Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
Caratteristiche suono marchio per marchio...
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    Caratteristiche suono marchio per marchio...

    Share

    kayto76
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 98
    Data d'iscrizione : 2009-02-17
    Età : 39
    Località : Guastalla

    Caratteristiche suono marchio per marchio...

    Post  kayto76 on Tue May 04, 2010 11:18 pm

    Ciao ragazzi, spesso sule riviste se ne leggono di tutti i colori, lo sappiamo benissimo: ultimamente uno dei termini più utilizzati è neutralità, ma a mio modo di vedere, in realtà si tratta di asetticità.
    Secondo me non è vero che non esistono caratteri distintivi per ogni marchio, anzi, essi sono spesso molto distinguibili.
    Vorrei in questo post raccogliere i vostri pareri e stilare una media per trovare il carattere relativo al singolo marchio. Ovvio che gli abbinamenti sono fondamentali, quindi più pareri diversi avremo, più precise saranno le nostre considerazioni. Non c'é bisogno di essere delicati, direi che le espressioni forti possono anzi tirare fuori la vera essenza di ogni marchio.
    Vorrei fornirvi una lista di parole da utilizzare per descrivere sinteticamente ogni marchio, ma le parole sono talmente tante che non vorrei limitarvi troppo: Decidete voi se lasciare stilare la classifica in prima pagina a me, oppure coinvolgere qualche moderatore e creare un sondaggio multiplo...
    Come esempio di carattere posso descrivervi i miei componenti (per ora ma la lista che ho in testa è molto lunga e voglio solo aspettare di definire il come) che molto ben conosco.
    CD MARANTZ CD17: come tutti i player del marchio (di qualche anno fa) possiede un suono suadente ma troppo morbido e con le note basse ricche di code a volte coprenti. Nonostante i millantati moduli HDAM sembra mancare un po' di dinamica, in conclusione direi; SUONO MORBIDO/POCO DINAMICO.
    Ampli AA MAESTRO 200: Il 200 è dotato di grande potenza ed è in grado di spingere molto se necessario, non ha problemi a erogare con lo scendere del modulo del carico. Forse manca un po' di cattiveria con i generi musicali più duri, ma ho ascoltato molti impianti AA ed alcuni suonavano molto diversi dal mio. In conclusione; SUONO RAFFINATO/POTENTE.
    DIFFUSORI MARTIN LOGAN CLS Prima serie: Le uniche elettrostatiche pure che mi abbiano mai convinto anche per il registro delle note basse. Certo quando queste sono molto importanti si sente chiaramente una certa leggerezza, ma questo capita di rado; digeriscono enormi dosi di corrente. In conclusione; TRASPARENTI/ETEREE.
    Nel mio caso ho messo due aggettivi che si potrebbero anche considerare come separati, tanto non cambierebbero gli equilibri in gioco.
    Ditemi la vostra....

    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13
    Età : 60
    Località : genova

    Re: Caratteristiche suono marchio per marchio...

    Post  iano on Wed May 05, 2010 12:01 am

    Non solo ogni marchio ha il suo carattere,ma solo i migliori marchi ce l'hanno ben definito.
    Per assurdo,se esistesse un marchio realmente neutro (non asettico,ma realmente neutro) esso apparirebbe come il più caratterizzato degli impianti.Sembra un paradosso ,ma non lo è.
    Pensiamoci un pò.
    Prendiamo ad esempio un componente che tu hai trascurato.Il cavo,ma qualunque altro componente andrebbe bene come esempio.
    Supponiamo di disporre di un cavo (amplificatore o altro) che sia totalmente neutro.
    Siamo cioè di fronte al cavo ideale.Il famoso cavo che non c'è (e infatti non c'è :)) se non nella nostra ipotesi.
    Ebbene io affermo che tutti gli impianti che adottassero questo cavo suonerebbero tutti con un particolare carattere simile.Quello del cavo?No,perchè esso non ne ha.
    Di quale carattere parliamo allora?

