Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
Delle due una. - Page 3
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    Delle due una.

    Share

    Massimo
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 31476
    Data d'iscrizione : 2010-06-21

    Re: Delle due una.

    Post  Massimo on Fri Apr 08, 2011 3:04 pm

    Pazzoperilpianoforte wrote:Beh, veramente io sono tra questi.

    Ogni tanto investo qualcosa per migliorare la sezione cuffia (amplificazione e ciffie) del mio impianto, ancora perfettibile. Ma tra un prodotto e l'altro (per la verità gli acquisti sono pochi e sporadici) me ne frego altamente dell'impianto.... me ne dimentico proprio alla grande.

    Per me un impianto che funziona deve essere così....

    Io la penso come Vito correre, affannarsi per la ricerca del TOP del TOP ed alla fine non avere il tempo per ascoltare un po di sana e buona musica.
    Allora a che serve questa continua ed inutile ricerca dell'eden, al meglio c'è sempre il meglio. sunny

    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13
    Età : 60
    Località : genova

    Re: Delle due una.

    Post  iano on Fri Apr 08, 2011 5:28 pm

    Pazzoperilpianoforte wrote:
    iano wrote:
    Pazzoperilpianoforte wrote:
    Io sono d'accordo per quanto riguarda me, ma non me la sentirei di dire "deve essere".... una buona metà dei partecipanti a questo forum accendono l'impianto per ascoltare una buona riproduzione.... cosa molto diversa, ma su cui non credo si possa esprimere un parere di valore, un giudizio, non vi pare?
    Non colgo la sottigliezza Vito
    Io accendo l'impianto per ascoltare una buona riproduzione in effetti.
    Ciao,Sebastiano.

    Non cè alcuna sottigliezza: ad alcuni piace ascoltare musica attraverso l'impianto; ad altri interessa ascoltare l'impianto e della musica non gliene frega nulla....

    Se ti sembra una sottigliezza.....
    Allora diciamo che non capisco il motivo di questa sottigliezza.
    Io credo che l'uomo,per dote naturale,riconosce ed eventualmente apprezza ciò che è musica.Non occorre,anche se è sempre preferibile,una cultura specifica.
    Quest'uomo,nella fattispecie audiofilo,riconosce perciò che alcuni impianti producono musica.
    Se vediamo la cosa in questa ottica può diventare secondario per alcuni,quelli che appunto non hanno una particolare cultura musicale, sapere se l'impianto è in grado anche di riprodurre la musica.
    Apprezzare musica prodotta dall'impianto,che piaccia o no,fà comunque parte della cultura musicale moderna,ed a volte risulta una porta di ingresso per una cultura musicale più vasta e che rispecchia canoni più tradizionali.
    In certa musica moderna l'impianto di riproduzione,mediante l'utilizzo di nastri preregistrati,è considerato addirittura come uno strumento musicale a tutti gli effetti,cioè uno strumento capace di produrre musica.
    L'audiofilo quindi non è principalmente un musicofilo.
    Un musicofilo considera l'impianto come un utile ausilio la cui qualità spesso non è eccelsa.E' sufficiente infatti che l'impianto,più che riprodurre fedelmente,porti alla sua memoria e alla sua attenzione passaggi musicali che esso conosce bene perchè è solito ascoltare dal vivo.
    Un audiofilo non può accontentarsi di ciò.Per lui infatti è cruciale che l'impianto produca musica e al pari di un liutaio che si rispetti,non smette mai di migliorare i suoi strumenti.
    Il musicofilo invece si rassegna subito ai limiti dell'impianto e non ha comunque molto tempo da dedicargli impegnato com'è nel coltivare la sua cultura musicale.
    L'amore per la musica comunque è presente in entrambi gli elementi per il solo fatto che sono uomini.Su questo non si discute.
    Ciao,Sebastiano.

    Pazzoperilpianoforte
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 5316
    Data d'iscrizione : 2009-01-12
    Età : 48
    Località : Firenze

    Re: Delle due una.

    Post  Pazzoperilpianoforte on Fri Apr 08, 2011 5:43 pm

    Iano, devo dirti che io sono contrario a queste classificazioni.

    IO per esempio non rientro in nessuno dei tuoi schemi: io sono un musicofilo che però vuole ascoltare la sua musica al meglio e quindi necessita di impianti audio ottimi, se non straordinari. Però esisto, anche se dai tuoi schemi sembrerebbe di no... ... e non sono il solo a pensarla così su queste schermate...

