Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
Caffè psicologia ed audiofilia - Page 2
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    Caffè psicologia ed audiofilia

    Share

    desmoraf68
    Sordogolo 3

    Numero di messaggi : 4540
    Data d'iscrizione : 2011-01-14

    Re: Caffè psicologia ed audiofilia

    Post  desmoraf68 on Sat May 21, 2011 11:37 am

    Massimo wrote:
    Fausto wrote:
    Anche in macchina, a volte, la "radiolina" aiuta....
    sunny
    Laughing Laughing Laughing molto ...anche senza ascolti audiophile Laughing Laughing Laughing


    Non mi offendete il Car Audio Laughing Laughing

    Massimo
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 31502
    Data d'iscrizione : 2010-06-21
    Età : 61
    Località : Portici (NA)

    Re: Caffè psicologia ed audiofilia

    Post  Massimo on Sat May 21, 2011 11:58 am

    desmoraf68 wrote:

    Non mi offendete il Car Audio Laughing Laughing
    Anch'io avevo 4 ruote che portavano in giro l'impianto, ma fortunatamente c'è moglie e figli che non sapevo dove mettere, così ho dovuto decidere.
    Meglio la famiglia. Laughing Laughing Laughing


    _________________
    Quando il dito indica la luna, l'imbecille guarda il dito

    desmoraf68
    Sordogolo 3

    Numero di messaggi : 4540
    Data d'iscrizione : 2011-01-14
    Età : 48
    Località : Prov. Arezzo

    Re: Caffè psicologia ed audiofilia

    Post  desmoraf68 on Sat May 21, 2011 12:31 pm

    Massimo wrote:
    desmoraf68 wrote:

    Non mi offendete il Car Audio Laughing Laughing
    Anch'io avevo 4 ruote che portavano in giro l'impianto, ma fortunatamente c'è moglie e figli che non sapevo dove mettere, così ho dovuto decidere.
    Meglio la famiglia. Laughing Laughing Laughing


    Questo è poco, ma sicuro, la famiglia prima di tutto, ma ho la macchina completamente usufruibile, altrimenti non ascoltavo la musica pure in auto, come in casa; che là ascolto con il pc con dac esterno su cuffia senza ampli (da decidere)


    Last edited by desmoraf68 on Sat May 21, 2011 6:53 pm; edited 1 time in total (Reason for editing : orrore orto...pedico)


    _________________
    Raffaele

    Chi sa fare la musica la fa, chi la sa fare meno la insegna, chi la sa fare ancora meno la organizza, chi la sa fare così così la critica. (Luciano Pavarotti)

    Gli appassionati di musica sono assolutamente irragionevoli. Vogliono essere sempre perfettamente muti quando si dovrebbe desiderare di essere assolutamente sordi. (Oscar Wilde)

    Non posso immaginare la mia vita o quella di chiunque altro senza la musica: è come una luce nel buio che non si spegne mai. (Martin Scorsese)


    Fausto
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 5904
    Data d'iscrizione : 2010-10-09
    Età : 51
    Località : LAND OF HOPE AND DREAMS

    Re: Caffè psicologia ed audiofilia

    Post  Fausto on Sat May 21, 2011 3:09 pm

    desmoraf68 wrote:
    Massimo wrote:
    Fausto wrote:
    Anche in macchina, a volte, la "radiolina" aiuta....
    sunny
    Laughing Laughing Laughing molto ...anche senza ascolti audiophile Laughing Laughing Laughing


    Non mi offendete il Car Audio Laughing Laughing


    Ci mancherebbe Raffaele!!!! sunny sunny
    Sulla macchina della Ditta l'impianto è di serie.
    Ma sulla mia l'ho rifatto tutto anche se devo ancora finirlo.
    La uso pochissimo ed allora ho tutto il tempo....
    Anche il Car Audio ha il suo fascino.
    sunny sunny

    desmoraf68
    Sordogolo 3

    Numero di messaggi : 4540
    Data d'iscrizione : 2011-01-14
    Età : 48
    Località : Prov. Arezzo

    Re: Caffè psicologia ed audiofilia

    Post  desmoraf68 on Sat May 21, 2011 6:56 pm

    Fausto wrote:
    desmoraf68 wrote:
    Massimo wrote:
    Fausto wrote:
    Anche in macchina, a volte, la "radiolina" aiuta....
    sunny
    Laughing Laughing Laughing molto ...anche senza ascolti audiophile Laughing Laughing Laughing


    Non mi offendete il Car Audio Laughing Laughing


    Ci mancherebbe Raffaele!!!! sunny sunny
    Sulla macchina della Ditta l'impianto è di serie.
    Ma sulla mia l'ho rifatto tutto anche se devo ancora finirlo.
    La uso pochissimo ed allora ho tutto il tempo....
    Anche il Car Audio ha il suo fascino.
    sunny sunny