    Suonerebbero tutti complessivamente più neutri e quindi tutti più simili e questo verrebbe scambiato per un preciso carattere.
    Non sò se mi sono capito,per dirla alla Rudino.
    Per il resto,il mio impianto
    1.CD player Pioneer pd J 9 (spero di no sbagliare la sigla):APPARENTEMENTE NEUTRO/UN SUONO ONESTO CHE NON PRIVILEGIA NESSUNA GAMMA IN PARTICOLARE.
    2.Pre passivo Albarry AP 3+ cavi autocostruiti: NON ASETTICO :)
    3.Finali NuForce ref 9: GRANA FINE/APPENA LEGGERO SUGLI ALTI
    4.Casse McIntosh XR 14 : UN QUATTRO VIE CHE SUONA COME UN DUE PER COERENZA E COME UN TRE PER ESTENSIONE.
    Uff,che fatica.Spero di aver interpretato bene lo spirito del 3D.
    Ciao,Sebastiano.

    matley
    IL "pulcioso"
    IL

    Numero di messaggi : 17268
    Data d'iscrizione : 2008-12-21
    Età : 56
    Località : Colle Val D'Elsa

    Re: Caratteristiche suono marchio per marchio...

    Post  matley on Wed May 05, 2010 12:04 am

    DIFFUSORI MARTIN LOGAN CLS Prima serie: dovrei avere solo una stanza adeguata poi....

    ...OLOGRAFICA.. sunny sunny sunny


    _________________
     
     
    Non seguire una strada...."CREALA!



    "ma se i Cavi non ce-l'hai 'ndo vai..." ?



    Spoiler:
    https://i68.servimg.com/u/f68/13/38/17/01/pre_cj11.jpg

    Banano
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 10877
    Data d'iscrizione : 2008-12-22
    Età : 41
    Località : ...al mare....ma dall'altra parte!

    Re: Caratteristiche suono marchio per marchio...

    Post  Banano on Wed May 05, 2010 12:08 am

    che saranno mica i famosi pannelli delle porte


    _________________
    Il mio Impianto
    http://www.ilgazeboaudiofilo.com/t14-l-impianto-di-bananetto?highlight=bananetto

    [i]In caso di bisogno leggere il REGOLAMENTO del forum.

    kayto76
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 98
    Data d'iscrizione : 2009-02-17
    Età : 39
    Località : Guastalla

    Re: Caratteristiche suono marchio per marchio...

    Post  kayto76 on Fri May 07, 2010 11:21 pm

    Vedo che non è così semplice parlar bene/male delle cose conosciute... Apprezzo molto l'intervento di Iano che si è sforzato oltre le mie più rosee aspettative...
    Comunque potrei lanciare qualche altro sasso per vedere l'onda di ritorno...
    Esempio: Classè audio ultime versioni...Per me suonano SCIALBI (non Scialpi, anche se pure lui è scialbo). La tristezza è che ogni anno il re audio ce li propina come un must dell'hi-end.

    kayto76
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 98
    Data d'iscrizione : 2009-02-17
    Età : 39
    Località : Guastalla

    Re: Caratteristiche suono marchio per marchio...

    Post  kayto76 on Fri May 07, 2010 11:23 pm

    Banano wrote: che saranno mica i famosi pannelli delle porte
    Già proprio quelli... Guarda nelle foto del mio impianto.... Laughing

    matley
    IL "pulcioso"
    IL

    Numero di messaggi : 17268
    Data d'iscrizione : 2008-12-21
    Età : 56
    Località : Colle Val D'Elsa

    Re: Caratteristiche suono marchio per marchio...

