Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
AUDIOSONICA STONEFLY
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    AUDIOSONICA STONEFLY

    Share

    Ospite
    Guest

    AUDIOSONICA STONEFLY

    Post  Ospite on Fri Dec 26, 2008 12:12 pm

    Premessa: Prima di pubblicare questo scritto, ho chiesto all’Amministratore di questo Forum se potevo azzardarmi ad esprimere anche qui una mia opinione senza correre il rischio di essere bannato. La risposta da parte sua è stata: “Per ora no..”. Ed eccomi qui….
    La Stonefly, è il secondo diffusore in ordine decrescente dell'italiana ditta AUDIOSONICA del progettista e patron Fiori Fabio. Oggetto ben poco conosciuto, ma che a parer mio (e non solo…) potrebbe benissimo essere posto alla stessa stregua di diffusori davvero di alto livello. Due nomi, non a caso, ma accostabili per tipologia di sonorità.... AVALON/KHARMA. La sonorità espressa dalle Audiosonica è comunque
    ( tendenzialmente) molto più vicina alle Avalon.

    La Stonefly, è un diffusore alto 94 cm, larghi 21,7, profondo 34,3, dal peso di 34 Kg. Composti da 2 midwoofer della Eton da 172 mm e dal celeberrimo tweeter scan speak da 26 mm. Il tweeter posto all'apice del diffusore risulta essere leggermente spostato ,guardando il diffusore,rispetto all’asse, sulla sinistra (stile Proac, per intenderci..).Alla base c'è una costruzione metallica con forma ad X con 2 punte metalliche sulla parte anteriore regolabili in altezza, e 2 gommini nella parte posteriore, in modo tale da dare una leggera inclinazione al diffusore.

    Il sistema è un 3 vie con porta reflex anteriore. Il crossover è in configurazione serie/parallelo, con componenti di altissima qualità collegati in aria .La sensibilità è di 92 db/2,83V/1mt. Impedenza nominale 6 ohm, entro 4-7 ohm da 250 a 25000Hz, senza rotazione di fase. Risposta in freq.+_ 3 db 38-25000Hz. Per amplificazioni da 8 a 170 w RMS.Catena: Ampli ASR Emitter I (up-grade dell' Exclusive), sorgente "Rise the right way" Sigma Audio Concept. Cavi Cableless Gamma Ultra (segnale, potenza, alimentazione). Ciabatta Cableless.

