Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
Hatfield and the North
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    Hatfield and the North

    Share
    avatar
    lizard
    Pop Music Expert

    Numero di messaggi : 7167
    Data d'iscrizione : 2009-11-06
    Località : Augusta Taurinorum

    Hatfield and the North

    Post  lizard on Fri Dec 11, 2015 10:16 am

    In queste claustrofobiche serate di metà dicembre,avvolte da una nebbia che si taglia col coltello,chiusi nelle nostre accoglientissime case,confortati dal calore dei termosifoni mentre fuori il freddo (si fa per dire..) imperversa,accendiamo finalmente con piacere il nostro impiantino audio a valvole.
    E allora la mente va a ritroso nel tempo per scegliere i titoli e gli album che più si addicono a queste condizioni particolari.
    Quello che vi consiglio,e che mi ha deliziato in questi giorni, è un disco particolare,di un gruppo particolare,che all’epoca passo’ in sordina,se non fosse per essere stato una costola dell’assai prolifico mr. Robert Wyatt e che oggi risulta particolarmente ricercato,specialmente nella versione originale in vinile.
    La musica di Hatfield and the North,confessiamolo,non è di facile ascolto.
    Bisogna calarsi nella cultura e nei movimenti underground dei primi anni ’70 per comprenderla,in quel mondo di utopie e di mentalità free che l’hanno caratterizzata e che mai riusciremo a ripetere.
    Potremmo definirla,come nella più classica delle definizioni,la scuola di Canterbury.
    L’organico del gruppo si replico’ nel DNA di altri gruppi,altrettanto celeberrimi,quali Caravan,Gong,Soft Machine,National Health e molti altri..ma è l’atmosfera che conta.
    Quella stessa atmosfera che si respira nei dischi di McDonald e Giles (i cromosomi del Re Cremisi),Henry Cow,Wyatt..e che racchiudono gli stilemi del prog.
    Queste magìe le ritroviamo negli unici due album,uno più bello dell’altro:
    quello omonimo ed il successivo The Rotters' Club,del ’75.
    Se vi capita,durante queste bellissime giornate che precedono le festività natalizie,prestate un orecchio a queste splendide opere.
    I tempi sono cambiati,ma questa musica,una musica che ha fatto scuola,è sempre piacevolmente onirica,soprattutto al buio,quando i contorni e le forme degli oggetti sono illuminati solo dal riflesso affascinante e coinvolgente delle valvole.
    Buoni ascolti.
    Liz





    avatar
    bluocram
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 564
    Data d'iscrizione : 2011-06-08
    Età : 58
    Località : Roma

    Re: Hatfield and the North

    Post  bluocram on Fri Dec 11, 2015 12:07 pm








    cheerscheerscheerscheers
    avatar
    the Crimson King
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 2328
    Data d'iscrizione : 2013-01-16
    Località : un po' qui, un po' là, un po' altrove

    Re: Hatfield and the North

    Post  the Crimson King on Mon Dec 28, 2015 12:05 am

    applausi applausi applausi
    a me piacciono molto, uno stile davvero affascinante... scoperti grazie a un libro sul prog, non facili e immediati da ascoltare certo, ma se uno coltiva già dentro di sè quelle atmosfere e sonorità, li troverà davvero interessanti e piacevoli, un'istantanea vera, autentica di quel movimento culturale e di quell'epoca irripetibile!
    grazie lizard!


    _________________
    "Coi capelli sciolti al vento io dirigo il tempo, il mio tempo...
    là... negli spazi dove Morte non ha domini, dove l'Amore varca i confini..."



    "Confusion" will be my epitaph...

      Current date/time is Sat Nov 18, 2017 12:05 am