Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
Riscaldamento mito o realtà ?
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    Riscaldamento mito o realtà ?

    Share

    petrus
    Senny Lover
    Senny Lover

    Numero di messaggi : 3718
    Data d'iscrizione : 2008-12-21

    Riscaldamento mito o realtà ?

    Post  petrus on Sun Apr 10, 2016 12:58 pm

    Riscaldamento Mito o Realtà

    Certo che dopo 30 anni di alta fedeltà non aver ancora capito una cosa così banale la dice lunga sul mio essere audiofilo, ma in realtà, si tratta più che altro di serena accettazione di un fenomeno che esiste e va gestito in un certo modo, più che di ricerca spasmodica di spiegazioni scientifiche dei fenomeni elettroacustici legati all’alta fedeltà, se l’impianto suona meglio dopo un certo periodo trascorso dal momento della sua accensione, pace aspettiamo.
    Oggi però mi annoio e così voglio fare la mia prova.
    L’ipotesi è che ci possono essere due ragioni per cui avverto questo fenomeno, le elettroniche devono raggiungere la temperatura d’esercizio prima di suonare al loro massimo, oppure il mio sistema uditivo-percettivo deve assuefarsi e adattarsi alla risposta in frequenza del sistema hi-fi.
    Cioè si devono scaldare le elettroniche o le uegie (orecchie in genovese)?
    La cosa certa l’ho detto è che se accendo tutto e metto le cuffie (ah si dimenticavo ascolto in cuffia) provo un certo fastidio e disappunto che con il passare del tempo diminuisce per poi sparire completamente e lasciar spazio al piacere d’ascolto.
    La sofisticata strumentazione rigorosamente analogica impiegata per queste prove, la mia capoccia, nonostante i suoi oltre 50 anni di vita devo dire risulta accora molto affidabile anzi invecchiando su certi parametri migliora la misurazione del livello di fastidio.
    Quindi stamattina accendo tutto e lascio la cuffia sul pouf con i padiglioni all’ingiù a suonare per quel tanto che di solito mi necessita per riavere il mio suono, mezzo cd un cd a seconda del genere e della durata dei brani, ok scaldiamo bene, tutto il cd.
    E quale miglior cd per lo scopo che non il SACD SHM della “Penguin cafe orchestra” ?
    Finito il primo giro a vuoto, calzo la cuffia e do start.
    Il fastidio c’è o no ?
    Il fastidio c’è ancora molto leggero rispetto al solito, ma c’è la vera differenza è che dopo un solo brano forse nemmeno tutto il sistema orecchio cervello è già sintonizzato e si parte con il godimento.
    Risultato, è vero anche noi e le nostre uegie abbiamo bisogno di un minimo adattamento ma il fenomeno è molto più rapido che non quello di portare a temperatura le elettroniche.
    Quindi cosa ho dimostrato ? Niente dovevo solo far passare un po’ di tempo mentre le mie donne si preparano per uscire e l’ho passato così.


    Buona domenica

    Lorenzo

    Rudino
    Sordo Magno

    Numero di messaggi : 5391
    Data d'iscrizione : 2010-01-16
    Età : 53
    Località : Bresso (MI)

    Re: Riscaldamento mito o realtà ?

    Post  Rudino on Sun Apr 10, 2016 1:11 pm

    Ciao carissimo! Embarassed
    Nel riscaldamento credo ciecamente; probabilmente variabile a seconda del tipo di elettronica e della sua struttura, così come vero anche per smollare i trasduttori dei diffusori. Tutto è, comunque, relativo.
    A me capita che se lascio l'impianto spento per due giorni all'inizio suoni una vera schifezza; non ti dico cosa c'è voluto per farlo tornare a regime dopo 3 anni e mezzo di inattività quasi totale!
    Il discorso uregia (alla milanese) o recchia (alla barese) mi trova abbastanza d'accordo, ma ammetterai che questo è un parametro ancora più soggettivo perchè le caratteristiche peculiari dell'apparato uditivo cambiano da persona a persona. Inoltre posso immaginare che con le cuffie il tutto sia ancora più estremizzato.