    IL SUONO:
    Dopo la “normale” fase di rodaggio,e dei primi esperimenti di posizionamento (si adattano facilmente a un po ad ogni tipo di situazione).. si giunge poi alla fase della analisi .Una volta trovata la giusta inclinazione (il buon SACD potrà poi enunciare gi ulteriori benefici apportati dalla sostituzione delle punte originali con le YBA…) ho trovato la collocazione più idonea. Vado quindi ad esplicare la personale e soggettiva verità dell'oggetto.
    Ho la consapevolezza (indotta dall’esperienza di molteplici ascolti, di moltissimi diffusori, conosciuti e non..) di trovarmi di fronte a qualcosa di davvero eccezionale ed inaspettato .Un piccolo miracolo che prende forma, un suono che prende vita .Per iniziare….. La quasi perfetta correttezza timbrica e l'assoluta assenza di una delle gamme seppur predominante sulle altre, è drammaticamente disarmante ed è la vera nota innovativa di questo diffusore. Anche ad un ascolto volutamente e ricercatamente iper critico.L'impatto è impressionante. Pulizia di suono, ed una vivacità che fa pensare al classico oggetto che ad ascolti prolungati (finita la sensazionalità) fa emergere le magagne. Un po come tutti gli oggetti dal grande impatto emotivo. Ma non è così… Tutt’altro anzi.
    Trasparenza,dettaglio, analiticità sono caratteristiche già notevoli, non ricordo di aver già ascoltato così tanta correttezza e così tutta insieme in altri oggetti di questo e di ben più alto livello. Nell’istante che queste due peculiarità si fondono in modo pressochè totale con dolcezza,armonia,ed impeto, viene da chiedersi come abbia fatto il progettista a far convivere così perfettamente questi parametri, che solitamente, sono presenti gli uni, dove iniziano e/o terminano le carenze dell'altro. Qui tutto convive e si sposa alla perfezione. Una fusione che corrisponde ad una novità assoluta al di fuori dei soliti noiosi obsoleti, arretrati,arcaici,deteriorati, soliti nomi noti…..
    Per la sua rara e a me sconosciuta impietosità,il soundstage è unico. Non si parla solamente di trasparenza,velocità, e/o assenza di colorazione. C'è la totale completa mancanza dell'affaticamento di ascolto,della percettibilità in qualunque momento e con qualsiasi genere musicale, di scale dinamiche, di coerenza. Un grandissimo adattamento all'ambiente, da non sottovalutare affatto per chi ha confidenza con le problematiche di questo tipo… Trattato o non, piccolo o grande che sia, è il diffusore per tutte le sale di ascolto e/o per ogni tipologia di adattamento. La gamma bassa : penso realmente e senza avere dubbi, sia la punta di diamante di questo diffusore. Personalmente è stato esattamente questo il parametro che mi ha fatto pensare che questo diffusore, a dispetto di Avalon, Proac,Egglestone ,JmLab ,Ascendo....che ho posseduto, sia quello che fin’ora ho preferito. Figuriamoci il resto degli italici marchi.
    Basso magnificamente, egregiamente, perfettamente frenato e controllato e che mantiene una sostanza ed un impatto che i diffusori elettrostatici non si sognano neppure. Non è tanto la profondità del basso che semina sconcerto, quanto la qualità, è quella che ti inchioda sulla poltrona all’ascolto. E’ la stupefacente articolazione, la mancanza totale di distorsioni di code, di scollamento, di slabbramento, senza il “solito” alone che circonda la criticità della gamma bassa nel 99% dei diffusori sottoposti ad una attenta e critica analisi valutativa. La pulizia pressoché imprevedibile, che fa di questo diffusore il miglior prodotto italiano che io abbia mai sentito, insieme alle Eventus Audio. Non il paragone, ma anche l’accostamento più paventato con altri marchi italiani risulta essere un insulto ai padiglioni auricolari dell’audiofilo più esigente per un diffusore che non gradisce neanche l’accostamento con le Avalon Ascendant e a dire di chi ha fatto la comparazione, nemmeno con le Eidolon. Ma se vi accontentate dell’ovvietà c’è un ampio panorama insipido,stinto,inespressivo,pallido nel quale rovistare. Lasciando invece da parte la spettacolarizzazione della pubblicità , le rutilanti acrobazie recensorie/incensatorie, lo snobbismo dei guru (o pseudo tali) lo scetticismo figlio dell’ immobilità sensoriale, e soprattutto l’ impossibilità di tramutare in affarismo il concetto Audiosonica Stonefly, questo diffusore vale l’ascolto e dopo una attenta introietta riflessione. Con eguale fermezza e compostezza, la gamma alta, non risulta mai eccessiva, oltremodo brillante, seppur riprodotta con code sonore di tutto rispetto, precisione e lunghezza. Coadiuvato in questo riproponimento da una eccelsa gamma media. Forse una delle rarissime volte in cui un diffusore risulta analitico e compilativo con le grandi orchestre, nello stesso modo in cui è dettagliato e nitido con le voci. Ogni sfumatura viene espressa a dovere con un realismo che non si immaginerebbe mai poter fuoriuscire da un diffusore di dimensioni sicuramente non imponenti, come invece il SUONO che ne fluisce.
    Un basso estremamente composto,rotondo, mai invadente , una sensibilità tonale di una naturalezza più unica che rara, di cui ti accorgi solo, quando cambi diffusore. Il colore ed il calore delle grandi orchestre rimandano ad una veridicità della versione “riproduzione dal vivo”.L’emozionalità ,seppur soggettiva, che si protrae con il prolungarsi dell’ ascolto. La dolcezza e al tempo stesso la compostezza della gamma bassa soprattutto, facilita ed incoraggia di molto gli ascolti anche a volumi sostenuti.
