Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
Vinile: si, ma a quale prezzo? - Page 3
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    Vinile: si, ma a quale prezzo?

    Share

    RockOnlyRare
    Rockzebo Expert

    Numero di messaggi : 5707
    Data d'iscrizione : 2012-05-18

    Re: Vinile: si, ma a quale prezzo?

    Post  RockOnlyRare on Thu Jun 23, 2016 3:18 pm

    Luca58 wrote:

    Quoto al 100%. Quando usavo il vinile (ne avevo un migliaio) solo uno era davvero scadente e si trattava della stampa italiana di "Love over gold" dei Dire Straits (che in CD rimasterizzato e' invece eccellente); ma anche in quel caso la resa era sopra il minimo accettabile.

    Ma dipende anche dall'impianto, che ha un ruolo fondamentale per farti apprezzare qualsiasi Lp. Col digitale invece e' un casino anche con buoni impianti; i CD scadenti sono quasi inascoltabili e anche per far suonare decentemente quelli buoni...

    Da super amante del vinile, devo dire che la storia è piena di incisioni pessime su vinile, non solo chiaramente per la mediocre registrazione di base, ma anche per alcune edizioni clamorosamente toppate, spesso solo su alcuni edizioni ristampe e via dicendo.

    Il più clamoroso, come più volte segnalato l'edizione originale USA dei Blind Faith nella cover "censurata", che aveva un livello di incisione bassissimo ed un rumore di fondo spaventoso, errore che ho riscontrato in varie altre edizioni in vinile ascoltate. Solo nei cd il difetto è stato eliminato.
    Poi ci sono i vinili deformati, quelli la cui casa discografica "spesso indipendente ai tempi", risparmiava sui materiali e via dicendo. Es non è un caso se i primi album delgi ELP suonassero meglio nelle ristampe Manticore che negli originali Island (grande etichetta per contenuti ma non per qualità audio).

    In sostanza ci sono almeno nel rock casi in cui le prime ristampe in cd suonavano meglio del corrispondente vinile, e quindi in questi casi anche le successive ristampe in vinile fatte come si deve, davano risultati superiori all'originale.

    Qualche esempio : Genesis, Led Zeppelin, Uriah Heep, Creedence, Yes etc etc.

    Passando per le incredibile serie Half Speed Mastered della CBS dei primi anni 80, che dimostrava che l'edizione originale del vinile aveva parecchi limiti.

    La grossa delusione arrivò quando fu evidente che il passaggio da vinile a CD, salvo le eccezioni (alcune riportate), non portò al prevedibile salto di qualità audiofilo che mi (ci) aspettavo proprio pensando ai miglioramenti degli Half SM.... alla fine il grosso balzo in avanti fu solo sulla comodità del formato, durata ed assenza di usura (salvo scoprire che poi ci sono alcuni originali che hanno problemi in lettura...).

    Certo non ci saremmo aspettati che all'inizio in "buona fede" nel tentativo maldestro di ridurre il fruscio - (molti dei famigerati ADD = ADD-IO dinamica !!!) , e poi deliberatamente per livellare verso l'alto il volume di uscita (loudness war), si sarebbe arrivati a milioni di incisioni pietose, oltretutto in periodi in cui il vinile era praticamente "morto" per cui non era neppure pensabile di poter prendere l'edizione in vinile di un'incisione pessima. Chiaramente rock e leggera i generi più massacrati.

    Incisione italiane ? Sbagliato fare di tutta l'erba un fascio, ce ne sono state anche di ottime sia legate agli artisti italiani che a stampe di album made in Uk ed USA (anche se potendo si preferivano chiaramente le copie di importazione).
    Casomai erano le ristampe in vinile made in Italy ad essere indecenti, spesso in collane economiche che all'incisione scadente univano per risparmiare cover altrettanto incedenti (addio grafica, cover a libro, testi e copertine interne stampate etc etc )!!! Parlo sempre di rock e pop.

    Impianto ??? Secondo me se un impianto è otttimo, deve dare pane al pane e vino al vino, nel senso che tanto più l'incisione è ottima, tanto più si spinge in alto la qualità della riproduzione esaltando la qualità, tanto più l'incisione e scadente tanto più si avverte questo aspetto sia pure deleterio.
    Chiaro che quello di mettere impietosamente a nudo un'incisione scadente per assurdo può essere un "quasi difetto", ma un hi-fi per me è tale sia nel bene che nel male, quindi anche nel "alta fedeltà della schifezza = doppia schifezza".