    Ha il suo fascino senza dubbio,mai io sono anche stato costretto per causa del mio lavoro (Carabiniere), non avendo una propria abitazione fino al matrimonio .. ora ho la moglie "che un vole" (cit. in toscano) per motivi di spazio


    _________________
    Raffaele

    Chi sa fare la musica la fa, chi la sa fare meno la insegna, chi la sa fare ancora meno la organizza, chi la sa fare così così la critica. (Luciano Pavarotti)

    Gli appassionati di musica sono assolutamente irragionevoli. Vogliono essere sempre perfettamente muti quando si dovrebbe desiderare di essere assolutamente sordi. (Oscar Wilde)

    Non posso immaginare la mia vita o quella di chiunque altro senza la musica: è come una luce nel buio che non si spegne mai. (Martin Scorsese)


    Biggy
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 245
    Data d'iscrizione : 2011-03-05
    Età : 37
    Località : Messina

    Re: Caffè psicologia ed audiofilia

    Post  Biggy on Mon May 23, 2011 8:05 am

    Salv.Scarfone wrote:
    iano wrote:Diciamo che se l'impianto non è equilibrato (e quale lo è?) allora il buon umore e l'essere sereni ci può mettere una pezza.
    Ad esempio la storia della corrente che la sera è meglio,a me sembra che la differenza è tanto più marcata quanto più l'impianto non è sinergico.
    Cioè voglio dire che quanto più l'equilibrio di un impianto è risicato tanto più è facile che all'impianto saltino i nervi per troppi caffè sunny
    Ciao,Seb.
    non sono d'accordo,tanto piu l'impianto e l'ambiente sono equilibrati tanto piu noti pure la caccola di una mosca che lo sporca Spiego:in un impianto con evidenti problemi acustici,questi saranno così evidenti che il problema della corrente o altre "piccolezze" saranno talmente coperti che non è che tu non li senta,ma il fatto è che essi andranno a sommarsi al problema principale.Rimanendo in tema:se in una cagata di mucca ci aggiungi una caccola del naso,quella ci si perde all'interro e tu neanche la noti,ma lei è la dentro,ed aumenta il volume del "tortone" Ma se spiaccichi una caccola su uno specchio abbastanza pulito,è ovvio che la noti subito!

    in un impianto squilibrato i nervi e il mal di testa li hai dopo 10 minuti.


    Sono in buona parte d'accordo: se un impianto è moscio e attufato, "caldo" per così dire, in tutti i momenti della giornata suonerà e non ci si accorgerà di nulla.

    Ma se un sistema è perfettamente equilibrato e di livello tendente all'alto, ti farà sentire quello che c'è, anche io infatti ascolto meglio la notte e nei festivi quando la corrente è di un'altra qualità e ci sono meno rumori ambientali.

    Purtroppo questo è il rovescio della medaglia anche di avere diffusori B&W, appena c'è un problema da qualche parte (in te, nella corrente o proprio nel sistema) il tweeter ti punisce, e come dice Salvatore anche il fattore psico/fisico entra tanto in gioco : se sei stanco, hai mal di testa, non hai dormito bene etc. anche qualcosa che in altri momenti tollereresti in quel momento diventa tollerabile.

    Certo, ripeto, se poi si ha un sistema tendenzialmente "caldo" e che suona tutto a modo suo a prescindere da quello che gli mandi, difficilmente specie nel registro acuto (quello più critico per la fatica d'ascolto) ci saranno elementi che porteranno a infastidire, fare un sistema così è una scelta e da un certo punto di vista non è criticabile perchè sarebbe un impianto pensato per suonare musica in maniera piacevole senza troppi patemi.

    L'unica scelta che non condivido è quella di tanti "audiofili" che realizzano impianti dal suono falso, palesemente spostato sulle medioalte, con basso secco e asciutto oltre che segato sotto i 60Hz, fatti per riprodurre microdettagli e scena sonora, e non per suonare musica, da qui si capisce perchè tanti sono sempre insoddisfatti e cambiano sempre qualcosa, e perchè poi dicano che hanno impianti di così alto livello che svelano le schifezze delle registrazioni, ed è cosa buona e giusta lasciarl ispenti ed usare il compattone anni 80 per sentire musica comune.

    Ecco, per me questa è audiofilia fuorviante e pericolosa.


    _________________
    Saluti

    Emanuele

    Clicca QUI per vedere il mio sistema

    fabiovob
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 7461
    Data d'iscrizione : 2009-10-01

    Re: Caffè psicologia ed audiofilia

    Post  fabiovob on Mon May 23, 2011 8:11 am

    Fausto wrote:Io, sinceramente, ascolto musica in assoluto relax fisco e mentale.
    Il Sabato pomeriggio e, mie donne permettendo, la Domenica pomeriggio: ascolto tanta musica....
    Questo ascoltare mi distrae da ogni preoccupazione, pensiero od ansia. sunny
    Fortunatamente, mentre ascolto, non mi è mai capitato di trovarmi a disagio....
    Direi che può considerarsi un evento positivo....

