Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
mi definite la musicalità....
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    mi definite la musicalità....

    Share

    matley
    IL "pulcioso"
    IL

    Numero di messaggi : 17268
    Data d'iscrizione : 2008-12-21
    Età : 56
    Località : Colle Val D'Elsa

    mi definite la musicalità....

    Post  matley on Sat Oct 16, 2010 2:54 am

    vediamo:

    La musicalità....
    E' la più soggettiva delle caratteristiche di un impianto ?

    Musicale per me è sinonimo di naturale e infatti mi viene molto più facile parlare di musicalità quando ho a che fare con un suono vero, generato da strumenti non amplificati.
    Implementando il discorso nello specifico del nostro hobby preferito, mi viene da dire, che gli impianti più musicali sono quelli che a conti fatti riescono a coniugare la potenza con la semplicità costruttiva per introdurre il minor numero di ostacoli tra la fonte e le nostre orecchie.
    Poi è ovvio che la musicalità non è uguale per tutti, quindi non è sbagliato secondo me dire che musicale è ciò che piace al nostro orecchio e che potremmo ascoltare per ore, senza nessun fastidio.


    e voi.. che mi dite?


    _________________
     
     
    Non seguire una strada...."CREALA!



    "ma se i Cavi non ce-l'hai 'ndo vai..." ?



    Spoiler:
    https://i68.servimg.com/u/f68/13/38/17/01/pre_cj11.jpg

    Geronimo
    Self-Awareness
    Self-Awareness

    Numero di messaggi : 16083
    Data d'iscrizione : 2009-03-09

    Re: mi definite la musicalità....

    Post  Geronimo on Sat Oct 16, 2010 7:42 am

    In Hi-Fi per me la musicalità è la sparizione completa dell'impianto, il suo lavorare sottotraccia, in background. Fino a quando un impianto attira e distrae l'attenzione per le sue caratteristiche, siano esse positive o negative, l'accento sarà sempre spostato sulle "macchine per riprodurre musica" e non sulla musica stessa. E questo non è un bene, secondo me.


    _________________
    "Se cerchi il rilassamento mentale prova la meditazione sul respiro"(CLICCA QUI)

    "Sono il ponte fra quello che non sono mai stato e quello che non sarò mai"

    "Il mio impianto AUDIO ANALOGUE-AIRTECH-ADVENT"(CLICCA QUI)

    Edmond
    Sordologo

    Numero di messaggi : 8717
    Data d'iscrizione : 2010-04-17
    Località : Brescia

    Re: mi definite la musicalità....

    Post  Edmond on Sat Oct 16, 2010 8:21 am

    'Mazza, quante pippe che ti fai, segone!!!!!!!!!!!!! affraid affraid affraid affraid affraid affraid
    Direi tuttavia che il tuo pensiero non lo trovo del tutto sbagliato........... Anche se secondo il tuo ragionamento musicalità è più l'immagine personale di come dovrebbero suonara gli strumenti che non il loro vero suono.... Ma questo è un discorso che coinvolge anche la nostra cultura musicale personale....


    _________________
    Giorgio
         
     

    Non fateci caso... sono sordo!!! E pure GURU!!! affraid

    pluto
    Moderatore - discobolo

    Numero di messaggi : 21547
    Data d'iscrizione : 2010-10-05
    Età : 58
    Località : Genova

    Re: mi definite la musicalità....

    Post  pluto on Sat Oct 16, 2010 9:44 am

    Giorgio, forse Big Dog aveva mangiato pesante ieri sera..... sunny sunny

    Comunque concordo quasi in toto. Anche se tendiamo forse ad associare un pò troppo il termine a qualcosa di piacevole, appagante x il ns orecchio. Mi spiego, un cinguettio è sicuramente musicale, un martello pneumatico no.

    Però il ns impianto deve poter riprodurre al meglio, nel modo più veritiero possibile anche i suoni che disturbano, se è quella la registrazione. Non avrebbe senso addolcire la registrazione di un martello pneumatico; sarebbe come modificare il suono originario ed è una falsità. Magari piacevole ma falsa.
    Dipende da quello che cerchiamo di ottenere noi....

    che ne dite?

