Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
Emozione e hi-fi
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    Emozione e hi-fi

    Share

    Geronimo
    Self-Awareness
    Self-Awareness

    Numero di messaggi : 16086
    Data d'iscrizione : 2009-03-09

    Emozione e hi-fi

    Post  Geronimo on Sat Jun 19, 2010 7:20 am

    Emozione.......a me l'emozione la da la musica, non l'impianto. Potrei ascoltare musica indifferentemente con una radiolina e avere le stesse emozioni.
    Non lo faccio perche mi piace che queste emozioni abbiano una presentazione estetica (il suono dell'impianto) a me gradita.
    Ecco appunto cosa è per me l'impianto, una cornice sonora di mio gusto al quadro rappresentato dalla musica, cornice della quale comunque potrei fare benissimo a meno senza rimpianti, se fossi costretto.

    Qual'è il vostro punto di vista in merito?


    _________________
    "Se cerchi il rilassamento mentale prova la meditazione sul respiro"(CLICCA QUI)

    "Sono il ponte fra quello che non sono mai stato e quello che non sarò mai"

    "Il mio impianto AUDIO ANALOGUE-AIRTECH-ADVENT"(CLICCA QUI)

    Ospite
    Guest

    Re: Emozione e hi-fi

    Post  Ospite on Sat Jun 19, 2010 7:26 am

    Attacca al muro le tele senza la cornice allora......... sunny

    Geronimo
    Self-Awareness
    Self-Awareness

    Numero di messaggi : 16086
    Data d'iscrizione : 2009-03-09

    Re: Emozione e hi-fi

    Post  Geronimo on Sat Jun 19, 2010 7:57 am

    pavel wrote:Attacca al muro le tele senza la cornice allora......... sunny

    Se leggi con attenzione vedrai che ho scritto il perchè non lo faccio, m'interessa conoscere i punti di vista altrui (anche il tuo).


    _________________
    "Se cerchi il rilassamento mentale prova la meditazione sul respiro"(CLICCA QUI)

    "Sono il ponte fra quello che non sono mai stato e quello che non sarò mai"

    "Il mio impianto AUDIO ANALOGUE-AIRTECH-ADVENT"(CLICCA QUI)

    Amuro_Rey
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 9841
    Data d'iscrizione : 2009-01-20
    Età : 47
    Località : Italia

    Re: Emozione e hi-fi

    Post  Amuro_Rey on Sat Jun 19, 2010 12:02 pm

    Sicuro l'emozione deve assolutamente darla la musica e non l'impianto ... certo è che percò ascoltare una canzone che emoziona con una radiolina e con un impianto "decente" fa comunque cambiare anche lo stato ed il livello dell'emozione !
    Sentire la musica che ti fa vibrare, cosa che non può fare una radiolina, è tutt'altra cosa sunny


    Last edited by Amuro_Rey on Sat Jun 19, 2010 6:09 pm; edited 1 time in total


    _________________
    Per sempre  P I R A T A       

    Dragon
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8562
    Data d'iscrizione : 2008-12-23
    Età : 51
    Località : Pisa (Motociclista)

    Re: Emozione e hi-fi

    Post  Dragon on Sat Jun 19, 2010 12:49 pm

    Sono d'accordo sul fatto che l'emozione la da la musica, ma a me la molto anche il modo nel quale questa viene riprodotta.

    Esempio: se ascolto un brano che mi piace e lo ascolto con una radiolina, mi piace quel brano ma non mi piace la riproduzione dello stesso, per cui non mi emoziona; se invece lo stesso brano è riprodotto con un'impianto le cui caratteristiche sonore, toccano molto da vicino il mio "sentire", allora...è li che parte "il brivido". E questo sarà tanto più intenso e duraturo tanto più l'impianto sarà vicino al mio "io"... ma non credo ci sia un modo oggettivo per poter spiegare le emozioni.

    Chi è che sa spiegare l'Amore vero che ciascuno di noi può provare per un'altra persona? Da cosa deriva e perchè quella persona e non un'altra...

