Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
L'hi fi e i luoghi comuni. - Page 2
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    L'hi fi e i luoghi comuni.

    Share

    petrus
    Senny Lover
    Senny Lover

    Numero di messaggi : 3717
    Data d'iscrizione : 2008-12-21

    Re: L'hi fi e i luoghi comuni.

    Post  petrus on Sat Mar 26, 2011 1:52 pm

    Pazzoperilpianoforte wrote:
    petrus wrote:...
    Per taluni è la fiera della vanità, puro esibizionismo, al punto che possedere un impianto di alto livello e veramente ben suonante per un amante della musica potrebbe essere imbarazzante da esibire.

    Lorenzo

    IO penso che la differenza tra un amante della musica ed un appassionato di Hi-Fi è che, appunto, l'appassionato di musica non esibisce proprio nulla del suo impianto.... vive il suo impianto solo come uno strumento di precisione per ascoltare la sua musica... ma questo non significa che - per il suo piacere personale - non debba o non possa apprezzare strumenti di precisione eetrema...

    IO penso sunny sono d'accordo con te esista anche una via di mezzo tra amare solo la musica ed amare solo l'impianto ed è quella categoria di audiofili, suonofili, musicofili che si godono anche impianti magari super costosi ma certamente ben suonanti.
    Questi sono vittime dei peggiori luoghi comuni e stufi di essere etichettati sui forum come i soliti ricchi spendaccioni polli incopetenti ecc. ecc. dal primo frustrato forumer convinto che basta un gira technics e due casse a tromba autocostruite per aver capito tutto dell'hifi spesso evitano di frequentare i forum, purtroppo questo ha l'incoveniente di alzare la media degli hi-idiot, che diventano i nuovi guru virtuali, ovviamente il gazebo è escluso da questo ragionamento

    Lorenzo

    vulcan
    Headphone Mod
    Headphone Mod

    Numero di messaggi : 12066
    Data d'iscrizione : 2009-12-04
    Età : 50
    Località : Sardinya

    Re: L'hi fi e i luoghi comuni.

    Post  vulcan on Sat Mar 26, 2011 2:13 pm

    petrus wrote:


    IO penso sunny sono d'accordo con te esista anche una via di mezzo tra amare solo la musica ed amare solo l'impianto ed è quella categoria di audiofili, suonofili, musicofili che si godono anche impianti magari super costosi ma certamente ben suonanti.
    Questi sono vittime dei peggiori luoghi comuni e stufi di essere etichettati sui forum come i soliti ricchi spendaccioni polli incopetenti ecc. ecc. dal primo frustrato forumer convinto che basta un gira technics e due casse a tromba autocostruite per aver capito tutto dell'hifi spesso evitano di frequentare i forum, purtroppo questo ha l'incoveniente di alzare la media degli hi-idiot, che diventano i nuovi guru virtuali, ovviamente il gazebo è escluso da questo ragionamento

    Lorenzo

    Lorenzo hai perfettamente ragione, per me il mio sistema (buono o cattivo) mi permette di ascoltare con una certa neutralità la musica, odio i dischi delle etichette definite audiophile perchè quasi sempre privi di contenuto artistico
    Sono parecchi che denigrano i prodotti di un certo tipo...ma poi li avranno mai ascoltati? Io credo proprio di no


    _________________
    Nicola      

    Spoiler:

    Sorgente Audia Flight Cd One - Cavo di Segnale Acrolink Mexcel 7N 6100D - Cavo di Alimentazione Cd Shunyata Taipan VX - Amplificatore TTVJ Millett 307A # 07 - Violectric V281-Cavo di Alimentazione Black Rhodium Polar Crusader Oyaide - Cuffie HifiMan HE1000  Cavo Moon Audio Silver Dragon xlr - Filtro di rete Shunyata Hydra 6 - Cavo di Alimentazione filtro Shunyata Copperhead Oyaide- Tavolino Music Tools Isoshelf - Tuner Aeron RD04 Cavo segnale tuner Mogami 2534 Xlr Cavo di Alimentazione Tuner Supra Lorad 2.5 Oyaide


    In caso di bisogno leggere il REGOLAMENTO del forum.

