Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
la costruzione di un amplificatore a valvole ideale - Page 4
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    la costruzione di un amplificatore a valvole ideale

    Share

    phaeton
    Moderatore suonologo
    Moderatore suonologo

    Numero di messaggi : 8902
    Data d'iscrizione : 2010-08-27

    Re: la costruzione di un amplificatore a valvole ideale

    Post  phaeton on Wed Jan 31, 2018 10:55 am

    per gli ingressi, ne usero' solo uno
    piuttosto mi sto ponendo il problema (ancora teorico, ma preferisco pensarci prima) del doppio induttore sulla HV. li mettero' dentro lo chassis, ma devo pensare bene alla disposizione perche' ce ne saranno almeno 4 (2 per HV, 2 per il carico delle driver), oltre ai due PIO e agli mkp della alimentazione.... umh, mi sa che dovro' mettere qlcsa sopra....
    avatar
    phaeton
    Moderatore suonologo
    Moderatore suonologo

    Numero di messaggi : 8902
    Data d'iscrizione : 2010-08-27

    Re: la costruzione di un amplificatore a valvole ideale

    Post  phaeton on Thu Feb 01, 2018 10:23 am

    ok, ho quasi chiuso il cerchio. ieri ho simulato il circuito completo. mi piace come sembra funzionare, poi ovviamente si verifichera' sul campo.

    mi restano solo alcune incertezze sui trafi, che spero mi aiuterete a diramare.

    premessa: per ora non voglio "sperimentare" ma solo assemblare il miglior ampli 2A3 che suoni come voglio io (poca distorsione, massima dinamica) e che sia un minimo cost-effective. quindi per ora (forse in futuro si, ma vedremo poi) non mi interessano trafi da poter riutilizzare o "universali", quanto piuttosto specifici ed ottimizzati per quanto voglio fare ora.

    gli OPT sono decisi, a meno di ragionate e ragionevoli opzioni migliori: Lundahl LL1623/60mA (chiusi a 3k/16 cosi' ho 6k su 32ohm). per le opzioni, il dato piu' sensibile e' l'ind primaria, mi serve almeno di 30H, meglio se oltre i 40H. dato fondamentale anche la Ia, che deve essere almeno 60mA.
    idem gli induttori anodici delle driver (come sopra per le opzioni): Lundahl LL1667/15mA. per le opzioni, deve essere almeno 200H (meglio se vicina ai 300H) e meno di 4k

    invece sugli induttori di filtro e il trafo di alimentazione non ho ancora deciso. i migliori candidati sono per ora:
    TA: Amplimo 8N1498 http://www.amplimo.nl/images/downloads/ds%20vbv/8n1498.pdf
    Choke: Hammond 193JP (me ne servono due, l'anodica ricordo che e' LCLC. secondo come va potrei anche decidere per un simil dual mono, quindi LC(LC+LC) e quindi tre choke)
    suggerimenti? consigli?

    in generale c'e' esperienza sui trafi Amplimo?? (che mi sono stati caldamente raccomandati, ma di cui fino a poco tempo fa non sospettavo neppure l'esistenza).
    avatar
    mariovalvola
    Moderatore In-tubato

    Numero di messaggi : 2124
    Data d'iscrizione : 2014-12-19
    Località : Brescia

    Re: la costruzione di un amplificatore a valvole ideale

    Post  mariovalvola on Thu Feb 01, 2018 11:17 am

    Posta lo schema. Sono i particolari stupidi che creano sempre problemi.
    Dove metti il toroidale? Sei sicuro che ti basti?. Non sembra fatto male ma per i tuoi filamenti basta?
    Io non li conosco.
    Per gli induttori di alimentazione usa Lundahl e verifica sempre che siano previsti per funzionare nell' alimentatore che hai voluto.
    Io farei due induttori e due CCS.
    Lascia perdere Hammond.

