Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
DIFFERENZA TRA LE PIATTAFORME MUSICALI
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    DIFFERENZA TRA LE PIATTAFORME MUSICALI

    Share
    avatar
    aleanimazione1
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 207
    Data d'iscrizione : 2017-09-10
    Età : 32
    Località : Bergamo

    DIFFERENZA TRA LE PIATTAFORME MUSICALI

    Post  aleanimazione1 on Wed Jan 03, 2018 8:45 pm

    La domanda è semplice, come le diverse piattaforme leggono ed interpretano il messaggio musicale (a parità di profondità e campionamento)?
    Perchè Tidal suona diverso da Audirvana che suona diverso da Amarra? Rolling Eyes


    _________________
    Alessandro
    letlive is one word Neutral
    avatar
    the Crimson King
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 2666
    Data d'iscrizione : 2013-01-16
    Località : un po' qui, un po' là, un po' altrove

    Re: DIFFERENZA TRA LE PIATTAFORME MUSICALI

    Post  the Crimson King on Wed Jan 03, 2018 8:53 pm

    Mi pare un argomento più da sezione musica liquida che cuffie... Embarassed


    _________________
    "Coi capelli sciolti al vento io dirigo il tempo, il mio tempo...
    là... negli spazi dove Morte non ha domini, dove l'Amore varca i confini..."



    "Confusion" will be my epitaph...
    avatar
    aleanimazione1
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 207
    Data d'iscrizione : 2017-09-10
    Età : 32
    Località : Bergamo

    Re: DIFFERENZA TRA LE PIATTAFORME MUSICALI

    Post  aleanimazione1 on Wed Jan 03, 2018 9:01 pm

    the Crimson King wrote:Mi pare un argomento più da sezione musica liquida che cuffie... Embarassed

    e ti pareva che asino come sono non sbagliassi qualcosa!
    Si può trasportare?


    _________________
    Alessandro
    letlive is one word Neutral
    avatar
    carloc
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 15736
    Data d'iscrizione : 2011-07-27
    Località : Busto Arsizio - Sabaudia (Motociclista)

    Re: DIFFERENZA TRA LE PIATTAFORME MUSICALI

    Post  carloc on Wed Jan 03, 2018 9:02 pm

    Fatto.


    _________________
    Rem tene verba sequentur
    avatar
    aleanimazione1
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 207
    Data d'iscrizione : 2017-09-10
    Età : 32
    Località : Bergamo

    Re: DIFFERENZA TRA LE PIATTAFORME MUSICALI

    Post  aleanimazione1 on Wed Jan 03, 2018 9:03 pm

    Grazie infinite Carlo.


    _________________
    Alessandro
    letlive is one word Neutral
    avatar
    carloc
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 15736
    Data d'iscrizione : 2011-07-27
    Località : Busto Arsizio - Sabaudia (Motociclista)

    Re: DIFFERENZA TRA LE PIATTAFORME MUSICALI

    Post  carloc on Wed Jan 03, 2018 9:05 pm

    Di niente! sunny


    _________________
    Rem tene verba sequentur
    avatar
    the Crimson King
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 2666
    Data d'iscrizione : 2013-01-16
    Località : un po' qui, un po' là, un po' altrove

    Re: DIFFERENZA TRA LE PIATTAFORME MUSICALI

    Post  the Crimson King on Wed Jan 03, 2018 9:11 pm

    aleanimazione1 wrote:

    e ti pareva che asino come sono non sbagliassi qualcosa!
    Si può trasportare?

    nulla di grave è così che si impara
    io ci sono arrivato anni fa quando mi bacchettavano su un altro forum
    e furia di tornare a casa col culo rosso ho imparato... aprire topic nella sezione appropriata, controllare che non esistano già discussioni simili, ecc...
    comunque, per tornare al tema da te proposto... io non so risponderti santa santa santa
    Laughing
    attendiamo menti superiori


    _________________
    "Coi capelli sciolti al vento io dirigo il tempo, il mio tempo...
    là... negli spazi dove Morte non ha domini, dove l'Amore varca i confini..."



