Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
L'hi fi e i luoghi comuni.
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    L'hi fi e i luoghi comuni.

    Share

    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13
    Età : 60
    Località : genova

    L'hi fi e i luoghi comuni.

    Post  iano on Fri Mar 25, 2011 1:59 pm

    Esempio:-l'hi fi è quella cosa che mi permette di ascoltare la musica che amo"
    Si,ma dai,è magari abbiamo imparato ad amarla ascoltandola alla radio.
    Per me questo è un buon esempio di futile luogo comune.
    Proviamo a modificare questa frase rendendola più aderente alla realtà.
    Ad esempio :-L'hi fi è una di quelle cose grazie alle quali ho imparato ad amare la musica-.
    Si ,questa mi sembra più aderente alla verità.
    Siete d'accordo?Avete altri luoghi comuni da smascherare?
    Ciao,Seb.

    aircooled
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 32292
    Data d'iscrizione : 2008-12-20
    Località : AIRTECHLANDIA

    Re: L'hi fi e i luoghi comuni.

    Post  aircooled on Fri Mar 25, 2011 2:52 pm

    l'impianto serve per ascotare la musica
    mica vero è la musica che serve per ascoltare l'impianto


    _________________

     
    il meglio va solo con il meglio e non è un caso

    la calunnia disdegna i mediocri e si afferra ai grandi
     

    non discutere mai con un idiota, ti trascina al suo livello e poi ti batte con l'esperienza - ricorda chi sa fa chi non sa insegna
     
    Showroom AIRTECH via XX Settembre 12 San Giuliano Terme PI cell 3393521936 fisso 050818821 dalle 16.00 alle 19.00 dal martedi al sabato
    mail bertini63@virgilio.it

    piero
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1507
    Data d'iscrizione : 2010-04-21
    Età : 41
    Località : bari

    Re: L'hi fi e i luoghi comuni.

    Post  piero on Fri Mar 25, 2011 2:59 pm

    l'impianto serve ad apprezzare meglio.

    la musica è come un buon vino, se lo bevi dal bicchiere di plastica per quanto buono è vino,se lo bevi col bicchiere di vetro normale lo apprezzi, ma se lo bevi col giusto calice, allora scopri che dietro c'è tanto altro.

    Fausto
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 5904
    Data d'iscrizione : 2010-10-09
    Età : 51
    Località : LAND OF HOPE AND DREAMS

    Re: L'hi fi e i luoghi comuni.

    Post  Fausto on Fri Mar 25, 2011 3:27 pm

    iano wrote:Esempio:-l'hi fi è quella cosa che mi permette di ascoltare la musica che amo"
    Si,ma dai,è magari abbiamo imparato ad amarla ascoltandola alla radio.
    Per me questo è un buon esempio di futile luogo comune.
    Proviamo a modificare questa frase rendendola più aderente alla realtà.
    Ad esempio :-L'hi fi è una di quelle cose grazie alle quali ho imparato ad amare la musica-.
    Si ,questa mi sembra più aderente alla verità.
    Siete d'accordo?Avete altri luoghi comuni da smascherare?
    Ciao,Seb.

    In effetti l'hi-fi "aiuta" molto ad amare la musica e, per me, soprattutto quella musica che senza un "buon" impianto non conoscevo ed invece ho imparato a conoscere ed amare.
    Non ascoltavo Jazz e Classica e mi sono avvicinato a questi generi grazie ad un ascolto rilassante e di "qualità".
    Posso quindi, in questo senso, concordare con te.
    sunny

    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13
    Età : 60
    Località : genova

    Re: L'hi fi e i luoghi comuni.

    Post  iano on Fri Mar 25, 2011 3:52 pm

    aircooled wrote:l'impianto serve per ascotare la musica
    mica vero è la musica che serve per asoltare l'impianto
    Anche questo lo candidiamo come miglior post del 2011. affraid
    Ciao,Seb.


    Last edited by iano on Fri Mar 25, 2011 4:01 pm; edited 2 times in total

    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13
    Età : 60
    Località : genova

    Re: L'hi fi e i luoghi comuni.

