Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
un mondo di ricordi
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    un mondo di ricordi

    Share
    avatar
    lizard
    Pop Music Expert

    Numero di messaggi : 7950
    Data d'iscrizione : 2009-11-06
    Località : Augusta Taurinorum

    un mondo di ricordi

    Post  lizard on Thu Mar 29, 2018 8:59 am

    per qualcuno è solo un nome.
    per altri solo un allenatore.
    per chi ha vissuto quegli anni,Mondo è stato L'ALLENATORE del toro.
    quando le partite si giocavano la domenica,e i negozi erano chiusi.
    quando non c'era lo spezzatino del campionato e gli accordi delle pay tv.
    quando si sudava ancora in campo,e sulle panchine.
    lo ricorderemo così,per aver fatto grandi l'atalanta e soprattutto il toro,quando sapeva ancora vincere ed entusiasmare.
    grazie di tutto,Emiliano.
    soprattutto per una finale ad amsterdam che ricorderemo per sempre.

    avatar
    RockOnlyRare
    Rockzebo Expert

    Numero di messaggi : 6882
    Data d'iscrizione : 2012-05-18
    Età : 64
    Località : Milano

    Re: un mondo di ricordi

    Post  RockOnlyRare on Thu Mar 29, 2018 12:56 pm

    Mi spiace che non ci sia più, è un altro pezzo del mondo del calcio che se ne va.

    Indubbiamente è stato un personaggio che ha caratterizzato quel periodo, che fosse amato o meno, confesso che non mi era particolarmente simpatico pur rispettandolo come persona.

    RIP grande Mondonico


    _________________
    -
    https://quifinanza.it/pensioni/pensioni-cambiano-i-coefficienti-assegni-2019-piu-bassi/202088/?ref=libero
    -
    avatar
    ispanico
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 2481
    Data d'iscrizione : 2011-08-18
    Età : 56
    Località : pr. di Padova

    Re: un mondo di ricordi

    Post  ispanico on Thu Mar 29, 2018 2:52 pm

    Io invece l'ho ricordo molto bene il Mondo del Toro quando abitavo a Torino...e le sfide all'ultimo sangue con la signora.
    Una persona competente a cui non è mai stato possibile vederlo in una panchina che contasse (Fiorentina a parte), a me piaceva come mister e l'ho rispettavo come uomo e opinionista.
    Comunque anche lui ci/mi mancherà in questo mondo .

    Emiliano R.I.P.


    _________________
    Maurizio
    ___________________________________________________________________________________________
    Player : cd-sacd Marantz SA 8005, Amplificatore integrato : Audio Analogue Crescendo by Airtech, Diffusori : Dali Zensor 7, Cavetteria : alimentazione, segnale e di potenza full Airtech Alfa. Mobile personalizzato : Demaudio, trattamento acustico : pannelli Oudimmo.
    avatar
    the Crimson King
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 2666
    Data d'iscrizione : 2013-01-16
    Località : un po' qui, un po' là, un po' altrove

    Re: un mondo di ricordi

    Post  the Crimson King on Thu Mar 29, 2018 6:38 pm

    Mi è sempre piaciuto come personaggio, e mi ricorda il calcio dei tempi in cui lo seguivo ancora con tanto entusiasmo. Un abbraccio Emiliano riposa in pace


    _________________
    "Coi capelli sciolti al vento io dirigo il tempo, il mio tempo...
    là... negli spazi dove Morte non ha domini, dove l'Amore varca i confini..."



    "Confusion" will be my epitaph...
    avatar
    lizard
    Pop Music Expert

    Numero di messaggi : 7950
    Data d'iscrizione : 2009-11-06
    Località : Augusta Taurinorum

    Re: un mondo di ricordi

    Post  lizard on Fri Mar 30, 2018 8:32 am

    Niente ci sarà più caro della sconfitta, e lo dico da tifoso del Toro che sul divano addenta la sciarpa per trattenere le imprecazioni, a ognuna delle seriali sconfitte di quarant’anni di granatitudine. Ma niente ci sarà più caro della sconfitta nella notte di ventisei anni fa, quando Emiliano Mondonico sollevò la sedia al cielo, al culmine di tre pali (colpiti da Casagrande, Mussi e Sordo) che diedero la coppa all’Ajax.

    E sebbene la retorica della sconfitta sia detestabile, giustificata col ricorso al destino, parolina più consolatrice di Dio, come se le nostre vite fossero determinate da molto lontano: la sconfitta non è colpa nostra. Certo che lo è. E però non è il peggiore dei mali. Mondonico era già arrivato con l’Atalanta a un passo dall’apoteosi, e anche lì fu un palo a negargliela.

    E con ciò? Vorrei che il Toro al tempo della mia vita avesse vinto dieci scudetti, ma l’amore della gente per Mondonico non peserebbe un grammo di più, se quella sera uno dei tre pali si fosse tramutato in trionfo. Il calcio dovrebbe insegnare che l’approdo di una sconfitta è una visione più precisa di noi stessi.

    Voglio dire che in un mondo in cui ognuno ha un podio su cui installarsi da sé, e da cui rovinerà senza nessuna epica, la sconfitta bisognerebbe invocarla; e poi alzare una sedia al cielo, nella precisa direzione di Mondonico.

    Mattia Feltri,La Stampa

      Current date/time is Tue Nov 13, 2018 10:29 pm