    Matley venerdì prossimo solo brodo e un pò di pesce. Tu ci rovini il week end così sunny sunny sunny sunny

    Ciao

    aircooled
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 32292
    Data d'iscrizione : 2008-12-20
    Località : AIRTECHLANDIA

    Re: mi definite la musicalità....

    Post  aircooled on Sat Oct 16, 2010 9:52 am

    la musicalità e la miglior scusante per gli impianti ciofeca, non va un cxxx però è molto musicale
    ma che vordiiiiiiiiii


    _________________

     
    il meglio va solo con il meglio e non è un caso

    la calunnia disdegna i mediocri e si afferra ai grandi
     

    non discutere mai con un idiota, ti trascina al suo livello e poi ti batte con l'esperienza - ricorda chi sa fa chi non sa insegna
     
    Showroom AIRTECH via XX Settembre 12 San Giuliano Terme PI cell 3393521936 fisso 050818821 dalle 16.00 alle 19.00 dal martedi al sabato
    mail bertini63@virgilio.it

    matley
    IL "pulcioso"
    IL

    Numero di messaggi : 17268
    Data d'iscrizione : 2008-12-21
    Età : 56
    Località : Colle Val D'Elsa

    Re: mi definite la musicalità....

    Post  matley on Sat Oct 16, 2010 10:52 am

    pluto wrote:Giorgio, forse Big Dog aveva mangiato pesante ieri sera....

    Comunque concordo quasi in toto. Anche se tendiamo forse ad associare un pò troppo il termine a qualcosa di piacevole, appagante x il ns orecchio. Mi spiego, un cinguettio è sicuramente musicale, un martello pneumatico no.


    Matley venerdì prossimo solo brodo e un pò di pesce. Tu ci rovini il week end così sunny sunny sunny sunny

    Ciao


    oh..sta avedè che anche il cane coll'oosso invece della bistecca..viene a far parte anche lUI dei segoni... cheers

    allora...ad esempio due persone agli antipodi come un ascoltatore di musica barocca e uno di hard metal........
    se si mettessero a parlare di musicalità, certamente avrebbero di chè discutere...


    vi lascio alla meditazione...oggi tocca al centro di Firenze with signora.. santa

    by...segoni.. cheers



    _________________
     
     
    Non seguire una strada...."CREALA!



    "ma se i Cavi non ce-l'hai 'ndo vai..." ?



    Spoiler:
    https://i68.servimg.com/u/f68/13/38/17/01/pre_cj11.jpg

    sepe2
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 2
    Data d'iscrizione : 2010-10-16

    Re: mi definite la musicalità....

    Post  sepe2 on Sat Oct 16, 2010 11:38 am

    per me significa avvicinarsi alla realta' tralasciando ogni senso di artificiosita'


    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13
    Età : 60
    Località : genova

    Re: mi definite la musicalità....

    Post  iano on Sat Oct 16, 2010 12:00 pm

    Ogni materiale percorso o variamente mastruzzato genera onde sonore con un timbro caratteristico fatto di note fondamentali ed armoniche.
    Ciò che caratterizza il timbro sono i rapporti fra le altezze della fondamentale e delle armoniche.
    Fin qui si tratta di rumore e tutti siamo in grado di riconoscere se è stata percorsa una barra di ottone o di acciaio perchè nella nostra memoria quei timbri,quei precisi e specifici rapporti di armoniche,sono archiviati,dopo che ne abbiamo fatto esperienza.
    Essendo poi l'energia acustica trasportata da queste armoniche poca roba rispetto all'energia complessiva (se si aggiungono le fondamentali) si capisce come il trattamento di segnali così delicati sia cruciale in sede di riproduzione.Specialmente difficile è riuscire a mantenere inalterati i rapporti fra le altezze delle armoniche compromettendo così l'ascolto di un timbro come natura ha fatto.