    Post  iano on Fri Mar 25, 2011 3:59 pm

    Fausto wrote:

    In effetti l'hi-fi "aiuta" molto ad amare la musica e, per me, soprattutto quella musica che senza un "buon" impianto non conoscevo ed invece ho imparato a conoscere ed amare.
    Non ascoltavo Jazz e Classica e mi sono avvicinato a questi generi grazie ad un ascolto rilassante e di "qualità".
    Posso quindi, in questo senso, concordare con te.
    sunny
    E' proprio questo il senso che intendevo.
    Ma questa cosa dalle varie discussioni traspare poco o niente.
    Si preferisce bere di più l'amaro calice mezzo vuoto di una riproduzione fedele impossibile.
    Si preferisce rinfacciarci a vicenda la pigrizia a presenziare la musica dal vivo.
    Ma è evidente invece l'osmosi fruttuosa fra le due cose,la musica live è quella riprodotta.
    Poi se uno è pigro ai concerti non ci sarebbe andato anche se non non fosse mai esistita la musica riprodotta.
    Allora magari conosce la musica solo grazie all'impianto,ma almeno la conosce.
    Sono pigro.S'era capito? affraid
    Ciao,Seb.

    realmassy
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 5514
    Data d'iscrizione : 2010-04-25
    Età : 40
    Località : Leeds, UK

    Re: L'hi fi e i luoghi comuni.

    Post  realmassy on Fri Mar 25, 2011 4:11 pm

    iano wrote:
    Ad esempio :-L'hi fi è una di quelle cose grazie alle quali ho imparato ad amare la musica-.
    Si ,questa mi sembra più aderente alla verità.
    Siete d'accordo?
    Assolutamente!
    Ascoltare in un certo modo la musica (niente di esoterico o particolarmente costoso) ha aiutato, ha contribuito alla mia crescita musicale. Diciamo che "l'impianto" mi aiuta a tenere acceso un fuoco, una voglia di scoprire nuove sonorita', di esplorare.


    _________________
    Massimiliano e la sua STAX

    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13
    Età : 60
    Località : genova

    Re: L'hi fi e i luoghi comuni.

    Post  iano on Fri Mar 25, 2011 4:18 pm

    realmassy wrote:Diciamo che "l'impianto" mi aiuta a tenere acceso un fuoco, una voglia di scoprire nuove sonorita', di esplorare.
    cheers
    Un grandioso mezzo di diffusione culturale,cioè.
    Esagero?Si,ma devo controbilanciare tonnellate di post denigratori,cioè sicuramente esagerati,quantomeno in numero.

    Ciao,Seb.

    Fausto
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 5904
    Data d'iscrizione : 2010-10-09
    Età : 51
    Località : LAND OF HOPE AND DREAMS

    Re: L'hi fi e i luoghi comuni.

    Post  Fausto on Fri Mar 25, 2011 4:22 pm

    iano wrote:
    Fausto wrote:

    In effetti l'hi-fi "aiuta" molto ad amare la musica e, per me, soprattutto quella musica che senza un "buon" impianto non conoscevo ed invece ho imparato a conoscere ed amare.
    Non ascoltavo Jazz e Classica e mi sono avvicinato a questi generi grazie ad un ascolto rilassante e di "qualità".
    Posso quindi, in questo senso, concordare con te.
    sunny
    E' proprio questo il senso che intendevo.
    Ma questa cosa dalle varie discussioni traspare poco o niente.
    Si preferisce bere di più l'amaro calice mezzo vuoto di una riproduzione fedele impossibile.
    Si preferisce rinfacciarci a vicenda la pigrizia a presenziare la musica dal vivo.
    Ma è evidente invece l'osmosi fruttuosa fra le due cose,la musica live è quella riprodotta.
    Poi se uno è pigro ai concerti non ci sarebbe andato anche se non non fosse mai esistita la musica riprodotta.
    Allora magari conosce la musica solo grazie all'impianto,ma almeno la conosce.
    Sono pigro.S'era capito? affraid
    Ciao,Seb.