    L’ottimale amalgama di accuratezza,ariosità (provate a quantificarla se ne siete capaci) e trasparenza come se il suono,fosse un fluido di acqua. La velocità: Incredibile. Un vero primato a mio parere (il mio cdp incide comunque nell’accentuazione di questo parametro comunque.) .La ricchezza e la vastità di dettagli insieme alla naturalezza con cui vengono riprodotte,è un altro punto a favore delle Stonefly.La capacità di giungere ad alti volumi senza minimamente far alterare la scena, o spostare gli strumenti su piani non consoni. Un diffusore completo, in grado di emozionare con qualsiasi genere musicale . Rock, dove velocità e dettaglio la fanno da padroni. E si fanno apprezzare per quella sottile voglia di continuare ad alzare il volume, finchè la perfettibilità di questo diffusore lo consente. Il Metal, dove la pressione sonora dovrebbe far perdere la capacità di svisceramento dei singoli strumenti e delle folli velocità....anche li è impressionante come tutto resta esattamente al suo posto. Limpido, terso. Acustica, dove l'incanto dell'ascolto nasce dalla eccelsa precisione timbrica e la disarmante naturalezza con la quale viene restituita,riprodotta. Lirica, sinfonica,ed orchestrale, dove la graniticità e l’immobilità della scena resta pressoché intatta, inalterata,vera. Dove i strumentisti vengono posti su un piano perfettamente in linea con il punto d'ascolto, e dove ogni singolo strumento mantiene una sua indipendenza,una sua ragione di essere e di suonare singolarmente per il nostro udito. Facendo volgere la testa ora a destra ora a sinistra come per seguire visivamente lo strumento che in quell’istante rimanda nell’aria le note. La impalpabile vena di compattezza e ariosità tale da non creare discrepanze anche laddove le orchestre diventano imponenti e poderose. I cori di chiesa, dove la soavità e l’angelicità delle voci femminili, talvolta accompagnate dal solo suono dell’ organo, sembrano essere così reali e vive da donare una capacità emozionale come se l'ambiente fosse ricostruito davanti all'ascoltatore, e le note materializzarsi. Come se la difficoltà o la criticità di questo diffusore, risultassero essere parole "sconosciute" per le Stonefly, in ogni condizione, con ogni tipo di musica. Ora… personalmente ho avuto il piacere di ascoltare parecchi diffusori italiani. Alcuni più attentamente, altri non… in condizioni favorevoli come il contrario. In sinergie a volte sconosciute, altre più familiari, ma al di la di tutto ciò, posso dire che baipassando il paragone con marchi del tipo Sonus Faber,Zingali,Golden Voice,Chario, in quanto l’impietosità del raffronto non sarebbe nemmeno ipotizzabile.E non citando volutamente M Acoustic, in quanto ogni volta che ho avuto il piacere di ascoltare questo diffusore, ho provato in me considerazioni contrastanti. E volendo invece salire fino all’ olimpo in una ipotetica scala qualitativa (che resta pur sempre una mia personale considerazione) ed andando a quello che personalmente ritengo (o ritenevo?) il miglior diffusore italiano, (Eventus Audio), non è una sventatezza dire che Audiosonica si pone forse un gradino sotto questo splendido riferimento. Sogno di poter ascoltare una Nebula (eventus audio) ed una Dragonfly (audiosonica), per poter stabilire quale tra queste due ditte, merita a mio avviso il palmares di miglior diffusore italiano.
    In definitiva, credo che Audiosonica ed Eventus Audio siano le sole italiane realtà, che potrebbero farmi davvero provare ancora sensazioni profonde. Senza porre come vincolante il fattore prezzo. Parlo SOLO di un aspetto qualitativo. La stessa qualità che apertamente è chiaramente percepibile rispetto ai tantissimi progetti che vengono qua e la fantasticati come frutto di studi eccelsi, ma che si sciolgono come neve al sole al momento della prova sul campo. Di tutti questi progetti, si percepisce sempre e molto facilmente (se si ha la capacità di critica, che invece vedo beatamente latitare, al cospetto di ben altri concetti di interesse…) la parzialità della progettazione sonora. Dove per precise scelte progettuali o a volte per limiti ingegneristici, si privilegia a volte la dinamica, altre la brillantezza, altre volte l’ambienza, ecc.ecc. Qui si è di fronte alla imparzialità allo stato puro. C’è solo la totalità della riproduzione all’apice della sua veridicità. Come potete ben capire però, per apprezzare un oggetto semi sconosciuto, bisogna avere ben poche ristrettezze mentali, essere scevri da freni ostativi del tipo interessi commerciali e simili, ed avere una grossa capacità di analisi. Laddove finisce l’interesse, il marketing,la pubblicità, ed inizia l’amore per la musica allo stato puro, emerge Audiosonica. Proprio la scorsa settimana, conoscendo il Sig.Blanda ad una inaugurazione di un negozio, dove la prima donna era proprio Audio Analogue, lo stesso mi chiedeva che impianto avevo. Alla citazione “Audiosonica”, il Sig.Blanda mi fermava con la gestualità della mano affermando, “Uno dei migliori diffusori in assoluto….” E se a dirlo è un personaggio di tale caratura, scevro da interessi e vendite, un motivo dovrà pur esserci. Beata limpidezza d’animo….
    Per chi avesse orecchie per sentire, emozioni da destare, musica da palpare…. Buon ascolto.