    La musica è un insieme di questi rumori organizzati emessi da questi vari materiali che a loro volta sono organizzati in precisi,ma tutto sommato arbitrari e decisi dal tempo e dal gusto dei liutai,strumenti musicali.
    I rumori quindi sono organizzati in un linguaggio più o meno standard,più o meno originale e quindi più o meno riconoscibile come tale.Molto dipende quindi dalla propria cultura musicale.
    Non occorre però una profonda conoscenza di questo linguaggio per poter capire quando questo si sta srotolando,così come non occorre conoscere il cinese per capire quando due cinesi stanno facendo conversazione.
    Quando ascoltiamo un impianto di riproduzione quindi,pur non conoscendo il linguaggio musicale,possiamo dire se è in atto una comunicazione,un dialogo,oppure no.
    Questa è la caratteristica principale della musica e quando viene riscontrata nella musica riprodotta genera un senso di naturalità all'ascolto.
    Non è questa la sola caratteristica a dare naturalità però.
    C'è anche il timbro di cui sopra,che a pensarci bene però è potenzialmente meno importante.
    Resta da vedere quanto in presenza di un timbro pesantemente alterato ,capace cioè di trasformare letteralmente in sede di riproduzione i fischi in fiaschi,quanto dicevo possa rimanere inalterato il discorso musicale,essendo questo cosa appunto potenzialmente distinta dai particolari timbri.
    Cioè, fino a che punto le due cose sono realmente slegate fra di loro?
    Tanto e niente.
    Dipende da quali siano stati gli intenti del compositore di turno.
    Prendiamo ad esempio una chitarra elettrica.
    Se suonassi una chitarra elettrica (magari) non penso che baderei molto al timbro e pittosto baderei a suonarla come faceva Frank Zappa (magari).Grande,grande comunicatore.
    Così se lo scopo è ascoltare il rock non baderei tanto al timbro,ma guarderei ad altro,come ad esempio la capacità dinamica,che anche lei serve,ma che di solito temo,faccia a botte con un buon timbro.
    Magari mi sbaglio eh.:sunny
    Ciao,Sebastiano. :

    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13
    Età : 60
    Località : genova

    Re: mi definite la musicalità....

    Post  iano on Sat Oct 16, 2010 12:12 pm

    sepe2 wrote:per me significa avvicinarsi alla realta' tralasciando ogni senso di artificiosita'

    Benvenuto Sepe. sunny
    Ciao,Sebastiano.

    Il delfino di Air
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 3640
    Data d'iscrizione : 2008-12-21

    Re: mi definite la musicalità....

    Post  Il delfino di Air on Sat Oct 16, 2010 2:05 pm

    aircooled wrote:la musicalità e la miglior scusante per gli impianti ciofeca, non va un cxxx però è molto musicale
    ma che vordiiiiiiiiii

    ma l'impianto del Banano non è una ciofeca
    PS: ma che gli MP li leggi o no?


    _________________
    Audio Analogue Crescendo CD
    Audio Analogue Crescendo Ampli
    Cabasse MT31 Tobago

    Rudino
    Sordo Magno

    Numero di messaggi : 5392
    Data d'iscrizione : 2010-01-16
    Età : 53
    Località : Bresso (MI)

    Re: mi definite la musicalità....

    Post  Rudino on Sat Oct 16, 2010 2:22 pm

    Filosofia, filosofia, filosofia.....

    Ma parlate un po' di gnocca...


    _________________
    Ciao,
    Marco LP

    Pazzoperilpianoforte
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 5316
    Data d'iscrizione : 2009-01-12
    Età : 48
    Località : Firenze

    Re: mi definite la musicalità....

    Post  Pazzoperilpianoforte on Sat Oct 16, 2010 2:30 pm

    Secondo me "musicalità" è un termine inflazionato e compromesso da decenni di usi e abusi, e quindi non più utilizzabile in nessun modo, in ambito Hi-Fi.

    Si è usato questo termine per dare una parvenza di dignità a sistemi di riproduzione pessimi (come dice Air) e per dare spazio bene o male alla soggettività in audio prima che si cominciasse a parlare di My-Fi (nell'accezione di Matley).

    Qualche tempo fa, in una discussione con Petrus, "coniammo" il termine di coerenza per cercare un termine che potesse, così come il termine musicalità, rappresentare una sisntesi di più elementi d'ascolto e non un singolo elemento tecnico/sonoro (come sono i concetti di distorsione, timbro, estensione in gamma bassa o alta, velocità e simili), ma al tempo stesso fosse meno logoro del concetto di musicalità. Ma anche meno fuorviante.