    _________________
    Ciao,
    Marco LP

    petrus
    Senny Lover
    Senny Lover

    Numero di messaggi : 3718
    Data d'iscrizione : 2008-12-21

    Re: Riscaldamento mito o realtà ?

    Post  petrus on Sun Apr 10, 2016 1:55 pm

    Ciao Rudy, come stai ?
    sono d'accordo con te, ognuno di noi è diverso e ha tempi di adattamento diversi, resta il fatto che per la mia esperienza e credo di capire anche la tua le elettroniche sono molto più sensibili al problema fino all'estremo dei tuoi tre anni e mezzo, immagino

    Lorenzo

    Geronimo
    Self-Awareness
    Self-Awareness

    Numero di messaggi : 16086
    Data d'iscrizione : 2009-03-09

    Re: Riscaldamento mito o realtà ?

    Post  Geronimo on Sun Apr 10, 2016 2:01 pm

    Il mio impianto suona identico appena acceso e dopo un'ora. Se migliori dopo un'ora non lo so, visto che non ascolto più di un'ora e quindi non m'interessa saperlo



    _________________
    "Se cerchi il rilassamento mentale prova la meditazione sul respiro"(CLICCA QUI)

    "Sono il ponte fra quello che non sono mai stato e quello che non sarò mai"

    "Il mio impianto AUDIO ANALOGUE-AIRTECH-ADVENT"(CLICCA QUI)

    petrus
    Senny Lover
    Senny Lover

    Numero di messaggi : 3718
    Data d'iscrizione : 2008-12-21

    Re: Riscaldamento mito o realtà ?

    Post  petrus on Sun Apr 10, 2016 2:13 pm

    Geronimo wrote:Il mio impianto suona identico appena acceso e dopo un'ora. Se migliori dopo un'ora non lo so, visto che non ascolto più di un'ora e quindi non m'interessa saperlo


    Tutta quella meditazione ti avrà reso il cervello turbo adapter con tempi di riscaldamento pari a zero

    Lorenzo

    vulcan
    Headphone Mod
    Headphone Mod

    Numero di messaggi : 12066
    Data d'iscrizione : 2009-12-04
    Età : 50
    Località : Sardinya

    Re: Riscaldamento mito o realtà ?

    Post  vulcan on Sun Apr 10, 2016 2:28 pm

    io il lettore di CD lo tengo in stand by da sempre, l'ampli a SS sempre acceso non ho dubbi che suoni meglio. Con le valvole salvo non avere un hangar di ricambi non è possibile, si sente eccome ...dimenticavo come Lorenzo ascolto in cuffia.
    Pensavo di essere uno dei pochi a rodare/riscaldare sul puf


    _________________
    Nicola      

    Spoiler:

    Sorgente Audia Flight Cd One - Cavo di Segnale Acrolink Mexcel 7N 6100D - Cavo di Alimentazione Cd Shunyata Taipan VX - Amplificatore TTVJ Millett 307A # 07 - Violectric V281-Cavo di Alimentazione Black Rhodium Polar Crusader Oyaide - Cuffie HifiMan HE1000  Cavo Moon Audio Silver Dragon xlr - Filtro di rete Shunyata Hydra 6 - Cavo di Alimentazione filtro Shunyata Copperhead Oyaide- Tavolino Music Tools Isoshelf - Tuner Aeron RD04 Cavo segnale tuner Mogami 2534 Xlr Cavo di Alimentazione Tuner Supra Lorad 2.5 Oyaide


    In caso di bisogno leggere il REGOLAMENTO del forum.

    Ivanhoe
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1497
    Data d'iscrizione : 2012-10-30
    Località : ad Est

    Re: Riscaldamento mito o realtà ?

    Post  Ivanhoe on Sun Apr 10, 2016 2:41 pm

    Quasi tutte le macchine vogliono un pò di riscaldamento, a parte i Tripath, ma alcune sono esagerate come il Musical Fidelity V8 che avevo, non suonava affatto prima di un'ora ed era decente dopo due! Mi toccava lasciarlo sempre acceso, pensavo per le valvole ma i Guri qui dicono che sono i transistors..boh!

    Il piccolo LD+ suona bene dopo 15-20 minuti così come lo Yamaha a100 sunny


    _________________
    If Music be the food of Love, play on

    alanford
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1240
    Data d'iscrizione : 2012-06-03
    Località : monza

    Re: Riscaldamento mito o realtà ?

