Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
Harbert Monitor 40.1: richiesta informazioni
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    Harbert Monitor 40.1: richiesta informazioni

    Share

    Poll

    Globalmente come giudicate questo prodotto (resa sonora, costruzione, affidabilità del costruttore, servizio post vendita offerto dall'importatore)?

    [ 2 ]
    67% [67%] 
    [ 0 ]
    0% [0%] 
    [ 1 ]
    33% [33%] 
    [ 0 ]
    0% [0%] 
    [ 0 ]
    0% [0%] 
    [ 0 ]
    0% [0%] 
    [ 0 ]
    0% [0%] 

    Total Votes: 3

    ciofecca gialloblù
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 49
    Data d'iscrizione : 2011-03-21
    Età : 44
    Località : Verona

    Harbert Monitor 40.1: richiesta informazioni

    Post  ciofecca gialloblù on Mon Mar 21, 2011 10:36 pm

    Sono incuriosito da questi diffusori, un anno e mezzo fa avevo ascoltato le "sorelline minori" Monitor 30 pilotate da un sistema exposure, la resa sonora mi aveva colpito particolarmente, per l'estrema neutralità del suono espresso, privo di enfasi evidenti, un suono "non ruffiano", ma molto rivelatore, almeno così mi è parso.
    Qualcuno possiede o ha avuto la possibilità di ascoltare le Monitor 40.1? Stereophile tempo fa ne aveva fatto una recensione molto lusinghiera, ma tant'è....le riviste specializzate rappresentano un mondo a parte, c'è chi ci crede e chi un po' meno...
    Personalmente apprezzo il tipo di emssione ti un sistema valvolare (è una definizione troppo generica, lo so, chiedo venia, ma è da anni che mi sono allontanato dall'alta fedeltà, mi sto riavvicinando ora), credo di aver sentito che queste casse richiedano un pilotaggio molto energico, secondo voi un Mcintosh Mc 2102 potrebbe essere adatto allo scopo? E una coppia di Quad II Eighty come li vedreste? Terza opzione :Audio Research Reference 110?
    Scusate se ho messo troppa carne al fuoco, ma sto cercando di chiarirmi un po' le idee in previsione di un futuro acquisto (ahimé non imminente).


    matley
    IL "pulcioso"
    IL

    Numero di messaggi : 17268
    Data d'iscrizione : 2008-12-21
    Età : 56
    Località : Colle Val D'Elsa

    Re: Harbert Monitor 40.1: richiesta informazioni

    Post  matley on Mon Mar 21, 2011 11:33 pm

    mi disp iace non poterti aiutare...
    mi sarebbe piaciuto anche me ascoltarle.....vediamo se qualcuno...


    _________________
     
     
    Non seguire una strada...."CREALA!



    "ma se i Cavi non ce-l'hai 'ndo vai..." ?



    Spoiler:
    https://i68.servimg.com/u/f68/13/38/17/01/pre_cj11.jpg

    Fausto
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 5904
    Data d'iscrizione : 2010-10-09
    Età : 51
    Località : LAND OF HOPE AND DREAMS

    Re: Harbert Monitor 40.1: richiesta informazioni

    Post  Fausto on Tue Mar 22, 2011 8:51 am

    ciofecca gialloblù wrote:Sono incuriosito da questi diffusori, un anno e mezzo fa avevo ascoltato le "sorelline minori" Monitor 30 pilotate da un sistema exposure, la resa sonora mi aveva colpito particolarmente, per l'estrema neutralità del suono espresso, privo di enfasi evidenti, un suono "non ruffiano", ma molto rivelatore, almeno così mi è parso.
    Qualcuno possiede o ha avuto la possibilità di ascoltare le Monitor 40.1? Stereophile tempo fa ne aveva fatto una recensione molto lusinghiera, ma tant'è....le riviste specializzate rappresentano un mondo a parte, c'è chi ci crede e chi un po' meno...
    Personalmente apprezzo il tipo di emssione ti un sistema valvolare (è una definizione troppo generica, lo so, chiedo venia, ma è da anni che mi sono allontanato dall'alta fedeltà, mi sto riavvicinando ora), credo di aver sentito che queste casse richiedano un pilotaggio molto energico, secondo voi un Mcintosh Mc 2102 potrebbe essere adatto allo scopo? E una coppia di Quad II Eighty come li vedreste? Terza opzione :Audio Research Reference 110?
    Scusate se ho messo troppa carne al fuoco, ma sto cercando di chiarirmi un po' le idee in previsione di un futuro acquisto (ahimé non imminente).