    Sentimenti, sensazioni, emozioni, ecc. tutte cose legate le une alle altre e tutte cose, almeno per me, difficili da spiegare...

    pepe57
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 4691
    Data d'iscrizione : 2009-06-11
    Età : 59
    Località : Milano

    Re: Emozione e hi-fi

    Post  pepe57 on Sat Jun 19, 2010 1:44 pm

    L' emozione (che deriva dal francese émotion=messo in movimento) e che corrisponde a turbamento, eccitazione, si può definire una reazione complessa che implica un insieme di variazioni fisiologiche a partire da uno stato omeostatico originale ed esperienze soggettive di vario tipo.
    Quindi questa emozione non può dipendere esclusivamente dalla musica in se (se vado a teatro, l'emozione è + intensa in quanto Ascolterò musica di qualità migliore, Vedrò tutto quello che, oltre all' orchestra ed il direttore, collabora ad integrare l'insieme, dalla sala, al pubblico, alle luci, Percepirò tutta l'ambienza oltre alla musica, avrò il brusio di fondo, gli Odori.
    La mia esperienza sarà + completa e di conseguenza la mia emozione + forte.
    Per questo motivo, l' emozione non la correlo alla sola musica ma anche a come essa verrà riprodotta, un buon impianto a mio gusto, dovrà riprodurre quello che c'è su un supporto (ricordiamocelo sempre) in modo da Emozionarci avvicinandoci il + possibile alle sensazioni provate dal vivo.
    Se fosse esclusivamente fedele al supporto, sarebbe hifi (se teoricamente perfetto), ci farebbe ascoltare un supporto con pregi e difetti e, siccome sappiamo che purtrppo nella realtà queste registrazioni sono lontane dal vero, non ci emozioneremmo.
    Per cui, a mio avviso, il buon impianto ci emozionerà riuscendo a "mediare" al meglio fra i suoi pregi/difetti, quelli del supporto per avvicinarci al vero.


    sunny sunny sunny
    Ciao!
    Pietro

    PARLAPA'
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 5155
    Data d'iscrizione : 2009-05-13
    Età : 53
    Località : Torino

    Re: Emozione e hi-fi

    Post  PARLAPA' on Sat Jun 19, 2010 1:57 pm

    prima c'è la musica
    dopo l'impianto
    ovvio che con un impianto di prim'ordine l'emozione è ineguagliabile.......


    _________________
    Marco

    roccacci
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 648
    Data d'iscrizione : 2010-04-17
    Età : 60
    Località : Sicilia

    Re: Emozione e hi-fi

    Post  roccacci on Sat Jun 19, 2010 3:09 pm

    pepe57 wrote:L' emozione (che deriva dal francese émotion=messo in movimento) e che corrisponde a turbamento, eccitazione, si può definire una reazione complessa che implica un insieme di variazioni fisiologiche a partire da uno stato omeostatico originale ed esperienze soggettive di vario tipo.
    Quindi questa emozione non può dipendere esclusivamente dalla musica in se (se vado a teatro, l'emozione è + intensa in quanto Ascolterò musica di qualità migliore, Vedrò tutto quello che, oltre all' orchestra ed il direttore, collabora ad integrare l'insieme, dalla sala, al pubblico, alle luci, Percepirò tutta l'ambienza oltre alla musica, avrò il brusio di fondo, gli Odori.
    La mia esperienza sarà + completa e di conseguenza la mia emozione + forte.
    Per questo motivo, l' emozione non la correlo alla sola musica ma anche a come essa verrà riprodotta, un buon impianto a mio gusto, dovrà riprodurre quello che c'è su un supporto (ricordiamocelo sempre) in modo da Emozionarci avvicinandoci il + possibile alle sensazioni provate dal vivo.
    Se fosse esclusivamente fedele al supporto, sarebbe hifi (se teoricamente perfetto), ci farebbe ascoltare un supporto con pregi e difetti e, siccome sappiamo che purtrppo nella realtà queste registrazioni sono lontane dal vero, non ci emozioneremmo.
    Per cui, a mio avviso, il buon impianto ci emozionerà riuscendo a "mediare" al meglio fra i suoi pregi/difetti, quelli del supporto per avvicinarci al vero.


    sunny sunny sunny
    Ciao!
    Pietro


    _________________
    Rocco

    il giullare
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 465
    Data d'iscrizione : 2010-04-25
    Età : 55
    Località : le favole

    Re: Emozione e hi-fi

    Post  il giullare on Sun Jun 20, 2010 1:32 am

    di passione in passione,
    gioie e sensazioni...
    Perfido il melomane...
    e pur'anche un po' altezzoso,
    ad ergersi al di sopra...!!!
    Noioso e un po' fascista...
    perchè Lui ha per verbo la passione...
    ma non comune e non vaga...
    ma per la nobile arte..!!!
    non v'è però nobile passione...
    V'è passione...
    ad ognun colli soldi propri...
    come per una lucciola a pagar l'emozione propria...
    e saran note,diodi o tappi di bottiglia...
    son passioni...e ci nutron l'anima...
    non più e non meno,
    della seppur più nobile...

    e al volger della giullarata...
    come sempre mi congedo...
    col gran inchino...