    Post  alanford on Sun Apr 10, 2016 2:47 pm

    allora che l'ascolto sia poco soddisfacente appena acceso l'impianto credo sia un dato indiscutibile
    salvo qualche rara eccezione (vedi sopra)
    Io ho fatto piu' volte una prova simile con il mio impianto stereo accendendolo prima di andare a pranzo/cena ed ascoltandolo dopo
    sia con le valvole ma ancora di piu' con SS la differenza c'e' e si sente sunny
    altre volte mi e' capitato con gli stessi oggetti di fare il plug & play e l'impressione, quantomeno per i primi 10/15 minuti di ascolto e' sempre stata piu' o meno insoddisfacente Neutral

    aircooled
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 32292
    Data d'iscrizione : 2008-12-20
    Località : AIRTECHLANDIA

    Re: Riscaldamento mito o realtà ?

    Post  aircooled on Sun Apr 10, 2016 3:14 pm

    Geronimo wrote:Il mio impianto suona identico appena acceso e dopo un'ora. Se migliori dopo un'ora non lo so, visto che non ascolto più di un'ora e quindi non m'interessa saperlo

    il tuo ampli monta i termaltrak che ottimizzano la corrente da subito per questo senti poca o nulla differenza tra caldo e freddo, per tutte le altre tipologie di elettroniche il riscaldamento o se preferisci il tempo di stabilizzazione è fondamentale per uniformare le correnti e rendere al meglio


    _________________

     
    il meglio va solo con il meglio e non è un caso

    la calunnia disdegna i mediocri e si afferra ai grandi
     

    non discutere mai con un idiota, ti trascina al suo livello e poi ti batte con l'esperienza - ricorda chi sa fa chi non sa insegna
     
    Showroom AIRTECH via XX Settembre 12 San Giuliano Terme PI cell 3393521936 fisso 050818821 dalle 16.00 alle 19.00 dal martedi al sabato
    mail bertini63@virgilio.it

    petrus
    Senny Lover
    Senny Lover

    Numero di messaggi : 3718
    Data d'iscrizione : 2008-12-21

    Re: Riscaldamento mito o realtà ?

    Post  petrus on Sun Apr 10, 2016 3:15 pm

    Però ricoscete tutti più o meno anche un adattamento necessario del sistema uditivo-percettivo ?

    E se si, a cosa pensate sia dovuto ? alterazioni della linerarità e quindi una sorta di equalizzazione celebrale, volumi esageratamente superiori al normale udire quindi una adattamento fisiologico, o altro ?

    Lorenzo

    vulcan
    Headphone Mod
    Headphone Mod

    Numero di messaggi : 12066
    Data d'iscrizione : 2009-12-04
    Età : 50
    Località : Sardinya

    Re: Riscaldamento mito o realtà ?

    Post  vulcan on Sun Apr 10, 2016 3:28 pm

    Geronimo wrote:Il mio impianto suona identico appena acceso e dopo un'ora. Se migliori dopo un'ora non lo so, visto che non ascolto più di un'ora e quindi non m'interessa saperlo


    santa


    _________________
    Nicola      

    Spoiler:

    Sorgente Audia Flight Cd One - Cavo di Segnale Acrolink Mexcel 7N 6100D - Cavo di Alimentazione Cd Shunyata Taipan VX - Amplificatore TTVJ Millett 307A # 07 - Violectric V281-Cavo di Alimentazione Black Rhodium Polar Crusader Oyaide - Cuffie HifiMan HE1000  Cavo Moon Audio Silver Dragon xlr - Filtro di rete Shunyata Hydra 6 - Cavo di Alimentazione filtro Shunyata Copperhead Oyaide- Tavolino Music Tools Isoshelf - Tuner Aeron RD04 Cavo segnale tuner Mogami 2534 Xlr Cavo di Alimentazione Tuner Supra Lorad 2.5 Oyaide


    In caso di bisogno leggere il REGOLAMENTO del forum.

    aircooled
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 32292
    Data d'iscrizione : 2008-12-20
    Località : AIRTECHLANDIA

    Re: Riscaldamento mito o realtà ?

