Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
sonus faber
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    sonus faber

    Share
    avatar
    lizard
    Pop Music Expert

    Numero di messaggi : 8035
    Data d'iscrizione : 2009-11-06
    Località : Augusta Taurinorum

    sonus faber

    Post  lizard on Mon Sep 17, 2018 11:49 am

    in questi giorni,grazie anche al sensibile abbassamento delle t° (ma proprio un pochino,eh?) ho rispolverato una superba coppia di FM2,di quelle che fanno godere persino le mogli.
    ho riesumato dall'armadio il classico sonus faber quid,le ho appoggiate sullo stand dedicato legno/pietra (ecchetelodicoaffa') e le ho fatte andare,con meccanica e convertitore.
    devo ammettere che resto sempre basito dal progetto di questi minidiffusori e dai componenti utilizzati all'epoca (circa 35 anni fa...),pur nelle diverse versioni prodotte:
    il midwoofer seas 11 fgx,davvero spettacolare,ed il tweeter T28,uno dei migliori mai realizzati e qui rivisto e customizzato dal mai dimenticato maestro Serblin.
    un minidiffusore velocissimo,anche e soprattutto nei passaggi più complicati della musica classica,sempre tenendo conto delle giuste proporzioni del diffusore.
    certo,non magico come le 3/5A,ma in grado di scomparire anch'esso davanti all'ascoltatore.
    non per niente il mini preferito dal compianto Maestro.
    quali sono le sonus faber che vi sono rimaste nel cuore?
    avatar
    pluto
    Moderatore - discobolo

    Numero di messaggi : 25615
    Data d'iscrizione : 2010-10-05
    Età : 60
    Località : Genova

    Re: sonus faber

    Post  pluto on Mon Sep 17, 2018 4:37 pm

    Pure io ho un paio di Minima FM2 con il loro stand (quello bello e che non mi hai venduto ). In una stanza piccola e ben amplificate sono deliziose e soprattutto una gioia per gli occhi

    Il mio rimpianto restano le Guarneri rigorosamente prima serie. Le più belle casse mai transitate x casa mia e approvate da mogli e architetti.
    X il suono c'era di meglio ma in sala facevano una figura strepitosa. Vendute x far posto ad una coppia di B&W Silver Signature (superiori come suono), ma erano da tenere da qualche parte (ora mi studio l'impianto pure in bagno Laughing )

    Recentemente ho sentito le Stradivari con un impianto favoloso ma stanza problematica e non mi hanno fatto una grande impressione. Poi ho ascoltato le Amati in una stanza migliore e impianto un pò più modesto ma sempre superbo e mi sono piaciute da morire. Tutta roba prodotta ancora da Serblin

    Però devo dire che recentemente ho ascoltato una rivisitazione delle Amati di cui non ricordo il nome e mi è piaciuta molto pure quella
    avatar
    montanari
    Moderatore mercatino

    Numero di messaggi : 8573
    Data d'iscrizione : 2011-04-06
    Età : 39
    Località : Morciano di R. - vespista

    Re: sonus faber

    Post  montanari on Mon Sep 17, 2018 5:00 pm

    LE TRADITION quelle nuove rigate in orizzontale e cromate sopra
    mi sono piaciute molto anche a me


    _________________
    le spese grosse le facevo per i vinili o se non sono in flac godi solo la metà
    avatar
    pluto
    Moderatore - discobolo

    Numero di messaggi : 25615
    Data d'iscrizione : 2010-10-05
    Età : 60
    Località : Genova

    Re: sonus faber

    Post  pluto on Mon Sep 17, 2018 5:03 pm

    montanari wrote:LE TRADITION quelle nuove rigate in orizzontale e cromate sopra
    mi sono piaciute molto anche a me
    Ecco bravo!

    Ma ce ne sono 2 modelli diversi come dimensioni e onestamente non so bene quale ho ascoltato. Però molto belle e ben suonanti
    avatar
    Pietro
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 540
    Data d'iscrizione : 2010-02-08

    Re: sonus faber

    Post  Pietro on Mon Sep 17, 2018 5:45 pm

    Sono molto affezionato alle Concerto, che mi hanno accompagnato per quasi un decennio...