    Sono pigro anch'io e, se mi muovo, mi muovo solo per il "Boss".
    sunny

    Cricetone
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 6589
    Data d'iscrizione : 2008-12-22
    Località : catanzaro

    Re: L'hi fi e i luoghi comuni.

    Post  Cricetone on Fri Mar 25, 2011 5:09 pm

    Fausto wrote:
    In effetti l'hi-fi "aiuta" molto ad amare la musica e, per me, soprattutto quella musica che senza un "buon" impianto non conoscevo ed invece ho imparato a conoscere ed amare.
    Non ascoltavo Jazz e Classica e mi sono avvicinato a questi generi grazie ad un ascolto rilassante e di "qualità".
    Posso quindi, in questo senso, concordare con te.
    sunny
    però bisogna pure ammettere che ci ritroviamo ad ascoltare piu spesso i cd che suonano meglio tra quelli che ci piacciono,proprio perchè la qualità sonora ce li fa piacere ancora di piu.


    _________________
     38.000+ foto dei circuiti interni di elettroniche e diffusori hifi, av e professionali.

    Pazzoperilpianoforte
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 5316
    Data d'iscrizione : 2009-01-12
    Età : 48
    Località : Firenze

    Re: L'hi fi e i luoghi comuni.

    Post  Pazzoperilpianoforte on Fri Mar 25, 2011 6:13 pm

    Salv.Scarfone wrote:
    però bisogna pure ammettere che ci ritroviamo ad ascoltare piu spesso i cd che suonano meglio tra quelli che ci piacciono,proprio perchè la qualità sonora ce li fa piacere ancora di piu.

    Se devo raccontare la mia, questa cosa non succede mai.

    Io ascolto sempre il documento sonoro. E lo ascolto perché mi interessa il suo valore artistico. Le caratteristiche sonore devono essere veramente proibitive per disinvogliarmi all'ascolto... non scelgo mai un disco da mettere nel CD sulla base di come si sente....

    Ma forse io sono un caso estremo....

    Comunque l'Hi FI per me è un mezzo di enorme potenza culturale. SE non esistesse, io non saprei oggi come suonava Backhaus o Richter, come cantavano la Callas o la Sutherland. Sarebbe una vera tristezza.

    Certo, qualcuno mi potrebbe dire che questi sono meriti del disco, non dell'Hi-Fi. ED io risponderei che ascoltare Beethoven su una radiolina portatile è come vedere [/i]2001 Odissea dello Spazio[i] attraverso un buco della serratura... si può fare, ma perdiamo tutta la poesia del film, cioè l'abbagliante bellezza delle immagini. Senza edonismo, senza il bello (sonoro e visivo) non c'è musica come non c'è cinema. E non c'è messaggio artistico.

    Senza il suono (e senza la sua bellezza o la sua bruttezza, insomma senza le caratteristiche volute dal musicista) non c'è musica.



    _________________
    Vito Buono
    __________
    Accuphase DP-500 + Stax SR-009 + Stax SRM 600 Limited
    oppure
    Graaf GM-50 rivalvolato Telefunken/Valvo Amburgo/EI KT90 + ProAc D 25
    ... e tantissima musica!

    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13
    Età : 60
    Località : genova

    Re: L'hi fi e i luoghi comuni.

    Post  iano on Fri Mar 25, 2011 7:00 pm

    Vito,mi pare evidente che tu pigro non lo sei,ma certo,dici,per i viaggi nel tempo ci stiamo attrezzando e nel frattempo lo stereo,in tutte le sue varie declinazioni "qualitatistiche",và bene.
    affraid
    Ciao,Seb.

    -eRRe-
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1640
    Data d'iscrizione : 2010-07-02
    Età : 35
    Località : Tuscany

    Re: L'hi fi e i luoghi comuni.

    Post  -eRRe- on Fri Mar 25, 2011 7:05 pm

    aircooled wrote:l'impianto serve per ascotare la musica
    mica vero è la musica che serve per ascoltare l'impianto

    Fantastica questa!!!!!!!