    In questi casi (dando per scontato che non esista un'incisione migliore) si può far finta di niente, vendere il disco, usare il supporto come fresbee, ascoltare l'album solo in sottofondo cuffietta auto etc etc oppure al limite come ULTIMA ISTANZA (se ancora ci sono, smanettare con i controlli di volume per cercare di salvare il salvabile, magari usando dei filtri di qualche software di musica liquida).
    Io confesso che nel hi-fi "bello" un'incisione pessima non riesco ad ascoltarla "senza fare altro"..... che non vuol dire che ascolto solo dischi audiofili, ma che c'è un limite di sopportazione sotto il quale non si dovrebbe scendere....

    Luca58
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8294
    Data d'iscrizione : 2009-07-15
    Località : Baracchina bianca

    Re: Vinile: si, ma a quale prezzo?

    Post  Luca58 on Thu Jun 23, 2016 3:28 pm



    _________________
    Keep your ears honest: Listen to live, unamplified music every week.

    lizard
    Pop Music Expert

    Numero di messaggi : 6369
    Data d'iscrizione : 2009-11-06
    Località : Augusta Taurinorum

    Re: Vinile: si, ma a quale prezzo?

    Post  lizard on Thu Jun 23, 2016 3:34 pm

    Luca58 wrote:
    t'è morto il gatto?

    ps:ma l'hai sentito sto linn??

    Luca58
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8294
    Data d'iscrizione : 2009-07-15
    Località : Baracchina bianca

    Re: Vinile: si, ma a quale prezzo?

    Post  Luca58 on Thu Jun 23, 2016 4:23 pm

    Ancora no, verso fine giugno. Ora mi sto interessando ai TNT, ma non e' facile trovare qualcuno che li possieda.


    _________________
    Keep your ears honest: Listen to live, unamplified music every week.

    Acutus
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 137
    Data d'iscrizione : 2015-10-24

    Re: Vinile: si, ma a quale prezzo?

    Post  Acutus on Thu Jun 23, 2016 5:47 pm

    Bufa wrote:Bell'argomento molto attuale. Parlavo proprio oggi con mio suocero, appassionato di classica e audiofilo da molti anni, sulla qualità delle incisioni e del mercato del vinile in questo momento.
    Sicuramente c'è un rilancio perché fa cool avere un girapalle in casa e poter dire di comprare vinili rispetto al resto ma a che prezzo e a con quale qualità?
    Molti delle incisioni recenti derivano da rimasterizzazioni, digitalizzazioni e chi più ne ha più ne metta, con il tentativo di creare atmosfere profonde, spazialità e dettagli nitidi privi di tic tac, almeno all'inizio e con meravigliose copertine. A parità, più o meno di settaggi fra in girapalle e un cdp, tranne le dimensioni delle copertine, probabilmente tutto il resto è facilmente raggiungibile con i CD ad un costo inferiore.
    Questo invece probabilmente non vale per le vecchie incisioni che subiscono senza dubbio dei problemi di età, tic tac, graffi, consumo della traccia a seconda delle varie puntine che l'hanno solcata, ma che effettivamente ancora mantengono il caldo e amato suono analogico che tanto ricerchiamo. Per questi effettivamente scartabellando fra i mercatini si trovano a tutti i prezzi e talvolta se ben conservati mi viene voglia di spenderci qualcosina di più senza il rimpiato o la sensazione della fregatura. Ecco questo si, ma 40/50 Euro per le nuove incisioni ma anche 20 mi fanno girare ancora di più il mio girapalle!!!!


    Premetto il fatto che ho contattato l'Accademia della Crusca la quale mi ha confermato l'utilizzo proprio e filologicamente corretto del termine "girapalle" o "giraballe" per designare il più comunemente detto giradischi.
    Ciò premesso devo quotare nella sostanza il sapido e colorito intervento del Bufa.
    20 euro sono più del doppio del prezzo di un c.d. E non è facile trovare ristampe a 20 euro. Più frequente è 26 euro circa, quindi circa il triplo del costo del c.d. Qualcuno, credo Lizard, ha parlato di 13 euro a l.p. Non so, bisognerebbe chiedere alla Cristoforetti se in qualche missione nello spazio ha adocchiato tale prezzo per l.p. su altri pianeti.
    Mi sembra che il prezzo minimo medio (sottolineo medio e non voglio polemica, please) sia di euro 15, cioè il prezzo dei vinili in edicola.
    A casa mia è un prezzo di 3/4 superiore a quello del c.d.
    Sia ben chiaro chi vi parla è un analogista. Ma a tutto c'è un limite.
    La stessa cosa dicasi per certo usato. Vada 5 , 10 euro a disco, ma spendere 15, 20 euro per un oggetto usato, mi sembra proprio voler arricchire quello che te lo vende dopo averlo comprato a 0,50. Magari è near mint, può darsi che sia scritto così, ma la pratica a volte riserva amare sorprese.