    Poi ci sono audiofili a cui non frega assolutamente nulla di chi sia lo strimpellatore ch eproduce la musica che c'è sul disco e non trae piacere dalla musica in sé. Codesto audiofilo quando ascolta, non ascolta la musica ma ascolta esclusivamente i suoni che l'impainto è in grado di riprodurre. Il disco che introduce nell'impianto, a tal fine, non deve rispondere a dei requisiti artistici, e la musica non deve rispondere a dei criteri estetici. Si tratat di suoni - privi di una valenza espressiva - che hanno valore solo perché la loro riproduzione attrraverso un impianto ha una valenza emotiva. DElla serie: senti che prima ottava, senti che estremo acuto, senti che punch, ecc. ecc. ma mai senti che assolo questo chitarrista, senti che voce questa cantante, senti che talento questo batterista. Mai.

    In quest'ultimo caso la questione non è la cultura musicale di chi ascolta. La cultura musicale non c'entra nulla. C'entra solo il fatto che chi ha questo rapporto con l'Hi-Fi non ha il fine di ascoltare la musica, ha il fine di ascoltare l'impianto attraverso quei dischi che - fatto del tutto incidentale - contengono della musica. Ma l'attenzione non è affatto verso la musica. Un disco speciale valendo quanto un altro disco speciale, se non per il diverso contenuto spettrale che riproducono.

    SEcondo me voler racchiudere la multiforme realtà in una gabbia di situazioni tipo è tipico del nostro modo di ragionare, ma spesso è pregiudiziale e troppo semplificante.


    _________________
    Vito Buono
    __________
    Accuphase DP-500 + Stax SR-009 + Stax SRM 600 Limited
    oppure
    Graaf GM-50 rivalvolato Telefunken/Valvo Amburgo/EI KT90 + ProAc D 25
    ... e tantissima musica!

    ema49
    Musicofilo

    Numero di messaggi : 6951
    Data d'iscrizione : 2010-03-12
    Età : 67

    Re: Delle due una.

    Post  ema49 on Fri Apr 08, 2011 6:41 pm

    iano wrote:L'audiofilo quindi non è principalmente un musicofilo.
    Un musicofilo considera l'impianto come un utile ausilio la cui qualità spesso non è eccelsa.E' sufficiente infatti che l'impianto,più che riprodurre fedelmente,porti alla sua memoria e alla sua attenzione passaggi musicali che esso conosce bene perchè è solito ascoltare dal vivo.
    Un audiofilo non può accontentarsi di ciò.Per lui infatti è cruciale che l'impianto produca musica e al pari di un liutaio che si rispetti,non smette mai di migliorare i suoi strumenti.

    Bene Iano, è quello che io ho sempre sostenuto e che ho sempre constatato. Chi fa musica o frequenta moltissimo i concerti, raramente o quasi mai, possiede impianti rivelatori, trasparenti...odia normalmente le prese d'aria del clarinettista in un concerto trovandole del tutto innaturali o i rumori del pedale dell'organo che dal vivo non esistono. Tutti i musicisti che ho conosciuto, proprio alla Pergola a Firenze, trovavano innaturali i suoni prodotti dallo "stereo", chi possedeva un impianto (ed erano pochissimi, accontentandosi la maggior parte di compattoni giap) era un pesce raro e di solito si trattava di impianti che un audiofilo avrebbe buttato dalla finestra. Chi la musica la vive perché professionista o perché assiduo frequentatore delle sale da concerto ha un equalizzatore mentale che supplisce molto facilmente alle carenze degli accrocchi con i quali la ascolta. E vive felice.


    _________________


    "Chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola." Paolo Borsellino (19/1/40-19/7/92).

    Pazzoperilpianoforte
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 5316
    Data d'iscrizione : 2009-01-12
    Età : 48
    Località : Firenze

    Re: Delle due una.

    Post  Pazzoperilpianoforte on Fri Apr 08, 2011 6:43 pm

    IO vorrei far notare che fra musicofilo (appassionato di musica) e musicista (colui che la musica la fa per lavoro) c'è una certa differenza.

    Il musicista non ha tipicamente impianti audio di rilievo. E spesso non è nemmeno interessato alla discografia.

    Il musicologo invece ha spesso impianti almeno di buone pretese: poi magari non sfocia in una passione tale da spenderci decine di migliaia di euro nell'impianto, ma questo è un'altro discorso....