    Sulla Brochure della ditta Audiosonica, in fondo, si legge:
    "La musica, presenza sonora, è tutta nell'attualità superficiale dell'ascolto, altrimenti detto,nella fenomenalità della sua apparenza sensibile. In questo senso non c'è niente da cercare dietro la facciata, nessuna conclusione da trarre, nessuna conseguenza da dedurre: L'incanto ha il suo fine, il suo senso e la sua ragion d'essere in se stesso. La musica da questo punto di vista è esattamente ciò che mostra di essere, senza intenzioni segrete ne pensieri reconditi. E come potrebbe avere pensieri reconditi, dal momento che essa non è neppure un pensiero...? "

    Vladimir Jankelevitch .






    aircooled
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 32292
    Data d'iscrizione : 2008-12-20
    Località : AIRTECHLANDIA

    Re: AUDIOSONICA STONEFLY

    Post  aircooled on Fri Dec 26, 2008 2:56 pm

    pavel, se continui cosi ho paura che ti perderemo........e non per bannatura, ma per richiesta di esclusiva da parte di Audioreview
    mica lo hanno loro un recensore cosi


    _________________

     
    il meglio va solo con il meglio e non è un caso

    la calunnia disdegna i mediocri e si afferra ai grandi
     

    non discutere mai con un idiota, ti trascina al suo livello e poi ti batte con l'esperienza - ricorda chi sa fa chi non sa insegna
     
    Showroom AIRTECH via XX Settembre 12 San Giuliano Terme PI cell 3393521936 fisso 050818821 dalle 16.00 alle 19.00 dal martedi al sabato
    mail bertini63@virgilio.it

    Dragon
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8562
    Data d'iscrizione : 2008-12-23
    Età : 51
    Località : Pisa (Motociclista)

    Re: AUDIOSONICA STONEFLY

    Post  Dragon on Thu Sep 15, 2011 9:44 am

    Azz... ... Pavel, non avevo mai letto questa tua recensione...Complimenti!!!...

    Ospite
    Guest

    Re: AUDIOSONICA STONEFLY

    Post  Ospite on Thu Sep 15, 2011 10:06 am

    Dragon wrote:Azz... ... Pavel, non avevo mai letto questa tua recensione...Complimenti!!!...

    scusate, ma sembra che non l'ha scritta lui... la firma in basso...

    Ospite
    Guest

    Re: AUDIOSONICA STONEFLY

    Post  Ospite on Thu Sep 15, 2011 10:10 am

    E mica posso scrivere che quella frase è mia....

    " La musica, presenza sonora, è tutta nell'attualità superficiale dell'ascolto, altrimenti detto,nella fenomenalità della sua apparenza sensibile. In questo senso non c'è niente da cercare dietro la facciata, nessuna conclusione da trarre, nessuna conseguenza da dedurre: L'incanto ha il suo fine, il suo senso e la sua ragion d'essere in se stesso. La musica da questo punto di vista è esattamente ciò che mostra di essere, senza intenzioni segrete ne pensieri reconditi. E come potrebbe avere pensieri reconditi, dal momento che essa non è neppure un pensiero...? "

    Vladimir Jankelevitch .


    Ospite
    Guest

    Re: AUDIOSONICA STONEFLY

    Post  Ospite on Thu Sep 15, 2011 10:16 am

    pavel wrote:E mica posso scrivere che quella frase è mia....