    ...davvero deliziose e con un'ottima estensione in basso nonostante fossero da stand.


    avatar
    maurovoice
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 41
    Data d'iscrizione : 2018-02-06

    Re: sonus faber

    Post  maurovoice on Thu Sep 20, 2018 8:07 pm

    Io ho nel cuore le Electa Amator prima versione, non quelle con il woofer scan speak per intenderci.. Credo a ricordo di non aver quasi più provato lo stesso trasporto ascoltando dei diffusori. Va detto che ero piccolo (10/12 anni) e quando avrei potuto pensare di godermele perchè cominciavo a capire di più, mio padre ha smantellato l'impianto e puufff.. Ciao SF, ciao lettore cd Marantz del quale non ricordo il modello, ciao sl1200 e per finire ciao Creek 6060 yaw yaw se ci penso ora non so se insultarlo ogni volta che lo vedo o chiedergli i danni morali Laughing


    _________________
    AA Puccini Anniversary - Asus Essence one mk2 muses ed - CD Pioneer PD30 - ProAc Studio 100SM - Sonus Faber liuto tower - Diapason Prelude serie 1
    avatar
    lizard
    Pop Music Expert

    Numero di messaggi : 8035
    Data d'iscrizione : 2009-11-06
    Località : Augusta Taurinorum

    Re: sonus faber

    Post  lizard on Wed Oct 03, 2018 12:50 pm

    sull'onda nostalgica di sonus faber ho rispolverato un'affascinante coppia di Minima Amator e le ho collegate ad un abbagliante McIntosh 2505,che ha le uscite a 4,8 e 16 ohm.
    In attesa di collegarlo al fratellino C28,devo ammettere che mi sono sciolto sul divanetto,anche se le temperature ormai si sono abbassate.
    I dati di targa danno gli stessi valori di potenza del Sonus Faber Quid,ovvero 50 watt,ma il modo di porgere la musica del 2505 è assai più coinvolgente.
    Pur montando lo stesso tweeter D28 delle FM2,le Minima Amator hanno una gamma bassa sensibilmente più completa.
    L'accoppiata è favolosa,grazie anche al perfetto interfacciamento con le uscite a 4 ohm,impedenza nominale di questi diffusori.
    Superato l'imbarazzo della morsettiera a vite,caratteristica dei Mc di quell'epoca,l'emozione e la sinestesia dei sensi profusa da questo set up mi ha fatto persino arrivare in ritardo al lavoro,trascinandomi in un vortice dal quale non si vorrebbe mai tornare indietro:
    uno spettacolo per gli occhi e la mente.
    avatar
    zulele
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 709
    Data d'iscrizione : 2014-07-08

    Re: sonus faber

    Post  zulele on Wed Oct 10, 2018 9:06 am

    a livello nostalgia non posso non citare le Concertino I serie: non le ho mai avute, erano il mio sogno quando da studente non potevo comprarle, ma continuavo a dirmi che un giorno sarebbero state mie, assieme al Copland CSA28.
    oggi potrei comprarle, nell'usato si trovano anche a prezzi contenuti, ma nel frattempo sono passati molti anni, ho avuto altre esperienze di ascolto, e ho il timore che sia come incontrare il primo grande amore non corrisposto del liceo, e scoprire che... quella che non mi faceva dormire di notte, oggi non mi dice più niente.

    più di recente ho sentito le Guarneri Evo a casa di un amico e mi han fatto cadere la mandibola: mi son piaciute da matti... avevano sostituito delle Cremona, ma le ho trovate di un'altra categoria, e francamente non sentivo tutte 'ste lacune nemmeno in basso, a confronto con le Cremona stesse.

    ma mi rendo conto che sto parlando di diffusori che non ho posseduto, quindi forse sono "fuori luogo". mi ritiro.


    _________________
    Naim CDX2+XP5XS - analogico: Rega RP8 con RB808 + Lyra Delos - prephono Klyne 6PE/Rega IOS - Accuphase E-360 - diffusori Spendor LS3/5a - cavetteria: Accuphase, Kimber, S&M
    avatar
    lizard
    Pop Music Expert

    Numero di messaggi : 8035
    Data d'iscrizione : 2009-11-06
    Località : Augusta Taurinorum

    Re: sonus faber

    Post  lizard on Wed Oct 10, 2018 2:47 pm

    passata la sbornia C28 + 2505,sto proseguendo con l'ascolto di altre elettroniche.
    molta era la curiosità di collegarle ad un valvolare e stavo giusto aspettando che finalmente il fresco facesse capolino (anche se ieri c'erano quasi 25° in quel di torino..).
    mi son sempre chiesto se le Minima FM2 e le Amator fossero più indicate per ampli a s.s. o a tubi.
    ho quindi attaccato il leben 300xs e ho dato fuoco alle polveri.
    utilissimo anche in questo caso il selettore a 4 ohm,che mi fa gustare in pieno le potenzialità del progetto del compianto serblin.
    anche in questo caso siamo di fronte ad un suono veloce ma suadente e la valvola stempra un pochino l'algido D28,vera peculiarità di questo indimenticabile diffusore.
    ma anche il basso c'è,eccome.
    la potenza dichiarata del 300 non è molta,si sa..ma l'ampli non si scompone e l'accoppiata è davvero di razza.
    ne approfittero' per fare anche qualche ascolto in cuffia..ne vale davvero la pena:
    l'ampli è di una bellezza abbacinante.
    (ecchetelodicoaffà)

      Current date/time is Fri Dec 14, 2018 9:11 am