    Post  aircooled on Sun Apr 10, 2016 3:31 pm

    I prof dicono che l'apparato uditivo ha bisogno di un tempo di adattamento per adeguarsi ai nuovi stimoli in special modo se sono vicini o identici come nel caso uno si mette a fare prove a confronto con il solito brano, per questo se le differenze non sono più che grandi le prove consecutive e molto veloci non servono a nulla e risultano addirittura molto forvianti, ecco perché un apparecchio contrariamente a quanto sostengono i tuttologi va ascoltato e confrontato con molta calma e soprattutto con lunghi ascolti


    _________________

     
    il meglio va solo con il meglio e non è un caso

    la calunnia disdegna i mediocri e si afferra ai grandi
     

    non discutere mai con un idiota, ti trascina al suo livello e poi ti batte con l'esperienza - ricorda chi sa fa chi non sa insegna
     
    Showroom AIRTECH via XX Settembre 12 San Giuliano Terme PI cell 3393521936 fisso 050818821 dalle 16.00 alle 19.00 dal martedi al sabato
    mail bertini63@virgilio.it

    mau57
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1589
    Data d'iscrizione : 2011-03-28
    Età : 59
    Località : Roma

    Re: Riscaldamento mito o realtà ?

    Post  mau57 on Sun Apr 10, 2016 4:03 pm

    Il mio impianto (pre valvole Bat, finale Plinius) comincia a "suonare" solo dopo almeno mezz'ora; infatti lo accendo e, visto che per far entrare e mantenere la classe A al Plinius deve anche "andare" oltre che essere acceso, lancio un CD qualsiasi e vado a fare altre cose prima di iniziare l'ascolto ...

    carloc
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 11996
    Data d'iscrizione : 2011-07-27
    Località : Busto Arsizio - Sabaudia (Scooterista)

    Re: Riscaldamento mito o realtà ?

    Post  carloc on Sun Apr 10, 2016 4:18 pm

    Il mio pre linea ed il pre phono non hanno l'interruttore sono sempre accesi.

    Se li stacco per una lunga assenza, iniziano ad essere ascoltabili dopo almeno 6/12 ore.


    _________________
    Rem tene verba sequentur

    Luca58
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8281
    Data d'iscrizione : 2009-07-15
    Località : Baracchina bianca

    Re: Riscaldamento mito o realtà ?

    Post  Luca58 on Sun Apr 10, 2016 4:41 pm

    Per quanto riguarda il mio sistema percettivo ho bisogno di un ventina di secondi quando cambio CD prima che la resa che sento si riallinei.

    Per quanto riguarda l'impianto io stacco tutto sempre, anche le elettrostatiche. Da quando attacco devo lasciare in stand-by il cdp per alcuni minuti per farlo stabilizzare prima di accenderlo (c'e' scritto sul manuale) Lasciare tutto in stand-by non mi sembra abbia grosso effetto. Facendolo suonare inizia a rendere dopo un'ora, ma e' dopo 3 ore che mi sembra inizi a suonare davvero.


    _________________
    Keep your ears honest: Listen to live, unamplified music every week.

    Geronimo
    Self-Awareness
    Self-Awareness

    Numero di messaggi : 16086
    Data d'iscrizione : 2009-03-09

    Re: Riscaldamento mito o realtà ?

    Post  Geronimo on Sun Apr 10, 2016 4:47 pm

    petrus wrote:Tutta quella meditazione ti avrà reso il cervello turbo adapter con tempi di riscaldamento pari a zero


    Però ricoscete tutti più o meno anche un adattamento necessario del sistema uditivo-percettivo ?

    E se si, a cosa pensate sia dovuto ? alterazioni della linerarità e quindi una sorta di equalizzazione celebrale, volumi esageratamente superiori al normale udire quindi una adattamento fisiologico, o altro ?