    avatar
    phaeton
    Moderatore suonologo
    Moderatore suonologo

    Numero di messaggi : 8902
    Data d'iscrizione : 2010-08-27

    Re: la costruzione di un amplificatore a valvole ideale

    Post  phaeton on Thu Feb 01, 2018 11:38 am

    schema: appena torno a casa lo posto.
    Hammond: ok, prendo 2 LL1673/10H
    Amplimo: si, la configurazione del secondario sarebbe perfetta: 5v isolato per la GZ34/33, 2x 6.3/3A per le 2A3, 2x 6.3/2A per le 6J5, tutti su spire separate.

    il toroidale lo metto sopra (probabilmente i diagonale se non c'entra) nel posto previsto per il TA agganciato con un "castelletto" metallico che mi faro' fare. le due choke sempre sopra, una andra' a coprire il secondo "buco" tondo (pensato presumo per la seconda rettificatrice, che io non uso). i due ind anodici dentro.
    avatar
    mariovalvola
    Moderatore In-tubato

    Numero di messaggi : 2124
    Data d'iscrizione : 2014-12-19
    Località : Brescia

    Re: la costruzione di un amplificatore a valvole ideale

    Post  mariovalvola on Thu Feb 01, 2018 12:09 pm

    Ovviamente, sentiti libero.
    Però se davvero il tuo cruccio è la migliore linearità a bassa frequenza, il single ended perde in partenza. Dovevi farti un pushpull.
    La perizia sta proprio nel posizionare la coperta comunque corta nel modo migliore. Rassegnati con i single ended con TU traferrato, non puoi fare altro.
    Oltretutto, a mio parere, impatta molto di più la corretta risposta in alto. Un fisiologico aumento della thd sotto i 100Hz non crea grossi problemi.
    avatar
    mariovalvola
    Moderatore In-tubato

    Numero di messaggi : 2124
    Data d'iscrizione : 2014-12-19
    Località : Brescia

    Re: la costruzione di un amplificatore a valvole ideale

    Post  mariovalvola on Thu Feb 01, 2018 12:11 pm

    Ma le 2A3 le alimenti in AC? Non penso.
    Se in DC, devi considerare la corrente di picco. Con i dht regs, si lavora sui 5A/6A
    avatar
    phaeton
    Moderatore suonologo
    Moderatore suonologo

    Numero di messaggi : 8902
    Data d'iscrizione : 2010-08-27

    Re: la costruzione di un amplificatore a valvole ideale

    Post  phaeton on Thu Feb 01, 2018 12:38 pm

    l'idea per ora e' DC con un buck di tipo CV (ma ho ordinato anche dei CV/CC, vediamo come si comportano), seguito da una capacita' adeguata.
    ho fatto un po' di simulazioni con LTSpice (che ha i modelli dei regolatori buck Linear) e ho provato sul campo anche con il 2A3 che ho ora.... pur con un cablaggio volante alla membra di segugio, e senza cap dopo il buck, la differenza con il semplice CRC che mi ha messo il francese e' immediatamente udibile

    per il discorso linearita', assolutamente d'accordo con qunto dici, il mio era piu' un discorso "relativo", cioe' minimizzare le distorsioni relativamente alla configurazione SE. non mi aspetto meno di 5% in basso, e mi va benissimo sunny

    i PP che ho ascoltato e avuto non mi hanno mai per nulla entusiasmato..... no, preferisco di gran lunga SE anche meno lineare ma piu' musicale sunny
    avatar
    mariovalvola
    Moderatore In-tubato

    Numero di messaggi : 2124
    Data d'iscrizione : 2014-12-19
    Località : Brescia

    Re: la costruzione di un amplificatore a valvole ideale

    Post  mariovalvola on Thu Feb 01, 2018 1:54 pm

    I pushpull, non quelli normali, sono in grado di offrire moltissimo.
    Tornando alle alimentazioni, nella schedina
    entri in AC? Cosa c'é dopo? Ponte e capacità?
    avatar
    carloc
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 15745
    Data d'iscrizione : 2011-07-27
    Località : Busto Arsizio - Sabaudia (Motociclista)

    Re: la costruzione di un amplificatore a valvole ideale

    Post  carloc on Thu Feb 01, 2018 2:15 pm



    Parla Mike...è iniziato il terzo grado...