    lizard
    Pop Music Expert

    Numero di messaggi : 6369
    Data d'iscrizione : 2009-11-06
    Località : Augusta Taurinorum

    Re: Vinile: si, ma a quale prezzo?

    Post  lizard on Thu Jun 23, 2016 6:34 pm

    Acutus wrote: Qualcuno, credo Lizard, ha parlato di 13 euro a l.p.
    smentisco categoricamente.
    e mi appello al quinto elemento.

    alanford
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1248
    Data d'iscrizione : 2012-06-03
    Località : monza

    Re: Vinile: si, ma a quale prezzo?

    Post  alanford on Fri Jun 24, 2016 12:45 am

    lizard wrote:
    smentisco categoricamente.
    e mi appello al quinto elemento .

    lizard
    Pop Music Expert

    Numero di messaggi : 6369
    Data d'iscrizione : 2009-11-06
    Località : Augusta Taurinorum

    Re: Vinile: si, ma a quale prezzo?

    Post  lizard on Fri Jun 24, 2016 7:05 am

    alanford wrote:
    volevo dire emendamento!
    Embarassed

    RockOnlyRare
    Rockzebo Expert

    Numero di messaggi : 5707
    Data d'iscrizione : 2012-05-18
    Età : 62
    Località : Milano

    Re: Vinile: si, ma a quale prezzo?

    Post  RockOnlyRare on Fri Jun 24, 2016 9:17 am

    lizard wrote:

    volevo dire emendamento!
    Embarassed

    affraid affraid affraid affraid affraid affraid


    lizard
    Pop Music Expert

    Numero di messaggi : 6369
    Data d'iscrizione : 2009-11-06
    Località : Augusta Taurinorum

    Re: Vinile: si, ma a quale prezzo?

    Post  lizard on Fri Jun 24, 2016 9:46 am

    RockOnlyRare wrote:

    affraid affraid affraid affraid affraid affraid
    tutta colpa dei faber's cable !

    Acutus
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 137
    Data d'iscrizione : 2015-10-24

    Re: Vinile: si, ma a quale prezzo?

    Post  Acutus on Fri Jun 24, 2016 10:04 am

    È vero. Il colpevole dei 13 euro è Alanford

    RockOnlyRare
    Rockzebo Expert

    Numero di messaggi : 5707
    Data d'iscrizione : 2012-05-18
    Età : 62
    Località : Milano

    Re: Vinile: si, ma a quale prezzo?

    Post  RockOnlyRare on Fri Jun 24, 2016 12:34 pm

    Acutus wrote:È vero. Il colpevole dei 13 euro è Alanford

    Comunque io trovai a quella cifra un vinile dei Led Zeppelin rimasterizzato (la versione singola non quella doppia...) mi pare il IV, a media World !!!!!!!!

    Ho il "vago sospetto" che abbiano sbagliato a prezzare il vinile con lo stesso prezzo del cd.........      

    Ho guardato se ci fossero altri vinile degli ZEP a quel prezzo, c'erano ma tutti uguali a quello già preso .


    Luca58
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8294
    Data d'iscrizione : 2009-07-15
    Località : Baracchina bianca

    Re: Vinile: si, ma a quale prezzo?

    Post  Luca58 on Fri Jun 24, 2016 1:12 pm

    Io non ho mai ascoltato una ristampa moderna in Lp, ma da quelle che ho sentito nei primi anni 2000 certo non ci rischierei un cent.


    _________________
    Keep your ears honest: Listen to live, unamplified music every week.

    RockOnlyRare
    Rockzebo Expert

    Numero di messaggi : 5707
    Data d'iscrizione : 2012-05-18
    Età : 62
    Località : Milano

    Re: Vinile: si, ma a quale prezzo?

    Post  RockOnlyRare on Fri Jun 24, 2016 2:10 pm

    Luca58 wrote:Io non ho mai ascoltato una ristampa moderna in Lp, ma da quelle che ho sentito nei primi anni 2000 certo non ci rischierei un cent.