    Di fatto al termine musicale l'accezione più comune attribuisce il valore di "carezzevole per l'orecchio". Cosa che c'entra poco con l'Hi-Fi. Nel senso che compito dell'impianto non è di essere "carezzevole all'orecchio" bensì riprodurre ciò che c'è nel disco. Sarà il disco ad essere più o meno "carezzevole per l'orecchio" a seconda della musica contenuta, della capacità del tecnico, del messaggio artistico da veicolare (giacché esiste anche musica che tutto vuole essere fuorché "carezzevole per l'orecchio"!!), ma non è un problema che deve riguardare l'impianto audio. Che, se interviene sul suono in modo da renderlo più piacevole secondo alcuni canoni stereotipi comunque sta colorando il segnale che tratta. E "colorare" è concetto opposto a quello di Hi-Fi.

    Non a caso spesso l'aggettivo di musicale è stata attribuito agli impianti eufonici, che però tutto sono fuorché impianti lineari. Poi possono anche piacere, più di impianti con altri limiti, ma questo è altro concetto dalla valutazione del loro valore dal punto di vista audio.

    Il concetto di naturalezza, invece, o di "coerenza" secondo l'accezione di quel dibattito con Petrus, è fondamentale nell'ambito Hi-Fi, perché si affianca e completa i concetti di analisi specifici dei vari aspetti sonori (distorsione, estensione, ecc.). Ma si applica alla sola musica che dal vivo non è amplificata. Giacché la musica amplificata è musdica creata con elettroniche, e quindi può anche in un concerto dal vivo essere coerente o incoerente, musicale o non musicale. In particolare non esiste musica "naturale" se si parla di musica amplificata perché gli strumenti sono trattati nei più disparati dei modi e quindi ognuno di loro non ha più un solo suono, ma diecimila suoni diversi.

    Nell'ambito della musica non amplificata, invece, si può parlare di coerenza e/o naturalezza. Ed allora il suono di un impianto sarà naturale (coerente) quando sarà verosimile, cioé sarà un suono risontrabile in un aqualunque condizione d'ascolto naturale. Esempio: il suono di un violino suonato dalla Podger (ad esempio), che a partire da una certa nota in su diventa più secco armonicamente e più stridulo non è un suono né coerente né naturale perché non si verifica mai nella realtà (il suono dello strumento musicale è sempre coerente se suonato bene, ha cioé caratteristiche che lo acompagnano lungo tutta l'estensione) a meno che il musicista non sia cattivo, ma qui appunto parliamo della Podger che musicista cattivo non è.

    E' facile sentire oggetti Hi-Fi incoerenti anche se di costo molto elevato. A me risulta triste dirlo e riscontrarlo, ma tant'è. Probabilmente perché sono progettati e messi a punto da persone con cattive orecchie, o che hanno poca dimestichezza con i suoni naturali....


    _________________
    Vito Buono
    __________
    Accuphase DP-500 + Stax SR-009 + Stax SRM 600 Limited
    oppure
    Graaf GM-50 rivalvolato Telefunken/Valvo Amburgo/EI KT90 + ProAc D 25
    ... e tantissima musica!

    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13
    Età : 60
    Località : genova

    Re: mi definite la musicalità....

    Post  iano on Sat Oct 16, 2010 6:41 pm


    Certo PPP piacevole non significa fedele.Ma la piacevolezza non esclude la musicalità,ma semplicemente non garantisce la fedeltà.
    Ma quando un impianto è piacevole ,ma non sufficientemente fedele, lo si può smascherare facilmente perchè esso sarà piacevole solo con alcune regstrazioni,quelle che lo assecondano,quelle che insieme all'impianto riescono ad assemblare uno strumento musicale nuovo ed originale,reale,ma non simile ad alcun altro.Fedele solo a se stesso.
    Non è certo questo il tipo di impianto che noi vogliamo credo.
    Ma caderci è molto facile,soprattutto quando si è agli inizi di questo hobby,perchè la verità è che l'unica cosa che noi siamo in grado di riconoscere (tutti),anche quando non abbiamo grande orecchio,anche quando siamo pigri a frequentare le sale da concerto,è proprio la musicalità,perchè è una nostra capacità innata.
    Ecco da qui io trarrei una definizione di musicalità,come quella cosa che tutti noi sappiamo riconoscere,per nostra natura,quando c'è.
    Se poi si accetta in aggiunta l'ipotesi che un buon impianto è quello che deve far suonare qualunque registrazione per quello che è e che nessuna di queste potrà/dovrà suonare veramente male allora abbiamo risolto il problema.
    Se invece continuiamo a maledire contro gli esecutori e tecnici del suono vari, per giustificare le nostre di malefatte,è comprensibilmente umano.,però a che e a chi serve...vabbeh
    Ciao,Sebastiano.
    P.S.Magari mi sono ripetuto,ma a ripersi le idee si affinano,spero....