    è un mondo dificile!!!
    Servo Vostro.
    il giullare.

    Pazzoperilpianoforte
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 5316
    Data d'iscrizione : 2009-01-12
    Età : 48
    Località : Firenze

    Re: Emozione e hi-fi

    Post  Pazzoperilpianoforte on Sun Jun 20, 2010 2:22 pm

    Prendo lo spunto dell'intervento del giullare, per dire anch'io che non credo occorra essere normativi.

    Molti approcciano l'Hi-Fi come mezzo per godere della propria passione per la musica. Per altri la passione non è per la musica, ma per l'Hi-Fi in sé stessa. Ed anche questa è cosa che dà emozione, è cosa mossa da passione, e quindi è cosa nobile, nel senso di umanamente significante e gratificante.

    Per me l'approdo alla Hi-Fi è stato dovuto alla necessità di asoltare tutti i colori, le dinamiche, i piccoli dettagli che la grande esecuzione musicale prevede. Dettagli senza i quali il grande musicista è identico al più modesto. Quindi per me l'Hi-Fi è elemento indispensabile e fondamanetale per godere al meglio della mia musica. Senza l'Hi-Fi il piacere che trarrei nell'ascoltare la mia musica preferita sarebbe infinitamente più piccolo.

    Non saprei nemmeno come porre questo piacere domestico rispetto al piacere della musica dal vivo. Da un lato la grande interpretazione è più emotivamente coinvolgente dal vivo, anche se non sempre è vero che dal vivo si senta meglio, visto che a volte il punto di ascolto di cui ci si deve accontentare o le qualità acustiche del teatro in cui si svolge l'evento non sono le migliori. Ma certo dal vivo concorrono altri fattori, non ultimo il maggior coinvolgimento emotivo del musicista, rispetto alla sala di registrazione. Però la riproduzione domestica ha il merito insostituibile, soprattutto nel campo della musica classica o lirica, di far rivivere interpretazioni storiche di grandi interpreti del passato che altrimenti sarebbero ormai perse nel nulla. Asoltare un interprete che altrimenti non avremmo mai potuto ascoltare è in sé una emozione diversa, ma ugualmente intensa, di quella che si può ottenere dal vivo. Magari quello che ascoltiamo riprodotto è solo una parte del genio di quell'artista, ma senza la registrazione audio non avremmo nemmeno quella traccia, che quindi rende fondamentale ed insostituibile l'artificio tecnico della riproduzione Hi-Fi.

    Senza pensare che questo mio punto di vista sia migliore o peggiore di quello di altri. Però è il mio, e quindi ve lo racconto.


    _________________
    Vito Buono
    __________
    Accuphase DP-500 + Stax SR-009 + Stax SRM 600 Limited
    oppure
    Graaf GM-50 rivalvolato Telefunken/Valvo Amburgo/EI KT90 + ProAc D 25
    ... e tantissima musica!

    ogiad
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 58
    Data d'iscrizione : 2010-05-12

    Re: Emozione e hi-fi

    Post  ogiad on Mon Jun 21, 2010 4:35 pm

    mah... si può essere appassionati di musica e non avere un impianto hi-fi e si può essere più appassionati dal mezzo di riproduzione, che non dalla musica in se... c'è un mondo di smanettoni (mi ci includo) che trova gratificante: chessò comprare un amplificatore hi-fi degli anni 70, ripararlo, farlo suonare bene... sono affascinati(o) dall'oggetto in se e dalla sua progettazione... Non ci vedo nulla di anormale in entrambi gli "approcci", possono essere 2 facce della stessa medaglia... Sinceramente sono attratto sia dalla musica sia del mezzo in se... ultimamente ho messo su un impiantino di roba presa da e-bay guasta e ri-sistemata per un'amico e la cosa mi ha dato grande piacere e soddisfazione, è stato molto appagante ri-conare le casse, rimpiazzare l'impiallacciatura di 2 B&w dm4 malmesse, cambiare i finali bruciati dell'amplificatore Quad d'annata, scovare il guasto nell'intricato schema di uno dei primi lettori cd sony ... Sentire il tutto suonare come non ti aspetti, e vedere il sorriso sulla faccia dell'amico soddisfatto, è stata una grande emozione... e le serate "perse" in cantina con il saldatore e la colla vinilica le paragono alle serate passate ad ascoltare buona musica.