    Assolutamente daccordo, però considera che in quegli anni il vinile era pochissimo diffuso, specie in Italia, lo si è "riscoperto" solo successivamente con le ristampe "audiofile" ad alta grammatura.

    Adesso che il vinile è tornato decisamente di moda, occorre stare molto attenti perchè accanto a ristampe audiofile di indubbia qualità, ci sono quelle puramente speculative che saranno sì in alta grammatura, ma suonano decisamente peggio delle stampe originali anche per il deterioramento del master od il suo riversamento in digitale fatto ai tempi con poca o nessuna cura per la qualità, o peggio con rapporti di normalizzazione del suono elevatissimi.

    Prima di spendere 30-40€ per una ristampa "audiofila" conviene guardarsi in giro, leggere qualche opinione e via dicendo. Se no meglio andare su un vinile di recente pubblicazione che costa meno e se la casa discografica è seria, vale il prezzo del prodotto.


    Luca58
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8294
    Data d'iscrizione : 2009-07-15
    Località : Baracchina bianca

    Re: Vinile: si, ma a quale prezzo?

    Post  Luca58 on Fri Jun 24, 2016 3:38 pm

    Anche nei primi anni '90 c'erano stampe audiofile prestigiose e vere schifezze anche se avevano i 180 g. Gli Harmonia Mundi France in genere erano fantastici e oltre ad essere commerciali avevano lo spessore tradizionale, cosi' come la prima stupenda versione dei Weavers della Analogue Productions che avevo.


    _________________
    Keep your ears honest: Listen to live, unamplified music every week.

    RockOnlyRare
    Rockzebo Expert

    Numero di messaggi : 5707
    Data d'iscrizione : 2012-05-18
    Età : 62
    Località : Milano

    Re: Vinile: si, ma a quale prezzo?

    Post  RockOnlyRare on Fri Jun 24, 2016 5:09 pm

    Luca58 wrote:Anche nei primi anni '90 c'erano stampe audiofile prestigiose e vere schifezze anche se avevano i 180 g. Gli Harmonia Mundi France in genere erano fantastici e oltre ad essere commerciali avevano lo spessore tradizionale, cosi' come la prima stupenda versione dei Weavers della Analogue Productions che avevo.

    Nei primi anni 90, in piena era cd ??? Forse nella classica, nella leggera e nel rock erano davvero pochissimi gli album pubblicati in vinile, al massimo qualcuno in USA o Giappone che sono mercati molto più vasti.

    Per quanto riguarda l'alta grammatura confesso che non so in che periodo sono comparsi, mi pare strano già nei primi anni 90.

    Da wikipedia (ok va presa con le pinze,......)
    ..... La produzione su larga scala di dischi in vinile è praticamente cessata nei primi anni novanta (in Italia fino al 1993). Dalla seconda metà degli anni duemila il disco in vinile è tornato negli scaffali dei negozi, essenzialmente come prodotto di nicchia....



    Luca58
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8294
    Data d'iscrizione : 2009-07-15
    Località : Baracchina bianca

    Re: Vinile: si, ma a quale prezzo?

    Post  Luca58 on Fri Jun 24, 2016 5:40 pm

    Nei primi anni '90 Sound and Music di Lucca era il riferimento nazionale per Lp e CD audiophile. Per quanto riguarda leggera e rock, davvero esistevano ancora negli anni '90? L'alta grammatura era all'inizio della produzione ed e' servita come richiamo per le allodole quando la qualita' degli Lp stampati ha iniziato a calare, un po' come le pellicole da fotografia supersature che furono prodotte per compensare il calo qualitativo delle lenti.


    _________________
    Keep your ears honest: Listen to live, unamplified music every week.

    RockOnlyRare
    Rockzebo Expert

    Numero di messaggi : 5707
    Data d'iscrizione : 2012-05-18
    Età : 62
    Località : Milano

    Re: Vinile: si, ma a quale prezzo?

    Post  RockOnlyRare on Fri Jun 24, 2016 5:52 pm

    Luca58 wrote:Nei primi anni '90 Sound and Music di Lucca era il riferimento nazionale per Lp e CD audiophile. Per quanto riguarda leggera e rock, davvero esistevano ancora negli anni '90?