    Poi certo tra i musicofili c'è anche chi non è interessato alla discografia..... e questi ovviamente quello che ascoltano a casa possono farlo magari anche su un radioregistratore portatile... costoro di solito la musica se la godono ai concerti, il resto per loro è accessorio...

    Ma anche qui non generalizzerei troppo, francamente..... quando vendevo Hi-Fi i più entusiasti acquirenti di impianti erano proprio i musicofili.


    _________________
    Vito Buono
    __________
    Accuphase DP-500 + Stax SR-009 + Stax SRM 600 Limited
    oppure
    Graaf GM-50 rivalvolato Telefunken/Valvo Amburgo/EI KT90 + ProAc D 25
    ... e tantissima musica!

    ema49
    Musicofilo

    Numero di messaggi : 6951
    Data d'iscrizione : 2010-03-12
    Età : 67

    Re: Delle due una.

    Post  ema49 on Fri Apr 08, 2011 7:05 pm

    Pazzoperilpianoforte wrote:
    Il musicologo invece ha spesso impianti almeno di buone pretese: poi magari non sfocia in una passione tale da spenderci decine di migliaia di euro nell'impianto, ma questo è un'altro discorso....

    Poi certo tra i musicofili c'è anche chi non è interessato alla discografia..... e questi ovviamente quello che ascoltano a casa possono farlo magari anche su un radioregistratore portatile... costoro di solito la musica se la godono ai concerti, il resto per loro è accessorio...

    Ma anche qui non generalizzerei troppo, francamente..... quando vendevo Hi-Fi i più entusiasti acquirenti di impianti erano proprio i musicofili.

    Quoto la prima parte in neretto, normalmente a parte qualche rara eccezione in cui il musicofilo è anche audiofilo, il primo non perde tempo in cavi, amplificatori, cdp. Normalmente bada ai diffusori, per lui cuore dell'impianto. Questo è vero...in compenso perdeva molto tempo negli ex negozi di dischi..ed ora al computer (sob!!) per l'acquisto on line


    _________________


    "Chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola." Paolo Borsellino (19/1/40-19/7/92).

    Massimo
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 31476
    Data d'iscrizione : 2010-06-21
    Età : 61
    Località : Portici (NA)

    Re: Delle due una.

    Post  Massimo on Fri Apr 08, 2011 7:26 pm

    Tutti parlano di rivoluzione tecnologica, sarà, ma trovo così squallido l'acquisto on-line (opinione personale)
    Era così bello andare a cercare il disco preferito, si giravano tanti negozi, si cercava tra gli scaffali, potevi chiedere, avere informazioni, oggi ...


    _________________
    Quando il dito indica la luna, l'imbecille guarda il dito

    Pazzoperilpianoforte
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 5316
    Data d'iscrizione : 2009-01-12
    Età : 48
    Località : Firenze

    Re: Delle due una.

    Post  Pazzoperilpianoforte on Fri Apr 08, 2011 7:37 pm

    E' un problema Massimo.

    I negozi reali sono costretti a trattare piccoli stock di prodotto e purtroppo la distribuzione italiana è follemente costosa rispetto a quella europea, sui dischi di repertorio.

    Sui dischi nuovi io continuo ad andare dal mio negozio di fiducia, anche se devo a volte ordinare il prodotto per averlo. Ma per quanto riguarda le ristampe di incisioni storiche, comprando in rete sulla classica si risparmia fino al 40 % (!!!!!!!!!).

    Come faccio a comprare in Italia il cofanetto di Oistrak a 79 euro quando da JPC lo trovo a 39 euro???

    La colpa reale è della distribuzione italiana: vuole guadagnarci troppo, e per troppo volere non ci guadagna nulla! Stupidi....



    _________________
    Vito Buono
    __________
    Accuphase DP-500 + Stax SR-009 + Stax SRM 600 Limited
    oppure
    Graaf GM-50 rivalvolato Telefunken/Valvo Amburgo/EI KT90 + ProAc D 25
    ... e tantissima musica!

    Massimo
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 31476
    Data d'iscrizione : 2010-06-21
    Età : 61
    Località : Portici (NA)

    Re: Delle due una.

    Post  Massimo on Fri Apr 08, 2011 7:51 pm



    _________________
    Quando il dito indica la luna, l'imbecille guarda il dito

    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13
    Età : 60
    Località : genova

    Re: Delle due una.

