Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
Heron 5 by Airist Audio - Page 2
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    Heron 5 by Airist Audio

    Share

    Amuro_Rey
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 9831
    Data d'iscrizione : 2009-01-20

    Re: Heron 5 by Airist Audio

    Post  Amuro_Rey on Fri Jan 08, 2016 9:44 pm

    vulcan wrote:

    Non è dove è costruito che fa' la differenza ma come è costruito, in Cina ci sono eccellenti ingegneri così come in America e nel resto del mondo. Esempio l'Hifiman è il classico che calza a pennello, progettazione e costruzione Cinese, mai mi è capitato di leggere che hanno toppato come affidabilità o musicalità.
    2000$ sembra molto per un cinese e se fosse marchiato Krell, Spectral, Marc Levinson, pensi costerebbe meno del triplo? Sbaglierò ma suona anche bene, ben costruito, ripeto a quesiti livelli trovo una ''mancanza'' l'uscita bilanciata

    Mi spiace ma dissento, dove è costruito conta eccome altro che ...

    Amuro_Rey
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 9831
    Data d'iscrizione : 2009-01-20
    Età : 47
    Località : Italia

    Re: Heron 5 by Airist Audio

    Post  Amuro_Rey on Fri Jan 08, 2016 9:45 pm

    grazianux wrote:e non sto parlando di qualita´, che ci sia e che suoni bene lo do per scontato. e lo so, si produce qualunque cosa in cina, anche e sopratutto conto terzi.
    ma 2000 dollari di vendita a fronte del costo produttivo (?) per un ampli a semiconduttori prodotto in cina da azienda cinese son davvero tanti soldi

    applausi


    _________________
    Per sempre  P I R A T A       

    Amuro_Rey
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 9831
    Data d'iscrizione : 2009-01-20
    Età : 47
    Località : Italia

    Re: Heron 5 by Airist Audio

    Post  Amuro_Rey on Fri Jan 08, 2016 9:46 pm

    turo91 wrote:

    Anche le schede di moltissime elettroniche sono made in china, idem per i case, poi l'elettronica finita viene assemblata da un'altra parta e diventa made in "altro stato".
    Funziona così per parecchia roba.
    Schiit invece è esempio di un'azienda che fa realmente tutto in america con case prodotti da aziende americane e schede prodotte da altre aziende americane, mentre loro si occupano di progettazione e assemblaggio finale.

    Ecco io per ora in ambito HiFi di roba Made in xyz poi fatta in Cina per ora ma anche NO Neutral e fortunatamente, anche se non ci credete, di roba ifi assemblata in china in casa mia per ora non ne ho, avuta si ma rimasta NO, sono un Talebano


    _________________
    Per sempre  P I R A T A       

    grazianux
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1022
    Data d'iscrizione : 2011-12-11
    Età : 43

    Re: Heron 5 by Airist Audio

    Post  grazianux on Fri Jan 08, 2016 10:11 pm

    secondo me ha ragione amuro.
    per Nicola.
    krell costruisce in cina, Levinson, pure, secondo me faremmo prima a elencare chi non ci costruisce.
    violectric e´tra i piu´ in voga al momento, la fabbrica e´relativamente vicino casa mia. discreta metratura, immagino almeno una ventina di dipendenti, in uno dei distretti industriali piu´cari della germania.
    francamente non mi va di andare a rompere le palle per vedere se producono tutto li, o semplicemente assemblano cose prodotte in cina, resta il fatto, che nei soldi che costa il v281 ci sono un bel po di costi, tra i quali quelli di svariate tasse, oltre al ricarico di distributori e negozianti (e non scordiamoci gli sconti...).
    ora che un ampli a semiconduttori prodotto interamente in cina, dove lo stipendio medio e´80 euro mensili, i costi di produzione sono vicini ai numeri relativi, e le tasse una parola non ancora completamente tradotta, possa essere un ottimo prodotto, non ci piove.
    che a 2000 euro possa suonare anche meglio del violectric, idem.
    quello che mi chiedo e´a fronte di cosa costa 2000 euro pure lui, visto che il distributore e´il 99% un sito web senza magazzino ed e´il piu´delle volte lo unico costo franco fabbrica.
    tutta componentistica e costi di progettazione?