    Non saprei dirti con certezza. Sicuramente qualche album di importazione c'era ancora, ad esempio alla Virgin , made in Usa o Japan (a prezzi esosi).
    In compenso si facevano affaroni con i vinili usati che venivano tirati letteralmente dietro anche perchè praticamente non ne fregava niente a nessuno. Io ne presi un po', in primis album rari che non erano usciti in cd, e poi altri in buono stato davvero regalati (del tipo 3 album 10.000 lire con il cd che ne costava oltre 20.000 !!!)

    Non saprei dare una data anche approssimativa alle prime edizioni in alta grammatura. Mi verrebbe da dire la seconda metà degli anni 2000, ma forse per la classica jazz etc etc la stampa è iniziata prima. Di certo il boom del vinile si può far risalire grosso modo intorno al 2010 (almeno in USA), anno più anno meno, in cui c'è stata una crescente inversione di tendenza a favore del LP.



    Luca58
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8294
    Data d'iscrizione : 2009-07-15
    Località : Baracchina bianca

    Re: Vinile: si, ma a quale prezzo?

    Post  Luca58 on Fri Jun 24, 2016 5:57 pm

    Nella Classica mi ricordo di averne acquistati da S&M verso il 1994/5, in particolare un concerto di Mozart per vari strumenti che era una vera ca@ata di incisione in barba ai 180g. E mi ricordo anche, se non sbaglio, che molti dischi (mi sembra ad esempio quello di Sonny Rollins - Way out west della Analogue Productions o un Lp di Liszt suonato da Knight) erano piu' spessi ma nemmeno lo riportavano perche' tanto vendevano o meno a seconda di come suonavano.

    Secondo me i primissimi anni '90 sono stati l'Eden dell'alta fedelta'.


    _________________
    Keep your ears honest: Listen to live, unamplified music every week.

    lizard
    Pop Music Expert

    Numero di messaggi : 6369
    Data d'iscrizione : 2009-11-06
    Località : Augusta Taurinorum

    Re: Vinile: si, ma a quale prezzo?

    Post  lizard on Fri Jun 24, 2016 8:05 pm

    Luca58 wrote:Nei primi anni '90 Sound and Music di Lucca era il riferimento nazionale per Lp e CD audiophile. Per quanto riguarda leggera e rock, davvero esistevano ancora negli anni '90? L'alta grammatura era all'inizio della produzione ed e' servita come richiamo per le allodole quando la qualita' degli Lp stampati ha iniziato a calare, un po' come le pellicole da fotografia supersature che furono prodotte per compensare il calo qualitativo delle lenti.

    senza contare il fatto che i vinili CBS della serie Half Speed ed i primi OMR_MFSL erano stampati con grammatura standard (e questi ultimi anche su vinile vergine JPN della JVC,quello bruno-trasparente),ma erano caratterizzati da una straordinaria planarità e da una impeccabile precisione di stampaggio e pressatura.
    i famosi 180 gr,ubiquitari come i funghi porcini nei ristoranti nel mese di giugno,sono sempre stati uno specchietto per le allodole
    sdc

    Acutus
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 137
    Data d'iscrizione : 2015-10-24

    Re: Vinile: si, ma a quale prezzo?

    Post  Acutus on Sat Jun 25, 2016 10:55 am

    Sono d' accordo con Lizard il 180 o peggio il 200 grammi è ampiamente discutibile.
    Col sondek pesano troppo e abbassano le molle. Vanno benissimo quelli più leggeri, se ben realizzati.

    RockOnlyRare
    Rockzebo Expert

    Numero di messaggi : 5707
    Data d'iscrizione : 2012-05-18
    Età : 62
    Località : Milano

    Re: Vinile: si, ma a quale prezzo?

    Post  RockOnlyRare on Sat Jun 25, 2016 10:56 am

    Luca58 wrote:Nella Classica mi ricordo di averne acquistati da S&M verso il 1994/5, in particolare un concerto di Mozart per vari strumenti che era una vera ca@ata di incisione in barba ai 180g. E mi ricordo anche, se non sbaglio, che molti dischi (mi sembra ad esempio quello di Sonny Rollins - Way out west della Analogue Productions o un Lp di Liszt suonato da Knight) erano piu' spessi ma nemmeno lo riportavano perche' tanto vendevano o meno a seconda di come suonavano.

    Secondo me i primissimi anni '90 sono stati l'Eden dell'alta fedelta'.

    Il boom c'è stato a fine anni 70.....