    Ciao. sunny

    Concordo al 100% con Fausto.
    L'unico problema è sganciarmi dalle fatiche domestiche................perchè la frase fatidica apena mia moglie vede che mi accingo a varcare la soglia del tempio è la seguente: " E adesso che fai te ne vai a sentire la musica? Non facciamo 4 chiacchiere? Vedi quante cose ci sono da fare in casa?"

    Biggy
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 245
    Data d'iscrizione : 2011-03-05
    Età : 37
    Località : Messina

    Re: Caffè psicologia ed audiofilia

    Post  Biggy on Mon May 23, 2011 8:27 am

    Io nella futura casa di proprietà infatti vorrò realizzare un soggiorno/cucina, l'ambiente principale della casa dove fare praticamente tutto, centrato sul sistema audio/video, ancora non so (dipende da tante cose) se lasciando integrato l'impianto stereo principale nell'audio/video oppure separandolo e mettendolo in un altro posto (tipo il mio studio) e lasciando lì i soli componenti audio/video, magari nel tempo da rivedere, cambiando i diffusori Indiana Line Arbour (i frontali li ho ancora conservati) con qualcosa di più "musicale" (ho sempre pensato alla serie CM di B&W), la sorgente audio-video (dalla Ps3 al lettore Blu Ray universale Denon) e magari anche l'amplificazione (un onesto multicanale integrato Denon 3808, passando al top di gamma Denon pre e finale multicanale o ad altro, da valutare sul momento).

    In questo modo perlomeno si potrebbe sentire musica in sottofondo oppure anche in maniera più attenta sul punto di ascolto ma senza isolarsi dal resto della casa.



    _________________
    Saluti

    Emanuele

    Clicca QUI per vedere il mio sistema

    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13
    Età : 60
    Località : genova

    Re: Caffè psicologia ed audiofilia

    Post  iano on Mon May 23, 2011 10:11 am

    Dunque ,da questa discussione risulta che certamente l'umore è determinante per una buona usufruzione della musica,ma direi non solo quella riprodotta.
    Se però si tratta di quella riprodotta si aggiungono complicazioni la spiegazione delle cui cause variano a seconda della filosofia che abbracciamo:

    1.Se l'impianto è di alto livello e quindi ben rivelatore,dicono alcuni,piccole cause,che per loro stessa natura spesso rimangono nascote,comprese quelle umorali,determinano un decadimento della qualità percepita all'ascolto.

    Oppure.

    2.Un impianto che sulla carta è di alto livello,perchè di alto livello sono i suoi componenti,venendo a mancare di sinergia,è più sensibile alle piccole variazioni,di umore od altro.

    Il punto due in effetti è esso stesso una possibile definizione di sinergia,che io abbraccio.

    Un impianto del genere 1,più che essere influenzato dal nostro umore,influenza il nostro umore.

    Al contrario un impianto sinergico è lì proprio per smussare gli angoli del nostro eventuale cattivo umore,perchè potenzialmente rimane immune ai piccoli e insondabili cambiamenti nel suo stato elettrico derivante da accidenti più o meno esterni ad esso.

    Qualunque sia il punto di vista che abbracciate mi rimane la curiosità di cosa intendete voi per impianto sinergico,dandone una definizione che abbia un valore fattivo e pratico,come credo sia quella he ho dato io.

    Esempio.Venendo nel mio carruggio di sperimentatore di cavi e riferendomi alla prova recentemente fatta nell'impianto di Air, i cavi hanno confermato lo stesso carattere che avevo rilevato col mio impianto,ma non hanno stravolto il carattere dell'impianto,Se lo avessero stravolto ne avrei dedotto che,al di là del diverso livello dell'impianto,perchè la definizione di sinergia da me data prescinde dal livello dell'impianto,ne avrei dedotto dicevo, che il mio impianto, oppure quello di Air,non è sinergico.
    Quindi un impianto sinergico è quello che ci restituisce per lo più il carattere del nuovo componente inserito senza che venga stravolto il suo carattere di base.

    Ciao,Seb.
    Lo sò che è un post lungo e molti di voi non arriveranno alla lettura di questo P.S. e non posso darvi torto perchè quando mi rileggo spesso non arrivo a fondo e mi chiedo se quella roba l'ho scritta proprio io
    Ciao Seb

    Banano
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 10877
    Data d'iscrizione : 2008-12-22
    Età : 41
    Località : ...al mare....ma dall'altra parte!

    Re: Caffè psicologia ed audiofilia

    Post  Banano on Wed May 25, 2011 1:05 pm

    .....io se ho il raffreddore divento ovattato...


    _________________
    Il mio Impianto
    http://www.ilgazeboaudiofilo.com/t14-l-impianto-di-bananetto?highlight=bananetto

    [i]In caso di bisogno leggere il REGOLAMENTO del forum.

      Current date/time is Sun Dec 11, 2016 7:07 am