    Geronimo
    Self-Awareness
    Self-Awareness

    Numero di messaggi : 16086
    Data d'iscrizione : 2009-03-09

    Re: Emozione e hi-fi

    Post  Geronimo on Sun Apr 10, 2011 10:35 am

    Che ne pensano i nuovi iscritti? sunny


    _________________
    "Se cerchi il rilassamento mentale prova la meditazione sul respiro"(CLICCA QUI)

    "Sono il ponte fra quello che non sono mai stato e quello che non sarò mai"

    "Il mio impianto AUDIO ANALOGUE-AIRTECH-ADVENT"(CLICCA QUI)

    Banano
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 10871
    Data d'iscrizione : 2008-12-22
    Età : 41
    Località : ...al mare....ma dall'altra parte!

    Re: Emozione e hi-fi

    Post  Banano on Sun Apr 10, 2011 10:59 am

    certo la musica è fondamentale, ma l'emozione maggiore arriva quando t'accorgi che dietro ciò che conosci bene (vedi un brano) si cela una miriade di suoni e forme indefinite che senza quell'impianto non saresti mai stato in grado di percepire.... l'impianto non è solo una cornice e ben di più.....è lo uno strumento per permettere all'arte d'emergere.


    _________________
    Il mio Impianto
    http://www.ilgazeboaudiofilo.com/t14-l-impianto-di-bananetto?highlight=bananetto

    [i]In caso di bisogno leggere il REGOLAMENTO del forum.

    Tony
    Pop Music Expert

    Numero di messaggi : 3543
    Data d'iscrizione : 2010-08-06
    Età : 51
    Località : Vibo Valentia

    Re: Emozione e hi-fi

    Post  Tony on Sun Apr 10, 2011 11:52 am

    Giacomo,penso di intuire quello che, fra le righe, dici......
    Dovendo scegliere,farei anch'io a meno dell'impianto,pur di non perdere tutta la mia discografia,ma per godere dell'intero messaggio musicale si rende necessario averne uno decente,e molte volte pur possedendolo,se non si ha un ambiente ottimale si rmmarrà sempre privati di qualche piccolo particolare di quel messaggio.... sunny sunny

    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13
    Età : 60
    Località : genova

    Re: Emozione e hi-fi

    Post  iano on Sun Apr 10, 2011 11:55 am

    Mi piace questa discussione/confessione di Elca.
    Credo che un buon impianto debba aggiungere alla musica,(che sono d'accordo si basterebbe da sè a i fini emozionali),una estensione dimensionale che aggiunga emozione all'emozione,se non veridicità.
    Da un lato la musica è fatta con gli strumenti e gli strumenti hanno una dimensione spaziale.
    Dall'altro ,anche quando la musica è prodotta da un adimensionale software, continua ad evocare spazi che certo meglio si e-muoveranno entro una cornice grande fino al punto che non si veda .

    Ciao,Seb.

    Massimo
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 31492
    Data d'iscrizione : 2010-06-21
    Età : 61
    Località : Portici (NA)

    Re: Emozione e hi-fi

    Post  Massimo on Sun Apr 10, 2011 4:08 pm

    Elcaset wrote:Emozione.......a me l'emozione la da la musica, non l'impianto. Potrei ascoltare musica indifferentemente con una radiolina e avere le stesse emozioni.
    Non lo faccio perche mi piace che queste emozioni abbiano una presentazione estetica (il suono dell'impianto) a me gradita.
    Ecco appunto cosa è per me l'impianto, una cornice sonora di mio gusto al quadro rappresentato dalla musica, cornice della quale comunque potrei fare benissimo a meno senza rimpianti, se fossi costretto.

    Qual'è il vostro punto di vista in merito?