    Fausto
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 5904
    Data d'iscrizione : 2010-10-09
    Età : 51
    Località : LAND OF HOPE AND DREAMS

    Re: L'hi fi e i luoghi comuni.

    Post  Fausto on Sat Mar 26, 2011 4:08 pm

    Pazzoperilpianoforte wrote:
    petrus wrote:...
    Per taluni è la fiera della vanità, puro esibizionismo, al punto che possedere un impianto di alto livello e veramente ben suonante per un amante della musica potrebbe essere imbarazzante da esibire.

    Lorenzo

    IO penso che la differenza tra un amante della musica ed un appassionato di Hi-Fi è che, appunto, l'appassionato di musica non esibisce proprio nulla del suo impianto.... vive il suo impianto solo come uno strumento di precisione per ascoltare la sua musica... ma questo non significa che - per il suo piacere personale - non debba o non possa apprezzare strumenti di precisione estrema...

    Sono sicuro che vorrai scusarmi se sono monotono, ma ancora una volta questa sintesi mi lascia senza parole....
    Posso solo ripetere il tuo pensiero che condivido al 100% quindi non aggiungo nulla....
    sunny

    Cricetone
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 6589
    Data d'iscrizione : 2008-12-22
    Località : catanzaro

    Re: L'hi fi e i luoghi comuni.

    Post  Cricetone on Sat Mar 26, 2011 4:12 pm

    Fausto wrote:
    Sono sicuro che vorrai scusarmi se sono monotono, ma ancora una volta questa sintesi mi lascia senza parole....
    Posso solo ripetere il tuo pensiero che condivido al 100% quindi non aggiungo nulla....
    sunny
    vedrai che neanche ci farai più caso dopo un pò,tanto èio mi sono abituato al fatto che orami qualsiasi cosa dica PP abbia sempre ragione. santa Però non ti montare la testa Vito!?! sunny


    _________________
     38.000+ foto dei circuiti interni di elettroniche e diffusori hifi, av e professionali.

    Fausto
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 5904
    Data d'iscrizione : 2010-10-09
    Età : 51
    Località : LAND OF HOPE AND DREAMS

    Re: L'hi fi e i luoghi comuni.

    Post  Fausto on Sat Mar 26, 2011 4:15 pm

    Salv.Scarfone wrote:
    Fausto wrote:
    Sono sicuro che vorrai scusarmi se sono monotono, ma ancora una volta questa sintesi mi lascia senza parole....
    Posso solo ripetere il tuo pensiero che condivido al 100% quindi non aggiungo nulla....
    sunny
    vedrai che neanche ci farai più caso dopo un pò,tanto èio mi sono abituato al fatto che orami qualsiasi cosa dica PP abbia sempre ragione. santa Però non ti montare la testa Vito!?! sunny

    Pensiero e sintesi: non è facile!
    PPP i miei complimenti.
    sunny

    Cricetone
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 6589
    Data d'iscrizione : 2008-12-22
    Località : catanzaro

    Re: L'hi fi e i luoghi comuni.

    Post  Cricetone on Sat Mar 26, 2011 4:18 pm

    pestiamo quel secchione di Vito che non si sopporta più!!! affraid


    _________________
     38.000+ foto dei circuiti interni di elettroniche e diffusori hifi, av e professionali.

    Pazzoperilpianoforte
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 5316
    Data d'iscrizione : 2009-01-12
    Età : 48
    Località : Firenze

    Re: L'hi fi e i luoghi comuni.

    Post  Pazzoperilpianoforte on Sat Mar 26, 2011 4:25 pm

    Ahem Razz ..... se serve per non essere pestato..... posso cominciare a sparare ca@@ate a richiesta.... yaw ...



    Scherzi a parte, vi ringrazio ragazzi se pensate davvero che le cose che dico vi rappresentino in qualche modo.... grazie mille ..... mi sento meno solo sunny


    _________________
    Vito Buono
    __________
    Accuphase DP-500 + Stax SR-009 + Stax SRM 600 Limited
    oppure
    Graaf GM-50 rivalvolato Telefunken/Valvo Amburgo/EI KT90 + ProAc D 25
    ... e tantissima musica!

    desmoraf68
    Sordogolo 3

    Numero di messaggi : 4540
    Data d'iscrizione : 2011-01-14
    Età : 48
    Località : Prov. Arezzo

    Re: L'hi fi e i luoghi comuni.