    " La musica, presenza sonora, è tutta nell'attualità superficiale dell'ascolto, altrimenti detto,nella fenomenalità della sua apparenza sensibile. In questo senso non c'è niente da cercare dietro la facciata, nessuna conclusione da trarre, nessuna conseguenza da dedurre: L'incanto ha il suo fine, il suo senso e la sua ragion d'essere in se stesso. La musica da questo punto di vista è esattamente ciò che mostra di essere, senza intenzioni segrete ne pensieri reconditi. E come potrebbe avere pensieri reconditi, dal momento che essa non è neppure un pensiero...? "

    Vladimir Jankelevitch .


    messa così sembrava tutta di Luxuria! affraid

    Giordy60
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8671
    Data d'iscrizione : 2011-02-13
    Età : 56
    Località : prov.Cremona

    Re: AUDIOSONICA STONEFLY

    Post  Giordy60 on Thu Sep 15, 2011 10:37 am

    minkia che recensione santa santa
    bravo pavel applausi applausi

    carloc
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 11990
    Data d'iscrizione : 2011-07-27
    Località : Busto Arsizio - Sabaudia (Scooterista)

    Re: AUDIOSONICA STONEFLY

    Post  carloc on Thu Sep 15, 2011 10:48 am

    Grazie Pavel,

    ma alla fine quanto vengono?

    Almeno di listino....;)


    _________________
    Rem tene verba sequentur

    Ospite
    Guest

    Re: AUDIOSONICA STONEFLY

    Post  Ospite on Thu Sep 15, 2011 11:37 am

    Di listino 6.100.......di listino. sunny
    Le avevo dopo aver avuto : Ascendo, Egglestone W. Proac, JM Lab, Avalon, ....in ordine sparso. Poi ho venduto anche le Stonefly.

    Ospite
    Guest

    Re: AUDIOSONICA STONEFLY

    Post  Ospite on Thu Sep 15, 2011 11:38 am

    scrondo wrote:
    pavel wrote:E mica posso scrivere che quella frase è mia....

    " La musica, presenza sonora, è tutta nell'attualità superficiale dell'ascolto, altrimenti detto,nella fenomenalità della sua apparenza sensibile. In questo senso non c'è niente da cercare dietro la facciata, nessuna conclusione da trarre, nessuna conseguenza da dedurre: L'incanto ha il suo fine, il suo senso e la sua ragion d'essere in se stesso. La musica da questo punto di vista è esattamente ciò che mostra di essere, senza intenzioni segrete ne pensieri reconditi. E come potrebbe avere pensieri reconditi, dal momento che essa non è neppure un pensiero...? "

    Vladimir Jankelevitch .


    messa così sembrava tutta di Luxuria! affraid

    E chi ti dice che io non sia Luxuria??

    Ospite
    Guest

    Re: AUDIOSONICA STONEFLY

    Post  Ospite on Thu Sep 15, 2011 1:38 pm

    pavel wrote:
    scrondo wrote:
    pavel wrote:E mica posso scrivere che quella frase è mia....

    " La musica, presenza sonora, è tutta nell'attualità superficiale dell'ascolto, altrimenti detto,nella fenomenalità della sua apparenza sensibile. In questo senso non c'è niente da cercare dietro la facciata, nessuna conclusione da trarre, nessuna conseguenza da dedurre: L'incanto ha il suo fine, il suo senso e la sua ragion d'essere in se stesso. La musica da questo punto di vista è esattamente ciò che mostra di essere, senza intenzioni segrete ne pensieri reconditi. E come potrebbe avere pensieri reconditi, dal momento che essa non è neppure un pensiero...? "

    Vladimir Jankelevitch .


    messa così sembrava tutta di Luxuria! affraid

    E chi ti dice che io non sia Luxuria??

    quindi se accetti di invitarmi a casa per la prova delle spine schuko.... me devo procurà le mutande de ferro????
    affraid affraid affraid affraid

    Ospite
    Guest

    Re: AUDIOSONICA STONEFLY

    Post  Ospite on Thu Sep 15, 2011 3:48 pm

    ...scherzi a parte...
    Due anni fa ho venduto i diffusori in questione.
    Lo scorso ottobre ho venduto il mio ampli. Da li una lunga ricerca fatta di innnumerevoli sedute di ascolto un po ovunque in Italia alla ricerca di una amplificazione definitiva. Dopo molti anni passati in HiFi, ho deciso di acquistare qualcosa di importante e se non definitivo, diciamo...quasi.
    Sono ripartito dal mio CDP Rise e man mano ho cominciato a eliminare oggetti che sentivo e stringere il cerchio.
    Quindi a tutt'oggi non ho il mio sistema.

