Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
Il primo vagito del mio Auralic Aries. - Page 10
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    Il primo vagito del mio Auralic Aries.

    Share

    Pazzoperilpianoforte
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 5546
    Data d'iscrizione : 2009-01-12

    Re: Il primo vagito del mio Auralic Aries.

    Post  Pazzoperilpianoforte on Tue 07 Feb 2017, 07:28

    No, orecchio troppo fallace. Certo sarebbe stato interessante ascoltarlia confronto.

    Soprattutto pensavo di confrontare i file con WINHEX, per vedere le differenze materiali da ciascuno e il file originale.

    L'ascolto più che altro sarebbe servito a rendermi conto di quali differenze tra quelle rilevate fossero percepibili, e se lo sono.

    Certo, un unico caso non ha alcun valore statistico.. ma almeno mi facevo una idea dell'ordine di grandezza del fenomeno.

    Nel senso: se tutti i programmi all'incirca si situano ugualmente distanti dall'originale, se alcuni invece hanno differenze minime ed altri massime.. certo per un giudizio definitivo bisognerebbe fare la prova con vari dischi, ed il giudizio sarebbe tanto più valido quanti più fossero i file provati..
    avatar
    maggio
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1658
    Data d'iscrizione : 2010-11-22
    Località : Bergamo

    Re: Il primo vagito del mio Auralic Aries.

    Post  maggio on Tue 07 Feb 2017, 08:12

    Secondo me ti stai complicando la vita.
    Utilizza EAC o DBPowerAmp per il rip e stabilisci SE con l'Auralic senti differenze tra le diverse compressioni.
    avatar
    Johnny1982
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 4946
    Data d'iscrizione : 2017-01-17
    Località : Marche

    Re: Il primo vagito del mio Auralic Aries.

    Post  Johnny1982 on Tue 07 Feb 2017, 09:26

    maggio wrote:Secondo me ti stai complicando la vita.
    Utilizza EAC o DBPowerAmp per il rip e stabilisci SE con l'Auralic senti differenze tra le diverse compressioni.

    avatar
    Johnny1982
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 4946
    Data d'iscrizione : 2017-01-17
    Località : Marche

    Re: Il primo vagito del mio Auralic Aries.

    Post  Johnny1982 on Tue 07 Feb 2017, 09:31

    Su Foobar gratis vs dbpoweramp che si paga , dico che db è sicuramente meglio perchè fatti dalla stessa software house ... fossero 2 team di sviluppo diversi (ec eac vs db) certamente non si può affermare a priori questo , ma certamente se la medesima software house ti da un prodotto gratis ed uno a pagamento sicuramente quello a pagamento avrà funzionalità migliori... oppure sono completamente pazzi
    avatar
    Pazzoperilpianoforte
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 5546
    Data d'iscrizione : 2009-01-12
    Età : 50
    Località : Firenze

    Re: Il primo vagito del mio Auralic Aries.

    Post  Pazzoperilpianoforte on Tue 07 Feb 2017, 12:36

    Ragazzi il mio problema è nato perché mi era parso che JRIVER desse luogo a rippaggi di qualità sonora superiore all'ascolto.

    Da qui nasce l'esigenza di capire se questa opinione era frutto di allucinazione, o se c'è una spiegazione oggettiva.


    _________________
    Vito Buono
    __________
    Auralic Aries + Auralic Vega + Stax SR-009 + Stax SRM 600 Limited
    oppure
    Graaf GM-50 rivalvolato Telefunken/Valvo Amburgo/EI KT90 + ProAc D 25
    ... e tantissima musica!
    avatar
    Johnny1982
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 4946
    Data d'iscrizione : 2017-01-17
    Località : Marche

    Re: Il primo vagito del mio Auralic Aries.