    Post  iano on Fri Apr 08, 2011 9:04 pm

    Pazzoperilpianoforte wrote:Iano, devo dirti che io sono contrario a queste classificazioni.

    IO per esempio non rientro in nessuno dei tuoi schemi: io sono un musicofilo che però vuole ascoltare la sua musica al meglio e quindi necessita di impianti audio ottimi, se non straordinari. Però esisto, anche se dai tuoi schemi sembrerebbe di no... ... e non sono il solo a pensarla così su queste schermate...

    Poi ci sono audiofili a cui non frega assolutamente nulla di chi sia lo strimpellatore ch eproduce la musica che c'è sul disco e non trae piacere dalla musica in sé. Codesto audiofilo quando ascolta, non ascolta la musica ma ascolta esclusivamente i suoni che l'impainto è in grado di riprodurre. Il disco che introduce nell'impianto, a tal fine, non deve rispondere a dei requisiti artistici, e la musica non deve rispondere a dei criteri estetici. Si tratat di suoni - privi di una valenza espressiva - che hanno valore solo perché la loro riproduzione attrraverso un impianto ha una valenza emotiva. DElla serie: senti che prima ottava, senti che estremo acuto, senti che punch, ecc. ecc. ma mai senti che assolo questo chitarrista, senti che voce questa cantante, senti che talento questo batterista. Mai.

    In quest'ultimo caso la questione non è la cultura musicale di chi ascolta. La cultura musicale non c'entra nulla. C'entra solo il fatto che chi ha questo rapporto con l'Hi-Fi non ha il fine di ascoltare la musica, ha il fine di ascoltare l'impianto attraverso quei dischi che - fatto del tutto incidentale - contengono della musica. Ma l'attenzione non è affatto verso la musica. Un disco speciale valendo quanto un altro disco speciale, se non per il diverso contenuto spettrale che riproducono.

    SEcondo me voler racchiudere la multiforme realtà in una gabbia di situazioni tipo è tipico del nostro modo di ragionare, ma spesso è pregiudiziale e troppo semplificante.
    Le classificazioni sono semplificazioni necessarie.Senza di esse non potremmo descrivere alcunchè perchè di esse è farcito ogni linguaggio.
    Ovvio che la realtà è più sfaccettata,sempre.
    Non è affatto vero però,e questo ho cercato di dire nel mio post precedente,che l'audiofilo,pur nella sua schematizzazione volutamente estrema di chi non coltiva cultura musicale,non goda della musica che un impianto può restituire,indipendentemente dal discorso "fedeltà a ciò che c'è sul supporto" (che non significa nulla ai fini pratici),ma ci piace dirlo.
    E ,sempre indipendentemente dal discorso fedeltà,vero è che a volte l'impianto riproduce suoni privi di intreccio,privi di interplay ,privi di musica nel soggettivo sentire.Ma questo è un altro discorso ed è un evento che non è raro ascoltare anche dal vivo,come tu ben sai.
    Sei tu mi pare allora che ti stai inventando la categoria degli audiofiloni oni oni cercando di classificarli all'interno di un ideale ghetto.
    E comunque la musica è un insieme di suoni.Si può dire che non piace quella musica,ma non può essere una critica dire che si tratta di un insieme di suoni.
    Ancora,se qualcosa ha una valenza emotiva,non si può dire che possa non avere una valenza espressiva,anche se fosse una espressività che nulla a che vedere con le intenzioni "dell'autore esecutore tecnico di registrazione" e non si può neanche dire che si tratti di una espressione casuale perchè causali sono state le intenzioni di chi ha costruito ed assemblato l'impianto.
    Capisco che tutti questi concetti sono alter rispetto alla cultura classica di cui tu sei ben fornito,ma purtuttavia hanno diritto di cittadinaza nell'eterogeneo mondo dell'arte di cui la musica è una parte.
    Tu dici,"senti che prima ottava,senti che acuti" e questo è ciò che si dice quando si ascolta un impianto e questo e ciò che certifica la distanza che c'è fra un impianto e la musica live.Ma non è affato vero che nessuno dica mai "guarda che voce,guarda che talento questo batterista" e quando lo dice sta facendo il massimo complimento possibile ad un impianto.
    Quindi in conclusione non è affatto vero che un impianto,al di là dell'ambiguo discorso fedeltà,non possa produrre musica e non è affatto vero che possa esserci chi si dispone ad ascoltare un impianto non per ascoltare musica.
    Che poi quella musica,quando come tale appare,possa essere distante xxmilamiglia dalle intenzioni dell'autore,questo è un altro discorso.Tu però escludi che questa possa essere mai musica e la tua è un'opinione rispettabile. sunny
    Ciao,Sebastiano.