    e attenzione, questa idea che la tecnologia e´ uguale e reperibile ovunque, e a parita´ di costo e prestazione e´meglio scegliere la opzione meno cara, e un po´tafazziana, dato che le uniche variabili, sono il costo della mandopera umana e quello ambientale.

    vulcan
    Headphone Mod
    Headphone Mod

    Numero di messaggi : 12060
    Data d'iscrizione : 2009-12-04
    Età : 50
    Località : Sardinya

    Re: Heron 5 by Airist Audio

    Post  vulcan on Fri Jan 08, 2016 11:52 pm

    Graziano citavo quei nomi per citare prodotti Americani , poi senza dubbio rimane difficile capire anche in un prodotto usa quante parti non provengano preassemblate, l'es che citi del volectric calza a pennello
    Anche io non ho materiale cinese a casa e sfiga ha voluto l'unica cuffia con cui ho avuto problemi Akg 612 pro, fosse proprio made in china fatta peraltro abbastanza male, cavo interrotto e credimi si capiva da subito la sez era quasi metà del normale
    Ha ragione Amuro sicuramente sul fatto che se loro producono e vendono direttamente lucrano maggiormente
    In merito alle cuffie a parte l'Akg sopra ho sempre avuto made in germany o austria MAI un problema però es Beyerdinamics T90 bella ben costruita ma con due piccole imperfezioni di verniciatura, cosa che non trovo nella HD800

    Ti dico Luca io comprerei con la stessa Tranquillità Audeze come HifiMan e sono sicuro che come la tua non si guasterebbe
    Cmq non cerco di aver ragione nella maniera più assoluta.....pensandoci bene un cinese a casa lo tengo il Tuner Aeron, di cui non posso che dirmi soddisfatto per il poco che l'ho pagato


    _________________
    Nicola      

    Spoiler:

    Sorgente Audia Flight Cd One - Cavo di Segnale Acrolink Mexcel 7N 6100D - Cavo di Alimentazione Cd Shunyata Taipan VX - Amplificatore TTVJ Millett 307A # 07 - Violectric V281-Cavo di Alimentazione Black Rhodium Polar Crusader Oyaide - Cuffie HifiMan HE1000  Cavo Moon Audio Silver Dragon xlr - Filtro di rete Shunyata Hydra 6 - Cavo di Alimentazione filtro Shunyata Copperhead Oyaide- Tavolino Music Tools Isoshelf - Tuner Aeron RD04 Cavo segnale tuner Mogami 2534 Xlr Cavo di Alimentazione Tuner Supra Lorad 2.5 Oyaide


    In caso di bisogno leggere il REGOLAMENTO del forum.

    turo91
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 3368
    Data d'iscrizione : 2012-03-01
    Età : 25

    Re: Heron 5 by Airist Audio

    Post  turo91 on Sat Jan 09, 2016 12:34 pm

    Amuro_Rey wrote:

    Ecco io per ora in ambito HiFi di roba Made in xyz poi fatta in Cina per ora ma anche NO Neutral e fortunatamente, anche se non ci credete, di roba ifi assemblata in china in casa mia per ora non ne ho, avuta si ma rimasta NO, sono un Talebano

    Su alcune cose sono anche io come te, tipo l'abbigliamento tecnico sportivo o le bici, però per l'hifi ho visto molti marchi cinesi validi che fanno prodotti fantastici tipo Auralic, Questyle, fiio per i lettori portatili e siccome per ora non ho trovato nulla di meglio fatto in altre parti mi tengo questi e ho avuto vari Woo Audio, Violectric, M2Tech e robette varie. Mi interessano più le performance rispetto a dove fanno un oggetti.
    Ovviamente non voglio convincere nessuno, ognuno prende quello che più gli aggrada

    http://bari.repubblica.it/cronaca/2016/01/03/news/bari_due_ciclisti_in_ospedale_perche_il_torace_era_diventato_blu_colpa_delle_magliette_fabbricate_in_cina_-130534454/