    Conosco in generale il marchio per avere più volte ascoltato diffusori da loro prodotti.
    Ti direi delle bugie se entrassi nel merito e nello specifico come da tua richiesta.
    Questo perchè ho avuto la possibilità di ascoltare diversi modelli in diverse configurazioni.
    Le mie impressioni sono sempre state ottime e, come dici tu, di "suono non ruffiano".
    Penso che questo ti possa aiutare.
    Per il "pilotaggio" cedo la parola ai più esperti di me.
    Credo di averti fatto cosa gradita.
    sunny

    ciofecca gialloblù
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 49
    Data d'iscrizione : 2011-03-21
    Età : 44
    Località : Verona

    Re: Harbert Monitor 40.1: richiesta informazioni

    Post  ciofecca gialloblù on Tue Mar 22, 2011 9:53 am

    Fausto wrote:
    ciofecca gialloblù wrote:Sono incuriosito da questi diffusori, un anno e mezzo fa avevo ascoltato le "sorelline minori" Monitor 30 pilotate da un sistema exposure, la resa sonora mi aveva colpito particolarmente, per l'estrema neutralità del suono espresso, privo di enfasi evidenti, un suono "non ruffiano", ma molto rivelatore, almeno così mi è parso.
    Qualcuno possiede o ha avuto la possibilità di ascoltare le Monitor 40.1? Stereophile tempo fa ne aveva fatto una recensione molto lusinghiera, ma tant'è....le riviste specializzate rappresentano un mondo a parte, c'è chi ci crede e chi un po' meno...
    Personalmente apprezzo il tipo di emssione ti un sistema valvolare (è una definizione troppo generica, lo so, chiedo venia, ma è da anni che mi sono allontanato dall'alta fedeltà, mi sto riavvicinando ora), credo di aver sentito che queste casse richiedano un pilotaggio molto energico, secondo voi un Mcintosh Mc 2102 potrebbe essere adatto allo scopo? E una coppia di Quad II Eighty come li vedreste? Terza opzione :Audio Research Reference 110?
    Scusate se ho messo troppa carne al fuoco, ma sto cercando di chiarirmi un po' le idee in previsione di un futuro acquisto (ahimé non imminente).


    Conosco in generale il marchio per avere più volte ascoltato diffusori da loro prodotti.
    Ti direi delle bugie se entrassi nel merito e nello specifico come da tua richiesta.
    Questo perchè ho avuto la possibilità di ascoltare diversi modelli in diverse configurazioni.
    Le mie impressioni sono sempre state ottime e, come dici tu, di "suono non ruffiano".
    Penso che questo ti possa aiutare.
    Per il "pilotaggio" cedo la parola ai più esperti di me.
    Credo di averti fatto cosa gradita.
    sunny

    Certo Fausto che ho gradito il tuo intervento , attualmente ho le idee un po' confuse e devo armarmi di santa pazienza per farmi una panoramica su quanto attualmente offra il mercato, considera che il mio impianto (non funzionante ) ha 25 anni. Non ho fretta di acquistare i componenti, le cifre in palio sono elevate, ora devo cercare di chiarirmi un po' le idee, per questo sono qui confidando nel tuo aiuto ed in quello degli altri utenti.
    Come dicevo ho potuto ascolare solo le Monitor 30, ma vorrei riuscire ad ascoltare anche delle Vandersteen, che da quanto sapevo pare siano dei diffusori molto neutrali e progettati appositamente per essere abbinati ad amplificatori a valvole.
    Grazie ancora, ciao.