    Pazzoperilpianoforte
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 5316
    Data d'iscrizione : 2009-01-12
    Età : 48
    Località : Firenze

    Re: Delle due una.

    Post  Pazzoperilpianoforte on Sat Apr 09, 2011 9:56 am

    Iano, io veramente non comprendo se sono io a spiegarmi male, o se sei tu che prendi quello che dico con una tendenza alle generalizzazione che è del tutto assente dalle mie parole.

    Che esistano appassionati di Hi-Fi ai quali nulla importa della musica è un fatto certo. Air l'ha più volte detto chiaramente di essere tra questi. Non sono io che invento o presumo.

    Se io acquisto il disco X di Tom Waits, sono un appassionato di musica che ama Tom Waits. Se io acquisto esclusivamente il disco X della casa discografica Y perché nella terza traccia ha un basso elettrico da terremoto, e di quel disco ascolto solo quei cinque minuti col basso elettrico di terremoto, io credo che l'interesse che ho della musica, così come affermano le persone che in questo modo vivono l'Hi-Fi (e ce ne sono, non me le invento), è estremamente marginale, per non dire nullo....

    Se a te tranquillizza pensare che costoro - senza saperlo ovviamente - amino comunque la musica perché ascoltare dei suoni è comunque fatto musicale, non voglio dissuaderti, ma io preferisco restare a ciò che mi dice la persona di cui riferisco più che fare illazioni personali. Quando si fanno illazioni più che altro proiettiamo noi stessi nell'altro. Più che fare illazioni a mio parere occorre ascoltare l'altro e comprendere, prendere atto, non proiettarsi.

    Non credo inoltre che prendere atto dell'esistenza di persone diverse da me significhi ghettizzarle. Significa al contrario riconoscerne l'esistenza e rispettare questa esistenza. E guarda che io sono un esperto di diversità , quindi credo di sapere cosa dico....

    Che poi tutti gli audiofili la pensino in questo modo, io non l'ho mai detto semplicemente perché non lo credo, anche se a leggere te sembrerebbe di si. Ti invito a citarmi il post dove avrei fatto questa affermazione. A me sembra una tua generalizzazione, non una mia.

    Ripeto: esistono audiofili che non sono affatto interessati alla musica; esistono poi audiofili che sono centrati sull'HI-Fi ma amano anche la musica; esistono inoltre musicofili a cui l'Hi-Fi non interessa; esistono però anche musicofili per i quali l'HI-Fi è il mezzo indispensabile per godere della loro passione. Esiste tutto questo ed esistono anche tutte le convinzioni intermedie. Riconoscerlo mi sembra un doveroso atto di onestà intellettuale, non mi sembra voler ghettizzare nessuno.

    Ghettizzare vuol dire non riconoscere liceità all'esistente, quindi emarginarlo. Esattamente il contrario di quello che sto cercando di fare io, che invece dò pari liceità a tutte le posizioni, prendendo inoltre atto della loro esistenza..... se poi qualcuna di queste realtà ti sembra scomoda da accettare mi dispiace, ma ciò non toglie che questa realtà esiste al di là delle tue scomodità.

    Spero ora di essermi spiegato....


    _________________
    Vito Buono
    __________
    Accuphase DP-500 + Stax SR-009 + Stax SRM 600 Limited
    oppure
    Graaf GM-50 rivalvolato Telefunken/Valvo Amburgo/EI KT90 + ProAc D 25
    ... e tantissima musica!

    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13
    Età : 60
    Località : genova

    Re: Delle due una.

    Post  iano on Sat Apr 09, 2011 12:53 pm

    Si,ti sei spiegato meglio Vito.
    E' vero,mi piace pensare che Air non sappia quello che dice,oppure che semplicemente dissimuli perchè non ama essere tirato dentro certi discorsi.
    Prima o poi mi capiterà di fare due chiacchiere in privato con Air e allora risolverò il mistero. sunny
    Intanto buoni ascolti a tutti ai belli e ai brutti affraid
    Seb.