    "Confusion" will be my epitaph...
    avatar
    aleanimazione1
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 207
    Data d'iscrizione : 2017-09-10
    Età : 32
    Località : Bergamo

    Re: DIFFERENZA TRA LE PIATTAFORME MUSICALI

    Post  aleanimazione1 on Wed Jan 03, 2018 9:43 pm

    aleanimazione1 wrote:La domanda è semplice, come le diverse piattaforme leggono ed interpretano il messaggio musicale (a parità di profondità e campionamento)?
    Perchè Tidal suona diverso da Audirvana che suona diverso da Amarra? Rolling Eyes

    attendiamo, nel frattempo riporto la domanda prima che si perda :)


    _________________
    Alessandro
    letlive is one word Neutral
    avatar
    mantraone
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 511
    Data d'iscrizione : 2016-12-17
    Età : 52
    Località : Casalecchio di Reno

    Re: DIFFERENZA TRA LE PIATTAFORME MUSICALI

    Post  mantraone on Wed Jan 03, 2018 10:18 pm

    aleanimazione1 wrote:

    attendiamo, nel frattempo riporto la domanda prima che si perda :)

    Personalmente ho trovato pace con Tidal, l'integrazione con Roon è fatta benissimo e suona al 98% come i file rippati da CD.

    forse sarà la differenza tra PCM puro e FLAC? però tra la varie piattaforme citate Tidal è l'unico ad arrivare al FLAC 44,1 16bits e il formato MQA che magari non in tutti i brani ma in un buon 40% con l'MQA fa un'ulteriore salto di qualità

    Con Roon i brani Master MQA vengono riprodotti a 48K 24 bits se non ricordo male, quando li riproduco dal DAC principale che arriva fino al DSD512 ma non è MQA nativo, le prove fatte con il DragonFly Red hanno dato esito abbastanza positivo, poco costo e resa sonora interessante. Peccato il DragonFly Red sia timbricamente un tantino troppo SABRE old Style, mi piace più il nuovo 2X9038Pro più equilibrato e meno stancante.

    sul "perché" suonino diversi i vari Tidal, Spotify ete etc penso sia proprio a causa della combinazione formato/compressione, bitrate e profondità bits e se flusso compresso o Losless.

    "la mente superiore" si è espressa... also sprach mantraone (zarathustra), li 3 gennaio 2018 hihihhh affraid affraid


    _________________
    /JBL 580 Studio / Leben CS-600 / Rega Planar P3 / Lehmann Audio Black Cube SE II / Goldring 2300 / Aqua La Scala Mk2 Optoligic / Intona USB 2.0 Hi-Speed Isolator / Audioquest DragonFly Red / Creative Aurvana live 2 mod Spirit Labs / AKG k7xx / Roon Core / Cavi Zavfino e autocostruiti vari / System and Magic /
    avatar
    Edmond
    Sordologo

    Numero di messaggi : 9913
    Data d'iscrizione : 2010-04-17
    Località : Brescia

    Re: DIFFERENZA TRA LE PIATTAFORME MUSICALI

    Post  Edmond on Wed Jan 03, 2018 11:08 pm

    Fatico un poco a confrontare una piattaforma di diffusione in streaming, che dipende moltissimo anche dalla qualità della rete internet che trasmette il segnale, con dei software residenti su PC...

    Detto questo io sono DA SEMPRE CONVINTO che essendo software dipendono dalla scelta musicale che il programmatore fa. E' inutile credere che, essendo tutti software progettati per svolgere la stessa funzione, suonino per certo tutti uguali... Come ogni impianto suona diverso da proprietario a proprietario, così anche i software di riproduzione musicale hanno un "timbro" che dipende dall'orecchio del suo creatore/programmatore...

    Tutto qui... E' come credere che le ottiche Nikon e quelle Canon, per il solo fatto che debbano "gestire" la medesima sorgente abbiano la stessa resa cromatica...


    _________________
    Giorgio
         
     

    Non fateci caso... sono sordo!!! E pure GURU!!! affraid
    avatar
    aleanimazione1
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 207
    Data d'iscrizione : 2017-09-10
    Età : 32
    Località : Bergamo

    Re: DIFFERENZA TRA LE PIATTAFORME MUSICALI

    Post  aleanimazione1 on Wed Jan 03, 2018 11:13 pm

    Mi sa che si è perso un po' il senso della mia domanda.
    Io chiedevo appunto la differenza tra programmi nella lettura di un file identico.
    Diversa è la questione se i file sono differenti.