    _________________
    Rem tene verba sequentur
    avatar
    phaeton
    Moderatore suonologo
    Moderatore suonologo

    Numero di messaggi : 8902
    Data d'iscrizione : 2010-08-27

    Re: la costruzione di un amplificatore a valvole ideale

    Post  phaeton on Thu Feb 01, 2018 2:21 pm

    erg
    avatar
    mariovalvola
    Moderatore In-tubato

    Numero di messaggi : 2124
    Data d'iscrizione : 2014-12-19
    Località : Brescia

    Re: la costruzione di un amplificatore a valvole ideale

    Post  mariovalvola on Thu Feb 01, 2018 2:22 pm

    È un mio limite. Le schedine che utilizza, non le conosco. Normalmente, se si rettifica, serve anche una capacità congrua con tutto ciò che si porta dietro.
    Non sapendo nulla, chiedo
    avatar
    phaeton
    Moderatore suonologo
    Moderatore suonologo

    Numero di messaggi : 8902
    Data d'iscrizione : 2010-08-27

    Re: la costruzione di un amplificatore a valvole ideale

    Post  phaeton on Thu Feb 01, 2018 2:57 pm

    mariovalvola wrote:
    Tornando alle alimentazioni, nella schedina
    entri in AC? Cosa c'é dopo? Ponte e capacità?

    dall'avvolgimento del secondario vado in un Visahy GBPC3510A (1kV/35A) e poi in un Elko 22mF/25V/105°, segue il buck ( https://www.ebay.it/itm/5A-DC-to-DC-CC-CV-Lithium-Battery-Charging-Board-Led-drive-power-converter/401088940765?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2060353.m1438.l2649 ) configurato come CV a 2.5V ma limitato a 2.5A (poi vediamo se configurato come CC 2.5A senza limitazioni in V funge meglio) seguito da un altro Elko 22mF.

    PS mF = millifarad (gli amerikani pensano che mF = microfarad....)
    avatar
    phaeton
    Moderatore suonologo
    Moderatore suonologo

    Numero di messaggi : 8902
    Data d'iscrizione : 2010-08-27

    Re: la costruzione di un amplificatore a valvole ideale

    Post  phaeton on Thu Feb 01, 2018 3:19 pm

    mariovalvola wrote:È un mio limite.......

    Mario, scherzi?? dovrei essere io a ringraziare visto l'interesse e la competenza ed esperienza che condividi. cheers cheers cheers
    avatar
    phaeton
    Moderatore suonologo
    Moderatore suonologo

    Numero di messaggi : 8902
    Data d'iscrizione : 2010-08-27

    Re: la costruzione di un amplificatore a valvole ideale

    Post  phaeton on Thu Feb 01, 2018 7:07 pm

    schema con punti di lavoro V/I e V in AC, e risposta in basso (perfettamente aderente a quanto progettato su carta   )






    note:
    - lo schema e' strabanale e straclassico, lo so. si poteva osare con le driver caricate a ccs e differenti scelte di polarizzazione, avevo pure pensato ad un simil Loftin con le Ox3 (ma come suggerito da Mario, meglio Zener). magari in un progetto futuro  sunny  sunny  per ora ho preferito tirare fuori il massimo da uno schema semplice ma che so essere potenzialmente molto ben suonante, lavorando di fino su punti di lavoro e componentistica
    - R3 e R5 modellizzano la R serie degli induttori, non sono reali
    - lo swing sulla 6J5 e' scelto appositamente meno del full per non far avvicinare la griglia della 2A3 a zero ed evitare eventuali correnti che scaricherebbero C1, e inoltre per non stressare la 6J5 e mantenerla sempre in zona lineare (idem per il punto di lavoro "caldo")
    - i modelli dei tubi sono quelli eccellenti di Ayumi Nakabayashi (incredibilmente vicini alle curve reali)
    avatar
    mariovalvola
    Moderatore In-tubato