    Post  Johnny1982 on Tue 07 Feb 2017, 13:01

    Sarei curioso invece di sapere Naim nei loro equivalenti dell'auralic come fanno i rip ,

    gli equivalenti naim hanno un lettore cd che è usato solo per ripping


    UnitiServe

    ed il nuovo

    Uniti Core


    prezzi stellari come nel pieno stile naim ... il core è interessante perchè l'alloggio per il disco fisso lo ha interno ... ed ha un prezzo più abbordabile

    comunque troppo costoso ...

    mi piacerebbe realizzare un piccolo streamer con raspberry / volumio e schedino hifiberry digi+ pro ... sarebbe molto bello poterlo paragonare poi ad uno streamer di fascia alta e vedere quanto cambia ..
    avatar
    Pazzoperilpianoforte
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 5546
    Data d'iscrizione : 2009-01-12
    Età : 50
    Località : Firenze

    Re: Il primo vagito del mio Auralic Aries.

    Post  Pazzoperilpianoforte on Tue 07 Feb 2017, 13:48

    Dicono che il rippaggio su quegli apparecchi NAIM + convertitore Accuphase superi l'accoppiata Accuphase + meccanica. Quindi non credo che usino un sistema di rippaggio mediocre.


    _________________
    Vito Buono
    __________
    Auralic Aries + Auralic Vega + Stax SR-009 + Stax SRM 600 Limited
    oppure
    Graaf GM-50 rivalvolato Telefunken/Valvo Amburgo/EI KT90 + ProAc D 25
    ... e tantissima musica!
    avatar
    colombo riccardo
    Archivista Liquidatore

    Numero di messaggi : 4232
    Data d'iscrizione : 2010-05-27
    Età : 55

    Re: Il primo vagito del mio Auralic Aries.

    Post  colombo riccardo on Tue 07 Feb 2017, 13:56

    Pazzoperilpianoforte wrote:Ragazzi il mio problema è nato perché mi era parso che JRIVER desse luogo a rippaggi di qualità sonora superiore all'ascolto.

    Da qui nasce l'esigenza di capire se questa opinione era frutto di allucinazione, o se c'è una spiegazione oggettiva.

    quanto è fallace l'ascolto :

    ascolti ad esempio un rippaggio "migliore" con Jriver

    e allora rippi con Jriver

    poi passa il tempo, hai già rippato tutto e provi a riascoltare un rippaggio fatto non con Jriver

    e lo senti superiore (cambiando le condizioni di ascolto come quando si cambiano i diffusori)

    allora che cosa fai ?

    rippi di nuovo tutti i tuoi cd ?

    ciao
    Riki
    avatar
    Johnny1982
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 4946
    Data d'iscrizione : 2017-01-17
    Località : Marche

    Re: Il primo vagito del mio Auralic Aries.

    Post  Johnny1982 on Tue 07 Feb 2017, 14:09

    Se tipiace sprecare spazio ... Ti rippi la iso con anydvd e poi ririppi con cio che vuoi


    _________________
    Elettroniche: V281 DAC: Auralic Vega + Isolatore Intona Industrial, Cavi segnale e cuffie Autocostruiti Argento Occ Neotech o  Jupiter 6N Cryo, DragonFly Red
    Cuffie: Senny HD600 e HD201, Denon AH-d7200, HifiMan he6,b&w P7 Auricolari: VE Monk, HiFiMan ES100
    Cinema: TV LG 55B6V A/V ONKYO TX NR-747 Lettore UHD: Panasonic UB-700 Cavi HDMI AudioQuest Pearl 2.0 Dali Zensor 3+Vokal, Sub+Surround Canton
    Cavi Alim. autocostruiti Acoustic Revive Powermax 5000 + Spine Viborg
    Catena Casse: Rega BrioR, Canton SLS790, segnalre: RCA Mundorf, Potenza: Viablue SC-6 Anaconda
    avatar
    Fausto
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 6026
    Data d'iscrizione : 2010-10-09
    Età : 53
    Località : Insubria

    Re: Il primo vagito del mio Auralic Aries.