    Non definirei il Dragonfly red stancante comunque, ma ognuno ha le proprie opinioni. Cosa intendi per un tantino old style?

    Saluto


    _________________
    Alessandro
    letlive is one word Neutral
    avatar
    aleanimazione1
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 207
    Data d'iscrizione : 2017-09-10
    Età : 32
    Località : Bergamo

    Re: DIFFERENZA TRA LE PIATTAFORME MUSICALI

    Post  aleanimazione1 on Wed Jan 03, 2018 11:16 pm

    Edmond wrote:Fatico un poco a confrontare una piattaforma di diffusione in streaming, che dipende moltissimo anche dalla qualità della rete internet che trasmette il segnale, con dei software residenti su PC...

    Detto questo io sono DA SEMPRE CONVINTO che essendo software dipendono dalla scelta musicale che il programmatore fa. E' inutile credere che, essendo tutti software progettati per svolgere la stessa funzione, suonino per certo tutti uguali... Come ogni impianto suona diverso da proprietario a proprietario, così anche i software di riproduzione musicale hanno un "timbro" che dipende dall'orecchio del suo creatore/programmatore...

    Tutto qui... E' come credere che le ottiche Nikon e quelle Canon, per il solo fatto che debbano "gestire" la medesima sorgente abbiano la stessa resa cromatica...

    Beh, da profano ero convinto che facesse tutto il DAC, sempre a parità di file.
    Comunque sia Tidal che Audirvana sono definite due App sul mio MAC ed entrambe le uso in streaming.


    _________________
    Alessandro
    letlive is one word Neutral
    avatar
    aleanimazione1
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 207
    Data d'iscrizione : 2017-09-10
    Età : 32
    Località : Bergamo

    Re: DIFFERENZA TRA LE PIATTAFORME MUSICALI

    Post  aleanimazione1 on Thu Jan 04, 2018 6:49 pm

    mantraone wrote:

    Personalmente ho trovato pace con Tidal, l'integrazione con Roon è fatta benissimo e suona al 98% come i file rippati da CD.

    forse sarà la differenza tra PCM puro e FLAC? però tra la varie piattaforme citate Tidal è l'unico ad arrivare al FLAC 44,1 16bits e il formato MQA che magari non in tutti i brani ma in un buon 40% con l'MQA fa un'ulteriore salto di qualità

    Con Roon i brani Master MQA vengono riprodotti a 48K 24 bits se non ricordo male, quando li riproduco dal DAC principale che arriva fino al DSD512 ma non è MQA nativo, le prove fatte con il DragonFly Red hanno dato esito abbastanza positivo, poco costo e resa sonora interessante. Peccato il DragonFly Red sia timbricamente un tantino troppo SABRE old Style, mi piace più il nuovo 2X9038Pro più equilibrato e meno stancante.

    sul "perché" suonino diversi i vari Tidal, Spotify ete etc penso sia proprio a causa della combinazione formato/compressione, bitrate e profondità bits e se flusso compresso o Losless.

    "la mente superiore" si è espressa... also sprach mantraone (zarathustra), li 3 gennaio 2018 hihihhh affraid affraid

    aspetto tue sul Dragonfly


    _________________
    Alessandro
    letlive is one word Neutral
    avatar
    mantraone
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 511
    Data d'iscrizione : 2016-12-17
    Età : 52
    Località : Casalecchio di Reno

    Re: DIFFERENZA TRA LE PIATTAFORME MUSICALI

    Post  mantraone on Thu Jan 04, 2018 10:18 pm

    aleanimazione1 wrote:

    aspetto tue sul Dragonfly

    il Dragonlfy Red con il player di Tidal è cattivissimo, ora pilota della AKG K7xx che pur avendo un carico abbastanza pesante per il piccolo DAC USB le pilota abbastanza bene.