    Numero di messaggi : 2124
    Data d'iscrizione : 2014-12-19
    Località : Brescia

    Re: la costruzione di un amplificatore a valvole ideale

    Post  mariovalvola on Thu Feb 01, 2018 11:00 pm

    Hai un approccio sado-maso in stile americano Embarassed . La 6J5 è tenuta per le orecchie in modo abbastanza "brutale". Oltreoceano, è un modus operandi piuttosto diffuso. Ha i suoi aspetti positivi ma...
    Cerca di fare arrivare l'anodica con gradualità e ritardo. Per il catodo della finale i 330uF sono una badilata oltretutto a freddo.
    Rimane il problema di come gestire le correnti di picco alte degli alimentatori dei filamenti delle finali soprattutto perché hai spazi ridotti come telaio e si potrebbe porre il problema che il ferro arrivi sadicamente ad aumentare la sua propensione a disturbare.
    Mettere induttori vicini richiede attenzione. hai qualche bel rompicapo da sbrogliare sunny
    avatar
    phaeton
    Moderatore suonologo
    Moderatore suonologo

    Numero di messaggi : 8902
    Data d'iscrizione : 2010-08-27

    Re: la costruzione di un amplificatore a valvole ideale

    Post  phaeton on Fri Feb 02, 2018 8:17 am

    eh si, per gli induttori mi sto scervellando sul posizionamento... ho scelto il TA toroidale anche per avere qualche possibilita' in piu' e almeno in prima approssimazione considerare il suo flusso disperso minimo (vedremo sul campo)

    sul cap di bypass c'ho pensato parecchio, ed e' assolutamente vero quanto dici, dalle simulazioni si stabilizza abbastanza presto, ma la corrente iniziale e' molto alta se l'anodica e' sparata istantaneamente. pero' simulando il rise time dell'anodica (non c'e' nello schema postato perche' lo penso concettualmente nell'ali) la situazione non dovrebe essere cosi' drammatica. in ogni caso, anche questo da sperimentare sul campo, verifico ed eventualmente uso un NTC oppure abbasso tanto ho abbastanza margine in basso.

    la 6J5..... pensa che all'inizio pensavo ad una Ia 10mA... si e' vero, il punto di lavoro e' alto, ma in questo modo ho una ottima linearita' e il necessario swing, e considerata la robustezza di questi triodi non mi preoccupo piu' di tanto. avevo pensato ad un altro paio di punti (7mA/260V ad es.) ma alla fine ho preferito quanto consiglia anche il datasheet perche' e' il miglior compromesso tra linearita' e swing. btw, ancora non e' sicuro al 100% che usero' la 6J5, potrei fare una pazzia e investire qualche spicciolo nella 7193 che tutti mi dicono essere una versione vitaminizzata della 6J5, ma c'e' la difficolta' dei connettori on top.... vedremo.

    as usual, grazie del supporto!!!! sunny sunny

    avatar
    mariovalvola
    Moderatore In-tubato

    Numero di messaggi : 2124
    Data d'iscrizione : 2014-12-19
    Località : Brescia

    Re: la costruzione di un amplificatore a valvole ideale

    Post  mariovalvola on Fri Feb 02, 2018 9:10 am

    Ti rimane da risolvere il problema dell'alimentazione dei filamenti.
    Che drop-out serve a quei cosi?
    Far gestire ai due secondari i due condensatori da 22.000uF non è una passeggiata.
    avatar
    phaeton
    Moderatore suonologo
    Moderatore suonologo