    Lorenzo

    Scherzando hai detto una cosa molto interessante sunny Sono ormai più di tre anni che pratico Zazen, una forma di meditazione basata sull'attenzione consapevole al proprio respiro e alle percezioni sensoriali soprattutto uditive, e ho notato che ne ha tratto giovamento anche l'ascolto della musica con una fruizione più completa rispetto al passato e soprattutto con un livello di attenzione costante dall'inizio alla fine della seduta d'ascolto. Per dirla in linguaggio motoristico, entro in coppia istantaneamente mantenendo elevato e costante il numero di giri del motore
    Quasi sicuramente il quotidiano allenamento all'attenzione ha favorito l'acuità e la prontezza delle mie percezioni uditive e se il nostro moderatore strizzacervelli mi sottoponesse a una risonanza magnetica funzionale probabilmente noterebbe che le aree del cervello dedicate alla percezione uditiva vengono attivate in misura insolitamente alta.

    Ma la vera goduria è quando faccio coincidere la meditazione con l'ascolto: diventa un trip tipo Beatles di Strawberry Fields Forever ma senza fottersi il cervello con l'LSD


    _________________
    "Se cerchi il rilassamento mentale prova la meditazione sul respiro"(CLICCA QUI)

    "Sono il ponte fra quello che non sono mai stato e quello che non sarò mai"

    "Il mio impianto AUDIO ANALOGUE-AIRTECH-ADVENT"(CLICCA QUI)

    pink noise
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 442
    Data d'iscrizione : 2015-06-11
    Località : Toscana

    Re: Riscaldamento mito o realtà ?

    Post  pink noise on Sun Apr 10, 2016 6:06 pm

    Secondo me tenere un apparato in standby non serve a niente(anzi a consumare corrente come la vecchia fiammella nelle caldaie a gas che consumava gas e non riscaldava)perché lo standby serve solo per non schiacciare un "grosso interruttore"e non un piccolo pulsane ogni volta che accendiamo.Il circuito di standby è formato generalmente da un piccolo circuito di alimentazione sempre sotto tensione in modo che quando si preme il famoso pulsantino viene tramite relè di potenza alimentato il tutto,serve anche a circuiti concepiti in certa maniera a far tenere in memoria al "PIC" o altro circuito l impostazioni (volume,ingresso,ecc..ecc)che altrimenti spengendo del tutto si perderebbero.Poi che occorra alla maggior parte di circuitazioni un certo riscaldamento è sacrosanto, la famosa corrente di "BIAS" sia nelle valvole sia negli SS sullo stadio finale non è che è istantanea,chi ha progettato il tutto, il suono finale lo controlla a "BIAS"stabilizzato,cioè dopo un tot tempo. sunny
    P.S, chi tiene sempre tutto acceso H24 spero che l ENEL gli faccia un bello sconto.

    Giordy60
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8671
    Data d'iscrizione : 2011-02-13
    Età : 56
    Località : prov.Cremona

    Re: Riscaldamento mito o realtà ?

    Post  Giordy60 on Sun Apr 10, 2016 6:40 pm

    da TNT

    http://www.tnt-audio.com/clinica/warming.html


    Conclusioni

    Tutti i componenti HiFi traggono beneficio da un buon periodo di pre-riscaldamento e, se si usa l'impianto ogni giorno o quasi, è bene cominciare a pensare di lasciarlo sempre acceso.
    Due consigli per finire:

    Se nella vostra rete elettrica sono frequenti le interruzioni di fornitura anche se solo di pochi secondi EVITATE di tenere accesi gli apparecchi: gli shock causati dall'improvvisa interruzione dell'energia elettrica ed dal suo ripristino, talvolta intermittente (!!!), possono causare seri danni ai componenti.

    Prima di lasciare un apparecchio sempre acceso assicuratevi che ci sia aria sufficiente attorno, buona regola da osservare sempre e comunque: un pre-riscaldamento va bene ma non è il caso di cuocere a fuoco lento i vostri apparecchi!


    _________________
    la mente è come un paracadute, funziona solo se si apre ( cit. di Albert Einstein )
    Spoiler:

    io ascolto così : Mac-mini + HQPlayer in ramdisk, o WaveLab 7 o izotope RX4 =>cavo di rete =>TP-link mc110cs =>cavo monomodale =>TP-link  mc110cs =>cavo di rete =>Mini PC-Fitlet-b, con WS2012R2, NAD in ramdisk =>interfaccia USB =>nuprime DAC-10 =>monitor attivi Klein+Hummel o410 + sub Neumann Kh o810


    pink noise
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 442
    Data d'iscrizione : 2015-06-11
    Località : Toscana

    Re: Riscaldamento mito o realtà ?