    Personalmente sono alla ricerca di un DAC R2R che suoni naturale/analogico e meno digitale, non credo di essere l'unico a valutare che la serie di DAC basati sul Chip Sabre 9019 e 9028 dinamici, coerenti ma un medio alto non raffinatissimo spesso, come sul Gustard X20pro, non sodisfacende con i generi musicali complicati come la classica, sul mio impianto tendeva a diventare troppo evidente e aspro.

    un R2R di livello, sempre collegato al mio impianto suonava divinamente provato per 2 giorni praticamente con tutti i generi musicali e diverse risoluzioni, sempre all'altezza e mai stancante (Aqua La Scala Mk2)


    _________________
    /JBL 580 Studio / Leben CS-600 / Rega Planar P3 / Lehmann Audio Black Cube SE II / Goldring 2300 / Aqua La Scala Mk2 Optoligic / Intona USB 2.0 Hi-Speed Isolator / Audioquest DragonFly Red / Creative Aurvana live 2 mod Spirit Labs / AKG k7xx / Roon Core / Cavi Zavfino e autocostruiti vari / System and Magic /
    avatar
    mantraone
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 511
    Data d'iscrizione : 2016-12-17
    Età : 52
    Località : Casalecchio di Reno

    Re: DIFFERENZA TRA LE PIATTAFORME MUSICALI

    Post  mantraone on Thu Jan 04, 2018 10:56 pm

    Edmond wrote:Fatico un poco a confrontare una piattaforma di diffusione in streaming, che dipende moltissimo anche dalla qualità della rete internet che trasmette il segnale, con dei software residenti su PC...

    Detto questo io sono DA SEMPRE CONVINTO che essendo software dipendono dalla scelta musicale che il programmatore fa. E' inutile credere che, essendo tutti software progettati per svolgere la stessa funzione, suonino per certo tutti uguali... Come ogni impianto suona diverso da proprietario a proprietario, così anche i software di riproduzione musicale hanno un "timbro" che dipende dall'orecchio del suo creatore/programmatore...

    Tutto qui... E' come credere che le ottiche Nikon e quelle Canon, per il solo fatto che debbano "gestire" la medesima sorgente abbiano la stessa resa cromatica...

    Questo è un discorso complessissimo, ma credimi Edmond, avendo fatto come primo lavoro il programmatore, difficilmente i programmatori "fanno scelte" musicali di tipo audiofilo se non lo è esso stesso... ovviamente.

    Pensandoci bene, un programmatore con "orecchie da audiofilo", cercherebbe di riprodurre il file digitale con la massima fedeltà possibile, cercando soprattutto di ottimizzare al meglio le risorse hardware per la pura qualità di riproduzione.

    Se vogliamo abbiamo anche l'esempio concreto di Volumio e molti player basati su minicomputer raspbarry o similari, programma basato su piattaforma linux ma "limata" al massimo per rendere essenziale le funzioni di gestione e dedicare tutte le risorse alla riproduzione.
    Il programmatore con orecchie da audiofilo non si perderebbe in manipolazioni come equalizzatori parametrici o grafici, nulla di nulla.

    Abbastanza diverso il programmatore (o meglio i programmatori) chiamato a produrre il player di Tidal per PC o smartphone, la grafica è importante per rendere appetibile un prodotto, l'interfaccia utente deve essere ottimizzata alla migliore esplorazione della libreria musicale e ovviamente bilanciare il tutto con la qualità della riproduzione straaming delle informazioni sonore.

    ma non so se ho capito bene cosa intendevi per "scelta musicale del programmatore", potrebbe anche essere quella di gestire al meglio i comandi da impartire all'integrato di conversione D/A che sicuramente avrà dei set di librerie dedicate per gli sviluppatori per velocizzare la programmazione stessa. Potrebbe anche valutare dei preset di filtri del DAC stesso, però ripeto, quello audiofilo dovrebbe essere improntato alla neutralità timbrica e fedeltà della qualità del segnale in uscita, nulla di più.

    un tema complicato, meglio dormirci sopra.... hihih

    ps. se vuoi fare il paragone con Canon e Nikon, il programmatore decide come gestire il sistema macchina fotografica sapendo che ha a disposizione un'ottica con certe caratteristiche ottiche e meccaniche, deve impartire i comandi alla macchina che lo controllo dovendo decide in brevissimo tempo come muovere il fuoco in base a quello che i sensori "vedono" nell'immagine inquadrata dal fotografo. quello che cambia è la gestione del sistema quando utilizza gli automatismi ma se il fotografo usa tutto in manuale e quindi la qualità dell'immagine (non dello scatto) è decisa principalmente dalle caratteristiche ottico/cromatiche. La stessa cosa il programmatore audiofilo, lascia suonare il DAC al meglio delle sue possibilità musicali.