    Post  Fausto on Tue 07 Feb 2017, 14:48

    Pazzoperilpianoforte wrote:Dicono che il rippaggio su quegli apparecchi NAIM + convertitore Accuphase superi l'accoppiata Accuphase + meccanica. Quindi non credo che usino un sistema di rippaggio mediocre.

    come puoi leggere in firma io ho un server Naim (UnitiServe) ma sinceramente non mi sono mai posto il problema di come faccia i rippaggi (credo usi un sistema proprietario). posso dirti che il risultato, paragonato con l'ascolto del cd su cdp, è ottimo. ascolto con convertitore naim.


    _________________


    1 #giraaudiomeca #giraemt #cdpyba #servernaim #streamerbluesound #dacnaim #prephonowhest #prefortevita #filtroyba #2finaliyba #diffusoriyba+ybasub #caviyba_naim_nordost #nasqnap.
    2 #cdyba #streamerbluesound #ampliyba #diffusoriyba #caviyba.
    3 #bdmarantz #sintoamplimarantz #5diffusoricambridgeaudio #swcambridgeaudio #caviqed

    ... simplement musical ...
    avatar
    Pazzoperilpianoforte
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 5546
    Data d'iscrizione : 2009-01-12
    Età : 50
    Località : Firenze

    Re: Il primo vagito del mio Auralic Aries.

    Post  Pazzoperilpianoforte on Tue 07 Feb 2017, 20:47

    Allora, ho fatto un test molto interessante.

    Ho scaricato dalla rete il file nativo della traccia che avevo provato nei vari rippaggi.

    Trattavasi di test non risolutivo, perché chiaramente una sola traccia di poco meno di 8 minuti non può fare statistica.

    La traccia è però stata scelta con oculatezza: il disco in questione è stato pubblicato solo una volta in tempi recenti, e non ne esistono quindi più versioni e più remastering. Ciò che ho scaricato è quindi molto vicino al master 16/44.1 che poi ha permesso lo stampaggio del CD.

    Ho poi confrontato il file tramite WINHEX con le due famiglie di rippaggi ottenute dal CD. Da un lato JRIVER (rippaggio identico a Foobar) e dall'altro DBPoweramp in modalità ACURATE (identico a EAC).

    Questi i risultati:

    Differenza JRIVER/file nativo = 78966127 differenze

    Differenza DBPoweramp/file nativo = 78985294 differenze.

    Entrambi i rippaggi sono quindi diversi in vari punti dal master, ma il rippaggio JRIVER/Foobar ha meno punti di differenza dal master di quanto ne abbiamo DBPoweramp ed EAC!! EAC e DBPoweramp differiscono dal file downlodato per 19167 campioni in più che non JRIVER e FOOBAR..


    _________________
    Vito Buono
    __________
    Auralic Aries + Auralic Vega + Stax SR-009 + Stax SRM 600 Limited
    oppure
    Graaf GM-50 rivalvolato Telefunken/Valvo Amburgo/EI KT90 + ProAc D 25
    ... e tantissima musica!
    avatar
    Johnny1982
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 4946
    Data d'iscrizione : 2017-01-17
    Località : Marche

    Re: Il primo vagito del mio Auralic Aries.

    Post  Johnny1982 on Tue 07 Feb 2017, 20:51

    Guarda con cosi tanti campioni di differenza quelli uguali sono solo casuali...


    _________________
    Elettroniche: V281 DAC: Auralic Vega + Isolatore Intona Industrial, Cavi segnale e cuffie Autocostruiti Argento Occ Neotech o  Jupiter 6N Cryo, DragonFly Red
    Cuffie: Senny HD600 e HD201, Denon AH-d7200, HifiMan he6,b&w P7 Auricolari: VE Monk, HiFiMan ES100
    Cinema: TV LG 55B6V A/V ONKYO TX NR-747 Lettore UHD: Panasonic UB-700 Cavi HDMI AudioQuest Pearl 2.0 Dali Zensor 3+Vokal, Sub+Surround Canton
    Cavi Alim. autocostruiti Acoustic Revive Powermax 5000 + Spine Viborg
    Catena Casse: Rega BrioR, Canton SLS790, segnalre: RCA Mundorf, Potenza: Viablue SC-6 Anaconda
    avatar
    maggio
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1658
    Data d'iscrizione : 2010-11-22
    Località : Bergamo

    Re: Il primo vagito del mio Auralic Aries.