    _________________

    "L'impianto serve per ascotare la musica...."
    "Mica vero è la musica che serve per ascoltare l'impianto" (AC 25-03-2011)

    Fausto
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 5904
    Data d'iscrizione : 2010-10-09
    Età : 51
    Località : LAND OF HOPE AND DREAMS

    Re: L'hi fi e i luoghi comuni.

    Post  Fausto on Fri Mar 25, 2011 8:48 pm

    Pazzoperilpianoforte wrote:
    Salv.Scarfone wrote:
    però bisogna pure ammettere che ci ritroviamo ad ascoltare piu spesso i cd che suonano meglio tra quelli che ci piacciono,proprio perchè la qualità sonora ce li fa piacere ancora di piu.

    Se devo raccontare la mia, questa cosa non succede mai.

    Io ascolto sempre il documento sonoro. E lo ascolto perché mi interessa il suo valore artistico. Le caratteristiche sonore devono essere veramente proibitive per disinvogliarmi all'ascolto... non scelgo mai un disco da mettere nel CD sulla base di come si sente....

    Ma forse io sono un caso estremo....

    Comunque l'Hi FI per me è un mezzo di enorme potenza culturale. SE non esistesse, io non saprei oggi come suonava Backhaus o Richter, come cantavano la Callas o la Sutherland. Sarebbe una vera tristezza.

    Certo, qualcuno mi potrebbe dire che questi sono meriti del disco, non dell'Hi-Fi. ED io risponderei che ascoltare Beethoven su una radiolina portatile è come vedere [/i]2001 Odissea dello Spazio[i] attraverso un buco della serratura... si può fare, ma perdiamo tutta la poesia del film, cioè l'abbagliante bellezza delle immagini. Senza edonismo, senza il bello (sonoro e visivo) non c'è musica come non c'è cinema. E non c'è messaggio artistico.

    Senza il suono (e senza la sua bellezza o la sua bruttezza, insomma senza le caratteristiche volute dal musicista) non c'è musica.



    PPP: Grande sintesi.
    Verissimo e
    Non saprei cosa aggiungere.
    sunny

    aircooled
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 32292
    Data d'iscrizione : 2008-12-20
    Località : AIRTECHLANDIA

    Re: L'hi fi e i luoghi comuni.

    Post  aircooled on Fri Mar 25, 2011 8:55 pm

    --eRRe- wrote:
    aircooled wrote:l'impianto serve per ascotare la musica
    mica vero è la musica che serve per ascoltare l'impianto

    Fantastica questa!!!!!!!
    io lo dico gli altri si vergognano


    _________________

     
    il meglio va solo con il meglio e non è un caso

    la calunnia disdegna i mediocri e si afferra ai grandi
     

    non discutere mai con un idiota, ti trascina al suo livello e poi ti batte con l'esperienza - ricorda chi sa fa chi non sa insegna
     
    Showroom AIRTECH via XX Settembre 12 San Giuliano Terme PI cell 3393521936 fisso 050818821 dalle 16.00 alle 19.00 dal martedi al sabato
    mail bertini63@virgilio.it

    petrus
    Senny Lover
    Senny Lover

    Numero di messaggi : 3717
    Data d'iscrizione : 2008-12-21

    Re: L'hi fi e i luoghi comuni.

    Post  petrus on Fri Mar 25, 2011 9:19 pm

    Pazzoperilpianoforte wrote:
    Certo, qualcuno mi potrebbe dire che questi sono meriti del disco, non dell'Hi-Fi. ED io risponderei che ascoltare Beethoven su una radiolina portatile è come vedere [/i]2001 Odissea dello Spazio[i] attraverso un buco della serratura... si può fare, ma perdiamo tutta la poesia del film, cioè l'abbagliante bellezza delle immagini. Senza edonismo, senza il bello (sonoro e visivo) non c'è musica come non c'è cinema. E non c'è messaggio artistico.

    Senza il suono (e senza la sua bellezza o la sua bruttezza, insomma senza le caratteristiche volute dal musicista) non c'è musica.


    Il problema in hi-fi non è il desiderio di bellezza, ma la mancanza del senso delle proporzioni.
    Bellezza è anche equilibrio, armonia, la trasposizione del bello in una certa hi-fi è smisuratamente eccessivo ed inutile allo scopo.
    Per taluni è la fiera della vanità, puro esibizionismo, al punto che possedere un impianto di alto livello e veramente ben suonante per un amante della musica potrebbe essere imbarazzante da esibire.