    Pazzoperilpianoforte
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 5316
    Data d'iscrizione : 2009-01-12
    Età : 48
    Località : Firenze

    Re: mi definite la musicalità....

    Post  Pazzoperilpianoforte on Sat Oct 16, 2010 6:59 pm

    iano wrote:...
    Ma quando un impianto è piacevole ,ma non sufficientemente fedele, lo si può smascherare facilmente perchè esso sarà piacevole solo con alcune regstrazioni,quelle che lo assecondano,quelle che insieme all'impianto riescono ad assemblare uno strumento musicale nuovo ed originale,reale,ma non simile ad alcun altro.Fedele solo a se stesso.
    Non è certo questo il tipo di impianto che noi vogliamo credo.
    ....

    La penso anch'io in questo modo.... e quindi cosa pensare degli impianti radiografanti che suonano bene solo con due registrazioni al mondo???


    _________________
    Vito Buono
    __________
    Accuphase DP-500 + Stax SR-009 + Stax SRM 600 Limited
    oppure
    Graaf GM-50 rivalvolato Telefunken/Valvo Amburgo/EI KT90 + ProAc D 25
    ... e tantissima musica!

    Edmond
    Sordologo

    Numero di messaggi : 8717
    Data d'iscrizione : 2010-04-17
    Località : Brescia

    Re: mi definite la musicalità....

    Post  Edmond on Sat Oct 16, 2010 7:04 pm

    La penso anch'io in questo modo.... e quindi cosa pensare degli impianti radiografanti che suonano bene solo con due registrazioni al mondo???
    Che sono un cesso!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! affraid affraid affraid affraid affraid affraid
    Come molti impianti hi-end.................


    _________________
    Giorgio
         
     

    Non fateci caso... sono sordo!!! E pure GURU!!! affraid

    Pazzoperilpianoforte
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 5316
    Data d'iscrizione : 2009-01-12
    Età : 48
    Località : Firenze

    Re: mi definite la musicalità....

    Post  Pazzoperilpianoforte on Sat Oct 16, 2010 7:12 pm

    Edmond wrote:Che sono un cesso!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! affraid affraid affraid affraid affraid affraid
    Come molti impianti hi-end.................



    _________________
    Vito Buono
    __________
    Accuphase DP-500 + Stax SR-009 + Stax SRM 600 Limited
    oppure
    Graaf GM-50 rivalvolato Telefunken/Valvo Amburgo/EI KT90 + ProAc D 25
    ... e tantissima musica!

    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13
    Età : 60
    Località : genova

    Re: mi definite la musicalità....

    Post  iano on Sat Oct 16, 2010 7:48 pm

    Edmond wrote:
    Che sono un cesso!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! affraid affraid affraid affraid affraid affraid
    Come molti impianti hi-end.................
    Non proprio un cesso,sennò non riuscirebbero a ingannarci così bene.
    Bisogna ammettere che con quei due dischi messi in croce si difendono (non sono fedeli,ma sono più che piacevoli con quei dischi) e se noi ci convinciamo che quei due dischi,chissà perchè,sono gli unici dischi degli di questo nome,la fregatura è completa.
    Insomma per uscire da questa trappola bisogna che ammettiamo che alcuni impianti con alcuni dischi possono essere realmente musicali,e siccome a noi interessa la musica e nientaltro...allora ci caschiamo.In altri termini,anche di un 78 giri riportato su CD l'impianto deve restituirci la musicalità.
    Se poi scopriamo che non esistono solo due dischi buoni,ma al massimo solo due dischi scarsi,allora saremo arrivati.
    Io stesso che propugno tutto ciò da un pò ci ricasco sempre quando sono convinto che l'ultimo up grade non può che essere migliorativo e quando non rilevo la cosa dico.. eh si però questi dischi,ma come li registrano,che cani ragazzi.
    No ,non è così,ed ho bisogno di ripertermelo in continuazione.
    Ciao,Sebastiano.