    Numero di messaggi : 8902
    Data d'iscrizione : 2010-08-27

    Re: la costruzione di un amplificatore a valvole ideale

    Post  phaeton on Fri Feb 02, 2018 10:33 am

    essendo basato su un chip buck (cioe' basato su un principio simile allo switching, non e' un lineare) il dropout e' minimo, le specifiche  conservative lo danno circa 2V, ma ho provato sperimentalmente che funziona bene anche con poco piu' di 1V

    la cosa buona e' che ha un limitatore di corrente, e quindi lavora come simil-CC finche' il filamento non si stabilizza

    puo' anche essere usato come CC vero, ma dovrei riprogettare tutto il catodo, vedremo.

    l'ho scelto per il ripple, max 20mV, e la freq di commutazione alta, 300kHz.

    e' pensato per la carica delle batterie al litio, che sono molto sensibili sia a sovracorrenti che al ripple.

    per i cap, ho fatto un paio di simulazioni con microcap e psud e lo spike di corrente dovrebbe essere gestibile. anche qui, verificheremo sul campo, se c'e' sofferenza nel trafo abbasso i cap a 10mF
    avatar
    mariovalvola
    Moderatore In-tubato

    Numero di messaggi : 2124
    Data d'iscrizione : 2014-12-19
    Località : Brescia

    Re: la costruzione di un amplificatore a valvole ideale

    Post  mariovalvola on Fri Feb 02, 2018 8:01 pm

    Il problema sono i secondari
    Ti cito Rod Coleman
    "The rms secondary current is nearly double the dc
    current [e.g.: 1.8A for 1Adc]. Also, the conduction angle is very small [due to
    large capacitors], and they run full load continuously. All these factors add to
    make the transformer run hot, unless some derating is applied. Especially –
    transformer with higher current rating has lower winding resistance. A rule of
    thumb: for each ampere of dc, choose 3A of ac-rating. The transformer's losses
    will then be smaller [consider I-squared losses in winding resistance!]"
    avatar
    mariovalvola
    Moderatore In-tubato

    Numero di messaggi : 2124
    Data d'iscrizione : 2014-12-19
    Località : Brescia

    Re: la costruzione di un amplificatore a valvole ideale

    Post  mariovalvola on Fri Feb 02, 2018 8:11 pm

    Io, farei come nel CD player Stax.
    Alzerei i piedoni con 4 tubolari e terrei una sorta di "sottotelaio" con un altro toroidale i ponti e gli elettrolitici
    avatar
    mariovalvola
    Moderatore In-tubato

    Numero di messaggi : 2124
    Data d'iscrizione : 2014-12-19
    Località : Brescia

    Re: la costruzione di un amplificatore a valvole ideale

    Post  mariovalvola on Fri Feb 02, 2018 8:21 pm

    Oppure, inverti il problema: usa delle 300B che hanno bisogno di una corrente inferiore o le AD1 EML Embarassed
    avatar
    phaeton
    Moderatore suonologo
    Moderatore suonologo

    Numero di messaggi : 8902
    Data d'iscrizione : 2010-08-27

    Re: la costruzione di un amplificatore a valvole ideale

    Post  phaeton on Fri Feb 02, 2018 8:45 pm

    umh.... ci penso, ma sarebbe da riprogettare tutto....... uffff.....
    avatar
    carloc
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 15745
    Data d'iscrizione : 2011-07-27
    Località : Busto Arsizio - Sabaudia (Motociclista)

    Re: la costruzione di un amplificatore a valvole ideale

    Post  carloc on Fri Feb 02, 2018 9:21 pm



    Poca spesa tanta resa...