    phaeton
    Moderatore suonologo
    Moderatore suonologo

    Numero di messaggi : 5695
    Data d'iscrizione : 2010-08-27

    Re: Harbert Monitor 40.1: richiesta informazioni

    Post  phaeton on Tue Mar 22, 2011 10:23 am

    ho ascoltato a lungo in un setup molto ben conosciuto (ma non il mio quindi prendi quanto segue con i dovuti distinguo) le monitor 40. un suono decisamente affascinante, anche se rispetto ai miei gusti (e ripeto: rispetto ai MIEI gusti) un filo colorato sul basso e medio basso. per il resto, diffusori ottimi, dinamica, timbro, facilita' d'ascolto, tutto ad ottimi livelli. le uniche "pecche" forse si possono trovare in un soundstage un minimo "sparato" in avanti e in una trasaprenza non esasperata (notare le virgolette... "pecche" nel senso che non si raggiunge l'ottimo ma "solo" il "molto buono"....)

    sicuramente diffusori da ascoltare, possibilimente sopra due stand molto rigidi e non troppo alti.
    NB ho ascoltato la prima versione delle 40, non so se le verisoni successive siano simili.....



    _________________
    Knowledge is based on Experience, Everything else is just Information

    Fausto
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 5904
    Data d'iscrizione : 2010-10-09
    Età : 51
    Località : LAND OF HOPE AND DREAMS

    Re: Harbert Monitor 40.1: richiesta informazioni

    Post  Fausto on Tue Mar 22, 2011 12:06 pm

    In effetti la "facilità d'ascolto" è un parametro per me molto significativo.
    Una notevole "facilità d'ascolto" l'ho riscontrata in questi prodotti oltre, ovviamente, la "naturalezza".
    sunny

    ema49
    Musicofilo

    Numero di messaggi : 6951
    Data d'iscrizione : 2010-03-12
    Età : 67

    Re: Harbert Monitor 40.1: richiesta informazioni

    Post  ema49 on Tue Mar 22, 2011 1:50 pm

    Eccellenti diffusori che ho avuto modo di ascoltare più volte non nel mio ambiente. Suono del tutto naturale, senza esasperazione del dettaglio che comunque è ampiamente presente. Bellissima l'immagine, proiettata sì in avanti ma eccellentemente sviluppata dietro i diffusori e lateralmente, con completa scomparsa degli stessi. Il mediobasso ed il basso vanno controllati (ahimè) con un adeguato ss.
    Possono essere considerati come Monitor 30 (diffusori che ho posseduto) con una ottava in più in basso. Impareggiabili (per me) con la classica ed in genere con musica non amplificata.

    P.S. Per la cronaca le ho ascoltate pilotate da amplificazioni Audio Analogue (quelle grandi e grosse ) di cui non ricordo il nome..


    _________________


    "Chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola." Paolo Borsellino (19/1/40-19/7/92).

    ciofecca gialloblù
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 49
    Data d'iscrizione : 2011-03-21
    Età : 44
    Località : Verona

    Re: Harbert Monitor 40.1: richiesta informazioni

    Post  ciofecca gialloblù on Tue Mar 22, 2011 2:14 pm

    ema49 wrote:Eccellenti diffusori che ho avuto modo di ascoltare più volte non nel mio ambiente. Suono del tutto naturale, senza esasperazione del dettaglio che comunque è ampiamente presente. Bellissima l'immagine, proiettata sì in avanti ma eccellentemente sviluppata dietro i diffusori e lateralmente, con completa scomparsa degli stessi. Il mediobasso ed il basso vanno controllati (ahimè) con un adeguato ss.
    Possono essere considerati come Monitor 30 (diffusori che ho posseduto) con una ottava in più in basso. Impareggiabili (per me) con la classica ed in genere con musica non amplificata.

    P.S. Per la cronaca le ho ascoltate pilotate da amplificazioni Audio Analogue (quelle grandi e grosse ) di cui non ricordo il nome..