    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13
    Età : 60
    Località : genova

    Re: mi definite la musicalità....

    Post  iano on Sat Oct 16, 2010 8:06 pm

    In altri termini bisogna che ammettiamo che,pur senza essere fedele,un impianto con tot dischi restituisce effettivamente musica.
    Perchè tutti noi siamo in grado di dire quando stiamo ascoltando musica (sennò abbiamo sbagliato hobby).Più fuorviante è invece
    il concetto di fedeltà,meglio lasciarlo perdere.Al massimo siamo in grado di riconoscere la fedeltà di un dato timbro,questo si,ma la musica non si riduce a un timbro.
    Esistono comunque tanti truccheti che si imparano col tempo.Ma da soli non bastano.
    Uno per tutti.Si sente un suono che prima non s'era sentito.Magari un rumore di fondo.Allora si dirà,questo up grade è davvero efficace.
    Si rimette la traccia e quel rumore non c'è più.E allora?
    E allora quel rumore di fondo veniva dall'esterno e il fatto che siamo riusciti a confonderlo con quelli che emetteva il nostro impianto vuol dire che tutto sta andando per il meglio.Cioè i due suoni,quello riprodotto e quello casuale esterno hanno fatto pandant.Bingo...o quasi.
    Ciao,Sebastiano.

    matley
    IL "pulcioso"
    IL

    Numero di messaggi : 17268
    Data d'iscrizione : 2008-12-21
    Età : 56
    Località : Colle Val D'Elsa

    Re: mi definite la musicalità....

    Post  matley on Sat Oct 16, 2010 8:18 pm

    che bello leggerVi... sunny

    Musicalità puo' anche essere un termine che racchiude alcune peculiarità di una catena audio ben amalgamata.
    Assenza di fatica d' ascolto, ottima definizione, risposta eccellente ai transienti, generosa estensione della risposta in frequenza,
    ambiente corretto e software di proprio gusto concorrono alla sostanza del "quid" musicalità.

    o NO!



    _________________
     
     
    Non seguire una strada...."CREALA!



    "ma se i Cavi non ce-l'hai 'ndo vai..." ?



    Spoiler:
    https://i68.servimg.com/u/f68/13/38/17/01/pre_cj11.jpg

    Rudino
    Sordo Magno

    Numero di messaggi : 5392
    Data d'iscrizione : 2010-01-16
    Età : 53
    Località : Bresso (MI)

    Re: mi definite la musicalità....

    Post  Rudino on Sat Oct 16, 2010 9:00 pm

    matley wrote:che bello leggerVi... sunny



    Ehhhh????
    Ma ti senti bene?
    150 righe in 2 post!!!!

    Saltati a piè pari!

    PPP e Iano, scusatemi, ma proprio non ce la fo'. Poi, in un thread di filosofia pura...
    Aveste disquisito di gnocca con foto allegate...


    _________________
    Ciao,
    Marco LP

    matley
    IL "pulcioso"
    IL

    Numero di messaggi : 17268
    Data d'iscrizione : 2008-12-21
    Età : 56
    Località : Colle Val D'Elsa

    Re: mi definite la musicalità....

    Post  matley on Sat Oct 16, 2010 9:19 pm

    R U D I N Oooooooooooo....
    Tettummivofammorì.........


    _________________
     
     
    Non seguire una strada...."CREALA!



    "ma se i Cavi non ce-l'hai 'ndo vai..." ?



    Spoiler:
    https://i68.servimg.com/u/f68/13/38/17/01/pre_cj11.jpg

    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13
    Età : 60
    Località : genova

    Re: mi definite la musicalità....

    Post  iano on Sat Oct 16, 2010 10:42 pm

    Rudino wrote:
    matley wrote:che bello leggerVi... sunny



    Ehhhh????
    Ma ti senti bene?
    150 righe in 2 post!!!!