    Post  pink noise on Sun Apr 10, 2016 6:56 pm

    Giordy60 wrote:da TNT

    http://www.tnt-audio.com/clinica/warming.html


    Conclusioni

    Tutti i componenti HiFi traggono beneficio da un buon periodo di pre-riscaldamento e, se si usa l'impianto ogni giorno o quasi, è bene cominciare a pensare di lasciarlo sempre acceso.
    Due consigli per finire:

    Se nella vostra rete elettrica sono frequenti le interruzioni di fornitura anche se solo di pochi secondi EVITATE di tenere accesi gli apparecchi: gli shock causati dall'improvvisa interruzione dell'energia elettrica ed dal suo ripristino, talvolta intermittente (!!!), possono causare seri danni ai componenti.

    Prima di lasciare un apparecchio sempre acceso assicuratevi che ci sia aria sufficiente attorno, buona regola da osservare sempre e comunque: un pre-riscaldamento va bene ma non è il caso di cuocere a fuoco lento i vostri apparecchi!
    Tutto giusto,ma se nella rete elettrica ci sono delle micro interruzioni,da come recita il relatore non si dovrebbe nemmeno ascoltare la musica,perchè l impianto non si dovrebbe accendere.Bisognerebbe ogni tanto rileggere ciò che si scrive.(il relatore)

    Rudino
    Sordo Magno

    Numero di messaggi : 5391
    Data d'iscrizione : 2010-01-16
    Età : 53
    Località : Bresso (MI)

    Re: Riscaldamento mito o realtà ?

    Post  Rudino on Sun Apr 10, 2016 7:48 pm

    Geronimo wrote:

    Scherzando hai detto una cosa molto interessante  sunny Sono ormai più di tre anni che pratico Zazen, una forma di meditazione basata sull'attenzione consapevole al proprio respiro e alle percezioni sensoriali soprattutto uditive, e ho notato che ne ha tratto giovamento anche l'ascolto della musica con una fruizione più completa rispetto al passato e soprattutto con un livello di attenzione costante dall'inizio alla fine della seduta d'ascolto. Per dirla in linguaggio motoristico, entro in coppia istantaneamente mantenendo elevato e costante il numero di giri del motore
    Quasi sicuramente il quotidiano allenamento all'attenzione ha favorito l'acuità e la prontezza delle mie percezioni uditive e se il nostro moderatore strizzacervelli mi sottoponesse a una risonanza magnetica funzionale probabilmente noterebbe che le aree del cervello dedicate alla percezione uditiva vengono attivate in misura insolitamente alta.

    Ma la vera goduria è quando faccio coincidere la meditazione con l'ascolto: diventa un trip tipo Beatles di  Strawberry Fields Forever ma senza fottersi il cervello con l'LSD

    ...secondo me ti fai di peyote.... affraid affraid

    Scherzo, lo sai. Ammiro la tua curiosità e dedizione nei confronti delle discipline meditative sunny


    _________________
    Ciao,
    Marco LP

    Geronimo
    Self-Awareness
    Self-Awareness

    Numero di messaggi : 16086
    Data d'iscrizione : 2009-03-09

    Re: Riscaldamento mito o realtà ?

    Post  Geronimo on Sun Apr 10, 2016 7:59 pm

    Rudino wrote:
    Geronimo wrote:

    Scherzando hai detto una cosa molto interessante  sunny Sono ormai più di tre anni che pratico Zazen, una forma di meditazione basata sull'attenzione consapevole al proprio respiro e alle percezioni sensoriali soprattutto uditive, e ho notato che ne ha tratto giovamento anche l'ascolto della musica con una fruizione più completa rispetto al passato e soprattutto con un livello di attenzione costante dall'inizio alla fine della seduta d'ascolto. Per dirla in linguaggio motoristico, entro in coppia istantaneamente mantenendo elevato e costante il numero di giri del motore
    Quasi sicuramente il quotidiano allenamento all'attenzione ha favorito l'acuità e la prontezza delle mie percezioni uditive e se il nostro moderatore strizzacervelli mi sottoponesse a una risonanza magnetica funzionale probabilmente noterebbe che le aree del cervello dedicate alla percezione uditiva vengono attivate in misura insolitamente alta.