    Post  desmoraf68 on Sat Mar 26, 2011 8:05 pm

    Condivido in toto sia Vito (Pazzoperilpianoforte) che Lorezo (petrus)


    _________________
    Raffaele

    Chi sa fare la musica la fa, chi la sa fare meno la insegna, chi la sa fare ancora meno la organizza, chi la sa fare così così la critica. (Luciano Pavarotti)

    Gli appassionati di musica sono assolutamente irragionevoli. Vogliono essere sempre perfettamente muti quando si dovrebbe desiderare di essere assolutamente sordi. (Oscar Wilde)

    Non posso immaginare la mia vita o quella di chiunque altro senza la musica: è come una luce nel buio che non si spegne mai. (Martin Scorsese)


    Massimo
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 31484
    Data d'iscrizione : 2010-06-21
    Età : 61
    Località : Portici (NA)

    Re: L'hi fi e i luoghi comuni.

    Post  Massimo on Sat Mar 26, 2011 8:30 pm

    Pazzoperilpianoforte wrote:
    petrus wrote:...
    Per taluni è la fiera della vanità, puro esibizionismo, al punto che possedere un impianto di alto livello e veramente ben suonante per un amante della musica potrebbe essere imbarazzante da esibire.

    Lorenzo

    IO penso che la differenza tra un amante della musica ed un appassionato di Hi-Fi è che, appunto, l'appassionato di musica non esibisce proprio nulla del suo impianto.... vive il suo impianto solo come uno strumento di precisione per ascoltare la sua musica... ma questo non significa che - per il suo piacere personale - non debba o non possa apprezzare strumenti di precisione eetrema...

    Il bello del gazebo è l'amore per la musica non per l'impianto con il quale pavoneggiarsi. sunny


    _________________
    Quando il dito indica la luna, l'imbecille guarda il dito

    Fausto
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 5904
    Data d'iscrizione : 2010-10-09
    Età : 51
    Località : LAND OF HOPE AND DREAMS

    Re: L'hi fi e i luoghi comuni.

    Post  Fausto on Sat Mar 26, 2011 9:09 pm

    Massimo wrote:
    Pazzoperilpianoforte wrote:
    petrus wrote:...
    Per taluni è la fiera della vanità, puro esibizionismo, al punto che possedere un impianto di alto livello e veramente ben suonante per un amante della musica potrebbe essere imbarazzante da esibire.

    Lorenzo

    IO penso che la differenza tra un amante della musica ed un appassionato di Hi-Fi è che, appunto, l'appassionato di musica non esibisce proprio nulla del suo impianto.... vive il suo impianto solo come uno strumento di precisione per ascoltare la sua musica... ma questo non significa che - per il suo piacere personale - non debba o non possa apprezzare strumenti di precisione eetrema...

    Il bello del gazebo è l'amore per la musica non per l'impianto con il quale pavoneggiarsi. sunny

    Musica e impianto per ascolti rilassanti....
    Giusto mix senza eccessi....
    A volte mi sento dire: "vieni a vedere il mio impianto"....
    Dico che sono impegnato e non vado....
    Io prima "ascolto" poi "guardo" perché, confesso, per me anche l'occhio vuole la sua parte....
    Comunque sempre tanta "musica" e di - quasi - tutti i generi!
    Il "liscio" proprio NOOOOOOOOO! No No No
    sunny

    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13
    Età : 60
    Località : genova

    Re: L'hi fi e i luoghi comuni.

    Post  iano on Sun Mar 27, 2011 4:33 pm

    Fausto wrote:
    Musica e impianto per ascolti rilassanti....
    Giusto mix senza eccessi....
    A volte mi sento dire: "vieni a vedere il mio impianto"....
    Dico che sono impegnato e non vado....
    Io prima "ascolto" poi "guardo" perché, confesso, per me anche l'occhio vuole la sua parte....
    Comunque sempre tanta "musica" e di - quasi - tutti i generi!
    Il "liscio" proprio NOOOOOOOOO! No No No
    sunny
    Condivido solo in parte la scherzosa battuta sul liscio,perchè non è che sia un estimatore,ma prova ad ascoltare Peppino Principe,e se non ti piace il suo liscio allora il tuo impianto è una ciofeca, affraid
    Scherzosi saluti,Seb.