    Post  maggio on Tue 07 Feb 2017, 20:52

    Winhex ti evidenzia N differenze ma non in che misura sono differenti all'ascolto.
    Non lo considererei come test risolutivo.
    Hai fatto il test sulle varie compressioni?
    avatar
    Pazzoperilpianoforte
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 5546
    Data d'iscrizione : 2009-01-12
    Età : 50
    Località : Firenze

    Re: Il primo vagito del mio Auralic Aries.

    Post  Pazzoperilpianoforte on Tue 07 Feb 2017, 20:56

    Johnny1982 wrote:Guarda con cosi tanti campioni di differenza quelli uguali sono solo casuali...

    Allora almeno possiamo chiaramente dire che non c'è nessuna superiorità di EAC e DBPoweramp su JRIVER e FOOBAR.

    Comunque attenzione: 78966127 campioni difformi vuol dire 30 secondi di musica su 7 minuti e 40 che è la durata del brano.

    I campioni sbagliati sono in entrambi i due rippaggi pari al 15% del totale.


    Last edited by Pazzoperilpianoforte on Tue 07 Feb 2017, 21:11; edited 3 times in total


    _________________
    Vito Buono
    __________
    Auralic Aries + Auralic Vega + Stax SR-009 + Stax SRM 600 Limited
    oppure
    Graaf GM-50 rivalvolato Telefunken/Valvo Amburgo/EI KT90 + ProAc D 25
    ... e tantissima musica!
    avatar
    Pazzoperilpianoforte
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 5546
    Data d'iscrizione : 2009-01-12
    Età : 50
    Località : Firenze

    Re: Il primo vagito del mio Auralic Aries.

    Post  Pazzoperilpianoforte on Tue 07 Feb 2017, 21:01

    maggio wrote:Winhex ti evidenzia N differenze ma non in che misura sono differenti all'ascolto.
    Non lo considererei come test risolutivo.
    Hai fatto il test sulle varie compressioni?

    Non è risolutivo.. ma a me il rippaggio JRIVER/FOOBAR che pur in piccola misura ha meno difformità dal file downlodato, è il rippaggio che all'ascolto era sembrato migliore.. che mezzo secondo di campioni più azzeccati possa fare la differenza? Non credo, ma almeno possiamo dire che il controllo dei file dal punto di vista statistico NON CONTRADDICE AFFATTO le impressioni d'ascolto.

    Il livello di compressione è ininfluente alla qualità sonora. I file estratti ai vari livelli di compressione FLAC sono tra loro identici sia con DBPoweramp, che con JRIVER, che con EAC. E' il rippaggio che conta, non il formato.

    Unica peculiarità: riproducendo con JRIVER il file salvato in FLAC6 sembra suonare meglio che il file salvato in FLAC5.. ma i due file riprodotti da altri player sembrano identici.. dovrei fare un doppio cieco per esserne sicuro, ma vista così sembrerebbe che JRIVER come riproduttore preferisca i FLAC6 (livello di compressione consigliato dagli sviluppatori di JRIVER)


    _________________
    Vito Buono
    __________
    Auralic Aries + Auralic Vega + Stax SR-009 + Stax SRM 600 Limited
    oppure
    Graaf GM-50 rivalvolato Telefunken/Valvo Amburgo/EI KT90 + ProAc D 25
    ... e tantissima musica!
    avatar
    Johnny1982
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 4946
    Data d'iscrizione : 2017-01-17
    Località : Marche

    Re: Il primo vagito del mio Auralic Aries.

    Post  Johnny1982 on Tue 07 Feb 2017, 21:13

    Come sono distribuiti i campioni ? Unifornemente o piu all'inizio e fine ?