    _________________
    Rem tene verba sequentur
    avatar
    mariovalvola
    Moderatore In-tubato

    Numero di messaggi : 2124
    Data d'iscrizione : 2014-12-19
    Località : Brescia

    Re: la costruzione di un amplificatore a valvole ideale

    Post  mariovalvola on Fri Feb 02, 2018 9:43 pm

    Se vogliamo fare i Tafazzi, pensare a un SE con un tetrodo a riscaldamento indiretto, è un'ottima strada. affraid
    Sgombriamo il campo da queste logiche purtroppo presenti da troppi anni. I single ended, sono degli amplificatori estremizzati nati con i veri triodi a riscaldamento diretto. Cercare di ricondurre questa categoria di amplificatori in un alveo di normalità utilizzando tubi ordinari, è un errore madornale. Lo so. Ci sono state, anche in passato proposte "d'autore". Siamo però a livello di eresie che a essere tolleranti, possiamo educatamente ignorare.
    807, 6L6, KT66, KT88, ecc. sono nati per aumentare l'efficienza. La qualità potrebbe, ripeto, potrebbe, forse affiorare in push-pull. Un single ended con questi tubi, funziona. Non lo si può negare. Anche le auto con un motore a tre cilindri svolgono lo stesso lavoro di auto più nobili ed estreme. Basta capirsi. Embarassed
    avatar
    mariovalvola
    Moderatore In-tubato

    Numero di messaggi : 2124
    Data d'iscrizione : 2014-12-19
    Località : Brescia

    Re: la costruzione di un amplificatore a valvole ideale

    Post  mariovalvola on Fri Feb 02, 2018 10:07 pm

    Questo senza nessun intento polemico verso carloc.
    Per avvolgere un trasformatore d'uscita che funzioni bene con la 807 quanto un 5K per 2A3, dovresti spendere cifre molto importanti.
    avatar
    heartbreaker
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 155
    Data d'iscrizione : 2015-08-15

    Re: la costruzione di un amplificatore a valvole ideale

    Post  heartbreaker on Fri Feb 02, 2018 10:28 pm

    phaeton wrote:umh.... ci penso, ma sarebbe da riprogettare tutto....... uffff.....

    Non necessariamente, solo che quando ci si prefigge di raggiungere il massimo possibile, almeno "sulla carta" si deve ragionare senza compromessi e con il dovuto occhio alla affidabilità e sicurezza. Per non vedere effetti LdF( lampi di fuoco) e altre amenità e per avere un risultato sonico  che fin dall'inizio ci consenta poi di limare, aggiustare fino ad ottenere quel risultato che cerchiamo.
    Qui entra in campo quella che potremmo chiamare praticoneria, nel senso di quel bagaglio di conoscenze pratiche che ci evitano che il progetto così bello sulla carta diventi un ammasso fumante di componenti, o suoni da fare accartocciare le orecchie, senza permetterci poi le necessarie modifiche.
    Allora vogliamo fare un single ended con un triodo a riscaldamento diretto; ne discende immediatamente che la spesa per la alimentazione sarà  superiore a quella per la parte audio.
    La mia pur limitata esperienza mi porta a dire che potrebbe essere giusto pensare fin dall'inizio a un dual mono, fino dal cavo di alimentazione. Poi, sempre se vogliamo puntare al massimo, sarebbe da considerare la alimentazione separata degli stadi di amplificazione  a partire dal trasformatore, cioè due alimentazioni per ogni canale nel tuo progetto.
    La "praticoneria" ci dice che, cercando il massimo delle prestazioni, sarebbe opportuno anche prevedere un trasformatore separato per i filamenti, ovviamente anche lui di adeguata potenza, come ti ha dimostrato Mario.
    Già il Radiotron Handbook ci dice che nel progettare un trasformatore per  uso audio non si dovrebbe superare una induzione di 7000 Gauss, cioè se voglio farne uno unico con anche gli avvolgimenti per i filamenti viene una "bestia" enorme. Senza contare i problemi "enormi" che potrebbe dare la rettificazione contemporanea di tutti i secondari.
    Ne esistono di pret-a-porter? Io non ne conosco.
    Si, mi dirai, ma così viene una portaerei per fare un amplificatore per cuffie; no, ne vengono due perchè a questo punto andrà anche previsto il doppio chassis.
    I costi? Alti, molto alti , ma sai meglio di me che non si fanno le nozze con i fichi secchi. E ancora non abbiamo parlato di componentistica .

      Current date/time is Tue Nov 20, 2018 12:36 am