    Se con l'impianto riesco a sentire meglio la cosa non mi dispiace, ma non è fondamentale. sunny sunny sunny sunny


    _________________
    Quando il dito indica la luna, l'imbecille guarda il dito

    Fausto
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 5904
    Data d'iscrizione : 2010-10-09
    Età : 51
    Località : LAND OF HOPE AND DREAMS

    Re: Emozione e hi-fi

    Post  Fausto on Sun Apr 10, 2011 5:02 pm

    Massimo wrote:
    Elcaset wrote:Emozione.......a me l'emozione la da la musica, non l'impianto. Potrei ascoltare musica indifferentemente con una radiolina e avere le stesse emozioni.
    Non lo faccio perche mi piace che queste emozioni abbiano una presentazione estetica (il suono dell'impianto) a me gradita.
    Ecco appunto cosa è per me l'impianto, una cornice sonora di mio gusto al quadro rappresentato dalla musica, cornice della quale comunque potrei fare benissimo a meno senza rimpianti, se fossi costretto.

    Qual'è il vostro punto di vista in merito?


    Se con l'impianto riesco a sentire meglio la cosa non mi dispiace, ma non è fondamentale. sunny sunny sunny sunny

    In effetti Seb ha rispolverato un 3D datato e che non ha avuto gran seguito.
    Un vero peccato perchè l'argomento, sottile, è interessante e coinvolgente.
    Nei vari 3D dedicati alla musica ho spesso chiesto suggerimenti, impressioni, titoli ed, in un caso, non solo di musica ma anche di libri dove potermi documentare.
    Questo perchè la musica trasmette emozione di spartiti, strumenti e voci ma, io ritengo, non solo.
    Questa emozione arriva al cuore ed all'anima attraverso l'udito ma, sempre attraverso questo senso, arrivano "informazioni" anche al cervello.
    Informazioni di cultura che provacano anch'esse delle emozioni seppur diverse.
    Esperienze positive ed emozionanti di ascolto e di conoscenza a noi lasciate dall'impianto che, secondo la mia opinione, non è la "cornice" ma è come se fosse la musica stessa nel nostro ambiente, quello dove la ascoltiamo ed impariamo a conoscerla.
    Io, sempre per mia opinione e con massimo rispetto, non parlerei di "presentazione estetica" ma proverei, semplicemente, ad allontanarmi dalla visione dell'impianto quale strumento sonoro di mio gusto provando a farlo scomparire.
    Ecco che il suono "audiofilo" diffuso, sicuramente diverso da quello "gracchiato" di una radiolina, diventa tutt'uno con la musica e la sua cultura in un'emozione che coinvolge udito, cervello, cuore fino ad arrivare all'anima.
    A volte chiedo "anche" suggerimenti "tecnico - audiofili"....
    sunny

    ema49
    Musicofilo

    Numero di messaggi : 6951
    Data d'iscrizione : 2010-03-12
    Età : 67

    Re: Emozione e hi-fi

    Post  ema49 on Sun Apr 10, 2011 5:25 pm


    La solita saggezza di Geronimo..
    I migliori ascolti li faccio o dal vivo o, come ho detto decine di volte, in macchina dove sono solo con la musica e non esiste nessuna paturnia o sovrastruttura audiofila. A casa con un modesto impianto, molto evocativo.
    Poi c'è la passione audiofila, che soddisfo con un buon impianto ma col quale NON ascolto musica e che molto spesso è muto..
    Non è, a mio parere, un atteggiamento schizoide. Ho una passione, la musica, ed un hobby, l'audiofilia. Mi diverto a soddisfare entrambi, con le dovute proporzioni.


    _________________


    "Chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola." Paolo Borsellino (19/1/40-19/7/92).

    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13
    Età : 60
    Località : genova

    Re: Emozione e hi-fi

    Post  iano on Sun Apr 10, 2011 5:57 pm

    ema49 wrote:
    La solita saggezza di Geronimo..
    I migliori ascolti li faccio o dal vivo o, come ho detto decine di volte, in macchina dove sono solo con la musica e non esiste nessuna paturnia o sovrastruttura audiofila. A casa con un modesto impianto, molto evocativo.
    Poi c'è la passione audiofila, che soddisfo con un buon impianto ma col quale NON ascolto musica e che molto spesso è muto..
    Non è, a mio parere, un atteggiamento schizoide. Ho una passione, la musica, ed un hobby, l'audiofilia. Mi diverto a soddisfare entrambi, con le dovute proporzioni.
    Anche questo,come quello di Elca è un bell'esempio di sincera confessione.
    Ma come diceva Lorenzo sincerità non è necessariamente sinonimo di verità.
    Tentiamo un minimo di analisi razionale allora.
    Che cosa ha,non in più o in meno,ma di diverso il superimpiantone risperto ai rimanenti più "musicali" sistemi Ema?
    Una volta capito cos'è questo plus possiamo ponderare se trattasi di un elemento, se non proprio estraneo, quantomeno disturbante una buona fruizione della musica riprodotta.
    Sarà mica l'ammaliante scena acustica per l'ottenimento della quale abbiamo buttato via il bambino con l'acqua sporca,e che poi neanche era sporca?
    Ciao,SEb.