    _________________
    Elettroniche: V281 DAC: Auralic Vega + Isolatore Intona Industrial, Cavi segnale e cuffie Autocostruiti Argento Occ Neotech o  Jupiter 6N Cryo, DragonFly Red
    Cuffie: Senny HD600 e HD201, Denon AH-d7200, HifiMan he6,b&w P7 Auricolari: VE Monk, HiFiMan ES100
    Cinema: TV LG 55B6V A/V ONKYO TX NR-747 Lettore UHD: Panasonic UB-700 Cavi HDMI AudioQuest Pearl 2.0 Dali Zensor 3+Vokal, Sub+Surround Canton
    Cavi Alim. autocostruiti Acoustic Revive Powermax 5000 + Spine Viborg
    Catena Casse: Rega BrioR, Canton SLS790, segnalre: RCA Mundorf, Potenza: Viablue SC-6 Anaconda
    avatar
    Pazzoperilpianoforte
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 5546
    Data d'iscrizione : 2009-01-12
    Età : 50
    Località : Firenze

    Re: Il primo vagito del mio Auralic Aries.

    Post  Pazzoperilpianoforte on Tue 07 Feb 2017, 21:18

    Non sono così bravo a leggere i dati di WINHEX.. è un programma che ho tra le mani da pochi giorni.. magari vedo se ha la possibilità di identificare la distribuzione delle difformità nel tempo del brano..

    Avevo pensato che potesse essere una questione di offset. Ma se il brano è spostato in avanti o indietro nella successione di campioni, tutto il file dovrebbe risultare difforme, non una quantità pari al 15%


    _________________
    Vito Buono
    __________
    Auralic Aries + Auralic Vega + Stax SR-009 + Stax SRM 600 Limited
    oppure
    Graaf GM-50 rivalvolato Telefunken/Valvo Amburgo/EI KT90 + ProAc D 25
    ... e tantissima musica!
    avatar
    Johnny1982
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 4946
    Data d'iscrizione : 2017-01-17
    Località : Marche

    Re: Il primo vagito del mio Auralic Aries.

    Post  Johnny1982 on Tue 07 Feb 2017, 23:04

    Pazzoperilpianoforte wrote:Non sono così bravo a leggere i dati di WINHEX.. è un programma che ho tra le mani da pochi giorni.. magari vedo se ha la possibilità di identificare la distribuzione delle difformità nel tempo del brano..

    Avevo pensato che potesse essere una questione di offset. Ma se il brano è spostato in avanti o indietro nella successione di campioni, tutto il file dovrebbe risultare difforme, non una quantità pari al 15%

    diceva maggio che quel programma cerca se ci sono "blocchi" uguali anche se sfasati ... i programmi evoluti fanno così.

    sul ripping leggevo anche che quando le canzoni si spezzano potrebbero esserci imprecisione ai bordi (o non ricordo se ciò era dovuto alla compressione in flac)

    molti rippano tutto il cd comu un unico file wave o flac e poi ci mettono il file .cue che racchiude i dati dei titoli canzone , inizio e fine del singolo brano...

    io rippo come canzoni singole perchè è più comodo ... probabilmente il metodo del monofile è più preciso

    provaci ... rippa tutto il cd come unico file e poi confronta il file intero con quello che hai scaricato così trovi se quel blocco è uguale...
    avatar
    Pazzoperilpianoforte
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 5546
    Data d'iscrizione : 2009-01-12
    Età : 50
    Località : Firenze

    Re: Il primo vagito del mio Auralic Aries.

    Post  Pazzoperilpianoforte on Wed 08 Feb 2017, 08:06

    Fausto wrote:

    come puoi leggere in firma io ho un server Naim (UnitiServe) ma sinceramente non mi sono mai posto il problema di come faccia i rippaggi (credo usi un sistema proprietario). posso dirti che il risultato, paragonato con l'ascolto del cd su cdp, è ottimo. ascolto con convertitore naim.