    _________________
     Il sito per chi porta la la passione in testa, recensioni e prove di cuffie, amplificatori, dac e sorgenti varie  :hehe:

    Amuro_Rey
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 9831
    Data d'iscrizione : 2009-01-20
    Età : 47
    Località : Italia

    Re: Heron 5 by Airist Audio

    Post  Amuro_Rey on Sat Jan 09, 2016 1:22 pm

    turo91 wrote:[http://bari.repubblica.it/cronaca/2016/01/03/news/bari_due_ciclisti_in_ospedale_perche_il_torace_era_diventato_blu_colpa_delle_magliette_fabbricate_in_cina_-130534454/


    santasantasanta

    Il discorso FiiO ci può stare perché sono oggetti differenti per uso portatile e non ifi stanziale e dal prezzo "umano"


    _________________
    Per sempre  P I R A T A       

    grazianux
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1022
    Data d'iscrizione : 2011-12-11
    Età : 43

    Re: Heron 5 by Airist Audio

    Post  grazianux on Sat Jan 09, 2016 2:13 pm

    non so, bisogna mettere tutto nella bilancia.
    per ottenere quel tipo di produzione e prezzi il proletariato cinese deve accettare assenza di sindacati, stipendi miserrimi, e un tasso di inquinamento, e faccio lo esempio di pechino, una citta´e non un distretto industriale puro, che e´in media 12 volte piu´alto di quello che e´considerato pericoloso qui in occidente.
    ovviamente la battaglia per la produzione di merce a basso costo, elettronica di consumo e componentistica, anche di qualita´da assemblare in conto terzi, lo occidente la ha persa da tempo.
    e ne stiamo vedendo le esaltanti conseguenze.
    se lo stesso situazione si verifichera´per le eccellenze tecnologiche e produttive, o i prodotti innovativi e di alta gamma, a fronte di standard produttivi che in un paese normale sarebbero dichiarati illegali, se non contrari ai diritti umani, e che comunque garantiscono al produttore cinese un vantaggio competitivo abnorme, la economia occidentale semplicemente collassera´ (totalmente intendo).
    le fabbriche chiudono anche e sopratutto per questo.
    certo i processi di transazione demografica tenderanno, nel lungo periodo, a far crescere lo standard di vita medio cinese, ma nel breve/medio, e´piu´probabile che le condizioni spingano il nostro verso il loro.
    per cui, il clone cinese violectric v 281  a 400 euro posso pure capirlo.
    lo ampli x totalmente cinese a 2000 euro un po´meno, ma ovviamente, siamo ANCORA in un paese libero, per cui ognuno fa cosa vuole, almeno sinche´dura...

    scusate il mega Ot, ma mi sembrava una puntualizzazione importante

    turo91
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 3368
    Data d'iscrizione : 2012-03-01
    Età : 25

    Re: Heron 5 by Airist Audio

    Post  turo91 on Sat Jan 09, 2016 3:11 pm

    Capisco molto più un progetto originale e valido a 2.000 euro che un clone a 400 euro sinceramente.
    Nel clone non c'è ricerca, non c'è studio ne nulla, solo reverse enginering
    I cloni e il mercato della contrafazione sono il male, possono rovinare aziende che hanno investito molto in ricerca e sviluppo e poi si ritrovano il loro prodotto copiato e venduto a metà prezzo.


    _________________
     Il sito per chi porta la la passione in testa, recensioni e prove di cuffie, amplificatori, dac e sorgenti varie  :hehe:

    vulcan
    Headphone Mod
    Headphone Mod

    Numero di messaggi : 12060
    Data d'iscrizione : 2009-12-04
    Età : 50
    Località : Sardinya