    Post  matley on Fri May 07, 2010 11:51 pm

    kayto76 wrote:Vedo che non è così semplice parlar bene/male delle cose conosciute... Apprezzo molto l'intervento di Iano che si è sforzato oltre le mie più rosee aspettative...
    Comunque potrei lanciare qualche altro sasso per vedere l'onda di ritorno...
    Esempio: Classè audio ultime versioni...Per me suonano SCIALBI (non Scialpi, anche se pure lui è scialbo). La tristezza è che ogni anno il re audio ce li propina come un must dell'hi-end.


    ciao kayto...
    bhè...io li chiamo affettuosamente Rotel di lusso...
    ...per il must dell'hi-end bisognerebbe mettere la retromarcia ed arrivare ai mitici anni 80 DR3-DR6-Dr9... sunny sunny sunny

    saluti..


    _________________
     
     
    Non seguire una strada...."CREALA!



    "ma se i Cavi non ce-l'hai 'ndo vai..." ?



    Spoiler:
    https://i68.servimg.com/u/f68/13/38/17/01/pre_cj11.jpg

    pepe57
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 4691
    Data d'iscrizione : 2009-06-11
    Età : 59
    Località : Milano

    Re: Caratteristiche suono marchio per marchio...

    Post  pepe57 on Sat May 08, 2010 10:11 am

    kayto76 wrote:Ciao ragazzi, spesso sule riviste se ne leggono di tutti i colori, lo sappiamo benissimo: ultimamente uno dei termini più utilizzati è neutralità, ma a mio modo di vedere, in realtà si tratta di asetticità.
    Secondo me non è vero che non esistono caratteri distintivi per ogni marchio, anzi, essi sono spesso molto distinguibili.
    Vorrei in questo post raccogliere i vostri pareri e stilare una media per trovare il carattere relativo al singolo marchio. Ovvio che gli abbinamenti sono fondamentali, quindi più pareri diversi avremo, più precise saranno le nostre considerazioni. Non c'é bisogno di essere delicati, direi che le espressioni forti possono anzi tirare fuori la vera essenza di ogni marchio.
    Vorrei fornirvi una lista di parole da utilizzare per descrivere sinteticamente ogni marchio, ma le parole sono talmente tante che non vorrei limitarvi troppo: Decidete voi se lasciare stilare la classifica in prima pagina a me, oppure coinvolgere qualche moderatore e creare un sondaggio multiplo...
    Come esempio di carattere posso descrivervi i miei componenti (per ora ma la lista che ho in testa è molto lunga e voglio solo aspettare di definire il come) che molto ben conosco.
    CD MARANTZ CD17: come tutti i player del marchio (di qualche anno fa) possiede un suono suadente ma troppo morbido e con le note basse ricche di code a volte coprenti. Nonostante i millantati moduli HDAM sembra mancare un po' di dinamica, in conclusione direi; SUONO MORBIDO/POCO DINAMICO.
    Ampli AA MAESTRO 200: Il 200 è dotato di grande potenza ed è in grado di spingere molto se necessario, non ha problemi a erogare con lo scendere del modulo del carico. Forse manca un po' di cattiveria con i generi musicali più duri, ma ho ascoltato molti impianti AA ed alcuni suonavano molto diversi dal mio. In conclusione; SUONO RAFFINATO/POTENTE.
    DIFFUSORI MARTIN LOGAN CLS Prima serie: Le uniche elettrostatiche pure che mi abbiano mai convinto anche per il registro delle note basse. Certo quando queste sono molto importanti si sente chiaramente una certa leggerezza, ma questo capita di rado; digeriscono enormi dosi di corrente. In conclusione; TRASPARENTI/ETEREE.
    Nel mio caso ho messo due aggettivi che si potrebbero anche considerare come separati, tanto non cambierebbero gli equilibri in gioco.
    Ditemi la vostra....