    Sulla qualità del rippaggio Naim non ho difficoltà a crederti. Ci sono molte esperienze di ascolto che lo definiscono efficace, anche se io non ho mai avuto la possibilità di provarlo.


    _________________
    Vito Buono
    __________
    Auralic Aries + Auralic Vega + Stax SR-009 + Stax SRM 600 Limited
    oppure
    Graaf GM-50 rivalvolato Telefunken/Valvo Amburgo/EI KT90 + ProAc D 25
    ... e tantissima musica!
    avatar
    Pazzoperilpianoforte
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 5546
    Data d'iscrizione : 2009-01-12
    Età : 50
    Località : Firenze

    Re: Il primo vagito del mio Auralic Aries.

    Post  Pazzoperilpianoforte on Wed 08 Feb 2017, 08:44

    Johnny1982 wrote:

    diceva maggio che quel programma cerca se ci sono "blocchi" uguali anche se sfasati ... i programmi evoluti fanno così.

    sul ripping leggevo anche che quando le canzoni si spezzano potrebbero esserci imprecisione ai bordi (o non ricordo se ciò era dovuto alla compressione in flac)

    molti rippano tutto il cd comu un unico file wave o flac e poi ci mettono il file .cue che racchiude i dati dei titoli canzone , inizio e fine del singolo brano...

    io rippo come canzoni singole perchè è più comodo ... probabilmente il metodo del monofile è più preciso

    provaci ... rippa tutto il cd come unico file e poi confronta il file intero con quello che hai scaricato così trovi se quel blocco è uguale...

    Statisticamente una difformità di 30 secondi di musica su 7 minuti e passa (15%) mi sembra non compatibille con un problema di taglio del file ai bordi.
    L'offset ad esempio incide per meno di un secondo di musica: meno di 44100 campioni in cima e in fondo (totale su un brano Max 88200 campioni). Direi che qui stiamo riscontrando differenze di ben altra rilevanza.

    Né francamente mi fa simpatia il concetto di conversione FLAC fallace. Il concetto stesso di CODEC LOSSLESS sarebbe del tutto fallace se entriamo nell'ottica che tanti errori siano dovuti al sistema di conversione FLAC. LOSSLESS per modo di dire, significherebbe, visto che strazio fa delle tracce che gli vengono affidate!. Nelle mie prove, che sono certo poche, il livello di flac del rippaggio è ininfluente per la integrità della traccia: dato un programma di rippaggio, il file prodotto ha una accuratezza indipendente dal FLAC.
    Due rippaggi di JRIVER effettuati con due livelli di FLAC diversi, hanno dato luogo a due file diversi per un solo campione, e sono portato ad attribuire il fatto più ad una difformità di due letture diverse del disco più che non alla compressione FLAC, francamente.

    Le osservazioni che possiamo fare sono queste:

    1. Non sappiamo quanto il file downlodato sia conforme a quello usato per produrre i CD. Ma davvero una major si mette a rifare un file che vende per pochi euro a Qobuz? E poi: se si trattasse di un remastering la differenza non sarebbe molto più alta che un 15% dei campioni? Non abbiamo risposte certe.

    2. La traccia usata come prova è la traccia su cui in EAC era intervenuta la correzione d'errore. A parte che gli altri tre programmi non l'hanno segnalata, ma un settore del disco non perfettamente leggibile potrebbe essere coerente alla quantità di dati difformi (30 secondi di musica). In tal caso verrebbe però da pensare che la correzione errori del RED SOLOMON CODE è assolutamente interpretativa, visto la difformità dei file dopo la correzione. D'altra parte faccio notare che la differenza tra i due rippaggi vede praticamente lo stesso numero di campioni difformi che il confronto tra ogni rippaggio e il file downlodato. La quantità dei campioni critici è all'incirca sempre la stessa.

    Ora per controprova potrei cambiare disco, effettuare su una traccia campione abbastanza lunga le stesse prove.