    Lorenzo

    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13
    Età : 60
    Località : genova

    Re: L'hi fi e i luoghi comuni.

    Post  iano on Fri Mar 25, 2011 10:50 pm

    Salv.Scarfone wrote:però bisogna pure ammettere che ci ritroviamo ad ascoltare piu spesso i cd che suonano meglio tra quelli che ci piacciono,proprio perchè la qualità sonora ce li fa piacere ancora di piu.
    Che suonano meglio col nostro impianto e se suonano bene col nostro impianto allora suonano bene?
    Non ce l'ho con te Salvo.
    Mi hai solo dato il là per sviscerare un altro luogo comune,che agisce molto a livello inconscio in verità.Difficile accettare il responso che il nostro impianto è una ciofeca perchè suona bene solo con quattro dischi quattro.Allora si tira fuori il luogo comune che sono i dischi a far cag...
    Certo un impianto che ti fà ascoltare bene tutto è una manna.
    Magari non esistono,ma qualcuno ci si avvicina.
    Il mio ad esempio.Embarassed Embarassed
    Ma...a parte gli scherzi...
    Il disco è il componente principale di un impianto, e un impianto che si scompone poco al cambio di un componente,es. il disco,è un signor impianto, ricco di sinergia.
    Se no è solo un castello di carte dove i 4 dischi 4 sono le 4 carte poste a fondamento e magari sono i 4 dischi dove c'è la musica che io amo.Perciò su quelli ho costruito il castello.
    Perchè ho costruito l'impianto per ascoltare quei 4 dischi.
    E magari voglio sentirli suonare come li ho sentiti suonare alla radio,perchè è sentendoli alla radio che me ne sono innamorato.E dove sennò,non posso mica andare in giro ad ascoltare tutti i concerti di questo mondo.
    Nessun riferimento a nessuno in particolare.Ci siamo tutti dentro.
    Rettifico.Quasi tutti... sunny sunny
    Ciao,Seb.

    -eRRe-
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1640
    Data d'iscrizione : 2010-07-02
    Età : 35
    Località : Tuscany

    Re: L'hi fi e i luoghi comuni.

    Post  -eRRe- on Sat Mar 26, 2011 12:16 am

    A me, da perfetto ignorante quale sono, mi vien da pensare che se un disco è inciso a popò di cane hai voglia ad avere il super impianto, se è veramente un super impianto ti sbatterà in faccia tutto lo schifo che vi è inciso, inevitabilmnete suonerà da schifo.....

    E ora cignatemi pure


    _________________

    "L'impianto serve per ascotare la musica...."
    "Mica vero è la musica che serve per ascoltare l'impianto" (AC 25-03-2011)

    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13
    Età : 60
    Località : genova

    Re: L'hi fi e i luoghi comuni.

    Post  iano on Sat Mar 26, 2011 5:23 am

    Ci mancherebbe eRRe,anzi ti porgo la schiena per le frustate che vorrai darmi per quanto sto per dire.
    E si ,perchè secondo me hai sciorinato un altro bel luogo comune e cioè quello di pensare che un impianto sia quasi uno strumento di misura,con diversa risoluzione a seconda della sua bontà,che ci misura la qualità dei dischi,creando una netta divisione fra buoni e cattivi,esaltando il suono dei primi ed evidenziando la sciaguratezza degli altri.
    Io la penso in modo opposto.Un buon impianto è quello che ti fa rendere al massimo anche un 78 giri e lo fà suonare come mai ha suonato ai tempi in cui è stato inciso.
    Anzi c'è da rallegrarsi del fatto che i nuovi progressi in hi fi servano anche a spremere al massimo le vecchie incisioni,che al massimo sembra non siano ancora state spremute.
    Cioè un buon impianto è quello che fà salire la qualità della riproduzione di qualunque disco,magari in diverso grado,questo si,in proporzione alla qualità intrinseca del disco.
    Se le cose stanno così non ci resta che riflettere su quanto un impianto(qualunque in generale) sia capace di alterare un segnale,quantomeno dal punto di vista della qualità percepita.
    Ciao,Seb.