    Grazie Ema49 ,
    le Monitor 30 le ho ascoltate pure io, non a casa mia però, pilotate da elettroniche Exposure, il risultato è stato notevole (cd di fiferimento Ute Lemper "Illusions").
    Buona giornata e grazie ancora per la risposta

    Testini Ugo
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 2592
    Data d'iscrizione : 2011-03-17
    Età : 37
    Località : Mestre-Venezia

    Re: Harbert Monitor 40.1: richiesta informazioni

    Post  Testini Ugo on Tue Mar 22, 2011 11:46 pm

    Herbert Monito 40.1 e Vandersteen, di cui ho visto chiedevi informazioni, sono due mondi molto diversi tra loro anche se apparentemente a livello sonico sono vicini. Io li conosco discretamente entrambi dato che qui a Venezia c'è anche un negozio distributore convinto dei prodotti Audio Natali il cuale commercializza Van. e quindi quest'ultimi li ho sentiti a lungo ed in diverse case dove sono stati venduti e con diverse amplificazioni e non ostante questo preferisco di molto Herbert le quali sono nettamente più semplici da collocare nell'ambiente, da aplificare e pur mantendo quel suono suadente tipico di entrambi i marchi, ha anche una capacità descrittiva nettamente maggiore e si adatta con molto più facilità alle diverse aplificazioni interpetandole e dando sempre il riscontro sonoro aspettato. Resta il fatto che secondo me il suo massimo lo danno NON con le valvole ma con stati solidi in pura classe A, tipo i 50 W di Sudgen, difatti amplificazioni nate prorpio con questi che ricordiamo sono stati agli albori monitor professionali crati su commissione dalla radio inglese. Ed i primi soci e proggettisti di questo marchio, poi separatisi hanno dato origine anche a marchi come Spendor ed ecc.. E proprio in quegli anni si andavano ad effermare le grandi calde amplificazioni a stato solido in pura classe A. E poi una buona regola scherzosa nell'Hi Fi e che se sono cose vendute in america da "Katli Audio" allora suonano decisamente meglio di altre e con un ottimo rapporto qualità prezzo! In fine un unica nota stà nello stand che deve essere fatto su misura perchè quello originale, sembra impossibile ma fà suonare molto male il diffusore, l'ideale è uno auto costruito con tubi scatolati da 5 cm riempiti di sabbia Atacama e poggianti sulle solite 4 punte smorzanti, il tutto a formare di un semplice parallelepipedo, ne trovi molte foto su internet.


    _________________
    Per primo credo al mio orecchio sugli accordi iniziali di:"You And Your Friend" da "On Every Street" 1991 Dire Straits e molto dopo ai grafici, alle publicità, ai mostri sacri dell'audio...Tutto Qui. Firmato il Guretto Deragliante. Ogni mio post, pensiero o parola è solo opera mia, in regime di SM (IMHO). Collaboratore Consound http://www.consound.it/

    ciofecca gialloblù
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 49
    Data d'iscrizione : 2011-03-21
    Età : 44
    Località : Verona

    Re: Harbert Monitor 40.1: richiesta informazioni

    Post  ciofecca gialloblù on Wed Mar 23, 2011 12:25 am

    Testini Ugo wrote:Herbert Monito 40.1 e Vandersteen, di cui ho visto chiedevi informazioni, sono due mondi molto diversi tra loro anche se apparentemente a livello sonico sono vicini. Io li conosco discretamente entrambi dato che qui a Venezia c'è anche un negozio distributore convinto dei prodotti Audio Natali il cuale commercializza Van. e quindi quest'ultimi li ho sentiti a lungo ed in diverse case dove sono stati venduti e con diverse amplificazioni e non ostante questo preferisco di molto Herbert le quali sono nettamente più semplici da collocare nell'ambiente, da aplificare e pur mantendo quel suono suadente tipico di entrambi i marchi, ha anche una capacità descrittiva nettamente maggiore e si adatta con molto più facilità alle diverse aplificazioni interpetandole e dando sempre il riscontro sonoro aspettato. Resta il fatto che secondo me il suo massimo lo danno NON con le valvole ma con stati solidi in pura classe A, tipo i 50 W di Sudgen, difatti amplificazioni nate prorpio con questi che ricordiamo sono stati agli albori monitor professionali crati su commissione dalla radio inglese. Ed i primi soci e proggettisti di questo marchio, poi separatisi hanno dato origine anche a marchi come Spendor ed ecc.. E proprio in quegli anni si andavano ad effermare le grandi calde amplificazioni a stato solido in pura classe A. E poi una buona regola scherzosa nell'Hi Fi e che se sono cose vendute in america da "Katli Audio" allora suonano decisamente meglio di altre e con un ottimo rapporto qualità prezzo! In fine un unica nota stà nello stand che deve essere fatto su misura perchè quello originale, sembra impossibile ma fà suonare molto male il diffusore, l'ideale è uno auto costruito con tubi scatolati da 5 cm riempiti di sabbia Atacama e poggianti sulle solite 4 punte smorzanti, il tutto a formare di un semplice parallelepipedo, ne trovi molte foto su internet.