    File immagine o file WAV per me non dovrebbe dare differenza alcuna: questi sono errori di rilevazione dei dati, non aberrazione di dati corretti secondo me. Il processo di rilevazione del dato è enormemente più critico che il processo di elaborazione numerica con formati lineari o lossless.


    _________________
    Vito Buono
    __________
    Auralic Aries + Auralic Vega + Stax SR-009 + Stax SRM 600 Limited
    oppure
    Graaf GM-50 rivalvolato Telefunken/Valvo Amburgo/EI KT90 + ProAc D 25
    ... e tantissima musica!
    avatar
    Johnny1982
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 4946
    Data d'iscrizione : 2017-01-17
    Località : Marche

    Re: Il primo vagito del mio Auralic Aries.

    Post  Johnny1982 on Wed 08 Feb 2017, 10:26

    Pazzoperilpianoforte wrote:

    Statisticamente una difformità di 30 secondi di musica su 7 minuti e passa (15%) mi sembra non compatibille con un problema di taglio del file ai bordi.
    L'offset ad esempio incide per meno di un secondo di musica: meno di 44100 campioni in cima e in fondo (totale su un brano Max 88200 campioni). Direi che qui stiamo riscontrando differenze di ben altra rilevanza.

    Né francamente mi fa simpatia il concetto di conversione FLAC fallace. Il concetto stesso di CODEC LOSSLESS sarebbe del tutto fallace se entriamo nell'ottica che tanti errori siano dovuti al sistema di conversione FLAC. LOSSLESS  per modo di dire, significherebbe, visto che strazio fa delle tracce che gli vengono affidate!. Nelle mie prove, che sono certo poche, il livello di flac del rippaggio è ininfluente per la integrità della traccia: dato un programma di rippaggio, il file prodotto ha una accuratezza indipendente dal FLAC.
    Due rippaggi di JRIVER effettuati con due livelli di FLAC diversi, hanno dato luogo a due file diversi per un solo campione, e sono portato ad attribuire il fatto più ad una difformità di due letture diverse del disco più che non alla compressione FLAC, francamente.

    Le osservazioni che possiamo fare sono queste:

    1. Non sappiamo quanto il file downlodato sia conforme a quello usato per produrre i CD. Ma davvero una major si mette a rifare un file che vende per pochi euro a Qobuz? E poi: se si trattasse di un remastering la differenza non sarebbe molto più alta che un 15% dei campioni? Non abbiamo risposte certe.

    2. La traccia usata come prova è la traccia su cui in EAC era intervenuta la correzione d'errore. A parte che gli altri tre programmi non l'hanno segnalata, ma un settore del disco non perfettamente leggibile potrebbe essere coerente alla quantità di dati difformi (30 secondi di musica). In tal caso verrebbe però da pensare che la correzione errori del RED SOLOMON CODE è assolutamente interpretativa, visto la difformità dei file dopo la correzione. D'altra parte faccio notare che la differenza tra i due rippaggi vede praticamente lo stesso numero di campioni difformi che il confronto tra ogni rippaggio e il file downlodato. La quantità dei campioni critici è all'incirca sempre la stessa.

    Ora per controprova potrei cambiare disco, effettuare su una traccia campione abbastanza lunga le stesse prove.

    File immagine o file WAV per me non dovrebbe dare differenza alcuna: questi sono errori di rilevazione dei dati, non aberrazione di dati corretti secondo me. Il processo di rilevazione del dato è enormemente più critico che il processo di elaborazione numerica con formati lineari o lossless.

    fossi in te la prova con i file immagine la farei ...

    potresti poi anche fare l'immagine , caricare la iso come disco virtuale e fare il RIP dal disco virtuale e vedere se viene diverso da quello fisico...

    in teoria una volta che carichi su una unità virtuale non hai più problemi di offset ecc ecc essendo virtuale il lettore è anche "perfetto" no?
    avatar
    colombo riccardo
    Archivista Liquidatore

    Numero di messaggi : 4232
    Data d'iscrizione : 2010-05-27
    Età : 55

    Re: Il primo vagito del mio Auralic Aries.