    Ma la vera goduria è quando faccio coincidere la meditazione con l'ascolto: diventa un trip tipo Beatles di  Strawberry Fields Forever ma senza fottersi il cervello con l'LSD

    ...secondo me ti fai di peyote.... affraid affraid

    Scherzo, lo sai. Ammiro la tua curiosità e dedizione nei confronti delle discipline meditative sunny

    Non dirlo a nessuno ma io mi faccio di dimetiltriptamina endogena tutte le notti tra le 2 e le 4 del mattino


    _________________
    "Se cerchi il rilassamento mentale prova la meditazione sul respiro"(CLICCA QUI)

    "Sono il ponte fra quello che non sono mai stato e quello che non sarò mai"

    "Il mio impianto AUDIO ANALOGUE-AIRTECH-ADVENT"(CLICCA QUI)

    Geronimo
    Self-Awareness
    Self-Awareness

    Numero di messaggi : 16086
    Data d'iscrizione : 2009-03-09

    Re: Riscaldamento mito o realtà ?

    Post  Geronimo on Sun Apr 10, 2016 8:04 pm

    aircooled wrote:
    Geronimo wrote:Il mio impianto suona identico appena acceso e dopo un'ora. Se migliori dopo un'ora non lo so, visto che non ascolto più di un'ora e quindi non m'interessa saperlo

    il tuo ampli monta i termaltrak che ottimizzano la corrente da subito per questo senti poca o nulla differenza tra caldo e freddo, per tutte le altre tipologie di elettroniche il riscaldamento o se preferisci il tempo di stabilizzazione è fondamentale per uniformare le correnti e rendere al meglio

    E per questo si merita un applauso supplementare applausi cheers


    _________________
    "Se cerchi il rilassamento mentale prova la meditazione sul respiro"(CLICCA QUI)

    "Sono il ponte fra quello che non sono mai stato e quello che non sarò mai"

    "Il mio impianto AUDIO ANALOGUE-AIRTECH-ADVENT"(CLICCA QUI)

    mira
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 344
    Data d'iscrizione : 2014-11-09
    Età : 49
    Località : Canton Ticino ( CH )

    Re: Riscaldamento mito o realtà ?

    Post  mira on Sun Apr 10, 2016 8:35 pm

    Noto notevole differenza fra ascolto con impianto "freddo" ed impianto "caldo".
    Molto meglio, ma tanto, quando tutti i componenti sono alimentati da giorni.
    D'inverno è sempre acceso.
    D'estate ho un po' paura dei temporali.
    Per quanto riguarda le orecchie ho la netta sensazione che preferiscano l'impianto caldo ed un'oretta di "rodaggio".
    sunny


    _________________
    Miranda


    CD YBA - Gira Pierre Lurne - Server Naim - Music Streamer BlueSound - NAS QNap - DAC Naim - Pre Phono Whest - Pre ForteVIta - Finale YBA - Diffusori YBA Gala + SW - Cavi YBA Diamond, Nordost, Naim.

    "La pecora ha paura del lupo ma è il pastore che la porta al macello"

    Luca58
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8281
    Data d'iscrizione : 2009-07-15
    Località : Baracchina bianca

    Re: Riscaldamento mito o realtà ?

    Post  Luca58 on Sun Apr 10, 2016 10:48 pm

    Anche il pianoforte all'inizio ha bisogno di "scaldarsi".


    _________________
    Keep your ears honest: Listen to live, unamplified music every week.

    Rudino
    Sordo Magno

    Numero di messaggi : 5391
    Data d'iscrizione : 2010-01-16
    Età : 53
    Località : Bresso (MI)

    Re: Riscaldamento mito o realtà ?

    Post  Rudino on Sun Apr 10, 2016 11:53 pm

    Geronimo wrote:

    Non dirlo a nessuno ma io mi faccio di dimetiltriptamina endogena tutte le notti tra le 2 e le 4 del mattino

    Probabilmente anche io...ma non so bene l'effetto che mi fa|


    _________________
    Ciao,
    Marco LP

      Current date/time is Tue Dec 06, 2016 3:56 am