    Prima di tutto ti ringrazio per la tua risposta estremamente competente ed esaustiva.
    Approfitto della tua gentilezza per chiederti quali diffusori, tra quelli che tu conosci, ricalcano l'impostazione timbrica delle Harbert, giusto per ampliare un po' la mia conoscenza in tal settore.
    Come avrai capito, amo i diffusori dalla timbrica molto corretta, senza enfasi di sorta in qualsivoglia porzione dello spettro, che non interpretino la musica, ma la trasmettano per quello che essa è, nel bene o nel male, dipende dalle registrazioni poi.
    Non amo i minidiffusori, in quanto sono un appassionato di organo, non aggiungo altro.
    Come vedi non è che chieda poi tanto.....
    Ciao e grazie ancora

    matley
    IL "pulcioso"
    IL

    Numero di messaggi : 17268
    Data d'iscrizione : 2008-12-21
    Età : 56
    Località : Colle Val D'Elsa

    Re: Harbert Monitor 40.1: richiesta informazioni

    Post  matley on Wed Mar 23, 2011 12:26 am

    ema49 wrote:
    P.S. Per la cronaca le ho ascoltate pilotate da amplificazioni Audio Analogue (quelle grandi e grosse ) di cui non ricordo il nome..

    ...


    _________________
     
     
    Non seguire una strada...."CREALA!



    "ma se i Cavi non ce-l'hai 'ndo vai..." ?



    Spoiler:
    https://i68.servimg.com/u/f68/13/38/17/01/pre_cj11.jpg

    ema49
    Musicofilo

    Numero di messaggi : 6951
    Data d'iscrizione : 2010-03-12
    Età : 67

    Re: Harbert Monitor 40.1: richiesta informazioni

    Post  ema49 on Wed Mar 23, 2011 12:59 am

    matley wrote:
    ema49 wrote:
    P.S. Per la cronaca le ho ascoltate pilotate da amplificazioni Audio Analogue (quelle grandi e grosse ) di cui non ricordo il nome..

    ...


    si le tue...Maestro si chiamano, vero? a Palermo le ascoltai, in via Catania..a due passi dall'albergo.. Embarassed


    _________________


    "Chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola." Paolo Borsellino (19/1/40-19/7/92).

    Testini Ugo
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 2592
    Data d'iscrizione : 2011-03-17
    Età : 37
    Località : Mestre-Venezia

