Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
Il giudizio cambia a seconda di quanto è "alla moda" la marca - Page 2
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    Il giudizio cambia a seconda di quanto è "alla moda" la marca

    Share

    Pazzoperilpianoforte
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 5316
    Data d'iscrizione : 2009-01-12

    Re: Il giudizio cambia a seconda di quanto è "alla moda" la marca

    Post  Pazzoperilpianoforte on Fri Aug 13, 2010 4:26 pm

    Può benissimo darsi che io mi sbagli Massimo. In verità esiste un pregiudizio anti-giapponese, in audio.

    Comunque per me è aspetto poco importante. Ritornando al discorso del topic, io sono un appassionato di Hi-Fi che non si rivolge ad un apparecchio per i consensi che ne trae dal circondario . Importante è che i CD player di questa marca suonino come piace a me!

    pepe57
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 4693
    Data d'iscrizione : 2009-06-11
    Età : 59
    Località : Milano

    Re: Il giudizio cambia a seconda di quanto è "alla moda" la marca

    Post  pepe57 on Fri Aug 13, 2010 4:28 pm

    Secondo me è molto difficile esprimere giudizi su singoli componenti che in realtà, da soli, non suonano.
    Ogni singolo componente possiede delle caratteristiche, sta a noi cercare di mediarle per ottenere un risultato che vada verso la meta desiderata.
    Per cui, a mio avviso, in fondo, il primo elemento discriminante resta il fruitore e la sua consapevolezza di quello che desidera ottenere.
    Per cui, anche se il costo degli oggetti è sempre (a qualsiasi livello) spropositato rispetto ai contenuti (ovviamente chi li produce ci deve guadagnare) non credo che esistano dei prodotti sbagliati, piuttosto direi, utenti sbagliati.
    sunny sunny
    Pietro

    PS: secondo me, le innovazioni, in quasi qualsiasi campo, arrivano da piccole realtà, le multinazionali hanno troppi lacci che impediscono loro veri slanci creativi che non siano indirizzati fin dall' origine verso grandi numeri ed in tal senso, preferiscono "assorbire" ditte, scoperte, o menti esterne.

    Massimo
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 31502
    Data d'iscrizione : 2010-06-21
    Età : 61
    Località : Portici (NA)

    Re: Il giudizio cambia a seconda di quanto è "alla moda" la marca

    Post  Massimo on Fri Aug 13, 2010 4:41 pm

    Pazzoperilpianoforte wrote:Può benissimo darsi che io mi sbagli Massimo. In verità esiste un pregiudizio anti-giapponese, in audio.

    Comunque per me è aspetto poco importante. Ritornando al discorso del topic, io sono un appassionato di Hi-Fi che non si rivolge ad un apparecchio per i consensi che ne trae dal circondario . Importante è che i CD player di questa marca suonino come piace a me!
    Sarà, ma quelli come me, che il loro primo impianto decente era made in japan li ricordano sempre con piacere.Anche se i gusti musicali dell'epoca erano diversi e poi non tutti i made in Japan suonavano uguali, come non esisteranno due impianti che suonano in egual modo anche solo perche' suonano in due ambienti differenti. .


    _________________
    Quando il dito indica la luna, l'imbecille guarda il dito

    Massimo
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 31502
    Data d'iscrizione : 2010-06-21
    Età : 61
    Località : Portici (NA)

    Re: Il giudizio cambia a seconda di quanto è "alla moda" la marca

    Post  Massimo on Fri Aug 13, 2010 4:43 pm

    pepe57 wrote:Secondo me è molto difficile esprimere giudizi su singoli componenti che in realtà, da soli, non suonano.
    Ogni singolo componente possiede delle caratteristiche, sta a noi cercare di mediarle per ottenere un risultato che vada verso la meta desiderata.
    Per cui, a mio avviso, in fondo, il primo elemento discriminante resta il fruitore e la sua consapevolezza di quello che desidera ottenere.
    Per cui, anche se il costo degli oggetti è sempre (a qualsiasi livello) spropositato rispetto ai contenuti (ovviamente chi li produce ci deve guadagnare) non credo che esistano dei prodotti sbagliati, piuttosto direi, utenti sbagliati.

    Pietro

    PS: secondo me, le innovazioni, in quasi qualsiasi campo, arrivano da piccole realtà, le multinazionali hanno troppi lacci che impediscono loro veri slanci creativi che non siano indirizzati fin dall' origine verso grandi numeri ed in tal senso, preferiscono "assorbire" ditte, scoperte, o menti esterne.
    Piu' che utenti sbagliati , direi utenti disinformati.


    _________________
    Quando il dito indica la luna, l'imbecille guarda il dito

      Current date/time is Sat Dec 10, 2016 3:58 am