    Pazzoperilpianoforte
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 5316
    Data d'iscrizione : 2009-01-12
    Età : 48
    Località : Firenze

    Re: L'hi fi e i luoghi comuni.

    Post  Pazzoperilpianoforte on Sat Mar 26, 2011 10:02 am

    petrus wrote:...
    Per taluni è la fiera della vanità, puro esibizionismo, al punto che possedere un impianto di alto livello e veramente ben suonante per un amante della musica potrebbe essere imbarazzante da esibire.

    Lorenzo

    IO penso che la differenza tra un amante della musica ed un appassionato di Hi-Fi è che, appunto, l'appassionato di musica non esibisce proprio nulla del suo impianto.... vive il suo impianto solo come uno strumento di precisione per ascoltare la sua musica... ma questo non significa che - per il suo piacere personale - non debba o non possa apprezzare strumenti di precisione estrema...


    _________________
    Vito Buono
    __________
    Accuphase DP-500 + Stax SR-009 + Stax SRM 600 Limited
    oppure
    Graaf GM-50 rivalvolato Telefunken/Valvo Amburgo/EI KT90 + ProAc D 25
    ... e tantissima musica!

    Cricetone
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 6589
    Data d'iscrizione : 2008-12-22
    Località : catanzaro

    Re: L'hi fi e i luoghi comuni.

    Post  Cricetone on Sat Mar 26, 2011 10:58 am

    Pazzoperilpianoforte wrote:
    Salv.Scarfone wrote:
    però bisogna pure ammettere che ci ritroviamo ad ascoltare piu spesso i cd che suonano meglio tra quelli che ci piacciono,proprio perchè la qualità sonora ce li fa piacere ancora di piu.

    Se devo raccontare la mia, questa cosa non succede mai.

    Io ascolto sempre il documento sonoro. E lo ascolto perché mi interessa il suo valore artistico. Le caratteristiche sonore devono essere veramente proibitive per disinvogliarmi all'ascolto... non scelgo mai un disco da mettere nel CD sulla base di come si sente....

    diciamo che ascolto molto di meno i cd che hanno il classico bum bum monotono e continuo,e quelli registrati proprio in modo pessimo e piattissimo,tipo un best dei rem,altrimenti ascolto quello che mi piace di piu,e certe volte tra quello che mi piace di piu,metto quello che suona meglio. sunny


    _________________
     38.000+ foto dei circuiti interni di elettroniche e diffusori hifi, av e professionali.

    Cricetone
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 6589
    Data d'iscrizione : 2008-12-22
    Località : catanzaro

    Re: L'hi fi e i luoghi comuni.

    Post  Cricetone on Sat Mar 26, 2011 10:59 am

    petrus wrote:Per taluni è la fiera della vanità, puro esibizionismo, al punto che possedere un impianto di alto livello e veramente ben suonante per un amante della musica potrebbe essere imbarazzante da esibire.

    Lorenzo
    infatti alle "fiere" spesso ci si va in tanti come in un pellegrinaggio,per vedere cosa si è comprato questo mese l'audiofilo superspendaccione(e magari farsi vendere un apparecchio nuovo a prezzo minore)


    _________________
     38.000+ foto dei circuiti interni di elettroniche e diffusori hifi, av e professionali.

    Cricetone
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 6589
    Data d'iscrizione : 2008-12-22
    Località : catanzaro

    Re: L'hi fi e i luoghi comuni.