    Re: Heron 5 by Airist Audio

    Post  vulcan on Sat Jan 09, 2016 3:34 pm

    grazianux wrote:non so, bisogna mettere tutto nella bilancia.
    per ottenere quel tipo di produzione e prezzi il proletariato cinese deve accettare assenza di sindacati, stipendi miserrimi, e un tasso di inquinamento, e faccio lo esempio di pechino, una citta´e non un distretto industriale puro, che e´in media 12 volte piu´alto di quello che e´considerato pericoloso qui in occidente.
    ovviamente la battaglia per la produzione di merce a basso costo, elettronica di consumo e componentistica, anche di qualita´da assemblare in conto terzi, lo occidente la ha persa da tempo.
    e ne stiamo vedendo le esaltanti conseguenze.
    se lo stesso situazione si verifichera´per le eccellenze tecnologiche e produttive, o i prodotti innovativi e di alta gamma,  a fronte di standard produttivi che in un paese normale sarebbero dichiarati illegali, se non contrari ai diritti umani, e che comunque garantiscono al produttore cinese un vantaggio competitivo abnorme, la economia occidentale semplicemente collassera´ (totalmente intendo).
    le fabbriche chiudono anche e sopratutto per questo.
    certo i processi di transazione demografica tenderanno, nel lungo periodo, a far crescere lo standard di vita medio cinese, ma nel breve/medio, e´piu´probabile che le condizioni spingano il nostro verso il loro.
    per cui, il clone cinese violectric v 281  a 400 euro posso pure capirlo.
    lo ampli x totalmente cinese a 2000 euro un po´meno, ma ovviamente, siamo ANCORA in un paese libero, per cui ognuno fa cosa vuole, almeno sinche´dura...

    scusate il mega Ot, ma mi sembrava una puntualizzazione importante

    tranquillo per l'Ot hai scritto il vero e lo condivido, come condivido il discorso dei cloni con Turo

    A me piace molto a livello estetico e costruttivo, poi come suoni non lo so, però se mi capitasse fra le mani lo ascolterei volentieri


    _________________
    Nicola      

    Spoiler:

    Sorgente Audia Flight Cd One - Cavo di Segnale Acrolink Mexcel 7N 6100D - Cavo di Alimentazione Cd Shunyata Taipan VX - Amplificatore TTVJ Millett 307A # 07 - Violectric V281-Cavo di Alimentazione Black Rhodium Polar Crusader Oyaide - Cuffie HifiMan HE1000  Cavo Moon Audio Silver Dragon xlr - Filtro di rete Shunyata Hydra 6 - Cavo di Alimentazione filtro Shunyata Copperhead Oyaide- Tavolino Music Tools Isoshelf - Tuner Aeron RD04 Cavo segnale tuner Mogami 2534 Xlr Cavo di Alimentazione Tuner Supra Lorad 2.5 Oyaide


    In caso di bisogno leggere il REGOLAMENTO del forum.

    grazianux
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1022
    Data d'iscrizione : 2011-12-11
    Età : 43

    Re: Heron 5 by Airist Audio

    Post  grazianux on Sat Jan 09, 2016 3:50 pm

    ok, stiamo veramente troppo ot e concludo qui, se vuoi proseguiamo in off topic.
    il clone il piu´delle volte non e´contraffatto, e´semplicemente il risultato della azienda cinese che produce in conto terzi (grandi marchi occidentali) pezzi originali o lo intero manufatto, che rimarca e assembla  il prodotto con componentistica e tecnologia identica allo originale e lo immette sul mercato ad un prezzo reale per la loro economia e costi (ovviamente pure guadagnandoci).
    nel mondo dello hi fi e´pressoche´la regola.
    puoi dirmi e pensare che non sia cosi´, ma documentarsi a riguardo e´tutto altro che complicato.
    certo c´e´anche il reverse engenering, se vogliamo pure piu´illegale, e assolutamente non perseguibile, data la totale mancanza di regole per il mercato cinese, ma ´molto piu´frequente in altri settori al momento.
    la azienda clonata, il piu delle volte, chiude uno occhio poiche´il differenziale fra i costi di produzione in cina e il prezzo di vendita sul mercato finale garantisce comunque la pancia bella piena.
    ovviamente ci sono pure le aziende molto piu´fesse, che fanno ricerca, producono in loco, dando lavoro a gente del proprio paese, a condizioni salariali normali, con rispetto delle leggi e dello ambiente e pagando tasse e altro.
    ecco, lo ampli studiato, concepito, prodotto in cina e commercializzato on line a 2000 euro, fa chiudere anche e sopratutto quelle.

      Current date/time is Mon Dec 05, 2016 3:39 pm