    Fausto
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 5904
    Data d'iscrizione : 2010-10-09
    Età : 51
    Località : LAND OF HOPE AND DREAMS

    Re: L'hi fi e i luoghi comuni.

    Post  Fausto on Sun Mar 27, 2011 4:55 pm

    iano wrote:
    Fausto wrote:
    Musica e impianto per ascolti rilassanti....
    Giusto mix senza eccessi....
    A volte mi sento dire: "vieni a vedere il mio impianto"....
    Dico che sono impegnato e non vado....
    Io prima "ascolto" poi "guardo" perché, confesso, per me anche l'occhio vuole la sua parte....
    Comunque sempre tanta "musica" e di - quasi - tutti i generi!
    Il "liscio" proprio NOOOOOOOOO! No No No
    sunny
    Condivido solo in parte la scherzosa battuta sul liscio,perchè non è che sia un estimatore,ma prova ad ascoltare Peppino Principe,e se non ti piace il suo liscio allora il tuo impianto è una ciofeca, affraid
    Scherzosi saluti,Seb.

    Mi stava venendo un colpo santa
    Ho il brutto vizio di non leggere i post fino alla fine
    Il "LISSIO" proprio NOOOOOOOOOO!
    Piuttosto butto via tutto!
    Scherzosi saluti anche da parte mia sunny

    piroGallo
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 6715
    Data d'iscrizione : 2008-12-23
    Località : tra Monferrato e Langa

    Re: L'hi fi e i luoghi comuni.

    Post  piroGallo on Sun Mar 27, 2011 4:59 pm

    il nostro "liscio" non è altro che l'analogo del country americano.


    _________________
    Gianni

     

    "L'uomo che non ha la musica nel cuore ed è insensibile ai melodiosi accordi
    è adatto a tradimenti, inganni e rapine; i moti del suo animo sono spenti come la notte,
    e i suoi appetiti sono tenebrosi come l'Erebo: non fidarti di lui."
    (William Shakespeare, Il mercante di Venezia)

    "Meno muggiti e più ruggiti"
    (Autocitazione)

    Massimo
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 31484
    Data d'iscrizione : 2010-06-21
    Età : 61
    Località : Portici (NA)

    Re: L'hi fi e i luoghi comuni.

    Post  Massimo on Sun Mar 27, 2011 5:03 pm

    Noi ascoltiamo il country e lo ammiriamo come loro ascoltano il liscio di Casadei e lo apprezzano. sunny


    _________________
    Quando il dito indica la luna, l'imbecille guarda il dito

    Fausto
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 5904
    Data d'iscrizione : 2010-10-09
    Età : 51
    Località : LAND OF HOPE AND DREAMS

    Re: L'hi fi e i luoghi comuni.

    Post  Fausto on Sun Mar 27, 2011 5:20 pm

    Gianni e Massimo: siete sicuri?
    Mi sembra che ci sia una bella differenza!
    La mia era solo una battuta ed ovviamente, come sapete, rispetto i gusti di tutti.
    Paragonare il Country al Liscio mi sembra tuttavia eccessivo.
    Opinione personalissima.
    sunny

    piroGallo
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 6715
    Data d'iscrizione : 2008-12-23
    Località : tra Monferrato e Langa

    Re: L'hi fi e i luoghi comuni.

    Post  piroGallo on Sun Mar 27, 2011 5:44 pm

    è tutta musica popolare legata alla terra d'origine.


    _________________
    Gianni

     

    "L'uomo che non ha la musica nel cuore ed è insensibile ai melodiosi accordi
    è adatto a tradimenti, inganni e rapine; i moti del suo animo sono spenti come la notte,
    e i suoi appetiti sono tenebrosi come l'Erebo: non fidarti di lui."
    (William Shakespeare, Il mercante di Venezia)

    "Meno muggiti e più ruggiti"
    (Autocitazione)

    frighino rosso
    Apprendista musicofilo

    Numero di messaggi : 760
    Data d'iscrizione : 2010-05-12
    Età : 60
    Località : vecchiano

    Re: L'hi fi e i luoghi comuni.