    Saltati a piè pari!

    PPP e Iano, scusatemi, ma proprio non ce la fo'. Poi, in un thread di filosofia pura...
    Aveste disquisito di gnocca con foto allegate...
    Rudy,ma non l'hai ancora capito che i nostri guai sono cominciati quando abbiamo messo fuori dalla porta la filosofia,con allegato il cervello? Laughing
    Poi non dimenticare che la filosofia è uno sport che si può fare comodamente seduti in poltrona
    Comunque hai ragione,anch'io ci ho l'allergia alla lettura dei post lunghi.
    Ma come dice PPP quello che ho da dì l'ho da dì,sennò che stò a dì.
    (La mia compagna và a volte per lavoro a Roma e quando torna per una settimana parliamo romano)

    Ciao,Sebastiano.

    Rudino
    Sordo Magno

    Numero di messaggi : 5392
    Data d'iscrizione : 2010-01-16
    Età : 53
    Località : Bresso (MI)

    Re: mi definite la musicalità....

    Post  Rudino on Sun Oct 17, 2010 12:54 am

    iano wrote:
    ...quello che ho da dì l'ho da dì,sennò che stò a dì.

    Cusa la dì ????


    _________________
    Ciao,
    Marco LP

    Pazzoperilpianoforte
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 5316
    Data d'iscrizione : 2009-01-12
    Età : 48
    Località : Firenze

    Re: mi definite la musicalità....

    Post  Pazzoperilpianoforte on Sun Oct 17, 2010 9:09 am

    Rudino, la risposta è sempre quella.

    Non leggere e non scusarti, ma allo stesso tempo non rompere la minchia a chi vuole parlare e leggere .

    P.S.: il fatto che legga e scriva post lunghi non significa che non pratichi la gnocca (o altre amenità di genere diverso, a seconda dei gusti di ciascuno). Il problema è che chi parla troppo di gnocca (o di altre amenità di genere diverso a seconda dei gusti di ciascuno) è perché ce ne ha veramente poca per le mani...


    _________________
    Vito Buono
    __________
    Accuphase DP-500 + Stax SR-009 + Stax SRM 600 Limited
    oppure
    Graaf GM-50 rivalvolato Telefunken/Valvo Amburgo/EI KT90 + ProAc D 25
    ... e tantissima musica!

    Pazzoperilpianoforte
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 5316
    Data d'iscrizione : 2009-01-12
    Età : 48
    Località : Firenze

    Re: mi definite la musicalità....

    Post  Pazzoperilpianoforte on Sun Oct 17, 2010 9:16 am

    Iano secondo me, quasi senza volerlo e forse senza accorgersene, ha centrato una definizione splendida del concetto di musicalità.

    Musicale è l'impianto che - facendo rigorosamente onore ai principi HI-Fi di linearità, estensione, dinamica, microcontrasto, analiticità - riesce a coinvolgermi con dischi di qualità non eccelsa, perché riesce comunque a rendermene fruibile il contenuto.

    Un impianto che avendo tutti codesti principi di linearità non è in grado di rendermi fruibile il contenuto di dischi non ideali è appunto un ottimo sistema dal punto di vista audiofilo, ma carente di musicalità.

    Restano fuori da questo discorso i dischi pessimi. Che un disco con zero dinamica e effettato all'inverosimile sicuramente sarà uno strazio su qualunque impianto, anche perché di miracoli non se ne fanno...

    Ritornando al concetto del disco a 78 giri: per me l'impianto musicale è quello che mi tiene incollato alla sedia ascoltando la polacca brillante di Chopin opera 22 eseguita da Horowitz e registrata su 78 giri nel 1945.... cheers cheers . Un impianto che non ci riesce, pur con tutti i suoi lustri, è da buttare nella monnezza....


    _________________
    Vito Buono
    __________
    Accuphase DP-500 + Stax SR-009 + Stax SRM 600 Limited
    oppure
    Graaf GM-50 rivalvolato Telefunken/Valvo Amburgo/EI KT90 + ProAc D 25
    ... e tantissima musica!

      Current date/time is Fri Dec 09, 2016 4:29 pm