    _________________
    /JBL 580 Studio / Leben CS-600 / Rega Planar P3 / Lehmann Audio Black Cube SE II / Goldring 2300 / Aqua La Scala Mk2 Optoligic / Intona USB 2.0 Hi-Speed Isolator / Audioquest DragonFly Red / Creative Aurvana live 2 mod Spirit Labs / AKG k7xx / Roon Core / Cavi Zavfino e autocostruiti vari / System and Magic /
    avatar
    aleanimazione1
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 207
    Data d'iscrizione : 2017-09-10
    Età : 32
    Località : Bergamo

    Re: DIFFERENZA TRA LE PIATTAFORME MUSICALI

    Post  aleanimazione1 on Fri Jan 05, 2018 8:43 pm

    mantraone wrote:

    il Dragonlfy Red con il player di Tidal è cattivissimo, ora pilota della AKG K7xx che pur avendo un carico abbastanza pesante per il piccolo DAC USB le pilota abbastanza bene.

    Personalmente sono alla ricerca di un DAC R2R che suoni naturale/analogico e meno digitale, non credo di essere l'unico a valutare che la serie di DAC basati sul Chip Sabre 9019 e 9028 dinamici, coerenti ma un medio alto non raffinatissimo spesso, come sul Gustard X20pro, non sodisfacende con i generi musicali complicati come la classica, sul mio impianto tendeva a diventare troppo evidente e aspro.

    un R2R di livello, sempre collegato al mio impianto suonava divinamente provato per 2 giorni praticamente con tutti i generi musicali e diverse risoluzioni, sempre all'altezza e mai stancante (Aqua La Scala Mk2)

    Vero è che ascolto con le Fostex T20 terza serie, ma posso garantire che la DRAGONFLY, soprattutto Red, suona tutto tranne che eccessivamente "digitale". Avendo una chitarra posso garantire che, soprattutto da Audirvana che è ancora più secco di Tidal, è la cosa più vicina al suono del mio amplificatore a valvole che io abbia sentito...e vengo dall'M-DAC. Tra l'altro sento metal, per cui se non ho basso in cuffia addio colomba!


    _________________
    Alessandro
    letlive is one word Neutral
    avatar
    mantraone
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 511
    Data d'iscrizione : 2016-12-17
    Età : 52
    Località : Casalecchio di Reno

    Re: DIFFERENZA TRA LE PIATTAFORME MUSICALI

    Post  mantraone on Fri Jan 05, 2018 9:08 pm

    aleanimazione1 wrote:

    Vero è che ascolto con le Fostex T20 terza serie, ma posso garantire che la DRAGONFLY, soprattutto Red, suona tutto tranne che eccessivamente "digitale". Avendo una chitarra posso garantire che, soprattutto da Audirvana che è ancora più secco di Tidal, è la cosa più vicina al suono del mio amplificatore a valvole che io abbia sentito...e vengo dall'M-DAC. Tra l'altro sento metal, per cui se non ho basso in cuffia addio colomba!

    Ho suonato chitarra elettrica e acustica quindi conosco "il tema"  Rolling Eyes  ho addirittura sostituito il mio precedente DAC, l'Oppo Sonica per uno a doppio Chip proprio per avere il suono della chitarra di SRV più pieno e corposo e quindi simile all'originale. SRV come Hendrix usava una scalatura di corde molto grosse tra l'altro...

    detto questo occorre sempre vedere la catene audio come si configura con la sorgente digitale certo alcune caratteristiche spesso sono proprie della sorgente.

    Quindi la domanda che vorrei farti oltre a M-DAC hai ascoltato da un DAC con tecnologia R2R? Oltre al metal ascolterai anche altri generi, prova ad ascoltare con DAC Sabre la sinfonica e vediamo se non noti nulla. Da me era abbastanza evidente.

    La mia esperienza con i diffusori è stata che l'R2R è incredibilmente naturale ed in grado di ricostruire la scena musicale in modo "fermo" meglio di quanto ho ascoltato con il DAC Sabre. tutto qui.