    Post  frighino rosso on Sun Mar 27, 2011 5:53 pm

    sicuramente l'amore x la buona musica sta al primo posto, ma avere un buon impianto te la fa apprezzare ancora di più, soprattutto ascoltando i vecchi dischi. sunny

    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13
    Età : 60
    Località : genova

    Re: L'hi fi e i luoghi comuni.

    Post  iano on Sun Mar 27, 2011 7:30 pm

    @Fausto.

    Quello che voglio dire è che Peppino Principe di limiti non è ha,al di là del genere.
    Mi spiego meglio.
    Credo che un grande musicista possa fare apparire grande qualunque genere musicale.
    Un pò quello che,nel nostro piccolo della musica riprodotta succede con un buon impianto.
    Io ad esempio non credo che avrei mai amato il country degli USA se non ci fossero stati Neal young e Joni Mitchell,cioè due canadesi che andati in cerca di fortuna negli USA si sono adattati al genere locale reinterpretandolo.
    Spesso quello che ha da dire un interprete và molto oltre il genere o il particolare brano.
    Cioè il genere a volte è solo uno strumento di espressione,l'importante è che non manchi ciò che c'è da esprimere.
    Prendiamo il Blues ad esempio.Senza i suoi grandi interpreti non sarebbe niente.
    Cioè come usando il niente arrivi alla massima espressione quando urge davvero esprimere qualcosa.
    Naturalmente puoi arrivare a fare dei capolavori anche usando una intera orchestra sinfonica,ci mancherebbe altro che no,ma data la magnificenza del mezzo con questa si può anche un pò barare.
    Con i mezzi che ti mette a disposizione il blues no.
    Come io amo ripetere la musica è fatta prima con gli strumenti e poi con gli esecutori/autori.
    I primi ti dicono che genere di musica devi suonare i secondi come suonarla.
    Si può accettare che i primi abbiano dei limiti,i secondi no.
    Insomma il come la suoni è più importante di cosa suoni.
    Ecco uno dei motivi per cui la musica rock senza gli impianti stereo forse non esisterebbe neanche.
    Ecco uno dei motivi per cui la musica sinfonica esisteva prima degli impianti stereo e continuerà ad esistere nonostante loro.
    Così io credo che esprimere una preferenza di genere è sempre un giudizio un pò limitato se non si precisano anche le condizioni al contorno. sunny
    Ciao,Seb.

    lizard
    Pop Music Expert

    Numero di messaggi : 6362
    Data d'iscrizione : 2009-11-06
    Località : Augusta Taurinorum

    Re: L'hi fi e i luoghi comuni.

    Post  lizard on Mon Mar 28, 2011 11:15 am

    iano wrote: Siete d'accordo?Avete altri luoghi comuni da smascherare?
    più è pesante,più suona bene

    Banano
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 10871
    Data d'iscrizione : 2008-12-22
    Età : 41
    Località : ...al mare....ma dall'altra parte!

    Re: L'hi fi e i luoghi comuni.

    Post  Banano on Mon Mar 28, 2011 1:09 pm

    lizard wrote:
    iano wrote: Siete d'accordo?Avete altri luoghi comuni da smascherare?
    più è pesante,più suona bene
    ...ovviamente: Più costa, più suona bene!


    _________________
    Il mio Impianto
    http://www.ilgazeboaudiofilo.com/t14-l-impianto-di-bananetto?highlight=bananetto

    [i]In caso di bisogno leggere il REGOLAMENTO del forum.

    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13
    Età : 60
    Località : genova

    Re: L'hi fi e i luoghi comuni.

    Post  iano on Mon Mar 28, 2011 1:34 pm

    Ah,dimenticavo la madre di tutti i luoghi comuni dell'hi fi(tenetevi forte):
    Gli impianti degli altri (cioè i vostri) suonano tutti male.
    Ma che cavolo di orecchio ci avete ragazzi?
    Scusate,ma non ce la facevo più,dovevo dirvervelo sennò esplodevo.
    Che poi dice che non siamo mai d'accordo su nulla,ma almeno su questa cosa qui siamo tutti d'accordo,no?
    affraid
    Ciao,Seb.