    Post  Cricetone on Sat Mar 26, 2011 11:05 am

    iano wrote:Che suonano meglio col nostro impianto e se suonano bene col nostro impianto allora suonano bene?
    Non ce l'ho con te Salvo.
    Mi hai solo dato il là per sviscerare un altro luogo comune,che agisce molto a livello inconscio in verità.Difficile accettare il responso che il nostro impianto è una ciofeca perchè suona bene solo con quattro dischi quattro.Allora si tira fuori il luogo comune che sono i dischi a far cag...
    leggi la risposta che ho dato a vito così capirai che non son certo tipo da campanellini!col mio impianto sono fortunato in quanto mediamente i cd suonano tutti bene,certo è evidentissima la differenza tra un cd registrato bene o no,però fatica di ascolto ne ho pochissima,quindi ascolto tutto in modo piacevole.Certo non sopporto i tunz tunz in gamma media fatti col computer,in quanto monotoni ripetitivi ed ossessionanti,e se su un cd sono presnti,quel cd anche se mi piace lo ascolto pochissimo.


    _________________
     38.000+ foto dei circuiti interni di elettroniche e diffusori hifi, av e professionali.

    Cricetone
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 6589
    Data d'iscrizione : 2008-12-22
    Località : catanzaro

    Re: L'hi fi e i luoghi comuni.

    Post  Cricetone on Sat Mar 26, 2011 11:14 am

    iano wrote:Cioè un buon impianto è quello che fà salire la qualità della riproduzione di qualunque disco,magari in diverso grado,questo si,in proporzione alla qualità intrinseca del disco.
    Se le cose stanno così non ci resta che riflettere su quanto un impianto(qualunque in generale) sia capace di alterare un segnale,quantomeno dal punto di vista della qualità percepita.
    Ciao,Seb.
    un buon impianto è quello neutrale,con risp in frequenza piatta,con distorsione bassissima,inserito in un ambiente neutro.Piu ti avvicini a questo modello ideale piu tutti i cd suonano bene,proprio perchè i cd registrati bene migliorano sonicamente,quelli registrati male se arrivano a suonare in modo piacevole,e senza nessun attufamento o leccatina di sorta,ti dimostrano che il tuo impianto avendo una bassa distorsione,non aumenta la loro intrinseca fatica di ascolto,perchè ci vuole poco a far suonare affaticante un cd che gia di suo lo è.Quindi un buon impianto dovrebbe far suonare bene ed al massimo delle possibilità ogni disco,mostrando però nettamente la differenza tra le varie singole registrazioni,e essere capace di suonare in modo eccellente e realistico le registrazioni eccellenti,e rendere piacevoli quelle di minore qualità.Sono i pregi della bassa distorsione. Rolling Eyes


    _________________
     38.000+ foto dei circuiti interni di elettroniche e diffusori hifi, av e professionali.

    petrus
    Senny Lover
    Senny Lover

    Numero di messaggi : 3717
    Data d'iscrizione : 2008-12-21

    Re: L'hi fi e i luoghi comuni.

    Post  petrus on Sat Mar 26, 2011 1:52 pm

    Pazzoperilpianoforte wrote:
    petrus wrote:...
    Per taluni è la fiera della vanità, puro esibizionismo, al punto che possedere un impianto di alto livello e veramente ben suonante per un amante della musica potrebbe essere imbarazzante da esibire.

    Lorenzo

    IO penso che la differenza tra un amante della musica ed un appassionato di Hi-Fi è che, appunto, l'appassionato di musica non esibisce proprio nulla del suo impianto.... vive il suo impianto solo come uno strumento di precisione per ascoltare la sua musica... ma questo non significa che - per il suo piacere personale - non debba o non possa apprezzare strumenti di precisione eetrema...

    IO penso sunny sono d'accordo con te esista anche una via di mezzo tra amare solo la musica ed amare solo l'impianto ed è quella categoria di audiofili, suonofili, musicofili che si godono anche impianti magari super costosi ma certamente ben suonanti.
    Questi sono vittime dei peggiori luoghi comuni e stufi di essere etichettati sui forum come i soliti ricchi spendaccioni polli incopetenti ecc. ecc. dal primo frustrato forumer convinto che basta un gira technics e due casse a tromba autocostruite per aver capito tutto dell'hifi spesso evitano di frequentare i forum, purtroppo questo ha l'incoveniente di alzare la media degli hi-idiot, che diventano i nuovi guru virtuali, ovviamente il gazebo è escluso da questo ragionamento

    Lorenzo

      Similar topics

      -

      Current date/time is Fri Dec 02, 2016 7:01 pm