    matley
    IL "pulcioso"
    IL

    Numero di messaggi : 17268
    Data d'iscrizione : 2008-12-21
    Età : 56
    Località : Colle Val D'Elsa

    Re: AUDIOSONICA STONEFLY

    Post  matley on Fri Sep 16, 2011 12:45 am

    pavel wrote:Di listino 6.100.......di listino. sunny
    Le avevo dopo aver avuto : Ascendo, Egglestone W. Proac, JM Lab, Avalon, ....in ordine sparso. Poi ho venduto anche le Stonefly.


    cazzo...e sei arrivato finalmente alle B&W...
    lo puoi dire...


    _________________
     
     
    Non seguire una strada...."CREALA!



    "ma se i Cavi non ce-l'hai 'ndo vai..." ?



    Spoiler:
    https://i68.servimg.com/u/f68/13/38/17/01/pre_cj11.jpg

    matley
    IL "pulcioso"
    IL

    Numero di messaggi : 17268
    Data d'iscrizione : 2008-12-21
    Età : 56
    Località : Colle Val D'Elsa

    Re: AUDIOSONICA STONEFLY

    Post  matley on Fri Sep 16, 2011 12:58 am

    pavel wrote:...scherzi a parte...
    Due anni fa ho venduto i diffusori in questione.
    Lo scorso ottobre ho venduto il mio ampli. Da li una lunga ricerca fatta di innnumerevoli sedute di ascolto un po ovunque in Italia alla ricerca di una amplificazione definitiva. Dopo molti anni passati in HiFi, ho deciso di acquistare qualcosa di importante e se non definitivo, diciamo...quasi.
    Sono ripartito dal mio CDP Rise e man mano ho cominciato a eliminare oggetti che sentivo e stringere il cerchio.
    Quindi a tutt'oggi non ho il mio sistema.



    rise...
    Su...solo per TE..ti faccio l'impianto...
    eppoi non mi dire che non ti piace..

    Metronome Technologie(CD)
    pre----> cadenza VIOLA
    Ampli---> Symphony VIOLA
    diffusori ----> Gamut (il modello a secondo della stanza)
    cavi----> AirTech

    Il tavolino lo tieni già...
    buoni ascolti..


    _________________
     
     
    Non seguire una strada...."CREALA!



    "ma se i Cavi non ce-l'hai 'ndo vai..." ?



    Spoiler:
    https://i68.servimg.com/u/f68/13/38/17/01/pre_cj11.jpg

    Ospite
    Guest

    Re: AUDIOSONICA STONEFLY

    Post  Ospite on Fri Sep 16, 2011 6:50 am

    Qualcosa di quello che hai pensato dell'impianto,mi piace. Qualcosa di quello che hai pensato dell'impianto mi piace moltissimo. Qualcosa che hai pensato dell'impianto non lo conosco....
    Però ho deciso di costruire tutto il mio nuovo impianto intorno al Rise. E' ancora qualche anno luce davante a tutti. C'è solo il Kalista a giocarsela....

    Poi ho in serbo qualche ascolto nuovo e devo comunque dire che sto aspettando due/tre novità....


    Ospite
    Guest

    Re: AUDIOSONICA STONEFLY

    Post  Ospite on Fri Sep 16, 2011 8:08 am

    pavel wrote:...scherzi a parte...
    Due anni fa ho venduto i diffusori in questione.
    Lo scorso ottobre ho venduto il mio ampli. Da li una lunga ricerca fatta di innnumerevoli sedute di ascolto un po ovunque in Italia alla ricerca di una amplificazione definitiva. Dopo molti anni passati in HiFi, ho deciso di acquistare qualcosa di importante e se non definitivo, diciamo...quasi.
    Sono ripartito dal mio CDP Rise e man mano ho cominciato a eliminare oggetti che sentivo e stringere il cerchio.
    Quindi a tutt'oggi non ho il mio sistema.

    ma allora che ci fai con le yarbo.... ci ricabli il frullatore? affraid affraid affraid affraid

    Cricetone
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 6589
    Data d'iscrizione : 2008-12-22
    Località : catanzaro

    Re: AUDIOSONICA STONEFLY

    Post  Cricetone on Fri Sep 16, 2011 11:23 am

    pavel wrote:Qualcosa di quello che hai pensato dell'impianto,mi piace. Qualcosa di quello che hai pensato dell'impianto mi piace moltissimo. Qualcosa che hai pensato dell'impianto non lo conosco....
    Però ho deciso di costruire tutto il mio nuovo impianto intorno al Rise. E' ancora qualche anno luce davante a tutti. C'è solo il Kalista a giocarsela....