    Massimo
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 31476
    Data d'iscrizione : 2010-06-21
    Età : 61
    Località : Portici (NA)

    Re: Delle due una.

    Post  Massimo on Sat Apr 09, 2011 2:06 pm

    Buon ascolto a te Seb.


    _________________
    Quando il dito indica la luna, l'imbecille guarda il dito

    matley
    IL "pulcioso"
    IL

    Numero di messaggi : 17268
    Data d'iscrizione : 2008-12-21
    Età : 56
    Località : Colle Val D'Elsa

    Re: Delle due una.

    Post  matley on Sat Apr 09, 2011 2:55 pm

    Pazzoperilpianoforte wrote:
    Ripeto: esistono audiofili che non sono affatto interessati alla musica; esistono poi audiofili che sono centrati sull'HI-Fi ma amano anche la musica; esistono inoltre musicofili a cui l'Hi-Fi non interessa; esistono però anche musicofili per i quali l'HI-Fi è il mezzo indispensabile per godere della loro passione. Esiste tutto questo ed esistono anche tutte le convinzioni intermedie. Riconoscerlo mi sembra un doveroso atto di onestà intellettuale, non mi sembra voler ghettizzare nessuno.


    Oddio....
    ummiricordo + che cìò scritto sulla targhetta....
    mmhhh...di quale razza farò parte.. Razz


    _________________
     
     
    Non seguire una strada...."CREALA!



    "ma se i Cavi non ce-l'hai 'ndo vai..." ?



    Spoiler:
    https://i68.servimg.com/u/f68/13/38/17/01/pre_cj11.jpg

    Massimo
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 31476
    Data d'iscrizione : 2010-06-21
    Età : 61
    Località : Portici (NA)

    Re: Delle due una.

    Post  Massimo on Sat Apr 09, 2011 3:14 pm

    matley wrote:
    Oddio....
    ummiricordo + che cìò scritto sulla targhetta....
    mmhhh...di quale razza farò parte.. Razz
    Quella dei BARBONCINI affraid affraid affraid affraid affraid affraid


    _________________
    Quando il dito indica la luna, l'imbecille guarda il dito

    Pazzoperilpianoforte
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 5316
    Data d'iscrizione : 2009-01-12
    Età : 48
    Località : Firenze

    Re: Delle due una.

    Post  Pazzoperilpianoforte on Sat Apr 09, 2011 3:46 pm

    matley wrote:
    Oddio....
    ummiricordo + che cìò scritto sulla targhetta....
    mmhhh...di quale razza farò parte.. Razz

    Di quelli che rompono le balle di continuo con l'alimentazione capacitivo-induttiva ....


    _________________
    Vito Buono
    __________
    Accuphase DP-500 + Stax SR-009 + Stax SRM 600 Limited
    oppure
    Graaf GM-50 rivalvolato Telefunken/Valvo Amburgo/EI KT90 + ProAc D 25
    ... e tantissima musica!

    matley
    IL "pulcioso"
    IL

    Numero di messaggi : 17268
    Data d'iscrizione : 2008-12-21
    Età : 56
    Località : Colle Val D'Elsa

    Re: Delle due una.

    Post  matley on Sat Apr 09, 2011 3:49 pm

    ...ecco
    me-la son cercata... Laughing

    ciao vito..


    Ps: quando arriva il barbuto mi massacra... Laughing


    _________________
     
     
    Non seguire una strada...."CREALA!



    "ma se i Cavi non ce-l'hai 'ndo vai..." ?



    Spoiler:
    https://i68.servimg.com/u/f68/13/38/17/01/pre_cj11.jpg

    Pazzoperilpianoforte
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 5316
    Data d'iscrizione : 2009-01-12
    Età : 48
    Località : Firenze

    Re: Delle due una.

    Post  Pazzoperilpianoforte on Sat Apr 09, 2011 3:52 pm

    eh si, mi sa che ti tocca il massacro...


    _________________
    Vito Buono
    __________
    Accuphase DP-500 + Stax SR-009 + Stax SRM 600 Limited
    oppure
    Graaf GM-50 rivalvolato Telefunken/Valvo Amburgo/EI KT90 + ProAc D 25
    ... e tantissima musica!

    ema49
    Musicofilo

    Numero di messaggi : 6951
    Data d'iscrizione : 2010-03-12
    Età : 67

    Re: Delle due una.