    Post  colombo riccardo on Wed 08 Feb 2017, 12:24

    per la cronaca sto rippando santa con dbpoweramp cd appena tolti dal cellophane

    ciao
    Riki
    avatar
    colombo riccardo
    Archivista Liquidatore

    Numero di messaggi : 4232
    Data d'iscrizione : 2010-05-27
    Età : 55

    Re: Il primo vagito del mio Auralic Aries.

    Post  colombo riccardo on Wed 08 Feb 2017, 20:36

    per Vito :

    da archivista liquidatore la fase di rippaggio dei tuoi cd non può essere disgiunta dalla

    fase di scannerizzazione dei libretti.

    ciao
    Riki
    avatar
    Pazzoperilpianoforte
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 5546
    Data d'iscrizione : 2009-01-12
    Età : 50
    Località : Firenze

    Re: Il primo vagito del mio Auralic Aries.

    Post  Pazzoperilpianoforte on Wed 08 Feb 2017, 20:36

    Johnny1982 wrote:

    fossi in te la prova con i file immagine la farei ...

    potresti poi anche fare l'immagine , caricare la iso come disco virtuale e fare il RIP dal disco virtuale e vedere se viene diverso da quello fisico...

    in teoria una volta che carichi su una unità virtuale non hai più problemi di offset ecc ecc essendo virtuale il lettore è anche "perfetto" no?

    Ma se il problema è il recuperoo i dati dal disco, i dati saranno sbagliati anche nell'immagine, perché sono sbagliati in lettura.. non conta come salvi i dati (Immagine o file), conta come li rilevi.


    _________________
    Vito Buono
    __________
    Auralic Aries + Auralic Vega + Stax SR-009 + Stax SRM 600 Limited
    oppure
    Graaf GM-50 rivalvolato Telefunken/Valvo Amburgo/EI KT90 + ProAc D 25
    ... e tantissima musica!
    avatar
    Pazzoperilpianoforte
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 5546
    Data d'iscrizione : 2009-01-12
    Età : 50
    Località : Firenze

    Re: Il primo vagito del mio Auralic Aries.

    Post  Pazzoperilpianoforte on Wed 08 Feb 2017, 20:38

    colombo riccardo wrote:per Vito :

    da archivista liquidatore la fase di rippaggio dei tuoi cd non può essere disgiunta dalla

    fase di scannerizzazione dei libretti.

    ciao
    Riki

    Ti do ragione... ma fino ad orra non l'ho mai fatto... stavo appunto pensando che ascoltando dall'ARIES non avrò mai più possibile la lettura del libretto durante l'ascolto..


    _________________
    Vito Buono
    __________
    Auralic Aries + Auralic Vega + Stax SR-009 + Stax SRM 600 Limited
    oppure
    Graaf GM-50 rivalvolato Telefunken/Valvo Amburgo/EI KT90 + ProAc D 25
    ... e tantissima musica!
    avatar
    Pazzoperilpianoforte
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 5546
    Data d'iscrizione : 2009-01-12
    Età : 50
    Località : Firenze

    Re: Il primo vagito del mio Auralic Aries.

    Post  Pazzoperilpianoforte on Wed 08 Feb 2017, 20:39

    colombo riccardo wrote:per la cronaca sto rippando  santa con dbpoweramp cd appena tolti dal cellophane

    ciao
    Riki



    Ma come: prima mi dici meglio il file che il CD e poi prendi dei CD per ripparli????



    _________________
    Vito Buono
    __________
    Auralic Aries + Auralic Vega + Stax SR-009 + Stax SRM 600 Limited
    oppure
    Graaf GM-50 rivalvolato Telefunken/Valvo Amburgo/EI KT90 + ProAc D 25
    ... e tantissima musica!

      Current date/time is Sun 21 Oct 2018, 01:47