    RockOnlyRare
    Rockzebo Expert

    Numero di messaggi : 5707
    Data d'iscrizione : 2012-05-18
    Età : 62
    Località : Milano

    Re: Vinile: si, ma a quale prezzo?

    Post  RockOnlyRare on Sat Jun 25, 2016 11:15 am

    Acutus wrote:Sono d' accordo con Lizard il 180 o peggio il 200 grammi è ampiamente discutibile.
    Col sondek pesano troppo e abbassano le molle. Vanno benissimo quelli più leggeri, se ben realizzati.

    Dal punto di vista tecnico l'alta grammatura permette di avere risultati migliori a patto che il processo di incisione sia fatto come si deve.

    Però collegare incisioni fatte male all'alta grammatura mi lascia alquanto perplesso, non è il supporto che è peggiore, è la casa che stampa l'album che fa pena, anzi è pure disonesta perchè fa pagare più per un prodotto che non lo vale.

    Allo steso modo se ci sono album in alta risoluzione fatti con un upsampling dal file normale (ma venduti a costo maggiorato), non per questo tutti gli album in hi-res sono da condannare.


    Luca58
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8294
    Data d'iscrizione : 2009-07-15
    Località : Baracchina bianca

    Re: Vinile: si, ma a quale prezzo?

    Post  Luca58 on Sat Jun 25, 2016 11:19 am

    RockOnlyRare wrote:

    Il boom c'è stato a fine anni 70.....
    Dalla fine anni '80 alla meta' anni '90 e' stato un periodo nel quale fiorivano componenti straordinari, ancora oggi ricercati; poi si sono piegati all'HT e tutto e' cambiato.

    Questo non toglie che oggetti favolosi siano nati anche prima e dopo quel periodo, ma la concentrazione in quegli anni ne fa un periodo secondo me particolare.


    _________________
    Keep your ears honest: Listen to live, unamplified music every week.

    Luca58
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8294
    Data d'iscrizione : 2009-07-15
    Località : Baracchina bianca

    Re: Vinile: si, ma a quale prezzo?

    Post  Luca58 on Sat Jun 25, 2016 11:24 am

    RockOnlyRare wrote:
    collegare incisioni fatte male all'alta grammatura mi lascia alquanto perplesso

    Vero; infatti non abbiamo detto che l'alta grammatura sia la causa del fatto che sia calata la qualita' degli Lp. Tra l'altro molti 180g vanno bene. E' che andavano cosi' bene quelli precedenti che aumentare lo spessore in pratica non avrebbe portato grandi vantaggi. Quello che poi e' accaduto e' che e' stata diffusamente usata per allettare quando la qualita' calava e il disco da 180g di Mozart di cui parlavo prima resta uno dei peggiori che abbia mai ascoltato.


    _________________
    Keep your ears honest: Listen to live, unamplified music every week.

    RockOnlyRare
    Rockzebo Expert

    Numero di messaggi : 5707
    Data d'iscrizione : 2012-05-18
    Età : 62
    Località : Milano

    Re: Vinile: si, ma a quale prezzo?

    Post  RockOnlyRare on Sat Jun 25, 2016 12:18 pm

    Luca58 wrote:

    Vero; infatti non abbiamo detto che l'alta grammatura sia la causa del fatto che sia calata la qualita' degli Lp. Tra l'altro molti 180g vanno bene. E' che andavano cosi' bene quelli precedenti che aumentare lo spessore in pratica non avrebbe portato grandi vantaggi. Quello che poi e' accaduto e' che e' stata diffusamente usata per allettare quando la qualita' calava e il disco da 180g di Mozart di cui parlavo prima resta uno dei peggiori che abbia mai ascoltato.

    Su questo siamo assolutamente daccordo. Comunque secondo me l'alta grammatura aumenta le % che il disco non sia ondulato (o che lo diventi, perchè attenzione spesso i dischi ondulati lo diventano perchè tra la produzione e l'arrivo nel negozio subiscono dei danni (es temperatura troppo alta, errato immagazzinamento ( si dice ???) etc etc.

    Inoltre permette teoricamente di usare un solco un po' più profondo e se l'incisione avviene in half speed, i risultati a partià di master, si sentono e come. Poi come detto se la sola cosa che cambia è nei grammi del materiale, è come quando "masterizzano" un film di qualità del master VHS (es le vecchie trasmissioni della RAI) in formato Blue Ray e te lo vendono al prezzo di un Blu Ray hi-res !!!


      Current date/time is Fri Dec 09, 2016 8:28 pm