    Poi ho in serbo qualche ascolto nuovo e devo comunque dire che sto aspettando due/tre novità....

    ciao pavel!!!!da quando sei tornato? cheers

    perchè hai venduto tutto l'impianto tranne la pentola a pressione?

    Ospite
    Guest

    Re: AUDIOSONICA STONEFLY

    Post  Ospite on Fri Sep 16, 2011 12:23 pm

    scrondo wrote:
    pavel wrote:...scherzi a parte...
    Due anni fa ho venduto i diffusori in questione.
    Lo scorso ottobre ho venduto il mio ampli. Da li una lunga ricerca fatta di innnumerevoli sedute di ascolto un po ovunque in Italia alla ricerca di una amplificazione definitiva. Dopo molti anni passati in HiFi, ho deciso di acquistare qualcosa di importante e se non definitivo, diciamo...quasi.
    Sono ripartito dal mio CDP Rise e man mano ho cominciato a eliminare oggetti che sentivo e stringere il cerchio.
    Quindi a tutt'oggi non ho il mio sistema.

    ma allora che ci fai con le yarbo.... ci ricabli il frullatore? affraid affraid affraid affraid

    sul cavo del frullatore c'ho messo le RCA Xhadow.... sunny sunny
    Co le Yarbo ci faccio un po di prove su un altro impiantino......

    Ospite
    Guest

    Re: AUDIOSONICA STONEFLY

    Post  Ospite on Fri Sep 16, 2011 12:28 pm

    Salv.Scarfone wrote:
    pavel wrote:Qualcosa di quello che hai pensato dell'impianto,mi piace. Qualcosa di quello che hai pensato dell'impianto mi piace moltissimo. Qualcosa che hai pensato dell'impianto non lo conosco....
    Però ho deciso di costruire tutto il mio nuovo impianto intorno al Rise. E' ancora qualche anno luce davante a tutti. C'è solo il Kalista a giocarsela....

    Poi ho in serbo qualche ascolto nuovo e devo comunque dire che sto aspettando due/tre novità....

    ciao pavel!!!!da quando sei tornato? cheers

    perchè hai venduto tutto l'impianto tranne la pentola a pressione?

    Ciao Salvatò.......Bhè ho venduto tutto perchè sono entrato nell'ottica di farmi un impianto definitivo..o quasi.
    Tanto ho capito dopo tanti anni che (almeno per come vivo io questo Hobby...) quando hai trovato delle amplificazioni o dei diffusori che ti piacciono e che rispecchiano il personale modo di ascoltare, è inutile acquistare qualcosa che magari costa meno e si avvicina a quello che cerchi. Tanto vale fare la spesa e mettersi in casa quallo che da anni sogni. In questa ottica nell'ultimo anno ho ascoltato tutto quello che mi è capitato e tutto quello che mi sono voluto togliere lo sfizio di ascoltare. Ho girato l'Italia in lungo e largo e mi sono fatto arrivare a casa delle cose. Di qui è iniziata la scrematura (prezzi a prescindere). Fortunatamente posso permettermi di acquistare anche cose costose, per cui, mi sono messo ad ascoltare oggetti anche dal prezzo notevole. Ed ho in parte fatto delle scelte.
    Spero di aver risposto esaudientemente alla tua domanda...

    matley
    IL "pulcioso"
    IL

    Numero di messaggi : 17268
    Data d'iscrizione : 2008-12-21
    Età : 56
    Località : Colle Val D'Elsa

    Re: AUDIOSONICA STONEFLY

    Post  matley on Sun Sep 18, 2011 1:00 am

    pavel wrote:

    sul cavo del frullatore c'ho messo le RCA Xhadow.... sunny sunny


    ...


    _________________
     
     
    Non seguire una strada...."CREALA!



    "ma se i Cavi non ce-l'hai 'ndo vai..." ?



    Spoiler:
    https://i68.servimg.com/u/f68/13/38/17/01/pre_cj11.jpg

      Current date/time is Mon Dec 05, 2016 5:30 am