    Fausto
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 5904
    Data d'iscrizione : 2010-10-09
    Età : 51
    Località : LAND OF HOPE AND DREAMS

    Re: L'hi fi e i luoghi comuni.

    Post  Fausto on Mon Mar 28, 2011 2:24 pm

    iano wrote:@Fausto.

    Quello che voglio dire è che Peppino Principe di limiti non è ha,al di là del genere.
    Mi spiego meglio.
    Credo che un grande musicista possa fare apparire grande qualunque genere musicale.
    Un pò quello che,nel nostro piccolo della musica riprodotta succede con un buon impianto.
    Io ad esempio non credo che avrei mai amato il country degli USA se non ci fossero stati Neal young e Joni Mitchell,cioè due canadesi che andati in cerca di fortuna negli USA si sono adattati al genere locale reinterpretandolo.
    Spesso quello che ha da dire un interprete và molto oltre il genere o il particolare brano.
    Cioè il genere a volte è solo uno strumento di espressione,l'importante è che non manchi ciò che c'è da esprimere.
    Prendiamo il Blues ad esempio.Senza i suoi grandi interpreti non sarebbe niente.
    Cioè come usando il niente arrivi alla massima espressione quando urge davvero esprimere qualcosa.
    Naturalmente puoi arrivare a fare dei capolavori anche usando una intera orchestra sinfonica,ci mancherebbe altro che no,ma data la magnificenza del mezzo con questa si può anche un pò barare.
    Con i mezzi che ti mette a disposizione il blues no.
    Come io amo ripetere la musica è fatta prima con gli strumenti e poi con gli esecutori/autori.
    I primi ti dicono che genere di musica devi suonare i secondi come suonarla.
    Si può accettare che i primi abbiano dei limiti,i secondi no.
    Insomma il come la suoni è più importante di cosa suoni.
    Ecco uno dei motivi per cui la musica rock senza gli impianti stereo forse non esisterebbe neanche.
    Ecco uno dei motivi per cui la musica sinfonica esisteva prima degli impianti stereo e continuerà ad esistere nonostante loro.
    Così io credo che esprimere una preferenza di genere è sempre un giudizio un pò limitato se non si precisano anche le condizioni al contorno. sunny
    Ciao,Seb.


    Ritengo che esprimere una preferenza di genere non sia affatto un giudizio limitato.
    Questo indipendentemente dal precisare o meno le condizioni di contorno.
    Mi viene difficile poter pensare che un grande musicista possa fare apparire grande qualsiasi genere musicale.
    Nel nostro piccolo mondo della musica riprodotta difficile poter pensare che un impianto "top" possa far apparire grande una "Mazurca di Periferia".
    Con tutto il mio rispetto per la tradizione musicale Polacca dalla quale deriva la "Mazurka".
    Sei proprio sicuro che Neil Young e Joni Mitchell si siano adattati ad un genere seppur reinterpretandolo?
    In quale genere li collocheresti?
    Collocare Neil Young in un genere risulta, per me, molto difficile perchè la sua interpretazione è unica. (Joni Mitchell la conosco meno).
    Per quale motivo il Blues, che è un genere, non sarebbe nulla senza i suoi grandi interpreti?
    Per la scarsità di mezzi?
    Io non credo, è un genere di musica suonato in quel modo e solo reso famoso da grandi artisti.
    Mi viene difficile anche poter pensare che, ad alti livelli, un'orchestra sinfonica possa barare.
    E' vero che sono in tanti e con tanti strumenti ma, le più grandi interpretazioni, hanno lasciato il segno.
    Il Rock è, per me, un genere mmusicale suonato e cantato in vari modi di interpretarlo e solo anagraficamente nato assieme a sistemi per riprodurlo e diffoderlo.
    La musica sinfonica non poteva, a suo tempo, essere ascoltata se non andando al concerto.
    Sinceramente non ho ben compreso il concetto da te espresso relativamente a come debbano "interfacciarsi" strumenti, artisti ed esecuzioni.
    Ognuno di questi tre elementi è, per me ed ad alti livelli, di fondamentale e paritetica importanza.
    Seb: leale e sincero "chiaccherare"....
    Un salutone e fammi sapere.
    sunny



    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13
    Età : 60
    Località : genova

    Re: L'hi fi e i luoghi comuni.

