il pilotaggio delle cuffie magnetoplanari

    Post  daniele86 on Wed Oct 14, 2015 10:17 pm

    phaeton wrote:...
    per la resistenza negativa, in realta' e' facile, basta che pensi a come si modifica la Rout(f) al variare del GNFB, o se preferisci a come si spostano i poli/zeri della funzione di trasferimento sul piano complesso al variare della frequenza in funzione della GNFB. con alti tassi di GNFB puoi avere che in alta frequenza al diminuire della tensione hai un aumento di corrente, ovvero in altri termini dV/dI e' negativo, cioe' Rout negativa. e' ovviamente artificosa, e' "generata" dalla reazione negativa tensione-corrente in-out, ma esiste ed e' misurabile.

    Interessante..è la prima volta che leggo in questi forum di poli e zeri di una funzione di trasferimento..hai qualche link dal quale attingere informazioni a riguardo??

    Grazie


    _________________
    Udoo+Volumio ->  γ3  -> β22 Balanced -> he500

      Current date/time is Sun Dec 04, 2016 9:25 pm