    ema49
    Musicofilo

    Numero di messaggi : 6951
    Data d'iscrizione : 2010-03-12
    Età : 67

    Re: Emozione e hi-fi

    Post  ema49 on Sun Apr 10, 2011 6:44 pm

    iano wrote:Ma come diceva Lorenzo sincerità non è necessariamente sinonimo di verità.
    Tentiamo un minimo di analisi razionale allora.
    Che cosa ha,non in più o in meno,ma di diverso il superimpiantone risperto ai rimanenti più "musicali" sistemi Ema?
    Una volta capito cos'è questo plus possiamo ponderare se trattasi di un elemento, se non proprio estraneo, quantomeno disturbante una buona fruizione della musica riprodotta.
    Sarà mica l'ammaliante scena acustica per l'ottenimento della quale abbiamo buttato via il bambino con l'acqua sporca,e che poi neanche era sporca?
    Ciao,SEb.


    Nel mio caso sincerità è sinonimo di verità: la mia verità. Giusta o sbagliata che sia poco importa.
    Se poi vogliamo entrare nello specifico, ti pongo una domanda: preferisci la perfezione formale di un David o l'impressionismo di Monet o Cezanne? Personalmente amo decisamente i secondi, per i quali la partecipazione intellettuale di chi osserva è messa in gioco.
    Riportiamo lo stesso discorso all'impianto: l'algida e, permettimi, spesso patetica ricerca di una perfetta fotografia sonora dell'evento dal vivo è fallimentare, almeno per me. Preferisco andare in una sala da concerto. Ciò non toglie che in qualche modo mi affascina sentire uno strumentista perfettamente dislocato nello spazio, una scena acustica grande e verosimile, una timbrica corretta... Ma solo verosimile, come i quadri di David. E tra verosimile e vero c'è, a mio parere, una abissale differenza che si concretizza un ineludibile handicap: la ricerca tanto disperata quanto inutile di trasformare il verosimile nel vero. Poichè questo non solo è un evento di impossibile attuazione ma può risultare anche un elemento fortemente distraente, preferisco ascoltare musica con impianti che, come i quadri di Monet, lasciano amplissimi spazi alla partecipazione e ricreazione intellettuale.
    Questo presume ovviamente una conoscenza della musica dal vivo, conoscenza che tanto più è perfetta tanto più ti facilita il compito di ricrearla col migliore equalizzatore che io conosca: il cervello.


    _________________


    "Chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola." Paolo Borsellino (19/1/40-19/7/92).

    petrus
    Senny Lover
    Senny Lover

    Numero di messaggi : 3718
    Data d'iscrizione : 2008-12-21

    Re: Emozione e hi-fi

    Post  petrus on Sun Apr 10, 2011 7:04 pm

    Il megaimpiantone ed il rituale audiofilo che precede l'ascolto uccidono la "spontaneità" impediscono cioè quello che definirei "L'ascolto spontaneo" quello che ci permette di assecondare il nostro stato d'animo nella naturalezza di un gesto, accomodarsi ed ascoltare musica.
    L'hifi vissuta come perfezione, forzatura, ostentazione, libera l'angoscia da prestazione ed uccide il piacere.

    Lorenzo


    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13
    Età : 60
    Località : genova

    Re: Emozione e hi-fi

    Post  iano on Sun Apr 10, 2011 7:44 pm

    ema49 wrote:

    Nel mio caso sincerità è sinonimo di verità: la mia verità. Giusta o sbagliata che sia poco importa.
    Se poi vogliamo entrare nello specifico, ti pongo una domanda: preferisci la perfezione formale di un David o l'impressionismo di Monet o Cezanne? Personalmente amo decisamente i secondi, per i quali la partecipazione intellettuale di chi osserva è messa in gioco.
    Riportiamo lo stesso discorso all'impianto: l'algida e, permettimi, spesso patetica ricerca di una perfetta fotografia sonora dell'evento dal vivo è fallimentare, almeno per me. Preferisco andare in una sala da concerto. Ciò non toglie che in qualche modo mi affascina sentire uno strumentista perfettamente dislocato nello spazio, una scena acustica grande e verosimile, una timbrica corretta... Ma solo verosimile, come i quadri di David. E tra verosimile e vero c'è, a mio parere, una abissale differenza che si concretizza un ineludibile handicap: la ricerca tanto disperata quanto inutile di trasformare il verosimile nel vero. Poichè questo non solo è un evento di impossibile attuazione ma può risultare anche un elemento fortemente distraente, preferisco ascoltare musica con impianti che, come i quadri di Monet, lasciano amplissimi spazi alla partecipazione e ricreazione intellettuale.
    Questo presume ovviamente una conoscenza della musica dal vivo, conoscenza che tanto più è perfetta tanto più ti facilita il compito di ricrearla col migliore equalizzatore che io conosca: il cervello.
    Preferisco l'impressionismo.Michelangelo non mi dà alcuna emozione.
    Non c'è dubbio però che l'ansia di una perfetta riproduzione fosse legittima negli uomini di quel tempo e che l'opera di Michelangelo è il vertice raggiunto. di tale tensione.
    Io,uomo di questi tempi,preferisco le opere incompiute di Michelangelo,che posso poi completare con la fantasia.
    Su questo io non ho alcun dubbio e scendendo nel più profondo profano Tex io lo preferisco in bianco e nero.
    Arduo,ma illuminante,è trasferire questo esempio nel nostro campo.
    Non è che noi abbiamo raggiunto la perfezione riproduttiva e quindi,un pò delusi,ma pur soddisfatti, siamo andati oltre.
    Ma chissà, forse siamo vicini a questa perfezione se è vero che più ci avviciniamo ad essa e più crescono le lamentele da insoddisfazione audiofila.
    In verità uno dei miei sogni inconfessati è quello di fare il rappresentante e girare l'italia con la mia macchina dopo averla dotata di un superbo hi fi car,spingendomi magari fino alla provenza perdendomi fra impressionanti campi di lavanda.:)))
    Ciao,Seb.

    Luca58
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8293
    Data d'iscrizione : 2009-07-15
    Località : Baracchina bianca

    Re: Emozione e hi-fi

    Post  Luca58 on Sun Apr 10, 2011 10:12 pm

    Live a parte, devo dire che da quando ho ascoltato per la prima volta un impianto che riproduceva lo stage in modo tridimensionale (e quindi vero) non sono piu' quasi riuscito a godermi la musica da una sorgente "normale".


    Last edited by Luca58 on Tue Apr 12, 2011 1:09 am; edited 1 time in total


    _________________
    Keep your ears honest: Listen to live, unamplified music every week.

    Massimo
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 31492
    Data d'iscrizione : 2010-06-21
    Età : 61
    Località : Portici (NA)

    Re: Emozione e hi-fi

    Post  Massimo on Sun Apr 10, 2011 10:29 pm

    La differenza a mio parere tra l'evento live e l'ascolto dall'impianto è che non potrà mai darci la stessa sensazione,non tanto per la riproduzione ma per il nostro stato d'animo.
    L'emozione e le sensazioni date da quella particolare serata da un evento dal vivo non ha paragone. sunny sunny sunny


    _________________
    Quando il dito indica la luna, l'imbecille guarda il dito

    frighino rosso
    Apprendista musicofilo

    Numero di messaggi : 760
    Data d'iscrizione : 2010-05-12
    Età : 60
    Località : vecchiano

    Re: Emozione e hi-fi

    Post  frighino rosso on Mon Apr 11, 2011 2:05 pm

    Ognuno si esprime in base alle proprie conoscenze ed esperienze. Io credo che ci vuole sincerità ed obbiettivita' nell'esprimere le idee/opinioni: io vado ad ascoltare la musica dal vivo, soprattutto il jazz e poi tutto quello che considero BUONA musica e trovo ovvio dire che l'emozione più forte è la musica dal vivo eseguita in condizioni ambientali ottimali, ma quando si riesce ad ottenere nel proprio ambiente domestico d'ascolto condizioni tali dovute, vuoi al trattamento della stanza che alla bontà dei componenti dell'impianto che se ben amalgamati danno emozioni altrettanto belle per noi amanti del bel suono e bella musica. ciao sunny sunny sunny

      Current date/time is Fri Dec 09, 2016 6:46 am