Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
aria fritta in doppio cieco - Page 2
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    aria fritta in doppio cieco

    Share

    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13

    Re: aria fritta in doppio cieco

    Post  iano on Sat Feb 23, 2013 12:53 pm

    Il mio vetusto computer non ce la fà... Embarassed
    Potete riassumere l'argomento. sunny
    Ciao,Sebastiano

    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13
    Età : 60
    Località : genova

    Re: aria fritta in doppio cieco

    Post  iano on Sun Feb 24, 2013 12:20 am

    Grazie mille Air per avermi mandato il contenuto della discussione.
    Ma chi è questa persona illuminata che scrive e dove scrive?
    Diciamo che sono rimasto a dir poco favorevolmente spiazzato.
    Tante cose che ho detto io dette molto meglio (ovviamente) e in modo così esaustivo.
    Non mi rimane che andar fiero del fatto che a certe conclusioni ci sono arrivato da solo,in particolare al fatto che i migliori giudici di un impianto non sono mai gli audiofili,e men che meno i tecnici.
    Ciao,Sebastiano.

    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13
    Età : 60
    Località : genova

    Re: aria fritta in doppio cieco

    Post  iano on Mon Feb 25, 2013 2:25 am

    Un tipico test in cieco,non doppio,è quello organizzato da tecnici che vogliono dimostrare che i cavi non fanno differenza.
    Cosa fanno allora questi buontemponi...fanno finta di commutare senza mai commutare.
    E' evidente qui come la modalità di condurre il test sia viziata da quello che vuole dimostrare chi organizza e conduce il test.
    Ma alla fine in questo modo si è solo dimostrato come varia nel tempo la percezione per cause che sfuggono al nostro controllo e la cui influenza può essere eliminata solo per via statistica.
    Un test condotto in quel modo al massimo riesce a dimostrare solo che quelle cause imponderabili esistono.
    Questo è il motivo per cui occorre il doppio cieco,perchè anche quando il tecnico agisse in perfetta buona fede,la verità è che è lui il primo a non doversi fidare della sua,pur sincera buona fede.
    Appare evidente comunque che questi tipi di test hanno diversa efficacia a seconda del contesto in cui agiscono,e la loro stessa efficacia và dimostrata di volta in volta sul campo.
    Chi meglio di noi potrebbe ideare un tipologia di test che vada bene per i nostri scopi,sottoponendola poi alla prova dei fatti.
    Piuttosto che ideare una prova che dimostri che i cavi non fanno differenza,proviamo a trovarne una che ci dia un responso opposto,e poi chiediamoci cosa ha di sbagliato quel tipo di prova.
    Se non ci troviamo nulla di sbagliato allora abbiamo trovato il tipo di prova che fà per noi,che ha cioè l'efficacia che cercavamo.
    Se una tipologia di prova in un dato contesto da come responso sempre il 50%,ciò vuol dire l'oggetto della prova non fà differenza,oppure che la prova non è efficace.
    Se un altro tipo di prova dà responso dell'80%,vuol dire che l'oggetto della prova fò la differenza,oppure che la tipologia stessa della prova induce quella percezione costante.
    Fintanto però non riusciamo a dimostrare che la prova stessa "induce" possiamo assumerla come efficace per i nostri scopi.

    Ciao,Sebastiano.

      Current date/time is Tue Dec 06, 2016 5:01 pm