    Post  iano on Mon Mar 28, 2011 3:18 pm

    @ Fausto.
    Cavolo Fausto,praticamente mi hai controbattuto su ogni punto.
    Adesso il rischio a risponderti è che venga fuori un gran polpettone ,che poi è la mia specialità.
    Inizio in disordine sparso quindi.
    Neil young,che io ho sempre amato, non avevo neanche capito che faceva Country finchè non è uscito Harwest,ma quando me ne sono accorto ormai era troppo tardi,e così ho dovuto realizzare a denti stretti che anche il Country mi piaceva.
    Puoi traslare lo stesso discorso sul nostro liscio,anche se li,ormai fattomi furbo, non ho aspettato di essere sorpreso e sono andato alla ricerca dell'artista che potesse valorozzarlo i lissssio,Peppino Principe,appunto.
    Anche se a onor del vero non sò quanto abbia giocato il fatto che allora,al tempo della scoperta, avevo un gira e Peppino era su vinile e si sà che l'analogico può essere un diavolaccio seduttore.
    Non ho Peppino su CD.Forse ho paura di restare deluso?
    Per quanto riguarda il resto volevo dire che la limitatezza/ povertà di mezzi,che può derivare da reale indisponibilità o da necessità di portatilità(La fisarmonica è un organo trasportabile) è una manna per chi non avendo fatto gli studi alti riesce comunque a portare attraverso la musica l'espressione della sua cultura,del suo essere.Nei casi più disgraziati/fortunati chi si inventa la musica si è prima inventato e costruito gli strumenti ed è questa costruzione che poi influenza la musica che sarà fatta il che ha anche un pò di fortuito.
    Prendi ad esempio il sax che inventato per entrare a far parte dell'orchestra sinfonica ha fatto invece la fortuna del jazz.
    Mrs Sax ha fatto il sax,e il sax si è messo a fare il jazz, ma questo Mrs Sax non lo aveva proprio previsto.
    Anche gli impianti di riproduzione possono essere visti in tal senso come uno strumento musicale che si è messo a fare il rock,e non erano certo questi i propositi di chi li ha inventati.
    Ciao,Seb.

    Fausto
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 5904
    Data d'iscrizione : 2010-10-09
    Età : 51
    Località : LAND OF HOPE AND DREAMS

    Re: L'hi fi e i luoghi comuni.

    Post  Fausto on Mon Mar 28, 2011 5:09 pm

    Caro Seb,
    potrei continuare a "chiaccherare" e tu con me.
    Farlo in un forum è bello perchè può far partecipi molti appassionati.
    Rimane tuttavia difficile poterlo fare in "sintesi" quando gli argomenti diventano importanti e di un certo spessore.
    L'unico modo per risolvere questo problema rimane un bel ristorante, un buon pranzo ed una bella "chiccherata" tra amici.
    Non ho fatto riferimento appositamente a del "buon vino" e ti lascio immaginare il perchè....
    Pensa quale effetto potrebbe avere sui nostri discorsi a fine pranzo!
    Scherzi a parte, come sicuramente vorrai comprendere, certi "confronti" sono molto belli ma potremmo stare ore davanti ad una tastiera ed ognuno con la sua opinione.
    Hai il mio massimo rispetto e riconosco in te una persona molto competente.
    Magari un giorno potremmo anche confrontarci visto che poi non siamo così lontani.
    Cordialissimi Saluti.
    sunny


    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13
    Età : 60
    Località : genova

    Re: L'hi fi e i luoghi comuni.