    Post  ema49 on Sat Apr 09, 2011 4:09 pm

    Pazzoperilpianoforte wrote:
    matley wrote:
    Oddio....
    ummiricordo + che cìò scritto sulla targhetta....
    mmhhh...di quale razza farò parte.. Razz

    Di quelli che rompono le balle di continuo con l'alimentazione capacitivo-induttiva ....



    _________________


    "Chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola." Paolo Borsellino (19/1/40-19/7/92).

    pluto
    Moderatore - discobolo

    Numero di messaggi : 21504
    Data d'iscrizione : 2010-10-05
    Età : 58
    Località : Genova

    Re: Delle due una.

    Post  pluto on Sat Apr 09, 2011 5:03 pm

    Pazzoperilpianoforte wrote:
    Se io acquisto il disco X di Tom Waits, sono un appassionato di musica che ama Tom Waits.

    azz.. ma allora non sei solo Pazzo per il Pianoforte O stai barando?

    Pazzoperilpianoforte
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 5316
    Data d'iscrizione : 2009-01-12
    Età : 48
    Località : Firenze

    Re: Delle due una.

    Post  Pazzoperilpianoforte on Sat Apr 09, 2011 5:22 pm

    Non volevo fare un esempio di classica.... giusto per evitare la monotonia....


    _________________
    Vito Buono
    __________
    Accuphase DP-500 + Stax SR-009 + Stax SRM 600 Limited
    oppure
    Graaf GM-50 rivalvolato Telefunken/Valvo Amburgo/EI KT90 + ProAc D 25
    ... e tantissima musica!

    pluto
    Moderatore - discobolo

    Numero di messaggi : 21504
    Data d'iscrizione : 2010-10-05
    Età : 58
    Località : Genova

    Re: Delle due una.

    Post  pluto on Sat Apr 09, 2011 5:29 pm

    Si qui giochiamo fuori casa, in trasferta

    ema49
    Musicofilo

    Numero di messaggi : 6951
    Data d'iscrizione : 2010-03-12
    Età : 67

    Re: Delle due una.

    Post  ema49 on Sat Apr 09, 2011 5:36 pm

    pluto wrote:Si qui giochiamo fuori casa, in trasferta

    nooooo, io ascolto molto Guccini, De André, De Gregori, il vecchio Paoli, Tenco.....e tutti i cantautori dell mia lontana gioventù. Mi ricordano tanti bei momenti.. Razz


    _________________


    "Chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola." Paolo Borsellino (19/1/40-19/7/92).

    Massimo
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 31476
    Data d'iscrizione : 2010-06-21
    Età : 61
    Località : Portici (NA)

    Re: Delle due una.

    Post  Massimo on Sat Apr 09, 2011 5:55 pm

    Che bello ricordare la gioventù, ... basta non fossilizzarsi.


    _________________
    Quando il dito indica la luna, l'imbecille guarda il dito

    Pazzoperilpianoforte
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 5316
    Data d'iscrizione : 2009-01-12
    Età : 48
    Località : Firenze

    Re: Delle due una.

    Post  Pazzoperilpianoforte on Sat Apr 09, 2011 6:03 pm

    Io quando ero giovinetto ascoltavo i Kiss, gli ACDC, i Van Halen......


    _________________
    Vito Buono
    __________
    Accuphase DP-500 + Stax SR-009 + Stax SRM 600 Limited
    oppure
    Graaf GM-50 rivalvolato Telefunken/Valvo Amburgo/EI KT90 + ProAc D 25
    ... e tantissima musica!

    ema49
    Musicofilo

    Numero di messaggi : 6951
    Data d'iscrizione : 2010-03-12
    Età : 67

    Re: Delle due una.

    Post  ema49 on Sat Apr 09, 2011 6:15 pm

    Pazzoperilpianoforte wrote:Io quando ero giovinetto ascoltavo i Kiss, gli ACDC, i Van Halen......

    e ora non ti viene voglia di riascoltarli? A me piace riesumare vecchi sentimenti, situazioni, insomma parte del mio vissuto e la musica a questo legato..
    Forse sei ancora troppo giovane per rimescolare nel tuo passato. In effetti alla tua età tutti i miei dischi dei citati cantautori erano accantonati. Li ho amorevolmente tirati fuori da 4-5 anni.


    _________________


    "Chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola." Paolo Borsellino (19/1/40-19/7/92).

      Current date/time is Sat Dec 03, 2016 1:21 am