Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
Racconto di un ascolto di fine estate...
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    Racconto di un ascolto di fine estate...

    Share
    avatar
    JacksonPollock
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1100
    Data d'iscrizione : 2017-08-25
    Località : Località

    Racconto di un ascolto di fine estate...

    Post  JacksonPollock on Fri Aug 31, 2018 10:47 am

    Vorrei raccontare questa esperienza divertente e ai limiti del surreale, senza parlare di marchi specifici.
    Mi reco sul posto in questione per ascoltare dei diffusori e valutarne altri, avevo già fatto presente la tipologia di suono che cercavo e cosa volevo correggere nella mia situazione di ascolto tipica (conosciuta molto bene dal tipo).

    Specifico che vorrei andare a raffinare le alte frequenze nella riproduzione dei vinili e che con diverse prove (con speaker di amici) ho identificato nei diffusori il punto debole, e chiedo se ha qualcosa che possa migliorare, senza perdere dettaglio o tagliare nulla.

    Parte la sequenza:

    1) Mi chiede che network player uso ( )
    2) Il mio network player non vale una mazzafionda incartata
    3) Mi fa ascoltare una coppia di diffusori con sorgente un CD
    4) Esalta la riproduzione ponendo enfasi sull'aspetto "emozionale"

    Detto che il punto 1 ci sta (visto che giustamente vuole vendere i suoi prodotti...) gli torno a far notare che vorrei migliorare le alte frequenze senza cambiare testina/giradischi/pre-phono, mantenendo la riproduzione in gamma media e bassa che mi soddisfa in termini di "riempimento" dell'ambiente di riproduzione (i diffusori di cui parlo li avevo presi da lui, quindi li conosce) e aggiungendo che l'aspetto emozionale è una questione molto personale a mio avviso.

    Cambiamo allora setup, stavolta network player con ampli integrato (?) e diffusori diversi più grandi (ma stessa marca)...
    Riparte la sequenza di brani (diversa) e faccio notare che non mi fa impazzire la riproduzione, avendo la sensazione di avere tutto un po' "inscatolato" e che sebbene noti la dolcezza degli alti non trovo la profondità e la definizione della gamma bassa che mi sembra troppo asciutta...

    Gli chiedo di poter ascoltare alcuni brani che conosco e trovo conferma alle mie impressioni... Riproduzione inscatolata, alti molto raffinati, medie ottime, grande spazialità ma frequenze basse eccessivamente contenute e tagliate (per mio gusto e conoscenza dell'ambiente di riproduzione finale) e un po' di impastamento della scena.

    Riparte la paternale:

    1) Di bassi ce ne sono anche troppi... A casa mia si sarebbero sentiti...
    2) È il pre-phono del mio integrato che strilla... (Il pre-phono che uso è esterno e l'ho preso da lui...)
    3) Esalta la riproduzione ponendo enfasi sull'aspetto "emozionale"
    4) La musica che ascolto non va bene perchè non si riconoscono gli strumenti (riconoscendo implicitamente anche lui l'impastamento della scena)...

    Ora va bene tutto, alcune tecniche di vendita prevedono schemi di questo tipo perchè vanno a fare leva su determinati aspetti dell'acquirente...
    Ma la chiosa finale mi sembra TOP...  

    Voi che dite?


    Last edited by JacksonPollock on Fri Aug 31, 2018 10:55 am; edited 1 time in total
    avatar
    montanari
    Moderatore mercatino

    Numero di messaggi : 8575
    Data d'iscrizione : 2011-04-06
    Età : 39
    Località : Morciano di R. - vespista

    Re: Racconto di un ascolto di fine estate...

    Post  montanari on Fri Aug 31, 2018 10:53 am

    i fleet foxes per ascoltare come suona un impianto sono perfetti
    e poi bisognerà sentirlo con la propria musica come va non con robe che non ascolteremo mai
    gli hai fatto notare l incoerenza? scommetto che quando hai preso il prephono era il massimo a livello "emozionale"!!!

    io sta gente la sopporto poco


    _________________
    le spese grosse le facevo per i vinili o se non sono in flac godi solo la metà
    avatar
    JacksonPollock
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1100
    Data d'iscrizione : 2017-08-25
    Località : Località

    Re: Racconto di un ascolto di fine estate...

    Post  JacksonPollock on Fri Aug 31, 2018 10:59 am

    I brani che ho ascoltato sono gli stessi che ho ascoltato anche da te...
    Fleet, Justin Vernon, Jonathan Wilson, Tin Hat Trio, Zorn...

    Non andavano bene, perchè non si distinguono gli strumenti.

    Ci ho aggiunto un po' di low-fi fatta bene (Ty Segall, White Fence...) giusto per farlo incaxxare (lo ammetto)  
    avatar
    montanari
    Moderatore mercatino

    Numero di messaggi : 8575
    Data d'iscrizione : 2011-04-06
    Età : 39
    Località : Morciano di R. - vespista

    Re: Racconto di un ascolto di fine estate...

    Post  montanari on Fri Aug 31, 2018 11:16 am

    tin hat zorn e foxes vanno benissimo
    ihmo
    gli avrei messo anche qualche tecno fatta bene per vedere come reagisono ai bassi, però queste prove lasciano un pò il tempo che trovano
    giusto per vedere se l ampli ce la fa con le casse, anche secondo me il grosso lo fa la stanza e il posizionamento


    _________________
    le spese grosse le facevo per i vinili o se non sono in flac godi solo la metà

    martin logan
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 118
    Data d'iscrizione : 2017-11-18
    Località : Pavia

    Re: Racconto di un ascolto di fine estate...

    Post  martin logan on Sun Sep 02, 2018 9:06 am

    Mmmmm ... vediamo un po'
    Cambiare negozio affraid affraid affraid affraid affraid affraid
    avatar
    JacksonPollock
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1100
    Data d'iscrizione : 2017-08-25
    Località : Località

    Re: Racconto di un ascolto di fine estate...

    Post  JacksonPollock on Sun Sep 02, 2018 12:05 pm

    Guarda... Se ha quello che cerco e mi fa buoni prezzi potrei anche tornarci... Ma sicuramente la credibilità sull'aspetto consulenziale l'ha persa. Lavoro con gente di marketing, ho piena consapevolezza di quando una persona vuole solo vendere un prodotto e quando invece vuole realmente darti un qualcosa in più... A volte la passione valica il confine del profitto e converge sull'esigenza del cliente.

    Inizialmente mi era sembrato di carpire questo atteggiamento, e devo dire che ci sono tornato perchè aveva azzeccato le richieste.
    Nelle successive visite si è andati verso una strana "avversità", che in alcuni frangenti ho fatto fatica a spiegare anche con le tecniche di cui parlavo sopra.

    Se non conosci un prodotto, ammettilo, ci fai più bella figura. Del resto non puoi conoscere tutto... È umano e comprensibile, quantomai oggi.

    Non vuoi farlo? Ok, ma arrivare a dire che non va bene quello che ascolto è veramente l'ultima spiaggia...



      Current date/time is Fri Dec 14, 2018 2:07 pm