    Re: Harbert Monitor 40.1: richiesta informazioni

    Post  Testini Ugo on Wed Mar 23, 2011 12:37 pm

    ciofecca gialloblù wrote:
    Testini Ugo wrote:Herbert Monito 40.1 e Vandersteen, di cui ho visto chiedevi informazioni, sono due mondi molto diversi tra loro anche se apparentemente a livello sonico sono vicini. Io li conosco discretamente entrambi dato che qui a Venezia c'è anche un negozio distributore convinto dei prodotti Audio Natali il cuale commercializza Van. e quindi quest'ultimi li ho sentiti a lungo ed in diverse case dove sono stati venduti e con diverse amplificazioni e non ostante questo preferisco di molto Herbert le quali sono nettamente più semplici da collocare nell'ambiente, da aplificare e pur mantendo quel suono suadente tipico di entrambi i marchi, ha anche una capacità descrittiva nettamente maggiore e si adatta con molto più facilità alle diverse aplificazioni interpetandole e dando sempre il riscontro sonoro aspettato. Resta il fatto che secondo me il suo massimo lo danno NON con le valvole ma con stati solidi in pura classe A, tipo i 50 W di Sudgen, difatti amplificazioni nate prorpio con questi che ricordiamo sono stati agli albori monitor professionali crati su commissione dalla radio inglese. Ed i primi soci e proggettisti di questo marchio, poi separatisi hanno dato origine anche a marchi come Spendor ed ecc.. E proprio in quegli anni si andavano ad effermare le grandi calde amplificazioni a stato solido in pura classe A. E poi una buona regola scherzosa nell'Hi Fi e che se sono cose vendute in america da "Katli Audio" allora suonano decisamente meglio di altre e con un ottimo rapporto qualità prezzo! In fine un unica nota stà nello stand che deve essere fatto su misura perchè quello originale, sembra impossibile ma fà suonare molto male il diffusore, l'ideale è uno auto costruito con tubi scatolati da 5 cm riempiti di sabbia Atacama e poggianti sulle solite 4 punte smorzanti, il tutto a formare di un semplice parallelepipedo, ne trovi molte foto su internet.

    Prima di tutto ti ringrazio per la tua risposta estremamente competente ed esaustiva.
    Approfitto della tua gentilezza per chiederti quali diffusori, tra quelli che tu conosci, ricalcano l'impostazione timbrica delle Harbert, giusto per ampliare un po' la mia conoscenza in tal settore.
    Come avrai capito, amo i diffusori dalla timbrica molto corretta, senza enfasi di sorta in qualsivoglia porzione dello spettro, che non interpretino la musica, ma la trasmettano per quello che essa è, nel bene o nel male, dipende dalle registrazioni poi.
    Non amo i minidiffusori, in quanto sono un appassionato di organo, non aggiungo altro.
    Come vedi non è che chieda poi tanto.....
    Ciao e grazie ancora

    A dire il vero Herbert interpreta un pò il suono, colorando limitatamente la gamma bassa, effetto facilmente elimininabile con un cavo asciutto o con amplificazione a stato solido un pò più analitiche, vedi Audio Analog. Però questa sua capacità di "ammorbidire" in basso è prorpio ciò che ne ha fatto i fasti, sempre senza esagerazioni, mantenedo grande linearità e una gamma medio-alta rivelatrice e neutrale. Il diffusore più lineare, coerente, bilanciato, che ho mai ascoltato è Audes, in pasrticolare le Blues. Sono diffusori credo estoni, dall'ottima rifinitura e fattura e dallo straordinario rapporto qualità-prezzo, sono importate da Sound Barry, simpatico signore di Ponte Nelle Alpi il quale ha un sito e relativo forum molto valido ma dalle visioni un pò strettine dove vale TROPPO la regola del rapporto spesa-risultato tralascinado altri aspetti (spesso commerciali, ma altrettanto importanti) come: risultato assoluto del suono/importanza dei cavi senza esagerare/rivendibilità dei prodotti/affidabilità/estetica. Tornando ai diffusori sono in configurazione d'Appolito con un woofer laterale, hanno un cross-over favoloso e la capacità di collocarsi senza nessuna fatica nell'ambiente domestico, preferisco le Blues dalle Exellence perche quest'ultime sono in sospensione pneumatica per l'ancora più linearita ma secondo me il basso ne risente troppo. Resta il fatto che tutto questo equilibrio spesso si tramuta in un pò di noia da parte mia, ma sono gusti e per questo non acquisterei mai questi diffusori, invece per me Herbert hanno più ragione di esistere. Detto da amante dell'Heil però non so che valore abbia, resta il fatto che spesso nelle registrazione laiv con i normali diffusori magari così lineari molte cose si perdono.


    _________________
    Per primo credo al mio orecchio sugli accordi iniziali di:"You And Your Friend" da "On Every Street" 1991 Dire Straits e molto dopo ai grafici, alle publicità, ai mostri sacri dell'audio...Tutto Qui. Firmato il Guretto Deragliante. Ogni mio post, pensiero o parola è solo opera mia, in regime di SM (IMHO). Collaboratore Consound http://www.consound.it/

      Current date/time is Mon Dec 05, 2016 3:28 am