    Io più che sui singoli marchi, trovo che ci sono caratteristiche che spesso accomunano il suono di prodotti provenienti da definite aree geografiche/stati, probabilmente legati da un certo insieme di storia/cultura/tradizione/sensibilità.
    Naturalmente, all' interno di queste aree ci sono produttori o singoli prodotti, che si distaccano dalla mischia, però a mio avviso il "sound della West coast" e quello dello "East coast" ed il "British sound", non sono termini coniati del tutto a caso (anche se per West ed East erano nati riferiti alla musica, poi "assorbiti" dai produttori di strumenti per produrla, specie di casse)
    sunny sunny sunny
    Ciao!
    Pietro

    kayto76
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 98
    Data d'iscrizione : 2009-02-17
    Età : 39
    Località : Guastalla

    Re: Caratteristiche suono marchio per marchio...

    Post  kayto76 on Sun May 09, 2010 9:49 pm

    pepe57 wrote:
    kayto76 wrote:Ciao ragazzi, spesso sule riviste se ne leggono di tutti i colori, lo sappiamo benissimo: ultimamente uno dei termini più utilizzati è neutralità, ma a mio modo di vedere, in realtà si tratta di asetticità.
    Secondo me non è vero che non esistono caratteri distintivi per ogni marchio, anzi, essi sono spesso molto distinguibili.
    Vorrei in questo post raccogliere i vostri pareri e stilare una media per trovare il carattere relativo al singolo marchio. Ovvio che gli abbinamenti sono fondamentali, quindi più pareri diversi avremo, più precise saranno le nostre considerazioni. Non c'é bisogno di essere delicati, direi che le espressioni forti possono anzi tirare fuori la vera essenza di ogni marchio.
    Vorrei fornirvi una lista di parole da utilizzare per descrivere sinteticamente ogni marchio, ma le parole sono talmente tante che non vorrei limitarvi troppo: Decidete voi se lasciare stilare la classifica in prima pagina a me, oppure coinvolgere qualche moderatore e creare un sondaggio multiplo...
    Come esempio di carattere posso descrivervi i miei componenti (per ora ma la lista che ho in testa è molto lunga e voglio solo aspettare di definire il come) che molto ben conosco.
    CD MARANTZ CD17: come tutti i player del marchio (di qualche anno fa) possiede un suono suadente ma troppo morbido e con le note basse ricche di code a volte coprenti. Nonostante i millantati moduli HDAM sembra mancare un po' di dinamica, in conclusione direi; SUONO MORBIDO/POCO DINAMICO.
    Ampli AA MAESTRO 200: Il 200 è dotato di grande potenza ed è in grado di spingere molto se necessario, non ha problemi a erogare con lo scendere del modulo del carico. Forse manca un po' di cattiveria con i generi musicali più duri, ma ho ascoltato molti impianti AA ed alcuni suonavano molto diversi dal mio. In conclusione; SUONO RAFFINATO/POTENTE.
    DIFFUSORI MARTIN LOGAN CLS Prima serie: Le uniche elettrostatiche pure che mi abbiano mai convinto anche per il registro delle note basse. Certo quando queste sono molto importanti si sente chiaramente una certa leggerezza, ma questo capita di rado; digeriscono enormi dosi di corrente. In conclusione; TRASPARENTI/ETEREE.
    Nel mio caso ho messo due aggettivi che si potrebbero anche considerare come separati, tanto non cambierebbero gli equilibri in gioco.
    Ditemi la vostra....


    Io più che sui singoli marchi, trovo che ci sono caratteristiche che spesso accomunano il suono di prodotti provenienti da definite aree geografiche/stati, probabilmente legati da un certo insieme di storia/cultura/tradizione/sensibilità.
    Naturalmente, all' interno di queste aree ci sono produttori o singoli prodotti, che si distaccano dalla mischia, però a mio avviso il "sound della West coast" e quello dello "East coast" ed il "British sound", non sono termini coniati del tutto a caso (anche se per West ed East erano nati riferiti alla musica, poi "assorbiti" dai produttori di strumenti per produrla, specie di casse)
    sunny sunny sunny
    Ciao!
    Pietro
    In tutto e per tutto....!

      Current date/time is Fri Dec 09, 2016 6:22 pm