    Post  iano on Mon Mar 28, 2011 6:39 pm

    Quando vuoi Fausto,salvo che poi in versione live potrei rendere di meno,a parte il vino.Voglio dire che riprodotto sul forum vengo meglio.O almeno spero.
    Non ho alcuna competenza però,credimi.
    Tutti gli sproloqui che faccio sulla musica sono partiti molti anni fà quando,invaghitomi di una giovane pianista,ed essendo digiuno di cultura musicale,grazie alla scuola italiana, ho cercato di inventarmi qualcosa per far colpo...e incredibile ci sono riuscito.Da allora non ho più smesso di elaborare quella fortunata fregnaccia.
    La frase esatta che mi inventai li per lì era la seguente:"La musica all'80 per cento è fatta dagli strumenti" quindi dai liutai,più che dai musicisti.
    Però se si organizzasse una magnata di gruppo del forum...

    Cordiali saluti anche a te,Sebastiano.

    P.S.Insomma io lavoro molto di fantasia,più che di cultura,ma spero di essere da stimolo nel ravvivare la discussione anche se a volte sò che saltate a piè pari i miei post per eccessiva prolissità :))

    Pazzoperilpianoforte
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 5316
    Data d'iscrizione : 2009-01-12
    Età : 48
    Località : Firenze

    Re: L'hi fi e i luoghi comuni.

    Post  Pazzoperilpianoforte on Mon Mar 28, 2011 7:12 pm

    Io mi permetto di fare una considerazione.

    Una cosa è parlare di musica e interpreti (o di generi musicali), una cosa è parlare di riproduzione.

    Dico di seguito e dico alla rinfusa dei pensieri che mi sono venuti leggendo gli interventi di Iano e Fausto.

    1. Anche la musica migliore, se male interpretata, finisce per diventare mediocre e poco comunicativa. Anche l'opera più mediocre, se ben eseguita, può svelare comunque una piacevolezza che sulla carta non sembrava avere.

    2. Il genere musicale è solo una gabbia in cui ci rinchiudiamo per stereotipo. Normalmente a me non piace il sinfonico, ma le sinfonie beethoveniane sono, anche per me, fantastiche. Chiunque le esegua: quindi parlo di opere, non di esecuzioni.

    3. Alcuni artisti non sono esecutori ma cantautori. Quindi autori ed esecutori al contempo. Neil Young e la Mitchell sono fra questi. Lì non sono solo le interpretazioni a distinguere le loro opere dal genere cui appartengono: è proprio il valore dell'opera che è diverso da quello medio nella musica dello stesso genere. Come paragonare un Beethoven che esegue Beethoven ad un Clementi che esegue Clementi (con tutto il rispetto per Clementi): non c'è interpretazione che terrebbe, anche se l'interpretazione ci metterebbe sicuramente del suo.

    4. Il compito dell'impianto non è interpretare. Il compito dell'impianto è riprodurre interpretando il meno possibile, al tempo stesso non privando la musica di quell'infinità di colori, di quell'infinità di contrasti dinamici, di quella infinità di accenti che la rendono comunicativa ed emotiva. E' un compito chirurgico, da strumento di precisione. Ma non da interprete. L'impianto che interpreta, che mette del suo, è l'impianto colorato, l'impianto distorto, l'impianto che fa sentire la sua presenza. E che non aiuta la musica ma la distrugge.
    L'impianto che svolge il suo lavoro correttamente, che non interpreta, come il grande interprete rende la musica meglio comprensibile e più coinvolgente. Ma questa è l'unica analogia tra i due. La differenza sostanziale - che rende tra loro l'impianto e l'interprete due fenomeni agli antipodi - è che l'interprete ha un ruolo attivo, artistico, creativo nello svolgere il suo compito. L'impianto no: non fa arte, non crea, se crea sbaglia, deve essere una bilancia di precisione: 1 in ingresso, 1 in uscita; 2,754 in ingresso, 2,754 in uscita; 0,453678 in ingresso, 0,453678 in uscita..... e così via....



    _________________
    Vito Buono
    __________
    Accuphase DP-500 + Stax SR-009 + Stax SRM 600 Limited
    oppure
    Graaf GM-50 rivalvolato Telefunken/Valvo Amburgo/EI KT90 + ProAc D 25
    ... e tantissima musica!

      Similar topics

      -

      Current date/time is Mon Dec 05, 2016 9:42 pm