    _________________
    /JBL 580 Studio / Leben CS-600 / Rega Planar P3 / Lehmann Audio Black Cube SE II / Goldring 2300 / Aqua La Scala Mk2 Optoligic / Intona USB 2.0 Hi-Speed Isolator / Audioquest DragonFly Red / Creative Aurvana live 2 mod Spirit Labs / AKG k7xx / Roon Core / Cavi Zavfino e autocostruiti vari / System and Magic /
    avatar
    aleanimazione1
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 207
    Data d'iscrizione : 2017-09-10
    Età : 32
    Località : Bergamo

    Re: DIFFERENZA TRA LE PIATTAFORME MUSICALI

    Post  aleanimazione1 on Tue Jan 09, 2018 8:02 pm

    mantraone wrote:

    Ho suonato chitarra elettrica e acustica quindi conosco "il tema"  Rolling Eyes  ho addirittura sostituito il mio precedente DAC, l'Oppo Sonica per uno a doppio Chip proprio per avere il suono della chitarra di SRV più pieno e corposo e quindi simile all'originale. SRV come Hendrix usava una scalatura di corde molto grosse tra l'altro...

    detto questo occorre sempre vedere la catene audio come si configura con la sorgente digitale certo alcune caratteristiche spesso sono proprie della sorgente.

    Quindi la domanda che vorrei farti oltre a M-DAC hai ascoltato da un DAC con tecnologia R2R? Oltre al metal ascolterai anche altri generi, prova ad ascoltare con DAC Sabre la sinfonica e vediamo se non noti nulla. Da me era abbastanza evidente.

    La mia esperienza con i diffusori è stata che l'R2R è incredibilmente naturale ed in grado di ricostruire la scena musicale in modo "fermo" meglio di quanto ho ascoltato con il DAC Sabre. tutto qui.

    Che ci possa essere qualcosa di migliore rispetto ad una Dragonfly, spero vivamente sia vero. Altrimenti mi chiederei perché costruiscono DAC da 3000 euro.
    Ciò che mi risulta difficile comprendere è come possa essere definito aspro il suono.
    Detto poi che non occorre aver ascoltato tutti i DAC per poter dare un'opinione o lasciare un giudizio...o il contrario...è risaputo che in misura maggiore sono le cuffie o gli altoparlanti a determinare l'asprezza del suono. DAC e piattaforma in quel frangente fanno poco, non dico nulla, assolutamente, ma poco. E spesso è più una questione di pulizia che rimanda ad una sensazione di asprezza che vera e propria asprezza. Il suono audiofilo è molto meno "beverino" rispetto a quello considerato per un gusto standard. Personalmente si tratta di capire ove spostare l'asticella. Io sto sul morbido, sarò popolano, e con la Dragonfly (sia black che red) sento tutto tranne che asprezza. Ovvio, pezzi registrati con i piedi a parte, come troppi bassi in parti all'opposto. Un DAC sincero, soprattutto il red, questo si.


    _________________
    Alessandro
    letlive is one word Neutral
    avatar
    aleanimazione1
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 207
    Data d'iscrizione : 2017-09-10
    Età : 32
    Località : Bergamo

    Re: DIFFERENZA TRA LE PIATTAFORME MUSICALI

    Post  aleanimazione1 on Sat Jan 27, 2018 8:27 pm

    Correggo per onestà intellettuale parzialmente il giudizio.
    Dopo mesi di ascolto mi accorgo che la RED ha effettivamente un po' troppi alti e per mio gusto proseguo con la BLACK, meno dettagliata, ma molto più musicale.
    Un saluto


    _________________
    Alessandro
    letlive is one word Neutral
    avatar
    Telstar
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 324
    Data d'iscrizione : 2012-04-16
    Località : Milano

    Re: DIFFERENZA TRA LE PIATTAFORME MUSICALI

    Post  Telstar on Sun Jan 28, 2018 3:47 am

    Qualsiasi cosa fa il computer ha impatto sul suono finale, anche la semplice allocazione dei core, il driver usato, il player. Non dovrebbe ma è così.


    _________________
    Fanless PC > XXhighend PCM@352,5k > Singxer f1 USB-i2s > Audio-gd DAC19DSP NOS mode > Siltech g5 RCA > My_ref_FE mono > Kubala Sosna Fascination > Albedo Aptica | 2 sub attivi in costruzione | cavi di alimentazione Lessloss e TNT-TTS

      Current date/time is Sat Nov 17, 2018 8:21 pm